Archivi Blog

Riepilogo di tutti i Twitter Files fino ad oggi, con collegamenti e un glossario

Per coloro che non hanno seguito la vicenda, una raccolta schematica di tutti i Twitter files. Con link e note sulle principali rivelazioni

È il 10 gennaio 2023, il che significa che le storie di Twitter Files stanno uscendo da oltre un mese. Poiché potrebbero essere difficili da seguire se non l’hai fatto fin dall’inizio, ho scritto dei riassunti in pillole di ciascuno dei thread di tutti i giornalisti coinvolti nei Twitter Files e ho aggiunto collegamenti ai thread e agli account di ognuno di essi. Alla fine, in risposta ad alcuni lettori (soprattutto quelli stranieri) che hanno trovato confusi alcuni dei nomi delle agenzie governative, ho incluso anche un breve glossario di termini per aiutare.

In ordine, i thread di Twitter Files:

Twitter Files Parte 1: 2 dicembre 2022, di @mtaibbi

TWITTER E LA STORIA DEL LAPTOP DI BIDEN HUNTER

Ripercorriamo il dramma interno a Twitter che circonda la decisione di bloccare l’accesso a una denuncia del New York Post su Hunter Biden nell’ottobre 2020.

Rivelazioni chiave: Twitter ha bloccato la storia sulla base della sua politica sui “materiali compromessi”, ma i dirigenti sapevano internamente che la decisione era problematica. “Possiamo affermare sinceramente che questo fa parte della policy?” dice il funzionario delle comunicazioni Brandon Borrman. Inoltre: quando un appaltatore di Twitter interroga i membri del Congresso sulla decisione, si capisce che i membri democratici vogliono più censura, non meno, e che “il Primo Emendamento non è assoluto”.

1a. Twitter Files Supplementari, 6 dicembre 2022, di @mtaibbi

L'”USCITA” DEL VICE CONSIGLIERE GENERALE DI TWITTER JIM BAKER

Un secondo round di Twitter Files è stato ritardato, poiché la nuova aggiunta Bari Weiss scopre che l’ex consigliere generale dell’FBI e vice consigliere generale di Twitter Jim Baker stava esaminando i primi lotti di documenti di Twitter Files, la cui consegna ai giornalisti era stata rallentata.

Twitter Files Part 2, di @BariWeiss, 8 dicembre 2022

LE LISTE NERE SEGRETE DI TWITTER

Bari Weiss dà una risposta tanto attesa alla domanda: “Twitter utilizzava lo strumento dello shadow banning?” La risposta è si, solo la società lo chiama “filtro della visibilità”. Twitter aveva anche un consiglio superiore separato chiamato SIP-PES che decideva i casi per account controversi ad alta visibilità.

Rivelazioni chiave: Twitter disponeva di una poderosa strumentazione per controllare la visibilità di qualsiasi utente, inclusa una “Lista nera di ricerca” (per Dan Bongino), una “Lista nera delle tendenze” per il Dr. Jay Bhattacharya di Stanford e un’impostazione “Non amplificare” per l’attivista Charlie Kirk. Weiss cita un dipendente di Twitter: “Pensa al filtro della visibilità come a un modo per noi di sopprimere ciò che le persone vedono a diversi livelli. È uno strumento molto potente”. Con l’aiuto di @abigailshrier, @shellenbergermd, @nelliebowles e @isaacgrafstein.

Twitter Files, parte 3, di @mtaibbi, 9 dicembre 2022

LA RIMOZIONE DI DONALD TRUMP, ottobre 2020 – 6 gennaio 2021

Il primo di una serie in tre parti che esamina come Twitter sia arrivato alla decisione di sospendere Donald Trump. L’idea alla base della serie è mostrare come tutti gli strumenti del “filtro della visibilità” di Twitter sono stati mostrati e implementati dopo il 6 gennaio 2021. Rivelazioni chiave: il capo del trust and safety Yoel Roth non solo si è incontrato regolarmente con l’FBI e il Dipartimento per la sicurezza interna , ma con l’Ufficio del direttore dell’intelligence nazionale (ODNI). Inoltre, Twitter stava applicando in modo aggressivo il “filtro della visibilità” su Trump ben prima delle elezioni.

Twitter Files Part 4, di @ShellenbergerMD, 10 dicembre 2022

LA RIMOZIONE DI DONALD TRUMP, 7 gennaio 2021

Questo thread di Michael Shellenberger esamina il giorno chiave dopo le rivolte del J6 e prima che Trump venisse definitivamente bandito da Twitter l’8 gennaio, mostrando come Twitter abbia riconfigurato internamente le sue regole per bloccare Trump.

Rivelazioni chiave: almeno un dipendente di Twitter era preoccupato per una “deriva pericolosa” in cui “un CEO di una piattaforma online con una presenza globale… può controllare il discorso”. Inoltre, il capo censore Roth vuole bannare il membro del Congresso Matt Gaetz anche se “non aveva violato nessuna policy”.

Twitter Files Part 5, di @BariWeiss, 11 dicembre 2022

LA RIMOZIONE DI DONALD TRUMP, 8 gennaio 2021

Per quanto molti all’interno di Twitter fossero arrabbiati con Donald Trump dopo le rivolte del Campidoglio del 6 gennaio, i membri dello staff hanno faticato a sospendere il suo account, dicendo cose del tipo: “Penso che avremmo difficoltà a dire che si tratta di istigazione”. Come documentato da Weiss, hanno comunque trovato un modo per farlo.

Rivelazioni chiave: c’erano dissidenti nell’azienda (“Forse perché vengo dalla Cina”, ha detto un dipendente, “capisco profondamente come la censura possa distruggere la conversazione pubblica”), ma vengono zittiti da alti dirigenti come Vijaya Gadde e Roth, che ha notato che molti nello staff di Twitter citavano la “banalità del male” e paragonavano coloro che preferivano attenersi a una rigorosa interpretazione legalistica delle regole di Twitter – cioè mantenere Trump nella piattaforma – “ai nazisti che seguono gli ordini”.

Twitter Files Part 6, di @mtaibbi, 16 dicembre 2022

TWITTER, LA FILIALE DELL’FBI

Il contatto di Twitter con l’FBI è stato “costante e pervasivo”, poiché il personale dell’FBI, principalmente a San Francisco, inviava regolarmente elenchi di “rapporti” a Twitter, spesso su americani con un basso numero di follower che facevano tweet scherzosi. I tweeter sia a sinistra che a destra sono stati colpiti.

Rivelazioni chiave: un alto dirigente di Twitter riferisce che “l’FBI era irremovibile, non esistono impedimenti alla condivisione” di informazioni riservate. Twitter ha anche accettato di “rimbalzare” i contenuti sulle raccomandazioni di un’ampia gamma di attori governativi e quasi governativi, dall’FBI all’agenzia per la sicurezza interna CISA al progetto di integrità elettorale di Stanford ai governi statali. L’azienda un giorno ha ricevuto così tante richieste di moderazione dall’FBI, un dirigente si è congratulato con i membri dello staff alla fine per aver completato la “monumentale impresa”.

Twitter Files Part 7, di @ShellenbergerMD, 19 dicembre 2022

L’FBI E IL COMPUTER PORTATILE DI HUNTER BIDEN

La storia dei Twitter Files focalizza la sua attenzione sul rapporto dell’azienda con le forze dell’ordine e l’intelligence federali e mostra un’intensa comunicazione tra l’FBI e Twitter poco prima della pubblicazione della storia di Hunter Biden del Post.

Rivelazioni chiave: l’agente di San Francisco Elvis Chan “invia 10 documenti all’allora capo dell’integrità del sito di Twitter, Yoel Roth, tramite Teleporter, un canale di comunicazione unidirezionale dall’FBI a Twitter”, la sera prima dell’uscita della storia del Post. Inoltre, Baker in una e-mail spiega che Twitter è stato risarcito per “l’elaborazione delle richieste” da parte dell’FBI, dicendo “Sono felice di annunciare che abbiamo raccolto $ 3.415.323 da ottobre 2019!”

Twitter Files Part 8, di @lhfang, 20 dicembre 2022

COME TWITTER HA AIUTATO SILENZIOSAMENTE LA CAMPAGNA PSYOP ONLINE SEGRETA DEL PENTAGONO

Lee Fang fa un’affascinante deviazione, osservando come Twitter per anni ha approvato e sostenuto operazioni segrete sostenute dal Pentagono. Notando che la società ha testimoniato esplicitamente al Congresso di non consentire tale comportamento, la piattaforma è stata comunque un chiaro partner nei programmi sostenuti dallo stato che coinvolgono account falsi.

Rivelazioni chiave: dopo che il comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) ha inviato un elenco di 52 account in lingua araba “che usiamo per amplificare determinati messaggi”. Alla fine il programma sarebbe stato pubblicato sul Washington Post nel 2022 – due anni dopo che Twitter e altre piattaforme avevano smesso di fornire assistenza – ma contrariamente a quanto emerso in quei rapporti, Twitter conosceva e/o assisteva a questi programmi per almeno tre anni, da 2017-2020.

Lee ha scritto un pezzo di accompagnamento per l’Intercept qui:

Twitter Files Part 9, di @mtaibbi, 24 dicembre 2022

TWITTER E “ALTRE AGENZIE GOVERNATIVE”

Il thread della vigilia di Natale (avrei dovuto aspettare qualche giorno per pubblicarlo!) descrive ulteriormente come funzionavano i canali di comunicazione tra il governo federale e Twitter e rivela che Twitter ha ricevuto direttamente o indirettamente elenchi di contenuti segnalati da “Altre agenzie governative”, cioè la CIA.

Rivelazioni chiave: i funzionari della CIA hanno partecipato ad almeno una conferenza con Twitter nell’estate del 2020 e aziende come Twitter e Facebook hanno ricevuto “briefing OGA” durante le loro regolari riunioni di “industria” tenute in collaborazione con l’FBI e il Dipartimento per la sicurezza interna. L’FBI e la “Foreign Influence Task Force” si sono incontrati regolarmente “non solo con Twitter, ma con Yahoo!, Twitch, Cloudfare, LinkedIn e persino Wikimedia”.

Twitter Files Part 10, di @DavidZweig, 28 dicembre 2022

COME TWITTER HA TRUCCATO IL DIBATTITO COVID

David Zweig approfondisce il modo in cui Twitter ha limitato le informazioni su COVID che erano vere ma forse scomode per i funzionari pubblici, “screditando medici e altri esperti che non erano d’accordo”.

Rivelazioni chiave: Zweig ha trovato un promemoria del personale di Twitter che aveva collaborato con i funzionari dell’amministrazione Biden che erano “molto arrabbiati” per il fatto che Twitter non avesse censurato più account. I funzionari della Casa Bianca, ad esempio, volevano attirare l’attenzione sul giornalista Alex Berenson. Zweig ha anche trovato “innumerevoli” casi di Twitter che blocca o etichetta account “fuorvianti” che erano veri o semplicemente controversi. Un medico del Rhode Island di nome Andrew Bostom, ad esempio, è stato sospeso, tra le altre cose, per aver fatto riferimento ai risultati di uno studio peer-reviewed sui vaccini a mRNA.

File di Twitter part 11 e 12, di @mtaibbi, 3 gennaio 2023

COME TWITTER HA FATTO ENTRARE LA COMUNITÀ DI INTELLIGENCE

e

TWITTER E “L’OMBELICO” DELL’FBI

Questi due thread si concentrano rispettivamente sulla seconda metà del 2017 e su un periodo che va all’incirca dall’estate del 2020 fino ad oggi. Il primo descrive come Twitter sia caduto sotto la pressione del Congresso e dei media per produrre “materiale” che mostrasse una cospirazione di account russi sulla loro piattaforma, e il secondo mostra come Twitter ha cercato di resistere alle richieste di moderazione per il Dipartimento di Stato, ma alla fine ha accettato di lasciare il dipartimento e altre agenzie inviare richieste tramite l’FBI, che l’agente Chan chiama “l’ombelico dell’USG”. Rivelazioni: alla fine del 2017, Twitter prende una decisione interna chiave. Esternamente, la società rivendicherebbe l’indipendenza e prometterebbe che i contenuti sarebbero stati rimossi solo a “nostra esclusiva discrezione”. La guida interna afferma, per iscritto, che Twitter rimuoverà gli account “identificati dalla comunità dell’intelligence statunitense” come “identificati dalla comunità dell’intelligence statunitense come un’entità sponsorizzata dallo stato che conduce operazioni informatiche”.

Il secondo thread mostra come Twitter abbia accolto le richieste di tutti – Tesoro, HHS, NSA, FBI, DHS, ecc. – e abbia anche ricevuto richieste personali da politici come il deputato democratico Adam Schiff, che ha chiesto la sospensione del giornalista Paul Sperry.

GLOSSARIO DEI TERMINI “TWITTER FILES”.
Agenzie governative e ONG

CISA: The Cybersecurity and Infrastructure Security Agency, un’agenzia all’interno del Department of Homeland Security (DHS)

CENTCOM: Comando Centrale delle Forze Armate

ODNI: Ufficio del Direttore dell’Intelligence Nazionale

FITF: Foreign Influence Task Force, un’agenzia di regolamentazione informatica composta da membri dell’FBI, DHS e ODNI

“OGA”: Altra agenzia governativa, colloquialmente – CIA

GEC: Global Engagement Center, una divisione analitica del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti

USIC: comunità di intelligence degli Stati Uniti

HSIN: Homeland Security Information Network, un portale attraverso il quale gli stati e altri organismi ufficiali possono inviare account “segnalati”.

EIP: Election Integrity Project, un cyber-laboratorio con sede presso la Stanford University che invia molti report su Twitter

DFR: Digital Forensic Research lab, un outlet che svolge una funzione simile all’EIP, è finanziato solo dal Consiglio Atlantico

IRA: Internet Research Agency, la famigerata “fabbrica dei troll” russa guidata dallo “chef di Putin”, Yevgheny Prigozhin

Twitter o termini specifici del settore

PII: Può avere due significati. “Informazioni di identificazione personale” sono autoesplicative, mentre “Public Interest Interstitial” è un avviso posto sopra un tweet, in modo che non possa essere visto. Il personale di Twitter usa persino “interstitial” come verbo, come in “Can we interstitial that?”

JIRA: il sistema di ticketing interno di Twitter, attraverso il quale vengono proposti e approvati reclami

PV2: il sistema utilizzato su Twitter per visualizzare il profilo di qualsiasi utente, per verificare facilmente se ha flag come “Trends Blacklist”

Politica di integrità del sito SIP-PES: supporto per l’escalation delle politiche. SIP-PES è come la versione di Twitter di una Corte Suprema di moderazione, che si occupa delle sentenze più controverse e di alto profilo

SI: Integrità del sito. Termine chiave che vedrai ripetutamente nel traffico e-mail di Twitter, in particolare con “escalation”, ovvero tweet o contenuti che sono stati segnalati per la revisione

CHA: attività dannosa coordinata

SRT: squadra di risposta strategica

GET: team di escalation globale

VF: Filtraggio visibilità

GUANO: strumento nel sistema interno di Twitter che tiene un registro cronologico di tutte le azioni intraprese su un account

VIT: Tweeter molto importante.

GoV: Glorificazione della violenza

BOT: nel contenuto di moderazione, un’euristica individualizzata collegata a un account che modera automaticamente determinati comportamenti

BME: sfruttamento massivo dei media

EP abuse: Abuso episodico

PCF: parodia, commenti e account dei fan. “PCF” a volte appare come un motivo per cui un account è sfuggito a un processo di moderazione automatizzato, con un’eccezione limitata

FLC: verifica dell’accesso forzato. Chiamata anche “sfida telefonica”, è un modo in cui Twitter tenta di verificare se un account è reale o automatizzato. Le “sfide telefoniche” si sono viste ripetutamente nelle discussioni sulla verifica di sospetti account “collegati alla Russia”.

Fonte

twitter-files-2-1536x864-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

5,00 €

Il Daily Mail rilascia le e-mail di Hunter Biden che lo collegano al laboratorio biologico, Metabiota, in Ucraina

Le e-mail dal famigerato laptop di Hunter Biden rivelano che il figlio del presidente degli Stati Uniti ha contribuito a garantire milioni di dollari ad un appaltatore del Dipartimento della Difesa, Metabiota, specializzato nella ricerca di malattie che causano pandemie che potrebbero essere utilizzate come armi biologiche, secondo il Daily Mail.

L’affermazione di Mosca secondo cui Hunter Biden ha contribuito a finanziare un programma di ricerca militare statunitense sulle “armi biologiche” in Ucraina è almeno in parte vera, secondo le nuove e-mail ottenute esclusivamente da DailyMail.com.

Il comandante delle forze di protezione nucleare, biologica e chimica russo, ha affermato che esisteva uno “schema di interazione tra le agenzie governative statunitensi e i laboratori biologici ucraini” e ha sottolineato il “finanziamento di tali attività da parte di strutture vicine all’attuale leadership statunitense, in particolare il fondo di investimento Rosemont Seneca, guidato da Hunter Biden.’ -Daily Mail

Hunter sembra anche aver presentato Metabiota a Burisma per un “progetto scientifico”, che apparentemente coinvolge laboratori di biosicurezza in Ucraina.

A prima vista, Metabiota sembra essere una semplice società di dati medici – tuttavia un’e-mail del 2014 dal suo vicepresidente a Hunter descriveva come potevano “affermare l’indipendenza culturale ed economica dell’Ucraina dalla Russia” – uno strano obiettivo per un’azienda biotecnologica all’epoca in cui il padre di Hunter è stato l’uomo di punta degli Stati Uniti per la “ricostruzione” dell’Ucraina che ha coinvolto l’amministrazione Obama.

Le e-mail e i dati sui contratti di difesa esaminati da DailyMail.com suggeriscono che Hunter ha avuto un ruolo di primo piano nell’assicurarsi che Metabiota fosse in grado di condurre la sua ricerca sui patogeni a poche centinaia di miglia dal confine con la Russia.

Il progetto si è trasformato in una responsabilità di sicurezza nazionale per l’Ucraina quando le forze russe hanno invaso il paese il mese scorso. -Daily Mail

Scavando più a fondo, scopriamo che Metabiota stava lavorando sotto Black & Veatch, un appaltatore della difesa statunitense legato all’intelligence statunitense, che ha costruito i laboratori ucraini che analizzavano armi biologiche e malattie mortali.

All’inizio di questo mese funzionari statunitensi hanno avvertito il Congresso che “le forze russe potrebbero cercare di ottenere il controllo” di queste “strutture di ricerca biologica”, suscitando timori che agenti patogeni mortali e persino ingegnerizzati possano cadere nelle mani dei russi.

Hunter e i suoi colleghi della sua società di investimento Rosemont Seneca Technology Partners (RSTP) raccoglievano regolarmente milioni di dollari per le aziende tecnologiche, sperando che le aziende decollassero e creassero fortune.

Metabiota era una di quelle aziende. Le e-mail tra Hunter e i suoi colleghi discutono con entusiasmo di come il monitoraggio dei dati medici da parte dell’azienda potrebbe diventare uno strumento essenziale per i governi e le aziende che cercano di individuare focolai di malattie infettive. -Daily Mail

Hunter e i suoi amici hanno investito $ 500.000 in Metabiota tramite Rosemont Seneca Technology Partners e hanno raccolto diversi milioni attraverso varie società di investimento, tra cui Goldman Sachs.

In Ucraina, il giovane Biden è stato più intimamente coinvolto nelle operazioni di Metabiota, di cui si è vantato con gli investitori. Hunter e il suo partner Eric Schwerin hanno persino discusso di ospitare Metabiota nel loro ufficio, rivelano le e-mail di aprile 2014.

Nello stesso mese, Mary Guttieri, vicepresidente di Metabiota, scrisse a Hunter su come l’azienda potesse “affermare l’indipendenza culturale ed economica dell’Ucraina dalla Russia”.

Leggi il resto qui

Fonte

1648292748962

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il diario della figlia di Joe Biden: Mio padre era inappropriato quando facevamo la doccia insieme

National File ha ottenuto ciò che un informatore ha identificato come una copia del diario completo di Ashley Blazer Biden, la figlia di 39 anni del candidato presidenziale democratico Joe Biden, risalente alla campagna presidenziale del 2020. National File conosce anche la posizione precisa del diario fisico, e l’informatore sostiene che esiste una registrazione audio di Ashley Biden che ammette che questo è il suo diario.
Nel diario, che la nostra fonte dice appartiene alla figlia dell’ex vicepresidente, l’autrice scrive della sua lotta contro l’abuso di droghe. La lotta di Ashley Biden con la droga è stata ampiamente pubblicizzata nel 2009.

Secondo la nostra fonte, il diario descrive anche la relazione malsana di Ashley Biden con il sesso e le docce “probabilmente non appropriate” che ha condiviso da ragazza con suo padre, Joe Biden.

Dopo aver dichiarato di essere “qui per un trauma sessuale” nella voce precedente, a pagina 23 del diario, datata 30 gennaio 2019, l’autrice esplora il tema dell’abuso sessuale e come questo possa aver portato al suo desiderio sessuale iperattivo. “Ho passato uno dei miei giorni più duri: il mio desiderio sessuale è fuori controllo . Sono letteralmente in calore ”, ha scritto l’autrice.

“So che non è il modo più sano per affrontare le cose, ma almeno è meglio delle droghe”, ha scritto, aggiungendo che pensava di aver bisogno di “sesso per sentirsi bene”.

L’autrice ha quindi esplorato il motivo per cui sentiva questo bisogno di fare sesso, dicendo che crede di essere stata molestata da bambina.

“Sono stata molestata. Penso di sì – non ricordo i dettagli ma ricordo il trauma “, ha scritto l’autrice, prima di elencare una serie di potenziali incidenti, uno dei quali potrebbe aver incluso la cugina di Ashley Biden, Caroline Biden, dicendo che ricorda di essere stata “sessualizzata” insieme a una persona di nome “Caroline “.

L’autrice ha poi scritto che ricorda “docce con mio padre” che “probabilmente non erano appropriate”.

A pagina 83, in una voce datata 22 luglio 2019, l’autrice ha scritto di aver ricevuto una telefonata da suo padre, Joe Biden secondo la nostra fonte, che piangeva al telefono mentre esprimeva la sua preoccupazione per lei nei giorni precedenti il 30-31 luglio riguardo il dibattito sulle primarie democratiche.

“Mio padre ha pianto al telefono dicendo che ha il dibattito tra una settimana.”

In almeno due voci, l’autrice si identifica esplicitamente come Ashley Blazer Biden.

National File ha ottenuto questo documento da un informatore che temeva che l’organizzazione dei media che lo impiega non avrebbe pubblicato questa potenziale storia negli ultimi 10 giorni prima delle elezioni presidenziali del 2020. L’informatore di National File ha anche una registrazione di Ashley Biden che ammette che il diario è suo, e ha assunto un esperto di grafia che ha verificato che le pagine fossero tutte scritte da Ashley. National File ha in suo possesso una registrazione di questo informatore che descrive in dettaglio il lavoro svolto in preparazione del rilascio di questi documenti. Nella registrazione, l’informatore spiega che l’organizzazione mediatica per cui lavora ha scelto di non rilasciare i documenti dopo aver ricevuto pressioni da un’organizzazione mediatica concorrente.

Questo diario emerge dopo che Hunter Biden, il figlio del candidato alla presidenza democratica, Joe Biden, è stato denunciato come avente “ossessioni per le minorenni” e rapporti d’affari corrotti, come evidenziato da e-mail e immagini fornite dal New York Post e dall’ex sindaco di New York Rudy Giuliani .

Fonte

ashley-biden-joe-biden-feature2-750x394-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Twitter fa scomparire il sex-tape di Hunter Biden dopo aver lasciato che la scena di Borat con Giuliani diventasse virale

Pochi giorni fa, la cabala dei media e i loro alleati politici nel Partito Democratico hanno celebrato il rilascio di una foto “compromettente” che sembrava mostrare l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani con le mani sui genitali. Giuliani ha affermato che si stava semplicemente infilando la camicia dopo aver rimosso alcune apparecchiature di registrazione, l’intera vicenda si e` svolta pubblicamente mentre i giganti dei social media come Twitter e Facebook guardavano dall’altra parte, consentendo alla foto e ai link che riguardavano la controversia (orchestrata dal burlone di “Borat” Sasha Baron Cohen) di circolare ampiamente.

Tuttavia, pochi giorni dopo, una società di media digitali cinese ha pubblicato un filmato che mostra un uomo che sembra identico a Hunter Biden mentre faceva del sesso con una donna non identificabile (insieme a una foto che pretende di mostrare quello che sembra essere lo stesso uomo coinvolto sessualmente con una prostituta ucraina). Ma invece di consentire discussioni e collegamenti al video, Twitter ha cancellato tutti i collegamenti e le foto relativi al video e alla storia e ha sospeso gli account che sembrano tentare di diffondere il video o gli screenshot del filmato.

Alcuni retroscena: nel tardo pomeriggio di sabato, un misterioso collegamento è emerso su Reddit che pretendeva di essere il decantato sex tape di Hunter Biden – o almeno, uno dei sex tape di Hunter Biden.

In esso si può vedere Hunter Biden nudo, che fuma crack e giace con una donna non identificata, forse una prostituta. Il viso della donna è offuscato, rendendo impossibile dire se fosse o meno minorenne.

Il video stesso è stato pubblicato da un sito di notizie che pretende di essere un’operazione di intelligence anti-PCC chiamata G-TV, che è anche legata a Guo Wengui, il miliardario dissidente cinese vicino a Steve Bannon (Bannon sarebbe stato arrestato dopo una visita sullo yacht di Guo nel Connecticut).

Chi e interessato puo` vedere il video qui.

Il filmato dell’atto sessuale è preceduto dal filmato di Guo Wengui che parla dell’acquisizione degli Stati Uniti da parte della Cina.

Durante i minuti di apertura del video, Hunter può essere ascoltato mentre si complimenta con la donna per la sua tecnica. “È così professionale”, esclama Hunter. “Non trovi una cosa del genere qui”.

Pochi minuti dopo, Hunter Biden può essere visto mentre si accende una pipa di crack.

La reazione su Twitter è stata rapida. Gli utenti che hanno provato a condividere il collegamento e le foto sono stati rapidamente bloccati (anche se Twitter consente notoriamente porno e nudità).

Altri si sono concentrati sulla dichiarazione all’inizio del video.

Ovviamente, ora che è stato prodotto il filmato pornografico di Hunter Biden, il mondo si fermerà e si chiederà: cosa altro c’e` di importante in questa vicenda?

Persino alcuni conservatori hanno esortato il pubblico a non condividere il “revenge porn” di Hunter Biden

Altri hanno semplicemente notato la disparità di trattamento tra la storia di Hunter Biden e le rivelazioni di “Borat” su Giuliani, e si sono chiesti ad alta voce come Twitter avrebbe gestito la cosa se quelle foto fossero di Donald Trump Jr., non di Hunter Biden.

Ovviamente Twitter non ha semplicemente ignorato la foto di Giuliani; la notizia è diventata uno dei principali argomenti di tendenza (grazie al fatto che la base di utenti di Twitter e` inclinata verso sinistra).

Un utente di Twitter ha persino affermato che Hunter fosse in realta` “una vittima” di suo padre, Joe Biden.

In ogni caso, il gruppo che ha rilasciato il filmato e lo screenshot sopra menzionato promette di rilasciare materiale più compromettente, mentre MSM e Big Tech si mobilitano per difendere Hunter Biden.

Fonte

methode_times_prod_web_bin_3f65bb32-0f26-11eb-94f0-d7c8706d29dd

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Rudy Giuliani consegna le foto di ragazzine minorenni trovate nel computer di Hunter Biden alla polizia di Delware

La vicenda del laptop di Biden ha preso una svolta molto oscura.

Mentre crack, clientelismo, corruzione sono stati sufficiente per innescare la più grande repressione dei media nella storia, e nessuna smentita di sorta da parte di Biden, Rudy Giuliani, se cio che dice e ` vero, ha sferrato un colpo micidiale ai Biden (non solo per loro ma anche per le forze dell’ordine che avrebbero avuto questa informazione da prima dell’impeachment di Trump ma non hanno fatto nulla al riguardo).

In un’intervista questa sera con Newsmax TV, l’ex sindaco di New York e attuale avvocato del presidente Donald Trump, Rudy Giuliani annuncia di aver consegnato il disco rigido del laptop di Hunter Biden alla polizia di stato del Delaware a causa di foto di ragazze minorenni e messaggi di testo inappropriati.

Guarda l’intervista completa di seguito (la parte importante inizia intorno a 5:20):

Inoltre, John Solomon di JustTheNews riporta che l’ex commissario del dipartimento di polizia di New York Bernard Kerik si è unito a lui quando ha consegnato fotografie e messaggi di testo al dipartimento di polizia della contea di New Castle.

“Ho detto loro altri dettagli su quella che sembra essere una relazione sessuale inappropriata”, ha detto in un’intervista. “Mi hanno detto che sarebbe stato indagato”.

Funzionari delle forze dell’ordine in Delaware hanno detto a Just the News che le preoccupazioni di Giuliani sono state inoltrate al Dipartimento di giustizia dello stato.

“L’FBI ha questo materiale da molto tempo”, ha detto Giuliani.

“Nessuna indicazione che abbiano fatto qualcosa al riguardo, quindi sono andato dalla polizia locale e ho detto: ‘Cosa avete intenzione di fare al riguardo?'”

Forse la dichiarazione più schiacciante di Giuliani, riguardo alle elezioni, è stata quella in cui l’ex sindaco ha sostenuto che:

“Ti dirò che le prove che ho fornito loro affermano che è stato riferito a Joe Biden. Cosa ha fatto al riguardo?”

Prima che questo sia completamente respinto come ulteriore disinformazione russa o menzogne ​​“ Giuliani ”, ricordiamo ai lettori che in precedenza avevamo riferito che i presunti contenuti del laptop di Hunter Biden includevano una curiosa prova: una fotografia di una citazione dell’FBI che porta la firma del top dell’agenzia investigatore di pornografia infantile, l’agente speciale Joshua Wilson.

L’identità dell’agente dell’FBI Wilson è stata confermata sia dal Western Journal che da Business Insider, quest’ultimo ha confrontato la sua firma con una denuncia penale del 2012 e ha concluso che “corrisponde chiaramente alla firma sulla citazione pubblicata dal New York Post”.

Come osserva BI:

Non è chiaro se l’FBI impieghi più di un agente di nome Joshua Wilson. Ma le prove disponibili sembrano mostrare che ** il Joshua Wilson che ha firmato la citazione per il portatile di Hunter Biden, e il Joshua Wilson che indaga sulla pornografia infantile per l’FBI, sono la stessa persona **. Ciò solleva la possibilità, non esplorata dal Post, che l’FBI abbia emesso il mandato di comparizione per motivi estranei al ruolo di Hunter Biden in Ucraina e Burisma.

Allora perché il miglior avvocato della pornografia infantile dell’FBI è coinvolto nel caso del laptop Hunter Biden? Chanel Rion di OANN dice di aver visto il contenuto del disco rigido, che include “Droghe, foto di minorenni, accordi di potere”, che fanno “sembrare normale la dipendenza da selfie di Anthony Weiner”.

Tutto ciò ora ha un senso, date le presunte scoperte di Giuliani, e solleva una domanda sbalorditiva: se c’è / era incriminante la pornografia infantile sul computer di Hunter, cosa ha fatto l’FBI al riguardo?

Fonte

2020-10-20_17-53-08

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Perche` il principale avvocato per i casi di pedopornografia dell’FBI e` coinvolto nel caso del laptop di Hunter Biden?

I recenti rapporti bomba del New York Post sul presunto contenuto del laptop di Hunter Biden includevano una curiosa prova: una fotografia di una citazione dell’FBI che porta la firma del principale investigatore di pornografia infantile dell’agenzia, l’agente speciale Joshua Wilson.

Secondo il Post, un computer portatile è stato consegnato in un negozio di riparazioni del Delaware da un uomo ritenuto dal proprietario, John Paul Mac Isaac, Hunter Biden. Il proprietario del negozio ha fatto una copia del disco rigido prima di consegnarlo all’FBI, che include e-mail incriminanti che descrivono in dettaglio la presunta corruzione della famiglia Biden in Ucraina e Cina, nonché un “volgare video di 12 minuti che sembra mostrare Hunter che fuma crack. mentre era impegnato in un atto sessuale con una donna non identificata “, così come” numerose altre immagini sessualmente esplicite “.

L’identità dell’agente dell’FBI, Wilson, è stata confermata sia dal Western Journal che da Business Insider, quest’ultimo ha confrontato la sua firma con una denuncia penale del 2012 e ha concluso che “corrisponde chiaramente alla firma sulla citazione pubblicata dal New York Post”.

Come osserva BI:

Non è chiaro se l’FBI impieghi più di un agente di nome Joshua Wilson. Ma le prove disponibili sembrano mostrare che ** il Joshua Wilson che ha firmato la citazione per il portatile di Hunter Biden, e il Joshua Wilson che indaga sulla pornografia infantile per l’FBI, sono la stessa persona **. Ciò solleva la possibilità, non esplorata dal Post, che l’FBI abbia emesso la citazione per ragioni estranee al ruolo di Hunter Biden in Ucraina e Burisma.

Allora perché il miglior avvocato per la pornografia infantile dell’FBI è coinvolto nel caso del laptop di Hunter Biden? Chanel Rion di OANN dice di aver visto il contenuto del disco rigido, che include “Droghe, ossessioni su minorenni, accordi di potere”, che fanno “sembrare normale la dipendenza da selfie di Anthony Weiner”.

Nel frattempo, se sul computer di Hunter c’è veramente pedopornografia incriminante, cosa ha fatto l’FBI al riguardo?

Fonte

hunter-2a

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Twitter blocca l’account della campagna elettorale di Trump, 3 settimane prima delle elezioni

Twitter ha bloccato l’account di @TeamTrump, un account ufficiale della campagna Trump, citando la stessa politica utilizzata per vietare i collegamenti alla notizia bomba del New York Post sui collegamenti fino ad ora non rivelati tra Joe Biden e il gigante del gas ucraino Burisma.

Mike Hahn, un social media manager per il Team Trump, ha rivelato la censura in un tweet oggi.

“Twitter ha sospeso TeamTrump per aver pubblicato una video dove sostiene che Joe Biden e` un bugiardo che ha derubato il nostro paese per anni, come riferito nell’articolo del @nypost”, ha detto Hahn. Ha aggiunto che la sospensione arriva “a 19 giorni dalle elezioni”.

Secondo lo screenshot che Hahn ha twittato, il tweet viola le regole della piattaforma contro la “pubblicazione di informazioni private”.

TeamTrump è l’account ufficiale della campagna Trump. Ha 2,2 milioni di follower e svolge un ruolo fondamentale nella diffusione dei messaggi della campagna su Twitter. Il fatto che non sia in grado di postare è un grande vantaggio concesso da Twitter alla campagna Biden.

Questa è l’ultima di una serie di azioni sfacciate di Twitter e di altre grandi aziende tecnologiche. Ieri Twitter ha anche bloccato l’account personale dell’addetto stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany.

Twitter sta anche etichettando i collegamenti al sito web della Commissione giudiziaria della Camera come “potenzialmente non sicuri”, perché i repubblicani del Comitato hanno postato materiale tratto dalla storia del New York Post.

La censura senza precedenti è stata catalizzata da una corsa per sopprimere la pubblicazione del materiale del New York Post che indicava che Joe Biden, mentre era vicepresidente, aveva incontrato un dirigente a Burisma, il gigante del gas ucraino per cui lavorava suo figlio Hunter Biden.

L’ex vicepresidente ha detto in precedenza: “Non ho mai parlato con mio figlio dei suoi rapporti d’affari all’estero”.

L’incontro è avvenuto nello stesso anno in cui Biden, secondo le sue stesse parole, ha fatto pressione sul governo ucraino per licenziare un pubblico ministero che stava indagando sulla società.

Fonte

jack-dorsey-and-twitter-employees-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €


 

Twitter censura il sito web della magistratura repubblicana americana nel tentativo di coprire lo scandalo dei Biden

Twitter sta ora bloccando un sito web del governo.

Dopo aver bloccato i collegamenti alla storia del New York Post sullo scandalo delle lobby straniere di Joe Biden, Twitter ha ora bloccato un collegamento al sito web ufficiale della magistratura repubblicana all’indirizzo house.gov.

Sia Facebook che Twitter ieri hanno iniziato una grande operazione di censura dopo aver eliminato un articolo del New York Post che affermava che Hunter Biden aveva presentato suo padre, l’allora vicepresidente Joe Biden, a un alto dirigente di una società energetica ucraina un anno prima che Biden facesse pressioni sul governo dell’Ucraina per licenziare un pubblico ministero che stava indagando sulla società.

Twitter ha anche bloccato molti utenti importanti dai loro account per aver twittato link o screenshot dell’articolo, tra cui organizzazioni dei media, giornalisti, celebrità e organizzazioni governative.

Il gigante dei social media ha affermato che stava applicando una politica che vieta la pubblicazione di “materiali hackerati” sul suo sito, nonostante il fatto che il laptop di Hunter Biden fosse legalmente in possesso di un negozio di riparazioni per computer poiché Biden non ha pagato per la riparazione.

Twitter ha anche affermato che vieta la condivisione di “informazioni personali e private – come indirizzi e-mail e numeri di telefono”, sebbene, questa politica venga applicata solo in modo selettivo.

Ora la compagnia ha fatto un ulteriore passo avanti nella sua censura blitzkrieg bloccando effettivamente un collegamento al sito web della magistratura repubblicana.

L’account Twitter ufficiale della House Judiciary ha twittato un link alla pagina web con il testo, Twitter ha bloccato gli utenti dal twittare il link alla storia di @ nypost su Hunter Biden. Quindi lo mettiamo sul nostro sito web perché tu possa leggerlo e condividerlo. Fai clic, condividi! “

Tuttavia, quando gli utenti tentano di fare clic sul link, ricevono un messaggio che recita: “Attenzione: questo link potrebbe non essere sicuro”, prima di una descrizione che dice che l’articolo contiene “contenuti violenti o fuorvianti che potrebbero portare a danni nel mondo reale. “

“Twitter sta ora bloccando un sito web del governo”, ha commentato il giornalista Tim Pool.

Abbiamo ufficialmente oltrepassato il Rubicone.

I giganti dei social media, che agiscono come gruppi di facciata per il Partito Democratico, si stanno comportando come se avessero più potere del governo degli Stati Uniti.

E in larga misura, a causa del fallimento dei repubblicani nel regolare i monopoli di Big Tech.

Fonte

151020blocked1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Twitter blocca account dei media, delle celebrita`, di politici per aver condiviso l’articolo sullo scandalo dei Biden

Anche il CEO Jack Dorsey afferma che la risposta è “inaccettabile”
 

Twitter ha bloccato gli account di chiunque abbia condiviso la storia del New York Post riguardo allo scandalo delle lobby straniere di Joe Biden, comprese le organizzazioni dei media, i giornalisti, le celebrità e persino i funzionari del governo.

La storia, che è stata accolta con smentite dalla campagna Biden, afferma che Hunter Biden aveva presentato suo padre, l’allora vicepresidente Joe Biden, a un alto dirigente in una società energetica ucraina un anno prima che Biden facesse pressioni sul governo ucraino per licenziare. un pubblico ministero che stava indagando sulla società.

Dopo aver seguito la repressione di Facebook, Twitter ha impedito a chiunque di condividere la storia “potenzialmente dannosa”:

Twitter ha persino impedito agli editori del NY Post di twittare la storia:

Ora l’azienda ha fatto un ulteriore passo avanti BLOCCANDO gli account di chiunque tenti di diffondere le informazioni.

L’account principale del NY Post è stato bloccato:

Un giornalista del The Daily Caller ha tentato di condividere la storia e ha scoperto che anche il suo account era bloccato:

Diversi altri giornalisti conservatori hanno trovato i loro account bloccati.

L’attore James Woods ha avuto la stessa esperienza:

Anche l’account del segretario stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany è stato bloccato da Twitter:

Le azioni di Twitter sono state etichettate come ingerenza elettorale e un “atto di guerra civile digitale”, poiché la società non solo blocca gli account e impedisce la diffusione delle informazioni sulla propria piattaforma, ma scoraggia chiunque dalla lettura della storia in generale:

Persino il CEO di Twitter Jack Dorsey ha tentato di prendere le distanze, descrivendo la risposta della sua azienda alla storia come “non eccezionale” e “inaccettabile”:

Forse Dorsey vorrebbe spiegarlo sotto giuramento?

Fonte

gettyimages-1220243617-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Twitter impedisce agli utenti di pubblicare la storia del New York Times sullo scandalo Biden

Twitter ha seguito l’esempio di Facebook censurando un articolo del New York Post sullo scandalo di Joe Biden dopo che agli utenti è stato impedito di twittare link alla storia, portando un editore del NY Post a descrivere la mossa come un atto di “guerra civile digitale”.

Come abbiamo sottolineato in precedenza, Facebook ha annunciato che avrebbe impedito alla storia di diffondersi sul suo sito dopo che il responsabile delle comunicazioni politiche della società e agente a vita del Partito Democratico Andy Stone ha affermato che la società aveva sepolto l’articolo nel suo algoritmo.

La storia, che è stata accolta con smentite dalla campagna Biden, afferma che Hunter Biden aveva presentato suo padre, l’allora vicepresidente Joe Biden, a un alto dirigente in una società energetica ucraina un anno prima che Biden facesse pressioni sul governo ucraino per licenziare. un pubblico ministero che stava indagando sulla società.

Ora anche Twitter si è mosso per censurare la storia impedendo agli utenti di twittare il collegamento.

Quando si tenta di twittare un collegamento al New York Post, gli utenti ricevono un messaggio che li informa che l’URL è “dannosa” e il tweet non viene inviato.

L’editore del NY Post Sohrab Ahmari ha descritto la mossa come un colpo di stato di Big Tech e una “guerra civile digitale”, spiegando: “Io, redattore del New York Post, uno dei più grandi giornali della nazione per diffusione, non posso pubblicare una delle nostre storie che descrivono in dettaglio la corruzione da parte di un candidato alla presidenza di un importante partito, Biden “.

“È meglio che i repubblicani si svegliano riguardo al fatto che Big Tech sta cercando di eliminhttps://twitter.com/DonaldJTrumpJr/status/1316451542623555584?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1316451542623555584%7Ctwgr%5Eshare_3%2Ccontainerclick_0&ref_url=https%3A%2F%2Fsummit.news%2F2020%2F10%2F14%2Fdigital-civil-war-twitter-blocks-users-from-posting-link-to-new-york-post-biden-lobbying-story%2Fare la libertà di parola”, ha osservato Donald Trump Jr.

Arthur Schwartz ha anche sottolineato come Twitter stesse scoraggiando le persone dal leggere la storia etichettandola come “contenuto violento o fuorviante che potrebbe causare danni nel mondo reale”.

La censura coordinata di una notizia così massiccia da parte dei due giganti dei social media è un esempio agghiacciante di ingerenza elettorale meno di 3 settimane prima del voto del 3 novembre.

Fonte

141020twitter1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €