Archivi Blog

Signal e i loschi collegamenti con la sicurezza nazionale degli Usa

Se l’improvvisa popolarità di Signal ti è sembrata sospetta, potresti essere interessato a qualcosa: l’app è almeno parzialmente finanziata attraverso la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Il 4 gennaio, WhatsApp ha annunciato modifiche radicali alle sue politiche sulla privacy, che hanno interessato la maggior parte dei suoi circa due miliardi di utenti a livello globale.

Le regole mal spiegate sono state interpretate da molti come una prova che il servizio di messaggistica stava per iniziare a condividere i dati privati degli utenti, comprese le loro conversazioni, con la società madre Facebook, e in risposta milioni di persone in tutto il mondo hanno iniziato a scegliere servizi di messaggistica alternativi.

Le destinazioni più comuni per gli esiliati di WhatsApp erano, e rimangono, Signal e Telegram. Per motivi poco chiari, mentre i dati disponibili suggeriscono che quest’ultimo abbia ricevuto molti piu` utenti rispetto al primo, i notiziari aziendali si sono concentrati in modo schiacciante sull’aumento di sottoscrizioni di Signal.

Gran parte di questa copertura è stata molto favorevole: ad esempio, il 24 gennaio The Guardian ha pubblicato una lunga spiegazione intitolata “È ora di lasciare WhatsApp, Signal e` la risposta?” Il titolo ha avuto una risposta molto affermativa, nella misura in cui ai lettori sono stati offerti consigli su come persuadere i loro contatti a fare altrettanto.

La conversione damascena dei media alla causa della comunicazione crittografata è piuttosto incongrua. Con poche eccezioni degne di nota, le notizie sui sistemi di crittografia end to end è in genere neutra, se non addirittura condannata, in quanto viene vista come una sorta di rifugio per donnaioli, spacciatori, pedofili, assassini e chiunque abbia qualcosa di sinistro da nascondere in generale.

Tali prospettive riflettono fortemente le posizioni pubbliche dei governi e dei servizi di sicurezza in tutto il mondo, per i quali la crittografia end-to-end è per definizione un danno estremo, riducendo in modo significativo il monitoraggio e la raccolta delle comunicazioni dei cittadini. I sostenitori della privacy sostengono che le ansie spesso espresse dalle autorità riguardo alla crittografia che fornisce uno “spazio sicuro” per i criminali e simili sono una cinica cortina fumogena per giustificare repressioni sul loro utilizzo e disponibilità.

Qualunque sia la verità della questione, gli sforzi per limitare l’accesso alla crittografia end-to-end sono in corso in modo dimostrabile, ma sono stati prevalentemente in gran parte non criticati, se non addirittura trascurati. Ora, però, i notiziari sembrano ampiamente presi dalla febbre della crittografia.

In una palpabile illustrazione di questo brusco cambiamento di paradigma, solo tre giorni prima che sollecitasse efficacemente i suoi lettori a installare Signal, The Guardian ha criticato i piani di Facebook di implementare la crittografia end-to-end su tutte le sue piattaforme di messaggistica, sulla base del fatto che la mossa poteva nuocere agli sforzi per ridurre lo sfruttamento dei minori.

“A COSTO ZERO IN TUTTO IL MONDO”
Una seria discussione sulla storia di Signal e sulle fonti di finanziamento è stata del tutto assente – un’omissione forse prevedibile data la centralità della sicurezza nazionale degli Stati Uniti nel finanziamento, creazione e promozione dell’app.

Signal è stato lanciato dall’ormai defunto Open Whisper Systems (OWS) nel 2013, da un’idea dell’oscuro guru della tecnologia “Moxie Marlinspike”, vero nome Matthew Rosenfeld. Nel febbraio 2018, la responsabilità della gestione dell’app è passata all’organizzazione no profit Signal Foundation, lanciata con un capitale di avvio di $ 50 milioni fornito dal miliardario ex dirigente di Facebook Brian Acton, presidente esecutivo della Fondazione.

OWS non ha mai pubblicato bilanci né divulgato le identità dei suoi finanziatori in nessun momento durante la sua operazione, sebbene le somme necessarie per il lancio e il mantenimento di una piattaforma di messaggistica utilizzata da un vasto numero di persone a livello internazionale per diversi anni siano state sicuramente significative.

Rosenfeld sostiene che l’app “non ha mai [preso] fondi VC né cercato investimenti” in nessun momento durante quel periodo, e quanti soldi sono stati coinvolti in totale è un mistero. È chiaro però che almeno $ 2.955.000 sono stati forniti dall’Open Technology Fund (OTF) 2013-2016 e il sito web dell’organizzazione fa riferimento a Signal che è stato “originariamente sviluppato con finanziamenti OTF”.

Il sito ospita anche un profilo OWS dedicato, che si vanta di come OTF “abbia consentito al team OWS di continuare a fornire Signal gratuitamente in tutto il mondo e adattare le proprie operazioni per una base di utenti in crescita”.

L’OTF è stato creato nel 2012 come programma pilota di Radio Free Asia (RFA), una risorsa della US Agency for Global Media (USAGM), a sua volta finanziata dal Congresso degli Stati Uniti per un importo di 637 milioni di dollari all’anno – nell’agosto 2018, il suo allora CEO ha riconosciuto che le priorità dell’outlet “riflettono gli interessi della sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Le origini della RFA risalgono al 1948, quando la direttiva 10/2 del Consiglio di sicurezza nazionale autorizzò ufficialmente la Central Intelligence Agency, allora appena creata, a impegnarsi in operazioni mirate agli stati comunisti, tra cui propaganda, guerra economica, sabotaggio, sovversione e “assistenza alla clandestinità e ai movimenti di resistenza. “

La stazione ha costituito una parte fondamentale di questo sforzo, insieme a Radio Free Europe e Radio Liberation From Bolshevism, poi Radio Liberty – trasmetteva propaganda inesorabile in Cina, Corea del Nord, Vietnam e altrove. Nel 2007, il sito web ufficiale della CIA ha dichiarato che queste iniziative di “guerra psicologica” erano tra le “campagne di azione segreta più longeve e di successo” che gli Stati Uniti abbiano mai organizzato.

Dopo che il ruolo della CIA è stato reso pubblico negli anni ’70, il Congresso ha assunto la direzione e il finanziamento delle stazioni, prima che nel 1999 fossero raggruppate insieme ad altre entità mediatiche statali sotto l’egida del Broadcasting Board of Governors, il precursore di USAGM.

“SISTEMI INTERNET OMBRA”
Il lancio dell’OTF ha fatto seguito al Dipartimento di Stato americano, allora guidato da Hillary Clinton, che perseguiva una politica di “libertà di Internet”, apparentemente uno sforzo per sviluppare strumenti per sovvertire le politiche restrittive di Internet.

Tuttavia, un’estesa indagine del New York Times del giugno 2011 ha evidenziato una ragion d’essere molto più oscura, concludendo che lo sforzo era in realtà un tentativo di distribuire sistemi Internet ombra che i dissidenti potevano utilizzare per minare i governi repressivi”.

Tra queste risorse c’erano le “reti wireless invisibili”, finanziate dal Dipartimento di Stato, che avrebbero consentito agli attivisti “di comunicare al di fuori della portata dei governi in paesi come Iran, Siria e Libia”.

Rafforzando questa conclusione, nel febbraio 2015 Jillian York, direttrice dell’International Freedom of Expression presso l’Electronic Frontier Foundation e membro del comitato consultivo dell’OTF, ha dichiarato che “fondamentalmente” credeva che Internet Freedom fosse “in fondo un programma di cambio di regime”.

Potrebbe non essere una coincidenza che il fondatore di Signal Rosenfeld abbia precedentemente creato programmi di comunicazione crittografata TextSecure e RedPhone, entrambi presenti in una guida Gizmodo del marzo 2013, dal titolo “Quali app di crittografia sono abbastanza forti per aiutarti a far cadere un governo?”

USAGM è inoltre evidentemente estremamente orgoglioso di Signal, una scheda ufficiale pubblicata a novembre 2019 che dà all’applicazione la fatturazione migliore in un elenco di “strumenti supportati da OTF”.

Ad esempio, Signal è diventata la piattaforma di messaggistica preferita dai manifestanti a Hong Kong dopo il suo lancio, mentre il National Endowment for Democracy, il braccio per il cambio di regime del governo degli Stati Uniti, ha notevolmente aumentato il suo sostegno diretto e indiretto e la promozione di attivisti e gruppi di attivisti lì .

In una svolta inaspettata, nel giugno 2020 i finanziamenti per una serie di progetti USAGM sono stati congelati, compresi i piani OTF per aiutare direttamente i manifestanti a Hong Kong, proprio mentre la regione amministrativa si preparava ad attuare una legge sulla sicurezza nazionale altamente controversa e molto contestata.

Uno è stato la creazione di team di risposta agli incidenti di sicurezza informatica per analizzare le tecniche di sorveglianza cinesi in tempo reale durante la dimostrazione e condividere informazioni rilevanti direttamente con gli sviluppatori di app di comunicazione sicure, al fine di aggirare repressioni e restrizioni. Un’altra iniziativa accantonata era un fondo di risposta rapida di $ 500.000 a sostegno di chiunque fosse soggetto ad “attacco digitale” da parte delle autorità.

Tuttavia, il mese successivo Signal è diventata l’app più scaricata a Hong Kong, l’account Twitter ufficiale dell’app vantava di conseguenza che, a differenza del concorrente Telegram, che aveva appena annunciato che avrebbe cessato di collaborare con le richieste delle autorità per i dati degli utenti, “non aveva mai concesso i dati dei suoi utenti alla polizia di Hong Kong. “

Non vi è alcun suggerimento che qualsiasi agenzia di sicurezza statunitense abbia avuto un ruolo diretto nella creazione del sistema di crittografia ora standard mondiale dell’app, o svolga un ruolo quotidiano nella gestione dell’azienda. Tuttavia, lo stesso non si può dire del popolare browser di anonimato Internet Tor, che è spesso raccomandato dai sostenitori della privacy insieme a Signal.

Sviluppato per la prima volta dai dipendenti del US Naval Research Laboratory a metà degli anni ’90, Tor ha rapidamente attirato l’attenzione della Defense and Research Projects Agency (DARPA), e da allora è stato quasi interamente finanziato dalle entità del governo degli Stati Uniti, incluso il Pentagono, al ritmo di decine di milioni.

Il suo scopo originale era quello di proteggere gli agenti governativi clandestini dal rilevamento sul campo, isolandoli dalla natura intrinsecamente aperta di Internet,. Forse non sorprende che sia supportato anche dall’OTF e compare insieme a Signal nella suddetta scheda informativa USAGM.

Nel marzo 2011, lo sviluppatore di Tor Mike Perry ha ammesso che il browser potrebbe “sfortunatamente” non fornire un rifugio efficace da occhi indiscreti del governo.

“Avversari estremamente ben finanziati che sono in grado di osservare grandi porzioni di Internet possono probabilmente hackerare alcuni aspetti di Tor e potrebbero essere in grado di deanonimizzare gli utenti”, ha detto. “Anche se personalmente non credo che nessun avversario possa deanonimizzare in modo affidabile tutti gli utenti Tor … gli attacchi all’anonimato sono di natura sottile e cumulativa.”

Tra gli “avversari” della privacy su Internet più ben finanziati ci sono ovviamente l’NSA e il GCHQ, e documenti classificati trapelati da Edward Snowden nel 2013 hanno rivelato che le agenzie partner dedicano tempo e risorse considerevoli ad attaccare e minare il servizio e i suoi utenti.

Tuttavia, i giornali indicavano anche che i due non desideravano scoraggiare i cittadini dall’usare Tor. Dopotutto, dato che riunisce chiunque abbia qualcosa da nascondere in un’unica rete, sorvegliare le loro attività è molto facile. Così fa Signal – e qui sta il problema.

Fonte

6011297585f5405dc5133cfd

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Ghislaine Maxwell cerca di fare cadere le accuse dicendo che la giuria era TROPPO BIANCA

Trafficante sessuale prova la mossa “woke”.

Gli avvocati di Ghislaine Maxwell hanno cercato di far cadere le accuse contro la confidente di Jeffrey Epstein sostenendo che la giuria federale che l’aveva accusata era troppo bianca.

Sì davvero.

La giuria e` stata formata a White Plains, New York invece che a Manhattan a causa delle restrizioni COVID, ma gli avvocati hanno detto che ciò significava che i non bianchi erano sottorappresentati.

“Il fatto che la signora Maxwell stessa non sia né nera né ispanica non la priva della possibilità di sollevare questa sfida”, hanno scritto gli avvocati della Maxwell. “La Costituzione richiede che un gran giurì sia tratto da “una sezione trasversalmente equa della comunità “.

Hanno anche affermato che la giuria è stata convocata frettolosamente in modo da garantire l’arresto della Maxwell nell’anniversario dell’accusa di Jeffrey Epstein.

“L’uso di una giuria di White Plains ha portato alla sistematica sottorappresentazione di persone di colore e ispaniche dal processo di selezione della giuria, in violazione del diritto del sesto emendamento della signora Maxwell”, hanno scritto gli avvocati.

La difesa “woke” è stata una delle dozzine di affermazioni fatte dagli avvocati nel tentativo di far cadere le accuse.

Maxwell è accusata di aver assunto diverse ragazze minorenni per il divertimento di Epstein e dei suoi amici elitari. Il suo processo inizierà a luglio.

Fonte

020720maxwell-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Foto simboliche del mese (Gennaio 2021)

In questa edizione di SPOTM: Dua Lipa, Playboy Carti, Miley Cyrus, Jojo Siwa e altre prove che l’industria dell’intrattenimento è pura spazzatura.

Questa è la copertina del nuovo album del rapper Playboy Carti. Il design minimalista si concentra su due elementi importanti: il sangue e una croce rovesciata. In breve: è un altro rapper definito da un simbolismo satanico palese.

Quando scrivo “definito”, non sto scherzando. Il simbolismo satanico è ciò che lo definisce. Questa è la principale foto promozionale di Playboy Carti. Notare le corna da diavolo.

Insieme al suo nuovo album, Carti ha pubblicato una linea di merchandising. Ed è tutta roba satanica. La felpa con cappuccio a sinistra raffigura Gesù crocifisso su una croce rovesciata. La maglietta sulla destra presenta un sacco di croci rovesciate con le parole “Diavolo di pelle nera”. Un altro disegno raffigura un Gesù decapitato su una croce rovesciata. Non sto scherzando.

Azealia Banks è un’altra rapper che parla di cose sataniche. Poco dopo aver dissotterrato il suo gatto morto e averlo cucinato per scopi di stregoneria, la Banks ha rivelato con orgoglio durante un’intervista di possedere il cranio di una bambina di sei anni morta per un trauma cranico. Guardando questa foto, sono propenso a credere che anche la Banks potrebbe soffrire di trauma cranico.

Per celebrare il fatto che si esibirà al “Superbowl Tik Tok Tailgate” (qualunque cosa sia), Miley Cyrus ha pubblicato questa foto su Instagram. E quella foto è pura programmazione MKULTRA Beta Kitten. Una Miley col culo di fuori è circondata da farfalle monarca (controllo mentale monarch) e catene (schiavitù MK).

In un’altra foto, c’è il filo spinato e una corona di spine (un riferimento alla tortura).

Parlando di simbolismo Monarch, Dua Lipa è recentemente apparsa sulla rivista Rolling Stone. In questa foto, senza un motivo specifico, una farfalla è proiettata sul suo viso. In realtà, c’è un motivo specifico: rappresenta la programmazione Monarch.

In questa foto, uno specchio è posizionato strategicamente per creare un effetto in cui Dua Lipa ha due teste. Un ottimo modo per rappresentare MK alter personas.

In un’altra foto dello stesso servizio fotografico, Dua Lipa esegue un palese segno di un occhio che tutto vede, confermando che si tratta di simbolismo dell’élite occulta.

Come al solito, il mese scorso il segno di un occhio che tutto vede era dappertutto. E, come al solito, Netflix promuoveva i suoi contenuti pro agenda. Questa è l’immagine usata per promuovere Night Stalker, un documentario sul serial killer pedofilo satanico Richard Ramirez.

Stephen Colbert sulla copertina di Vanity Fair. Lente incrinata = segno di un occhio.

Hailey Bieber ha pubblicato questa foto facendo un palese segno con un occhio solo su Instagram. Lei e suo marito (Justin) sono di proprietà dell’élite.

Maluma fa un palese segno con un occhio solo sulla rivista ELLE

Lizzo è stata recentemente protagonista del servizio fotografico del Rolling Stones del fotografo elitario Dave Lachapelle. In questa foto, Lizzo sembra una sorta di dea circondata da manichini senza testa (persone che la adorano per COSA è invece che per CHI è?).

Questo è un tweet del NEJM (New England Journal of Medicine). Chiede la rimozione delle designazioni sessuali dai certificati di nascita perché non offrono “utilità clinica” e sono “dannose per le persone intersessuali e transgender). Sì, una “rivista scientifica” in realtà ha detto che l’identificazione del sesso di una persona (che è probabilmente l’informazione più importante su un certificato di nascita) è inutile. Ancora una volta, l’aggressiva agenda di sfocatura del genere sta attaccando la scienza distruggendola.

Da quando è apparsa in Dance Moms, Jojo Siwa è diventata estremamente popolare tra i bambini. In effetti, è stata recentemente inclusa nella lista annuale 2020 di Time delle 100 persone più influenti al mondo. Probabilmente per questo motivo, spesso si trasforma in un segno ambulante dell’occhio che tutto vede usando trucco e accessori. Siwa ha anche recentemente fatto coming out come “membro della comunità LGBTQ +”. Tuttavia, non ha etichettato la sua sessualità perché “non conosce davvero questa risposta”. In tal caso, perché tutto questo viene discusso e promosso ai bambini? Risposta: Agenda.

Per aumentare la sua popolarità tra i bambini, Siwa ha rilasciato un gioco da tavolo chiamato “Jojo’s Juice”. Contiene carte Obbligo o Verità con alcune domande estremamente discutibili come questa: “Sei mai uscito senza biancheria intima?” Chi mai penserebbe di chiederlo a un bambino?

Questo chiede: “Hai mai incontrato qualcuno nudo o qualcuno ti ha camminato sopra?”Cosa? Cosa?

Questo è uno screenshot di una nuova serie TV danese per bambini chiamata Dillermand. Si tratta di un uomo che ha un pene molto lungo. Sì, un programma televisivo per bambini si concentra sui genitali di un uomo adulto. Qui, “allunga” il suo membro davanti ai bambini. Desensibilizzano i bambini alla sessualità adulta.

A Capodanno, il sindaco di New York, Bill De Blasio, è stato criticato per aver ballato con la moglie in una Times Square vuota dopo aver “trasformato la città in una terra desolata”. Anche se questa è una critica valida, possiamo concentrarci sulla maschera indossata dalla moglie di De Blasio? Perché presenta un simbolo molto specifico che è amato dall’élite occulta.

Uno screenshot di un file dell’FBI che documenta i simboli usati per identificare i pedofili.

Fonte

leadspotm0121

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

BirdWatch: La piattaforma di Twitter dove gli utenti fanno il “fact-check” dei Tweets

Twitter ha finalmente trovato un modo per placare il popolino di sinistra che da tempo detta le regole sull’app, assolvendosi da ogni responsabilità.

Secondo un articolo pubblicato da Ben Collins e Brandy Zadrozny di NBC News, Twitter sta lanciando una funzionalità intesa a combattere la calunnia e la disinformazione in un modo simile a quello in cui Wikipedia segnala tweet potenzialmente fuorvianti.

Il nuovo sistema consentirà agli utenti di “discutere” e “fornire contesto” ai tweet che “ritengono fuorvianti o falsi”.

Secondo NBC, il nuovo progetto, chiamato “Birdwatch”, è una sezione autonoma di Twitter che all’inizio sarà disponibile solo per un piccolo gruppo di utenti, in gran parte in base all’ordine di arrivo. Invece di dare la priorità ai veri fact-checker, agli utenti sarà richiesto di utilizzare un account associato a un numero di telefono e un indirizzo email reali.

“Birdwatch consente alle persone di identificare le informazioni nei Tweet che credono siano fuorvianti o false e di scrivere note che forniscono un contesto informativo”, ha scritto in un comunicato stampa Keith Coleman un dirigente di Twitter. “Riteniamo che questo approccio abbia il potenziale per rispondere rapidamente quando si diffondono informazioni fuorvianti, aggiungendo un contesto di cui le persone si fidano e trovano prezioso”.

Sebbene Birdwatch sarà inizialmente isolato su una sezione separata di Twitter, la società afferma che “alla fine” mira a rendere le note visibili a tutto il pubblico di Twitter.

Inizialmente, i partecipanti etichetteranno i tweet come accurati o imprecisi. Tali valutazioni vengono quindi assemblate in un profilo Birdwatch, che sarà separato dal profilo Twitter, non diversamente dal sistema di valutazione degli utenti di Reddit. Twitter ha detto che spera di costruire una comunità di “Birdwatcher” che alla fine possa aiutare a moderare ed etichettare i tweet, anche se inizialmente le etichette create tramite Birdwatch saranno private.

La crescente pressione che chiedeva a Twitter di fare qualcosa contro la “disinformazione dilagante” sulla piattaforma ha recentemente portato Twitter a bandire l’ex presidente Trump e molti dei suoi alleati dalla piattaforma.

“Sappiamo che ci sono una serie di sfide nella costruzione di un sistema guidato dalla comunità come questo: dal renderlo resistente ai tentativi di manipolazione al garantire che non sia dominato da una maggioranza di parte.

Ha aggiunto che il prodotto Birdwatch ha lo scopo di impedire a persone malintenzionate di diffondere disinformazione su Twitter, sebbene la società abbia anche riconosciuto che ci sono “sfide” nella costruzione di un sistema come questo.

I conservatori che ancora utilizzano la piattaforma ovviamente non sono contenti del prodotto, con qualcuno che avverte che la piattaforma diventera` “un parco giochi per SJW” dove “non è consentito alcun discorso che si opponga alla narrativa di sinistra”.

Altri hanno fatto confronti più pesanti.

Prima d’ora, a parte i divieti, Twitter ha fatto affidamento sull’etichettatura dei tweet, o includendo il “contesto” critico, sotto i tweet che diffondono disinformazione. A marzo, di fronte a un diluvio di disinformazione sulla pandemia, la società ha iniziato a rimuovere “contenuti fuorvianti e potenzialmente dannosi” su COVID.

Prima di allora, a febbraio, Twitter ha lanciato una nuova etichetta dal titolo “media manipolati”, appiccicandola prima a un tweet dell’allora presidente Trump. Nei mesi successivi, la società avrebbe etichettato molti altri tweet per disinformazione sulla pandemia e sulle elezioni. E solo nelle ultime due settimane prima delle elezioni, Twitter ha detto di aver etichettato circa 300.000 tweet come contenuti “controversi e potenzialmente fuorvianti”.

Dopo che Parler è stato eliminato da Internet, insieme a ogni altro social network che si rivolge ai conservatori, non possiamo fare a meno di chiederci: dove andranno tutti i conservatori in fuga da Twitter?

Fonte

birdwatch_ios_screens-1200x675-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La societa` Merck abbandona la strada del vaccino. Sostiene sia piu` efficace contrarre il virus e guarire

I vaccini generano una risposta “inferiore” del sistema immunitario rispetto al virus

Il produttore di vaccini Merck ha abbandonato lo sviluppo di due vaccini contro il coronavirus, affermando che dopo approfondite ricerche si è concluso che le iniezioni offrivano meno protezione rispetto alla semplice contrazione del virus stesso e allo sviluppo di anticorpi.

L’azienda ha annunciato che i vaccini V590 e V591 erano “ben tollerati” dai pazienti sottoposti al test, tuttavia hanno generato una risposta del sistema immunitario “inferiore” rispetto all’infezione naturale.

La società ha dichiarato che invece si concentrerà sulla ricerca di farmaci terapeutici etichettati come MK-7110 e MK-4482.

I farmaci mirano a proteggere i pazienti dai danni di una risposta immunitaria iperattiva al virus.

“I risultati provvisori di uno studio di fase 3 hanno mostrato una riduzione superiore al 50% del rischio di morte o insufficienza respiratoria nei pazienti ospedalizzati con COVID-19 da moderato a grave”, ha dichiarato la societa`.

Merck riceverà circa 356 milioni di dollari dal governo degli Stati Uniti per accelerare la produzione dei potenziali trattamenti nell’ambito dell’operazione Warp Speed.

Il Chief Marketing Officer Michael Nally ha recentemente dichiarato a Bloomberg che Merck mira a produrre circa 20 milioni di dosi del farmaco MK-4482, un antivirale orale che i pazienti assumeranno due volte al giorno per cinque giorni.

Nel frattempo, nelle notizie correlate, scienziati tedeschi hanno affermato che il vaccino Oxford / AstraZeneca del Regno Unito ha una efficacia di meno dell’8% negli over 65.

I media tedeschi hanno pubblicato le affermazioni, sostenendo che erano state “confermate” da “molteplici” fonti governative tedesche senza nome.

I ministri del governo britannico hanno suggerito che il reclamo potrebbe essere correlato alla disputa in corso sulla consegna del vaccino tra l’Unione europea e AstraZeneca.

L’UE, che deve ancora approvare il vaccino, ha minacciato di bloccare le esportazioni dei vaccini in Gran Bretagna, con una mossa che è stata bollata “dispettosa” da fonti del governo britannico.

Nel tentativo di assicurarsi che i suoi Stati membri ricevano la loro “giusta quota” di vaccini, l’UE ha anche minacciato di bloccare la consegna di vaccini Pfizer nel Regno Unito, chiedendo alle aziende farmaceutiche di fornire informazioni dettagliate su quando intendono esportare i vaccini Covid in paesi al di fuori del blocco.

Fonte

gettyimages-1222964736-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il CDC rimuove dal suo sito la sezione “I vaccini non provocano l’autismo”

Il Centers for Disease Control and Prevention ha rimosso un titolo dal suo sito web il quale affermava che “i vaccini non causano l’autismo” a seguito di una sfida legale che metteva in discussione tale affermazione.

Il cambiamento è stato fatto silenziosamente lo scorso agosto, senza alcun annuncio, a seguito di una lunga battaglia legale con il gruppo Informed Consent Action Network (ICAN) iniziata nel 2017.

Ecco l’originale:

E qui la versione editata:

Dal sito web dell’ICAN:

Invece di abbandonare la lotta dopo che il CDC ha effettivamente ammesso di non avere gli studi richiesti dall’ICAN, l’ICAN ha citato in giudizio il CDC in un tribunale federale. La causa si concentrava sull’affermazione del CDC secondo cui “I vaccini non causano l’autismo” sulla base del fatto che il CDC non aveva elencato specificamente gli studi precisi che sostiene supportano tale affermazione. Questa causa citava anche la deposizione del dottor Stanley Plotkin, il padrino della vaccinologia, che ha ammesso sotto giuramento di essere “d’accordo nel dire al genitore che DTaP / Tdap non causa autismo anche se la scienza non è ancora matura per supportare quell’affermazione. “

Ciò ha portato il CDC, su ordine del tribunale, a presentare 20 studi a sostegno dell’affermazione che i vaccini non causano l’autismo, che l’Istituto di medicina (IOM) non ha ritenuto adeguati.

L’IOM ha concluso che non è stato possibile identificare un singolo studio a sostegno del fatto che il DTaP non causa l’autismo. Invece, l’unico studio rilevante che l’IOM ha potuto identificare ha trovato un’associazione tra DTaP e autismo.

In altre parole, l’unico studio elencato dal CDC che ha effettivamente esaminato uno qualsiasi dei vaccini somministrati ai bambini durante i primi sei mesi di vita ha concluso che non ci sono studi a sostegno del fatto che il DTaP non causa l’autismo. Tuttavia, il CDC ha scelto quello studio come uno dei pochi che supporta la sua affermazione che “i vaccini non causano l’autismo”!

E così, per evitare altre cause legali con l’ICAN, il CDC ha infine rimosso l’affermazione che i vaccini non causano l’autismo.

Secondo i dati del CDC, 1 bambino su 36 nati quest’anno svilupperà l’autismo.

Fonte

ap_505385954577-e1594840347286

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il programma di istruzione da casa della BBC dice ai bambini di 9 anni che ci sono “oltre 100 generi sessuali”

Un programma della BBC rivolto a bambini di età compresa tra 9 e 12 anni include la sorprendente affermazione che ci sono “oltre 100 identità di genere”.

Il film “Identity – Understanding Sexual and Gender Identities”, viene offerto sul sito web della società come parte del suo pacchetto di relazioni e educazione sessuale.

Tutto questo accade nonostante la guida del governo pubblicata lo scorso anno consigli alle scuole di prestare attenzione quando insegnano ai bambini le questioni di genere.

Il programma, che prevede che i bambini chiedano agli adulti informazioni sulla sessualità e il genere per conto dei loro coetanei, suggerisce che le diverse identità includono “bi-genere”, “genere queer” e “pansessuale”.

Il film dice anche ai bambini che diventare transgender è un modo per essere “felici” senza menzionare le crescenti preoccupazioni legali e mediche per il crescente numero di bambini che dicono di voler cambiare sesso.

La maggior parte dei bambini in età scolare è attualmente costretta a ricorrere all’apprendimento online perché il lockdown ha chiuso l’accesso alle aule per tutti tranne che per i lavoratori essenziali.

Ieri sera, la BBC ha detto che agli insegnanti è stato “fortemente consigliato” di guardare il film prima di vederlo con i loro alunni.

Fonte

methode_sundaytimes_prod_web_bin_4618972c-d176-11e9-8748-e9a1563a9aa9

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvvivere con una donazione

2,00 €

Non e` Lercio – Le carte da gioco neutrali rispetto al genere

I media si sono fatti in quattro per coprire questa notizia sulla giovane psicologa forense di Oegstgeest, Paesi Bassi e sulla sua straordinaria creazione. Con una rapida ricerca di questa storia su Google potete trovare ben 100 risultati – non solo (o meglio principalmente) nei media online di nicchia – ma anche nei media tradizionali, da Reuters al New York Post.

“Se facciamo riferimento a questa gerarchia secondo cui il re vale più della regina”, ha detto la signora Mellink in un’intervista alla stampa, “allora questa sottile disuguaglianza influenza le persone nella loro vita quotidiana perché è solo un altro modo di dire ‘hey, sei meno importante. “Anche le disuguaglianze sottili come questa giocano un ruolo importante”.

Mascolinità tossica?

Nonostante i loro cuori siano al posto giusto sul lato sinistro del petto, sia la signora Mellink che i media servili che sono stati sia reporter che cheerleader per questa innovazione attesa da tempo sono riusciti a perdere il punto principale.

Le carte da gioco – e in effetti la maggior parte, se non tutti – i giochi, sono politicamente scorretti e per una serie di ragioni.

Considera, ad esempio, un mazzo di carte, persino il mazzo di carte neutro rispetto al genere della signora Mellink. Ha quattro semi: cuori, quadri, fiori e picche, oltre a due colori: rosso e nero. “Rosso”, ovviamente, è un’allusione non così sottile che richiama alla mente gli Stati rossi, dove – nelle ultime due elezioni presidenziali – i suprematisti bianchi hanno votato in modo schiacciante per Trump. “Nero”, specialmente se collegato al nome di uno dei quattro semi nel mazzo di carte, è un riferimento razzista ovvio e storicamente offensivo a un’etichetta peggiorativa per uomini neri. Questo sottotesto chiaramente razzista è presente anche nel gioco della dama, dove il rosso e il nero competono per il potere e il dominio.

Un altro caso grave che possiamo citare è il gioco da tavolo Scrabble. Il fatto che le regole del gioco non contengano restrizioni sull’uso di parole specifiche ignora il rischio di consentire ai giocatori di utilizzare termini esclusi. È ben all’interno delle regole emarginare individui o gruppi e insultare gruppi di persone svantaggiate o discriminate. Le microaggressioni verbali, come l’uso di pronomi umilianti specifici di genere, sono liberamente consentite nel gioco. In particolare, le parole chiave, l’incitamento all’odio e l’appropriazione culturale delle parole – che devono essere evitate a tutti i costi – sono liberamente consentite in Scrabble. Il gioco non fa nulla per impedirne l’uso, né incoraggia l’astensione da parte dei giocatori nell’utilizzo di parole offensive.

Monopoli – per certi versi il peggior colpevole – è simboleggiato da una caricatura da cartone animato di un capitalista bianco, un oligarca e quasi certamente un repubblicano … un repubblicano di Trump. Ciò solleva alcune importanti domande, tra cui: “Donald Trump sta canalizzando consapevolmente l’icona del monopolio o è solo una coincidenza di proporzioni cosmiche?” Altre domande includono: “In che modo questa affermazione paternalistica del patriarcato fa sentire le persone benpensanti mentre giocano a un gioco del genere?”

Tuttavia, forse il gioco più offensivo – così come forse il gioco da tavolo più antico della storia umana, sono gli scacchi. Il motivo è ovvio anche per gli ipovedenti. I pezzi degli scacchi sono bianchi o neri, e il bianco inizia SEMPRE per primo, mentre il nero è SEMPRE per secondo. Il messaggio razzista degli scacchi non è certo oscuro o sottile. Ai giocatori viene detto che il bianco è sempre meglio del nero.

Quindi, mentre la signora Mellink ha identificato il rischio di giochi e dispositivi di gioco politicamente scorretti, ha appena scalfito la superficie. Se vogliamo uno “spazio sicuro” per i giochi, dobbiamo intraprendere un’azione collettiva per applicare standard decenti e inoffensivi su quei giochi.

Fonte

reuters-indy-mellink-1120

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

“Una grande ed elaborata menzogna”: Consulente dell’OMS collegato a Biden afferma che COVID-19 e` quasi sicuramente sfuggito dal laboratorio di Wuhan

Un consigliere dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che in precedenza ha lavorato sotto il presidente Clinton e l’allora senatore Joe Biden ha rotto il silenzio sulle origini della pandemia COVID-19.

Jamie Metzl – che ha servito come vicedirettore del personale del Comitato per le relazioni estere sotto Biden (2001-2003), dopo aver prestato servizio nel Consiglio di sicurezza nazionale (1997-1999) e nel Dipartimento di Stato (1999-2001) sotto Clinton, ha aspettato fino a tre giorni dopo l’inaugurazione di Biden per dire al Toronto Sun che pensa che COVID-19 fosse molto probabilmente sfuggito dal laboratorio di Wuhan.

“Non ci sono prove inconfutabili”, ha detto Metzl, nato nel Kansas, un membro anziano del Consiglio Atlantico che è stato nominato nel comitato consultivo di esperti dell’OMS sull’editing del genoma umano nel 2019. “Ci sono solo molte prove e a mano a mano che le prove si accumulano, il caso per una accidentale fuoriuscita dal laboratorio viene confermato sempre piu` “.

Altro dall’intervista di Metzl al Toronto Sun:

Che dire della teoria originale secondo cui tutto è iniziato nel mercato di Wuhan?

Quella era una bugia. E il governo cinese sapeva benissimo che era una bugia. E così, di fronte alle prove schiaccianti nel maggio dello scorso anno, il governo cinese ha cambiato posizione.

Hai presente che l’idea di virus spaventosi che vengono creati in laboratorio potrebbe sembrare “fantascientifico”?

Può sembrare fantascienza per le persone, ma quello che sta succedendo è del tutto scientifico. Esiste un campo di studio chiamato “guadagno di funzione”, che è molto controverso in cui alcuni scienziati amplificano la virilità dei virus. Sappiamo che l’Istituto di virologia di Wuhan è stato coinvolto nella ricerca sulla funzione dei coronavirus dei pipistrelli.

È a causa del fatto che è iniziato specificamente in Cina che non sappiamo ancora come abbia avuto origine COVID-19?

Se ci fosse stata un’epidemia in Congo o in qualche Paese dell’Africa e quel Paese e nei primi giorni della pandemia, questi paesi avessero impedito agli investigatori dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di investigare, il mondo avrebbe reagito molto negativamente.

Un cambiamento nell’amministrazione degli Stati Uniti aiuterà a trovare una risposta?

Biden sarà più duro con la Cina del presidente Trump (non penso proprio n.d.r) perché il presidente Biden è molto intelligente e strategico (non penso proprio n.d.r) e comprende che il potere americano e la forza americana non si basano su spacconate, si basano su principi, si basano su partnership, alleanze e responsabilità. E l’amministrazione Trump purtroppo ha dato alla Cina una scappatoia per politicizzare la questione dell’origine del virus alienando i partner e gli alleati dell’America.


Tutto ciò mi fa venire in mente una domanda logica; se un membro anziano del Consiglio Atlantico che ha operato ad alti livelli di governo sotto i presidenti democratici se ne sta improvvisamente “uscendo” con la teoria della fuoriuscita dal laboratorio di Wuhan, tre giorni dopo l’inaugurazione di Biden, la narrativa ufficiale sta per cambiare?

Fonte

wiv-lab_5

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Twitter si rifiuta di cancellare materiale pedopornografico dalla sua piattaforma perche` “non viola le regole”

In una nuova causa si accusa Twitter di aver chiuso un occhio su del materiale pedopornografico nella sua piattaforma, sostenendo di aver respinto le ripetute richieste di una vittima minorenne di rimuovere le immagini esplicite ottenute attraverso il ricatto.
La causa, presentata mercoledì dalla vittima adolescente e da sua madre nel distretto settentrionale della California, sostiene che Twitter si sia rifiutato di cancellare i video sessualmente espliciti sulla base del fatto che non hanno violato le sue politiche, consentendo loro di accumulare oltre 150.000 visualizzazioni.

Il querelante – identificato solo come “John Doe” nei documenti del tribunale – dice che aveva solo 13 anni quando è stato manipolato per condividere immagini nude di se stesso con un utente Snapchat che credeva essere un compagno di classe di 16 anni. Dopo averlo fatto, “la corrispondenza si è trasformata in ricatto”, afferma la causa, aggiungendo che gli autori hanno minacciato di condividere le foto con “i genitori, l’allenatore, il prete e altri nella sua comunità” della vittima se non avesse inviato materiale aggiuntivo. Ha rispettato le richieste dei trafficanti, inviando video sessualmente espliciti di se stesso, alcuni dei quali includevano un altro minore.

Ad un certo punto nel 2019, un “video compilation” con il filmato estorto a John Doe è emerso su Twitter attraverso almeno due account “.

A causa della circolazione di questi video, ha dovuto affrontare prese in giro, molestie, bullismo violento ed ha cominciato a pensare al suicidio.

Immediatamente, la vittima – che a quel punto aveva 16 anni – informò i suoi genitori della situazione, spingendo sua madre, chiamata “Jane Doe” a sporgere una denuncia e a occuparsi della questione con i funzionari della scuola, la polizia locale e con Twitter direttamente. Ciò ha fatto seguito ad almeno una precedente denuncia di un utente Twitter preoccupato alla fine del 2019, che ha segnalato uno degli account che condividevano i filmati della vittima. La società non ha intrapreso alcuna azione e i video sono rimasti sulla piattaforma.

Entro il 21 gennaio, l’imputato ha presentato la sua denuncia a Twitter, dicendo alla piattaforma “Questi video sono il frutto di molestie e minacce. Ora sta diventando virale a scuola e abbiamo bisogno che vengano rimossi perché siamo entrambi minorenni “. Su richiesta di Twitter, ha fornito una foto della sua patente di guida per confermare la sua identità.

Jane Doe ha anche presentato due ulteriori reclami alla società il giorno dopo, a cui Twitter ha risposto con identici messaggi automatizzati promettendo di rivedere il contenuto in questione.

Dopo un’intera settimana senza una risposta da parte dell’azienda, nonostante i ripetuti tentativi della madre della vittima oltre alle sue lamentele iniziali, Twitter ha finalmente risposto il 28 gennaio, affermando di non aver trovato problemi con i video sessualmente espliciti e che non avrebbe fatto nulla per rimuoverli.

“Grazie per averci contattato. Abbiamo esaminato il contenuto e non abbiamo riscontrato una violazione delle nostre norme, quindi al momento non verrà intrapresa alcuna azione “, ha affermato Twitter, pur insistendo senza un pizzico di ironia sul fatto che” la tua sicurezza è la cosa più importante “.

La vittima ha risposto lo stesso giorno, indignata per l’inazione della piattaforma, chiedendo “Cosa intendete con il fatto che non vi sono problemi?”

Siamo entrambi minorenni in questo momento ed eravamo minorenni al momento in cui sono stati girati questi video. Avevamo entrambi 13 anni. Siamo stati adescati, molestati e minacciati nel girare questi video che ora vengono pubblicati senza il nostro permesso. Non abbiamo assolutamente autorizzato questi video e devono essere rimossi.

Sebbene la società abbia ignorato l’ultima richiesta di John Doe, nel giro di pochi giorni la sua famiglia “è stata in grado di mettersi in contatto con un agente del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti” tramite un contatto reciproco, secondo la causa.

“L’agente federale ha anche avviato un contatto con Twitter e, su richiesta del governo federale degli Stati Uniti, il [contenuto esplicito] è stato finalmente rimosso da Twitter intorno al 30 gennaio 2020”, continua la causa, aggiungendo che anche gli account incriminati sono stati bannati.

Twitter è stato criticato in passato per la sua gestione della pornografia infantile, con il Canadian Center for Child Protection che ha scoperto in una recensione dello scorso anno che la piattaforma rende “estremamente difficile” segnalare tali contenuti, costringendo gli utenti a individuare un modulo separato da la sua “funzione di report facilmente accessibile” che si trova su ogni tweet.

A partire da marzo 2019, Twitter afferma di applicare una “politica zero sullo sfruttamento sessuale dei minori” e nelle sue comunicazioni con John Doe e sua madre ha affermato di inoltrare tutte le segnalazioni di tale materiale al National Center Missing and Exploited Children. Tuttavia, nonostante gli sforzi aggressivi della vittima per rimuovere le immagini di se stesso dalla piattaforma, la società lo ha fatto solo dopo essere stata contattata dal governo federale degli Stati Uniti, non riuscendo a trasmettere il caso di John Doe al Centro fino a quel momento.

La posizione apparentemente lassista della società sulla pornografia infantile è in netto contrasto con la sua vigorosa sorveglianza dei contenuti politici che ritiene “odiosi” o che dovrebbero diffondere “disinformazione”, eliminando regolarmente migliaia di post e utenti – tra cui anche l’ex presidente Donald Trump.

Fonte

600a2cae85f54056fd00b65e

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €