Archivi Blog

Lo strano caso di Paz de la Huerta e del suo (ormai chiuso) account Instagram

Paz de la Huerta è passata dall’essere una “grande celebrità di Hollywood” ad una “folle a piede libero” nel giro di pochi anni. E le cose sono peggiorate dopo aver accusato Harvey Weinstein di molteplici crimini. Tuttavia, uno sguardo ravvicinato ai suoi inquietanti post sui social media rivela un’altra storia: è stata abusata e controllata dall’élite occulta per decenni.

Paz de la Huerta è un’attrice e modella americana famosa soprattutto per il suo ruolo nella serie della HBO Broadwalk Empire e per i suoi innumerevoli servizi fotografici sulle riviste. Tra il 2005 e il 2010, al culmine della sua carriera, de la Huerta ha lavorato con celebrità di alto livello e fatto festa con le persone più potenti di Hollywood. Tuttavia, dopo una serie di eventi bizzarri e traumatizzanti, la carriera di de la Huerta si interruppe bruscamente.

Oggi, de la Huerta è conosciuta perche` appare nei video dei paparazzi in condizioni pietose, intossicata da alcool e sostanze negli eventi sociali. È stata anche spesso oggetto di scherno da siti di gossip di celebrità che documentano da anni il suo bizzarro comportamento.

Mentre è stata dichiarata “pazza” dai media molto tempo fa, i centinaia di post di de la Huerta sui social media raccontano una storia più oscura, che riassume perfettamente il lato disgustoso e nascosto dell’élite occulta e dell’industria dell’intrattenimento. Prima di guardare quell’account Instagram (ora eliminato), ecco una rapida occhiata al suo passato.

PASSATO TRAVAGLIATO

I genitori di Paz de la Huerta sono Ricardo Ignacio de la Huerta y Ozores (nobile spagnolo e diciassettesimo duca di Mandas e Villanueva) e Judith Bruce (autorità nel controllo delle nascite nei paesi del terzo mondo e consulente delle Nazioni Unite).

Paz ha ottenuto il suo primo ruolo a 12 anni nel film del 1998 L’oggetto del mio affetto con Jennifer Aniston e Paul Rudd. Ha quindi salito costantemente le scale verso la celebrità fino a quando le cose hanno preso una svolta orribile.

Nel 2011, de la Huerta è stata quasi uccisa da una ambulanza guidata da uno stant man sul set del film Nurse 3D. L’evento era altamente sospetto, soprattutto quando si guarda il video.

In questo video inquietante, sembra che l’ambulanza abbia effettivamente sterzato a sinistra all’ultimo secondo per colpire violentemente Paz. Inoltre, l’ambulanza era guidata da uno stant man che è letteralmente addestrato per eseguire acrobazie in auto pericolose. Si e` trattato in realta` di tentato omicidio? Come vedremo più avanti, la storia che circonda questo incidente e le sue conseguenze è estremamente bizzarra.

Qualunque sia il caso, l’incidente ha quasi ucciso Paz. La donna ha sporto denuncia con una causa da $ 55 milioni contro la Liongate sostenendo che l’incidente le ha richiesto di sottoporsi a oltre 20 interventi chirurgici e di averla lasciata incapace di lavorare. Il caso è stato archiviato.

Nel novembre 2018, de la Huerta ha intentato una causa da 60 milioni di dollari contro Harvey Weinstein, accusando il regista di averla violentata in due diverse occasioni nel 2010 e poi di aver intrapreso una campagna di molestie che avrebbe danneggiato la sua carriera.

Paz de la Huerta con Harvey Weinstein al Soho Grand Hotel nel 2010.

Contrariamente alle altre figure di Me Too come Rose McGowan, le accuse di de la Huerta hanno generato scarso sostegno e simpatia da parte dei mass media e dell’industria dell’intrattenimento. La squadra di difesa di Weinstein ha definito le sue accuse “assurde e, sfortunatamente, il prodotto di una personalità instabile con una vivida immaginazione”.

Nel maggio 2019, mentre de la Huerta stava lavorando alla causa contro Weinstein, è stata ricoverata in ospedale per “grave disagio emotivo”.

Durante questi tempi difficili, de la Huerta è rimasta attiva su Instagram. La maggior parte dei suoi post erano in realtà richieste di aiuto mentre accusava “donne malvagie” di averla maltrattata e torturata, spingendola costantemente al suicidio.

Per motivi sconosciuti, l’account IG è stato eliminato nelle ultime settimane. Fortunatamente, dal momento che stavo lavorando su un articolo prima dell’eliminazione, ho salvato alcuni screenshot e copiato il contenuto di alcune didascalie. Ora, più che mai, credo che questi debbano essere condivisi perché spiegano il “perché” del comportamento di de la Huerta mentre fanno luce sul lato oscuro e inquietante dell’industria dell’intrattenimento.

L’ACCOUNT INSTAGRAM CANCELLATO

A prima vista, l’account Instagram di Paz de la Huerta sembrava consistere in centinaia di selfie mescolati con alcune foto dei suoi giorni di gloria. Tuttavia, quando si prende il tempo di leggere le didascalie associate a queste foto, le cose sono diventate molto scure. Quasi ogni immagine era accompagnata da un muro di testo in cui Paz descriveva il suo costante abuso e trauma da parte di “donne malvagie”

Un tipico post IG di Paz che combina una “foto di moda” con una didascalia preoccupante sulle donne malvagie che cercano di distruggerla.

Sebbene le didascalie di Paz suonassero spesso come le incoerenze di una persona pazza, in realtà raccontavano una storia coerente e precisa di abusi sistematici da parte di persone specifiche, in particolare sua madre. In un post scrive:

Sono sempre stata incredibilmente generosa anche con la mia malvagia madre che se avesse voluto che fossi sana e di successo non avrebbe fatto le inconcepibili cose che mi ha fatto in Spagna se sopravvivo, scrivero` un libro sulla sindrome di Maunchhausen.

In diverse occasioni, la Paz accusa la madre della sindrome di Munchausen. Ecco una definizione:

La sindrome di Munchausen per procura (MSP) è un problema di salute mentale in cui un curatore compensa o provoca una malattia o un infortunio in una persona sotto la sua responabilita`, come un bambino, un adulto anziano o una persona con disabilità. Poiché le persone vulnerabili sono le vittime, MSP è una forma di abuso di minori o di abusi sugli anziani.

Nota: poiché la maggior parte dei casi di MSP è tra un curatore (di solito una madre) e un bambino, il resto di questo argomento descriverà quella relazione. Ma è importante ricordare che MSP può coinvolgere qualsiasi persona vulnerabile e un curatore.

Il curatore con MSP può:

Mentire sui sintomi del bambino.

Modificare i risultati del test per far sembrare un bambino malato.

Danneggiare fisicamente il bambino per produrre sintomi.

Le vittime sono spesso bambini piccoli. Potrebbero sottoporsi a test medici dolorosi di cui non hanno bisogno.

Possono persino ammalarsi o ferirsi gravemente o possono morire a causa delle azioni del curatore.

I bambini che sono vittime di MSP possono avere problemi fisici ed emotivi per tutta la vita e possono avere la sindrome di Munchausen da adulti. Questo è un disturbo in cui una persona causa o riporta falsamente i propri sintomi.
– Michigan Medicine, Sindrome di Munchausen per procura

Sebbene fosse sotto il rigoroso controllo di sua madre sin dalla nascita, Paz afferma che le cose sono peggiorate dall’incidente in ambulanza del 2011. In un altro post ha scritto:

Dall’incidente sono stata circondata da queste donne malvagie che cercavano di convincermi che ero malata, in modo che potessero rinchiudermi per il resto della mia vita per invidia e paura per la loro reputazione, ma quando ho incontrato Mika quella notte la mia tortura psicologica si e` come interrotta.

In un altro post ha scritto:

Piango da mesi … è disumano quello che questi mostri mi hanno fatto. A causa loro non ho ottenuto giustizia contro Lionsgate. Stavo per sposare un uomo e hanno rovinato tutto. Il ragazzo da cui sono fidanzata da 15 anni non mi parla perché dice che sono stata così ingenua e ha paura che mi toglierò la vita. Avevo una carriera a Parigi prima che facessero l’inconsciabile. Un mio vecchio assistente abbastanza coraggioso da fare un passo avanti ha salvato tutte le loro e-mail donandomele negli ultimi anni. Hanno cercato di convincermi a impegnarmi per il resto della mia vita solo perché ho segreti di anni di abusi inconcepibili. Non avrei mai parlato fino a quando e` successo quello che e` successo in Spagna, l’unico paese in cui potevano cavarsela. Tutto quello che ho fatto è stato piangere dopo che questo violentatore mi ha detto cose cattive e stavo parlando con Micheal Rebel, il famoso terapista che mi ha detto di scappare da loro anni fa prima che cercassero di uccidermi. Stanno cercando di portarmi al suicidio, lo fanno da anni.(…)

Voglio che i miei amici famosi leggano questo e mi aiutino ad allontanarmi da questi maltrattamenti che mi hanno tenuta prigioniera in una città. Ho pochi cari e stanno cercando di mettermi in gabbia per il resto della mia vita perché ne so troppo. Parlerò con questo assistente che è stato abbastanza coraggioso da farsi avanti.

Come detto sopra, Paz ha affermato di essere stata stuprata in Spagna nel 2018. Secondo quanto riferito, ha trascorso sei mesi “rinchiusa in una gabbia” mentre era sottoposta a un intenso trauma per mano di “donne malvagie”.

Un post su Paz

In un altro post ha scritto:

Stavo facendo i soldi facendo la modella e stavo per firmare con la migliore agenzia fino a quando non sono arrivata stupidamente su quell’aereo per la Spagna, dove il male che non sapevo nemmeno esistesse mi aspettava. Cosa posso dire? Incidente stradale, stupro, concussione quasi fatale, e non sono mai stata una colpevole e non mi è mai importato fare causa perché a memoria sono una donna molto positiva, ma questa è la più grande ingiustizia che abbia mai sopportato nella mia vita e non ho mai visto quanto crudele sia l’umanità.

Non ho fatto nulla per giustificare la mia incarcerazione in una gabbia in un paese straniero per sei mesi mentre stanno ancora cercando di impedirmi di avere le cure mediche adeguate e mia madre malvagia ha persino espresso che non vuole che io lavori e che dovrei essere considerata una invalida.

In un altro post ha spiegato che ciò che le è successo poteva accadere solo in Spagna, forse a causa delle connessioni di suo padre.

L’unica ragione per cui sono riusciti a cavarsela con quello che hanno fatto è stato perché in Spagna i miei farmaci erano illegali e non so come siano riusciti a tenermi lì per così tanto tempo, si sono accordati rendendo il mio malvagio violatore il mio custode che da allora ho legalmente cambiato: mi proibiva di parlare con i miei due uomini, il mio avvocato e il mio migliore amico, che avevano il potere di tirarmi fuori da quell’inferno in un giorno. Ho provato a suicidarmi nove volte quando ero in Spagna.

In un altro post, de la Huerta confronta la sua situazione con Rosemary Kennedy che è stata lobotomizzata dalla sua stessa famiglia.

conosci la storia della Kennedy? Era molto bella, sexy e vivace, sua madre era così mortalmente invidiosa di lei come uno dei miei principali maltrattatori, che la hanno lobotomizzata in modo che trascorresse il resto della sua vita a fissare un muro …

In diverse occasioni, de la Huerta menziona un’assistente che è disposta a farsi avanti e testimoniare gli abusi subiti negli anni passati. In un post di Instagram, l’assistente ha scritto una lunga didascalia riassumendo la situazione (puoi dire che il testo è stato scritto da un’altra persona a causa della presenza di frasi con punteggiature).

Mi chiamo Kimberly M., scrivo per conto di Paz poiché ero sua amica nel 2016-17, durante quel periodo ho assistito a un trattamento molto bizzarro da parte dei suoi custodi. Prima che Paz lasciasse Los Angeles per Parigi, diventai la sua assistente per un breve periodo di tempo, al fine di cercare di aiutarla in una situazione che sembrava disperata. Dall’esterno, sembrava che stesse diventando sempre più frustrata dal modo in cui i suoi custodi la stavano gestendo ed era sospettosa delle loro cure. Dal mio punto di vista, aveva bisogno di essere attorno a persone importanti per lei come, amici e persone che si prendevano cura di lei per poter trovare la propria stabilità e, infine, ricominciare a recitare e fare la modella. Quando ho iniziato il lavoro ho pensato che questa sarebbe stata anche l’intenzione dei suoi custodi, ma presto ho scoperto che non era così. Le mie principali interazioni arrivano nel trattare con chi era il mio capo, Kimberly. I primi segni che Kimberly aveva cattive intenzioni per Paz derivavano dal fatto che stava cercando molto duramente di scoraggiarmi ad assumermi il compito di aiutare Paz. Dicendomi che non avevo idea di cosa stavo andando incontro e dicendomi cose negative su Paz, spesso tenendomi al telefono per ore durante la notte, cercando di convincermi che Paz non era una brava persona e non poteva essere aiutata. Non riuscivo a capire perché stesse cercando di influenzarmi in questo modo e presto ho iniziato a fare domande perché ero incredula. Alcune delle cose che mi hanno detto includono che Paz non era curabile e che ogni tentativo di aiuto era inutile. Poi mi ha detto che nessun trattamento ha funzionato su Paz per anni e che è diventata più un peso per loro (Kimberly, Judith) di quanto valesse la pena impegnarsi. Un giorno, in cui non erano ancora riuscite a convincermi che Paz fosse incurabile, ho affrontato Kimberly che si è molto agitata e mi ha rivelato che pensano che fosse cosi` incurabile, che hanno rinunciato e hanno attivamente ritardato o sabotato alcune delle cose che Paz stava chiedendo. La cosa più inquietante che mi e` stata rivelata e` che stavano cercando di farla impazzire o che causasse abbastanza problemi con la polizia / legge da metterla in un’istituzione a vita.

Mi disse anche che, poiché la madrina di Paz (la sua cliente) era l’unica a contribuire alla sua stabilità finanziaria, e che si era presa la responsabilità di trasmettere informazioni negative alla madrina, inviando cattive notizie (sapendo che non aveva tentato di facilitarne i rapporti) e convincendola che Paz sarebbe stato un peso così grave dal punto di vista finanziario, che avrebbe dovuto accettarla come una causa persa, e risparmiare denaro e problemi, facendola anche sembrare un pericolo per gli altri. Mai nella mia vita ho pensato che sarebbero stati effettivamente in grado di seguire tali piani in quanto non penso che Paz sia pazza, ma un artista in particolare che ha attraversato molti traumi e ha bisogno di tempo sufficiente per far crescere la propria stabilità e trovare la felicità a modo suo. Potrei non conoscere la portata di ciò che la ha portata nella sua situazione, ma so che ciò a cui ho assistito era sbagliato a livello morale e credo che potrebbe aver contribuito al loro tentativo di rinchiudere Paz in Spagna.

Come ha scritto l’assistente, Paz è stata sottoposta a “molti traumi”. E sotto i dettagli sui suoi account sui social media si punta al controllo mentale basato sul trauma.

CONTROLLO MENTALE BASATO SUL TRAUMA?

Per coloro che conoscono il lato oscuro dell’industria dell’intrattenimento, Paz de la Huerta mostra segni di controllo mentale basato sul trauma. I suoi primi inizi nel settore dell’intrattenimento, i suoi abusi da parte di persone potenti e la sua storia di comportamenti bizzarri (un risultato tipico dopo la rottura della programmazione MK) sono tutti sintomi visibili.

Come spiegato in questo articolo, il controllo mentale basato sul trauma (noto anche come programmazione Monarch) riguarda la sottomissione di uno schiavo a un trauma così intenso da provocare una dissociazione che porta alla programmazione di nuovi alter personas. In diversi post di Instagram, Paz si riferisce in realtà a un alter ego chiamato Malificient.

Un post su Instagram sul suo alter ego.

Come molte altre vittime del controllo mentale basato sul trauma (come Kim Noble), Paz ha anche un debole per la creazione di dipinti estremamente simbolici.

Un dipinto di Paz de la Huerta che è pieno di immagini MK. Raffigura una figura simile a una Vergine Maria con un bambino bendato che sembra essere sottoposto a tutti i tipi di trattamenti disgustosi. Fatto strano: in uno dei suoi post, Paz ha scritto che ha sostituito i ricordi di sua madre con la Vergine Maria.

CONCLUDENDO

Sebbene possa essere facilmente liquidabile come una persona pazza che dice cose folli (i media lo fanno da anni), Paz de la Huerta ha effettivamente documentato la sua storia di abusi e controllo in modo molto dettagliato. Attraverso i suoi numerosi post sui social media (l’unico sbocco che ha avuto fino a tempi molto recenti), de la Huerta ha fornito un resoconto in prima persona della sua sistematica distruzione da parte delle persone a lei più vicine.

È davvero pazza o l’abuso la ha resa cosi`? In una famigerata intervista su Hollywood, Dave Chappelle una volta disse:

“La cosa peggiore e` chiamare qualcuno pazzo. È sprezzante. Non capisco questa persona, quindi e` pazza. È una cazzata. Queste persone non sono pazze, sono persone forti. Forse quell’ambiente (Hollywood) è un po ‘malato. “

Hollywood non è solo “un po ‘malato”. È molto malato Distrugge completamente menti, corpi e anime. Trasforma persone forti, intelligenti e di talento in zombi che sembrano essere totalmente folli. Ci vuole un’incredibile quantità di forza per riprendersi dal controllo mentale per mano dell’élite occulta – e molti non fanno mai ritorno.

In breve, se succede qualcosa di sospetto a Paz de la Huerta, la vera causa è probabilmente contenuta in questo articolo.

Fonte
 

C’e` qualcosa di terribilmente sbagliato con l’account instagram “Pepper.Pics”

Pepper.Pics è un raccapricciante account Instagram contenente oltre 1.600 foto di una ragazza che posa in varie situazioni. Il tema principale delle immagini: la sessualizzazione di una bambina e il simbolismo dell’élite occulta.

Pepper.Pics è un account Instagram nel quale vengono mostrate oltre 1.600 “foto di moda” di una bambina belga di 9 anni di nome Pepper. Mantenuto da sua madre Bonnie van Geel, l’account è attivo da diversi anni (da quando Pepper era poco piu` di una lattante) e vanta oltre 30.000 follower. Dopo il successo di questo account, Pepper è stata reclutata per rappresentare diversi marchi e riviste come Stella McCartney Kids, Mini Maven Magazine, Mimi & Lula e Daniel Wellington. Anche se questo potrebbe sembrare un buon risultato, un’occhiata alle immagini sull’account IG porta a una sensazione di disagio … per diversi motivi.

In primo luogo, c’è qualcosa di verognoso e malato nei genitori che creano e gestiscono account social network per sfruttare i bambini che sono troppo giovani per acconsentire o addirittura comprendere le implicazioni di tale esposizione online. Come se ciò non bastasse, un numero inquietante di queste foto mostra il bambino in abiti “rivelatori” e posizioni suggestive che ci portano a chiederci: Chi e` che segue questi account e perche`?

Prima di andare oltre, ecco una foto da quell’account che ha un commento che riassume l’intera situazione.

Ad aggiungersi al disgusto, un gran numero di queste immagini contengono simbolismo relativo al controllo mentale monarch e allo sfruttamento generale dei bambini. Come presto realizzerete, l’intero account è fondamentalmente una raccolta di simbolismo.

In modo abbastanza appropriato, Pepper indossa spesso abiti dei marchi di moda NUNUNU e Caroline Bosmans. Entrambe queste società sono state discusse in questo sito perché i loro account IG presentano immagini rivoltanti che coinvolgono bambini. L’account IG di NUNUNU che promuove la sua collezione di abbigliamento “senza genere” contiene simbolismo palesemente satanico combinato con la sessualizzazione dei minori. L’account IG di Caroline Bosmans è una raccolta disgustosa di immagini che coinvolgono bambini infelici in situazioni traumatizzanti.

Pepper.Pics ha le stesse tematiche. Anche se mi sento a disagio nel postare alcune di queste “suggestive” foto, questa roba deve essere esposta e sezionata. Esiste una sottocultura di “arte” e “moda” basata sullo sfruttamento e la corruzione dei bambini. E questo account è un altro chiaro esempio di ciò.

Ecco alcune delle immagini trovate su questo account.

SESSUALIZZANDO UNA BAMBINA

Un numero inquietante di post su Pepper.Pics presenta una bambina in abiti e situazioni rivelatrici e suggestive. In effetti, se la modella in queste foto fosse un adulta, sarebbe considerata “sexy”. Ma il modello è una bambina. Perché vengono scattate queste foto? Perché sono pubblicate su internet? E, soprattutto, chi sono queste migliaia di follower che guardano queste foto e le apprezzano?

La madre di Pepper ha scritto in modo raccapricciante una didascalia “Nata per essere sotto i riflettori”. Non sembra che lei abbia avuto una possibilità di scelta.

La didascalia in realtà dice che Pepper “non e` vestita un granche`”. In tal caso, perché l’immagine su Internet è visibile a migliaia di persone?

Bang Bang? Che schifo

Nella didascalia, la madre dice che Pepper in realta` piangeva perché era stanca di fare foto. Eppure quella foto è su internet. Lo sfruttamento è così carino. Inoltre, i tatuaggi sono per adulti. Mettere un tatuaggio su un bambino è un modo per “renderli adulti”.

Un’altra foto in cui Pepper è triste. Piange mentre indossa una corona. A chi piace guardare questo?

Che cazzo e` sta roba?

Occhiali da sole, rossetto sulla maglietta, una spalla scoperta: tutti i tentativi disperati di rendere questa bambina “sexy”.

Tutto questo e` sbagliato

Non sta nemmeno facendo da modella per un vestito. Solo una foto gratuita per soddisfare i follower pedofili.

Upskirt?

Indossare una maglietta no?

Tatuaggio, bikini striminzito – tutto per sessualizzare la bambina.

Materiale gratuito per pedofili

Indossa una maglietta Caroline Bosmans che dice “Mangia la gente”. Bambini che entrano in contatto con la malattia che e` l’élite.

Corna in testa. L’ossessione dell’elite

La maglia è un gioco di parole sul proverbio “Sex drugs & rock’n ‘roll”. È carino? O un modo contorto di associare un bambino al sesso e alle droghe?

Una maglietta che dice “Banana Lover” mentre la bambina tiene una banana in mano…. 

La maglietta dice “Andiamo a mangiare il gelato adesso, possiamo innamorarci più tardi …”. Gli shorts dicono “Lover”. Un bambino non può “innamorarsi” e certamente non può essere un “amante”. Anche se la NAMBLA pensa il contrario.

La maglietta dice “Non ho paura del buio”. Questo è semplicemente raccapricciante e un altro modo di rimuovere un bambino dalle normali situazioni infantili verso il mondo oscuro dell’élite occulta.

Questa e` creepy

Animal Instinct

Questo è il tipo di abbigliamento che indossano i modelli “sexy” di Instagram. Non è una modella sexy di IG, è una bambina. E nessun bambino al mondo indossa questo tipo di vestiti.

Rossetto, posa suggestiva. La madre della ragazza ha ideato questo scatto

OCCHIO CHE TUTTO VEDE E PROGRAMMAZIONE MONARCH

Un numero ridicolo di immagini sull’account IG presenta simbolismo palese e immagini che riguardano il controllo della mente. Ci sono anche molti riferimenti ad Alice nel Paese delle Meraviglie, che è lo script di programmazione principale del controllo mentale Monarch.

Un burattino controllato da persone invisibili. Estremamente adatto a questa situazione.

Il simbolo dell’occhio che tutto vede. In molte di queste foto, Pepper ha la bocca aperta. Questo non è casuale. Gli studi sul linguaggio del corpo hanno determinato che le foto con la bocca aperta trasmettono più sex appeal.

Stessa combo

Inquietante simbolo di un occhio che tutto vede. La maglietta dice “Lover”. Ancora una volta, i bambini non possono essere amanti

Deve essere stufa di fare quel simbolo 

Ce ne sono cosi` tante che non posso postarle tutte

Una marionetta e un pavimento rituale

Nascondendo un occhio con una scarpa

Pura programmazione monarch. Un occhio nascosto da una farfalla monarch

Altro simbolismo monarch

Una marionetta e richiami ad Alice nel Paese delle Meraviglie

Il Bianconiglio di Alice nel Paese delle Meraviglie

Un riferimento al Cappellaio Matto di Alice nel Paese delle Meraviglie. Un occhio sul suo viso e sui calzini

Occhi dappertutto

Lo ha fatto per la maggior parte della sua vita

Ancora e ancora

Un occhio bocca aperta

Occhio che tutto vede

E` stata costretta a fare da modella fin dalla nascita

CONCLUDENDO

Questo era un piccolo esempio dei 1.600 post trovati sull’account IG di Pepper.Pics. Come visto sopra, le immagini ruotano attorno a temi specifici che sono al 100% in linea con l’agenda dell’élite occulta: la sessualizzazione dei bambini, il simbolismo MK e l’importantissimo segno “dell’occhio che tutto vede”. Evidentemente, la madre di Pepper sa tutto sull’agenda dell’élite e sta facendo tutto il possibile per spingere la sua ragazza “sotto i riflettori”.

Su una scala più ampia, questo racconto è l’ennesima prova di una massiccia sottocultura trovata su tutti i social media che ama vedere i bambini perdere la loro innocenza e quando sono coinvolti in situazioni “adulte”.

In breve, queste persone sono malate.

Fonte

 

Instagram e` un fertile terreno di caccia per i pedofili

Bambini di appena cinque anni vengono attirati in trappola e abusati su Instagram, Snapchat e Facebook, con 5.161 incidenti segnalati nel Regno Unito in 18 mesi.

Il numero di bambini presi di mira su Instagram è triplicato in un solo anno. Facebook, Snapchat e Instagram sono stati utilizzati per colpire i bambini nel 70% degli incidenti registrati, secondo i rapporti della Società nazionale per la prevenzione della crudeltà nei confronti dei bambini (NSPCC). Mentre le ragazze di 12-15 anni erano gli obiettivi più comuni per i pedofili, circa il 20% delle vittime aveva meno di 11 anni e la vittima più giovane aveva solo cinque anni.

I predatori hanno utilizzato Instagram per contattare gli obiettivi in 428 casi tra aprile e settembre 2018, un enorme aumento rispetto allo stesso periodo del 2017, con 126 casi. Questa cifra include solo gli incidenti in cui la polizia ha registrato il metodo di comunicazione utilizzato per colpire le vittime, il numero reale potrebbe essere molto più alto.

L’NSPCC ha ottenuto le cifre da 39 forze di polizia in Inghilterra e Galles. Un certo numero di esse, inclusa quella della città di Londra, non hanno risposto alla richiesta. Comunicare a livello sessuale con un bambino è diventato un reato nel Regno Unito ad aprile 2017

“Queste cifre sono la prova schiacciante che la sicurezza dei bambini non può essere lasciata ai social network”, ha detto l’amministratore delegato dell’NSPCC Peter Wanless.

I pedofili stanno infestando da lungo tempo i social media per adescare vittime e ottenere immagini pedo pornografiche. Alastair MacGibbon, commissario australiano per l’infanzia, ha avvertito nel 2015 che decine di milioni di foto di bambini su siti web pedofili erano state prese da Instagram, spesso dall’account dei genitori dei bambini. “Le immagini sono quasi sempre accompagnate da commenti dell’utente altamente espliciti e molto inquietanti”, ha affermato MacGibbon.

A gennaio è emerso che le persone utilizzavano #dropboxlinks sui social media per connettersi con altri pedofili per scambiare immagini di bambini. Quando venivano segnalati gli accounts, Instagram inizialmente affermo` che non violavano i termini. La gente ha inondato l’hashtag con meme per rendere più difficile ai pedofili ritrovarsi fino a quando, in seguito ad un report dell’Atlantic, Instagram ha limitato l’hashtag.

Youtube ha annunciato questa settimana che disabilitera` i commenti sui video dei bambini dopo che un certo numero di grandi inserzionisti ha ritirato le proprie pubblcita` quando sono emerse segnalazioni che i pedofili lasciavano messaggi predatori nelle sezioni dei commenti.

La società e` stata presa di mira dopo che è emerso che gli utenti che cercavano termini come “bikini haul” venivano trasportati a video di bambini in cui i pedofili lasciavano commenti.

Fonte