Archivi Blog

Cos’e` il Grande Reset?

Di recente su Internet si e` parlato di “Grande Reset”. Il termine è stato di tendenza su Facebook e Twitter, e il New York Times ha persino pubblicato un articolo che lo considerava una “teoria del complotto”. Ma non è sicuramente una teoria del complotto. Sono andato fino in fondo a tutta questa faccenda e condividerò i fatti che il New York Times non è riuscito a trovare o si è rifiutato di condividere.

Si scopre che “il Grande Reset” è in realtà un’iniziativa che è stata avviata dal World Economic Forum che ha lo scopo di convincere “gli stakeholder globali a cooperare nella gestione simultanea delle conseguenze dirette della crisi COVID-19”.

Quanto segue proviene direttamente dal sito ufficiale del World Economic Forum …

È urgente che le parti interessate cooperino nella gestione simultanea delle conseguenze dirette della crisi COVID-19. Per migliorare lo stato del mondo, il World Economic Forum sta avviando l’iniziativa “Grande Ripristino”.

Quindi il New York Times ha diffuso notizie false quando ha detto a tutti noi che “il Grande ripristino” è solo una “teoria del complotto”, e devono a tutti noi delle scuse.

Secondo il World Economic Forum, “il grande ripristino” è una “finestra di opportunità unica” per i leader globali per plasmare “lo stato futuro delle relazioni globali, la direzione delle economie nazionali, le priorità delle società, la natura dei modelli di business e la gestione di un bene comune globale “…

Mentre entriamo in una finestra di opportunità unica per plasmare la ripresa, questa iniziativa offrirà spunti per aiutare a informare tutti coloro che determinano lo stato futuro delle relazioni globali, la direzione delle economie nazionali, le priorità delle società, la natura dei modelli di business e la gestione di un bene comune globale.

In altre parole, “il grande ripristino” è essenzialmente solo un progetto aggiornato per un Nuovo Ordine Mondiale.

L’uomo dietro il “Grande Reset” si chiama Klaus Schwab. È il fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum, e sul sito ufficiale del WEF c’è un articolo di Schwab dal titolo “Now is the time for a ‘great reset’”. Quello che segue è un estratto da quell’articolo …

Per ottenere risultati migliori, il mondo deve agire congiuntamente e rapidamente per rinnovare tutti gli aspetti delle nostre società ed economie, dall’istruzione ai contratti sociali e alle condizioni di lavoro. Ogni paese, dagli Stati Uniti alla Cina, deve partecipare e ogni settore, dal petrolio alla tecnologia, deve essere trasformato. In breve, abbiamo bisogno di un “grande ripristino” del capitalismo.

È molto aperto sul fatto che vuole “rinnovare tutti gli aspetti delle nostre società ed economie”. Ciò significa che tutti gli aspetti dell’attività umana rientrerebbero nel suo piano.

Ma in particolare, desidera moltissimo un “grande ripristino” del capitalismo.

Questo fa sicuramente scattare l’allarme.

Quando le persone iniziano a parlare di cambiamenti radicali al capitalismo, di solito ciò che intendono è che dovremmo muoverci ancora di più verso il socialismo.

Secondo Schwab, ci sono tre componenti principali del “Grande Reset”.

La prima riguarda la riforma dei nostri sistemi economici in modo che “promuovano risultati più equi” …

Inoltre, i governi dovrebbero attuare riforme attese da tempo che promuovano risultati più equi. A seconda del paese, questi possono includere modifiche alle tasse sulla ricchezza, il ritiro dei sussidi ai combustibili fossili e nuove regole che disciplinano la proprietà intellettuale, il commercio e la concorrenza.

Sfortunatamente, penso che intenda esattamente la stessa cosa che intende Alexandria Ocasio-Cortez quando parla di “risultati più equi”.

In secondo luogo, Schwab afferma che una delle componenti principali del “Grande Reset” comporterebbe massicci investimenti governativi in ​​infrastrutture urbane “verdi” e altri progetti simili …

La seconda componente del programma del Grande Reset garantirebbe che gli investimenti promuovano obiettivi condivisi, come l’uguaglianza e la sostenibilità. In questo caso, i programmi di spesa su larga scala che molti governi stanno attuando rappresentano una grande opportunità di progresso. La Commissione europea, per esempio, ha svelato i piani per un fondo di recupero da 750 miliardi di euro (826 miliardi di dollari). Anche Stati Uniti, Cina e Giappone hanno ambiziosi piani di stimolo economico.

Piuttosto che utilizzare questi fondi, così come gli investimenti di entità private e fondi pensione, per colmare le crepe nel vecchio sistema, dovremmo usarli per crearne uno nuovo che sia più resiliente, equo e sostenibile a lungo termine. Ciò significa, ad esempio, la costruzione di infrastrutture urbane “verdi” e la creazione di incentivi per le industrie affinché migliorino i propri risultati in termini di metriche ambientali, sociali e di governance (ESG).

Non suona affatto come il “Green New Deal” che molti a sinistra hanno spinto negli Stati Uniti?

In terzo luogo, Schwab prevede di applicare le “innovazioni” a cui abbiamo assistito durante la pandemia COVID come modello per “ogni settore” della società …

La terza e ultima priorità dell’agenda del Grande Reset è sfruttare le innovazioni della Quarta Rivoluzione Industriale per sostenere il bene pubblico, in particolare affrontando le sfide sociali e sanitarie. Durante la crisi del COVID-19, aziende, università e altri hanno unito le forze per sviluppare strumenti diagnostici, terapeutici e possibili vaccini; costruito centri per i test; creare meccanismi per rintracciare le infezioni. Immaginate cosa potrebbe essere possibile se sforzi concertati simili fossero compiuti in ogni settore.

In altre parole, Schwab pensa che la risposta globale alla pandemia COVID possa essere un modello che gestisca ogni parte della nostra vita.

Tutto cio` non suona meraviglioso?

Ovviamente, affinché i globalisti possano coinvolgere gli Stati Uniti con questo “grande ripristino”, dovranno prima togliere di mezzo Donald Trump e pensano di essere molto vicini al raggiungimento di tale obiettivo.

I globalisti immaginano un futuro “sostenibile” in cui tutte le forme di attività umana siano strettamente monitorate e controllate per “il bene del pianeta”. Sono del tutto convinti che un sistema globale in cui tutte le nazioni del mondo siano sempre più integrate sia ciò che è meglio per l’umanità, ma quelli di noi che stanno resistendo ai globalisti capiscono che un sistema mondiale si evolverà inevitabilmente in un incubo globale completo e assoluto.

Pubblicazioni globaliste come il New York Times continueranno a cercare di convincere tutti noi che piani come “il grande ripristino” non esistono nemmeno, anche se organizzazioni globaliste come il World Economic Forum stanno pubblicamente annunciando i loro piani.

In tempi come questi, è assolutamente necessario pensare con la propria testa, perché l’inganno è ovunque e quelli che dicono la verità sono spesso ridicolizzati.

Fonte

snip20201119_129-800x534-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Klaus Shwab: Il Grande Reset portera` alla fusione della nostra` identita` fisica, biologica e digitale

Microchip impiantabili in grado di leggere i tuoi pensieri

Il globalista Klaus Schwab ha chiarito che il transumanesimo è parte integrante del “Grande Reset” quando ha affermato che la quarta rivoluzione industriale “portera` a una fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica”, che nel suo libro chiarisce, si tratta di microchip impiantabili in grado di leggere i tuoi pensieri.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, il “Grande Reset” sta attirando un diluvio di nuova attenzione all’indomani della pandemia di coronavirus, che il primo ministro canadese Justin Trudeau ha definito “un’opportunità per un reset”.

L’agenda si basa principalmente sullo smantellamento dell’attuale sistema capitalista a favore di un maggiore governo tecnocratico centralizzato che porterà a standard di vita più bassi, meno consumo di carburante, meno libertà civili e un’automazione accelerata dei posti di lavoro.

Tuttavia, un altro aspetto chiave del “Grande Reset”, o “quarta rivoluzione industriale” come la chiama Schwab, è la fusione tra uomo e macchina.

“Ciò a cui porterà la quarta rivoluzione industriale è una fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica”, ha detto Schwab al Chicago Council on Global Affairs.

Schwab ha continuato spiegando come il suo libro, “Shaping the Future of The Fourth Industrial Revolution”, fosse particolarmente popolare in Cina, Corea del Sud e Giappone, con i soli militari sudcoreani che hanno acquistato 16.000 copie.

Nel libro, Schwab spiega con entusiasmo come la prossima tecnologia consentirà alle autorità di “intromettersi nello spazio fino ad ora privato della nostra mente, leggendo i nostri pensieri e influenzando il nostro comportamento”.

Continua a prevedere che ciò fornirà un incentivo alle forze dell’ordine per implementare programmi pre-crimine in stile Minority Report.

“Man mano che le capacità in questo settore migliorano, aumenterà la tentazione per le forze dell’ordine e i tribunali di utilizzare tecniche per determinare la probabilità di attività criminale, valutare la colpa o addirittura recuperare i ricordi direttamente dal cervello delle persone”, scrive Schwab. “Anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo”.

Schwab decanta con emozione il sogno utopico transumanista condiviso da tutti gli elitari che alla fine porterà alla creazione di cyborg umani.

“Le tecnologie della quarta rivoluzione industriale non si fermeranno a diventare parte del mondo fisico che ci circonda: diventeranno parte di noi”, scrive Schwab.

“In effetti, alcuni di noi sentono già che i nostri smartphone sono diventati un’estensione di noi stessi. I dispositivi esterni di oggi, dai computer indossabili agli auricolari per realtà virtuale, diventeranno quasi certamente impiantabili nel nostro corpo e nel nostro cervello “.

Schwab sostiene anche apertamente qualcosa che i media sostengono ancora essere solo un argomento di discussione per i teorici della cospirazione, vale a dire “microchip impiantabili attivi”.

Il globalista saluta l’arrivo di “dispositivi impiantabili (che) probabilmente aiuteranno anche a comunicare pensieri normalmente espressi verbalmente attraverso uno smartphone “integrato” e pensieri o stati d’animo potenzialmente inespressi leggendo le onde cerebrali e altri segnali”.

Quindi, in altre parole, la “fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica” si riferisce alla singolarità transumanista e ad un futuro in cui le persone sono tracciate in ogni loro movimento e ogni pensiero che viene letto da un microchip impiantabile.

Non è una “teoria del complotto” quando ti dicono apertamente cosa vogliono fare.

Fonte

161120schwab1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il globalista Klaus Schwab: Il mondo non tornera` piu` alla normalita` dopo il Covid

L’elite sta promuovendo il “Grande Reset”

Nel suo libro Covid-19: The Great Reset, il globalista del World Economic Forum Klaus Schwab afferma che il mondo “non tornerà mai” alla normalità, nonostante ammetta che il coronavirus “non rappresenta una minaccia esistenziale”.

James Delingpole di Breitbart svela come Schwab sia ancora più esplicito nel suo libro sul piano dell’élite per sfruttare la pandemia COVID rispetto che nelle sue dichiarazioni pubbliche.

Schwab ha sempre promosso l’idea che il COVID venisse sfruttato per ottenere un nuovo ordine mondiale, affermando: “Ora è un momento storico non solo per combattere il … virus, ma anche per modellare il sistema … per l’era post-corona”.

Tuttavia, va oltre nel libro, chiarendo che l’élite finanziaria non permetterà mai che la vita torni alla normalità, suggerendo che i lockdown temporanei e altre restrizioni diventeranno permanenti.

“Molti di noi stanno riflettendo su quando le cose torneranno alla normalità”, scrive Schwab. “La risposta breve è: mai. Niente tornerà mai alla ormai instabile “normalita`” che prevaleva prima della crisi perché la pandemia di coronavirus segna un punto di svolta fondamentale nella nostra traiettoria globale “.

Il globalista fa questa affermazione nonostante ammetta che la minaccia rappresentata da COVID e` risibile rispetto alle precedenti pandemie.

“A differenza di alcune epidemie del passato, COVID-19 non rappresenta una nuova minaccia esistenziale”, scrive.

Schwab chiarisce che la “Quarta rivoluzione industriale” o “Il grande ripristino” cambierà radicalmente il modo in cui opera il mondo.

“Stanno arrivando cambiamenti radicali talmente profondi che alcuni esperti sono ricorsi a termini come “prima del coronavirus’ (PC)” e dopo il coronavirus’ (DC) per sottolineare le forti differenze nel sistema. Continueremo a essere sorpresi sia dalla rapidità che dalla natura inaspettata di questi cambiamenti: quando si confondono tra loro, provocheranno conseguenze di secondo, terzo, quarto e più ordine, effetti a cascata e risultati imprevisti “, scrive. .

Come spiega Delingpole nella sua colonna, il “Great Reset” rappresenta semplicemente un re-impacchettamento della vecchia agenda globalista.

Vale a dire, il governo dittatoriale tecnocratico di una piccola élite, il “green new deal”, la graduale abolizione della proprietà privata, un salario minimo garantito che vedrà i posti di lavoro sostituiti da robot, un giro di vite sulle libertà personali e una limitazione della libertà di movimento.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, l’idea che il mondo non tornerà mai alla normalità dopo il COVID è stata promossa dall’establishment su tutta la linea.

Un alto funzionario dell’esercito americano ha affermato che indossare la maschera e il distanziamento sociale diventeranno permanenti, mentre Nick Paton Walsh della CNN ha affermato che l’uso obbligatorio delle maschere diventerà “permanente”, e che il pubblico avrebbe bisogno per “rassegnarsi”.

Fonte

101120schwab1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €