Archivi Blog

Scienza Proibita: Dio contro Darwin (Il verme e Marilyn)

“Gli evoluzionisti continuano a spiegare che tutta la vita sulla Terra discende da un comune antenato che viveva approssimativamente 3,8 miliardi di anni fa; “L’ultimo antenato universale” (UAU).

Come prova di questa teoria, l’evoluzionista citerà l’alto grado di somiglianze biologiche che esistono tra tutte le creature viventi. In effetti, tutte le cellule viventi usano lo stesso set base di amminoacidi. L’evoluzionista ragiona così: “Certo, che c’è un UAU! Guarda tutte le somiglianze fisiche e molecolari comuni a tutti gli organismi viventi. ”

Dai un’occhiata agli show sugli animali in TV e prendi nota di quante volte il narratore invochi reverenzialmente “l’evoluzione darwiniana”.

Visita uno zoo o un acquario e sentirai le guide turistiche ripetere come questo o quell’animale si sia “evoluto”. Eppure, le prove di come questo sviluppo non guidato e cieco di creature complesse sia realmente avvenuto non sono mai mostrate al pubblico; né in TV, né negli zoo, né nelle aule universitarie. La mancanza di specificità riguardante la transizione di molti milioni di anni dalla melma oceanica all’animale non ha importanza per l’evoluzionista, perché si presume che tutto si sia “evoluto” nel creato.

Abbiamo visto, in innumerevoli occasioni, l’iconica carta dell’evoluzione umana che descrive la transizione da una piccola scimmia all’uomo completamente eretto. A un’occhiata casuale, sembra quasi plausibile, vero? Dopo tutto, le somiglianze tra scimmia e uomo sono davvero notevoli; il che dimostra, beh, che le somiglianze tra scimmia e uomo sono davvero sorprendenti. E allora? Ci sono anche alcune differenze “sorprendenti”, vorrei sottolineare!

Solo qualcuno manipolato nel sostenere l’evoluzione ad ogni costo salterà automaticamente alla conclusione che l’uomo si è quindi “evoluto” da creature apeliche. Non sarebbe ragionevole suggerire che se un essere intelligente avesse progettato le varie forme di vita, avrebbe usato certe strutture di base come i suoi modelli biologici?

Nonostante le enormi differenze di aspetto, dimensioni, prestazioni, funzionalità, ecc., Una Ferrari Sports Car ha ancora molto in comune con un scuolabus (ruote, motore a combustione, trasmissione, batteria, serbatoio, freni, volante, sedili, ecc.). La Ferrari è quindi una forma “evoluta” dal Bus? O si tratta semplicemente di una struttura comune per tutti gli autoveicoli, originata dalle menti degli uomini che hanno inventato la meraviglia moderna delle automobili?

Evoluzione non intelligente delle automobili…non penso proprio

La scala evolutiva non e` una prova solida. Si tratta di un lavoro teoretico, basato su ipotesi non provate, promosso da un clamore accademico e mediatico incondizionato, che vi denuncerà brutalmente come “ignoranti” se dubitate della sua premessa.

Iniziando la transizione con una piccola scimmia a quattro zampe, i furbi creatori del sistema evolutivo si sono dati quello che credevano fosse un vantaggio di 3 miliardi di anni. Una rappresentazione più onesta avrebbe raffigurato un’ameba a cellula singola (UAU), seguita da un pesce, seguita da una sorta di pesce scimmia strisciante, seguita da una scimmia e infine da un uomo moderno.

Tuttavia una tale rappresentazione non sembrerebbe plausibile. In effetti, se una tale idea dovesse essere spinta dai media tanto quanto quella a cui tutti siamo abituati, la credenza pubblica nella transizione da ‘brodo primordiale all’uomo’ sicuramente si eroderebbe.

Quindi, per ricapitolare, cerchiamo di essere chiari su cosa significa in realtà evoluzione atea. Eccola, nella sua nuda, cruda e onesta forma.

Immagina se dovessimo rintracciare l’albero genealogico della leggendaria bellezza Marilyn Monroe, sua madre, sua nonna, la sua bisnonna, la sua trisavola ecc.
Quindi immagina di rintracciare l’albero genealogico di una larva disgustosa che al momento si sta facendo strada attraverso la carcassa in decomposizione vecchia di una settimana, a sua madre (una mosca), alla sua nonna, alla sua bisnonna, ecc – fino a quando alla fine incontriamo la stessa creatura che ci ha portato la bella Marilyn. Vedi, secondo Darwin, Marilyn e la larva sono lontani cugini!

Per favore non schiacciate piu` le mosche. Quelle piccole creaturine potrebbero un giorno “evolversi” nel sogno di ogni uomo.

Viaggi simili attraverso la nostra macchina del tempo risulterebbero in una miriade di altri sconvolgenti incontri l’Elefante e la Farfalla, la Formica e la Quercia, il Coniglio e il Tyrannosaurus Rex, e così via.

Ma cerchiamo di essere onesti e offriamo a Mr. Darwin l’opportunità di presentare il suo caso.