Archivi Blog

Il popolino riceve una lezione su come funzionano i media mainstream dopo i commenti sui vaccini di Nicki Minaj

Risposte isteriche dopo che la rapper ha raccontato gli effetti collaterali del vaccino.

Dopo che la rapper Nicki Minaj ha causato polemiche su un tweet parlando degli effetti collaterali del vaccino COVID-19, i media mainstream hanno immediatamente iniziato a mentire e riportare erroneamente ciò che aveva detto, offrendo un raro squarcio (per le persone normali) su come la stampa distorce la verità.

La vicenda è iniziata dopo che la Minaj ha raccontato su Twitter quello che è successo all’amico di suo cugino a Trinidad quando ha preso il vaccino.

“Mio cugino a Trinidad non si fara’ vaccinare perché il suo amico è diventato impotente dopo averlo fatto. I suoi testicoli si sono gonfiati. Il suo amico stava per sposarsi, ora la ragazza ha annullato il matrimonio. Assicurati di essere a tuo agio e non bullizzato nel prendere certe decisioni”, ha scritto la Minaj.

Il tweet ha mandato completamente in tilt sia i fan della Minaj che i media, la cantante si e’ scagliata contro i media perche’ hanno frainteso il suo messaggio.

Joy Reid di MSNBC ha affermato di essere “triste per cio’ che aveva detto”, spingendo la Minaj a rispondere: “Non ti sei preoccupats di leggere tutti i miei tweet … immagina di portare il tuo stupido culo in tv un minuto dopo un tweet per diffondere una falsa narrativa su una donna di colore».

La Minaj ha twittato di nuovo dichiarando: “I due uomini bianchi seduti lì stanno annuendo perche’ hai fatto il lavoro al posto loro. Che triste.

Larapper ha successivamente chiamato la Reid, “Bugiarda omofoba”, riferendosi ai suoi vecchi post sul blog che Reid affermava dubbiosamente fossero opera di un misterioso “hacker”.

Altre agenzie di stampa come Variety hanno pubblicato dichiarazioni completamente false che la Minaj avrebbe fatto in passato, spingendola a rispondere: “Mai detto questo. Sono contenta di non aver mai cancellato nessun tweet.”

I media hanno anche mentito sostenendo che la Minaj ha detto di voler evitare il Met Gala a causa dell’obbligo vaccinale, portando la rapper a twittare, “3 bugie una dopo l’altra da importanti agenzie di stampa. Ho citato mio figlio come il motivo per cui non volevo viaggiare. Avete notato come NESSUNA di loro lo abbia menzionato? Chiediti il perche’!”.

Il Daily Beast ha anche affermato che la Minaj avesse detto di essere “preoccupata” per il vaccino quando non ha mai usato tali parole.

L’isterica risposta alle dichiarazioni della Minaj, nelle quali semplicemente afferma che le persone dovrebbero ricercare attentamente i potenziali effetti collaterali prima di prendere il vaccino, hanno fornito ai milioni di fan di Minaj un’intuizione significativa su come il complesso industriale mediatico attacchi violentemente qualsiasi VIP che si ribella alla narrativa ufficiale

Fonte.

140921minaj1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La dipendenza dei media dal “Covid Fear Porn” e i costanti danni al tessuto sociale

Nell’ultimo anno e mezzo, media isterici che parlano di questioni relative al Covid-19 hanno ridotto alcune persone a uno stato spaventoso di conformità incondizionata, tra cui un gran numero di giornalisti altrimenti critici.

Con titoli in grassetto e caratteri grandi come “Questo incubo finirà mai?” e “Il numero di contagi sale alle stelle…” e “PANICO: La paura cresce in tutto il paese” e “L’orrore del coronavirus: i filmati sui social media mostrano che i residenti di Wuhan infetti “si comportano come zombi””, non c’è da meravigliarsi se molte persone sono in uno stato di panico .

In tempi in cui molti soffrono mentalmente e fisicamente sotto inutili e prolungati lockdown, l’incessante Fear Porn sta causando un’ansia eccessiva, che a sua volta influenzerà la salute e il benessere mentale di alcuni, se non di molti.

Nei documenti governativi del Gruppo consultivo scientifico per le emergenze (SAGE) del Regno Unito, datati marzo 2020, è stato fornito un consiglio che diceva:

“Il livello percepito di minaccia personale deve essere aumentato tra coloro che sono compiacenti, utilizzando messaggi emotivi incisivi… Questo potrebbe essere fatto da volontari addestrati per il supporto della comunità, da campagne mediatiche mirate, dai social media”.

Direi che le campagne mediatiche del Regno Unito non erano tanto “mirate”, ma hanno sicuramente fatto il lavoro, e altre nazioni occidentali hanno ricevuto direttive simili. Il governo del Regno Unito è diventato anche il più grande inserzionista della nazione nel 2020, pensa alle potenziali ramificazioni che cio’ potrebbe avere sui giornali a corto di soldi e sulla loro presunta “indipendenza”.

Essendo io stesso profondamente concentrato sull’esporre la propaganda di guerra e le menzogne ​​di altri media in Siria, Palestina, Venezuela e altrove nel corso degli anni, la mia posizione predefinita è diventata di profondo cinismo nei confronti dei mass media. Sì, puoi trovare pepite di verità, o anche ottimi giornalisti nelle pubblicazioni tradizionali, che sfidando onestamente la narrativa ufficiale.

Ma si tratta di poca gente, generalmente trovi propaganda copia-incolla proveniente in gran parte dalle viscere degli Stati Uniti e del Regno Unito.

Uno studio della Swiss Propaganda Research (SPR) ha osservato che “la maggior parte della copertura delle notizie internazionali nei media occidentali è fornita da sole tre agenzie di stampa globali con sede a New York, Londra e Parigi”.

Queste agenzie sono AP, Reuters e AFP. SPR nota:

Il ruolo chiave svolto da queste agenzie fa sì che i media occidentali riportino spesso gli stessi argomenti, anche utilizzando la stessa formulazione. Inoltre, i governi, i servizi militari e di intelligence utilizzano queste agenzie di stampa globali come moltiplicatori per diffondere i loro messaggi in tutto il mondo.

Alla luce di tutto ciò, sono arrivato a credere che per quanto riguarda i resoconti dei media sul Covid-19, il mio cinismo sia del tutto giustificato.

Le news sul Covid-19 sono state sempre assurde, con storie di persone che cadono morte per strada, obitori costruiti in piste da pattinaggio per far fronte alle montagne di corpi, filmati di un ospedale sovraffollato di New York (che in realta’ era un ospedale italiano), animali risultati positivi per SARS-CoV-2 e, più recentemente, segnalazioni di persone che muoiono dopo il vaccino, ma ci viene detto “potrebbe andare peggio!”

Questa campagna di paura ha indotto il pubblico a sovrastimare massicciamente la letalità del Covid-19, che, come notano voci non allarmistiche, ha un tasso di sopravvivenza di oltre il 99 percento.

Quando mesi dopo l’epidemia è diventato evidente che SARS-CoV-2 era molto meno letale di quanto inizialmente previsto, i media sono passati dal parlare di “morti per Covid” a “casi positivi”.

Sebbene relativamente presto una capra e una papaia siano risultate positive al Covid-19, invece di esaminare l’accuratezza del test PCR come mezzo per “rilevare il Covid-19”, i media hanno continuato a promuovere l’aumento dei “casi” di Covid-19.

Di pari passo, i test per covid sono aumentati drasticamente utilizzando il test PCR (recentemente revocato dal CDC). Ciò ha inevitabilmente aumentato il numero di “casi”, che i mass media hanno a loro volta promosso senza sosta, questo a sua volta ha fornito munizioni a coloro che vogliono lockdown e vaccini.

Ormai centinaia di medici, infermieri, virologi, immunologi e altri professionisti che vale davvero la pena ascoltare, i cui dati e la cui esperienza contrastano il clamore pompato dai media sono scomparsi molto rapidamente dai social media, o sono stati altrimenti ritenuti ciarlatani. Ciò fa si che il pubblico in generale ottenga le proprie informazioni principalmente tramite i media pubblicizzati.

Accanto a questo, ci sono stati implacabili attacchi ad hominem ai giornalisti che pongono domande legittime e verità scomode sulle narrazioni ufficiali sul Covid-19.

Per offrire prospettive che contraddicono le narrazioni standard su Covid-19, i giornalisti sono stati ritenuti teorici della cospirazione, negazionisti della pandemia, di destra, egoisti…

Quando si tratta di questioni relative al Covid-19, è improvvisamente inaccettabile mettere in discussione “The Science”, mettere in discussione le autorità o mettere in discussione gli stessi media che ci hanno venduto falsita’ come le armi di distruzione di massa in Iraq e gli attacchi chimici in Siria.

I media sono i motori dell’isteria Covid, ed è il bombardamento quotidiano di Fear Porn che confonde la gente media e consente di dare spazio a poteri tirannici.

Che tu sia d’accordo o meno con le domande e le critiche delle voci dissenzienti, abbiamo il diritto di chiederle e farle. Lo facciamo, sapendo che rimanere in silenzio di fronte alle brutali misure anti-Covid è un percorso garantito verso la tirannia.

Fonte

covid-covers

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Obbligo vaccinale e il “Grande Reset”

Cresce la pressione sui non vaccinati. Mentre i vaccinati in alcuni paesi stanno recuperando parte delle loro libertà sottratte dagli interventi covid, i non vaccinati non se la passano cosi’ bene. Sono presi di mira in modo discriminatorio. L’accesso agli spazi pubblici e gli spostamenti sono sempre piu’ difficili per questa categoria. In alcuni paesi esiste persino la vaccinazione obbligatoria per alcune professioni.

Ma perché la campagna di vaccinazione è così importante per i governi da aumentare la pressione a tal punto? E chi è interessato alla campagna di vaccinazione globale?

Per rispondere a queste domande è necessario analizzare la narrativa vaccinale prevalente e chiedersi chi ne beneficia.

In tal modo, va affrontata l’alleanza di interessi tra lo Stato, i media, l’industria farmaceutica e le istituzioni sovranazionali.

Cominciamo dall’industria farmaceutica.

Ha un evidente interesse economico nella campagna di vaccinazione.

E lo stato?

Nella crisi del covid-19, i politici hanno sistematicamente amplificato la paura e l’isteria. Questo non è stato un caso e non è sorprendente, poiché lo stato fonda la sua ragion d’essere sull’argomento che protegge la popolazione dai pericoli interni ed esterni. Lo stato è costruito sulla paura. La narrativa è che senza l’aiuto dello stato, il cittadino sarebbe indifeso contro la fame, la povertà, gli incidenti, la guerra, il terrorismo, le malattie, i disastri naturali e le pandemie. È quindi nell’interesse dello Stato instillare la paura di possibili pericoli, che poi pretende di risolvere, ampliando nel frattempo il proprio potere. Un esempio relativamente recente è la restrizione delle libertà civili negli Stati Uniti in risposta alla minaccia del terrorismo dopo gli attacchi dell’11 settembre e la seconda guerra in Iraq. Allo stesso modo, era nell’interesse dei governi instillare intenzionalmente la paura e ritrarre il covid-19 come un virus killer unico al fine di espandere il potere statale in una misura sconosciuta in tempo di pace a scapito dei diritti fondamentali dei cittadini.

Quando è iniziata la crisi covid e non si sapeva molto del potenziale pericolo del virus, i politici hanno dovuto affrontare un paradosso. Se i politici avessero sottovalutato il pericolo senza reagire, sarebbero stati ritenuti responsabili di sottovalutare la situazione. Perdono le elezioni e il potere. Soprattutto se fossero stati incolpati dei morti. Foto di sepolture di massa a parte, le conseguenze della sottovalutazione del pericolo e del mancato intervento sono politicamente fatali. Al contrario, sopravvalutare il pericolo e intraprendere azioni decisive sono politicamente molto più attraenti.

Se è davvero una minaccia senza precedenti, i politici sono celebrati per le loro misure dure come i lockdown. Gli stessi possono sempre sostenere che senza la loro azione decisiva, ci sarebbe stato davvero un disastro. Se alla fine le misure si sono rivelate esagerate perché il rischio non era poi così grande, le possibili conseguenze negative delle misure non sono direttamente associate ai politici come le foto delle sepolture di massa, perché queste conseguenze sono più indirette. I costi sanitari indiretti e a lungo termine dei lockdown includono suicidi, depressione, alcolismo, malattie legate allo stress, decessi precoci per interventi chirurgici e screening annullati e uno standard di vita generalmente inferiore. Tuttavia, questi costi non sono direttamente associati agli interventi drastici e addebitati alla politica. Molte di queste conseguenze si verificheranno dopo le prossime elezioni o anche più tardi e non sono visibili. Ad esempio, non possiamo osservare fino a che punto un tenore di vita più elevato avrebbe aumentato l’aspettativa di vita. E se qualcuno muore tra sei anni a causa dell’alcolismo o della depressione sviluppatasi a seguito dei lockown, la maggior parte delle persone probabilmente non renderà responsabili i politici del lockdown e, se lo fanno, questi politici probabilmente non saranno piu’ al potere. Pertanto, è nell’interesse dei politici sopravvalutare una minaccia e reagire in modo eccessivo.

Per giustificare e difendere misure dure come il lockdown, è necessario suscitare la paura. Quando i politici hanno alimentato la paura e l’isteria durante la crisi del covid-19, attuando misure altamente restrittive come i lockdown, il danno all’economia e al tessuto sociale è stato immenso. Eppure una società non può essere bloccata per sempre, poiché i costi continuano ad aumentare. Ad un certo punto, si deve uscire dal lockdown e tornare alla normalità. Tuttavia, come si può allo stesso tempo impaurire il popolo con la minaccia di un virus killer e tornare alla normalità?

La via d’uscita è la vaccinazione.

Insieme alla campagna di vaccinazione lo stato può proporsi come il salvatore dal grande pericolo. Lo stato organizza la vaccinazione per i suoi cittadini e dà le vaccinazioni ai cittadini gratuitamente. Senza questo “salvataggio vaccinale” e in un lockdown permanente, le conseguenze economiche e sociali negative delle restrizioni ai diritti civili sarebbero così grandi che il risentimento tra la popolazione continuerebbe a crescere portando alla fine a disordini. Quindi, prima o poi, il lockdown deve finire. Se, tuttavia, le autorità statali cancellassero i lockdown e le restrizioni senza ulteriori spiegazioni e implicassero che il pericolo non era poi così grande, perderebbero molto sostegno e fiducia tra la popolazione. Di conseguenza, dal punto di vista governativo, è necessario uno “scenario di uscita” buono e salva-faccia dalle restrizioni più severe, e la campagna di vaccinazione e’ costruita in tal modo.

Attraverso la vaccinazione fornita dallo stato, lo stato può continuare a mantenere la narrativa della grande minaccia e comunque uscire dai lockdown. Allo stesso tempo, può spacciarsi per un salvatore che sta aiutando a percorrere la strada per il ritorno alla normalita’. Per fare questo, è necessario che gran parte della popolazione venga vaccinata, perché se si vaccina solo una frazione della popolazione, la campagna di vaccinazione non può essere venduta come un passo necessario verso l’apertura. Pertanto, è nell’interesse dello stato vaccinare una parte importante della popolazione.

Se questa strategia funziona, lo stato avrà creato un precedente, ampliato il suo potere e reso i cittadini più dipendenti. I cittadini crederanno che lo stato li abbia salvati da una situazione mortale e che avranno bisogno del suo aiuto in futuro. In cambio, saranno disposti a rinunciare ad alcune delle loro libertà in modo permanente. Propagandare la necessita’ di un richiamo annuale organizzato dallo stato perpetuerà la dipendenza dei cittadini.

I mass media si sono allineati e supportano attivamente la narrativa della vaccinazione.

Lo Stato e i mass media sono strettamente collegati. Già nel 1928 Edward Bernays sosteneva la manipolazione intelligente delle masse nel suo classico libro Propaganda. Negli stati moderni, i mass media aiutano a costruire l’approvazione popolare per le misure politiche come nel caso del covid-19.

Il sostegno dei mass media allo stato è dovuto a diverse ragioni. Alcuni media sono di proprietà diretta dello stato, altri sono altamente regolamentati o richiedono licenze statali. Inoltre, le case dei media sono composte da laureati provenienti da istituzioni educative statali. Inoltre, soprattutto in tempi di crisi, un buon collegamento con il governo offre vantaggi e un accesso privilegiato alle informazioni. La volontà di portare avanti la narrativa della paura dello stato deriva anche dal fatto che le notizie negative e l’esagerazione dei pericoli attirano l’attenzione.

Nella crisi covid-19, la copertura mediatica unilaterale che ha proliferato attraverso i social media e le voci critiche smorzate ha contribuito alla paura e al panico e ha creato un grande stress psicologico tra la popolazione. Tuttavia, non sono solo le notizie negative ad attrarre i media; anche la narrativa dello stato che salva la popolazione da una grave crisi vende bene. Così, la narrativa della vaccinazione fa il gioco dei mass media.

Oltre agli stati-nazione, ai media e alle aziende farmaceutiche, anche le organizzazioni sovranazionali hanno interesse a garantire che la popolazione mondiale sia vaccinata.

Le organizzazioni sovranazionali stanno attivamente perseguendo un’agenda in cui le campagne di vaccinazione globali svolgono un ruolo importante. Queste organizzazioni includono il Forum economico mondiale (WEF), le Nazioni Unite (ONU), l’UE, il Fondo monetario internazionale (FMI) e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che sono strettamente interconnessi.

Alcune di queste organizzazioni si sono prefissate come obiettivo un grande reset, o una grande trasformazione. Nelle aree della pandemia e della protezione del clima, del genere, della migrazione e del sistema finanziario, queste organizzazioni vogliono trovare risposte coordinate a beneficio di tutte le persone in tutto il mondo. Sottolineano la responsabilità condivisa e la solidarietà globale. Il controllo centrale della vaccinazione, del cambiamento climatico e dei flussi finanziari e migratori porta i segni distintivi di un nuovo ordine mondiale. Ad esempio, il tema dell’incontro annuale del WEF 2019 è stato “Globalizzazione 4.0: dare forma a una nuova architettura globale nell’era della quarta rivoluzione industriale“. Un altro esempio di pianificazione sovranazionale è il “Global Compact for Migration” delle Nazioni Unite. A livello nazionale, queste idee radicali sono supportate, come dimostrato dal documento politico del Consiglio consultivo tedesco sul cambiamento globale Welt im Wandel – Gesellschaftsvertrag für eine Große Transformation (Mondo in transizione: contratto sociale per una grande trasformazione).

Raymond Unger (2021, pp. 84-89) vede questa spinta alla pianificazione sovranazionale come parte di una guerra culturale immaginata da Antonio Gramsci e Herbert Marcuse. Una gestione globale dell’opinione e dell’indignazione si combina con scene di paura e orrore, specialmente nei campi del cambiamento climatico e del covid-19, per stabilire un nuovo ordine mondiale socialista. Infatti, l’OMS, il FMI e l’ONU sono guidati da ex comunisti. Il WEF è finanziato da aziende globali, tra cui l’industria farmaceutica e le grandi aziende tecnologiche. Il WEF, da parte sua, finanzia in modo significativo l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. L’OMS è anche finanziata in modo significativo dalle aziende farmaceutiche e dalla Bill and Melinda Gates Foundation, che guida le campagne di vaccinazione globali. Durante la crisi del covid-19, anche l’industria farmaceutica ha esercitato la sua influenza sull’OMS. E l’FMI ha aiutato gli stati-nazione solo se hanno rispettato le raccomandazioni dell’OMS.

Queste organizzazioni sovranazionali interconnesse vedono la crisi del covid-19 come un’opportunità per far avanzare le loro agende. Il documento politico delle Nazioni Unite Shared Responsibility, Global Solidarity: Responding to the Socio-economic Impacts of COVID-19 vede il covid-19 come un punto di svolta per la società moderna. L’intenzione è quella di cogliere l’opportunità e agire in modo coordinato a livello globale. La principali aziende tecnologiche supportano questi programmi. Sono anche membri del WEF e hanno censurato le informazioni sgradevoli relative al covid-19 sulle loro piattaforme (Twitter, YouTube e Facebook), proprio come i mass media. I video critici nei confronti della vaccinazione vengono eliminati in modo particolarmente rapido su YouTube.

Il titolo di un discorso programmatico della direttrice dell’FMI Kristalina Georgieva, “Dal grande blocco alla grande trasformazione“, sottolinea anche l’idea che le organizzazioni sovranazionali vogliono utilizzare la crisi covid-19 per i loro programmi. Klaus Schwab, fondatore del WEF, sostiene che la crisi del covid-19 rappresenta una “rara opportunità” per “porre nuove basi per i nostri sistemi economici e sociali“. In COVID-19: The Great Reset, scritto insieme a Thierry Malleret, Schwab parla di un momento decisivo e afferma che emergerà un nuovo mondo. Secondo Schwab, è tempo di una riforma fondamentale del capitalismo.

Pertanto, il programma di vaccinazione coordinato a livello globale può essere interpretato come un elemento costitutivo di una strategia sovranazionale di grande reset.

Si stanno creando strutture di vaccinazione globali che possono essere utilizzate per successive campagne di vaccinazione globali. Dal punto di vista dei sostenitori di un grande ripristino, la vaccinazione contro il covid-19 coordinata a livello globale sottolinea la necessità di strutture e organizzazioni globali che possono quindi essere utilizzate per altri scopi globali, come combattere efficacemente il “cambiamento climatico” e spingere per un grande ripristino. In breve, lo stato, i media, l’industria farmaceutica e le organizzazioni sovranazionali sono strettamente intrecciate e hanno un interesse comune nella narrativa della vaccinazione.

Da questo punto di vista, la crescente pressione sui vaccini senza vaccino non sorprende.

Fonte

https___d1e00ek4ebabms.cloudfront.net_production_c3623c75-138c-4de7-b476-3194e3e566b4

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La pandemia del panico (Fear is the Mind-Killer)

Il timore di giornalisti, scienziati e politici ha creato piu’ danni del virus…

Il mondo occidentale ha subito due ondate letali di contagi nell’ultimo anno e mezzo. La prima è stata una pandemia virale che ha ucciso circa un americano su 500, in genere una persona sopra i 75 anni che soffriva di altre gravi condizioni. La seconda, e molto più catastrofica, è stata un panico morale che ha travolto le istituzioni guida delle nazioni.

Invece di mantenere la calma e andare avanti, l’élite americana ha violato le norme del governo, del giornalismo, della libertà accademica e, peggio ancora, della scienza. Hanno fuorviato il pubblico sulle origini del virus e sul vero rischio che rappresentava. Ignorando i propri piani accuratamente preparati per una pandemia, hanno rivendicato poteri senza precedenti per imporre strategie non testate, con terribili danni collaterali. Man mano che aumentavano le prove dei loro errori, soffocarono il dibattito diffamando i dissidenti, censurando le critiche e sopprimendo la ricerca scientifica.

Se, come sembra sempre più plausibile, il coronavirus che causa il Covid-19 è fuoriuscito da un laboratorio di Wuhan, si tratta dell’errore più costoso mai commesso dagli scienziati. Qualunque sia l’origine della pandemia, la risposta ad essa è il peggior errore nella storia della professione sanitaria. Non abbiamo ancora prove convincenti che i lockdown abbiano salvato vite, ce ne abbiamo tuttavia parecchie che provano che sono già costati vite e si dimostreranno più mortali a lungo termine del virus stesso.

Secondo un sondaggio Gallup, una persona su tre in tutto il mondo ha perso un lavoro o un’impresa durante i lockdown e la metà ha visto diminuire i propri guadagni. I bambini, che sono quasi immuni dal virus, in molti luoghi hanno sostanzialmente perso un anno di scuola. Le conseguenze economiche e sanitarie si sono sentite in modo più acuto tra i meno abbienti in America e nel resto del mondo, dove la Banca Mondiale stima che più di 100 milioni siano stati spinti nella povertà estrema.

I leader responsabili di questi disastri continuano a fingere che le loro politiche abbiano funzionato e presumono di poter continuare a ingannare il pubblico. Hanno promesso di implementare di nuovo queste strategie in futuro e potrebbero anche riuscirci, a meno che non iniziamo a capire cosa è andato storto.

Il panico è iniziato, come al solito, dai giornalisti. Quando il virus si è diffuso all’inizio dello scorso anno, hanno evidenziato le statistiche più allarmanti e le immagini più spaventose: le stime di un tasso di mortalità da dieci a 50 volte superiore a quello dell’influenza, le scene caotiche negli ospedali in Italia e a New York City, prevedendo che i sistemi sanitari sarebbero crollati a breve.

Il panico su vasta scala è stato scatenato dal rilascio nel marzo 2020 di un modello computerizzato presso l’Imperial College di Londra, che prevedeva che, a meno che non fossero state prese misure drastiche, le unità di terapia intensiva avrebbero avuto 30 pazienti Covid per ogni letto disponibile e che L’America avrebbe contato 2,2 milioni di morti entro la fine dell’estate. I ricercatori britannici hanno annunciato che “l’unica strategia praticabile” era imporre restrizioni draconiane a imprese, scuole e incontri sociali fino all’arrivo di un vaccino.

Questo straordinario progetto è diventato rapidamente diventato il “consenso” tra funzionari della sanità pubblica, politici, giornalisti e accademici. Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, lo ha approvato ed è diventato l’autorità inattaccabile per coloro che pretendono di “seguire la scienza”. Quello che originariamente era stato concepito per essere un breve lockdown – “15 giorni per rallentare la diffusione” – è diventato una politica a lungo termine in gran parte degli Stati Uniti e del mondo. Alcuni scienziati ed esperti di salute pubblica si sono opposti, osservando che un lockdown prolungato era una nuova strategia la cui efficacia era sconosciuta e che era stata respinta nei precedenti piani per una pandemia. È stato un esperimento pericoloso condotto senza conoscere la risposta alla domanda più elementare: quanto è letale questo virus?

Il primo critico più importante fu John Ioannidis, un epidemiologo di Stanford, che pubblicò un saggio per STAT intitolato “A Fiasco in the Making? Mentre la pandemia di coronavirus prende piede, stiamo prendendo decisioni senza dati affidabili”. Mentre un lockdown a breve termine aveva senso, ha affermato, un lockdown prolungato potrebbe rivelarsi peggiore della malattia e gli scienziati avevano bisogno di eseguire test più intensivi per determinare il rischio. L’articolo offriva consigli di buon senso da una delle autorità più citate al mondo sulla credibilità della ricerca medica, ma ha provocato una furiosa reazione su Twitter da parte di scienziati e giornalisti.

La furia si è intensificata nell’aprile 2020, quando Ioannidis ha seguito il suo stesso consiglio unendosi a Jay Bhattacharya e ad altri colleghi di Stanford per valutare la diffusione del Covid nell’area circostante, la contea di Santa Clara. Dopo aver testato gli anticorpi Covid nel sangue di diverse migliaia di volontari, hanno stimato che il tasso di mortalità tra i contagiati nella contea fosse di circa lo 0,2 per cento, il doppio di quello dell’influenza ma notevolmente inferiore alle ipotesi di funzionari della sanità pubblica e informatici modellisti. I ricercatori hanno riconosciuto che il tasso di mortalità potrebbe essere sostanzialmente più alto in altri luoghi in cui il virus si era diffuso ampiamente come nelle case di cura (cosa che non si era ancora verificata nella zona di Santa Clara). Semplicemente riportando dati che non si adattavano alla narrativa ufficiale del panico, sono diventati bersagli.

Altri scienziati hanno criticato aspramente i ricercatori e hanno affermato che le debolezze metodologiche nello studio hanno reso i risultati privi di significato. Uno statistico della Columbia ha scritto che i ricercatori “devono a tutti noi delle scuse”. Un biologo dell’Università della Carolina del Nord ha affermato che lo studio era “scienza orribile”. Un chimico della Rutgers definì Ioannidis una “mediocrità” che “non può nemmeno formulare un simulacro di un’argomentazione coerente e razionale”. Un anno dopo, Ioannidis si meraviglia ancora degli attacchi allo studio (che alla fine è stato pubblicato su un’importante rivista di epidemiologia). “Gli scienziati che rispetto hanno iniziato a comportarsi come guerrieri che dovevano sovvertire il nemico”, dice. “Ogni articolo che ho scritto contiene errori – sono uno scienziato, non il papa – ma le conclusioni principali di questo erano corrette e hanno resistito alle critiche”.

I giornalisti mainstream si sono aggiunti al carrozzone con pezzi che accusavano i ricercatori di mettere in pericolo vite umane criticando i lockdown. The Nation ha definito la ricerca un “segno nero” per Stanford. I colpi bassi piu’ ridicoli sono arrivati ​​da BuzzFeed, che ha dedicato migliaia di parole a una serie di banali obiezioni e accuse infondate. L’articolo che ha attirato più attenzione è stata la rivelazione di BuzzFeed che un dirigente di una compagnia aerea contrario ai lockdown aveva contribuito con $ 5.000 – sì, cinquemila dollari! – A un fondo anonimo a Stanford che aveva aiutato a finanziare il lavoro sul campo di Santa Clara.

L’idea che un gruppo di eminenti accademici, non pagati per il loro lavoro nello studio, avrebbe rischiato la propria reputazione distorcendo i risultati per una donazione di $ 5.000 era a prima vista assurda, e ancora più ridicola, dato che Ioannidis, Bhattacharya , e il ricercatore capo, Eran Bendavid, ha affermato di non essere nemmeno a conoscenza della donazione durante lo studio. Ma la Stanford University è stata così intimidita dal clamore online che ha sottoposto i ricercatori a un’indagine di due mesi da parte di uno studio legale esterno. L’inchiesta non ha trovato prove di conflitto di interessi, ma la campagna diffamatoria è riuscita a inviare un messaggio chiaro agli scienziati di tutto il mondo: non mettere in discussione la narrativa dei lockdown.

In un breve interludio di competenza giornalistica, due veterani della scienza, Jeanne Lenzer e Shannon Brownlee, hanno pubblicato un articolo su Scientific American che denuncia la politicizzazione della ricerca sul Covid. Hanno difeso l’integrità e la metodologia dei ricercatori di Stanford, osservando che alcuni studi successivi avevano riscontrato tassi di mortalità simili tra gli infetti. (Nella sua ultima revisione della letteratura, Ioannidis ora stima che il tasso medio di mortalità in Europa e nelle Americhe sia compreso tra lo 0,3 e lo 0,4 percento) Lenzer e Brownlee si sono lamentati del fatto che le critiche ingiuste e ad hominem avevano soppresso un dibattito legittimo intimidendo la comunità scientifica. I loro redattori hanno quindi proceduto a dimostrare il loro punto. Rispondendo alla rabbia online, Scientific American si è pentito pubblicando una nota del redattore che sostanzialmente ripudiava il proprio articolo.

Anche gli editori delle riviste di ricerca si sono adeguati. Quando a Thomas Benfield, uno dei ricercatori in Danimarca che ha condotto il primo grande studio randomizzato controllato sull’efficacia delle maschere contro il Covid, è stato chiesto perché ci mettesse così tanto tempo a pubblicare i risultati tanto attesi, disse loro “sarà pubblicato non appena un giornale scientifico avra’ il coraggio di farlo”. Dopo essere stato respinto da The Lancet, The New England Journal of Medicine e JAMA, lo studio è finalmente apparso sugli Annals of Internal Medicine e il motivo della riluttanza dei redattori è diventato chiaro: lo studio ha dimostrato che una maschera non proteggeva chi la indossava, cosa che contraddiceva le affermazioni dei Centers for Disease Control e di altre autorità sanitarie.

Stefan Baral, un epidemiologo della Johns Hopkins con 350 pubblicazioni a suo nome, ha presentato una critica ai lockdown a più di dieci riviste e alla fine ha rinunciato: “e` la prima volta nella mia carriera che non riesco a pubblicare un pezzo da nessuna parte” . Martin Kulldorff, un epidemiologo di Harvard, ha avuto un’esperienza simile con il suo articolo, all’inizio della pandemia, sostenendo che le risorse dovrebbero essere concentrate sulla protezione degli anziani. “Proprio come in guerra”, scriveva Kulldorff, “dobbiamo sfruttare le caratteristiche del nemico per sconfiggerlo con il minor numero di vittime. Poiché il Covid-19 opera in modo altamente specifico per l’età, anche le contromisure obbligatorie devono essere specifiche per l’età. In caso contrario, vite saranno inutilmente perse.” Si e’ trattato di una profezia tragicamente accurata di uno dei massimi esperti di malattie infettive, ma Kulldorff non riusciva a trovare una rivista scientifica o un mezzo di comunicazione che accettasse l’articolo, quindi ha finito per pubblicarlo sulla sua pagina LinkedIn. “C’è sempre una certa quantità di pensiero di gregge nella scienza”, dice Kulldorff, “ma non l’ho mai visto raggiungere questo livello. La maggior parte degli epidemiologi e degli altri scienziati con cui ho parlato in privato sono contrari ai lockdown, ma hanno paura di parlare».

Per rompere il silenzio, Kulldorff si è unito a Bhattacharya di Stanford e Sunetra Gupta di Oxford per lanciare un appello per una “protezione mirata”, chiamata Great Barrington Declaration. Hanno esortato i funzionari a deviare più risorse per proteggere gli anziani, come fare più test del personale nelle case di cura e negli ospedali, mentre riaprivano le attività e le scuole per i più giovani, andando a proteggere i più vulnerabili man mano che l’immunità di gregge cresceva tra la popolazione a basso rischio.

Sono riusciti ad attirare l’attenzione, ma non il tipo che speravano. Sebbene decine di migliaia di altri scienziati e medici abbiano continuato a firmare la dichiarazione, la stampa l’ha dipinta come una pericolosissima strategia e un “incubo etico” da “negazionisti del Covid” e “agenti di disinformazione”. Google inizialmente ha usato lo shadow banning in modo che cercando “Grande Dichiarazione di Barrington” i primi risultati fossero solo critiche (come un articolo che lo chiamava “il lavoro di una rete di negazionisti del clima”) ma non la dichiarazione stessa. Facebook ha chiuso la pagina degli scienziati per una settimana per violazione di “standard comunitari” non specificati.

L’eretico che e’ stato massacrato di piu’ e’ stato Scott Atlas, medico e analista di politiche sanitarie presso la Hoover Institution di Stanford. Anche lui sosteneva che una protezione mirata delle case di cura fosse la strada da intraprendere e ha calcolato che le interruzioni mediche, sociali ed economiche dei lockdown sarebbero costate un prezzo incalcolabile. Quando è entrato a far parte della task force sul coronavirus della Casa Bianca, Bill Gates lo ha deriso definendolo “quello sconosciuto da Stanford” che promuoveva “teorie strampalate”. Quasi 100 membri della facoltà di Stanford hanno firmato una lettera denunciando le sue “falsità e manipolazioni scientifiche” e un editoriale dello Stanford Daily ha esortato l’università a recidere i suoi legami con Hoover.

Il senato della facoltà di Stanford ha votato a stragrande maggioranza per condannare le azioni di Atlas come “un anatema per la nostra comunità, i nostri valori e la nostra convinzione che dovremmo usare la conoscenza per il bene”. Diversi professori della facoltà di medicina di Stanford hanno chiesto ulteriori punizioni in un articolo di JAMA, “Quando i medici si impegnano in pratiche che minacciano la salute della nazione”. L’articolo, che ha travisato le opinioni di Atlas e le prove sull’efficacia dei lockdown, ha esortato le società mediche professionali e le commissioni per le licenze mediche ad agire contro Atlas sulla base del fatto che era “eticamente inappropriato per i medici raccomandare pubblicamente comportamenti o interventi che non sono scientificamente fondati”.

Ma se non fosse etico raccomandare “interventi che non sono scientificamente fondati”, come si potrebbero tollerare i lockdown? “E’ stato assolutamente immorale condurre questo intervento a livello di società senza le prove per giustificarlo”, afferma Bhattacharya. “I risultati immediati sono stati disastrosi, soprattutto per i poveri, e l’effetto a lungo termine sarà quello di minare fondamentalmente la fiducia nella salute pubblica e nella scienza”. La strategia tradizionale per affrontare le pandemie era quella di isolare gli infetti e proteggere i più vulnerabili, proprio come raccomandavano Atlas e gli scienziati di Great Barrington. Gli scenari di pianificazione pre-pandemia del CDC non raccomandavano la chiusura prolungata delle scuole o la chiusura delle attività commerciali anche durante un’epidemia mortale come l’influenza spagnola del 1918. Eppure Fauci ha liquidato la strategia di protezione mirata come “totale assurdità” per “chiunque abbia esperienza in epidemiologia e malattie infettive” e il suo verdetto è diventato “la scienza” per i leader in America e altrove.

Fortunatamente, alcuni leader hanno seguito la scienza in modo diverso. Invece di fidarsi ciecamente di Fauci, hanno ascoltato i suoi critici e hanno adottato la strategia di protezione mirata, in particolare in Florida. Il suo governatore, Ron DeSantis, ha iniziato a dubitare dell’istituzione della sanità pubblica all’inizio della pandemia, quando i modelli informatici hanno proiettato che i pazienti Covid avrebbero superato di gran lunga i letti d’ospedale in molti stati. I governatori di New York, New Jersey, Pennsylvania e Michigan erano così allarmati e così determinati a liberare i letti d’ospedale che hanno ordinato alle case di cura e ad altre strutture di ammettere o riammettere i pazienti Covid, con risultati mortali.

Ma DeSantis era scettico sulle proiezioni ospedaliere – per una buona ragione, poiché nessuno stato ha effettivamente esaurito i letti – e più preoccupato per il rischio che il Covid si diffondesse nelle case di cura. Ha proibito ai centri di assistenza a lungo termine di ammettere chiunque fosse infetto da Covid e ha ordinato frequenti test del personale nei centri di assistenza per anziani. Dopo aver chiuso la scorsa primavera, ha riaperto in anticipo aziende, scuole e ristoranti, ha respinto l’obbligo di indossare la mascherina e ha ignorato le proteste della stampa e dei leader democratici dello stato. Fauci ha avvertito che la Florida stava “cercando guai”, ma DeSantis ha continuato a cercare e ascoltare i consigli di Atlas e degli scienziati di Great Barrington, che erano stupiti di parlare con un politico che già conosceva quasi tutti gli studi che gli hanno menzionato.

“DeSantis era un’eccezione incredibile”, afferma Atlas. “Ha raccolto i dati e letto gli articoli scientifici e li ha analizzati tutti da solo. Ha sempre creduto che i lockdown avrebbero portato piu’ danni che benefici ed era d’accordo con la necessità di concentrare i test e altre risorse sugli anziani. E si è dimostrato corretto”.

Se la Florida non avesse fatto peggio del resto del paese durante la pandemia, sarebbe stato sufficiente per screditare la strategia del lockdown. Lo stato fungeva effettivamente da gruppo di controllo in un esperimento naturale e nessun trattamento medico con effetti collaterali pericolosi sarebbe stato approvato se il gruppo di controllo avrebbe ottenuto gli stessi risultati del gruppo sotto restrizioni. Ma l’esito di questo esperimento fu ancora più schiacciante.

Il tasso di mortalità per Covid della Florida è inferiore alla media nazionale tra gli over 65 e anche tra i giovani, quindi il tasso di mortalità per Covid aggiustato per età dello stato è inferiore a quello di tutti gli altri stati tranne dieci. E per la misura più importante, il tasso complessivo di “mortalità in eccesso” (il numero di morti sopra la norma), anche in questo caso la Florida ha fatto meglio della media nazionale. Il suo tasso di mortalità in eccesso è significativamente inferiore a quello dello stato più restrittivo, la California, in particolare tra i giovani adulti, molti dei quali non sono morti per Covid ma per cause legate ai lockdown: gli screening e le cure per il cancro sono stati ritardati e ci sono stati forti aumenti nei decessi per overdose di farmaci e per infarti non trattati tempestivamente.

Se il gruppo di trattamento in uno studio clinico si estinguesse più velocemente del gruppo di controllo, un ricercatore etico fermerebbe l’esperimento. Ma i sostenitori del lockdown non sono stati scoraggiati dai numeri in Florida, o da risultati simili altrove, incluso un esperimento naturale comparabile che coinvolge i paesi europei con le politiche meno restrittive. Svezia, Finlandia e Norvegia hanno rifiutato i mandati di mascherine e i lockdown registrando una mortalita’ in eccesso significativamente inferiore rispetto alla maggior parte degli altri paesi europei durante la pandemia.

Un’analisi a livello nazionale in Svezia ha mostrato che mantenere le scuole aperte durante la pandemia, senza mascherine o distanziamento sociale, ha avuto scarso effetto sulla diffusione di Covid, ma le chiusure delle scuole e l’obbligo di mascherine per gli studenti sono continuate altrove. Un altro ricercatore svedese, Jonas Ludvigsson, ha riferito che non un solo scolaro nel paese è morto di Covid in Svezia e che il rischio di malattie gravi per i loro insegnanti era inferiore rispetto al resto della forza lavoro, ma questi risultati hanno provocato così tanti attacchi e minacce online che Ludvigsson ha deciso di smettere di fare ricerche o discutere di Covid.

Le piattaforme di social media hanno continuato a censurare scienziati e giornalisti che hanno messo in dubbio i blocchi e i mandati delle maschere. YouTube ha rimosso una discussione video tra DeSantis e gli scienziati di Great Barrington, sulla base del fatto che “contraddice il consenso” sull’efficacia delle maschere, e ha anche eliminato l’intervista della Hoover Institution con Atlas. Twitter ha bloccato Atlas e Kulldorff. Uno studio tedesco sottoposto a revisione paritaria che riportava danni ai bambini causati dall’uso di maschere è stato soppresso su Facebook e anche su ResearchGate, uno dei siti Web più utilizzati dagli scienziati per pubblicare i loro documenti. ResearchGate ha rifiutato di spiegare la censura agli scienziati tedeschi, dicendo loro solo che il documento è stato rimosso dal sito Web in risposta a “rapporti della comunità sull’argomento”.

I censori dei social media e l’establishment scientifico, aiutati dal governo cinese, sono riusciti per un anno a sopprimere la teoria della fuoriuscita dal laboratorio, privando gli sviluppatori di vaccini di informazioni potenzialmente preziose sull’evoluzione del virus. È comprensibile, anche se deplorevole, che i ricercatori e i funzionari coinvolti nel sostenere la ricerca del laboratorio di Wuhan nascondano la possibilità di aver scatenato un Frankenstein nel mondo. Ciò che è più difficile da spiegare è perché i giornalisti e il resto della comunità scientifica hanno creduto cosi’ ciecamente a quella storia, insieme al resto della narrativa sul Covid.

Perché l’elite si impanica? Perché così tanti hanno sbagliato per così tanto tempo? Quando i giornalisti e gli scienziati hanno finalmente affrontato il loro errore nell’escludere la teoria della fuoriuscita di laboratorio, hanno incolpato il loro cattivo preferito: Donald Trump. Aveva sposato la teoria, quindi presumevano che fosse sbagliata. E poiché a volte non era d’accordo con Fauci sul pericolo del virus e sulla necessità dei lockdown, allora Fauci doveva avere ragione, e questa era una piaga così mortale che le norme del giornalismo e della scienza dovevano essere sospese. Milioni di persone sarebbero morte a meno di rispettare i diktat di Fauci e i dissidenti fossero messi a tacere.

Sì, il virus era mortale e le dichiarazioni erratiche di Trump hanno contribuito alla confusione e alla faziosità, ma il panico era dovuto a due patologie preesistenti che affliggevano anche altri paesi. La prima è quella che ho chiamato Crisis Crisis, l’incessante stato di allarme fomentato da giornalisti e politici. È un problema di vecchia data – l’umanità era presumibilmente condannata nel secolo scorso dalla “crisi demografica” e dalla “crisi energetica”. Per mantenere il pubblico spaventato 24 ore su 24, i giornalisti cercano Cassandre varie.

A differenza di molte crisi dichiarate, un’epidemia è una minaccia reale, ma l’industria della crisi non può resistere all’esagerazione del pericolo e il giudizio apocalittico è raramente penalizzato. All’inizio dell’epidemia di AIDS degli anni ’80, il New York Times riportò la terrificante possibilità che il virus potesse diffondersi ai bambini attraverso il “contatto ravvicinato di routine”, citando uno studio di Anthony Fauci. La rivista Life ha esagerato selvaggiamente il numero di infezioni in una storia di copertina, intitolata “Ora nessuno è al sicuro dall’AIDS”. Ha citato uno studio di Robert Redfield, il futuro leader del CDC durante la pandemia di Covid, che prevedeva che l’AIDS si sarebbe presto diffusa tra gli eterosessuali come tra gli omosessuali. Entrambi gli scienziati avevano assolutamente torto, ovviamente, ma i falsi allarmi non hanno danneggiato le loro carriere o la loro credibilità.

Giornalisti e politici estendono cortesia professionale agli altri trafficanti di crisi ignorando i loro errori, come le precedenti previsioni di Neil Ferguson. Il suo team all’Imperial College ha previsto fino a 65.000 morti nel Regno Unito per influenza suina e 200 milioni di morti in tutto il mondo per influenza aviaria. Il bilancio delle vittime ogni volta era nell’ordine delle centinaia, ma non importa: quando il team di Ferguson ha proiettato milioni di morti americane per Covid, questo è stato considerato un motivo sufficiente per seguire la sua raccomandazione per lunghi lockdown. E quando l’ipotesi dei modellisti sul tasso di mortalità si è rivelata troppo alta, anche quell’errore è stato ignorato.

I giornalisti hanno continuato a sottolineare gli avvertimenti più allarmanti, presentandoli senza contesto. Avevano bisogno di spaventare il loro pubblico e ci sono riusciti. Per gli americani sotto i 70 anni, la probabilità di sopravvivere a un’infezione da Covid era di circa il 99,9 per cento, ma la paura del virus era più alta tra i giovani che tra gli anziani e i sondaggi hanno mostrato che le persone di tutte le età hanno ampiamente sopravvalutato il rischio di essere ricoverati o morire.

La seconda patologia alla base del panico da Covid è la politicizzazione della ricerca, quella che ho definito la guerra della sinistra alla scienza, un altro problema di vecchia data che è molto peggiorato. Proprio come i progressisti un secolo fa desideravano una nazione guidata da “esperti ingegneri sociali” – sommi sacerdoti scientifici non vincolati da elettori e opinione pubblica – i progressisti di oggi vogliono ampi poteri nuovi per politici e burocrati che “credono nella scienza”, nel senso che usano la versione della scienza della sinistra per giustificare i loro editti. Ora che così tante istituzioni d’élite sono monoculture politiche, i progressisti hanno più potere che mai di imporre il pensiero di gruppo e sopprimere il dibattito. Ben prima della pandemia, avevano padroneggiato le tattiche per demonizzare e mettere a tacere gli scienziati le cui scoperte sfidavano l’ortodossia progressiva su questioni come il QI, le differenze di sesso, la razza, la struttura familiare, il transgenderismo e il cambiamento climatico.

E poi è arrivato il Covid, “il dono di Dio alla sinistra”, nelle parole di Jane Fonda. Esagerare il pericolo e deviare la colpa dalla Cina a Trump ha offerto non solo benefici politici a breve termine, danneggiando le sue prospettive di rielezione, ma anche una straordinaria opportunità per potenziare gli ingegneri sociali a Washington e nelle capitali dello stato. All’inizio della pandemia, Fauci ha espresso dubbi sul fatto che fosse politicamente possibile mettere sotto lockdown le città americane, ma ha sottovalutato l’efficacia dell’allarmismo. Gli americani erano così spaventati che hanno rinunciato alla loro libertà, come lavorare, studiare, pregare, cenare, giocare, socializzare o persino lasciare le loro case. I progressisti hanno celebrato questo “cambiamento di paradigma”, definendolo un “progetto” per affrontare il cambiamento climatico.

Questa esperienza dovrebbe essere una lezione su cosa non fare e di chi non fidarsi. Non dare per scontato che la versione mediatica di una crisi assomigli alla realtà. Non contare sui giornalisti tradizionali e sui loro profeti di sventura preferiti per mettere i rischi in prospettiva. Non aspettarti che coloro che seguono “la scienza” sappiano di cosa stanno parlando. La scienza è un processo di scoperta e dibattito, non una fede da professare o un dogma da vivere. Fornisce una descrizione del mondo, non una prescrizione per la politica pubblica, e gli specialisti in una disciplina non hanno la conoscenza o la prospettiva per guidare la società. Sono prevenuti dalla loro stessa focalizzazione ristretta e interesse personale. Fauci e Deborah Birx, il medico che si è alleato con lui contro Atlas nella task force della Casa Bianca, hanno dovuto rispondere del bilancio giornaliero delle vittime di Covid – quel chyron sempre presente in fondo allo schermo televisivo – quindi si sono concentrati sulla malattia rispetto che sui danni collaterali delle loro politiche guidate dal panico.

“I lockdown di Fauci-Birx sono stati un errore peccaminoso, irragionevole e atroce, e non ammetteranno mai di essersi sbagliati”, afferma Atlas. Né lo faranno i giornalisti e i politici che si sono fatti prendere dal panico insieme a loro. Stanno ancora dipingendo i lockdown non solo come un successo ma anche come un precedente, una prova che gli americani possono sacrificarsi per il bene comune quando diretti da saggi scienziati e benevoli autocrati. Ma il sacrificio ha fatto molto più male che bene, e il fardello non e’ stato diviso equamente. Il peso maggiore è stato sopportato dai più vulnerabili in America e nei paesi più poveri del mondo. Gli studenti provenienti da famiglie svantaggiate hanno sofferto maggiormente della chiusura delle scuole e i bambini di tutto il mondo hanno trascorso un anno indossando maschere esclusivamente per placare le paure nevrotiche degli adulti. I meno istruiti hanno perso il lavoro in modo che i professionisti a rischio minimo potessero sentirsi più sicuri mentre continuavano a lavorare a casa sui loro laptop. La Silicon Valley (e i suoi censori) ha prosperato grazie ai lockdown che hanno mandato in bancarotta le imprese locali.

Luminari uniti su Zoom e YouTube assicuravano al pubblico che “eravamo tutti sulla stessa barca”. Ma non e’ vero. Quando il panico ha contagiato l’élite della nazione, la moderna nobiltà che professa una tale preoccupazione per gli oppressi, si e’ rivelata simile all’aristocrazia del passato. Hanno fatto solo i loro sporchi interessi.

Fonte

5e6d22a03694a.image_

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

3 punti su cui i media mentono ancora riguardo la teoria della fuoriuscita del virus dal laboratorio di Wuhan

1 – Il denaro dei contribuenti statunitensi E’ STATO UTILIZZATO PER FINANZIARE la controversa ricerca sul “guadagno di funzione”

Grazie agli svariati giri di parole del Dr. Anthony Fauci, alcuni nei media stanno dando l’impressione che non ci siano prove che i soldi delle tasse degli americani abbiano finanziato la ricerca sul “guadagno di funzione” o che, forse, la ricerca non si sia qualificata come guadagno di funzione. Tuttavia, le prove su questo punto sono chiare.

Uno studio pubblicato nel 2015 rivela specificamente che la ricerca è proprio sul guadagno di funzione: si prendono come base dei coronavirus innocui per le persone e li si trasforma rendendoli pericolosi per gli esseri umani. Lo studio afferma inoltre che il National Institutes of Health (NIH) ha approvato la continuazione della ricerca anche in mezzo a un divieto generale di tali studi. (Vedi l’estratto dello studio di seguito.)

Estratto dal controverso studio sul guadagno di funzione del 2015 finanziato da NIH e approvato per continuare oltre la data di pubblicazione. (Screenshot da Nature.com)

La ricerca è stata condotta da numerosi scienziati statunitensi tra cui Ralph Baric dell’Università della Carolina del Nord con il virologo capo del Wuhan Institute of Virology: Shi Zhengli. (Vedi gli autori dello studio di seguito.)

Estratto dal controverso studio sul guadagno di funzione del 2015 finanziato da NIH e approvato per continuare oltre la data di pubblicazione. (Screenshot da Nature.com)

2 – La ricerca sul guadagno di funzione non ha ricevuto solo sostegno e denaro dagli Stati Uniti attraverso l’organizzazione no profit “EcoHealth Alliance”, ma anche direttamente

Molti resoconti dei media si riferiscono a diversi milioni di dollari in denaro delle tasse inviati dal NIH al laboratorio di Wuhan tramite l’organizzazione no profit “EcoHealth Alliance” con sede a New York. Tuttavia, la ricerca con il laboratorio, e il laboratorio stesso, ha ricevuto un significativo supporto aggiuntivo dagli Stati Uniti, tra cui:

Sovvenzioni direttamente dal NIH.

Sovvenzioni direttamente dall’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive del Dr. Fauci e dal NIH. (Vedi i numeri delle sovvenzioni evidenziati di seguito.)

Estratto dal controverso studio sul guadagno di funzione del 2015 finanziato da NIH e approvato per continuare oltre la data di pubblicazione. (Screenshot da Nature.com)

Ulteriori fondi da EcoHealth Alliance che inizialmente non erano stati resi noti. (Vedi correzione allo studio di seguito.)

Estratto da una correzione emessa sul controverso studio del 2015 sul guadagno di funzione. (Screenshot da Nature.com)

Assistenza dell’Università del Texas. (Vedi estratto dallo studio di seguito.)

Estratto dal controverso studio del 2015 sul guadagno di funzione. (Screenshot da Nature.com)

Risorse della Food and Drug Administration (FDA). (Vedi la divulgazione dello studio di seguito.)

Estratto dal controverso studio del 2015 sul guadagno di funzione. (Screenshot da Nature.com)

3 – Il laboratorio cinese di Wuhan ha ricevuto supporto diretto dagli Stati Uniti, oltre alle sovvenzioni indirette dell’EcoHealth Alliance

I cablo del Dipartimento di Stato del gennaio 2018 forniscono assistenza dettagliata dall’Università del Texas Medical Branch, compresi i “ricercatori universitari… che aiutano a formare i tecnici che lavorano” nel laboratorio dell’Istituto di virologia di Wuhan. Il laboratorio del Texas è supportato dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases del Dr. Fauci sotto il NIH. (Vedi l’estratto del cavo sotto.)

Estratto dai cablogrammi del Dipartimento di Stato del gennaio 2018. (Screenshot via Washington Post)

Fonte

2021-05-27t214933z_1_lynxnpeh4q1g9_rtroptp_4_health-coronavirus-lab-leak-1-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’Oms fa marcia indietro: Gli Stati non devono utilizzare i lockdown per fermare i contagi

In un sorprendente rimprovero alla “scienza” e ai “dottori”, ai politici di sinistra e ai burocrati negli Stati Uniti e in gran parte dell’Occidente, Evan Pentchoukov di The Epoch Times riferisce che l’inviato speciale dell’Organizzazione mondiale della sanità su COVID-19 ha esortato i leader mondiali a smettere di utilizzare i lockdown come metodo di controllo principale contro la diffusione del virus del Partito Comunista Cinese (PCC), comunemente noto come coronavirus.

“Noi dell’Organizzazione mondiale della sanità non sosteniamo i lockdown come mezzo principale di controllo di questo virus”, ha detto David Nabarro a The Spectator in un’intervista in onda l’8 ottobre.

“L’unica volta in cui crediamo che un lockdown sia giustificato è farti guadagnare tempo per riorganizzare, riequilibrare le tue risorse, proteggere i tuoi operatori sanitari che sono esausti, ma in generale, preferiremmo non farlo.”

Nabarro ha sottolineato il danno collaterale che i lockdown stanno avendo in tutto il mondo, specialmente tra le popolazioni più povere.

“Guarda cosa è successo all’industria del turismo, ad esempio nei Caraibi o nel Pacifico, perché le persone non vanno in vacanza. Guarda cosa è successo ai piccoli agricoltori in tutto il mondo perché i loro mercati sono stati intaccati. Guarda cosa sta succedendo ai livelli di povertà. Sembra che potremmo raddoppiare la povertà mondiale entro il prossimo anno. Sembra che potremmo avere almeno un raddoppio della malnutrizione infantile perché i bambini non ricevono i pasti a scuola e i loro genitori, nelle famiglie povere, non possono permetterselo ”, ha detto Nabarro.

“Questa è una terribile, orribile catastrofe globale in realtà”, ha aggiunto. “E quindi ci appelliamo davvero a tutti i leader mondiali: smettetela di usare i lockdown come metodo di controllo principale, sviluppate sistemi migliori per farlo, lavorate insieme e imparate gli uni dagli altri, ma ricordate: i lockdown hanno solo una conseguenza che non dovete dimenticare , rendono i poveri ancora piu` poveri “.

Nabarro non è l’unico scienziato che si oppone ai lockdown.

Un certo numero di scienziati medici hanno firmato la Dichiarazione di Great Barrington, in cui si afferma che “le attuali politiche di lockdown stanno producendo effetti devastanti sulla salute pubblica a breve e lungo termine”.

I firmatari includono: “Dr. Martin Kulldorff, professore di medicina presso l’Università di Harvard e biostatista ed epidemiologo con esperienza nella rilevazione e nel monitoraggio di epidemie di malattie infettive e valutazioni sulla sicurezza dei vaccini, la dott.ssa Sunetra Gupta, professore presso l’Università di Oxford, epidemiologo con esperienza in immunologia, sviluppo di vaccini e modelli matematici di malattie infettive, e il dottor Jay Bhattacharya, professore presso la Stanford University Medical School, un medico, epidemiologo, economista sanitario ed esperto di politiche di sanità pubblica che si occupa di malattie infettive e popolazioni vulnerabili “.

“L’approccio più compassionevole che bilancia i rischi e i benefici del raggiungimento dell’immunità di gregge, è quello di consentire a coloro che sono a minimo rischio di morte di vivere normalmente la loro vita per costruire l’immunità al virus attraverso l’infezione naturale, proteggendo meglio coloro che sono a rischio più alto “, afferma la dichiarazione.

Con poche eccezioni, i leader mondiali hanno seguito le orme del regime comunista cinese quando hanno risposto allo scoppio del virus, imponendo lockdown senza precedenti. La Svezia, che non ha imposto un lockdown, non ha registrato un esito negativo rispetto ad alcune località e nazioni che lo hanno fatto.

Negli Stati Uniti, il presidente Donald Trump ha delegato le decisioni sulle misure di lockdown ai governatori dei singoli stati, ma ha sollecitato la riapertura dell’economia e la revoca dei lockdown.

Come William Anderson ha recentemente scritto per The Mises Institute, i lockdown servono solo alla classe politica progressista …

Dobbiamo capire che le classi politiche e i loro media hanno un interesse acquisito nello status quo del lockdown, e questo include la fornitura regolare di ciò che solo può essere chiamato disinformazione. I media mainstream la scorsa estate hanno diligentemente riportato un rapporto altamente discutibile (uso questo termine con carità) secondo cui lo Sturgis Bike Rally nel Sud Dakota ha portato a più di 250.000 infezioni da covid e più di 12 miliardi di dollari di spese mediche. Avrebbe dovuto essere ovvio che il rapporto era profondamente imperfetto, ma nel loro desiderio di alimentare la narrativa del covid-ci sta uccidendo tutti, i giornalisti hanno preso questa storia troppo bella per essere vera e ci hanno ricamato sopra.

Per quanto riguarda i politici, la crisi covid è stata una manna dal cielo per quei dirigenti e burocrati governativi che vedono le restrizioni costituzionali che limitano la loro autorità come semplici ostacoli da spazzare via facilmente. Governatori come Gretchen Whitmer del Michigan, Andrew Cuomo di New York, Gavin Newsom della California e Tom Wolfe della Pennsylvania hanno ricevuto una copertura positiva nei media per aver impiegato poteri dittatoriali, Whitmer ha persino deciso unilateralmente che la vendita di semi da giardino nei negozi era illegale. La decisione di Cuomo di forzare l’alloggio dei pazienti covid-19 nelle case di cura ha portato alla morte di migliaia di persone, ma la sua copertura mediatica nazionale è uniformemente positiva.

Confrontate la copertura giornalistica di Cuomo con la raffica di attacchi dei media contro il governatore Kristi Noem del South Dakota. Noem ha enfatizzato la responsabilità personale e non ha tentato la chiusura di massa di scuole e aziende nello stato, e i media mainstream sono esplosi di rabbia. Che il Sud Dakota sia sopravvissuto a questa pandemia relativamente bene non ha importanza per i media, poiché l’unica azione accettabile (per i giornalisti tradizionali e d’élite) in risposta a covid è che i governatori prendano il potere da soli e rinchiudano i loro cittadini.

Tieni presente che le perdite reali subite dagli americani a causa della risposta governativa pesante all’epidemia di covid sono permanenti. Come Robert Higgs ha così eloquentemente sottolineato in Crisis and Leviathan, i governi spesso creano crisi o, per lo meno, manipolano eventi come i disastri naturali e li usano come opportunità per espandere i poteri governativi. Anche dopo la fine della crisi, i governi mantengono alcuni dei loro poteri di recente auto-concessi – e la maggior parte delle persone solleva poca o nessuna preoccupazione anche quando il governo ha ridotto di più le loro libertà.

Presumibilmente, questo significa che Joe Biden ora spingerà per revocare i lockdown in tutti gli stati blu? … perché sta “ascoltando gli scienziati”?

Ci chiediamo quanto tempo passerà prima che l’OMS chieda anche di evitare l’imposizione della mascherina

Alla fine, come ha concluso Anderson, l’unico modo in cui le classi politiche possono “renderci sicuri” è che facciano ciò che è necessario per renderci sicuri, o il più relativamente sicuri possibile. Quando un virus attacca, facciamo il possibile per evitarlo e per trattarlo. In altre parole, ci appelliamo alla vera scienza medica, non a ciò che le classi politiche e dei media hanno escogitato per noi.

Fonte

1800

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Pedogate: La pedofilia nel complesso militare statunitense (Parte 8)

Ora che la mano perversamente distruttiva della Chiesa cattolica è stata smascherata attraverso i suoi diffusi abusi sessuali sui minori e la guerra fascista in collaborazione con i banchieri Rothchild e l’Impero anglo-americano, il prossimo obiettivo si concentrerà sugli scandali pedofili perpetrati dalla cabala principalmente attraverso le sue operazioni militari e della CIA. Anche se sappiamo che i pedofili hanno indubbiamente abusato di bambini da quando gli esseri umani di basso livello hanno occupato questo pianeta, questo capitolo affronterà i principali scandali che hanno iniziato ad emergere negli anni ’80 in vari asili nido in tutta l’America. Un resoconto dei casi più significativi sarà presentato come prova incontrovertibile che i pedofili ai vertici del potere che commettono orrendi crimini sessuali contro la nostra popolazione minorenne sono stati gravemente sottostimati e repressi per molto tempo. Analizzare uno scandalo dopo l’altro dovrebbe dare al lettore una percezione chiara del fatto che le reti pedofile hanno operato ininterrottamente per molti decenni. I casi qui trattati non sono che una serie di casi discreti e isolati, semplicemente la punta di un iceberg.

Per oltre quattro decenni, lo sforzo congiunto tra elite e mass media per deviare, minimizzare, dissipare o negare l’incidenza eccessivamente alta di circoli internazionali di pedofilia e altri orribili crimini ha intenzionalmente promosso la falsa nozione che questi scandali siano sia estremamente rari che relativamente irrilevanti. Il caso più importante è il modo in cui MSM ha gestito in modo così sfacciatamente superificiale il discorso Pizzagate, [1] facendo di tutto per proteggere il proprietario di una pizzeria “povero, innocente, indifeso, preso di mira, da qualcosa di maligno e malvagio” che GQ Magazine ha incoronato come il 49 ° individuo più potente nella città più potente d’America, DC. [2] Con il NY Times, [3] Washington Post [4] e tutti i principali organi di stampa MSM che si sono precipitati in sua difesa insistendo sul fatto che un esercito di feroci calunniatori di Internet [5] si stava alleando contro la straordinaria pizzeria di James Alefantis fabbricando una storia orrenda dal nulla che persino, Alex Jones, ha minimizzato, [6] dimostrano solo perché il “pizzaiolo” è la 49esima persona più potente di Washington.

Nonostante la raccolta di prove circostanziali più che sufficienti basate su centinaia di email rilasciate da WikiLeaks su John Podesta [7] e foto di Instagram malate di Alefantis e le sue didascalie ancora più malate, tra cui alcune riguardanti” l’intrattenimento” fuori orario con esibizioni di pedofili “adatta alle famiglie” alla Comet Pizza , [8] indicano una probabilità più che alta che un circolo pedofilo con a capo Clinton-Obama-Podestà-Alefantis stia operando nella capitale degli Stati Uniti. Com’era prevedibile, né la polizia di Washington né l’FBI si sono presi la briga di indagare su tutto ciò poiché sono semplicemente pedine. [9] [10] [11]

Invece l’establishment ha dichiarato che le affermazioni che circolavano su internet erano pure ” fake news” messe assieme da un frenetico esercito online di folli cospiratori troppo zelanti [12] responsabili di aver indotto un altro lupo solitario a farsi giustizia da solo contro Comet Ping Pong, sparando un paio di colpi all’interno del locale solo per mostrare al mondo che faceva sul serio. Tutto questo a “dimostrare” quanto potesse essere pericoloso il linciaggio di Internet e le fake news. [13] Così, Pizzagate divenne l’occasione perfetta per un altro false flag hegeliano, per creare convenientemente il problema delle “fake news”, dando la “giusta” causa per lanciare una reazione ingegnerizzata – un altro bizzarro “pistolero solitario” che brandendo la sua arma automatica (come ulteriore promemoria per vietare le armi [14]) ha messo in pericolo il pubblico, fornendo convenientemente il pretesto perfetto per giustificare la soluzione del deep state – attuando urgentemente una legislazione radicale sulla censura di Internet [15] con l’obiettivo finale di rimuovere tutte le voci alternative dissidenti dalla visione del pubblico. [16] Questo è lo scenario finale in ogni regime totalitario nel corso della storia, per consentire la diffusione di menzogne ​​e propaganda vengono spacciate false narrative di regime ad una popolazione oppressa, disinformata e strettamente controllata.

Con Google, [17] Facebook, [18] Twitter, [19] YouTube [20] che si sono sottomesse pacificamente e rimodellate come estensioni del controllo fascista centralizzato Mockingbird CIA-NSA [21] [22], [23] l’accesso alla verità viene metodicamente eliminata … tutto per “proteggere” il pubblico dalle pericolose conseguenze delle “fake news”. Nonostante l’elite cerchi di censurare furiosamente la verita, noi cittadini del mondo conosciamo già da che membri e ` composto “Il ministero della propaganda” del deepstate: New York Times, Washington Post, CNN, Fox News, ABC, Time Magazine e i media di proprietà aziendale leggono tutti lo stesso copione il quale rappresenta la fonte “Ufficiale e Vera” delle loro (fake) news. Ma proprio per questo, molte bugie MSM sono state completamente smascherate [24] tanto che ben poche persone prendono sul serio la CNN et similia come fonti di notizie credibili. Un sondaggio dello scorso maggio ha rivelato che 2 americani su 3 credono che le notizie mainstream siano le vere fake news. [25]

Nonostante gli sforzi sfacciati e eccessivi dei media mainstream nel fare “damage control” per riguadagnare la credibilità perduta, i governanti della terra non riusciranno mai a sradicare la verità. La realtà stridente ed incredibilmente inquietante che circa un terzo di tutto il personale del governo degli Stati Uniti che occupa posizioni di potere importanti all’interno del Congresso, della magistratura e dei rami esecutivi sono pedofili, satanisti omicidi [26] (o attraverso ricatti compromessi e controllati) [27] complici nel commettere un genocidio umano [28] potrebbe essere troppo scioccante per essere creduto dalla maggior parte degli americani. Ma per coloro che sanno, ci sono prove più che lampanti e incriminanti. Uno degli scopi di questo libro è quello di far capire all’umanità la cruda realta` di cosa deve affrontare.

Un tema ricorrente in questa presentazione dovrebbe diventare chiaro al lettore. Dopo aver scoperto fatti inconfutabili che raccontano nei dettagli gli scandali pedofili, i tirapiedi del governo e i loro giornalisti MSM sistematicamente utilizzano misure di contenimento aggressive progettate per oscurare, confondere e nascondere la verita`. [29] [30] [31] Le tattiche di ostruzionismo dello stato profondo che usano l’inganno e la negazione sono accuratamente sezionate qui per scoprire come ricchi e potenti pedofili, tipo le orde all’interno della Chiesa cattolica, siano sempre rimasti al di sopra della legge, mai completamente indagati né perseguiti perché sono sistematicamente protetti e coperti da un muro impenetrabile. Nel frattempo, i predatori sessuali d’élite, i loro protettori subordinati e i loro sostenitori e propagandisti dei media pagati respingono e negano automaticamente le montagne di prove schiaccianti.

Il nostro viaggio oscuro inizia con gli scandali degli abusi rituali satanici (SRA) scoperti in diversi asili nido militari in tutta l’America negli anni ’80, e le contromisure del sistema criminale per coprire sommariamente e ridurre al minimo l’esposizione di quella brutale ferocia che è stata praticata in nome di Satana per innumerevoli millenni.

L’ABUSO RITUALE SATANICO ALLA MCMARTIN PRE-SCHOOL

Il primo grande scandalo di pedofilia negli Stati Uniti a ricevere attenzione internazionale ha avuto luogo nel 1983 alla McMartin Pre-School di Manhattan Beach, in California, [32] una piccola città di mare a poche miglia a sud dell’aeroporto di Los Angeles. Il caso McMartin si distingue come il processo penale più lungo e costoso nella storia degli Stati Uniti, che prosciugo` i contribuenti della California di 15 milioni di dollari [33] in una grottesca parodia della giustizia. Una volta che il caso è stato trattato dalla stampa, dopo lo shock iniziale e l’incredulità, i media e il pubblico si sono gradualmente rivoltati contro le affermazioni “poco credibili” dei bambini e dei loro genitori. I bugiardi del MSM proteggono sempre i pedofili, distorcendo e pervertendo la realtà in modo che i bambini vittime e i loro genitori siano quelli sotto processo nel tribunale dell’opinione pubblica. Un primo esempio di ciò è il ridicolo e il disprezzo accumulato dai poveri ragazzi che hanno insistito sul fatto di essere stati scortati attraverso tunnel sotterranei sotto l’asilo nido che sono stati successivamente scoperti dopo l’archiviazione del caso. [34] In un’altra mossa ovvia per nascondere la verità, i giornalisti del LA Times e MSM hanno lasciato perdere il caso nell’istante in cui sono stati scoperti i tunnel, rivendicando le affermazioni dei bambini. Le vittime hanno riferito che i loro aggressori, per ridurli al silenzio omertoso, minacciavano di morte loro e i loro genitori mentre gli mostravano tartarughe, conigli e altri animali vivi torturati e uccisi sadisticamente. Successivamente vennero dissotterrate 77 ossa di animali nella proprietà dopo il processo, ancora una volta una prova importante che non viene presa in considerazione dal punto di vista legale. Diversi bambini sono stati diagnosticati dal punto di vista medico con malattie sessualmente trasmissibili. Ma tutte queste informazioni vitali non sono mai state introdotte in aula.

Inizialmente lo spettacolo altamente sensazionalizzato ha colto la nazione sotto shock per il fatto che un male così impensabile potesse effettivamente esistere. La famiglia McMartin-Buckey che possedeva e gestiva l’asilo nido era tra i cinque imputati accusati di aver commesso 207 casi di abusi sessuali su minori. A peggiorare le cose, nel 1985 una produzione della HBO presumibilmente creata dal scrittore premio Oscar Abby Mann (noto per aver usato scrittori fantasma) e sua moglie Myra, co-prodotta con il regista e sceneggiatore premio Oscar Oliver Stone, intitolato “The Accictment: The McMartin Trial ” Il documentario era nettamente a favore dei pedofili. [35] aveva come scopo proteggere la pratica del rituale satanico su minori che opera a Los Angeles, i Manns hanno basato la loro sceneggiatura su un libro sul caso McMartin intitolato The Politics of Child Abuse [36] scritto da una coppia di sposi – Paul e Shirley Eberle, che erano pedofili noti[37].

Sette anni dopo l’inizio, il caso è stato rigettato dal tribunale nel 1990 con assoluzioni o sospensioni per tutti gli imputati. Dopo che le prove critiche sono scomparse, combinate con così tante prove cruciali nascoste dal processo, e grossolani errori legali apparentemente destinati a minare l’accusa, combinati con sette anni estenuanti di copertura mediatica ostile e un pubblico scettico che criticava le vittime minori e i loro genitori, la vergognosa debacle non ha portato da nessuna parte. Il motivo per cui la giustizia non ha mai fatto il suo corso e perche i politici, gli intrattenitori e gli atleti di LA sarebbero stati giudicati colpevoli di pedofilia satanica. Si e ` scoperto che i Buckey erano principalmente i fornitori di vittime per l’élite locale luciferina. [38]

Un certo numero di morti sospette associate al caso McMartin indicano una massiva operazione di insabbiamento. La posta in gioco era così alta, che le persone morirono misteriosamente e di proposito, il caso dei pubblici ministeri era completamente fallito. Un giovane ex poliziotto in buona salute e padre di recente diventato investigatore privato Paul Bynum appena prima di testimoniare sui tunnel sotterranei e` stato “suicidato” con un foro di proiettile nella sua testa. Nel 1983 una madre Judy Johnson scoprì per la prima volta che suo figlio di due anni era arrivato a casa da scuola con l’ano sanguinante, lo portò dal suo medico il quale la indirizzò da uno specialista che confermò che era stato sodomizzato, cosa che fece iniziare le indagini della polizia. [39 ] Ma Judy è stata successivamente denigrata dalla stampa come malata di mente e paranoica, e solo tre anni dopo l’inchiesta è stata trovata morta per avvelenamento da alcol. Nel 1976 all’agente di polizia Paul Bynum era stato assegnato un caso di stupro e omicidio, la vittima era l’ex moglie del cantante Bill Medley, Karen Klaas, morta un’ora dopo aver lasciato il figlio alla McMartin Preschool. Nel 1984 il marito, vedovo, Gerald Klaas, precipitò da un dirupo dell’Oregon e morì un mese dopo che furono emesse le accuse nel caso McMartin. [40]

Con il caso McMartin, è stato dolorosamente stabilito il precedente di quello che sarebbe diventato un modello ripetuto e pervasivo di orrenda rivittimizzazione sia dei bambini vittime di abusi che delle loro famiglie. Il sistema giudiziario non solo negli Stati Uniti ma praticamente in ogni paese è così corrotto e avvelenato da proteggere gli assassini pedofili d’élite a scapito delle vite preziose dei bambini. Per disegno diabolico, lo stesso risultato triste, tragico e patetico è stato replicato praticamente in ogni caso in Europa, Australia e nel mondo intero. È ora che noi cittadini di questa terra riteniamo i colpevoli responsabili e affrontiamo che dilaga il male in mezzo a noi.

SCANDALO DELL’ASILO NIDO DI WEST POINT

Un decennio dopo essermi diplomato all’Accademia militare degli Stati Uniti, almeno due membri del personale che lavoravano presso il Centro per lo sviluppo dei bambini di West Point stavano torturando e sodomizzando bambini da uno a sei anni di età. Ma poiché West Point è un’istituzione storica così “onorevole e venerabile”, così strettamente legata agli amati eroi di guerra americani e che gode ancora oggi della sua immagine e reputazione nitidissime e sterili (che la mia esperienza di prima mano unica smonta e cancella completamente). L’abuso rituale satanico di bambini piccoli a West Point durante la metà degli anni ’80 non si è quasi mai manifestato sulla stampa, solo un fugace blip in tv. In effetti, nonostante abbia scritto la mia storia di West Point che espone le bugie, la corruzione e l’abietta incapacità di produrre una leadership morale forte, [41] anche io ero totalmente all’oscuro di questo in gran parte sconosciuto scandalo fino a quando iniziare a fare ricerche e scrivere articoli sul Pizzagate qualche anno fa. [42]

Nel luglio 1984 i genitori di una bambina di 3 anni contattarono la polizia militare di West Pont affermando che il loro bambino era stato aggredito sessualmente presso il West Point Child Development Center, l’asilo nido a carico di entrambi i militari (per un totale di 120 bambini ) e dipendenti civili (di cui altri 30 bambini). Un medico dell’ospedale di West Point ha osservato che la vagina della bambina era stata lacerata. [43] Quando la divisione investigativa criminale dell’esercito (CID) ha appreso che i sospetti accusati erano civili, il caso è stato immediatamente trasferito all’FBI, che alla fine di luglio 1984 ha iniziato a indagare sulla struttura di 40 dipendenti che serve 150 bambini neonati. Almeno 11 bambini (e probabilmente dozzine di più) sono stati molestati sessualmente e maltrattati fisicamente con ustioni e contusioni all’asilo nido dell’Accademia militare da almeno due donne del personale civile che agivano come assistenti dell’insegnante. [44]

Le accuse affermavano che l’abuso rituale satanico veniva perpetrato dai membri di un culto adoratore del diavolo tra il 1983 e il 1984 che includeva sacrifici animali e abusi fisici inflitti ai bambini piccoli. Successivamente, i bambini intervistati hanno riferito di essere stati costretti a mangiare merda e bere piscio, e di essere stati ricoperti di feci durante l’abuso rituale satanico. [45] Molti hanno anche accennato all’essere stati cacciati dall’asilo nido, spogliati nudi e sfruttati per fotografie pedoporografiche. Il numero dell’edificio del West Point Child Development Center dove si è verificato l’abuso satanico era 666, successivamente cambiato dai funzionari dell’Accademia in 673 poiché 666 è il marchio o il numero della bestia. [46]

Quando i bambini hanno iniziato a verbalizzare e mostrare segni di abuso sessuale ai loro genitori, questi ultimi hanno riportato le loro preoccupazioni allo staff del Centro, alla polizia militare, all’FBI, alle autorità mediche di West Point, le loro accuse sono state sommariamente respinte, ignorate e categoricamente negate. Ai genitori è stato detto che i due membri del personale accusati avevano entrambi superato i test della macchina della verità. [47] Gli investigatori dell’FBI si sono presentati a casa dei genitori per interrogarli senza registratori o senza addirittura prendersi la briga di prendere appunti, gettando dubbi sulle capacità educative dei genitori. Fin dall’inizio della presunta indagine, era chiaro che le autorità coinvolte erano più preoccupate di soffocare e contenere la verità che di scoprirla.

Il dottore medico capitano William R. Grote, il cui bambino di 3 anni è stato violentato sessualmente, è diventato così sconvolto per come l’Accademia ha gestito male le prove e le preoccupazioni dei genitori che ha rifiutato una promozione a maggiore nel giugno 1985 e subito dopo ha rassegnato le dimissioni dalla sua commissione ufficiale. Nelle sue parole:

Non posso accettare la promozione in un sistema che inizialmente si rifiutava di riconoscere e ora rifiuta di occuparsi delle vittime di abusi sui minori che si sono verificati presso il West Point Child Development Center. [48]

Nonostante un’indagine “esaustiva” dell’FBI durata oltre un anno condotta da una squadra di 60 agenti dell’FBI, alla fine, nel 1985, né l’esercito degli Stati Uniti né West Point né l’ufficio del procuratore del distretto meridionale di New York hanno incriminato o arrestato qualcuno per i crimini orribili commessi. [49] Né il governo o l’esercito hanno ammesso la colpevolezza che alcun crimine sia mai avvenuto quando le prove fisiche e psicologiche che si accumulavano erano monumentali.

Sebbene il dottor Grote fosse tra i primi genitori a intentare una causa contro l’Accademia, scelse di non perseguire la successiva causa civile intentata dai genitori che alla fine fu risolta nel maggio 1991. [50] Stranamente simile al vergognoso esito del pasticciato caso McMartin in California, dopo gli stessi sette anni dolorosi e agonizzanti per i bambini maltrattati, sono stati costretti a testimoniare che i colpevoli rimasero impuniti perché entrambi i casi penali si rifiutarono di accettare prove inconfutabili e alla fine furono abbandonati.

In risposta alla causa civile dei genitori di West Point, due anni prima che fosse risolta, una squadra indipendente dell’Università della Pennsylvania fu chiamata ad esporre i propri risultati probatori poiché l’indagine dell’FBI era stata intenzionalmente gestita in modo scadente. E sulla base del rapporto sigillato, è stato raggiunto un accordo finanziario di milioni, indicando ovviamente l’ammissione complice che si sono verificati abusi sostanziali che hanno coinvolto almeno nove dei bambini. Dopo sette anni orribili, la causa civile di West Point è stata finalmente risolta, assegnando a nove famiglie un risarcimento di $ 1,2 milioni, portando il totale a $ 2,7 milioni da sborsare nel tempo ai bambini maltrattati con assegnazione finale al raggiungimento dell’età adulta, che va da $ 25.000 a $ 625.000 per vittima … piccola consolazione per l’inferno che furono costretti a sopportare. [51]

Il dottor William Grote, che al momento dell’accordo aveva uno studio medico privato civile nel New Jersey, ha detto questo sull’esito della sordida vicenda:

Sfortunatamente, i soldi non possono … annullare il trauma subito da decine di bambini a West Point … perché le persone con responsabilità non hanno esercitato quella responsabilità. Che diavolo è un accordo? … Potrebbero aver sorpreso queste persone mentre lo facevano. Abbiamo la tendenza a pensare che tutto ciò che è cattivo e malvagio si trovi dall’altra parte del Pacifico o dell’Atlantico. E non è così. [52]

Prima di diventare il sindaco di New York City, Rudy Giuliani era il procuratore degli Stati Uniti all’epoca responsabile del caso West Point. [53] Lo ha rapidamente fatto scomparire per limitare i danni, in collusione con i vertici militari dell’Accademia e del Pentagono, complice nel consentire che l’abuso rituale satanico non solo avesse luogo, ma che continuasse anche dopo che le denunce iniziali dei genitori furono presentate. Chiaramente West Point, l’esercito e il governo federale degli Stati Uniti hanno posto i propri interessi criminali davanti ai bambini in pericolo al fine di ridurre al minimo la pubblicità negativa ed evitare quella che sarebbe stata attirata dall’attenzione dei media mondiali su Giuliani e sull’esercito e sul fatto che avessero adempiuto al loro obbligo legale e morale di richiede incriminazioni, arresti e procedimenti giudiziari.

Questo puro male si è rivelato un precursore di ciò che stava per accadere, quando 10 anni dopo il sindaco di New York Giuliani, come un insider traditore, ha saputo degli attacchi alle torri gemelle prima dell’evento false flag dell’11 settembre e poco dopo è stato ripreso dalla telecamera mentre mentiva al riguardo. [54] E poi un decennio fa, mentre Giuliani era in corsa per la presidenza degli Stati Uniti come candidato del GOP, ha mostrato ancora una volta la sua ambigua personalita`. Ha difeso pubblicamente e assunto nella sua società di consulenza un prete caduto in disgrazia accusato di molestie sessuali su ragazzi adolescenti. [55] A seguito di un’indagine da parte di un gran giurì nel 2002, a causa di accuse di pedofilia risalenti al 1975, con scadenza dei termini di prescrizione, la Chiesa cattolica ha scelto di mantenere l’amico di Giuliani e monsignore della diocesi di Long Island, ma gli ha proibito di svolgere compiti sacerdotali. o apparire in pubblico come sacerdote. Quindi, finché non indossa le vesti sacerdotali, a quanto pare riesce a rimanere sui libri paga sia del Vaticano che di Giuliani, pur continuando a molestare i bambini. A proposito, le sue due fonti di reddito consentono a questo presunto pedofilo di possedere in comproprietà una proprietà sul lungomare di Manhattan del valore di mezzo milione di dollari.

L’attuale sovrintendente generale di West Point Bob Caslen (classe West Point del 1975) al momento dello scandalo degli abusi sessuali era un maggiore e un apologista dell’esercito:

Avevamo un gruppo di bambini che hanno subito diversi tipi di abuso e le preoccupazioni dei genitori in cerca di assistenza sono rimaste inascoltate. Le cure mediche per gli abusi satanici erano troppo dispendiose. Era molto al di là di ciò che (l’esercito) poteva gestire. [56]

Ovviamente né West Point né il Pentagono si sono mossi per rispondere sinceramente ai bisogni delle vittime e delle loro famiglie perché il loro programma di fondo per tutto il tempo era chiaramente il controllo dei danni.

Dopo aver intervistato più di 950 potenziali testimoni, tra cui decine di bambini di età compresa tra 2 e 6 anni, alla fine dell’ottobre 1985 ad oltre un anno nell’indagine, tramite una lettera al sovrintendente di West Point, Giuliani fece il suo annuncio dietro le quinte di una falsa accusa, sostenendo che mentre “indicazioni” di comportamenti pedofili potevano essere presenti, rimanevano “prove sostanziali insufficienti per perseguire il caso”. [57] Due anni dopo, nel 1987 Giuliani ebbe la faccia tosta di insistere sul fatto che la sua indagine “dettagliata” mostrava che “solo uno o due bambini sono stati maltrattati”. Chiaramente un altro insabbiamento del governo è stato silenziosamente imposto all’America.

In risposta, un residente di lunga data della zona ha trascorso i tre anni successivi organizzando un gruppo di sostegno per le famiglie delle vittime e mobilitando proteste locali per chiedere al Dipartimento di Giustizia di riaprire le indagini. Disse:

Quando ho visto i titoli sulla pedopornografia a West Point, mi ha colpito al cuore. So che West Point è bello solo a livello superficiale. Erano decisamente crudeli con i genitori. [58]

L’attivista scoraggiata ha realizzato l’argomento decisivo, dimostrando al di là di ogni dubbio che Washington era colpevole di un insabbiamento arrivato sotto forma di una lettera dell’avvocato del Dipartimento di Giustizia Mary C. Spearing a nome della National Obscenity Enforcement Unit il quale inequivocabilmente affermava:

Sfortunatamente, durante la nostra revisione non sono emerse nuove prove, rivelazioni o accenni di illeciti o negligenze. [59]

Immediatamente dopo l’accordo finanziario nel 1991, il quotidiano locale di Middletown, New York, The Times Herald Record, ha pubblicato un ampio ed equo articolo che racconta la triste tragica storia, con il contributo di alcuni genitori di West Point. Il titolo del pezzo era “A Legacy of Pain: Settlement Doesn’t Ease Abused Children’s Fears”. La frase di apertura ha rivelato che la bambina che a 3 anni aveva iniziato a divulgare le storie sugli’abusi, 7 anni dopo, all’età di 10 anni non riusciva ad andare in bagno da sola con sua madre che doveva stare a guardia della porta. Gli effetti del trauma sessuale vissuto anni prima potrebbe accompagnarla per il resto della sua vita. La vittima di abusi ha chiesto a sua madre se sarebbe stata in grado di avere figli quando sarebbe cresciuta. La madre si lamentava:

È successo sette anni fa e le cose non sono andate meglio. Chiede costantemente: “E se fossimo in negozio, mamma, e vediamo queste persone? Mi faranno del male? “… Questo è costantemente nella sua mente perché sa che queste persone non sono in prigione per quello che le hanno fatto … Queste persone hanno rubato i nostri bambini. (Lei) non è per niente come era una volta. È una bambina molto arrabbiata. Non si fida di nessuno. Non è più come prima che accadesse.[60]

Il danno catastrofico alle giovanissime vittime di traumi sessuali inflitti da pedofili è un’affezione permanente dalla quale molti non si riprendono mai. [61] Cambia irreversibilmente ogni cosa nella vita sia dei bambini vittime di abusi che delle loro famiglie. E non sono stati solo i satanisti malati a perpetrare questo inferno sulle famiglie vittimizzate, ma West Point e il governo federale sono stati ugualmente violenti e criminalmente negligenti e colpevoli. Anni dopo una madre lotta ancora per denunciare i terribili effetti che l’abuso hanno avuto su sua figlia:

Per quanto mi riguarda, il governo ha dato loro la licenza di abusare di altri bambini. Devo spiegare a mia figlia che queste persone sono ancora là fuori. E ha ancora gli incubi. Ha paura che di notte entrino dalla finestra per prenderla. [62]

Dopo aver deliberatamente soppresso enormi quantità di prove mediche e psicologiche provenienti da dozzine di bambini e testimoni vittimizzati, il governo degli Stati Uniti e il Pentagono hanno protetto un culto satanico organizzato che probabilmente faceva parte della più ampia rete nazionale affiliata e gestita dalla CIA e dall’intelligence militare. . La falsa affermazione dei federali sulla mancanza di prove ovviamente proteggeva anche la reputazione incontaminata di West Point cosi` come la CIA. I loro interessi criminali erano ovviamente molto più importanti degli interessi e del benessere di bambini piccoli vulnerabili e indifesi brutalmente torturati e violentati satanicamente, dimostrando da solo che gli psicopatici senz’anima sono al comando.

Ciò che rende il caso di West Point ancora più scioccante ed eclatante è che nell’agosto 1983, 11 mesi prima che gli abusi sessuali venissero denunciati, un sergente dell’esercito violento di stanza all’Accademia che era il fidanzato di una delle madri uccise suo figlio di 22 mesi. e fu semplicemente congedato con disonore. Il colonnello responsabile della protezione dei bambini di West Point ha scritto una lettera al sovrintendente di West Point, il tenente generale Willard Scott Jr., affermando:

La comunità ha ricevuto un messaggio devastante: West Point e l’esercito prendono alla leggera gli abusi sui minori e non lo considerano un reato grave. [63]

Un laureato di West Point e pediatra Dr.Pat Jones di stanza all’Accademia la cui figlia di 15 mesi è stata molestata sessualmente ha osservato:

Il ragazzo che ha ucciso il bambino di 22 mesi è stato liberato. L’hanno semplicemente cacciato dall’esercito per impedire qualsiasi pubblicità. Ho provato a dimettermi dall’associazione alumni e mi vergogno anche solo di essere di quel posto. [64]

Un paio di anni dopo lo scoppio dello scandalo di West Point, il più famigerato abuso sessuale satanico ritualizzato nell’esercito è emerso nel Presidio di San Francisco, dove il tenente colonnello Michael A. Aquino era fortemente coinvolto nella pedofilia satanista.

LO SCANDALO DI PRESIDIO

La postazione militare dell’esercito statunitense nota come Presidio era stata per quarant’anni il quartier generale della 6a armata [65] quando scoppiò lo scandalo degli abusi sui minori nel novembre 1986. Otto anni dopo la base dell’Esercito della costa del Pacifico occidentale sarebbe stata chiusa quando nel 1994 lo storico punto di riferimento a San Francisco adiacente al Golden Gate Bridge è stato trasferito al National Park Service Golden Gate Recreation Area come estensione del Golden Gate Park. [66] Ma venerdì 14 novembre 1986 un bambino di tre anni che frequentava il Presidio Child Development Center (CDC), l’asilo nido e il doposcuola per i bambini delle famiglie di stanza, iniziò a mostrare segni di stress e traumi, più tardi quel giorno. informando sua madre che uno dei suoi insegnanti gli aveva toccato il pene e gli aveva infilato una matita nell’ano. [67] Nei giorni successivi i genitori hanno informato lo staff del CDC, il padre del ragazzo, il capitano Mike Tobin, ha parlato con il cappellano dell’esercito e immediatamente è stata contattata la divisione investigativa criminale dell’esercito.

Come nel caso di West Point, esistevano evidenti segnali di allarme prima dell’iniziale denuncia per abusi. Il Presidio’s Child Development Center ha fatto arrestare un coordinatore dei servizi di sostegno all’infanzia per aver aggredito una dipendente donna, che un anno prima aveva denunciato il trattamento abusivo dei bambini presso il centro quasi sei anni prima dell’accusa del bambino. L’accusa di aggressione apparentemente fu il risultato di pettegolezzi ed è stata ritirata per mancanza di prove. L’allora capo delle indagini sui minori del Presidio sostiene che quella stessa dipendente di sesso femminile aveva accusato altro personale del Centro di toccare i genitali dei bambini. [68]

Durante i suoi quattro anni al Presidio Center, l’informatrice ha anche riferito che il personale ha abusato fisicamente di bambini, incluso l’allora direttore del CDC che ha picchiato un bambino. Ma invece di rispondere in modo appropriato alle sue continue lamentele, non è mai stato fatto nulla per correggere il peggioramento della situazione. Lo stress crescente ha fatto sì che la donna alla fine si dimettesse, sostenendo che “fini` per avere un esaurimento nervoso” a causa del suo calvario. [69] Nonostante la gestione grossolanamente scarsa che ha creato un ambiente tossico incoraggiando solo ulteriori abusi sui bambini, un’indagine successiva in risposta alle numerose preoccupazioni e reclami di un dipendente ha determinato che almeno tre membri del personale del Centro erano stati minacciati di perdita del lavoro se avessero detto la verità di ciò che stava accadendo. Quando sono state sollevate accuse di abusi sessuali su minori, il maresciallo preposto ha detto al capo delle indagini minorili Ed Albanoski che non c’era nulla da esaminare e senza mezzi termini, che la situazione sarebbe stata gestita internamente. Nonostante la grave negligenza dell’esercito, intuitivamente l’investigatore ostacolato conservò il rapporto della polizia militare n. 00193-82 / MP1026-82-047, datato 4 febbraio 1982, quasi cinque anni prima delle rivelazioni del bambino. [70]

Alla fine, la catena di comando interna cerco` di proteggere sia il direttore che il coordinatore dei servizi di supporto, lasciando che gli abusi sui minori al Presidio continuassero a crescere. Si può facilmente vedere il modello sorprendentemente identico e parallelo dell’aumento degli abusi negli asili nido militari della costa orientale e occidentale: l’omicidio inascoltato di bambini a West Point e l’osservazione di aggressioni fisiche e abusi sessuali al Presidio prima dell’inizio di qualsiasi indagine formale. In effetti, invece di punire il coordinatore dei servizi per l’infanzia dopo che ha mostrato segni di violenza nei confronti dell’unica donna che ha cercato di denunciare gli abusi, come è tipico all’interno dell’ambiente militare gerarchico, la grossolana incompetenza venne ricompensata. Un anno dopo il Comando delle Forze dell’Esercito degli Stati Uniti lo ha elogiato ufficialmente:

Facendo un ottimo lavoro come coordinatore dei servizi di sostegno all’infanzia. Il programma di formazione del personale che ha sviluppato utilizzando i moduli Military Child Care è un modello per l’esercito. [71]

In ogni caso, c’erano altri campanelli d’allarme all’orizzonte. Più di un anno e mezzo prima che il bambino si lamentasse degli abusi nel novembre 1986, la figlia di un capitano dell’esercito spiegò ai suoi genitori che una macchia rossa sulla sua mano era stata causata da un membro dello staff che teneva le mani di lei e di altri bambini vicine al riflesso ardente causato da una lente d’ingrandimento. Un giorno dopo che il padre si è confrontato con lo stesso coordinatore del servizio, gli è stato detto che “è la parola di sua figlia contro quella del [personale], quindi non potevano fare nulla”. [72] Saggiamente, il capitano cambio` asilo nido. Ricordiamo che anche il personale satanista dell’asilo nido di West Point avrebbe impiegato le stesse tecniche per torturare le sue piccole vittime. Un modello di abuso rituale satanico praticato in un luogo spesso assomiglierà o sarà identico agli stessi metodi di tortura utilizzati altrove, suggerendo l’esistenza di una rete satanica strutturata a livello nazionale.

Nel giugno 1986, cinque mesi prima dell’indagine del CID, si verificò un altro evento, quando una madre che aveva appena lasciato la figlia all’asilo osservò un membro dello staff mettere le mani all’interno dei pantaloni di un bambino toccando la sua area genitale e poi dentro il top di sua figlia facendole il solletico. Dopo aver riferito questo al vicedirettore, le è stato detto che lo staff “stava solo giocando innocentemente” con la bambina. [73] Ancora preoccupata, la madre è andata dal coordinatore dei servizi per l’infanzia e ha condiviso con lui ciò a cui aveva assistito. Più tardi quello stesso giorno ha chiamato per dire che avrebbe “scritto qualcosa nella sua cartella personale”. Dopo aver seguito il capitano incaricato della supervisione dei dipendenti civili del Centro, il genitore persistente e preoccupato è stato rassicurato che il CID stava esaminando la questione, ma alla fine, ancora una volta “non c’erano prove sufficienti” per giudicare in modo definitivo qualsiasi illecito avesse avuto luogo. E un anno dopo il peggior incubo della madre preoccupata si materializzò quando apprese che sua figlia era tra le molestate.

Ancora una volta, proprio come con il flagello della pedofilia nella chiesa, le forze armate statunitensi avevano da tempo stabilito il proprio modello per coprire i propri crimini, dalle atrocità di guerra regolarmente commesse nell’Operazione Speedy Express [74] in decine di villaggi vietnamiti come il massacro di My Lai una decade e mezzo prima, [75] al proteggere costantemente gli autori di abusi sui minori nelle postazioni militari durante gli anni ’80. La catena di comando dell’esercito tollera consapevolmente se non incoraggia la criminalità dilagante, dall’omicidio al grave abuso di minori, in ogni caso consentendole di prosperare e peggiorare per anni prima di raggiungere la fase di crisi. Questo “sistema” di lunga data caratterizzato da un sigillo sistemico di segretezza e occultamento non è niente di nuovo, e` solo altamente sintomatico di quanto il sistema americano sia patologicamente malato e volutamente indirizzato verso una tirannia fascista, non diversamente dall’Unione Sovietica della guerra fredda. [76]

Se fin dall’inizio fossero state prese misure correttive appropriate in queste postazioni militari negli anni ’80, migliaia di bambini avrebbero evitato di essere traumatizzati a vita. Ma fin dall’inizio, proteggere gli innocenti non è mai stata la priorità del governo e dei militari.

Con quasi 1.000 basi militari statunitensi sparse in tutto il pianeta, [77] le reti mondiali di traffico di esseri umani all’interno di un’enorme industria del sesso continuano a prosperare, fornendo un flusso costante di giovani donne sfruttate e ragazze minorenni [e ragazzi] come vittime di abusi per i militari americani. [78] Dall’enorme profitto di 150 miliardi di dollari all’anno derivante dal traffico mondiale, due terzi o 99 miliardi di dollari sono generati dalla sola industria della schiavitù sessuale. [79] Il Rapporto globale 2016 delle Nazioni Unite sulla tratta di persone ha rilevato che la maggior parte delle nazioni (106 su 193) hanno vittime di tratte sessuali intrappolate all’interno dei loro confini. [80] Con le statistiche più recenti che mostrano che un quarto di tutte le vittime della tratta di esseri umani sono bambini, e 1,8 milioni di bambini vengono ridotti in schiavitù ogni anno [81], il numero totale degli attuali bambini schiavi in ​​questo mondo deve essere considerevolmente superiore alla stima di dieci anni fa. di 13 milioni di bambini. [82] Chiaramente l’abuso sessuale sui minori è diventato un flagello fuori controllo su questa terra. E con 200.000 forze armate statunitensi disperse [83] in ogni continente, [84] le operazioni di traffico sessuale, dato l’attuale pericolo di esposizione, si sono spostate ad un livello ancora piu` segreto e sotterraneo.

Comprendendo questa pervasiva epidemia di pedofilia da una prospettiva più ampia, sono stati i laboratori di intelligence militare delle operazioni nere (denominati “milab”), basi sotterranee sia nazionali che estere – che sono sempre state le principali sedi segrete dove il governo degli Stati Uniti sperimentava con l’MK Ultra / I programmi di controllo mentale indotti da traumi Monarch (usati anche per il cosiddetto rapimento “alieno” militare) [85] dai primi giorni degli esperimenti nazisti del dottor Mengele negli anni ’50 fino a il presente. [86] Pertanto, le due più grandi istituzioni statunitensi incaricate di proteggere i cittadini americani – il governo federale degli Stati Uniti e le forze armate statunitensi – sono stati i peggiori delinquenti, distruggendo premeditatamente le vite di milioni di bambini [e adulti] americani insieme alle loro famiglie, guidati da una diabolica rete di società segrete sataniche che il tenente colonnello Aquino, un ammiratore dei nazisti, esemplifica. [87]

Per molto tempo le elite al comando, impegnati ad allevare la loro “super razza”, hanno sempre considerato la classe lavoratrice americana con totale disprezzo, [88] come ereditariamente inferiore, considerandoci “deplorevoli” e “cibo inutile”, “beni di consumo” per pedofili quali Hillary Clinton [89] e Henry Kissinger. [90] Eessenziale che i cittadini di tutto il mondo prima o poi si rendano conto che tutti i nostri governi di proprietà dell'élite fanno parte di questo sistema globale demoniaco che è tutt'altro che amico e protettore. In effetti, con il democidio (il governo che uccide i propri cittadini) – non la guerra – il più grande killer globale nella storia moderna (a 262 milioni, 6 volte le morti in combattimento), [91] i globalisti si stanno muovendo verso la soluzione finale, ovvero la quasi completa distruzione della razza umana. [92]

Tornando al caso di Presidio e al bambino di 3 anni Tobin abusato sessualmente, dopo essere stato intervistato in videocassetta la mattina del 21 novembre 1986 dal CID, nel pomeriggio è stato visitato da un medico del San Francisco General Hospital Child Adolescent Sexual Abuse Referral Center (CASARC) ed è stato confermato che il bambino era stato stuprato analmente. [93] Nonostante una raffica di riunioni al Presidio in reazione alle scoperte mediche che gli abusi sessuali si erano effettivamente verificati, l’esercito ha remato contro, impiegando quasi due settimane per formare un gruppo di risposta strategica e quasi un mese prima di informare gli altri genitori i cui figli erano alunni nella classe dell’insegnante pedofilo. Il 35enne accusato, Gary Hambright, era stato ordinato ministro battista meridionale a Takoma, Washington prima di trasferirsi a San Francisco nel 1977 per diventare un insegnante part-time.

Nel corso dell’indagine CID durata quasi un anno, un totale di sessanta bambini tra i 3 ei 7 anni sono stati classificati come vittime di abusi. Normalmente, in base alla legge statale, gli asili nido vengono immediatamente chiusi non appena si sospetta un abuso, ma nei casi di Presidio e West Point gestiti a livello federale, è stato permesso loro di rimanere aperti con conseguente molestia ancora di più bambini. All’asilo nido Presidio non e successo nulla per un anno intero dopo che le prove di abusi sono emerse per la prima volta mentre la struttura di West Point non è mai stata chiusa. La riunione strategica dell'esercito a dicembre includeva il comando dell'ufficiale del Presidio, l'FBI, l'ufficio del procuratore degli Stati Uniti e membri del CASARC. La lettera che uscì più tardi quel mese ai 242 genitori i cui figli frequentavano la classe di Hambright specificò falsamente che si era verificato un solo presunto incidente, ingannando intenzionalmente i genitori facendogli credere che fosse solo un singolo caso isolato. [95] Nel frattempo, ancora una volta, proprio come a West Point, Hambright e altro personale del Centro hanno continuato a lavorare, molto probabilmente abusando di altri bambini. Fu nell'aprile successivo, solo dopo che i Tobin e alcuni altri genitori costrinsero l'esercito a informare tutti i genitori in una seconda lettera, che l'abuso sessuale si dimostro` molto piu` diffuso di quanto inizialmente segnalato. Ma a quel punto i bambini stavano parlando e i genitori stavano diventando sempre più sconvolti e allarmati, apprendendo che molti dei loro figli erano stati maltrattati, e non solo da Hambright.

A Presidio sono emersi esattamente gli stessi orribili dettagli sugli abusi rituali satanici identificati nei casi di West Point e McMartin. I bambini sono stati costretti a bere urina e mangiare feci. Venivano ricoperti di sangue, erano stati portati fuori dal campo in due case private e in una residenza a San Francisco, venivano minacciati con pistole per mantenere il segreto con le loro famiglie, e sono stati documentati almeno 5 casi di clamidia. [96] Un test preliminare dell’AIDS è risultato positivo per un ragazzo. E sebbene i test successivi indicassero che non aveva contratto la malattia, le paure crescenti nei genitori costituirono un’ulteriore tortura. E quei timori non erano infondati poiché meno di tre anni dopo l’inizio delle indagini, l’8 novembre 1989 Gary Hambright morì di AIDS. [97] Il tempo di insorgenza della malattia riportato sul suo certificato di morte era “anni”, quindi il pedofilo deceduto avrebbe potuto ancora infettare altri bambini con il virus dell’HIV. I genitori terrorizzati non erano ancora al sicuro, soffrendo ulteriore ansia oltre a tutti gli abusi e le battute d’arresto accumulati su di loro grazie ad un sistema giudiziario federale senza scrupoli che diabolicamente ha deluso loro e i loro figli.

Ancora una volta, proprio come il caso West Point, i militari, l’FBI e gli avvocati statunitensi hanno volontariamente cospirato per sabotare il caso. Il procuratore capo era la figlia di un giudice del tribunale distrettuale senza esperienza nei casi di pedofilia. Il suo presunto motivo (senza dubbio secondo le istruzioni dei suoi superiori) era quello di raccogliere prove sufficienti per condannare solo l’autore che aveva commesso un crimine contro una sola vittima come la sua “migliore possibilità” di vincere in tribunale, ignorando completamente decine di altri bambini vittime di abusi (un documento dell’FBI indicava 102 sospette vittime) [98], presumibilmente privi di fiducia nel fatto che lei potesse presentare prove sufficienti per ottenere un verdetto di colpevolezza, o almeno così dice la storia ufficiale. Proprio come McMartin e West Point, la realtà è che i federali ancora una volta hanno cospirato per assicurarsi che il caso fallisse per proteggere i colpevoli. Infine, quasi due mesi dopo la rivelazione di Tobin nel novembre 1986, il primo e unico sospettato Gary Hambright fu arrestato il 5 gennaio 1987 con l’accusa di aver commesso sodomia, copulazione orale e un atto osceno e lascivo su un solo bambino. [99] Il pedofilo infetto da HIV sarebbe morto di AIDS meno di due anni dopo.

Aggiungendo la beffa al danno, poco più di due mesi dopo il giudice del tribunale distrettuale ha archiviato il caso, consentendo a Hambright di essere liberato. Il giudice federale ha rifiutato le prove per sentito dire delle dichiarazioni che Tobin riporto` sia alla sua famiglia che all’infermiera e al medico che per primi lo hanno esaminato concludendo che il bambino di tre anni era troppo giovane per essere un testimone qualificato. [100]

Per indebolire ulteriormente il caso, l’investigatore del CID che ha ascoltato il bambino di 3 anni non aveva mai intervistato vittime di età inferiore agli 8 anni, né aveva mai filmato interviste. Inoltre, ha pasticciato il caso con domande importanti e pesanti, impiantando l’idea che “Mr. Gary era cattivo e doveva essere sculacciato. “[101]

Chiaramente vedendo che non avrebbero mai ricevuto giustizia dalle autorità, i Tobin iniziarono a organizzare una contro-strategia con altri genitori i cui figli erano stati molestati. Per sabotarli direttamente, il comando dell’esercito degli Stati Uniti iniziò rapidamente a riassegnare i genitori a differenti basi per prevenire ogni potenziale solidarietà che come arma poteva essere usata contro i cospiratori del governo. Sollevati dal fatto che il caso fosse stato archiviato, gli ufficiali di grado del Presidio si rifiutarono di incontrare i genitori sconvolti, ritardando di proposito una seconda lettera che avvisava tutti i genitori dell’asilo che più di un bambino poteva essere stato abusato. [102] Quando due madri cercarono di incontrare il tenente colonnello Walter Meyer, direttore del personale e delle attività della comunità, lui rifiutò perché la sua priorità quel giorno era quella di registrare un video in cui affermava: “Nonostante quello che si può credere, questo è un asilo nido modello. ” Si scopri` che Meyer stava ostacolando l’invio di quella lettera, cavillando sul numero di vittime identificate, insistendo sul fatto che “erano solo 32 rispetto al conteggio più accurato di 37”. Infine, oltre cinque mesi dopo le rivelazioni di Tobin, con le firme di una dozzina di genitori, una seconda lettera datata 29 aprile è stata inviata a tutti i genitori della struttura avvertendo che un numero molto più significativo di bambini era stato stuprato. E ovviamente avevano ragione, su quasi 100 bambini esaminati per abusi fisici o psicologici, almeno 60 sono stati identificati come vittime. [103]

Il nucleo più vocale tra i genitori proveniva dal corpo degli ufficiali professionisti, che potevano permettersi strutture per l’asilo nido altrove a San Francisco e stavano spostando i loro figli da Presidio. Durante il corso delle indagini, i bambini iscritti all’asilo militare sono passati da 250 a soli 180. [104] Ma i Tobin e altri si resero conto che molti dei genitori erano personale arruolato che o aveva paura di parlare per paura della propria carriera o che non potevano permettersi di pagare asili privati in citta`. In linea con l’operazione di controllo dei danni, durante tutta questa crisi al Presidio e il conseguente tormento subito dai bambini maltrattati e dai loro genitori, le forze armate statunitensi, i loro investigatori CID, gli avvocati statunitensi e l’FBI non si sono mai preoccupati di menzionare le numerose accuse di abuso, né hanno parola sui concomitanti scandali che si stavano svolgendo a West Point e negli altri asili americani sparsi in tutto il mondo. [105]

Non sorprende che intenzionalmente, nascosti alla conoscenza dei genitori, fossero chiari segni che un culto satanico organizzato aveva operato attivamente a Presidio per tutti gli anni ’80. All’inizio del decennio la polizia militare aveva scoperto in uno dei bunker dietro l’edificio dell’Intelligence Militare (MI) che la struttura rinforzata la quale un tempo ospitava i cannoni dell’artiglieria, aveva dipinte in grandi lettere rosse in grassetto le parole “Prince of Darkness”. [106] Quali sono probabilità che il “Prince of Darkness” di San Francisco, Michael Aquino, lavorasse nell’edificio dei servizi segreti militari a pochi metri di distanza? Accanto a quelle parole dipinte era stampato “Die” e la vernice annerita copriva quelli che sembravano essere nomi in rosso. Un altro muro aveva il numero 666 e disegni occulti dipinti. Al centro del bunker c’erano tronchi bruciati. Sul muro prospiciente l’edificio della MI è stato disegnato un enorme pentagramma all’interno di un cerchio. Sulla parete di fondo, dove splendeva una luce fioca, c’era un rozzo altare satanico completo di candele bianche e nere e bastoncini di incenso. Chiaramente era un luogo di incontro improvvisato dove venivano condotti rituali occulti satanici. In un altro bunker non lontano, è stata disegnata una grande immagine di Satana con le corna e gli occhi rossi.

Anni prima che scoppiasse lo scandalo di Presidio, lo stesso investigatore minorile Ed Albanoski un giorno aveva ricevuto due strane chiamate di emergenza: nella prima un uomo vestito di nero stava correndo tenendo la mano di una bambina, la seconda, pochi istanti dopo, riportava urla udite nelle stesse vicinanze. [ 107] La perquisizione ha portato alla baracca di un giardiniere nel parco al confine con il terreno di Presidio, dove si sentirono dei rumori all’interno. La porta fu sfondata con un calcio: c’era musica a tutto volume, un manichino con una pistola puntata verso la porta, un grande pentagramma disegnato sul pavimento al centro della stanza, una cuccetta su un lato della stanza e un mucchio di teste di bambole pendevano dal soffitto, una scena molto bizzarra che confermava ancora una volta l’attività rituale satanica. Nei diversi giorni successivi gli investigatori hanno sequestrato la casa, ma ovviamente non si e` arrivato a nulla.

Una coppia sposata con una figlia di tre anni che frequentava l’asilo nido nella classe di Hambright notò nel settembre e nell’ottobre 1986 – ben due mesi prima dell’accusa di Tobin – che la loro bambina soffriva di incubi e si faceva la pipi addosso quando era spaventata, dei comportamenti che non aveva mai mostrato fino ad allora. Una volta che hanno saputo di Tobin a gennaio e dell’arresto di Hambright, hanno iniziato a sospettare che anche lei avesse subito abusi. I genitori portarono la figlia da un terapista e in febbraio la bambina si aprì, affermando di essere stata abusata sessualmente da Gary Hambright e da un uomo di nome “Mikey” e una donna di nome “Shamby”, le cui identità erano ancora sconosciute. [108] Poi, sei mesi dopo, il 12 agosto 1987, gli Adams-Thompson stavano facendo la spesa con la loro bambina. La figlia è andata improvvisamente nel panico quando ha visto Michael Aquino e ha iniziato ad afferrare la gamba di suo padre, sbottando: “Quello è Mikey ed è un uomo cattivo!” Quando se ne stavano andando, la figlia identificò la moglie di Aquino come Shamby. Non appena sono arrivati ​​a casa hanno chiamato l’FBI.

Il giorno successivo la figlia di Adams-Thompson ha identificato Hambright da una serie di foto e ha fornito dettagli notevoli su Hambright che l’aveva portata via a casa di Mikey e Shamby, dove, ha descritto con dettagli incredibili, di essere stata abusata in una stanza con tutte le pareti nere (si scopri` poi che erano insonorizzate), e i due uomini si vestivano da donne e Shamby si vestiva da uomo. [109] [110] Ha anche riferito di essere stata fotografata e filmata mentre veniva accarezzata da Hambright in una vasca da bagno nella casa degli Aquino. [111] L’FBI l’ha portata al 2430 di Leavenworth Street e la bambina è stata in grado di indicare la residenza in cui vivevano gli Aquino. Armati di un mandato di perquisizione il 14 agosto, l’FBI e la polizia di San Francisco sono entrati nella casa e hanno confiscato videocassette, 29 foto raffiguranti costumi e maschere, due album fotografici, quaderni con nomi e indirizzi come prova che la casa sembrava essere il centro di un circolo satanico di pedofili. [112] La coppia indignata ha affermato che la loro casa è stata “saccheggiata” in una “caccia alle streghe”.

Il fragile alibi di Aquino era che frequentava la National Defense University di Washington DC. Ma ha anche ammesso di aver fatto spesso viaggi a San Francisco. Il rapporto di abusi da parte di un colonnello satanista creò un tale scalpore nella stampa che l’esercito lo riassegnò rapidamente al Centro del personale della riserva dell’esercito americano a St. Louis. [113]

Sfruttando il fatto che il padre della bambina che ha identificato gli Aquino come suoi molestatori era anche assistente cappellano a Presidio, Aquino affermo` che il capitano Larry Adams-Thompson stava vendicandosi, perché Aquino era un sommo sacerdote nella chiesa satanica, e per rappresaglia il colonnello ha effettivamente tentato di avviare un procedimento di corte marziale contro il padre del bambino che Aquino ha abusato per “condotta sconveniente” …. [114]

Durante i decenni di crimini scoperti, Aquino, ha sempre giocato la carta della “vittima innocente”, nascondendosi dietro una presunta “persecuzione” perpetrata da cristiani bigotti. Peccando di vanita`, è apparso prontamente nei talk show nazionali nel tentativo di difendersi e ha risposto a innumerevoli confutazioni online per “mettere le cose in chiaro”. In un forum, in risposta al contributo scritto dell’ex capo delle indagini giovanili di Presidio Ed Albanoski, il famigerato tenente colonnello ha scritto due lunghi resoconti della sua versione della storia. [115]

Poiché gli abusi nella casa di Aquino si sono verificati entro i limiti della città, il SFPD si e` preso in carico il caso dall’agosto 1987 al giugno 1988 per indagare sul sommo sacerdote e sacerdotessa del Tempio di Set prima di consegnare i loro risultati all’ufficio del procuratore distrettuale della città. Ma come in ogni altro caso che coinvolge Aquino, nessun atto d’accusa, nessun arresto e nessun processo sono andati in porto. L’avvocato americano incaricato del caso come procuratore capo – Joseph Russeniello – era un compagno di merende coinvolto nella stessa operazione di traffico illegale di droga negli Stati Uniti, l’affare Contra, [116] guidata dal famigerato trio di cavalieri maltesi George HW Bush, Bill Clinton e il loro capro espiatorio, il tenente colonnello Oliver North. Il giornalista “suicidato” Gary Webb [117] [118], anch’egli giornalista per il San Jose Mercury, ha portato sotto i riflettori lo scandalo Contra che vedeva Russeniello come un riciclatore di denaro che spacciava cocaina. Gli indiscutibili legami di Aquino con il collega ufficiale militare Oliver North e la base dell’aeronautica militare di Offutt, dove Aquino era un handler del controllo mentale Monarch, e lo scandalo Franklin sono incontrovertibili. [119] Ancora una volta, solo un altro promemoria di come i satanisti dei Cavalieri di Malta siano stati leader internazionali nel traffico di sesso infantile, nel traffico di droga, nel traffico di armi e nel traffico di organi. E il boss pedofilo – George Bush Sr. – è stato il patriarca di questa stessa famiglia criminale. [120]

Nel frattempo, si sospettava un altro comportamento scorretto a Presidio quando un incendio che fece danni per $ 500.000 scoppiò nell’edificio accanto alle aule che ospitava i registri dell’asilo nido durante la notte dell’equinozio d’autunno, un importante evento del calendario satanico, il 22 settembre 1987. [ 121] I vigili del fuoco dell’esercito hanno affermato che la causa dell’incendio e` stato un cablaggio difettoso, ma si sospettava un incendio doloso. Ovviamente Aquino e il resto dei suoi adoratori di Satana pedofili non volevano che le autorità avessero accesso a documenti che avrebbero potuto metterli dietro le sbarre. Quasi per vendetta, l’edificio dell’asilo nido stesso tre settimane dopo fu dato alle fiamme distruggendo quattro aule, una in cui insegnava Gary Hambright. A causa di un secondo incendio che ha causato danni per $ 50.000, è stato chiamato il Bureau of Alcohol, Tobacco and Firearms ed entrambi gli incendi sono stati confermati come atti di incendio doloso. Sei mesi dopo è stato costruito e aperto un nuovo asilo nido da 2,3 milioni di dollari.

Otto giorni dopo il primo incendio il 30 settembre, e un anno e mezzo da quando il primo caso contro Hambright è stato archiviato, è stato nuovamente incriminato per 10 conteggi di condotta oscena e lasciva su 10 bambini e due conteggi di copulazione orale, annunciati a una conferenza stampa dell’avvocato Russoniello, aggiundendo che le accuse avrebbero comportato una pena massima di 96 anni e una multa di 3 milioni di dollari. [122] La teoria del pistolero solitario contro gli insabbiamenti federali è stata ancora una volta confermata, con il co-cospiratore Russoniello che ha affermato che non sarebbero stati effettuati altri arresti per mancanza di prove. Rafforzando ciò che i bambini e i loro genitori già dolorosamente sapevano, ovvero che un certo numero di pedofili se la stavano cavando senza problemi, Hambright in seguito fece la dichiarazione:

Non riesco a capire perché queste accuse e falsità siano state rivolte esclusivamente a me. [123]

Sebbene le cartelle cliniche mostrassero che a molti bambini mancavano gli imeni, avevano lesioni rettali e soffrivano di traumi anali e genitali e di clamidia, non furono inclusi nell’accusa, ma solo nelle prove mediche di Tobin. [124] Anche le vittime con prova di danno medico non sono mai state intervistate. Poiché almeno una mezza dozzina di bambini affetti da malattie veneree apparentemente vennero apparentemente ignorati dall’ospedale dell’esercito, quella prova critica fu opportunamente eliminata. [125] I pubblici ministeri hanno spiegato che solo 10 bambini sono stati selezionati nella reincriminazione perché ritenuti i migliori testimoni nonostante il fatto che oltre 60 bambini fossero stati identificati come vittime di abusi. È stato l’ennesimo colpo basso e uno schiaffo in faccia ai bambini e alle loro famiglie.

La situazione peggioro` quando nel febbraio 1988 gli avvocati statunitensi chiesero che le accuse di quattro dei bambini fossero rimosse a causa di problemi con la loro testimonianza. [126] Il giudice, William Schwarzer, istruito ad Harvard nominato dal presidente pedofilo Gerald Ford, [127] [128] durante la prima tornata legale contro Hambright aveva rifiutato tutte le prove per sentito dire. Ma questa volta a causa della presunta “vaghezza” dell’accusa, Schwarzer ha eliminato tutte le accuse tranne una. Quindi il terapeuta di Tobin gli raccomandò, come ultimo possibile testimone, di non prendere più posizione (sebbene un articolo di AP riportasse che i genitori del ragazzo “non erano più disposti a partecipare al processo fissato per il 4 aprile”). [129] Il caso contro Hambright in ogni momento è stato minato da giudice, accusa e alti funzionari militari. Pertanto, le stesse persone il cui compito professionale era quello di garantire che la giustizia per le vittime fosse servita, secondo un progetto intenzionale, fallirono miseramente. E così l’unico pedofilo identificato tra i tanti era un uomo libero. Questo triste risultato è stato attribuito all’inesperienza degli avvocati statunitensi nel gestire i casi di abusi sui minori e al loro fallimento all’inizio nel cercare consulenti esperti. Un’altra scusa fu la sovrapposizione delle giurisdizioni cittadine e federali che hanno confuso e oscurato il caso. Gli avvocati statunitensi hanno affermato di essere limitati a ciò che è accaduto solo sul terreno federale di Presidio. Quelle visite fuori sede a casa di Aquino non sono neanche state prese in considerazione come prove poiché l’ufficio del procuratore distrettuale di San Francisco si è rifiutato di presentare le accuse. Quando gli ordini arrivano dall’alto, tutti i pervertiti sono liberi di ballare.

La psicologa Diane Ehrensaft ha sottolineato nell’American Journal of Orthnopsychiatry le prove esagerate che la corte ha deliberatamente ignorato:

La gravità del trauma per i bambini di Presidio si è immediatamente manifestata in chiari sintomi. Prima che l’abuso venisse esposto, i genitori avevano già notato i seguenti cambiamenti nei loro figli: perdite vaginali, dolore genitale, eruzioni cutanee, paura del buio, disturbi del sonno, incubi, linguaggio sessualmente provocatorio e comportamento sessualmente inappropriato. Inoltre, i bambini mostravano altri cambiamenti radicali nel comportamento, inclusi scoppi d’ira, sbalzi d’umore improvvisi e scarso controllo degli impulsi. Tutti questi sintomi comportamentali sono prevedibili nei bambini in età prescolare che sono stati molestati. [130]

La triste e inquietante realtà e` che il leader di una chiesa satanica ed esperto di tortura per il controllo mentale, il tenente colonnello Aquino, è stato a lungo il perno di un circolo di abusi rituali satanici della California settentrionale che ha danneggiato centinaia di bambini indifesi. [131]

Mentre sulla costa orientale il caso di pedofilia satanica di West Point è stato contenuto in modo non etico da personaggi del calibro di Rudy Giuliani e dal Pentagono, nel clima molto più aperto e politicamente progressista di San Francisco, la disgrazia degli abusi sui minori da parte dei militari alla fine attiro molta più pubblicità. Nell'ottobre 1987 i giornali locali iniziarono a pubblicare articoli, soprattutto dopo che il Col. Aquino fu scoperto e indagato. Per autodifesa, Michael Aquino sfrutto` la televisione mentre Geraldo Rivera intervistò sia Aquino che l’ex capo dell’FBI Ted Gunderson nel 1987 [132] e in seguito affrontò ancora accuse nel febbraio 1988 all’Oprah Winfrey Show. [133] Sulla base dei resoconti di innumerevoli vittime, tonnellate di prove dimostrano la colpevolezza di Aquino come pedofilo, torturatore e programmatore del controllo mentale MK Ultra / Monarch, nonostante il satanista omicida non abbia mai trascorso nemmeno un giorno in prigione per i suoi migliaia di crimini. E sebbene quasi nessuna condanna abbia punito le sue imprese criminali, nel giugno 1988 i genitori di 23 bambini maltrattati nello scandalo di Presidio hanno intentato una causa civile da 55 milioni di dollari per danni derivanti dalla negligenza grave e dagli abusi sessuali dell’esercito. [ 134] Apparentemente in seguito fu raggiunto un accordo multimilionario non divulgato. [135]

Per tutti i suoi crimini impuniti, Michael Aquino ha effettivamente avuto l’audacia di intentare una causa senza successo contro l’esercito nel gennaio 1988 e ricevere una conpenso per cio` sosteneva fossero false dichiarazioni contro di lui. [136] Il CID ha accusato il tenente colonnello di “cospirazione, sequestro di persona, sodomia, atti indecenti, maltrattamento di un subordinato e condotta sconveniente per un ufficiale”. Dopo la causa di Aquino, il 28 settembre 1990, il generale in comando del CID dell’esercito mantenne le seguenti accuse contro Aquino una questione di pubblico dominio che i tribunali militari successivamente concordarono:

C’era una probabile ragione per accusare Aquino di atti indecenti con un bambino, sodomia, cospirazione e rapimento. [137]

Questa macchia permanente lasciata almeno sulla carta come nota in calce alla carriera militare altrimenti “eccezionale” di Aquino è stata la base dietro il suo ritiro forzato [138] dallo status di riserva attiva nel 1990 [139] (sebbene Aquino lo contesti). [140] Tuttavia, poiché era una importante risorsa nell’intelligence statunitense, un esperto di controllo mentale e inoltre era in grado di ricattare l’intera elite, il tenente colonnello Aquino sostiene che gli è stato permesso di rimanere in uniforme per altri 16 anni come un ufficiale di riserva. In altre parole, in risposta ai fatti schiaccianti accumulati negli anni che dimostrano che Aquino è un maniaco pedofilo, il governo ha scelto di placare la sua ira satanica semplicemente redarguirlo pubblicamente per continuare a utilizzare la sua “esperienza”. Non ha mai scontato un giorno in prigione perché ancora una volta la sicurezza nazionale ha sigillato le tonnellate di prove contro di lui. Eppure fino ad oggi come vittima autoproclamata di “calunnie”, il satanista evoca ancora il “panico satanico” come suo persecutore. Il suo tascabile del 2014 Extreme Prejudice: The “Satanic Abuse” Scam viene venduto a $ 20 su Amazon. [141]

I bambini interiorizzano di riflesso la colpa che li induce a incolpare se stessi per l’orrore che è stato perpetrato su di loro. [142] L’autodistruzione, l’odio per se stessi e la vergogna in genere li perseguitano e li terrorizzano per decenni a venire in età adulta, compromettendo la capacità delle vittime di abusi di sviluppare relazioni intime e sane tra adulti. I sopravvissuti allo scandalo di Presidio hanno continuato a soffrire di abusi molto tempo dopo che le prove erano state sepolte mentre il caso si era vergognosamente fermato. Nonostante gli abusi alle spalle, una bambina di 4 anni ha detto a sua madre a tavola che voleva uccidersi con un coltello. Un’altra bambina di 6 anni che giocava con l’argilla a scuola all’improvviso ha iniziato a pugnalarla, urlando “Mr. Gary è cattivo e io sono cattiva perché glielo lascio fare! ” Incubi e flashback persistono comunemente per anni e decenni a venire. Ai genitori di West Point e` stato detto: “È finita, dovreste semplicemente andare avanti”, una madre con due delle sue quattro figlie vittime di abusi sessuali, entrambe affette da clamidia ha avuto la forza di rispondere:

Tre settimane fa, la nostra figlia più piccola aveva degli incubi e l’altra nostra figlia si stava completamente chiudendo, andando nella sua stanza senza radio, senza TV, senza niente. Ditemi ancora che è finita. [143]

A parte West Point e Presidio, resta il fatto che durante gli anni ’80 in almeno altre 15 installazioni dell’esercito, della marina e dell’aeronautica negli Stati Uniti (cioè, Fort Dix, Fort Hood, Fort Jackson, Fort Leavenworth, Fort Meade) e all’estero ( Germania, Panama) [144] [145] – si stima che oltre il 10% di tutti i 300 asili nido militari statunitensi nel mondo che si prendono cura quotidianamente di quasi 100.000 bambini piccoli hanno avuto casi documentati di abusi sessuali. [146] Questo serve come prova indiscutibile che una macchina pedofila globale sistemica e ben oliata ha operato in tutto il mondo per numerosi decenni violentando in bella vista con completa impunità. Tieni presente che durante questo stesso periodo di tempo, il pedofilo George HW Bush agì a tutti gli effetti come presidente degli Stati Uniti (per tre mandati) e la sua CIA stava trafficando bambini da Boy’s Town alla Casa Bianca e dall’America Centrale usando l’AmeriCares del compagno pedofilo Padre Ritter come copertura di “beneficenza” mentre Padre Maciel pedofilo e i suoi compagni preti pedofili diffondevano i loro semi peccaminosi in ogni angolo del globo in nome di Satana . Negli ultimi decenni, la morsa luciferina degli abusi sessuali ritualizzati e del sacrificio di bambini è diventata molto più sofisticata, estesa e redditizia, perpetrando atrocità impensabili contro i bambini in tutto il mondo.

Trent’anni dopo, milioni di bambini sono scomparsi per sempre, molti sono stati anche brutalmente contaminati dalla presa di Satana, con prove praticamente ogni singolo giorno che i pedofili e gli assassini nelle alte sfere continuano a farla franca con i loro peccati contro l’umanità. Non si può tornare indietro ora, dobbiamo scavare più a fondo e scoprire la loro sporca verità se vogliamo essere in grado di fermare gli orribili abusi e il sanguinoso massacro dei nostri giovani. Sia per i milioni di persone scomparse che per i bellissimi bambini ancora in grado di regalarci i loro amati sorrisi innocenti e le loro gioiose risate che vivono tra noi ora, dobbiamo garantire loro la nostra feroce protezione, a prescindere dal costo.

LO STATO PROFONDO NASCONDE LE PROVE – IERI E OGGI

Il fenomeno sociologico della cosiddetta “isteria di massa” generato durante gli anni ’80 e ’90, convenientemente etichettato come “panico satanico”, è ripreso in un articolo di Vox dell’ottobre di qualche anno fa [147], sollecitato dall’allora copertura mediatica della “clown scare” [148 ] senza nemmeno accennare a Pizzagate che stava decollando su Internet. Il pezzo di successo di Vox suggerisce un’altra irrazionale rinascita della fobia satanica che colpisce ancora una volta gli Stati Uniti, prendendo di mira un’America angosciata, tentando di sostenere la sua affermazione citando casi degli anni ’80 di genitori iper-sensibilizzati, terapisti, forze dell’ordine, pubblici ministeri e giornalisti, dove tutti avrebbero messo parole in bocca alle bambine vittime, provocando un’ondata di accuse e condanne false e selvaggiamente “bizzarre”, punendo vittime adulte innocenti a decenni dietro le sbarre.

Il Pacific Standard ha pubblicato un altro pezzo di successo nel settembre 2015 ridicolizzando l’abuso rituale satanico (SRA), esponendo i mercanti di paura satanisti e le “cacce alle streghe” che perseguono il male “immaginario”. [149 ] Un’altra arma usata per disprezzare e svergognare la folla del “panico satanico” è un best seller del 1980 chiamato Michelle Remembers scritto da un presunto sopravvissuto all’ARS che attraverso quattro anni di terapia e un aborto spontaneo ha iniziato a recuperare ricordi perduti sepolti della sua infanzia per mano dei seguaci della Chiesa di Satana. [150] La donna finì per sposare il suo terapista e insieme scrissero un libro che in seguito fu ritenuto frutto della finzione. Il titoletto dell’articolo dello Standard recita “come la psicologia ciarlatana abbia aiutato gli esperti a inventare il panico satanico degli anni ’80 e ’90”. Il Washington Post, di Jeff Bezos, [151] quello che ha assunto John Podesta come editorialista per diffondere bugie per coprire la pedofilia dilagante, [152] ha commentato con un titolo del luglio 2015 “come l’isteria degli abusi sui minori negli asili nido degli anni ’80 sono diventati una caccia alle streghe. “[153] Ancora una volta, i media hanno un lavoro da fare, ridicolizzare e sminuire i “teorici della cospirazione” etichettati come “pazzi” che credono davvero che l’abuso rituale satanico sia reale. [154] Controllare l’opinione pubblica e la percezione è la chiave per mantenere il coperchio della pedofilia sigillato ermeticamente dalla coscienza e dalla consapevolezza pubblica. Ma ancora più importante è lo sciocco compito di nascondere tutte le prove del flagello della pedofilia [155] così a lungo incorporato ai livelli più alti del potere terreno, proteggendo i pedofili che non solo possiedono e gestiscono MSM, ma il mondo intero. [156]

Un quarto di secolo dopo la debacle degli abusi sui minori di McMartin, i recenti articoli di Vox, Standard e WaPost hanno citato il famigerato caso come prova fondamentale di come vite “innocenti” vengono rovinate quando vengono “fabbricati” falsi ricordi, e di come negli anni ’80 fosse diffuso il miserabile ” panico satanico. ” In base a un disegno calcolato, proprio come la stampa tradizionale si è assicurata di influenzare e controllare l’opinione pubblica durante l’indagine e il processo McMartin, il trattamento di Vox, del WaPost e dello Standard del caso fa sì che i colpevoli siano le vittime.

Quindi diamo uno sguardo alle prove concrete degli anni ’80. Uno studio scientifico condotto da ricercatori dell’Università del New Hampshire ha analizzato i dati effettivi degli asili nido negli Stati Uniti durante il periodo di tre anni dal gennaio 1983 al dicembre 1985 e ha concluso che 500-550 casi segnalati e comprovati di abuso sessuale di bambini negli asili nido in tutto il mondo. In America erano coinvolte 2.500 vittime. [157] Quindi, nonostante il “panico satanico” e le esagerazioni e le bugie dei media, c’erano prove più che sufficienti documentate che gli abusi sessuali si fossero effettivamente verificati durante la metà degli anni ’80. E nel 13% di questi casi confermati, si tratta di oltre 70 casi noti di abusi sessuali su minori in un periodo di soli 3 anni erano incluse “invocazioni di simboli religiosi, magici o soprannaturali”, sostenendo la realtà che l’abuso rituale satanico era ed è sicuramente perpetrato contro i bambini.

Ma a parte le pubblicita negative per screditare il fenomeno, la risposta dello stato profondo al "panico satanico" è diventata piu` aggressiva e nel 1992 ha prodotto la cosiddetta “sindrome della falsa memoria”. [158] Gli scienziati della CIA hanno rapidamente creato una bufala controffensiva in risposta al panico satanico degli anni ’80, [159] che chiariva come terapisti, genitori, polizia e pubblici ministeri stessero involontariamente, o intenzionalmente, fuorviando sia i bambini che gli adulti nel ricordare ricordi perduti sepolti di traumi sessuali che mai realmente sono accaduti, come nel presunto scenario di Michelle Remembers, che ha portato innumerevoli insegnanti, genitori e vittime adulte ad essere falsamente accusati e imprigionati.

Come terapista autorizzato a Los Angeles che per molti anni ha lavorato a stretto contatto con bambini, adolescenti e giovani adulti vittime di pedofilia, la mia esperienza diretta conferma la ricerca empirica che mostra che i bambini non inventano quasi mai l’abuso sessuale per pura immaginazione. Detto questo, ci sono casi occasionali di terapisti che hanno abbracciato eccessivamente il carrozzone della memoria repressa danneggiando clienti, famiglie e imputati innocenti, creando falsi ricordi. Ma rispetto alle centinaia di migliaia di casi che coinvolgono ricordi di abusi sessuali comprovati molto reali, i casi di “falsa memoria” sono una piccolezza.

Per natura, i crimini di pedofilia sono tra i più compulsivi, creano dipendenza e sono estremamente difficili da trattare in modo efficace psicologicamente poiché i tassi di recidività tendono ad essere fuori scala. I pedofili generalmente continueranno a stuprare fino a quando non verranno catturati, isolati fisicamente e allontanati dai bambini. Gli studi hanno dimostrato che il pedofilo medio perseguiterà i bambini 260 volte durante la sua vita. Infatti oltre la metà dei condannati per reati sessuali su minori torna in carcere entro il primo anno dopo il rilascio e meno di uno su quattro rimane fuori dal carcere per due anni. [160] Quindi consentire ai pedofili di essere completamente liberi significa che centinaia di bambini in più vengono danneggiati. E con appena l’1-10% delle molestie su minori denunciate alle autorità, i pedofili possono colpire ancora e ancora prima che i loro orrendi crimini vengano mai denunciati.

Sebbene la maggior parte delle vittime di abusi sessuali su minori non diventi in seguito trasgressore, una parte di loro lo diventa. [161] La preoccupante conseguenza di continuare a proteggere i pedofili, combinata con il fallimento sistemico nella protezione dei bambini, si traduce in un’epidemia globale che scopriamo solo oggi. E nel tempo, con più generazioni di vittime che potenzialmente diventano futuri stupratori di minori, l’attuale epidemia si espande in modo esponenziale di conseguenza. Con l’abuso rituale generazionale perpetrato e tramandato dalle famiglie degli Illuminati, ulteriormente esacerbato dalla collaborazione segreta con i programmi MK Ultra / Monarch della CIA, il ciclo di abusi sessuali sui minori diventa esponenzialmente auto-replicante. I 73,8 milioni di bambini (17 anni in giu) negli Stati Uniti [162] e 1,9 miliardi di bambini in questo mondo oggi (14 anni in giu`) [163] non sono protetti dal sistema elitario che protegge quei pedofili al potere da ogni e qualsiasi conseguenza.

Ad aggravare il problema dei bambini a rischio, su quasi mezzo milione di autori di reati sessuali su minori registrati che vivono tra la popolazione degli Stati Uniti, 9 predatori sessuali su 10 di bambini rimangono non registrati e ancora latitanti. [164] Inoltre, più di una dozzina di anni fa, l’allora presidente fondatore del National Center for Missing and Exploited Children Ernie Allen ha dichiarato alla TV nazionale che:

Si stima che da 80 a 100.000 di loro [autori di reati sessuali registrati] siano scomparsi. Dovrebbero essere registrati, ma non sappiamo dove si trovano e non sappiamo dove vivono. [165]

Quello che sappiamo è che 12 anni dopo molti più pedofili sono attualmente scomparsi dai registri e che i pedofili molto spesso violentano di nuovo, quindi con tanti pericolosi molestatori in libertà, migliaia di altri bambini vengono aggrediti sessualmente. E ancora, questo non prende in considerazione i potenti pedofili che hanno sempre vissuto al di sopra della legge. Ecco perché è così cruciale che questo flagello sull’umanità venga finalmente affrontato in modo appropriato e non più convenientemente spazzato sotto il tappeto, fingendo che non stia realmente accadendo o che sia semplicemente troppo brutto e orribile da affrontare. Guardare dall’altra parte o rimanere ignoranti è tutt’altro che consigliato, e peggiora solo questo problema gigantesco, permettendogli di diffondersi ulteriormente come il cancro diabolico che è.

Sebbene valida in casi limitati, la storia della sindrome della falsa memoria, elaborata da una fondazione impeccabilmente accreditata di scienziati segreti della CIA per il controllo mentale designata per impedire e soffocare le prove di pedofilia e satanismo, ha purtroppo ottenuto l’effetto complessivo desiderato, ovvero confondere le acque, rendere le affermazioni delle vittime – giovani e meno giovani – molto più sospette, automaticamente meno credibili e molto più ardue da provare in un tribunale. [166] Di conseguenza, innumerevoli predatori colpevoli hanno utilizzato questa carta come strategia di difesa legale di successo e sono quindi riusciti a sfuggire alla giustizia. La controffensiva della CIA intesa a contrastare la diffusione del “panico satanico” e` servita per proteggere i pedofili e i circoli pedofili, sovvertendo e coprendo efficacemente il vero abuso rituale satanico negli anni ’90 che sotto copertura è fiorito fino ad oggi, semplicemente respingendo il vero abuso rituale satanico come esagerato.

Membro di spicco dell’APA dal 1973 e nota psicologa, Elizabeth Loftus, che fa parte del comitato consultivo della False Memory Syndrome Foundation, [167] il collaudato fronte della CIA, [168] un paio di decenni fa è stata sollevata con l’accusa di inganno intenzionale e condotta non etica davanti al comitato etico dell’APA prima delle dimissioni della stessa dall’APA un mese dopo che due donne avevano presentato reclamo contro di lei. [169] Secondo lo statuto dell’APA, questa è stata una chiara violazione in quanto il comitato etico dell’APA stabilisce che i reclami presentati mentre un membro dell’APA è ancora attivo garantisce che eventuali reclami esistenti contro di loro vengano esaminati. Tuttavia il presidente della commissione APA incaricato di esaminare le denunce era un collega esperto che testimoniava per la stessa squadra di difesa che rappresentava un aggressore accusato in un caso di memoria repressa, che è un chiaro conflitto di interessi. Quindi anche le azioni del comitato “etico” dell’APA si sono rivelate non etiche, specialmente quando il comitato si è rapidamente rifiutato di indagare sulle accuse già presentate. I querelanti nei due casi di memoria repressa in cui la Loftus era stata testimone erano le stesse due donne che in seguito hanno denunciato la Loftus per violazioni etiche. In un’intervista a Psychology Today, Elizabeth Loftus ha scelto di pontificare osservazioni distorte e denigratorie contro le due donne che in un tribunale avevano dimostrato con successo i loro casi di incesto contro i genitori. In qualità di psicologa ricercatrice che non ha mai avuto alcuna esperienza clinica nel trattamento delle vittime di traumi sessuali, la Loftus ha oltrepassato i suoi limiti, fallendo nel smentire la veridicità dei ricordi di abuso delle vittime. La posizione generalista della Loftus secondo cui tutti i ricordi repressi sono sospetti, inaffidabili è semplicemente sbagliata poiché ogni caso deve essere giudicato in base ai propri meriti.

Uno sguardo più da vicino a questa organizzazione di facciata della CIA – la False Memory Syndrome Foundation (FMSF) – fa notare che tra i membri fondatori ci sono pedofili e scienziati del controllo mentale della CIA. [170] E con la CIA che controlla strettamente la stampa, essa ha esercitato un potere fenomenale sia sui media americani che sul sistema giudiziario per ridurre al minimo la consapevolezza pubblica della pedofilia rituale satanica e dei suoi vasti circoli di traffico mondiale. Un articolo della Columbia Journalism Review di due decenni fa afferma:

Raramente un’organizzazione così strana e poco compresa ha avuto un effetto così profondo sulla copertura mediatica di una questione così controversa. La fondazione [False Memory Syndrome] è una macchina di pubbliche relazioni aggressiva e ben finanziata, esperta nel manipolare la stampa, molestare i suoi critici e mobilitare un esercito eterogeneo di psichiatri, accademici schietti, testimoni esperti della difesa, avvocati litigiosi, critici di Freud, critici della psicoterapia e genitori devastati. [171]

Il fondatore della FMSF, Ralph Underwager, in qualità di pedofilo ha proclamato in un’intervista che è “Volontà di Dio” che gli adulti partecipino al sesso con i bambini. [172] L’ex ministro luterano fu costretto a dimettersi nel 1993. Prima della sua caduta, era un cosi stimato difensore di pedofili che gli avvocati di Woody Allen impiegarono Underwager per testimoniare a nome di Allen quando l'attrice Mia Farrow, moglie di Allen all'epoca , ha accusato il regista di aver violentato la loro figlia adottiva di 7 anni Dylan Farrow, che in seguito, con le sue stesse parole, accuso` pubblicamente Allen di essere un pedofilo. [173]

Poi c’è lo scandalo che denuncia i direttori esecutivi dell’FMSF, gli psicologi Peter e Pamela Freyd. La loro figlia Jennifer anni dopo ha rivelato pubblicamente che il padre alcolizzato e pedofilo l’ha molestata sessualmente. [174] Peter Freyd è stato poi difeso dalla moglie che ha tentato di sabotare la carriera della figlia come professore di psicologia negli anni ’80. Nonostante questa spregevole verità, questi pedofili che si nascondono dietro la loro facciata “scientifica” e le loro credenziali come “testimoni esperti”, hanno commesso danni irreparabili a migliaia di vittime in tribunale quando le loro accuse e le loro testimonianze sono cadute nel vuoto e legioni di criminali. come Woody Allen non sono state mai assicurata alla giustizia.

Leggiamo le parole del grande giornalista investigativo e autore David McGowan contenute nel suo libro Programmed to Kill: The Politics of Serial Murder:

Non dovrebbe sorprendere, quindi, che agenti di lunga data della CIA e del complesso di intelligence si presentino nel comitato consultivo dell’FMSF. Forse il membro più pubblico è stato il Dr. Louis Jolyon “Jolly” West, una figura leggendaria nei circoli di controllo mentale della CIA che operano dall’UCLA. Un altro è il dottor Martin Orne, un’autorità sulla tortura che attualmente lavora presso il Laboratorio di Psichiatria Sperimentale dell’Università della Pennsylvania. Ancora un altro luminare della falsa memoria è Margaret Singer, professore emerito presso l’Università della California-Berkeley. [175]

Così, come guardiana dell’Impero Pedofilo, la CIA che controlla sia i media tradizionali che il sistema giudiziario americano funziona per proteggere i poteri forti, contribuendo a diffondere il loro tentacolo di traffico sessuale in ogni angolo del globo. Un articolo del San Francisco Chronicle del novembre 1987 riguardante lo scandalo di Presidio notava che l’ufficiale dell’intelligence della polizia di San Francisco ed esperto di sette riconosciuto a livello nazionale Sandi Gallant specificò che almeno 60-70 casi “solidi” di abusi sessuali rituali satanici esistevano a livello nazionale a quel tempo. [176] Dallo stesso articolo un’altra esperta, la psicologa clinica Catherine Gould, che ha consigliato dozzine di bambini sostenendo di aver subito abusi rituali, viene citata: “Indipendentemente, le vittime descrivono circostanze incredibilmente simili”. In netto contrasto con la falsa realtà dell’establishment del potere, doverosamente promossa dal “panico satanico” di MSM e dall’FMSF, che nega totalmente l’esistenza di violenze sui bambini. Migliaia di racconti di bambini e adulti raccolti da più continenti confermano tutti in modo sbalorditivo le stesse pratiche basilari di satanismo che sono sopravvissute sin dall’epoca babilonese.

Pertanto, è più che prevedibile che la macchina per sopprimere la verità di MSM trascinerà fuori il suo vecchio slogan vintage “panico satanico” degli anni ’80 come rinnovata difesa contro le email di Podesta scoperte da WikiLeaks [177] che ha spinto migliaia di investigatori di Internet ad informarsi sulla pedofilia elitaria [178] che collega entrambi i fratelli Podesta, entrambi Clinton, Obama, il DNC, l’omicidio di Seth Rich [179] e, naturalmente, la pizzeria Comet Ping Pong. Per scoraggiare i ricercatori, viene utilizzata una strategia astutamente calcolata per nascondere le operazioni di pedofilia conducendo una diffusa campagna mediatica di disinformazione [180] e reintroducendo etichette sprezzanti e negative come “panico satanico” la quale ricorda un’altra campagnia di disinformazione della CIA, la quale etichettava coloro che osavano sfidare e sfatare le false menzogne ​​narrative ufficiali dello stato profondo, a partire dalla copertura dell’assassinio di JFK, come folli “teorici della cospirazione”. [181]

Ma con la stragrande maggioranza degli americani ora pienamente convinta che le notizie mainstream siano completamente “fake news”, con una credibilità prossima allo zero, [182] nel tempo la loro etichetta di “teorico della cospirazione” sta diventando sempre piu` inconsistente. Lo stesso vale per il loro meme “L’hanno fatto i russi”. [183] Grazie in gran parte a Internet, come ammette la pedofila Hillary [184], la sua organizzazione pedofila sta “perdendo la guerra dell’informazione”. [185] Da qui, il suo programma di mettere a tacere la verità.

Ciò che è vistosamente assente dalle news MSM sono i casi reali in cui i satanisti hanno effettivamente commesso orribili crimini sessuali violenti contro i bambini piccoli. Oltre al già citato studio della metà degli anni ’80, solo per dimostrare ulteriormente il punto, decine di condanne confermate e documentate nei casi penali statunitensi negli anni ’80 e ’90 che coinvolgono solo abusi rituali satanici sono state compilate su un sito web. [186] Ma per omissione selezionata, gli articoli di propaganda di MSM sono volutamente fuorvianti, negligenti nella loro grossolana incapacità di riconoscere la realtà inquietante che i culti satanici stanno operando in tutto il mondo, [187] [188] rapendo, danneggiando e uccidendo bambini, [189] bevendo il loro sangue, mangiando la loro carne, [190] e bruciando ritualisticamente giovani vittime vive su altari satanici, [191] proprio come i loro antichi antenati praticavano millenni fa. [192] Dopotutto, non è che le società segrete sataniche adoratrici di Moloch se ne siano andate. [193] Oggi sono più evidenti che mai. Nel corso dei secoli, i pedofili adoratori satanici non hanno mai smesso di commettere crimini vili.

Crimini indicibili che coinvolgono circa 1 milione di bambini statunitensi e 8 milioni di bambini in tutto il mondo ogni anno si verificano alla velocità sbalorditiva di 1 ogni quattro secondi, ogni singolo giorno 24 ore su 24, 7 giorni su 7, [194] solo per alimentare l’insaziabile desiderio delle forze demoniache scatenando sempre più caos su questo pianeta in questi tempi sempre più bui e turbolenti. Ma secondo l’attuale macchina della menzogna di MSM controllata dal demonio, completamente complice nel coprire le atrocità eclatanti diffuse, PedoGate è semplicemente il frutto dell’immaginazione di un gruppo di folli complottisti. Ma dalla valanga di prove confermate, [195] ora sappiamo che la verita e` un’altra.

Poiché sei oligarchi sono responsabili di ogni aspetto riguardante i media corporativi, [196] i pedofili che gestiscono questo mondo contano sul fatto che ci instupidiscano diminuendo la nostra soglia dell’attenzione – lontano dagli occhi, lontano dalla mente, specialmente da quando la storia del PedoGate e emersa. I controllori planetari non hanno mai lavorato cosi intensamente, usando ogni tipo di trucco, imbroglio, inganno e false flag, come ad esempio il fiasco di Charlottesville (o Floyd piu` recentemente) per promuove la guerra razziale [di nuovo], [197] o il terrorismo europeo simile a quello che avveniva durante l’operazione Gladio, [198] o gli ultimatum da Terza Guerra Mondiale in risposta ai lanci dei missili della Corea del Nord (guerra scongiurata da Trump), [199] e gli uragani assassini creati artificialmente che colpiscono l’America e i Caraibi, [200] usando qualsiasi cosa nel loro formidabile arsenale per distogliere e distrarre l’occhio del pubblico dall’elefante nella stanza globale: il traffico pedofilo elitario. Dal Vaticano [201] all’Islanda, [202] i pedofili rimangono nei titoli dei giornali, e gli imperatori degli Illuminati sono senza i loro vestiti, essendo stati colti in flagrante, dopo secoli di ininterrotta corruzione e abusi, gli scarafaggi in preda al panico, demoniaci e subumani, sono disperatamente in fuga.

Per contrastare e negare il Pizzagate divenuto PedoGate, falsità e smentite sono all’ordine del giorno nell’apparato MSM che fa gli straordinari per sfornare propaganda come l’articolo Vox dell’ottobre di qualche anno fa. [203] In conclusione, caso dopo caso, un modello coerente e diffuso di abusi sessuali e di insabbiamento illustra graficamente la politica ufficiale del governo / esercito degli Stati Uniti di guardare dall’altra parte come procedura operativa standard, mentre ostruisce la giustizia per garantire che lo stupro e l’omicidio di bambini innocenti continuino indisturbati. Coloro che gestiscono questo mostro mortale hanno meticolosamente istituito un sistema criminale in modo che le stesse “volpi” pedofile siano incaricate di “sorvegliare” i “pollai” (asili, orfonatrofi ecc). [204] I satanisti hanno strategicamente infiltrato e saturato i mezzi di comunicazione, l’istruzione, la religione, le forze dell’ordine, i tribunali e il sistema politico a livello globale e nazionale, assicurandosi che il consumo di carne e sangue giovane da parte dell’élite venga segretamente controllato e mantenuto. Ma quei giorni sono finiti. Le persone stanno finalmente scoprendo la veritàmalata e i pedofili che governano questo mondo sono finalmente in procinto di cadere. Ma progettando freneticamente la guerra mondiale e facendo implodere l’economia globale, in una disperata autodifesa, sono determinati a colpire per primi. Ora è tempo di agire.

Purtroppo ci sono molte più prove disgustose della pedofilia dilagante all’interno dei ranghi militari che devono ancora essere affrontate nei prossimi capitoli. Per molti decenni lo stupro di bambini è stato comune tra i membri delle forze armate statunitensi, così come tra gli appaltatori militari privati ​​[205] e le cosiddette forze di “mantenimento della pace” delle Nazioni Unite dispiegate in tutto il mondo. [206] In tutti questi contesti e domini, sia nazionali che esteri, le cosiddette “forze di sicurezza” che dovrebbero proteggere le persone stanno abusando di loro e hanno concesso l’immunità a molti mostri. Il loro ruolo è estremamente critico nella tratta di esseri umani globale.

Il prossimo capitolo analizza il ruolo della CIA e dell’intelligence militare nel controllo mentale Il tenente colonnello pedofilo Michael Aquino, in qualità di programmatore satanico del controllo mentale, gioco` un ruolo chiave in questa matrix demoniaca.

[1] Joachim Hagopian, “Pizzagate: Podesta Perps and Clinton’s International Child Sex Trafficking Ring Exposed,” sott.net, December 2, 2016, https://www.sott.net/article/335512-Pizzagate-Podesta-pedo-perps-and-Clintons-international-child-sex-trafficking-ring-exposed.

[2] Reid Cherlin, Rob Fischer, Jason Horowitz and Jason Zengerle, “The 50 Most Powerful People in Washington,” GQ Magazine, 2012, https://www.gq.com/gallery/50-most-powerful-people-in-washington-dc.

[3] Cecilia Kang, “Fake News Onslaught Targets Pizzeria as Nest of Child Trafficking,” The New York Times, November 21, 2016, https://www.nytimes.com/2016/11/21/technology/fact-check-this-pizzeria-is-not-a-child-trafficking-site.html.

[4] “’Pizzagate’ Shows how Fake News Hurts Real People,” The Washington Post, November 25, 2016, https://www.washingtonpost.com/opinions/pizzagate-shows-how-fake-news-hurts-real-people/2016/11/25/d9ee0590-b0f9-11e6-840f-e3ebab6bcdd3_story.html?utm_term=.a98040db6df2.

[5] John Woodrow Cox, Marc Fisher and Peter Hermann, “Pizzagate: From Rumor, to Hashtag, to Gunfire in D.C.,” The Washington Post, December 6, 2016, https://www.washingtonpost.com/local/pizzagate-from-rumor-to-hashtag-to-gunfire-in-dc/2016/12/06/4c7def50-bbd4-11e6-94ac-3d324840106c_story.html?utm_term=.d6a9dcf0dd98.

[6] “Alex Jones Apologizes to James Alefantis (Pizzagate),” Alex Jones Show, YouTube video, 5:43, posted on March 26, 2017, https://www.youtube.com/watch?v=tfuRSJgi0NQ.

[7] “The Podesta Emails; Part One,” WikiLeakshttps://wikileaks.org/podesta-emails/press-release.

[8] “Massive Repository of Indisputable PizzaGate Evidence,” The Millennium Report, December 3, 2016, http://themillenniumreport.com/2016/12/massive-repository-of-indisputable-pizzagate-evidence/.

[9] Raha Naddaf and Greg Veis, “The 50 Most Powerful People in D.C.,” GQ, August 8, 2007, https://www.gq.com/story/fifty-most-powerful-dc-washington-political-aides-journalists.

[10] Reid Cherlin, Rob Fischer, Jason Horowitz and Jason Zengerle, https://www.gq.com/story/fifty-most-powerful-dc-washington-political-aides-journalists.

[11] Reid Cherlin, Rob Fischer, Jason Horowitz and Jason Zengerle, https://www.gq.com/gallery/50-most-powerful-people-in-washington-dc#49.

[12] Ben Nuckols, “Conspiracy Theorists: ‘Pizzagate’ just a False Flag,” Associated Press, December 9, 2016, https://apnews.com/a959c054e4d349a08ea40ed32e0a7c65/Conspiracy-theorists:-‘Pizzagate’-shooting-just-a-false-flag.

[13] Joachim Hagopian, “Was the Pizzagate Almost Shooting a Deep State False Flag? If Not, it sure was Conveniently Used to further Demonize Alt News as ‘Fake News,’” sott.net, December 6, 2016, https://www.sott.net/article/335872-Was-the-Pizzagate-almost-shooting-a-deep-state-false-flag-If-not-it-sure-was-conveniently-used-to-further-demonize-alt-media-and-fake-news.

[14] Dave Hodges, “Insiders Warn of More False Flags to Confiscate Guns,” Activist Post, December 28, 2012, https://www.activistpost.com/2012/12/insiders-warn-of-more-false-flags-to.html.

[15] Tyler Durden, “Obama Quietly Signs the ‘Countering Disinformation and Propaganda Act’ into Law,” Zero Hedge, December 26, 2016, http://www.zerohedge.com/news/2016-12-24/.

[16] Joachim Hagopian, “’Politically Correct’: The War on Free Speech, Free Press, Free Internet and the Truth. What is the Endgame?” Global Research, July 26, 2017, https://www.globalresearch.ca/politically-correct-the-war-on-free-speech-free-press-free-internet-and-the-truth-what-is-the-endgame/5552146.

[17] Robert Epstein, “The New Censorship: How did Google Become the Internet Censor and Master Manipulator, Blocking Access to Millions of Websites?” U.S. New & World Report, June 22, 2016, https://www.usnews.com/opinion/articles/2016-06-22/google-is-the-worlds-biggest-censor-and-its-power-must-be-regulated.

[18] Jeff John Roberts, “A Look at Government Censorship in the Age of Facebook,” Fortune, May 2, 2017, http://fortune.com/2017/05/02/censorship-facebook-tufekci/.

[19] Kalev Leetaru, “How Twitter’s New Censorship Tools are the Pandora’s Box Moving Us towards the End of free Speech,” Forbes, February 17, 2017, https://www.forbes.com/sites/kalevleetaru/2017/02/17/how-twitters-new-censorship-tools-are-the-pandoras-box-moving-us-towards-the-end-of-free-speech/#75e4cbbcc1e4.

[20] Tyler Durden, “YouTube has Quietly Begun Censoring Journalists who Criticize Government,” Zero Hedge, September 15, 2016, http://www.zerohedge.com/news/2016-09-15/youtube-has-quietly-begun-censoring-journalists-who-criticize-government.

[21] Arjun Walia, “Declassified CIA Documents Show Agency’s Control over Mainstream Media and Academia,” Collective Evolution, May 11, 2017, http://www.collective-evolution.com/2017/05/11/declassified-cia-documents-shows-agencies-control-over-mainstream-media-academia/.

[22] James F. Tracey, “The CIA and the Media – 50 Facts the World Needs to Know,” Global Research, December 1, 2016, https://www.globalresearch.ca/the-cia-and-the-media-50-facts-the-world-needs-to-know/5471956.

[23] Tyler Durden, “Top German Journalist Admits Mainstream Media is Completely Fake: ‘We All Lie for the CIA’” Zero Hedge, March 28, 2016, http://www.zerohedge.com/news/2016-03-28/top-german-journalist-admits-mainstream-media-completely-fake-we-all-lie-cia.

[24] Wes E. Messamore, “25 Fake News Stories from the Mainstream Media,” Independent Voter Network, November 21, 2016, https://ivn.us/2016/11/21/25-fake-news-stories-mainstream-media/.

[25] Jonathan Easley, “Poll: Majority Says Mainstream Media Publishes Fake News,” The Hill, May 24, 2017, http://thehill.com/homenews/campaign/334897-poll-majority-says-mainstream-media-publishes-fake-news.

[26] Daniel Newton, “Top Journalist: One Third of Government are Involved in Satanic Pedophile Rings,” Neon Nettles, August 3, 2017, http://www.neonnettles.com/features/1092-top-journalist-one-3rd-of-government-are-involved-in-satanic-pedophile-rings.

[27] Edward Morgan, “’CIA and Mossad behind Washington DC Pedophile Ring’ – Department of Homeland Security Insider,” Prepare for Change, February 20, 2017, http://prepareforchange.net/2017/02/20/cia-and-mossad-behind-washington-dc-pedophile-ring-department-of-homeland-security-insider/.

[28] Relampago Furioso, “Is Genocide on the Elite Agenda?” returnofkings.com (a blog site), February 21, 2017, http://www.returnofkings.com/115243/is-genocide-on-the-elite-agenda.

[29] Sinead O’Carroll, “Claims Police Protected High-Profile Figures by Covering up Child Sex Abuse,” The Journal.ie, March 16, 2015, http://www.thejournal.ie/child-abuse-cover-up-1995756-Mar2015/.

[30] Nico Hines, “How Thatcher’s Government Covered up VIP Pedophile Ring,” The Daily Beast, March 6, 2015, http://www.thedailybeast.com/how-thatchers-government-covered-up-a-vip-pedophile-ring.

[31] James Corbett, “Pedophiles in Politics: An Open Source Investigation,” The Corbett Report, January 11, 2015, https://www.corbettreport.com/pedophiles-in-politics-an-open-source-investigation/.

[32] Alex Constantine, “McMartin Preschool Revisited,” Virtual Government – CIA Mind Control Operations in America, (Port Townsend, Washington: Feral House Publications, 1997) p. 45-48, McMartin Preschool Case – What Really Happened and the Coverup,” ritualabuse.ushttps://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/mcmartin-preschool-case-what-really-happened-and-the-coverup/.

[33] Robert Reinhold, “The Longest Trial – A Post Mortem; Collapse of Child Abuse Case: So much Agony for so Little,” The New York Times, January 24, 1990, http://www.nytimes.com/1990/01/24/us/longest-trial-post-mortem-collapse-child-abuse-case-so-much-agony-for-so-little.html?pagewanted=all.

[34] Alex Constantine, https://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/mcmartin-preschool-case-what-really-happened-and-the-coverup/.

[35] Joyce Millman, “’Indictment’ Handles McMartin Case with Hands of Stone,” SG Gate, May 19, 1995, http://www.sfgate.com/news/article/.

[36] Paul and Shirley Eberle, The Politics of Child Abuse (Fort Lee, New Jersey: Lyle Stuart, 1986), https://www.amazon.com/Politics-Child-Abuse-Paul-Eberle/dp/0818404159.

[37] Alan Dreyfus, “The Pedophiles of Washington DC,” 1776 Again, August 6, 2015, http://www.1776again.com/2015/08/06/the-pedophiles-of-washington-dc/.

[38] Alex Constantine, https://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/mcmartin-preschool-case-what-really-happened-and-the-coverup/.

[39] Ross Cheit, “Unlearned Lessons of the McMartin Preschool Case,” The Witch Hunt Narrative, March 31, 2014, https://blogs.brown.edu/rcheit/2014/03/31/unlearned-lessons-of-the-mcmartin-preschool-case/.

[40] Alex Constantine, “McMartin Preschool Revisited,” educate-yourself.org, 1996, http://educate-yourself.org/tg/mcmartinpreschoolrevisited1996.shtml.

[41] Joachim Hagopian, Don’t Let the Bastards Getcha Down, unpublished manuscript, 2012, http://www.redredsea.net/westpointhagopian/prologue.htm.

[42] Joachim Hagopian, https://www.sott.net/article/335512-Pizzagate-Podesta-pedo-perps-and-Clintons-international-child-sex-trafficking-ring-exposed.

[43] Duha, “Giuliani: Child Molestation Case Skeleton in his Closet,” Daily Kos, November 2, 2007, https://www.dailykos.com/stories/2007/11/1/404584/-.

[44] Robert D. McFadden, “Allegations of Child Abuse at West Point Center,” The New York Times, September 24, 1984, http://www.nytimes.com/1984/09/24/nyregion/allegations-of-child-abuse-studied-at-west-pt-center.html.

[45] Linda Goldston, “Army of the Night,” San Jose Mercury News, July 24, 1988, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[46] Gregory K. Beale, “Why is the Number of the Beast 666?” The Gospel Coalition, February 11, 2015, https://www.thegospelcoalition.org/article/why-is-the-number-of-the-beast-666.

[47] Robert D. McFadden, http://www.nytimes.com/1984/09/24/nyregion/allegations-of-child-abuse-studied-at-west-pt-center.html.

[48] Duha, https://www.dailykos.com/stories/2007/11/1/404584/-.

[49] Douglas Cunningham and Alan Snel, “A Legacy of Pain: Settlement Doesn’t Ease Abused Children’s Fears,” Middleton, NY Times Herald Record, June 11, 1991, from “Day Care and Child Abuse Cases,” ritualabuse.ushttps://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/day-care-and-child-abuse-cases/.

[50] Douglas Cunningham and Alan Snel, https://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/day-care-and-child-abuse-cases/.

[51] Douglas Cunningham and Alan Snel, https://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/day-care-and-child-abuse-cases/.

[52] Douglas Cunningham and Alan Snel, https://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/day-care-and-child-abuse-cases/.

[53] Duha, https://www.dailykos.com/stories/2007/11/1/404584/-.

[54] Kevin Barrett, “CNN’s Smerconish Threatens Giuliani over ‘9/11 Inside Job,’” Veterans Today, August 23, 2016, https://www.veteranstoday.com/2016/08/23/smerc911/.

[55] Avni Patel and Brian Ross, “Giuliani Defends, Employs Priest Accused of Molesting Teens,” ABC News, October 23, 2007, http://abcnews.go.com/Blotter/story?id=3753385&page=1.

[56] Douglas Cunningham and Alan Snel, https://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/day-care-and-child-abuse-cases/.

[57] “No Cases to be Filed in Abuse Complaints,” The New York Times, October 25, 1985, http://www.nytimes.com/1985/10/25/nyregion/no-cases-to-be-filed-in-abuse-complaints.html.

[58] Douglas Cunningham and Alan Snel, https://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/day-care-and-child-abuse-cases/.

[59] Douglas Cunningham and Alan Snel, https://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/day-care-and-child-abuse-cases/.

[60] Douglas Cunningham and Alan Snel, https://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/day-care-and-child-abuse-cases/.

[61] Laura K. Kerr, “Is it Possible to Recover from Rape and Sexual Abuse? Yes and No,” laurakkerr.com (a blog site), https://www.laurakkerr.com/2014/11/23/recover-rape-and-sexual-abuse/.

[62] Douglas Cunningham and Alan Snel, https://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/day-care-and-child-abuse-cases/.

[63] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[64] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[65] “Sixth US Army, 1946-1980,” http://www.franciscodacosta.com/articles/media/SixthArmy.pdf

[66] “Presidio of San Francisco: History and Culture,” NPS.gov, National Park Service, https://www.nps.gov/prsf/learn/historyculture/index.htm.

[67] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[68] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[69] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[70] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[71] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[72] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[73] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[74] Nick Turse, “A My Lai a Month,” The Nation, November 13, 2008, https://www.thenation.com/article/my-lai-month/.

[75] Trent Angers, “Nixon and the My Lai Massacre Coverup,” New York Post, March 15, 2014, http://nypost.com/2014/03/15/richard-nixon-and-the-my-lai-massacre-coverup/.

[76] John G. Messerly, “Yes, America is Descending in Totalitarianism,” Institute for Ethics and Emerging Technologies, January 8, 2017, https://ieet.org/index.php/IEET2/more/Messerly20170108.

[77] David Vine, “The United States Probably has more Foreign Military Bases than any other People, Nation or Empire in History,” The Nation, September 14, 2015, https://www.thenation.com/article/the-united-states-probably-has-more-foreign-military-bases-than-any-other-people-nation-or-empire-in-history/.

[78] “United States: Address Role of US Military in Fueling Global Trafficking,” Equality Nowhttps://www.equalitynow.org/action-alerts/united-states-address-role-us-military-fueling-global-sex-trafficking.

[79] Baher Kamal, “Sexual Slavery, that Big Business,” Wall Street International Magazine, March 28, 2017, https://wsimag.com/economy-and-politics/24602-sexual-slavery-that-big-business.

[80] “Trafficking in Persons,” United Nations Office on Drugs and Crimehttp://www.unodc.org/unodc/data-and-analysis/glotip.html.

[81] Namita Bhandare, “Trafficking is the Fastest Growing Black Market Trade and it’s all around us,” Hindustan Times, December 2, 2016, http://www.hindustantimes.com/columns/trafficking-is-the-fastest-growing-black-market-trade-and-it-s-all-around-us/story-lfLzW7pRpmEwqrU7RPjuPJ.html.

[82] Karin Lehnardt, “56 Little Known Facts about Human Trafficking,” factretriever.comhttps://www.factretriever.com/human-trafficking-facts.

[83] Jeff Desjardins, “Nearly 200,000 US Troops are Currently Deployed around the World – Here’s Where,” Business Insider, March 20, 2017, http://www.businessinsider.com/us-military-personnel-deployments-by-country-2017-3?IR=T&r=US&IR=T.

[84] David Vine, https://www.thenation.com/article/the-united-states-probably-has-more-foreign-military-bases-than-any-other-people-nation-or-empire-in-history/.

[85] Helmut Lammer, “New Evidence of Military Involvement in Abductions,” rense.comhttp://rense.com/ufo/newevabduct.htm.

[86] Ron Patton, “The Evolution of Project MK Ultra-Project Monarch Nazi Mind Control,” bibliotecapleyades.comhttps://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica/esp_sociopol_mindcon02.htm.

[87] William H. Kennedy, Satanic Crime: A Threat in the New Millennium (Morrisville, North Carolina: Lulu Enterprises, Inc., 2006) p. 10, http://studylib.net/doc/8344721/satanic-crime–a-threat-in-the-new-millennium.

[88] Paul Buchheit, “The Vicious Cycle of Disdain for Poor Americans,” truth-out.org, May 15, 2017, http://truth-out.org/buzzflash/commentary/the-vicious-cycle-of-disdain-for-poor-americans.

[89] Kyle Olson, “Hillary Threw Americans into ‘Bucket of Losers’ in Wall Street Speech,” The American Mirror, October 7, 2016, http://www.theamericanmirror.com/wall-street-speech-hillary-threw-americans-bucket-losers/.

[90] Wesman Todd Shaw, “Henry Kissinger – Architect of the New World Order,” bibliotecapleyades.com, November 12, 2012, http://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica/sociopol_kissinger04.htm.

[91] R.J. Rummel, Death by Government (New Brunswick, New Jersey: Transaction Publishers, 1994), https://www.hawaii.edu/powerkills/NOTE1.HTM.

[92] Robert Zubrin, “The Population Control Holocaust,” The New Atlantis, Number 35, Spring 2012, pp. 33-54., http://www.thenewatlantis.com/publications/the-population-control-holocaust.

[93] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[94] “Army will Close Child-Care Center,” Associated Press/The New York Times, November 16, 1987, http://www.nytimes.com/1987/11/16/us/army-will-close-child-care-center.html.

[95] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[96] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[97] Linda Goldston, “Presidio Child Abuse Figure Dies of AIDS,” San Jose Mercury News, January 5, 1990, http://stopbaptistpredators.org/article/gary_hambright.html.

[98] Linda Goldston, http://stopbaptistpredators.org/article/gary_hambright.html.

[99] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[100] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[101] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[102] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[103] “Army will Close Child-Care Center,” http://www.nytimes.com/1987/11/16/us/army-will-close-child-care-center.html.

[104] “Army will Close Child-Care Center,” http://www.nytimes.com/1987/11/16/us/army-will-close-child-care-center.html.

[105] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[106] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[107] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[108] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[109] Copy of San Francisco Police Department Incident Report, August 13-14, 1987, http://www.outpost-of-freedom.com/aquino05.htm.

[110] Dave McGowan, “The Pedophocracy, Part III: Lt. Col. Michael Aquino and the Presidio Child Development Center,” August 2001, http://educate-yourself.org/cn/The-Pedophocracy-Part-III-Dave-McGowan-aug2001.shtml.

[111] Jeffrey Steinberg, “Satanic Subversion of the U.S. Military,” Executive Intelligence Review, July 2, 1999, http://www.larouchepub.com/other/2005/3233aquino_profile.html.

[112] Jeffrey Steinberg, http://www.larouchepub.com/other/2005/3233aquino_profile.html.

[113] Jeffrey Steinberg, http://www.larouchepub.com/other/2005/3233aquino_profile.html.

[114] Dave McGowan, http://educate-yourself.org/cn/The-Pedophocracy-Part-III-Dave-McGowan-aug2001.shtml.

[115] Michael A. Aquino, “Aquino Email Correspondence,” January 18, 1999-August 7, 1999, outpost-of-freedom.comhttp://www.outpost-of-freedom.com/aquino04.htm.

[116] Alexander Cockburn and Jeffrey St. Clair, Whiteout: The CIA, Drugs and the Press (New York: Verso Books, 1998), p. 1-28, http://www.nytimes.com/books/first/c/cockburn-white.html.

[117] Charlene Fassa, “Webb ‘Suicide’ Looking more like Murder,” rense.com, December 19, 2004, http://www.rense.com/general60/move.htm.

[118] Greg Grandin, “’The New York Times’ Wants Gary Webb to Stay Dead,” The Nation, October 10, 2014, https://www.thenation.com/article/new-york-times-wants-gary-webb-stay-dead/.

[119] Ron Patton, https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica/esp_sociopol_mindcon02.htm.

[120] Jorge Salazar, “George H.W. Bush: A Pedophile Sex Ring Leader,” Independence Day, January 19, 2015, http://www.independenceday.pro/george-h-w-bush-pedophile-sex-ring-and-blackmail-of-congress/.

[121] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[122] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[123] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[124] Dave McGowan, http://educate-yourself.org/cn/The-Pedophocracy-Part-III-Dave-McGowan-aug2001.shtml.

[125] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[126] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[127] “Judiciary Mourns Passing of William W. Schwarzer, Distinguished Judge of the Northern District of California,” United States Court for the Ninth Circuit, Public Information Office, February 1, 2017, cdn.ca9.uscourts.gov/datastore/ce9/2017/02/01/Schwarz…

[128] “Leslie Lynch King, Jr. (later known as Gerald R. Ford),” whale.tohttp://www.whale.to/b/ford1.html.

[129] “S.F. Presidio Abuse Case Falls Apart,” Associated Press/Los Angeles Times, February 18, 1988, http://articles.latimes.com/1988-02-18/news/mn-43705_1_child-molestation-charge.

[130] Dave McGowan, http://educate-yourself.org/cn/The-Pedophocracy-Part-III-Dave-McGowan-aug2001.shtml.

[131] Dave McGowan, http://educate-yourself.org/cn/The-Pedophocracy-Part-III-Dave-McGowan-aug2001.shtml.

[132] Michael Aquino and Ted Gunderson interviewed by Geraldo Rivera on Geraldo Rivera Show, 1987, YouTube video, 7:06, posted on September 28, 2008, https://www.youtube.com/watch?v=0muY2VmyDPI.

[133] Michael Aquino interviewed by Oprah Winfrey on Oprah Winfrey Show, 1988, YouTube video, 7:01, posted on September 17, 2012, https://www.youtube.com/watch?v=4NmN_or-ASU&t=46s.

[134] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[135] Alex Constantine, “Michael Aquino Revisited,” aconstantineblacklist.blogspot (an online blog site), August 21, 2007, http://aconstantineblacklist.blogspot.co.id/2007/08/michael-aquino-revisited-was-he-guilty.html.

[136] “Michael A. Aquino, Plaintiff-Appellant, v. Michael P.W. Stone, Secretary of the Army, Defendant-Appellee, 957 F.2d 139 (4th Circuit 1992),” Justia US Lawhttp://law.justia.com/cases/federal/appellate-courts/F2/957/139/2044/.

[137] “U.S. Army’s Memorandum in Support of Defendant’s Motion for Judgment of the Record,” http://www.outpost-of-freedom.com/aquino02.htm.

[138] Anthony Forwood, “The ‘Conspiracy’ against Michael Aquino – Satanic Pedophile,” Exposing the Truth (an online blog site), February 11, 2014, http://exposinginfragard.blogspot.co.id/2014/02/the-case-against-michael-aquino-satanic.html.

[139] “Michael A. Aquino, Plaintiff-Appellant, v. Michael P.W. Stone, Secretary of the Army, Defendant-Appellee, 957 F.2d 139 (4th Circuit 1992),” Justia US Lawhttp://law.justia.com/cases/federal/appellate-courts/F2/957/139/2044/.

[140] Michael Aquino, “The 1986-87 Presidio ‘Satanic Ritual Abuse’ Events,” September 17, 2008, https://xeper.org/maquino/nm/PSFSummary.pdf

[141] Michael Aquino, Extreme Prejudice: The Presidio “Satanic Abuse” Scam (CreateSpace Independent Publishing, 2014), https://www.amazon.com/Extreme-Prejudice-Presidio-Satanic-Abuse/dp/1500159247.

[142] Elisabeth Sylvia Heidi Mundorf, “Child Abuse Survivors’ Experience of Self over the Course of Emotion Focused Therapy for Trauma: A Qualitative Analysis,” University of Windsor PhD. Dissertation, 2013, scholar.uwindsor.ca/cgi/viewcontent.cgi?article=5948&…

[143] Linda Goldston, http://web.archive.org/web/20130118004343/http://web.archive.org/web/20050301093215/http://www.outpost-of-freedom.com/aquino01.htm.

[144] Dave McGowan, http://educate-yourself.org/cn/The-Pedophocracy-Part-III-Dave-McGowan-aug2001.shtml.

[145] Paul Szoldra, “FBI Launches Investigation into Alleged Child Sexual Abuse at Fort Meade Army Base,” Business Insider, November 8, 2013, http://www.businessinsider.com/fort-meade-child-abuse-investigation-2013-11?IR=T&r=US&IR=T.

[146] “Army will Close Child-Care Center,” http://www.nytimes.com/1987/11/16/us/army-will-close-child-care-center.html

[147] Aja Romano, “The History of Satanic Panic in the US – and why it’s not over yet,” Vox, October 30, 2016, https://www.vox.com/2016/10/30/13413864/satanic-panic-ritual-abuse-history-explained.

[148] Bess Lovejoy, “What do the Scary Clowns Want?” The New York Times, October 15, 2016, https://www.nytimes.com/2016/10/16/opinion/sunday/what-do-the-scary-clowns-want.html?_r=0.

[149] Dan Shewan, “Conviction of Things not Seen: The Uniquely American Myth of Satanic Cults,” Pacific Standard, September 8, 2015, https://psmag.com/social-justice/make-a-cross-with-your-fingers-its-the-satanic-panic.

[150] Lawrence Pazder and Michelle Smith, Michelle Remembers (New York: Pocket Books, 1980), https://www.amazon.com/Michelle-Remembers-Smith/dp/0671694332.

[151] Carey Wedler, “The CIA, Washington Post, and Russia: What You’re not being Told,” Zero Hedge, December 20, 2016, http://www.zerohedge.com/news/2016-12-20/cia-washington-post-and-russia-what-youre-not-being-told.

[152] Lily Dane, “WaPo Hires John Podesta as a Columnist, Flushing Last Remaining Credibility down the Toilet,” Activist Post, February 28, 2017, https://www.activistpost.com/2017/02/wapo-hires-john-podesta-columnist-flushing-last-remaining-credibility-toilet.html.

[153] Maura Casey, “How the Daycare Child Abuse Hysteria of the 1980s Became a Witch Hunt,” Washington Post, July 31, 2015, https://www.washingtonpost.com/opinions/a-modern-witch-hunt/2015/07/31/057effd8-2f1a-11e5-8353-1215475949f4_story.html?utm_term=.b70793ae73ab.

[154] Ben Nuckols, “Conspiracy Threorists: ‘Pizzagate’ just a False Flag,” Associated Press, December 9, 2016, https://apnews.com/a959c054e4d349a08ea40ed32e0a7c65/conspiracy-theorists-pizzagate-shooting-just-false-flag.

[155] Liz Crokin, “Why the MSM is Ignoring Trump’s Sex Trafficking Busts,” Townhall, February 25, 2017, https://townhall.com/columnists/lizcrokin/2017/02/25/why-the-msm-is-ignoring-trumps-sex-trafficking-busts-n2290379.

[156] Joachim Hagopian, “PedoGate Update: The Global Elite’s Pedophile Empire is Crumbling – But will it ever Crash?” sott.net, March 21, 2017, https://www.sott.net/article/345836-PedoGate-Update-The-Global-Elites-Pedophile-Empire-is-Crumbling-But-Will-it-Ever-Crash.

[157] David Finkelhor and Linda Meyer Williams, “Sexual Abuse in Daycare: A National Study,” University of New Hampshire Family Research Laboratory, March 1988, https://www.ncjrs.gov/pdffiles1/Digitization/113095NC…

[158] False Memory Syndrome Foundation website, http://www.fmsfonline.org/index.php.

[159] Alex Constantine, “The False Memory Hoax,” educate-yourself.org, January 1996, http://educate-yourself.org/mc/falsememoryhoax1996.shtml.

[160] “Statistics Child Molesters,” Yellow Dyno Protecting Children from Child Predators website, http://yellodyno.com/Statistics/statistics_child_molester.html.

[161] Kelly Richards, “Misperceptions about Child Sex Offenders,” Trends and Issues in Crime and Criminal Justice, No. 429, September 2011, http://www.aic.gov.au/publications/current%20series/tandi/421-440/tandi429.html.

[162] Forum on Child and Family Statistics website, childstats.govhttps://www.childstats.gov/americaschildren/tables/pop1.asp.

[163] “The World has Reached Peak Number of Children,” gapminder.orghttp://www.gapminder.org/news/world-peak-number-of-children-is-now/.

[164] “The National Sex Offender Registry,” Child Rescue Network website, http://childrescuenetwork.org/know-the-facts/the-national-sex-offender-registry/.

[165] Chris Hawke, “’Jessica’s Law’ Eyes Sex Offenders,” CBS news, March 31, 2005, https://www.cbsnews.com/news/jessicas-law-eyes-sex-offenders/.

[166] Dave McGowan, http://educate-yourself.org/cn/The-Pedophocracy-Part-III-Dave-McGowan-aug2001.shtml.

[167] “Elizabeth Loftus,” Wikipedia, https://en.wikipedia.org/wiki/Elizabeth_Loftus.

[168] Alex Constantine, http://educate-yourself.org/mc/falsememoryhoax1996.shtml.

[169] Alex Constantine, “APA Fraud: Ethics Complaints Filed Against Elizabeth Loftus, Board Member of the False Memory Syndrome Foundation, a CIA Mind Control/Pedophile Front,” Constantine Report, January-February 1996, http://www.constantinereport.com/ethics-complaints-filed-against-elizabeth-loftus-board-member-of-the-false-memory-syndrome-foundation-a-cia-mind-controlpedophile-front/.

[170] “Six Case Studies that Point to Massive Pedophilia Rings at the Highest Levels of Power,” thelastamericanvagabond.com (a blog site), November 11, 2016, http://www.thelastamericanvagabond.com/outside-the-box/six-case-studies-massive-child-pedophilia-ring-highest-power-levels/.

[171] Mike Stanton, “U-Turn on Memory Lane,” Columbia Journalism Review, July-August 1997, http://web.archive.org/web/20071216011151/http:/backissues.cjrarchives.org/year/97/4/memory.asp.

[172] “A Brief Overview of the Founding Members of the False Memory Syndrome Foundation,” bibliotecapleyades.comhttps://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica/sociopol_tavistock04a.htm.

[173] Nicholas Kristof, “Dylan Farrow’s Story,” The New York Times, February 1, 2014, https://www.nytimes.com/2014/02/02/opinion/sunday/kristof-dylan-farrows-story.html.

[174] “A Brief Overview of the Founding Members of the False Memory Syndrome Foundation,” https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica/sociopol_tavistock04a.htm.

[175] Dave McGowan, http://educate-yourself.org/cn/The-Pedophocracy-Part-III-Dave-McGowan-aug2001.shtml.

[176] Edward W. Lempinen, “Satanism Linked To Scores of U.S. Child Abuse Cases,” San Francisco Chronicle, posted on Ritual Abuse Pages, “Day Care and Child Abuse Cases,” https://ritualabuse.us/ritualabuse/articles/day-care-and-child-abuse-cases/.

[177] “The Podesta Emails,” https://wikileaks.org/podesta-emails/.

[178] Yoichi Shimatsu, “PizzaGate is a Giant Step for Investigative Journalism – Part 1,” State of the Nation, December 17, 2016, http://stateofthenation2012.com/?p=60696.

[179] Tyler Durden, “Murdered DNC Staffer Seth Rich Shared 44,053 Democrat Emails with WikiLeaks: Report,” Zero Hedge, May 16, 2017, http://www.zerohedge.com/news/2017-05-16/.

[180] Ellen Lacter, “Common Forms of Misinformation and Tactics of Disinformation about Psychotherapy for Trauma Originating in Ritual Abuse and Mind Control,” childabusedata.blogspot (an online blog site), February 10, 2016, http://childabusedata.blogspot.co.id/2016/02/common-forms-of-misinformation-and.html.

[181] George Washington, “In 1967, the CIA Created the Label ‘Conspiracy Theorists’… to Attack Anyone who Challenges the “Official” Narrative,” Zero Hedge, February 23, 2015, http://www.zerohedge.com/news/2015-02-23/1967-he-cia-created-phrase-conspiracy-theorists-and-ways-attack-anyone-who-challenge.

[182] Jonathan Easley, http://thehill.com/homenews/campaign/334897-poll-majority-says-mainstream-media-publishes-fake-news.

[183] William Binney and Ray McGovern, “More Holes in Russia-gate Narrative,” Consortium News, September 20, 2017, https://consortiumnews.com/2017/09/20/more-holes-in-russia-gate-narrative/.

[184] “Dr. Steve Pieczenik – Hillary Clinton May Face Charges in Pedophilia Ring,” The Still Report 1313, YouTube video, 5:49, posted on November 3, 2016, https://www.youtube.com/watch?v=KPiJdATpEaM.

[185] “Hillary Clinton: The US is Losing ‘an Information War,’” The Daily Conversation, YouTube video, 1:11, posted on March 3, 2011, https://www.youtube.com/watch?v=m1p-E2xmpjA.

[186] Karen Curio Jones, “Satanism and Ritual Abuse Archive,” konformist.com (an online blog site), 2000, http://www.konformist.com/vault/sra.htm.

[187] Preston James, “Australian 60 Minutes Exposed the Worldwide Satanic Pedophile Network,” Veterans Today, November 13, 2016, https://www.veteranstoday.com/2016/11/13/australian-60-minutes-exposed-the-worldwide-satanic-pedophile-network/.

[188] “Spies, Lords and Predators,” Australian 60 Minutes, YouTube video, 53:17, posted on March 17, 2017, https://www.youtube.com/watch?v=bezVbPCK5Q8.

[189] Henry Makow, “Hillary Clinton is a Satanist – Illuminati Defector,” henrymakow.com, March 4, 2016, https://www.henrymakow.com/illuminati_defector_mary_anne.html.

[190] “Mainstream Media Exposed its own Cannibalism… and more,” Covert Geopolitics, March 13, 2017, https://geopolitics.co/2017/03/13/mainstream-media-exposed-its-own-cannibalism/.

[191] David Icke, The Biggest Secret (Ryde, England: Bridge of Love Publications, 1999), Chapter 15, “Satan’s Children,” whale.tohttp://www.whale.to/c/biggest_secret_15.html.

[192] Joachim Hagopian, “Ruling Elite’s Pedophile Bloodlust for Children: From Antiquity to Today,” The Millennium Report, April 28, 2017, http://themillenniumreport.com/2017/04/ruling-elites-pedophile-bloodlust-for-children-from-antiquity-to-today/.

[193] Katherine Frisk, “The United States of America is a Satanist Country,” Veterans Today, March 29, 2016, https://www.veteranstoday.com/2016/03/29/the-united-states-of-america-is-a-satanist-country/.

[194] Karin Lehnardt, https://www.factretriever.com/missing-people-facts.

[195] Joachim Hagopian, https://www.sott.net/article/345836-PedoGate-Update-The-Global-Elites-Pedophile-Empire-is-Crumbling-But-Will-it-Ever-Crash.

[196] Ashley Lutz, “These 6 Corporations Control 90% of the Media in America,” Business Insider, June 14, 2012, http://www.businessinsider.com/these-6-corporations-control-90-of-the-media-in-america-2012-6?IR=T&r=US&IR=T.

[197] “Charlottesville: The Race War Agenda is gaining Steam,” The Vigilant Citizen, August 14, 2017, https://vigilantcommunity.com/views/there-is-a-race-wars-agenda-and-it-is-gaining-steam/.

[198] Shawn Helton, “Shades of Gladio? London Attacker ‘Known’ to MI5 – Police Terror Drill Days Before,” 21st Century Wire, March 24, 2017, http://21stcenturywire.com/2017/03/24/shades-of-gladio-london-attacker-known-to-mi5-police-terror-drill-days-before/.

[199] Gregory Elich, “Trump’s War on the North Korean People,” Counter Punch, September 19, 2017, https://www.counterpunch.org/2017/09/19/trumps-war-on-the-north-korean-people/.

[200] Dane Wigington, “Controlling Hurricanes: Harvey, Irma, and now Jose?” GeoEngineering Watch, September 11, 2017, http://www.geoengineeringwatch.org/controlling-hurricanes-harvey-irma-and-now-jose/.

[201] Leo Zagami, “High Ranking Vatican Priest Accused of Pedophilia in Washington DC,” leozagami.com (an online blog site), September 15, 2017, http://leozagami.com/2017/09/15/high-ranking-vatican-priest-accused-of-pedophilia-in-washington-dc/.

[202] Amanda Erickson, “How a Convicted Pedophile Brought down Iceland’s Government,” The Washington Post, September 16, 2017, https://www.washingtonpost.com/news/worldviews/wp/2017/09/16/how-a-convicted-pedophile-brought-down-icelands-government/?utm_term=.db7eb99f495d.

[203] Aja Romano, https://www.vox.com/2016/10/30/13413864/satanic-panic-ritual-abuse-history-explained.

[204] F. William Engdahl, “Foxes Guard Facebook Henhouse,” New Eastern Outlook, December 22, 2016, https://journal-neo.org/2016/12/22/foxes-guard-facebook-henhouse/.

[205] Alex Jones and Paul Joseph Watson, “Dyncorp and Halliburton Sex Slave Scandal won’t go away,” prisonplanet.com, January 1, 2006, https://www.prisonplanet.com/articles/january2006/010106sexslavescandal.htm.

[206] Alex Newman, “CFR: To Deal with Child Raping UN Troops, UN Needs more Power,” The New American, September 9, 2015, https://www.thenewamerican.com/world-news/africa/item/21544-cfr-to-deal-with-child-raping-un-troops-un-needs-more-power.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Wikipedia censura il coinvolgimento e la violenza di Antifa nelle rivolte

Dopo che le rivolte per la morte di George Floyd hanno suscitato una rinnovata attenzione nei confronti del violento gruppo di estrema sinistra Antifa, i redattori su Wikipedia hanno cercato di tenere fuori o minimizzare qualsiasi menzione del coinvolgimento di Antifa nelle rivolte. È stato rimosso anche materiale riguardo la violenza Antifa in passato ed è stato fatto uno sforzo per ammorbidire o rimuovere la descrizione di Antifa come gruppo militante di estrema sinistra.

I redattori di Wikipedia hanno inoltre cercato di infangare i critici di Antifa come il giornalista Andy Ngo, che l’anno scorso è stato brutalmente attaccato da Antifa e accusano in modo prominente i conservatori e l’amministrazione Trump di diffondere quelle che chiamano teorie cospirative sul gruppo.

La pagina su Antifa è stata una fonte regolare di attrito sul sito da quando è stata creata durante il raduno Unite the Right nel 2017, che ha visto una significativa violenza antifa. Gli editori di sinistra, compresi quelli che si identificano apertamente come socialisti e sostenitori di Antifa, hanno ripetutamente cercato di rappresentare il gruppo come difensore degli altri dagli attacchi “fascisti” e hanno cercato di minimizzare o evitare di menzionare l’aggressione violenta del gruppo. Nelle pagine sulle proteste e le rivolte di Floyd, gli editori hanno anche dedicato più attenzione alle dubbie affermazioni di coinvolgimento di estrema destra nella rivolta rispetto al coinvolgimento di Antifa.

Tale riduzione del coinvolgimento di Antifa nella rivolta è avvenuta anche sulla pagina di Wikipedia per il gruppo. Un editore che aveva precedentemente un’immagine di Antifa sulla sua pagina del profilo ha rimosso la menzione del saccheggio ad Austin, in Texas, che la polizia di Austin ha dichiarato di essere stata condotta da individui di un gruppo Antifa. Per giustificare la rimozione dell’incidente, i redattori hanno dichiarato che citava solo la copertura locale, sebbene diversi episodi favorevoli all’Antifa nella pagina siano citati in modo simile solo nei giornali locali.

I redattori hanno inoltre preso di mira le dichiarazioni del procuratore generale William Barr sul ruolo di Antifa nelle rivolte, inclusa la rimozione di una dichiarazione da Barr secondo cui vi era una chiara attività organizzata di Antifa durante le rivolte sostenendo che era una “sua fantasia” con gli editori i quali sostenevano che le dichiarazioni della Trump Administration fossero fonti “inaffidabili”. Mentre sono incluse le dichiarazioni di Barr e del direttore dell’FBI Christopher Wray secondo cui vi sono prove del coinvolgimento di Antifa nell’istigazione alla violenza, l’editore “Neutrality” ha modificato il materiale affermando che Barr e Wray non hanno fornito queste prove e le hanno cambiate per affermare invece che non c’erano prove , incompatibili con le fonti citate.

E` stata censurata anche la violenza fatta in passato. In particolare, l’attacco del terrorista antifa Willem van Spronsen su una struttura di detenzione dell’ICE a Tacoma è stato brevemente aggiunto, ma rimosso con i redattori di sinistra che insistono sul fatto che l’attacco non era significativo o correlato ad Antifa. L’autoidentificazione di Spronsen come Antifa nel suo manifesto fu respinta con un editore che sosteneva che le autorità federali non potevano fidarsi di ciò che affermava il manifesto di Spronsen. L’editore ha successivamente rimosso la menzione del manifesto dall’articolo di Wikipedia sull’attacco di Tacoma, rimuovendo così da Wikipedia quasi interamente la connessione esplicita dell’attacco ad Antifa.

Sebbene la causa del giornalista Andy Ngo contro Antifa sia stata aggiunta alla pagina Antifa, il materiale non ha discusso specificamente dell’attacco di Portland. Il redattore Davide King, un autoproclamato anarchico, ha successivamente curato il materiale sulla causa per denigrare Ngo marchiandolo un “provocatore di destra” e accusandolo di doxing, una delle accuse preferite dai sostenitori di Antifa su Wikipedia. Mentre la causa di Ngo è nata in gran parte dal violento attacco contro di lui dell’anno scorso, i redattori hanno nuovamente respinto includendo una specifica menzione nell’articolo. L’amministratore di Wikipedia Guy Chapman ha persino accusato fondamentalmente Ngo di aver provocato l’attacco.

Il recente ruolo di Chapman sull’articolo Antifa è stato precedentemente sollevato su Breitbart per quanto riguarda la copertura di Wikipedia delle rivolte di Floyd. Un editore chiamato “Bastique” aveva incoraggiato i redattori di Wikipedia su Facebook ad aiutare a “sistemare” la pagina su Antifa partecipando a una discussione che aveva iniziato a rimuovere il termine “militante” dalla descrizione nell’introduzione. Bastique ha citato Chapman insieme a vari altri generalmente comprensivi di Antifa e critici di Trump. Chapman ore dopo si e` unito alla discussione di Bastique e alla fine ha rimosso il termine dall’introduzione. Bastique ha negato di voler distorcere la discussione.

Dopo che Breitbart ha denunciato l’incidente, un editore si è confrontato con Chapman per l’apparente violazione delle regole di “indagine” sul sito intese a prevenire il rigging delle discussioni di Wikipedia. Chapman ha cercato di sviare la questione suggerendo che il suo interesse per la discussione era dovuto al fatto che aveva precedentemente curato la pagina Antifa. I registri non mostrano alcuna prova della sua modifica della pagina prima del post di Facebook. Oltre a rispondere alla richiesta di Bastique e al suo noto pregiudizio anti-Trump, sollevato dopo che Breitbart è stato bandito come fonte fattuale, l’amministratore Chapman ha anche recentemente aderito a un gruppo di “BlackLivesMatter” su Wikipedia dichiarando: “Puoi essere una delle tre cose: alleato, nemico o collaboratore”.

A seguito della controversia, Chapman ha avviato una discussione formale sulla rimozione dell’etichetta “militante” e della descrizione di Antifa come “di sinistra” dall’introduzione con discussioni che attualmente si propongono di rimuovere o minimizzare qualsiasi militanza o affiliazione politica. Doug Weller, un ex membro del potente comitato arbitrale di Wikipedia, il quale anche lui ha rimosso le menzioni del coinvolgimento di Antifa nelle rivolte di Floyd, ha incoraggiato a usare un libro di Antifa in uscita come fonte per supportare il fatto di minimizzare le critiche agli antifa. L’autore del libro, Stanislav Vysotsky, precedentemente auto identificatosi come Antifa, ha suggerito che qualsiasi violenza contro i “fascisti” è autodifesa, e ha difeso l’attacco a Ngo affermando che è un “videografo fascista” i cui video identificano gli attivisti di Antifa.

Mentre cercavano di escludere o annacquare dettagli negativi su Antifa nell’introduzione, i sostenitori di Antifa su Wikipedia hanno dedicato notevoli sforzi a documentare presunti “bufale” o “teorie della cospirazione” sul gruppo. L’anarchico autoproclamato Davide King ha addirittura sostenuto che “funzionari dell’amministrazione Trump” e altri conservatori stavano diffondendo “teorie della cospirazione” su Antifa. Tale materiale costituisce quasi la metà dell’intro. Al contrario, nonostante le dichiarazioni dei senatori e dei funzionari dell’amministrazione Trump, tra cui Barr e Trump stesso, i redattori si sono rifiutati di includere nell’introduzione le accuse di violenza antifa che costituiscono il terrorismo e rimosso completamente alcune accuse di terrorismo dall’articolo. I redattori hanno precedentemente rifiutato di menzionare il terrorismo nell’introduzione.

La parzialità dei Pro-Antifa su Wikipedia ha influenzato anche altri articoli sul sito. Gli editori a sostegno dell’Antifa, incluso uno che ha elogiato l’attacco terroristico di Spronsen all’ICE, hanno contribuito a infangare Trump il quale starebbe sostenendo una “teoria della cospirazione neo-nazista”.

Il pregiudizio politico su Wikipedia è diventato così sfacciato che il suo co-fondatore Larry Sanger ha criticato la crescente inclinazione della pagina verso sinistra. Dalla sua tendenza a fare affidamento su fonti distorte come il The Guardian vietando allo stesso tempo le fonti conservatrici, ai suoi proprietari che dichiarano “nessuna posizione neutrale” sulla giustizia razziale e cercano di aggravare il pregiudizio promuovendo la “diversità” attraverso un codice di condotta, il bias di sinistra di Wikipedia- non danneggia solo i suoi lettori, ma coloro che usano  documenti accademici o siti di Big Tech, che fanno affidamento sull’enciclopedia online per la “verità” nell’era delle cosiddette “notizie false”.

Fonte

Il lavaggio del cervello e il Nuovo Vocabolario: 6 parole e frasi che non vogliamo sentire mai piu`

Ricordi come, dopo l’11 settembre, in America, ci fu quella brutta legge che creo i TSA e autorizzò ogni sorta di sorveglianza contro il popolo americano e lo chiamarono, ironicamente, il Patriot Act?

Naturalmente, sapevamo che la legge non era per niente patriottica, tuttavia, questo non impedi` certo che venisse approvata calpestando tutta la costituzione. La parola “patriota” è stata pervertita da coloro che erano al potere ed e` servita a violare molti diritti costituzionali negli aeroporti e molte altre invasioni nella nostra privacy.

Il che ci porta ad un’altra frase che non significa ciò che la gente pensa che significhi: in nome della “sicurezza”.

Se hai guardato qualsiasi tipo di copertura mediatica o letto articoli, probabilmente hai visto o sentito una pletora di parole e frasi che sono attualmente pervertite a causa della pandemia di coronavirus. Non so te, ma se non sentissi piu` la parola “sicuro” o “nuova normalità”, sarei una persona molto più felice.

Se pensi che alle persone venga fatto il lavaggio del cervello attraverso la ripetizione, è perché e` cosi`. Queste parole d’ordine e molte altre di cui discuteremo verranno utilizzate per indottrinare il pubblico. Come scrisse Joseph Goebbels, ministro della Propaganda della Germania nazista del Reich:

“Se dici una bugia abbastanza grande e continui a ripeterla, alla fine la gente finirà per crederci. La menzogna può essere mantenuta solo per il tempo in cui lo Stato può proteggere il popolo dalle conseguenze politiche, economiche e / o militari della menzogna. Diventa quindi di vitale importanza per lo Stato usare tutti i suoi poteri per reprimere il dissenso, poiché la verità è il nemico mortale della menzogna, e quindi per estensione, la verità è il più grande nemico dello Stato. ” (fonte)

Siamo incredibilmente divisi in questo momento e le parole stanno alimentando le discussioni infuocate che si svolgono sia online che offline, durante alterazioni in cui una parte ritiene che l’altra parte sia insensibile e orribile.

Diamo un’occhiata a questa presa ostile del nostro vocabolario con 6 parole che vorrei fossero eliminate da conversazioni, pubblicità e media.

1. La nuova normalità

Sebbene sia assolutamente vero, non torneremo mai “alla normalità” che avevamo prima della pandemia, c’è una “nuova normalita`” che ci viene imposta la quale è palesemente alimentata dalla paura.

La “nuova normalità” viene spesso utilizzata per indurre le persone ad accettare qualsiasi regola incostituzionale o non dignitosa che l’elite in carica vuole farci trovare tollerabile, come i quadrati fatti con il nastro adesivo sul pavimento quando aspettiamo il nostro turno per entrare in un negozio. Sai come quando i gatti si rannicchiano in un quadrato chiuso sul pavimento come se fosse una scatola? Ora vogliono che gli umani lo facciano per il privilegio di comprare alcol o cibo.

Altre bizzarre attività che rientrano nella “nuova normalita`” sono quei personaggi che prendono la temperatura mascherati nei negozi cercando di evitare altri umani come se stessero giocando a una sorta di strano gioco, e facendo vergognare pubblicamente coloro che non sembrano terrorizzati perché odiano chiaramente gli anziani.

2. Siamo tutti sulla stessa barca

Le frasi saccarine del tipo “siamo tutti nella stessa barca” sono state create all’inizio del lockdown. Le celebrità ci hanno intrattenuto con le canzoni di John Lennon. Hanno realizzato dei video nelle loro dimore, dicendoci di non preoccuparci, perché “siamo tutti sulla stessa barca.” Tranne, ovviamente, che hanno ancora milioni di dollari in banca e il resto di noi non avrebbe dovuto andare al lavoro o aprire la nostra attività per fare i soldi di cui abbiamo bisogno per sopravvivere.

https://youtu.be/ih2fsHE1Vf8

I social media hanno anche realizzato piccoli frame per le tue foto di profilo che recavano quelle parole selvaggiamente fastidiose. Anche gli articoli che ci incoraggiano a starsene chiusi nelle nostre case ci hanno ricordato che tutti, ricchi o poveri, sono “sulla stessa barca”. È solo che la barca dei ricchi era “uno yacht e isole private mentre il resto di noi era stipato in cucina nelle riunioni virtuali con i nostri datori di lavoro mentre vietava ai figli di scaricare troppi contenuti in modo da avere abbastanza internet.

3. Resta a casa.

Stai a casa. Resta a casa.

Quante volte hai sentito questa frase all’inizio del blocco? Probabilmente hai perso il conto. #StayHome #Restaacasa è stato un hashtag virale su Twitter, le persone finivano gli aggiornamenti sul proprio stato nei social media incoraggiando gli altri a “rimanere a casa”, e ci è stato detto che se non “restiamo a casa” avremmo rischiato la vita di ogni persona che amavamo diffondendo inconsciamente il virus.

Chiaramente le uniche persone che asintomatiche erano i buchi di culo che non “sarebbero rimasti a casa”. Erano COVID Marys e COVID Marks, che diffondevano spensieratamente malattie agli anziani e ai bambini con il cancro solo perché non si limitavano a “restare a casa”.

Al fine di farci “restate a casa” in alcuni stati, il governo ha fatto una lista di cio` che riteneva fossero acquisti “essenziali” e di vietare tutti gli altri acquisti (Approfondimenti sulla parola “essenziale” in un momento. Volevano farci pensare che se avessimo solo comprato un litro di latte o un po` pane non avremo trasmesso i nostri germi. I germi si sarebbero trasmessi solo quando avessimo comprato copripiumini o semi da giardino .

4. Distanziamento sociale

Un’altra frase che mi fa venire voglia di ringhiare ferocemente a coloro che la usano è “distanza sociale”. Devo ammettere che ho sempre avuto uno spazio personale invisibile che non mi piace venga invaso, ma l’intero discorso della distanza sociale significa ora che i negozi hanno frecce che ti dicono in che modo puoi camminare lungo un corridoio e i suddetti quadrati di nastro o X sul pavimento per stare in una linea opportunamente socialmente distanziata.

A causa del “distanziamento sociale”, abbiamo trascorso mesi incapaci di visitare i nostri cari, andare nei ristoranti per mangiare o andare nei corridoi del negozio di liquori per selezionare il nostro whisky preferito. Continueremo a prendere socialmente le distanze in tutti i modi ridicoli nella futura “nuova normalita`”.

5. Un metro e mezzo di distanza

Alla frase distanziamento sociale si accompagna la misura ovvero un metro e mezzo (o due metri). Se qualcuno ti si avvicina troppo al negozio, puoi gridare rabbiosamente da dietro la maschera: “Un metro e mezzo coglione!” ed è perfettamente accettabile. Il metro e mezzo è il gold standard, la bolla protettiva che ti tiene “al sicuro” dal prenderti il COVID 19 quando non puoi “rimanere a casa”.

Tutte quelle X sul pavimento dei negozi sono misurate a sei piedi di distanza. I bambini che tornano a scuola dovranno stare a un metro di distanza dagli altri bambini mentre marciano nel parco giochi in una lugubre formazione. Gli uffici vengono ridisegnati in modo che tutti possano stare a sei piedi di distanza dagli altri.

6. Essenziale
Anche la parola “essenziale” è stata corrotta. Se sei stato in grado di continuare a lavorare durante l’intero blocco, è perché eri un lavoratore “essenziale” che svolgeva un lavoro “essenziale”. “Essenziale” è stato definito separatamente dal governatore di ogni stato, quindi varia da luogo a luogo.

La parola “essenziale” è stata anche usata per descrivere gli acquisti che il governo riteneva abbastanza importanti da permetterti di farli di persona e per i viaggi fuori casa. Era “essenziale” andare in drogheria, dal dottore, in farmacia e andare a spasso con il cane. Tuttavia, il cane doveva camminare sulle strade del quartiere con tutte le altre persone essenzialmente a spasso con i loro cani, invece che su un sentiero nella foresta da solo, perché i sentieri erano chiusi perché non erano essenziali.

SI TRATTA DI PURO LAVAGGIO DEL CERVELLO

Se ti sei mai chiesto come è fare il lavaggio del cervello a qualcuno, eccoti una dimostrazione. La ripetizione delle stesse parole piu` volte fino a quando non iniziano a uscire anche dalla tua bocca. Quando ascolti costantemente queste frasi e il loro opposto viene usato per incitare la paura irrazionale, questo è il lavaggio del cervello.

Non sono un paranoico, che indossa la stagnola quando ti dico che siamo tutti gli obiettivi di un’operazione dei mass media per farci accettare questa “nuova normalità” scandalosa e draconiana. Quando ascolti ripetutamente determinati messaggi, quando senti una sceneggiatura proveniente dai media mainstream, dai social media, quando il coglione del tuo vicino fa la spia con i bambini che giocano fuori, e quando ogni altro articolo ha una o più di queste parole nel titolo, c’è un ordine del giorno.

E quell’agenda si tradurrà nella perdita di ancora piu` liberta` e una maggiore sorveglianza.

Non sto dicendo che questo virus non fosse reale o che non fosse una minaccia per la salute pubblica. Lo era. Il fatto che le cose non siano andate male come previsto non significa che le misure adottate non fossero necessarie, ma che hanno funzionato. Ma ciò non significa che tali misure debbano essere proseguite per sempre.

Tuttavia … come per tutte le cose, quando il governo ottiene un po ‘più di potere e controllo in più, diventa avido. L’elite non ha lasciato che questa crisi andasse sprecata e fara` di tutto per rendere permanente questa assurdita`.

Una popolazione spaventata e indottrinata è una popolazione che è facile da controllare.

Fonte

Cosa sta succedendo a Celine Dion?

Céline Dion sta facendo parlare di se per strane ragioni mentre la sua carriera e la sua persona hanno preso una svolta radicale. Cosa sta succedendo a Céline Dion?

Ogni tanto una celebrità e` sotto la luce dei riflettori per una serie di motivi strani o imbarazzanti. Negli anni scorsi ho pubblicato articoli che hanno evidenziato fatti e modelli simili a quelli che enuncero` nel seguente articolo. Apparentemente, è il turno di Céline Dion. In effetti, la diva franco-canadese ha attirato molto l’attenzione nelle ultime settimane, portando alcuni a mettere in dubbio il suo benessere psico fisico.

Per iniziare, i numerosi eventi mediatici a cui ha preso parte sono un po ‘ fuori cntesto rispetto al personaggio di Céline, poiché ha passato la sua intera carriera a evitare eventi legati allo spettacolo. Nel 2012, sulla scia della morte prematura di Whitney Houston, Céline Dion ha persino ammesso la sua sfiducia nei confronti dell’industria dell’intrattenimento perché può distruggere vite umane.

“Ho paura del mondo dello spettacolo, ho paura delle droghe, ho paura di uscire, ed è per questo che non faccio feste e non mi dedico alla mondanita`, ed è per questo che non faccio parte del mondo dello spettacolo. Dobbiamo avere paura. Ho sempre detto che bisogna divertirsi facendo musica ma bisogna evitare di farsi inglobare dallo show business . Devi fare il tuo lavoro e andartene. ”
– E-News, Céline Dion Remembers Whitney Houston: “Drugs,” “Bad Influences Took Over”

Fin dalla morte del marito e manager René Angélil nel 2016, la “protezione” di Céline contro l’industria sembra essere svanita. Negli ultimi due anni, Céline ha preso parte a eventi come spettacoli, feste, progetti di moda ecc.

Poiché Céline è apparentemente un “amante della haute couture”, le sue bizzarre uscite potrebbero essere attribuite a “eccentricità dell’alta moda”.

Strano ma OK.

Tuttavia, le cose recentemente hanno preso una svolta. È come se l’industria le avesse detto: “Unisciti a noi o perdi tutto”. E quando Céline si è associata al marchio di moda israeliano NUNUNU per creare una linea di abbigliamento “genderless” per bambini, le cose hanno smesso di essere cool o divertenti.

CÉLINUNUNU

Nel mio articolo intitolato C’e` qualcosa di malato e sbagliato nella nuova linea di abbigliamento “Genderless” di Céline Dion, ho osservato l’inquietante simbolismo che circonda NUNUNU e il suo marketing online. Che ci crediate o no, le immagini sul sito web e sull’account IG del sito si riferiscono direttamente al satanismo, agli abusi sui minori e al controllo mentale.

Nella bizzarra pubblicità di CÉLINUNUNU, Céline inizia dicendo “I nostri bambini non sono esattamente i nostri figli”. Quindi si intrufola in un reparto maternità e cambia l’aspetto dei bambini di altre persone con indumenti CÉLINUNUNU. È strano

Dalla pubblicazione del mio articolo su CÉLINUNUNU, il marchio ha pubblicato immagini più inquietanti che coinvolgono bambini in scenari bizzarri. Ecco alcune foto.

Bambini dall’aria triste che indossano maglie con la scritta “New Order” dall’aspetto opprimente … come in “New World Order”.

Hanno vestito questa ragazzina come una coniglietta di Playboy. Hanno aggiunto i cereali di Minnie Mouse per enfatizzare l’aspetto infantile di tutto questo. Nauseante.

Questa ragazza è vestita per partecipare ad un “ballo in maschera” d’élite. Originariamente, gli ospiti portavano maschere a queste feste per preservare l’anonimato mentre si concedevano un comportamento depravato. Perché questa bambina indossa una maschera del genere? Si tratta di abuso satanico rituale.

Dopo l’uscita di CÉLINUNUNU, Céline ha rilasciato un’intervista alla CNN con i creatori del marchio Iris Adler e Tali Milchberg. L’intervista è … strana.

Dopo il lancio di CÉLINUNUNU, mons. John Esseff, un sacerdote di 65 anni e un esorcista nella diocesi di Scranton, in Pennsylvania, ha fatto notizia per aver dichiarato che il marchio è “demoniaco”. Ha spiegato:

“Sono convinto che il modo in cui questa cosa del gender si e` diffusa sia demoniaca. È falsa. Di generi ce ne sono solo 2 quelli che Dio ha creato. Il diavolo sta perseguitando i bambini confondendo il genere. Quando nasce un bambino, quali sono le prime cose che diciamo di quel bambino? È un maschietto, o è una femminuccia. Questa è la cosa più naturale del mondo da dire. Ma dire che non c’è differenza è satanico.

Le persone dietro tutto questo stanno influenzando i bambini confondendoli. Questo è decisamente satanico. C’è una mente dietro tutto cio`, una mente organizzata.

Il diavolo è un bugiardo che racconta enormi menzogne. L’intera operazione e` stata messa in piedi per fare denaro. Il maligno sente di poter fare queste cose senza essere in qualche modo riconosciuto. Questa [neutralità di genere] è uno stratagemma che ha escogitato. ”
– NC Register, Exorcist Warns About Celine Dion’s Occult Children’s Clothing

Céline Dion è la mente dietro questa marca di abbigliamento? Certo che no, il marchio è in circolazione da anni. Céline viene semplicemente usata per venderlo. E quando uno viene usato dall’élite, puoi contare sui media elitari per coprirlo. Soprattutto se qualcosa di malsano bolle in pentola.

I MEDIA

Come affermato all’inizio dell’articolo, sembra che sia il turno di Céline di essere al centro dell’attenzione mediatica. E` ovunque. Ad esempio, il recente viaggio di Céline a Parigi ha fatto molta notizia. In primo luogo, il suo fisico emaciato (combinato con un guardaroba strano) ha portato alcune persone a chiedersi: Sta bene?

L’aspetto emaciato di Céline ha portato alcune persone a mettere in discussione la sua salute fisica e mentale.

Sta pagando il prezzo di fare parte del settore? Quando le è stato chiesto quanto pesava, Céline e` andata sulla difensiva. Durante un’intervista con The Sun, Céline ha dichiarato:

“Se mi piace, non voglio parlarne. Non preoccuparti Non fare foto. Lo sto facendo per me. Voglio sentirmi forte, bella, femminile e sexy. Se ti piace, sono qui. Se no, lasciami in pace. “

Céline ha anche fatto notizia a causa di un gossip: la cantante cinquantenne viene spesso vista con il ballerino 34enne Pepe Muñoz. Naturalmente, questo tabloid si chiede se vi sia una relazione tra i 2.

Céline e Pepe Muñoz alla Paris Couture Week. Céline ha dichiarato che sono solo “migliori amici”.

Che questi due siano o meno in una relazione non è un fatto a cui sono davvero interessato. Tuttavia, è solo il pezzo di gossip richiesto per alimentare la tempesta mediatica perfetta. Sono uscite alcune pubblicazioni con affermazioni coraggiose che dicevano “Lascia stare Céline!”, Argomentando che il suo peso e le sue relazioni non sono affare di nessuno. Questi giornaletti tuttavia sono semplicemente ipocriti, poiché i loro “articoli” amplificano solo la tempesta mediatica.

Per dimostrare ulteriormente che c’è stata una tempesta mediatica, due importanti annunci relativi a Céline sono stati fatti negli ultimi due giorni: una biopic da 23 milioni di dollari intitolata The Power of Love sarà pubblicata nel 2020. Il giorno dopo, Céline è diventata il nuovo volto di L’Oréal Paris.

Céline indossa una felpa con cappuccio “I’m Worth It” per la campagna pubblicitaria L’Oréal Paris.

CONCLUDENDO

I giorni in cui Céline aveva “paura” del mondo dello spettacolo sono chiaramente finiti. È stata assorbita da esso ed è ora al centro di una classica tempesta mediatica creata artificialmente. Mentre Céline un tempo si interessava solo di musica, è usata ora per promuovere programmi specifici. Il suo marchio CÉLINUNUNU riguarda certamente la creazione di un “nuovo ordine” di bambini senza genere.

Continuerà a spingersi più in profondità nel settore? Quali saranno le conseguenze per la sua stabilita` psicofisica?

Fonte