Archivi Blog

Il simbolismo e i messaggi nascosti di “Squid Game”

La serie Netflix “Squid Game” parla di persone povere che prendono parte a giochi orribili mentre l’elite guarda lo spettacolo per puro intrattenimento. Attraverso messaggi e simbolismo, “Squid Game” rivela di cosa si tratta veramente: la malattia incurabile dell’élite.

Se ti piace guardare persone che vengono uccise, ho la serie Netflix per te. Si chiama Squid Game e include anche un gruppo di persone che si gettano da altezze considerevoli per poi schiantarsi. In effetti, assisterai a così tante morti brutali in Squid Game che diventerai desensibilizzato. Anche i personaggi della serie finiscono per avere intense conversazioni sulla loro infanzia mentre altri vengono uccisi a pochi metri da loro. Non gli importa più. E nemmeno a te. Ed è proprio questo il punto.

Nonostante il fatto che Squid Game presenti livelli estremi di sangue e violenza, il marketing che lo circonda sembra insidiosamente concepito per attirare i bambini.

Questa è una delle immagini che si possono incontrare durante la navigazione su Netflix. I bambini potrebbero facilmente scambiare questa cosa per un film per bambini e non c’è nulla che impedisca loro di guardarlo.

Il cattivo principale sembra uscito da un episodio dei Power Rangers. I suoi scagnozzi sembrano i pulsanti di un controller della Playstation.

Insomma, c’è tutto per attirare i bambini nella serie per poi traumatizzarli con scene di rara violenza e giochi mentali psicopatici.

Un parco giochi a tema Squid Game in un centro commerciale in Corea del Sud. Nella serie, il parco giochi è il luogo in cui dozzine di poveri vengono uccisi dai soldati, tutto per l’intrattenimento dell’élite. La cultura pop di oggi è malata.

Al centro di Squid Game ci sono le “leggende” secolari e immortali di persone ricche dell’élite che reclutano contadini per prendere parte a giochi mortali per il loro divertimento. Il racconto del 1924 The Most Dangerous Game parla di un aristocratico russo che cattura le persone, le rilascia nella natura selvaggia e le dà la caccia per sport; Il film del 1994 Surviving the Game parla di un senzatetto a cui viene offerto un “lavoro” solo per finire in un luogo remoto per diventare preda in un gioco di caccia giocato da persone ricche e potenti. Più di recente, la trilogia di Hunger Games è incentrata sui poveri che si uccidono a vicenda sotto gli occhi vigili dell’élite.

Molte leggende sono basate su storie vere. Squid Game ha preso questo concetto secolare, lo ha mischiato con distopia high-tech e un sacco di follia occulta elitaria. Il risultato sembra aver toccato un nervo scoperto perché Squid Game sta per diventare la più grande serie Netflix della storia.

Ma, come la maggior parte delle serie Netflix, i messaggi in Squid Game sono contorti. Riguarda la cultura della morte che ossessiona l’élite e che rende gli spettatori parte di essa.

Ecco uno sguardo ai messaggi e al simbolismo di questa serie.

DUE CERCHI
La serie parla di persone fortemente indebitate che vengono reclutate per giocare a un “gioco” in cui il vincitore ottiene un enorme premio in denaro. I perdenti muoiono. Alla fine apprendiamo che l’intero calvario è stato orchestrato da un gruppo di ricche persone che si divertono a guardare i contadini infelici che vengono umiliati, infantilizzati e costretti a diventare animali immorali per sopravvivere.

Il tema centrale di questa serie è ben riassunto durante i primissimi secondi del primo episodio.

L’introduzione della serie mostra dei bambini che giocano a Squid Game.

Il contorno di questo gioco è anche il logo principale della serie. Il motivo: illustra perfettamente la filosofia di base di Squid Game e, per estensione, dell’élite. Il rettangolo rappresenta le masse. Il cerchio in fondo rappresenta coloro che sono poveri e fortemente indebitati. Il triangolo sopra il rettangolo rappresenta l’élite che governa le masse. Il cerchio superiore rappresenta l’onnipotente élite occulta che controlla il mondo.

In modo abbastanza appropriato, il narratore spiega che i bambini che giocano a Squid Game devono raggiungere il cerchio superiore per vincere. Quando ciò accade, il narratore dice:

“E, in quel momento, mi sono sentito come se possedessi il mondo intero.”

“Possedessi il mondo intero”… come l’élite rappresentata da quel cerchio superiore.

All’inizio della serie, il protagonista principale chiamato (Gi-hun) è chiaramente nella cerchia più bassa della società. Ruba soldi a sua madre e scappa dalle persone losche a cui deve dei soldi.

Poi, Gi-hun ha il suo primo assaggio di malattia d’élite. Mentre aspetta la metropolitana, Gi-hun viene avvicinato da un misterioso venditore che sa tutto di lui. Propone a Gi-hun di fare un gioco in cui può vincere soldi.

Quando il venditore vince, non vuole i soldi di Gi-hun. Vuole schiaffeggiarlo in faccia. L’élite non trae piacere da più soldi, trae piacere da brividi sadici come schiaffeggiare in faccia questo povero ragazzo più e più volte.

Quando Gi-hun vince finalmente un round, non vede l’ora di schiaffeggiare il venditore in faccia. Tuttavia, lo ferma e gli mostra i soldi.

Per un momento, Gi-hun non si è preoccupato dei soldi, si e` fatto influenzare dal sadismo dell’élite. Questa scena prefigura cosa accadrà a Gi-hun alla fine. Dopo questo gioco umiliante, il venditore propone a Gi-hun di partecipare a un altro gioco che promette molti più soldi.

Dopo aver accettato l’offerta, Gi-hun viene prelevato da un’auto e addormentato con il gas. Si sveglia in un incubo distopico.

SQUID GAME = SOCIETA` GOVERNATA DALL’ELITE
I giochi si svolgono in un enorme complesso nascosto su un’isola remota. Per molti versi, questo posto assomiglia a un sito MKULTRA dove si svolgono esperimenti malati. E il sistema distopico che si svolge all’interno di queste mura è un microcosmo per la nostra società moderna.

I giocatori sono ridotti a un numero e sono costantemente monitorati.

Anche i lavoratori che fanno rispettare le regole sono strettamente monitorati.

I giocatori sono spogliati di tutti i beni, della dignità e sono infantilizzati in misura ridicola. Questi giocatori rappresentano il modo in cui l’élite percepisce le masse.

Prima di ogni partita, i giocatori vengono condotti attraverso un labirinto di scale ispirato ai dipinti di M.C Escher. Questo luogo trasmette un senso di confusione e disorientamento che favorisce lo stato infantile dei giocatori.

I giochi si svolgono in parchi colorati che associamo naturalmente al divertimento e all’innocenza dell’infanzia. Tuttavia, ogni “parco giochi” diventa il luogo di brutali omicidi di massa perpetrati da lavoratori senza volto. Odiano l’innocenza dell’infanzia. Vogliono individui tristi e distrutti.

A un certo punto, i giocatori si uniscono e chiedono un voto per porre fine a questa follia.

Una regola consente ai giocatori di votare per fermare il gioco.

I giocatori finiscono per votare per fermare il gioco e tutti tornano a casa. Tuttavia, quasi tutti si rendono conto di avere molti problemi che possono essere risolti solo con i soldi. Abbastanza convenientemente, gli organizzatori del gioco tengono traccia di questi giocatori e li invitano a tornare. Il risultato: la maggior parte torna al gioco di propria spontanea volontà. Questo concetto è importante per l’élite occulta poiché credono che li liberi dalle leggi karmiche.

In breve: il processo democratico era un’illusione. L’élite ha truccato il sistema per ottenere il risultato desiderato.

Quando tornano in gioco, la solidarietà tra i giocatori si dissipa rapidamente. Per vedere i giocatori lottare l’uno contro l’altro, gli organizzatori danno loro di proposito un solo uovo come pasto. Immediatamente, i giocatori iniziano a combattere per le preziose uova. Ciò riflette una tattica classica della classe dirigente: rendendo scarse le risorse, le masse smettono di concentrarsi sulle regole e iniziano a lottare tra loro per gli avanzi.

I giochi successivi sono progettati specificamente per mettere i giocatori l’uno contro l’altro. Ad esempio, il gioco delle biglie richiede ai giocatori di formare squadre di due. Naturalmente, la maggior parte dei giocatori fa squadra con la persona a cui è più vicina. Un tipo sceglie come compagna sua moglie. Apprendono poi che i due giocatori devono giocare uno contro l’altro… e il perdente muore.

Gi-hun inganna questo vecchio confuso (che era suo amico) per vincere la partita. Ha dovuto giocare sporco per sopravvivere. Tornero` a parlare piu’ avanti di questo vecchio.

I giocatori si rendono anche conto che possono uccidersi a vicenda con totale impunità al di fuori dei giochi. Questo porta al caos e agli omicidi quando i giocatori si trovano nell’area principale.

I cadaveri sono posti in scatole nere raccapriccianti con fiocchi sopra. Un sacrificio umano in onore dell’élite.

I corpi vengono inceneriti in impianti di dimensioni industriali. Considerando il fatto che l’élite è ossessionata dallo spopolamento globale, ogni morte è un “dono”.

Nel primo episodio, Gi-hun fa a sua figlia un regalo che assomiglia alle bare raccapriccianti. Uno dei tanti casi di foreshadowing della serie.

Quando apre la scatola, ci rendiamo conto che il regalo è un accendino a forma di pistola.

Questa scena prefigura le numerose morti per arma da fuoco che stanno per accadere. Inoltre, la pistola è un accendino che può riferirsi ai corpi inceneriti. Il fatto che Gi-hun dia questo dono a sua figlia è in linea con l’agenda generale di esporre i giovani alla malattia dell’élite.

LA MALATTIA DELL’ELITE
Per gli ultimi tre giochi, gli organizzatori invitano come spettatori dei VIP, persone ultra ricche e d’élite che sono venute a guardare le sfide in diretta. Attraverso il simbolismo, la serie indica chi sono esattamente queste persone.

I VIP vanno in giro con maschere di animali sui loro volti – una pratica in cui l’élite occulta si è impegnata per secoli.

A sinistra: uno dei VIP. A destra: Helene de Rothschild a un ballo d’élite occulto del 1972.

Questa immagine dal sito web della Chiesa di Satana mostra un gruppo di persone che indossano maschere di animali che simboleggiano l’abbraccio del lato animalesco degli umani.

In modo abbastanza appropriato, questi VIP sono ossessionati dai due elementi fondamentali del lato animalesco degli umani: lussuria e sangue.

Il salotto dove i vip si siedono e guardano morire i poveri è pura decadenza. Gli esseri umani sono usati come mobili e decorazioni, un altro modo di rappresentare la disumanizzazione delle masse. Questo VIP è subito attratto dal cameriere che gli porta da bere. Ha bisogno di “possederlo” in questo momento.

Il VIP porta il cameriere nella “sala VIP” per essere soddisfatto. Quella stanza è ricoperta di opere d’arte che riflettono lo stato avanzato di perversione del VIP.

Dopo cinque partite, sono rimasti solo tre giocatori. Sono “l’elite” dei giorcatori. Di conseguenza, vengono dati loro abiti costosi e vengono fatti partecipare ad una festa. Niente più uova sode per questi tre. L’ambientazione di questa festa non potrebbe essere più simbolica.

Per la festa, i tavoli sono disposti a forma di triangolo con lampade al centro. Quel triangolo è posto sopra a un pavimento a scacchiera. Inoltre, ci sono due “pilastri” di luce su ciascun lato.

Tutto questo è palese simbolismo massonico.

Simboli massonici classici: il triangolo con l’occhio che tutto vede, il pavimento a scacchiera e i due pilastri.

Questa scena trasmette la natura occulta e rituale di questo gioco. Nella Massoneria, il pavimento della scacchiera è la superficie trasformativa dove si svolgono i rituali.

Il rituale più potente di tutti: il sacrificio di sangue. Ed è esattamente ciò che i VIP vogliono che accada.

Alla fine della festa, i camerieri tolgono tutto… tranne i coltelli da bistecca.

I tre giocatori rimasti giacciono sui loro letti attorno al pavimento rituale mentre tengono in mano i loro coltelli. Inoltre, nota che le pareti sono “decorate” con immagini che rappresentano gli orribili giochi che i giocatori devono affrontare. È un po’ come Netflix che usa “l’intrattenimento” per ricordare alle masse come sono controllate dall’élite.

Come previsto, un giocatore taglia la gola a un altro giocatore che muore. Il sacrificio di sangue all’élite è completo.

Apprendiamo che Gi-hun alla fine vince la partita. Pertanto, viene rimandato nel mondo reale con l’equivalente di $ 38 milioni nel suo conto in banca.

Se li gode tutti quei soldi? No. È praticamente morto dentro. Quindi, Gi-hun riceve un invito simbolico.

L’appuntamento è al 7° piano di un edificio chiamato “Sky”, 30 minuti prima di Natale.

In diverse scuole spirituali tra cui la Kabbalah, “settimo cielo” significa “il cielo più alto, dove dimorano Dio e gli angeli più elevati”.

Gi-hun trova il vecchio con cui ha giocato sul letto di morte.

In un importante colpo di scena, apprendiamo che il vecchio è in realtà super ricco e il creatore dei giochi. Quando Gi-hun gli chiede perché ha creato un sistema così orribile, risponde:

“Se hai troppi soldi, non importa cosa compri, mangi o bevi. Diventa tutto noioso. Tutti i miei clienti alla fine hanno iniziato a dire le stesse cose quando abbiamo parlato. Tutti sentivano che non c’era più gioia nelle loro vite. E così, abbiamo deciso di metterci insieme e abbiamo iniziato a chiederci cosa potevamo fare tutti per divertirci finalmente?”

Questo spiega perché l’élite partecipa ad attività così estreme e depravate (ad esempio l’isola di Epstein)? In ogni caso, per questo vecchietto, la semplice visione delle partite non era più sufficiente. Voleva davvero farne parte per sentirsi vivo.

Quando si rivede la serie, ci si rende conto che questo vecchio (alias giocatore #001) ha avuto una grande influenza nel gioco (mentre apparentemente era anche immune all’essere effettivamente ucciso). Ad esempio, ha avuto il voto finale e decisivo durante il processo democratico. Inoltre, sono state le sue urla a spingere i lavoratori a fermare la notte degli omicidi dopo l’incidente dell’uovo.

Apparentemente Gi-hun dopo l’incontro e` un uomo cambiato. Per riflettere questo profondo cambiamento, si tinge i capelli di rosso (che è anche il colore che rappresenta il sacrificio e l’iniziazione nei circoli occulti). Quindi, decide di salire a bordo di un aereo per andare finalmente a trovare sua figlia.

Tuttavia, all’ultimo secondo, torna indietro.

Gi-hun vuole tornare al gioco perché dice che “ha bisogno di sapere chi c’è dietro”.

Quindi, invece di vedere sua figlia, Gi-hun vuole tornare a quella folle distopia? Questo è pazzesco. Il vero motivo per cui vuole tornare: ora è infetto dalla malattia dell’élite, rappresentata dai suoi capelli rossi. Si sente morto dentro… a meno che non prenda parte ai brividi estremi del gioco.

La prova definitiva di ciò:

Il tipo che supervisiona lo Squid Game è un vecchio vincitore. Anche lui è stato contagiato.

Insomma, il finale non è felice. Tutti perdono. Fatta eccezione per l’élite che guarda i giochi.

CONCLUDENDO
Squid Game è diventata la più grande serie nella storia di Netflix per diversi motivi. Al di là della sua scioccante violenza e della sua storia avvincente, la serie esplora diversi temi come la religione, la natura umana e le insidie ​​delle disuguaglianze economiche. Mentre diverse fonti hanno interpretato Squid Game come una “critica al capitalismo”, sembrano trascurare il tema più ovvio e lampante: la società è governata da un’élite occulta malata che si diverte a dividere, controllare, disumanizzare, infantilizzare e abusare apertamente del masse.

Alla fine, assistiamo a una forma di sindrome di Stoccolma in cui le persone che subiscono abusi finiscono per identificarsi con l’aggressore. E questo è un po’ l’obiettivo della serie: gli spettatori finiscono per divertirsi guardando questa forma malata di intrattenimento allo stesso modo in cui i VIP si divertono a guardare le persone che vengono uccise.

Fonte

leadsquidgame

Neovitruvian

La cenusra dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Avviata inchiesta sul rifiuto del capo della Commissione europea di consegnare i messaggi di testo scambiati con il CEO di Pfizer

La mediatrice europea ha chiesto alla presidente della Commissione Ursula von der Leyen di spiegare come ha fatto a perdere i messaggi di testo che ha scambiato con l’amministratore delegato di Pfizer durante i colloqui sull’approvvigionamento di vaccini.

La mediatrice europea Emily O’Reilly, ha avviato un’indagine sul rifiuto della Commissione europea di consegnare i contenuti delle comunicazioni tra la Von der Leyen e un amministratore delegato di una società farmaceutica anonima su un contratto per un vaccino contro il Covid-19.

Come primo passo, O’Reilly ha chiesto alla Commissione di spiegare la sua politica nel tenere traccia dei messaggi di testo della Von der Leyen. “La Commissione ha l’obbligo di tenere traccia dei messaggi istantanei relativi a importanti questioni politiche o politiche, come l’approvvigionamento di vaccini Covid-19”, ha scritto l’ufficio di O’Reilly in una dichiarazione sul caso.

Ad aprile, il New York Times ha riferito che la Von der Leyen ha scambiato messaggi e chiamate con il CEO di Pfizer Albert Bourla per un mese nell’ambito delle trattative sull’approvvigionamento di vaccini. Il giornale scrisse all’epoca che la diplomazia personale aveva giocato un ruolo importante nel garantire l’accordo sui vaccini.

O’Reilly ha chiesto alla Commissione di consegnare i messaggi di testo, ma la Commissione ha affermato che “nessuno aveva salvato una copia dei messaggi”, secondo l’ufficio del difensore civico.

L’ufficio ha precedentemente messo in guardia sull’importanza del tenere dei registri aggiornati all’interno delle istituzioni dell’UE quando si sta lavorando ad una emergenza come il Covid. “L’amministrazione dell’UE è tenuta dal diritto dell’UE a redigere e conservare la documentazione relativa alle sue attività, per quanto possibile e in modo non arbitrario e prevedibile”, ha affermato l’autorità di vigilanza a giugno.

Fonte

614499af2030277f7c436caa

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €