Archivi Blog

Il modello computazionale per il Covid-19 era pieno di errori, quello per i cambiamenti climatici e` ancora peggio!

I parallelismi tra coronavirus e cambiamento climatico sono sorprendenti. I modelli pandemici hanno esagerato il pericolo e hanno insistito sul fatto che dobbiamo mettere sotto lockdown l’intera societa`. I modelli utilizzati dagli scienziati per i cambiamenti climatici vengono similmente distorti in modo da promuovere l’utopia delle “emissioni zero”.

Il Covid-19 ha suscitato un enorme dibattito sulle virtù della modellistica informatica. I numeri spaventosi pubblicati dalla squadra del professor Neil Ferguson a metà marzo hanno avuto un impatto enorme sulla politica di lockdown nel Regno Unito e hanno influenzato le decisioni in tutto il mondo.

Il team di Ferguson ha suggerito che 500.000 persone potrebbero morire nel Regno Unito senza l’intervento del governo. Perfino la politica originale di isolare possibili casi e membri della stessa famiglia, insieme ai consigli sul lavaggio delle mani, avrebbe comunque provocato 250.000 morti – o così affermavano i modelli.

Ora sembra sempre più chiaro che questi risultati sono stati un’enorme esagerazione che hanno lasciato il Regno Unito in un lockdown dal quale sara` difficile uscire. Applicare i modelli di Ferguson alla Svezia, che ha evitato le misure estreme di altri paesi, ne è una chiara prova. Il bilancio delle vittime in Svezia è stato di gran lunga inferiore alle previsioni dei modelli di Ferguson e, come molti altri paesi, è stato sostanzialmente causato da un fallimento nella protezione delle case di cura per anziani piuttosto che da un fallimento nel bloccare la società in generale.

Sarebbe stato molto meglio apprezzare le inevitabili limitazioni dei modelli computazionali. Innanzitutto, la nostra conoscenza del problema stesso – in questo caso, il virus e come si diffonde – è sempre imperfetta. In secondo luogo, non abbiamo mai abbastanza dati, quindi saranno sempre parziali. In terzo luogo, il modello stesso è sempre un’approssimazione molto approssimativa del mondo reale, basata su proiezioni su come le persone si comportano, sul modo in cui funziona l’economia e molto altro.

Invece, i numeri più spaventosi assumono una vita propria, incoraggiando i politici ad agire “ragionevolmente” rispetto ad un “worst case scenario” piuttosto che su quelli più probabili.

Dobbiamo imparare rapidamente queste lezioni, poiché esiste un’altra presunta minaccia che esiste da decenni e che continuerà a rimbombare per molti anni a venire: i catastrofici cambiamenti climatici.

La politica relativa al riscaldamento globale è sempre stata costruita su complessi modelli computazionali. E i limiti di questi modelli in relazione all’attuale pandemia sono ancora più amplificati quando si tratta di prevedere quanto sarà caldo il pianeta nei decenni a venire.

Il cambiamento climatico è un problema molto più complesso della diffusione di un virus. L’idea di base che alcuni gas assorbono le radiazioni dalla superficie terrestre e quindi le emettono di nuovo – il cosiddetto “effetto serra” – esiste da oltre un secolo.

Ma gli impatti diretti di questo effetto sono abbastanza limitati. L’anidride carbonica e altri gas serra prodotti dall’uomo potrebbero rendere il mondo più caldo, ma non cosi` caldo da non poterci adattare facilmente. In effetti, potrebbe esserci un vantaggio da un riscaldamento moderato. Perfino la NASA, che è stata al centro delle paure dei cambiamenti climatici, ha notato che l’aumento dei livelli di anidride carbonica potrebbe aiutare ad aumentare la crescita delle piante, comprese le colture alimentari.

Le previsioni più allarmanti per il riscaldamento si verificano se l’innalzamento della temperatura dovuto alla CO2 provoca altre cose che amplificano il riscaldamento. Ad esempio, un mondo più caldo significa vapore acqueo nell’atmosfera, il che è un problema perché il vapore acqueo è il gas serra più abbondante di tutti. La fusione del permafrost potrebbe rilasciare il metano bloccato in terreni congelati.

Anche gli impatti delle variazioni della radiazione solare o il mutare del livello di nuvolosità sono oggetto di notevoli controversie. Abbiamo una comprensione migliore, ma ancora parziale, della fisica.

I dati sono un grosso problema. Non abbiamo avuto registrazioni accurate delle temperature fino al XX secolo inoltrato. Gli oceani sono stati misurati correttamente solo negli ultimi anni e le regioni polari non sono ancora molto ben servite. I dati veramente globali dai registri satellitari sono apparsi solo dal 1979.

Creare un modello in cui tutti i diversi elementi del nostro clima interagiscono è un compito mastodontico riservato ai supercomputer più potenti del mondo. Risulta comunque complicato testare i modelli computazionali: vogliamo risposte in pochi anni quando testare correttamente i modelli potrebbe richiedere decenni. Quello che sappiamo è che esiste un problema persistente con gli attuali modelli – esagerano le previsioni di riscaldamento rispetto alle variazioni di temperatura del mondo reale.

Con quali numeri crei i modelli? Quando gli economisti fanno fatica a prevedere come appariranno le economie tra 12 mesi, come puoi dire come sarà l’economia mondiale tra 30 anni?

Una controversia riguarda i percorsi rappresentativi di concentrazione (RCP) utilizzati dai modelli climatici. Questi considerano il livello di impatto sul riscaldamento, da diversi livelli di gas serra, con “ipotesi” su come si raggiungeranno tali livelli di concentrazione.

Senza perdersi troppo nella complessità, il fatto è che uno di questi percorsi – chiamato RCP 8.5 – viene utilizzato più volte negli studi, erroneamente. In breve, si suggerisce che se non facciamo nulla per il cambiamento climatico, la temperatura del mondo aumenterà e ci saranno enormi problemi, sia per l’uomo che per il resto del mondo naturale.

Come ha affermato un ricercatore: “RCP8.5 non è mai stato concepito per essere uno scenario normale, ma uno scenario di fascia alta, coerente con gli scenari di emissioni più elevate disponibili nella letteratura”. Lo scenario suggerisce che la popolazione mondiale aumenterà molto più rapidamente di quanto si creda davvero, che useremo sempre più energia, che la combustione del carbone aumenterà in modo massiccio e molto di più. È una fantasia del cambiamento climatico e dovrebbe essere trattata come tale.

Nel mondo reale, i tassi di fertilità sono in declino praticamente ovunque, stiamo diventando sempre più efficienti nell’uso dell’energia e tendiamo a spostarci dal carbone ad altre fonti energetiche. Il solo passaggio dal carbone al gas ha avuto un impatto maggiore sulla riduzione delle emissioni rispetto a qualsiasi altra cosa.

I parallelismi tra la scienza del coronavirus e la scienza del cambiamento climatico sono sorprendenti. La modellistica pandemica ha suggerito che dobbiamo bloccare intere società. I modelli di cambiamento climatico sono utilizzati per richiedere emissioni “zero” entro 30 anni al massimo, se non prima. Chiunque suggerisce che la soluzione potrebbe essere molto più dannosa del problema (come nel caso del coronavirus) viene definito un assassino – o peggio.

Covid-19 è un vero problema che è stato gravemente esagerato. Mi sembra che anche i cambiamenti climatici possano causare alcuni problemi, ma che questi sono stati esagerati all’inversoimile da attivisti e politici che cercano di perseguire i propri programmi politici.

È fondamentale interrogare a fondo la scienza e i modelli su cui si basa – o potremmo finire in una situazione ancora più disastrosa rispetto all’attuale disordine in cui ci troviamo.

Fonte