Archivi Blog

Politico svedese che ha definito il rapporto sul clima delle Nazioni Unite una “propaganda terribile” costretto a dimettersi dal partito

Un politico svedese che ha suggerito che il rapporto sul clima “codice rosso” delle Nazioni Unite fosse una “propaganda terribile” è stato successivamente costretto a dimettersi dal suo partito politico.

All’inizio di questa settimana, le Nazioni Unite hanno pubblicato un rapporto isterico che ha goduto di una copertura mediatica totale il quale avvertiva di una probabile apocalisse ecologica se la gente comune non avesse cambiato radicalmente il proprio stile di vita.

Centinaia delle stesse persone che hanno amplificato quel messaggio si stanno preparando a salire a bordo di flotte di aerei di linea che eruttano CO2 per dare ancora una volta lezioni al resto di noi in un prossimo vertice sul clima alla fine dell’anno in Scozia.

Una donna che ha osato esprimere un minimo di scetticismo è stata Ingrid Vesterlund del Partito di Centro.

In un’intervista con un giornale locale a Luleå, Vesterlund ha criticato la copertura mediatica allarmistica del rapporto dell’IPCC, commentando: “È ovviamente un disastro che si tratti di sole, pioggia, vento, vento, mare o acqua: tutto è una situazione catastrofica in questo momento”.

Dopo che i colleghi del partito hanno preso le distanze dalle osservazioni di Vesterlund, ha immediatamente offerto le sue dimissioni, dicendo che non voleva “danneggiare” il partito.

Vesterlund ha anche provato anche a scusarsi per le sue osservazioni, ma è stata comunque cacciata dal partito.

“Non nego il contenuto del rapporto sul clima delle Nazioni Unite, ma volevo sottolineare che ci sono altri rapporti che mostrano un quadro diverso da quello che viene solitamente dipinto dai media”, ha aggiunto Vesterlund.

Un’ulteriore ironia alla storia è il fatto che Jim Kossin, uno degli autori del rapporto delle Nazioni Unite, ha elogiato apertamente il fatto che le persone “iniziare a spaventarsi” in reazione alla retorica allarmistica è stato un vantaggio per l’agenda politica delle Nazioni Unite.

“Penso che sempre più persone stiano iniziando a spaventarsi”, ha detto Kossin, aggiungendo: “Penso che aiuterà a cambiare gli atteggiamenti delle persone. E si spera che questo influirà sul modo in cui votano”.

Fonte

120821un1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Le Nazioni Unite prendono in considerazione la possibilità di spruzzare solfato sopra la superficie terrestre per ridurre le temperature globali

Il “controverso” metodo di geoingegneria potrebbe causare la distruzione dei raccolti in alcune regioni

Le Nazioni Unite stanno valutando i rischi di spruzzare “aerosol di solfato” sopra la superficie terrestre per ridurre le temperature globali, secondo un rapporto di Reuters.

Ieri, un pannello climatico delle Nazioni Unite ha pubblicato un rapporto “codice rosso” che ha avvertito di “ondate di calore mortali, uragani giganteschi e altri eventi meteorologici estremi” se non vengono intraprese azioni drastiche rapidamente per fermare il cambiamento climatico causato dall’uomo.

Secondo il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC), la colpa è “inequivocabilmente” degli esseri umani, con il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres che chiede la fine totale dell’uso di carbone e combustibili fossili.

Secondo un rapporto di Reuters sulla questione, le Nazioni Unite stanno attivamente prendendo in considerazione “metodi controversi” di geoingegneria per limitare e invertire l’aumento della temperatura globale.

“Ad esempio, si potrebbe spruzzare aerosol di solfato – minuscole particelle riflettenti – nella stratosfera da 20 a 25 chilometri (da 12 a 16 miglia) sopra la superficie terrestre per riflettere più luce solare nello spazio, il che abbasserebbe le temperature globali”, afferma il rapporto.

Tuttavia, l’utilizzo di questo metodo creerebbe “incertezza, problemi morali (e) problemi etici” perché “gli aerosol di solfato hanno l’effetto collaterale di abbassare anche le precipitazioni medie”.

Mentre tali metodi potrebbero avvantaggiare alcuni paesi creando un effetto di raffreddamento, altre regioni “potrebbero soffrire, ad esempio, non avendo più le condizioni per coltivare”.

“Gli effetti collaterali di una qualsiasi delle tecniche di geoingegneria conosciute possono essere molto significativi”, ha affermato il fisico Paulo Artaxo. “La società deve considerare se questi effetti collaterali sono troppo grandi per provare qualsiasi strategia”.

Metodi di geoingegneria come spruzzare aerosol di solfato o persino parcheggiare astronavi giganti sopra la terra per deviare la luce solare sono stati a lungo proposti dai globalisti per cambiare il clima della terra.

Gran parte delle pressioni per tali misure è stata finanziata da persone come Bill Gates, che nel 2012 si è unito agli scienziati per finanziare e sostenere pubblicamente “metodi di geoingegneria come spruzzare milioni di tonnellate di particelle riflettenti di anidride solforosa a 30 miglia dalla terra”.

Nel frattempo, molte delle stesse persone che ci avvertono oggi sulla necessità di modificare radicalmente i nostri stili di vita per combattere il riscaldamento globale erano le stesse che insistevano sul fatto che il “raffreddamento globale” era la più grande minaccia ambientale negli anni ’70.

Ma a quanto pare, non dovremmo mettere in dubbio cio’ che dicono.

https://twitter.com/Geordi_kev/status/1424861728643428355?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1424861728643428355%7Ctwgr%5E%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fsummit.news%2F2021%2F08%2F10%2Fun-to-consider-spraying-sulfate-aerosols-above-the-earths-surface-to-reduce-global-temperatures%2F

Fonte

100821geoengineering1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Justin Trudeau si lascia andare: La pandemia e` una occasione per il “Grande Reset”

Quella che una volta era considerata una teoria del complotto è ora stata confermata da Trudeau. Il presidente canadese ci dice chiaramente che le élite stanno usando questa crisi come scusa per centralizzare il potere e rimodellare le nostre vite a loro immagine.

Justin Trudeau lo ha ammesso.

La crisi pandemica viene sfruttata dai nostri “leader” per avviare un “Great Reset” e rimodellare il mondo intero in modo totale.

L’ha detto in video.

Ecco qui:

Tutto questo è estremamente inquietante.

Trudeau ammette apertamente che questa pandemia mortale – che ha causato migliaia di vittime in Canada e nel mondo – è stata usata come scusa per il “Grande Reset” e raggiungere gli obiettivi delle Nazioni Unite.

Naturalmente, i canadesi – e le persone in tutto il mondo – non l’hanno mai chiesto.

Vogliamo che le nostre vite tornino alla normalità.

Vogliamo che i vulnerabili siano protetti.

Vogliamo che le aziende prosperino e crescano.

Ma niente di tutto questo ci viene offerto da chi e` al potere.

Invece offrono solo più paura, più controllo, più centralizzazione e un rimodellamento delle nostre vite e della nostra economia senza nemmeno chiedercelo.

Questa non è leadership, è dominio, ed è l’opposto di ciò che dovremmo aspettarci da coloro che eleggiamo.

Justin Trudeau mostra ancora una volta che non ha alcun interesse a servire il popolo canadese, ma sta invece promuovendo un’agenda che il paese non ha chiesto e la gente non vuole.

justin-trud-main

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Le Nazioni Unite scelgono una sostenitrice della prostituzione minorile come esperta di alto livello sui diritti umani

L’ONU ha concesso ad un’abortista e sostenitrice della prostituzione giovanile il seggio piu` importante di esperta di salute e diritti umani.

Secondo un rapporto dell’organizzazione internazionale di controllo dei diritti umani C-Fam, la dottoressa sudafricana Tlaleng Mofokeng è rapidamente salita alla ribalta alle Nazioni Unite, da “difensore della salute e dei diritti sessuali” al posto più elevato di Special Rapporteur on the Right to Health, un ruolo che le darà una piattaforma globale per sollecitare la depenalizzazione del sesso a pagamento.

“I rapporti della Mofokeng che promuovono i diritti sessuali, inclusa la legalizzazione della prostituzione, saranno probabilmente citati come interpretazioni autorevoli della legge sui diritti umani dalle agenzie delle Nazioni Unite e dagli Stati membri che la pensano allo stesso modo”, ha osservato C-Fam.

L’anno scorso, la Mofokeng, autrice di Dr. T: A Guide to Sexual Health and Pleasure, e conduttrice del programma televisivo Sex Talk with Dr. T. ha creato molte controversie dopo la pubblicazione del suo articolo su Teen Vogue che incoraggiava le ragazze adolescenti a considerare la prostituzion come un lavoro normale.”

“Sono un medico, un esperto di salute sessuale, ma a pensarci bene, non sono una prostituta? Non e` forse vero? ” La Mofokeng ha chiesto nel suo articolo, “Perché la prostituzione è un vero lavoro”.

Ecco come cerca di normalizzare la prostituzione:

Non tutte le lavoratrici del sesso praticano sesso penetrativo, anche se, innegabilmente, questa è una parte importante del lavoro sessuale. I servizi di prostituzione tra adulti consenzienti possono includere compagnia, intimità, giochi di ruolo non sessuali, danza e spogliarelli. Questi ruoli sono spesso predeterminati e tutte le parti dovrebbero trovarsi a proprio agio con loro. Molti lavoratori assumono più ruoli con i loro clienti e alcuni possono diventare più fisici mentre altre interazioni che potrebbero essere iniziate come sessuali potrebbero evolversi in legami emotivi e psicologici.

“L’idea di acquistare intimità e pagare per i servizi può servire a molte persone che hanno bisogno di connessioni umane, amicizia e supporto emotivo”, ha continuato la Mofokeng. “Alcune persone possono avere fantasie e preferenze stravaganti che sono in grado di soddisfare con i servizi di una prostituta.”

Come riportato da C-Fam a luglio, la Bill and Melinda Gates Foundation ha elogiato la Mofokeng per la sua leadership nell’area della pianificazione familiare nel 2016.

Nel suo articolo su Teen Vogue, la Mofokeng ha criticato gli Stati Uniti per la legislazione che “rende più difficile per le prostitute fare pubblicità online”.

Le organizzazioni anti-tratta di esseri umani hanno denunciato l’appello della Mofokeng per la normalizzazione della prostituzione. Deidre Pujols, fondatore di Open Gate International e co-fondatore di Strike Out Slavery, ha dichiarato:

L’idea che legalizzare o depenalizzare la prosituzione ridurrebbe i suoi danni è un mito persistente. Molti affermano che se il commercio del sesso fosse legale, regolamentato e trattato come qualsiasi altra professione, sarebbe più sicuro. Ma la ricerca suggerisce il contrario. I paesi che hanno legalizzato o depenalizzato la prostituzione spesso subiscono un’ondata di traffico di esseri umani, sfruttamento della prostituzione e altri crimini correlati.

Come riportato da C-Fam, anche Haley McNamara, vicepresidente dell’International Centre on Sexual Exploitation, con sede nel Regno Unito, ha osservato: “Coloro che pagano per il sesso non vedono le donne come individui degni di rispetto, ma piuttosto come oggetti subumani da usare”.

McNamara ha citato uno studio statunitense che ha rilevato che il 75% delle donne prostitute ha riferito di essere stata violentata dai propri clienti.

Allo stesso modo, Helen Taylor, direttrice di intervention for Exodus Cry, un gruppo che cerca di spezzare il ciclo dello sfruttamento sessuale, ha criticato la Mofokeng per il suo sostegno alla depenalizzazione del commercio del sesso.

“Le Nazioni Unite dovrebbero essere l’ultimo posto dove difendere i trafficanti di esseri umani e i clienti che supportano la legalizzazione della prostituzione”, ha affermato Taylor.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

I funzionari delle nazioni unite citano uno studio in cui si e` scoperto che i lockdown e la chiusura delle scuole uccidono piu` bambini del Covid-19

I funzionari delle Nazioni Unite hanno indicato uno studio che rivela che i lockdown e le chiusure delle scuole stanno causando più danni ai bambini rispetto al coronavirus stesso, con molte più morti derivanti dalla reazione alla pandemia, piuttosto che dalla stessa.

In una presentazione tenutasi per una raccolta di fondi extra per gli sforzi del coronavirus, la direttrice dell’UNICEF Henrietta H. Fore ha dichiarato lunedì: “Le ripercussioni della pandemia stanno causando più danni ai bambini rispetto alla malattia stessa”.

Victor Aguayo, capo del programma nutrizionale dell’UNICEF, ha osservato che il danno maggiore viene fatto “chiudendo le scuole, interrompendo i servizi di assistenza sanitaria di base, avendo programmi nutrizionali disfunzionali”.

I funzionari hanno indicato uno studio pubblicato su The Lancet che rileva che “l’allontanamento fisico, la chiusura delle scuole, le restrizioni commerciali e il lockdown dei paesi” stanno peggiorando la malnutrizione globale dei bambini.

Lo studio stima che un ulteriore 6,7 milioni di bambini saranno a rischio e che lockdown e altre risposte al coronavirus potrebbero portare a più di 10.000 decessi aggiuntivi ogni mese.

I funzionari dell’UNICEF hanno fatto notare che entro il prossimo anno cio` significherebbe 128.000 morti in più tra i bambini.

Lo studio è il frutto delle ricerche dell’International Food Policy Research Institute (IFPRI) con sede a Washington e della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

Conclude che le strategie di lockdown potrebbero portare a “impatti gravi sull’istruzione, a rischi di malattie croniche”, oltre a “conseguenze intergenerazionali per la crescita e lo sviluppo del bambino”.

Si dice che le stime “siano probabilmente prudenti, dato che la durata di questa crisi è sconosciuta e che i suoi impatti completi su cibo, salute e sistemi di protezione sociale devono ancora essere realizzati”.

Lo studio si collega ad altre ricerche che hanno concluso che gli aspetti negativi del lockdown sulla vita umana saranno 7 volte peggiori rispetto ai benefici.

Il governo tedesco ha concluso che l’impatto del lockdown del paese potrebbe finire per uccidere più persone del coronavirus a causa delle vittime di altre gravi malattie che non ricevono cure.

Come abbiamo precedentemente sottolineato, nel Regno Unito ci sono già stati fino a 10.000 decessi a causa di persone gravemente ammalate che hanno evitato gli ospedali per il COVID-19.

Un consorzio di analisti di dati in Sudafrica ha anche scoperto che le conseguenze economiche del lockdown del paese porteranno ad un tasso di mortalita` 29 volte maggiore rispetto alle morti causate dal coronavirus stesso.

Centinaia di medici hanno affermato di essere contrari alle misure di lockdown, avvertendo che causeranno più morte del coronavirus stesso.

Mentre i globalisti sollecitano la necessità di continuare i lockdown, gli esperti medici ed economici in tutti i paesi avvertono che la perdita di vite umane sarà molto maggiore di quella causata direttamente dal virus stesso, se i lockdown non verranno eliminati.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

TerraMar la compagnia fondata da Ghislaine Maxwell e Jeffrey Epstein e` connessa all’elite globale

Maggiori dettagli stanno venendo alla luce giorni dopo l’arresto di Ghislaine Maxwell il 2 luglio 2020. La donna famosa per il suo legame con il defunto Jeffrey Epstein si sta rivelando molto piu` rilevante di quanto si pensasse. La sua storia familiare da sola la mette in una lega sopra la maggior parte degli altri operatori internazionali illeciti.

Dopo il suo arresto questo mese per crimini riguardanti il traffico sessuale di minori, più querelanti l’hanno connessa a circoli elitari pedofili. Dopo la morte di Robert Maxwell, suo padre, nel 1991 si trasferì in una proprietà di Manhattan di proprietà di Lynn Foreseter de Rothschild, il cui marito è il mega banchiere britannico Evelyn Robert de Rothschild. La proprietà è anche elencata come base per TerraMar.

Il progetto TerraMar era una società senza scopo di lucro che Ghislaine Maxwell ha iniziato nel 2012. Jeffrey Epstein e vari altri finanziatori di alto livello hanno finanziato l’impresa. La compagnia veniva descritta come un gruppo per la conservazione degli oceani, ma e stata chiusa nel 2019 per crimini derivanti dall'arresto di Epstein. Appena sei giorni dopo che Jeffrey Epstein fu messo in custodia la ditta dichiaro la sua chiusura definitiva.

La TerraMar era finanziata dalla Clinton Foundation

TerraMar non è durato a lungo ma la sua breve vita è stata piena di attività sospette. La società ha avuto il supporto immediato di organizzazioni globaliste tra cui la Clinton Foundation. Maxwell partecipò a numerosi incontri delle Nazioni Unite (ONU) e parlò addirittura al consiglio come fondatrice di TerraMar. Ghislaine e un altro uomo del consiglio di amministrazione della compagnia, Scott Borgerson, hanno parlato a Washington DC in occasione di un evento speciale sponsorizzato dal Council on Foreign Relations.

ISABELLE E CHRISTINE MAXWELL
Ghislaine Maxwell ha 7 fratelli viventi. Due sorelle gemelle, Christine e Isabelle Maxwell, hanno ruoli di supporto profondo nel governo degli Stati Uniti. Sospettosamente ci sono anche legami con il Mossad. La dinastia familiare di Robert Maxwell, a capo di un impero mediatico e un parlamentare britannico altamente corrotto, sembra avere persone dappertutto.

Le due sorelle gemelle sono alla base di vari accordi software su tutti i database di intelligence della CIA, DIA e DEA. Si chiamava Magellan, ma in seguito fu acquistato e ribattezzato Excite. Hanno creato software utilizzato per identificare il riciclaggio e il traffico di denaro. Le informazioni finanziarie di imprese private sono messe a rischio. Ai poteri stranieri non dovrebbe essere consentito il controllo dei dati critici. Il pacchetto software prende fonti di dati multiformato e si collega al National Counterterrorism Center e si confronta con il Dipartimento di Homeland Security, CIA, NSA e Pentagono. È impossibile sapere se ci sono backdoor o vulnerabilità integrate nel programma.

Dopo l’impresa Magellan, Isabel è diventata CEO di Commtouch, una società di messaggistica ad alta tecnologia con sede in Israele. Rimane coinvolta nel mondo dello sviluppo del software. Commtouch ha cercato Isabel per la sua incarnazione della cultura imprenditoriale israeliana, secondo i commenti dell’azienda. Isabel ha descritto la società dicendo “È coesa, innovativa, disciplinata”

Il pubblico è statocritico contro i pubblici ministeri che hanno trascurato di arrestare la Maxwell in precedenza. I crimini della Maxwell sono ben noti agli occhi del pubblico, ma l’SDNY non è riuscito a presentare accuse. Un recente scossone ha costretto Geoffrey Berman a dimettersi dalla carica di procuratore americano del distretto. Geoffrey ha rifiutato di lasciare l’incarico per un certo periodo di tempo prima di essere finalmente licenziato dal procuratore generale Bill Barr. Le ipotesi sono che Berman avrebbe potuto proteggere la Maxwell e rallentare le investigazioni sul caso Epstein.

Epstein si è suicidato nell’agosto 2019. La sua morte è stata molto sospetta. Molti sostengono che sia stato assassinato per proteggere coloro che potevano essere ricattati. Nella cella in cui si trovava le telecamere di sicurezza non funzionavano e le guardie hanno trascurato di controllarlo anche dopo aver sentito le urla. Questo è avvenuto solo pochi giorni dopo che è stato brutalmente attaccato da un compagno di cella. Il sistema carcerario non è riuscito a prevenire questo attacco e sembra addirittura averlo permesso.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Le nazioni unite supportano l’organizzazione terroristica Antifa

Un tweet delle nazioni unite che si oppone alla decisione delle autorità statunitensi di descrivere Antifa come un gruppo terroristico domestico ha suscitato molte critiche contro l’ente internazionale e sospetti che lo stesso stia proteggendo il gruppo.


“Esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite esprimono profonda preoccupazione per una recente dichiarazione del procuratore generale degli Stati Uniti che descrive [Antifa] e altri attivisti antifascisti come terroristi domestici, affermando che mina i diritti alla libertà di espressione e di riunione pacifica nel paese”, l’ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra, sede del Consiglio per i diritti umani, ha twittato venerdì, accompagnato da una foto del logo Antifa.

Non sono state fornite ulteriori informazioni su chi potrebbero essere questi esperti o se questa fosse la posizione ufficiale del Consiglio dei diritti umani, un organo che gli Stati Uniti hanno abbandonato nel giugno 2018, citando le sue critiche a Israele.

Il tweet insolito ha rapidamente suscitato polemiche sull’apparente appoggio delle Nazioni Unite ad Antifa, i cui attivisti mascherati si sono scontrati ripetutamente con conservatori e polizia nelle strade degli Stati Uniti negli ultimi anni, anche durante le recenti proteste e rivolte.

“Le Nazioni Unite stanno coprendo un gruppo estremista internazionale che ha condotto violenti attacchi insurrezionalisti in tutto il Nord America e in Europa”, ha twittato il giornalista Jack Posobiec dell’OAN.

Il giornalista Drew Holden ha tirato in ballo le lodi fatte dall’ufficio di Ginevra alla Cina, aggiungendo che, piuttosto che sfidare la polizia, gli Stati Uniti dovrebbero “smette di finanziare le Nazioni Unite”.

Altri non si sono preoccupati delle parole, condividendo invece un meme di un enorme ammasso di letame per mostrare ciò che pensavano dell’opinione dell’ONU.

“Come osate usare le Nazioni Unite per promuovere un’organizzazione così malvagia”, ha detto un gruppo britannico che denunciava la “propaganda della BBC”, osservando che Antifa è “malvagia come il fascismo tedesco del 1930”.

Il tweet delle Nazioni Unite è arrivato dopo che la Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto un rapporto sul “razzismo sistemico” e gli abusi della polizia contro le persone di origine africana, in una risoluzione che non ha osato menzionare gli Stati Uniti per nome.

Questo scontento attivista presso l’American Civil Liberties Union, che ha dichiarato che le Nazioni Unite “hanno bisogno di fare il loro lavoro – non essere vittime del bullismo – e ritenere gli Stati Uniti responsabili”.

“Il paese deve affrontare un controllo globale indipendente per la sua oppressione sui neri”, ha dichiarato Jamil Dakwar, direttore del Programma per i diritti umani dell’ACLU.

Nel frattempo, il Parlamento dell’Unione Europea ha adottato una risoluzione di “Black Lives Matter” che chiede agli Stati Uniti di “prendere provvedimenti decisivi per affrontare il razzismo strutturale e le disuguaglianze nel paese, che si riflette nella brutalità della polizia”.

Fonte

 

Le Nazioni Unite dicono che non e` politicamente corretto usare i termini “marito e “moglie”

Esorta le persone a smettere di dire “fidanzato” e “fidanzata” per “creare un mondo più equo”.

Le Nazioni Unite hanno pubblicato un tweet in cui affermano che le persone non dovrebbero usare termini politicamente scorretti come “fidanzato”, “fidanzata”, “marito” e “moglie” per “aiutare a creare un mondo più equo”.

“Quello che dici è importante. Aiuta a creare un mondo più equo utilizzando un linguaggio neutro rispetto al genere se non sei sicuro del sesso di qualcuno o se ti riferisci a un gruppo “, afferma il tweet.

Elenca quindi una serie di termini accanto alla loro alternativa politicamente corretta.

Questi includono mankind, chairman, congressman, policeman, landlord, boyfriend/girlfriend, manpower, maiden name, fireman e husband/wife

Una burocrazia globalista senza volto che dice alla gente quali suoni possono uscire dalla loro bocca sorprendentemente non ha avuto un feedback molto positivo.

“Smetti di provare a controllare la lingua delle persone. È inquietante e inutile “, ha detto Lucy Harris.

“Siamo autorizzati a dire figlio o figlia o sia io che il mio coniuge riceveremo una visita da un ufficiale di polizia?” ha chiesto un altro.

Fonte

 

 

Tucker Carlson: L’OMS ha aiutato la Cina a nascondere la gravita` del Coronavirus

Ieri sera, Tucker Carlson ha rivelato, durante un potente monologo, come l’Organizzazione mondiale della sanità ha aiutato la Cina a nascondere la gravità del coronavirus e come i media statunitensi hanno chiuso un occhio sulla vicenda.

Il conduttore della Fox News ha osservato come il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom, “ha ottenuto il suo lavoro con il sostegno cinese dopo aver coperto le epidemie di colera nel suo paese d’origine” in Egitto.

Tedros ha negato l’accusa, che si concentra sulle affermazioni con cui minimizzo` le epidemie di colera in Etiopia nel 2006, 2009 e 2011, definendole “acute diarree liquide”.

Le Nazioni Unite in seguito dissero che sarebbero state salvate più vite se l’epidemia fosse stata accuratamente etichettata come colera.

Carlson ha quindi accusato Adhanom di essere l’epicentro della corruzione all’interno dell’OMS, congratulandosi con la Cina per la sua “rapida” risposta al coronavirus alla fine di gennaio, nonostante le prove diffuse che la Cina ha coperto l’epidemia per oltre un mese, ha mentito sulla sua gravità e poi messo a tacere gli informatori che cercavano di avvisare il mondo.

“Tutto quello che disse era una bugia”, ha detto Carlson, prendendo in causa un servizio australiano di 60 minuti che presentava un esperto il quale spiegava come la Cina sapeva della trasmissione da umano a umano del COVID-19 gia` da dicembre.

In effetti, come precedentemente dimostrato, il 14 gennaio l’OMS diffondeva come verita` la falsa notizia secondo cui non si era verificata alcuna trasmissione del coronavirus da uomo a uomo.

“La leadership dell’Organizzazione mondiale della sanità, quindi, sosteneva di seguire le misure anti-coronavirus cinesi, che apparentemente includono il far scomparire i medici che sostenevano la verita`”, ha dichiarato l’host di Fox News.

Ai Fen, un medico a capo dell’emergenza dell’ospedale centrale di Wuhan, ha affermato che Pechino le ha impedito di mettere in guardia il mondo scomparendo successivamente.

Sottolineando che i media statunitensi non hanno documentato correttamente la gravita` del coronavirus, Tucker ha osservato come fino a metà febbraio i funzionari sembravano più preoccupati della correttezza politica che della diffusione del virus.

“All’inizio di febbraio, il direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità stava ancora insegnando al pubblico che l’uso di termini come” Wuhan Virus “erano razzisti”, ha detto Carlson prima di mostrare una clip di Adhanom dell’11 febbraio in cui affermava che usare termini sbagliati per il coronavirus era “stigmatizzante”.

“Potresti pensare che l’Organizzazione mondiale della sanità, un gruppo che ha ottenuto l’anno scorso $ 58 milioni di dollari (tasse), potrebbe preoccuparsi del fatto che un governo arresti medici e non dica la verita` riguardo a nuove malattie mortali, ma no, come tante altre organizzazioni sono cani da guardia per i potenti e ciò significa che il loro vero lavoro e` quello di lustrare le scarpe al governo cinese “, ha concluso Carlson.

Fonte

Le Nazioni Unite vogliono il controllo totale su internet

Le Nazioni Unite vogliono garantire il potere di controllare internet a regimi dittatoriali come la Cina, in un nuovo grande tentativo di censurare la liberta` di parola.

L’Assemblea Generale ha approvato una risoluzione sponsorizzata da Cina e Russia per istituire un comitato di “esperti internazionali” il cui ruolo sarebbe quello di fermare “l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione a fini criminali”.

Tuttavia, in molti avvertono che la mossa è semplicemente una backdoor per i regimi autoritari, utile a censurare ulteriormente il dissenso.

“Gruppi per la protezione dei diritti negli Stati Uniti e in Europa temono che tutto questo legittimera` le repressioni sull’espressione, con numerosi paesi che definiscono le critiche al governo come “criminali”, riferisce AFP.

Human Rights Watch ha affermato che l’elenco degli sponsor per la risoluzione è “una galleria di stati canaglia dove possiamo trovare i governi più repressivi della terra” e “offre ai paesi una copertura legale quando si tratta di blocco e censura di Internet, creando al contempo il potenziale per criminalizzare la libertà di parola”.

Governi come la Cina già censurano e disattivano Internet durante i periodi di disordini civili mentre puniscono coloro che criticano lo stato tramite il “credito sociale”.

Il paese comunista sta inoltre sviluppando un piano per costringere i suoi cittadini a superare un test di riconoscimento facciale per utilizzare Internet. Hai criticato le autorità? Niente internet per te.

Fonte