Archivi Blog

L’Austria rende obbligatorio il vaccino contro il COVID, promette “sanzioni” per chi resiste

L’intera popolazione ora è sotto lockdown

Dopo aver annunciato l’ennesimo lockdown, le autorità austriache hanno anche affermato che renderanno obbligatorio il vaccino COVID-19, promettendo “sanzioni” per coloro che continuano a resistere.

A seguito di un lockdown dei non vaccinati, che non è riuscito a fermare l’impennata del numero di casi, l’intero paese sarà ora sottoposto a un blocco completo della durata di almeno 10 giorni.

Dal 1° febbraio, inoltre, tutti dovranno essere vaccinati per legge.

“Non siamo stati in grado di convincere abbastanza persone a vaccinarsi. Per troppo tempo io e altri abbiamo pensato che potessimo convincere le persone a farsi vaccinare”, ha affermato il cancelliere Alexander Schallenberg.

Ha anche promesso di imporre “pene” a coloro che si rifiutano ancora di vaccinarsi, sebbene queste non siano state specificate.

È probabile che l’Austria segua gli Stati Uniti nel tentativo di rendere obbligatoria la vaccinazione per avere un lavoro.

Numerosi altri paesi, tra cui Germania, Italia, Slovacchia e Repubblica Ceca, stanno per attuare nuove restrizioni nel tentativo di combattere una “quarta ondata” del virus.

L’Europa sta attualmente vivendo la più alta ondata di COVID di sempre, con 310.000 casi registrati in tutto il continente nelle ultime 24 ore.

Un paese che sta affrontando notevolmente meglio del resto d’Europa è la Svezia, che non ha mai imposto alcun mandato di maschera rigoroso o blocco legale.

Nel frattempo, anche l’Irlanda è sul “piede di guerra” e potrebbe essere in procinto di introdurre un nuovo lockdown nonostante abbia una popolazione vaccinata al 94%, obbligo di indossare le maschere e uno schema di passaporto vaccinale già in vigore.

Quanti lockdown, seguiti da nuove ondate di contagi, devono imporre i paesi europei prima di considerare l’efficacia dei lockdown?

E’ da oltre 20 mesi che osserviamo questo teatrino.

Continuate ad obbedire, idioti.

Fonte

191121austria1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Un dipendente della FDA sorpreso a dire che gli afroamericani dovrebbero essere vaccinati contro la loro volontà

I conservatori sono in rivolta dopo che un dipendente della Food and Drug Administration (FDA) è stato ripreso da una telecamera mentre sosteneva l’utilita’ di rendere obbligatoria la vaccinazione per le minoranze e un registro in stile nazista dei non vaccinati, “come la stella ebraica”.


L’economista della FDA Taylor Lee ha detto a un giornalista sotto copertura di Project Veritas che il governo federale potrebbe imparare una o due cose dai nazisti quando si tratta di vaccinare la popolazione, secondo un video pubblicato dal gruppo conservatore – famoso per le sue operazioni sotto copertura.

Lee ha suggerito che “bisognerebbe andare porta per porta” alla ricerca di persone che non hanno il vaccino, e quando qualcuno viene trovato sprovvisto di vaccino, “piantargli la siringa con [il vaccino contro il Covid-19] nel braccio.”

“Penso che ci dovrebbe essere un registro delle persone che non sono vaccinate”, ha continuato. “Anche se suona molto [molto simile alla Germania nazista]. Tipo la stella che gli ebrei dovevano portare”.

Le fantasie di Lee sull’obbligo vaccinale sono diventate più oscure, come ha detto al giornalista Veritas: “Andrò di porta in porta e ficchero’ la siringa [con il vaccino] a tutti, ‘Dai, dai e’ solo il richiamo! Ecco qua!’”

Per quanto riguarda le minoranze (gli afroamericani hanno più probabilità dei bianchi di non essere vaccinati), Lee aveva in mente la stessa soluzione.

Mentre i neri possono rifarsi ad un passato di esperimenti medici eseguiti su di loro contro la loro volontà, Lee ha detto che “non può biasimarli” per la loro esitazione a farsi vaccinare, “ma allo stesso tempo, bisogna forzarli. Ci stiamo dirigendo in quella direzione”.

I video di Project Veritas sono stati criticati dai liberali per il loro presunto montaggio ingannevole, e per il fatto che i soggetti sono spesso ripresi in appuntamenti con giornalisti sotto copertura, dove l’alcol e la spavalderia li rendono più propensi a parlare con loro ed esagerare. Tuttavia, i conservatori si sono infuriati, con un commentatore che ha affermato che sebbene Lee non sia un alto funzionario della FDA, “ho la sensazione che il disprezzo del tizio per i normali americani sia condiviso da molti alla @FDA”.

Il video di Project Veritas è stato eliminato da Instagram e al momento in cui scriviamo rimane disponibile su YouTube. Sia Project Veritas che il suo fondatore, James O’Keefe, sono stati definitivamente banditi da Twitter all’inizio di quest’anno.

Fonte

614c877f85f5405e28028b80

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I gilet arancioni marciano per il terzo giorno a Melbourne, la polizia picchia duro

I muratori arrabbiati per la vaccinazione obbligatoria, si sono messi a scioperare.

I muratori con gilet arancioni hanno marciato per il terzo giorno di seguito a Melbourne, in Australia, contro le vaccinazioni obbligatorie, con un video che mostra un manifestante che sanguina copiosamente dopo che la polizia gli ha rotto il cranio.

Dopo che le autorità hanno chiuso l’industria delle costruzioni a Melbourne per due settimane nel tentativo di costringere i lavoratori a farsi vaccinare, la rabbia è solo aumentata, con i giubbotti arancioni che si sono impegnati in numerosi scontri con la polizia.

Le manifestazioni sono proseguite per un terzo giorno, con numerose clip che illustrano quanto i lavoratori siano incazzati dall’obbligo vaccinale e la brutalità della risposta della polizia.

“Mi hanno spaccato la testa”, ha detto un uomo di nome Kyle Mitchell mentre giaceva sanguinante a terra.

La polizia ha arrestato una madre semplicemente per aver portato un cartello di protesta mentre il suo bambino piangeva e si aggrappava a lei.

I poliziotti antisommossa hanno gettato a terra un’altra donna.

Un’altra clip mostra una manifestante che piange mentre viene trascinata via dalla polizia.

Un altro video mostra la polizia che invia agenti provocatori.

La polizia ha sparato proiettili di gomma contro i manifestanti.

Un manifestante portava un cartello che diceva “Andrews è il virus”, in riferimento a Dan Andrews, il premier di Victoria.

Un altro manifestante ha affermato che gli operai edili non rispetteranno mai il comunismo.

I giornalisti che hanno amplificato la narrativa del lockdown del governo per oltre un anno non vengono trattati con molto rispetto.

Fonte

220921australia1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Sfatiamo il mito che dobbiamo “proteggere i vaccinati dai non vaccinati”

La linea ufficiale sui vaccini è che sono estremamente efficaci nel proteggere da malattie gravi. Eppure, sembra che i non vaccinati siano comunque una grave minaccia per i vaccinati.

Più specificamente, il presidente Biden ha affermato il 10 settembre che i mandati vaccinali “proteggeranno i lavoratori vaccinati dai lavoratori non vaccinati”.

In altre parole, si sostiene contemporaneamente che i vaccini proteggano e che i vaccinati devono essere “difesi” dai non vaccinati. Come possono entrambe le affermazioni essere vere allo stesso tempo? Semplicemente non lo possono essere. L’idea che le persone vaccinate siano messe in pericolo dai non vaccinati è una completa invenzione, basata su dati mainstream a favore di misure restrittive.

Come sottolinea Robert Fellner, secondo i dati ufficiali,

Le probabilità che una persona vaccinata muoia di COVID sono 1 su 137.000.

Il tasso di mortalità per influenza stagionale, nel frattempo, è almeno 100 volte maggiore. La possibilità di morire in un incidente automobilistico è oltre 1.000 volte maggiore. Attacchi di cani, punture di api, colpi di sole, tempeste catastrofiche e una varietà di altri rischi di fondo che accettiamo come una parte normale della vita sono tutti più mortali del rischio che il COVID pone ai vaccinati.

Inoltre, il rischio di morte per le persone vaccinate è simile al rischio di avere un effetto collaterale avverso al vaccino. E come i portavoce di Big Pharma e del regime non si stancano mai di dirci, non dovresti preoccuparti di avere una reazione avversa, perché è molto raro e irrilevante.

Quindi, secondo questo ragionamento, le persone vaccinate non dovrebbero preoccuparsi di ammalarsi gravemente di covid. Questi casi sono rari quanto i casi di reazione avversa.

Eppure, anche dopo tutto questo, i sostenitori dei mandati vaccinali stanno cercando di fomentare l’isteria su come dobbiamo “proteggere i vaccinati” che sono in grave pericolo a causa dei non vaccinati.

Il livello di incoerenza mentale e logica necessario per giungere a questa conclusione è sorprendente.

Non ferma la diffusione
Va inoltre ricordato che la vaccinazione non ferma la diffusione del covid.

Fellner continua:

Ma come ha spiegato il mese scorso il dott. Walensky [del CDC], mentre i vaccini COVID rimangono incredibilmente efficaci nel prevenire malattie gravi e morte, “ciò che non possono fare è prevenire la trasmissione”. Ciò riflette anche la posizione ufficiale dell’agenzia, motivo per cui il CDC ora richiede che le persone vaccinate si mascherino in casa e seguano lo stesso tipo di pratiche di distanziamento sociale delle persone non vaccinate.

La conferma ufficiale che il COVID è endemico e che la vaccinazione non può fermare la trasmissione e quindi eliminarla come potrebbe per cose come la poliomielite e il vaiolo, rende l’obbligo vaccinale e il green pass intollerabili per una società libera. L’intera argomentazione a favore della vaccinazione obbligatoria originariamente si basava sull’affermazione che i vaccini potevano fermare in modo affidabile la trasmissione.

Inoltre, coloro che vengono vaccinati sperimentano spesso una forma lieve di covid quando vengono nuovamente contagiati, il che significa che spesso diffondono la malattia senza nemmeno sapere di averla. I vaccinati hanno anche la stessa carica virale dei non vaccinati, come notato il mese scorso dall’Evening Standard del Regno Unito:

Mentre le prove dimostrano che i vaccini riducono significativamente i ricoveri e i decessi, gli scienziati ora credono che coloro che sono stati infettati dalla variante Delta possano ancora ospitare livelli di virus simili a quelli che non sono vaccinati.

Il pensiero precedente era che le vaccinazioni avrebbero fermato la diffusione, ma ora, questo è stato messo in dubbio e solleva interrogativi sui passaporti vaccinali … che funzionano sul presupposto che le persone con doppio vaccino hanno meno probabilità di diffondere il virus.

Ancora una volta, vediamo che l’idea che i vaccinati siano in pericolo dai non vaccinati è una fantasia degli attivisti pro restrizioni e obblighi vaccinali.

Almeno il CDC è logico quando dice che i vaccinati dovrebbero continuare a indossare maschere. In effetti, ogni volta che sentiamo questo dal CDC dovremmo ricordarci: la vaccinazione non ferma la diffusione.

Stanno riempiendo gli ospedali!
C’è una posizione secondaria di ripiego che usano i folli che sostengono la vaccinazione obbligatoria: che i non vaccinati stanno occupando tutti i letti di terapia intensiva e quindi negando alle persone con altre condizioni i letti d’ospedale che sarebbero più meritati da altri.

Come ho sottolineato qui, anche questo è un argomento incoerente poiché si basa sull’idea che le persone che fanno scelte malsane (come non prendere un vaccino) dovrebbero essere trattate come paria.

Questo vale solo per una singola “scelta malsana”. Questi amanti delle restrizioni apparentemente non hanno problemi con i tossicodipendenti, i fumatori e gli obesi – il cui numero si è moltiplicato – riempiendo tutti i letti della terapia intensiva. No, quelle persone meritano i loro letti d’ospedale anche se hanno scelto di distruggere la propria salute. In effetti, se si suggerisce alle persone di non usare le metanfetamine, o le Marlboro, nel tentativo di migliorare la salute, si passa per degli stronzi insensibili.

In ogni caso, sono emersi anche dati recenti che ci chiedono se i dati sui ricoveri siano o meno utili nell’identificare il carico imposto alle ICU dai pazienti covid.

Uno studio recente ha mostrato che quasi la metà (cioè il 48 percento) dei ricoveri per covid nel 2020 erano casi lievi. Secondo The Atlantic (non esattamente un paladino contro l’obbligo vaccinale):

Lo studio ha rilevato che da marzo 2020 fino all’inizio di gennaio 2021, prima che la vaccinazione fosse diffusa e prima che arrivasse la variante Delta, la percentuale di pazienti con malattia lieve o asintomatica era del 36%. Da metà gennaio fino alla fine di giugno 2021, tuttavia, quel numero è salito al 48 percento. In altre parole, lo studio suggerisce che circa la metà di tutti gli ospedalizzati nel 2021 potrebbero essere stati ammessi per un altro motivo o avevano solo una forma lieve della malattia.

E perché ora ci sono meno casi gravi? Potrebbe essere perché “i pazienti non vaccinati tendono ad essere i più giovani che sono meno vulnerabili al COVID”.

Fatti vaccinare anche se hai già avuto il Covid!
Ma non importa! Tutto ciò che conta è far vaccinare le persone, ed è tutto per il tuo bene, e i governi dovrebbero essere in grado di importi i loro farmaci. Il ritornello cinico della sinistra pro-aborto, “togli le tue leggi dal mio corpo” si applica solo a un singolo caso. In ogni altro caso, lo stato ti possiede.

Questa spinta alla vaccinazione totale puo’ essere vista anche nello sforzo di vaccinare anche chi è già guarito dal covid. L’affermazione qui è che coloro che hanno l’immunità naturale dovrebbero essere vaccinati perché tendono ad ammalarsi di nuovo, sebbene sia provato che i casi di reinfezione tendano ad essere molto più lievi del caso iniziale.

Nello specifico, coloro che vogliono vaccinare a piu’ non posso in questo caso potrebbero puntare a uno studio che suggerisce che i non vaccinati hanno 2,34 volte più probabilità di essere reinfettati rispetto ai vaccinati.

Eppure, secondo la mandria pro vaccino, questo è 2,34 volte più grande di un numero estremamente piccolo. Dopotutto, ci viene spesso detto che i casi di reinfezione per i vaccinati sono “estremamente rari” e irrilevanti. Quindi, ciò significa che per i non vaccinati, le probabilità di reinfezione sono poco più del doppio di un numero irrilevante. Ora, non ho una laurea in matematica, ma ho seguito abbastanza lezioni di calcolo e statistica per sapere che 2,3 di “quasi zero” è comunque “praticamente zero”.

Ma questa è la matematica utilizzata da coloro che insistono sul fatto che il rischio di reinfezione per i vaccinati è trascurabile, mentre il rischio di reinfezione per i già guariti è un’enorme crisi di salute pubblica.

Secondo i dati degli stessi pusher, la spinta a proteggere i vaccinati dai non vaccinati non ha alcun senso. Ma sospetto che rimarranno fedeli allo slogan.

Fonte

vacc1_1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La narrativa sul vaccino “sicuro ed efficace” implode

Gli ultimi aggiornamenti sulla “nuova normalità”: la cronaca delle bugie, delle distorsioni e degli abusi della classe dirigente.

Il CDC, e il Merriam-Webster cambiano silenziosamente la definizione di “vaccino” nel 2021

“È una cosa bellissima, la distruzione delle parole.”

-1984

Proprio come i maiali ne “La fattoria degli animali” hanno ridipinto i 7 comandamenti degli animali sul muro della stalla nel cuore della notte per soddisfare i loro interessi, così gli ingegneri sociali nel gennaio 2021, hanno riscritto la definizione ufficiale di “vaccino”.

La vecchia definizione di “vaccino” del CDC:

“Un prodotto che stimola il sistema immunitario di una persona a produrre immunità a una specifica malattia”

La nuova definizione di “vaccino” del CDC:

“Un preparato che viene utilizzato per stimolare la risposta immunitaria dell’organismo contro le malattie”

Allo stesso modo, la vecchia definizione di “vaccino” di Merriam-Webster:

“Un preparato di microrganismi uccisi, organismi viventi attenuati o organismi viventi completamente virulenti che viene somministrato per produrre o aumentare artificialmente l’immunità a una particolare malattia”

La nuova definizione di “vaccino” di Merriam-Webster:

“Un preparato che viene somministrato per stimolare la risposta immunitaria dell’organismo contro una specifica malattia infettiva”

CDC: L’efficacia dei vaccini mRNA negli Stati Uniti e’ del 66% e in calo
Tramite LiveScience:

“I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC)… hanno scoperto che l’efficacia dei vaccini contro le infezioni da COVID-19 è diminuita dal 91% prima dell’emergere della variante delta al 66% dopo la diffusione della variante delta in estate”.

Israele: tra le nazioni più vaccinate ora ha uno dei tassi di infezione più alti al mondo
Tramite Science.org:

“Israele e’ una tra le nazioni piu’ vaccinate al mondo, con il 78% della popolazione (dai 12 anni in su) completamente vaccinata, la stragrande maggioranza con il vaccino Pfizer. Eppure il Paese sta ora registrando uno dei tassi di infezione più alti al mondo, con quasi 650 nuovi casi al giorno per milione di persone. Più della metà sono persone completamente vaccinate”.

Il vaccino Pfizer scende a “16% per efficacia contro i sintomi dell’infezione” in Israele
Tramite CNBC:

“I dati pubblicati da Israele a luglio hanno mostrato che il vaccino Pfizer era efficace solo per il 16% contro i sintomi dell’infezione per quegli individui che hanno ricevuto due dosi a gennaio”.

In Giappone vengono scoperte “particelle metalliche” nei vaccini Moderna, bloccata la distribuzione
Tramite Reuters:

“Il Giappone giovedì ha sospeso l’uso di 1,63 milioni di dosi spedite a 863 centri di vaccinazione a livello nazionale, più di una settimana dopo che il distributore nazionale, Takeda Pharmaceutical (4502.T), ha ricevuto segnalazioni di contaminanti in alcune fiale.

Si ritiene che il contaminante trovato in un lotto consegnato in Giappone sia una particella metallica, ha riferito l’emittente pubblica giapponese NHK.

Credi nella sciena: “Ammalarsi di Covid conferisce un’immunità molto maggiore di un vaccino”

Tramite Science.org:

“La protezione immunitaria naturale che si sviluppa dopo un’infezione da SARS-CoV-2 offre uno scudo molto maggiore contro la variante Delta del coronavirus pandemico rispetto a due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech, secondo un ampio studio israeliano ha riferito Science giovedì … I dati appena rilasciati mostrano che le persone infettate da Covid avevano molte meno probabilità delle persone vaccinate di contrarre la variante Delta, sviluppare sintomi da essa, o essere ricoverate in ospedale”.

I vaccinati hanno un rischio 13 volte piu’ alto di essere infettati rispetto a chi ha l’immunità naturale
Tramite medRxiv finanziato da Yale:

“I vaccinati hanno un rischio 13,06 volte (95% CI, da 8,08 a 21,11) maggiore di essere infettati con la variante Delta rispetto a quelli che hanno contratto la malattia in precedenza. L’aumento del rischio era significativo (P<0,001) anche per quanto riguarda i sintomi.

I vaccinati trasportano 251 volte più carica virale rispetto ai non vaccinati
Via The Lancet:

“La carica virale nei vaccinati infetti da Delta era 251 volte superiore a quella dei casi infetti da vecchi ceppi rilevati tra marzo-aprile 2020”.

Tramite CBS:

“I vaccinati infettati dalla variante Delta hanno cariche virali elevate, risultano positivi al test PCR per tempi piu’ lunghi e bassi livelli di anticorpi neutralizzanti indotti dal vaccino”.

Ricerca: “La vaccinazione imperfetta può migliorare la trasmissione di agenti patogeni altamente virulenti”
Tramite PLOS Biologia:

“I vaccini che non uccidono i virus e consentono la trasmissione potrebbero facilitare la circolazione di ceppi molto virulenti tra la popolazione… i vaccini anti-malattia che non prevengono la trasmissione possono creare condizioni che promuovono l’emergere di ceppi patogeni che causano malattie più gravi”.

Che cosa significa: quando emergeranno nuove varianti virulente, probabilmente non proverranno dai non vaccinati ma dai vaccinati che sono fertili terreni di riproduzione/serbatoi per nuovi ceppi.

Cosa è successo all'”Immunità duratura”?
Nel giugno 2021, tramite il New York Times:

Alla fine di agosto 2021, tramite il British Medical Journal:

Il marito ha un ictus indotto dal vaccino, la moglie vaccina comunque il bambino
Molti, se non la maggioranza, degli schiavi COVID completamente sottomessi sono semplicemente troppo lontani dalla realta’ per essere salvati.

Reperto A, tramite SF Chronicle:

Editorialista di The Spectator chiede se le è “permesso” di parlare degli effetti collaterali dei vaccini

Tramite The Spectator:

“Nessuno vuole essere considerato un isterico. Emotivo. Nevrotico. Quindi invece queste conversazioni si svolgono in maniera discreta, sulle chat di WhatsApp, sui thread di internet, a toni sommessi. Chi vuole essere accusato di essere un temuto “anti-vaxxer”?”

Che cos’è la sindrome di Stoccolma?
Via Sharie Stines, PsyD:

“La sindrome di Stoccolma è una condizione psicologica che si verifica quando una vittima di abuso si identifica e si lega, positivamente con il suo aggressore. Questa sindrome è stata originariamente osservata quando gli ostaggi rapiti non solo hanno sviluppato un rapporto con i rapitori, ma si sono anche innamorati di loro.

Metà dello staff NIH di Fauci non si fara’ vaccinare
In una notizia che meritava molta più attenzione di quella che ha ricevuto nella stampa mainstream, Anthony Fauci ha ammesso in una testimonianza al Congresso che circa la metà del suo personale NIH non si e’ fatto vaccinare.

Una enorme percentuale di operatori sanitari rifiutano i “vaccini”

Tramite il New York Times:

“Tra i 50 più grandi ospedali della nazione, un lavoratore su tre che ha avuto contatti diretti con i pazienti non aveva ricevuto una singola dose di vaccino”.

Dovremmo fidarci di questi esperti – metà del personale NIH e un terzo degli operatori sanitari nei principali ospedali – o solo di quelli selezionati con cura dai media aziendali per spingere la narrativa “sicuro ed efficace” sulla CNN?

Fonte

00000000000

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €