Archivi Blog

Perche` ormai nessuno si fida degli “esperti” sul coronavirus

All’inizio della pandemia, l’espressione “fidati della scienza!” poteva effettivamente essere utilizzato in un dibattito senza suscitare risate derisorie. Ma man mano che gli errori e, sì, le bugie si sono accumulate, sembra che si formi un consenso sul fatto che le autorità sanitarie non sono più affidabili delle persone che dirigono il Congresso o la Fed.

Iniziamo con la vitamina D, che sembra sicuramente ridurre la gravità delle infezioni da coronavirus. Come illustra il grafico sottostante (non sono riuscito a trovare la fonte, ma googla “covid vitamin D” e troverai molti studi che seguono questi dati), le persone con livelli più elevati di vitamina D nel sangue tendono a sperimentare covid 19 senza sintomi, mentre le persone con bassi livelli hanno subito sintomi piu` gravi.

Chiamare la vitamina D una “cura” è semplicemente esagerato. Ma se ha un effetto, anche marginale, – e i dati lo suggeriscono – un governo razionale, penseresti, distribuirà vitamina D come se non ci fosse un domani. Infatti, dal momento che stiamo imponendo / vietando ogni tipo di attivita/comportamento, potremmo aspettarci che sia richiesto il consumo di vitamina D insieme a maschere e allontanamento sociale. Anche lo zar del Covid, Anthony Fauci ha recentemente affermato: “Se hai carenza di vitamina D, ciò ha un impatto sulla tua suscettibilità alle infezioni. Quindi non mi dispiacerebbe raccomandare - e lo faccio io stesso - di assumere integratori di vitamina D. " Allora perché non ci arrivano bottiglioni di vitamina D formato famiglia per posta dalla sanita`? Un cinico potrebbe chiedersi se il fatto che Big Pharma non guadagni molti soldi da integratori economici e ampiamente disponibili gioca un ruolo nell’evidente mancanza di interesse del governo.

Ora riguardo ai lockdown. Tom Woods ha prodotto grafici che sembrano non mostrare praticamente alcuna differenza nei risultati nei contagi tra gli stati degli Stati Uniti sotto lockdown aggressivo e quelli senza. La California, ad esempio, ha chiuso la maggior parte delle sue piccole imprese e imposto un coprifuoco diffuso, mentre la Florida no. Ecco il risultato:

Per quanto riguarda il resto del mondo, dove presumibilmente stanno facendo meglio degli Stati Uniti, la stessa correlazione tra lockdown e diffusione del virus sembra reggere. La Francia ha imposto un lockdown nazionale completo a marzo, dopodiché il virus è aumentato. Quindi hanno aggiunto i mandati per le maschere (sia all’esterno che all’interno), con tanto di multe. E ogni giorno i nuovi casi aumentavano vertiginosamente.

Poi ovviamente ci sono le menzogne. Il dottor Fauci in primo luogo ha affermato che le maschere non aiutano – quando diceva il contrario – perché temeva che vi fosse una carenza di maschere per gli operatori sanitari. Ammette anche di aver cambiato la linea ufficiale sull’immunità di gregge in base a ciò che pensa che siamo pronti a sentire. E, in quello che suona più come incompetenza che disonestà, a quanto pare risponde alla domanda “quando, la vita tornerà alla normalità?” con la prima data che gli viene in mente in quel momento. All’inizio del 2020, era il prossimo autunno. A luglio è stato “un anno o giù di lì”. Più di recente siamo “nel 2021”.

Ma la ragione più grande e di gran lunga più oltraggiosa di questa crescente sfiducia deve essere l’Organizzazione mondiale della sanità che, beh, leggi tu stesso:

Il funzionario dell’OMS esorta i leader mondiali a smettere di utilizzare i lockdown come metodo principale di controllo dei virus

L’inviato speciale dell’Organizzazione mondiale della sanità su COVID-19 ha esortato i leader mondiali questa settimana a smettere di “utilizzare i lockdown come metodo di controllo principale”. “Noi dell’Organizzazione mondiale della sanità non sosteniamo i lockdown come mezzo principale di controllo di questo virus”, ha detto il dottor David Nabarro a Andrew Neil di The Spectator. “L’unica volta in cui crediamo che un lockdown sia giustificato è farti guadagnare tempo per riorganizzare, risistemare, riequilibrare le tue risorse, proteggere i tuoi operatori sanitari che sono esausti, ma in generale, preferiremmo non farlo.” Nabarro ha continuato sottolineando molte delle conseguenze negative che i lockdown hanno causato in tutto il mondo, comprese il devastante colpo subito dalle industrie del turismo e l’aumento della fame e della povertà. “Guarda cosa è successo all’industria del turismo nei Caraibi, ad esempio, o nel Pacifico perché le persone non si prendono le vacanze”, ha detto. “Guarda cosa è successo ai piccoli agricoltori in tutto il mondo. … Guarda cosa sta succedendo ai livelli di povertà. Sembra che la povertà mondiale raddoppiera` entro il prossimo anno. Ci sara` un raddoppio della malnutrizione infantile “. Negli Stati Uniti, i lockdown sono stati collegati a un aumento tra le intenzioni di suicidio da parte dei bambini, un’ondata di overdose di droga, un aumento della violenza domestica e uno studio condotto a maggio ha concluso che lo stress e l’ansia da lockdown potrebbero influire per diverse decenni.

L’istituto sanitario avrebbe potuto risparmiare molto tempo – e imbarazzo – chiedendo semplicemente a persone normali riguardo a queste cose. Ma poi ci avrebbero guadagnato molto meno.

Fonte

getty_826041460_350041

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La Cina cancella dati importanti sul laboratorio di Wuhan, comprese le ricerche della “batwoman”

Il governo cinese è stato sottoposto a un nuovo esame per le accuse secondo cui i funzionari hanno cancellato dati online cruciali sull’Istituto di virologia di Wuhan, il controverso laboratorio sospettato di essere l’origine della pandemia di COVID-19.

Secondo il Daily Mail, “centinaia di pagine di informazioni” che coprono oltre 300 studi condotti dal WIV sono state cancellate da un database, inclusi alcuni che discutono del passaggio di malattie dagli animali agli esseri umani – che sono stati pubblicati online dalla National Natural Science Foundation of China (NSFC) e non sono più disponibili.

L’eliminazione delle prove chiave ha riacceso i timori che la Cina stia cercando di insabbiare le indagini sulle origini del virus.

Arriva dopo che il presidente Xi Jinping la scorsa settimana ha bloccato gli investigatori dell’Organizzazione mondiale della sanità nell’entrare nel paese con una mossa che ha suscitato condanne a livello internazionale. Nel frattempo, i media statali hanno pubblicato centinaia di storie che affermano che il virus non ha nemmeno avuto origine nella città di Wuhan.

Nell’ambito dell’eliminazione degli studi online della NSFC, ha cancellato ogni riferimento a quelli effettuati da Shi Zhengli, la virologa di Wuhan che si è guadagnata il soprannome di Batwoman in quanto andava per grotte per raccogliere campioni di pipistrelli.

Sono scomparsi anche gli studi fondamentali per qualsiasi indagine sulla fonte del virus, incluso uno sul rischio di infezione tra specie da pipistrelli con coronavirus e un altro che esamina i patogeni umani trasportati dai pipistrelli. -Daily Mail

Zhengli è stata criticata nel 2015 a causa della sua controversa ricerca sul “guadagno di funzione” che creava virus chimerici di pipistrello progettati per infettare gli esseri umani.

Secondo l’ex leader conservatore britannico Iain Duncan Smith – membro dell’Alleanza interparlamentare sulla Cina, le rivelazioni sono un altro esempio della cover up cinese.

“La Cina sta chiaramente cercando di nascondere le prove”, ha detto, aggiungendo “È vitale che ci sia un’indagine approfondita su ciò che è accaduto, ma la Cina sembra fare tutto il possibile per impedire che ciò accada. Non sappiamo cosa stava succedendo. in quel laboratorio. Può darsi che abbiano giocato con i coronavirus dei pipistrelli e abbiano commesso qualche tipo di errore. A meno che la Cina non si apra all’esame, il mondo presumerà che abbiano qualcosa da nascondere “.

The Mail osserva che questa non è la prima volta che il WIV è stato accusato di sopprimere le prove critiche riguardanti le origini del virus.

Giorni prima che l’OMS venisse avvertita dello scoppio di casi di polmonite simile alla Sars a Wuhan nel dicembre 2019, l’Istituto di virologia di Wuhan ha iniziato ad alterare il suo database di patogeni virali.

Il database dei patogeni virali trasmesso dalla fauna selvatica era unico perché includeva informazioni sulle varianti di virus in altri animali selvatici.

Tra le modifiche, che secondo gli esperti sono state apportate per escludere gli investigatori, e` inclusa l’eliminazione di parole chiave come “fauna selvatica” o “animali selvatici”.

Il titolo è stato cambiato da Database di patogeni virali trasmesso dalla fauna selvatica a Database di patogeni virali trasmesso da roditori e pipistrelli. Il termine “animale selvatico” è stato sostituito con “pipistrello e roditore” o “pipistrello e ratto”. –Daily Mail

In particolare, la modifica è avvenuta due giorni prima che ad un laboratorio di sequenziamento genico venisse ordinato da parte della Commissione sanitaria e medica della provincia di Hubei di distruggere campioni della nuova malattia e nascondere le informazioni.

Secondo il rapporto, le modifiche – condotte la sera del 30 dicembre – sono state sostanziali e si sono verificate il giorno prima che il PCC notificasse all’Organizzazione mondiale della sanità lo scoppio di un gruppo di casi di polmonite a Wuhan.

Il contatto principale del database non è altro che Zhengli, che si trovava a Shanghai per una conferenza alla fine del 2019 quando è stata richiamata a Wuhan per affrontare l’epidemia che era stata rilevata in due pazienti con polmonite. Durante il viaggio notturno per tornare a Wuhan, il database è stato alterato.

“Sembra uno sforzo affrettato e incoerente per dissociare il progetto dall’epidemia cambiandone il marchio”, secondo l’analista dell’intelligence britannica che ha scoperto le alterazioni. “È una cosa strana da fare poche ore dopo essere stati informati di un nuovo focolaio di coronavirus”.

“Se il WIV avesse trovato l’anello mancante tra il virus pipistrello RaTG13 e SARS-CoV-2 [il coronavirus che causa COVID-19] da un vettore animale, sarebbe stato nel database di Shi”, ha aggiunto.

Record eliminati e campioni distrutti non infondono esattamente fiducia.

Fonte

zhengli_6

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La Cina vieta ancora alla PATETICA OMS di investigare le origini del coronavirus

Stanno aspettando un invito formale?

È passato ormai più di un anno dall’inizio dell’epidemia di coronavirus in Cina, e ancora una volta a un team di investigatori dell’Organizzazione mondiale della sanità è stato negato l’accesso nel paese per indagarele origini.

Dieci funzionari dell’OMS sarebbero dovuti entrare in Cina questa settimana per iniziare finalmente le indagini, con la promessa di esaminare l’Istituto di virologia di Wuhan come potenziale fonte della pandemia.

Tuttavia, al team è stato negato l’ingresso a causa di problemi di visto, secondo il direttore delle emergenze dell’OMS Michael Ryan.

Tedros Adhanom Ghebreyesus, il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha annunciato di essere “deluso” dal fatto che il governo cinese abbia nuovamente bloccato l’ingresso agli inquirenti.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha detto alla BBC “potrebbero esserci dei malintesi”.

I funzionari cinesi in precedenza si erano rifiutati di confermare qualsiasi data per l’arrivo della squadra, ed è palesemente ovvio che non sono i benvenuti nel paese, con il governo che continua a mettere a tacere gli informatori e persino a imprigionare i giornalisti.

L’OMS in precedenza si era lamentato di non essere stata “invitata” dalla Cina a indagare sull’epidemia ed è stata continuamente criticata per aver sostenuto i punti di discussione del Partito Comunista.

Una precedente “missione di esplorazione” dell’OMS in Cina durante l’estate ha visto arrivare in Cina una squadra di investigatori, ma non è nemmeno riuscita a visitare Wuhan.

Dave Sharma, un parlamentare australiano, ha dichiarato al Financial Times: “È un altro incidente preoccupante dell’OMS – incaricata di salvaguardare la salute pubblica globale – che pone le sensibilità politiche di uno Stato membro al di sopra degli interessi di salute pubblica del mondo”.

Ad agosto, l’OMS ha annunciato che non avrebbe visitato l’Istituto di virologia di Wuhan durante le sue indagini sulle origini del coronavirus, nonostante i ripetuti appelli degli esperti sul fatto che avrebbe dovuto essere esaminato.

Il corpo sanitario ha quindi fatto un’inversione di rotta e ha detto che dopo tutto avrebbe effettivamente visitato il laboratorio.

Tuttavia, l’indagine ANCORA non è stata avviata, a quasi un anno dall’inizio dell’epidemia.

L’OMS ha notoriamente ripetuto le affermazioni cinesi che il coronavirus non veniva trasmesso tra esseri umani fino a metà gennaio dello scorso anno, mentre la pandemia si diffondeva in tutto il mondo.

Fonte

gettyimages-1216989869-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’OMS cambia la definizione di “Immunita` di gregge”

Afferma che l’immunità di gregge si sviluppa solo tramite la vaccinazione

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha cambiato la definizione di “immunità di gregge”, eliminando il consenso pre-COVID secondo cui potrebbe essere raggiunta consentendo a un virus di diffondersi attraverso una popolazione e insistendo sul fatto che l’immunità di gregge proviene esclusivamente dai vaccini.

Il cambiamento è avvenuto in una sezione del sito web dell’OMS intitolata “Malattia da coronavirus (COVID-19): sierologia, anticorpi e immunità”.

La definizione originale dell’OMS (archiviata qui) afferma che l’immunità di gregge “si verifica quando una popolazione è immune tramite la vaccinazione o l’immunità viene sviluppata attraverso un’infezione precedente. Ciò significa che anche le persone che non sono state infettate o per le quali un’infezione non ha innescato una risposta immunitaria, sono protette perché le persone intorno a loro che sono immuni possono agire come tamponi tra loro e una persona infetta “.

La versione aggiornata dell’OMS è ancora più estrema della precedente, insistendo sul fatto che l’immunità di gregge può essere raggiunta solo con programmi di vaccinazione di massa.

“‘Immunità di gregge’, nota anche come ‘immunità della popolazione’, è un concetto utilizzato per la vaccinazione, in cui una popolazione può essere protetta da un certo virus se viene raggiunta una soglia di persone vaccinate”, afferma il sito web dell’OMS, aggiungendo: “L’immunita` di gregge si ottiene proteggendo le persone da un virus, non esponendole ad esso. “

“L’immunità di gregge esiste quando un’alta percentuale della popolazione viene vaccinata”, afferma il sito web, omettendo completamente il significato originale di “immunità di gregge”, ovvero quando una popolazione diventa immune a un virus essendo esposta ad esso.

Modificando la definizione di “immunità di gregge”, l’OMS sta letteralmente riscrivendo centinaia di anni di comprensione scientifica su cosa significhi veramente il termine in un apparente tentativo di mettere a tacere qualsiasi argomento secondo cui l’immunità di gregge sarebbe stato un approccio migliore per combattere COVID -19 rispetto ai lockdown e al distanziamento sociale.

Fonte

231220who1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Scienziati di alto livello si chiedono se il Coronavirus ha avuto origine in laboratorio – sono preoccupati per la parzialita` dell’OMS nella sua indagine

Scienziati di alto livello e medici governativi negli Stati Uniti hanno suggerito che COVID-19 potrebbe aver avuto origine da attività umane, con uno che chiede se potrebbe essere stato deliberatamente progettato, secondo il Daily Mail.

Le e-mail sono state ottenute tramite il Freedom of Information Act (FOIA) e ci mostrano le comunicazioni tra l’epidemiologo dell’Università della Carolina del Nord Ralph Baric, il cui team ha creato virus chimerici in collaborazione con il Wuhan Institute of Virology. Baric ha ammesso che i virus possono essere prodotti senza alcun segno di manipolazione.

L’epidemiologo si è unito alle discussioni tra un gruppo di esperti del governo e delle università riuniti da un funzionario del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti dopo le segnalazioni di uno strano nuovo virus respiratorio che ha ucciso persone a Wuhan.

Alla corrispondenza era stata assegnata l’etichettascherzosa di Alba Rossa (Red Dawn). Il 10 febbraio – il giorno in cui un funzionario ha scritto che la Cina aveva smesso di includere i suoi casi asintomatici nei dati, facendo così sembrare al mondo che il suo focolaio stesse rallentando – si è unito a loro Mark Keim, ex consigliere della Casa Bianca sulla prevenzione dei disastri.

Ha offerto al gruppo – che comprendeva l’ufficiale medico senior dell’Countering Weapons of Mass Destruction Office – un elenco di nove punti di “ipotesi situazionali” che iniziavano affermando chiaramente: “Il nuovo virus potrebbe essere antropogenico piuttosto che zoonotico.” –Daily Mail

“Sappiamo che esistono patogeni sia antropogenici che zoonotici”, ha detto Keim al Mail, aggiungendo che mentre la maggior parte delle epidemie sono di natura zoonotica (origine animale), gli scienziati dovrebbero eliminare solo teorie – come l’ipotesi di laboratorio – basate su prove certe. “Dobbiamo stare attenti a fare supposizioni che non hanno prove”, ha aggiunto.

In un’e-mail del 5 marzo, un altro partecipante “ha suggerito che questo virus sia progettato”, riferendosi a COVID-19, a cui Baric – che ha manipolato i virus con gli scienziati di Wuhan – ha risposto con fermezza, dicendo “Non ci sono assolutamente prove che questo virus sia bioingegnerizzato . “

Nel frattempo, gli scienziati del National Academics of Sciences, Engineering and Medicine hanno modificato una bozza di un rapporto della Casa Bianca per escludere una nota a piè di pagina che dice “questo non preclude un rilascio involontario da un laboratorio che studia l’evoluzione dei coronavirus”.

“Se inizi a valutare le prove, c’è molto da considerare in entrambi gli scenari”, afferma l’esperto di virus Trevor Bedford, che ha detto la scorsa settimana che “non possiamo dire con certezza se la pandemia nella popolazione umana sia avvenuta tramite zoonosi o fuga dal laboratorio”.

“Considero ancora la zoonosi come lo scenario più probabile, ma continuo a vederlo come non definitivo”, ha aggiunto.

Nel frattempo, gli scienziati dell’Istituto di virologia di Wuhan hanno dovuto divulgare dettagli sui campioni di coronavirus di pipistrello in loro possesso, che hanno ammesso essere collegati alla morte nel 2012 di tre minatori per una malattia respiratoria simile. Shi Zhengli, un rinomato virologo di Wuhan che ha lavorato a stretto contatto con Baric ed è noto come Batwoman per le sue spedizioni per raccogliere campioni nelle grotte, ha dovuto fare chiarimenti su un articolo della rivista Nature scritto con due colleghi del laboratorio di massima sicurezza dopo alcune incongruenze.

Questo documento, inviato il giorno in cui la Cina ha ammesso tardivamente la trasmissione umana, ha rivelato l’esistenza di un virus chiamato RaTG13 che è il parente più vicino noto a Sars-Cov-2, con oltre il 96% di somiglianza genetica. È stato campionato da un pipistrello e conservato nel loro laboratorio.

Altri esperti si sono chiesti perché non fossero state condivise maggiori informazioni su questo ceppo. In seguito è emerso che il nome era stato cambiato da un altro virus identificato in un documento del 2016, ma, insolitamente, non sono stati citati e oscurati i collegamenti ai minatori morti. –Daily Mail

David Relman, un esperto emergente di malattie infettive presso la Stanford University, ha dichiarato: “Se Sars-Cov-2 è fuggito da un laboratorio per causare la pandemia, diventerà fondamentale comprendere la catena di eventi e impedire che ciò accada di nuovo”, aggiungendo che è plausibile credere che la sequenza genetica dell’OS SARS-CoV-2 possa essere stata “recuperata da un campione di pipistrello e un virus resuscitato da un genoma sintetico per studiarlo prima che quel virus sfuggisse accidentalmente”.

Preoccupazioni per l’OMS e la copertura di Lancet

Mentre i migliori scienziati hanno espresso preoccupazione per le potenziali origini artificiali, altri sono preoccupati che una missione approvata da Pechino in cui l’OMS e Lancet hanno investigato – entrambi includono Peter Daszak – capo di Eco-Health Alliance, che ha creato artificiosamente una dichiarazione in The Lancet in cui 27 scienziati hanno denunciato le “teorie del complotto che suggeriscono che COVID-19 non ha un’origine naturale”.

In particolare, EcoHealth Alliance ha ricevuto milioni di dollari di finanziamenti dai contribuenti statunitensi per manipolare geneticamente i coronavirus con scienziati dell’Istituto di virologia di Wuhan.

L’OMS ha consentito alla Cina di controllare gli scienziati che prendono parte all’indagine, nominando anche nel suo team di dieci persone il capo dell’ente di beneficenza britannico Peter Daszak il cui finanziamento per la ricerca sui virus dei pipistrelli in un laboratorio di alta sicurezza di Wuhan è stato bloccato per motivi di sicurezza.

Daszak, presidente di Eco-Health Alliance, ha guidato gli sforzi che hanno respinto le preoccupazioni sull’origine di laboratorio come una teoria del complotto “senza fondamento”. Inoltre, per gettare benzina sul fuoco, lui è a capo di una task force sulle origini della pandemia per la rivista medica The Lancet. –Daily Mail

Leggi il resto del rapporto qui.

Fonte

zhengli-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’obbligo di indossare la mascherina funziona? Una nuova analisi suggerisce di no

L’obbligo di indossare maschere funziona? Come abbiamo notato più volte negli ultimi mesi, si stanno accumulando prove a sfavore di questa ipotesi.

Secondo l’analisi dell’esperto di dati Justin Hart, che ha seguito i dati COVID-19 per mesi, ha dimostrato in un thread Twitter, domenica, che gli stati con l’obbligo di indossare la maschera avevano un numero maggiore di casi COVID per 100.000 persone rispetto agli stati senza tale mandato.

E mentre c’erano alcune obiezioni all’analisi di Hart, sul fatto che ci potesse essere un pregiudizio verso il test per i portatori di maschere o differenze regionali nella densità di popolazione, molte delle risposte al thread di Hart supportano le sue scoperte:

E una ipotesi:

Forse il CDC, l’OMS, il dottor Fauci e il Surgeon General avevano ragione a febbraio quando hanno detto che le maschere non funzionano? D’altra parte, sono così utili per altre cose …

Fonte

download-66_0_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’Oms finalmente ammette che i test PCR producono falsi positivi

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un promemoria il 14 dicembre, avvertendo che il numero elevato di cicli nei test PCR portera` inevitabilmente alla produzione di falsi positivi.

Queste informazioni sono accurate e disponibili da mesi, dobbiamo quindi chiederci: perché lo stanno segnalando ora? È per far sembrare che il vaccino funzioni?

I test Sars-Cov-2 si basano sulla reazione a catena della polimerasi (PCR). La PCR funziona prendendo i nucleotidi – minuscoli frammenti di DNA o RNA – replicandoli finché non diventano qualcosa di abbastanza grande da poter essere identificato. La replicazione viene eseguita in cicli, con ogni ciclo che raddoppia la quantità di materiale genetico. Il numero di cicli necessari per produrre qualcosa di identificabile è noto come “soglia del ciclo” o “valore CT”. Più alto è il valore CT, meno è probabile che tu rilevi qualcosa di significativo.

Questo nuovo promemoria dell’OMS afferma che l’utilizzo di un valore CT elevato per testare la presenza di Sars-Cov-2 comporterà risultati falsi positivi.

Per citare le loro stesse parole:

Chi utilizza il test PCR deve leggere attentamente le istruzioni per l’uso per determinare se è necessaria una regolazione manuale della soglia di positività del test per tenere conto di qualsiasi “interferenza” che possa portare a un campione con un risultato del valore di soglia del ciclo alto (Ct) interpretato come positivo.

Continuano a spiegare:

Il principio su cui e` progettato il test PCR significa che per i pazienti con alti livelli di virus circolante (carica virale), saranno necessari relativamente pochi cicli per rilevare il virus e quindi il valore Ct sarà basso. Al contrario, quando i campioni restituiscono un valore Ct elevato, significa che sono stati necessari molti cicli per rilevare il virus. In alcune circostanze, la distinzione tra interferenza e presenza effettiva del virus bersaglio è difficile da accertare.

Naturalmente, niente di tutto ciò è una novità per chi ha prestato attenzione. Il fatto che i test PCR fossero facilmente manipolabili e potenzialmente altamente inaccurati è stata una delle grida di battaglia spesso ripetuta da quelli di noi che si oppongono alla narrativa “pandemica” e alle politiche che vengono utilizzate per vendercela.

Molti articoli sono stati scritti su questo argomento, da molti esperti del settore, giornalisti medici e altri ricercatori. È ormai noto da mesi che qualsiasi test che utilizzi un valore CT superiore a 35 è potenzialmente privo di significato.

Il dottor Kary Mullis, che ha vinto il Premio Nobel per aver inventato il processo PCR, è stata chiara sul fatto che non era inteso come strumento diagnostico, dicendo:

con il test PCR puoi trovare quasi tutto in chiunque. “

E, commentando le soglie del ciclo, una volta ha detto:

Se devi eseguire più di 40 cicli per amplificare un gene a copia singola, c’è qualcosa di seriamente sbagliato nel tuo test PCR “.

Le linee guida MIQE per l’uso del PCR affermano:

Valori di Cq superiori a 40 sono sospetti a causa della bassa efficienza implicita e generalmente non dovrebbero essere segnalati “,

Tutto questo è stato di dominio pubblico dall’inizio dei lockdown. Lo stesso sito web del governo australiano ha ammesso che i test erano imperfetti e un tribunale portoghese ha stabilito che non erano adatti allo scopo.

Anche il dottor Anthony Fauci ha ammesso pubblicamente che una soglia del ciclo superiore a 35 rileverà “nucleotidi morti”, non un virus vivente.

Nonostante tutto, è noto che molti laboratori in tutto il mondo hanno utilizzato test PCR con valori CT superiori a 35, anche fino a 40.

Allora perché l’OMS ha finalmente deciso di dire che è sbagliato? Che motivo avrebbero potuto avere per scegliere finalmente di riconoscere questa semplice realtà?

La risposta a questa domanda è potenzialmente sorprendentemente cinica: ora abbiamo un vaccino. Non abbiamo più bisogno di falsi positivi.

A livello teorico, il sistema ha prodotto la sua cura miracolosa.

Quindi, dopo che tutti sono stati vaccinati, tutti i test PCR verranno eseguiti “secondo le nuove linee guida dell’OMS”, e verranno eseguiti solo 25-30 cicli invece di 35+.

Ed ecco, il numero di “casi positivi” precipiterà e avremo la conferma che il nostro vaccino miracoloso funziona.

Dopo mesi passati a inondare il pool di dati con falsi positivi, a contare le morti “per caso”, aggiungendo “morte correlata a Covid19” a ogni altro certificato di morte … possono smetterla. La macchina utilizzata per creare la pandemia puo` essere spenta.

… fintanto che facciamo tutti quello che ci viene detto. Qualsiasi segno di dissenso – ad esempio masse di persone che rifiutano il vaccino – e il valore CT ricominciera` a salire.

Fonte

dfnbkpyz6d6wowjenbcysn-1-2000x900-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

E-mail rivelano sforzi sistematici per costruire artificialmente la teoria delle “origini naturali” del Coronavirus

Le nuove e-mail ottenute offrono scorci su come si è sviluppata “l’incotrastabile” narrativa sulle origini naturali del coronavirus SARS-CoV-2. Le discussioni interne e una prima bozza di una lettera di scienziati mostrano esperti che discutono di lacune nella conoscenza e domande senza risposta sull’origine del laboratorio, anche se alcuni cercavano di reprimere le “marginali” teorie sulla possibilità che il virus provenisse da un laboratorio.

Scienziati influenti e molti organi di stampa hanno descritto le prove sul fatto che il virus abbia avuto origine nella fauna selvatica come “schiaccianti”. Tuttavia, un anno dopo i primi casi segnalati di SARS-CoV-2 nella città cinese di Wuhan, poco si sa di come o di dove abbia avuto origine il virus. Comprendere le origini della SARS-CoV-2, che causa la malattia COVID-19, può essere cruciale per prevenire la prossima pandemia.

Le e-mail del professor Ralph Baric, esperto di coronavirus, ottenute tramite una richiesta di documenti pubblici da parte degli Stati Uniti, mostrano le conversazioni tra i rappresentanti della National Academy of Sciences (NAS) e gli esperti in biosicurezza e malattie infettive delle università statunitensi e della EcoHealth Alliance.

Il 3 febbraio, l’Office of Science and Technology Policy (OSTP) della Casa Bianca ha chiesto alle Accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina (NASEM) di “convocare una riunione di esperti … per valutare quali dati, informazioni e campioni sono necessari per affrontare il problema. al fine di comprendere le origini evolutive del 2019-nCoV e rispondere in modo più efficace sia all’epidemia che a qualsiasi disinformazione risultante “.

Baric e altri esperti in malattie infettive sono stati coinvolti nella stesura della risposta. Le e-mail mostrano le discussioni interne degli esperti e una prima bozza datata 4 febbraio.

La bozza iniziale descriveva “le opinioni iniziali degli esperti” sul fatto che “i dati genomici disponibili sono coerenti con l’evoluzione naturale e che attualmente non ci sono prove che il virus sia stato progettato per diffondersi più rapidamente tra gli esseri umani”. Questa bozza poneva una domanda, tra parentesi:

“[Chiedere agli esperti di aggiungere specifiche per i siti di legame?]” Includeva anche una nota a piè di pagina tra parentesi: “[possibilmente aggiungere una breve spiegazione che ciò non preclude un rilascio involontario da un laboratorio che studia l’evoluzione dei coronavirus].”

In un’e-mail, datata 4 febbraio, l’esperto di malattie infettive Trevor Bedford ha commentato:

“Non menzionerei i siti di legami qui. Se inizi a valutare le prove, c’è molto da considerare per entrambi gli scenari “.

Con “entrambi gli scenari”, Bedford sembra riferirsi a scenari di origine di laboratorio e di origine naturale.

La questione dei siti di legame è importante per il dibattito sulle origini di SARS-CoV-2. Distintivi siti di legame sulla proteina spike di SARS-CoV-2 conferiscono un legame “quasi ottimale” e l’ingresso del virus nelle cellule umane e rendono SARS-CoV-2 più contagioso di SARS-CoV. Gli scienziati hanno affermato che i siti di legame unici della SARS-CoV-2 potrebbero aver avuto origine naturale o come una deliberata ricombinazione di laboratorio di un antenato naturale della SARS-CoV-2 non ancora rivelato.

La lettera finale pubblicata il 6 febbraio non menzionava i siti di legame o la possibilità di un’origine di laboratorio. Rende chiaro che sono necessarie maggiori informazioni per determinare le origini di SARS-CoV-2. La lettera afferma,

“Gli esperti ci hanno informato che per determinare l’origine e l’evoluzione del virus sono necessari ulteriori dati sulla sequenza genomica da campioni virali geograficamente e temporalmente diversi. I campioni raccolti all’inizio della epidemia di Wuhan e quelli della fauna selvatica sarebbero particolarmente preziosi “.

Le e-mail mostrano alcuni esperti che discutono della necessità di un linguaggio chiaro per contrastare quelle che vengono descritte come “teorie stravaganti” sull’origine di laboratorio. Kristian Andersen, autore principale di un influente articolo di Nature Medicine che afferma un’origine naturale di SARS-CoV-2, ha dichiarato:

La bozza iniziale era “eccezionale, ma mi chiedo se dobbiamo essere più fermi sulla questione dell’artificialita` del virus”.

Continua,

“Se uno degli scopi principali di questo documento è contrastare quelle teorie marginali, penso che sia molto importante che lo facciamo con forza e con un linguaggio semplice …”

Nella sua risposta, Baric mirava a trasmettere una base scientifica per l’origine naturale della SARS-CoV-2.

“Penso che sia necessario dire che il parente più vicino a questo virus (96%) è stato identificato da pipistrelli che circolano in una grotta nello Yunnan, in Cina. Questo va a sostenere fortemente l’origine animale del virus “.

La lettera finale dei presidenti NASEM non prende posizione sull’origine del virus. Afferma che “sono già in corso studi di ricerca per comprendere meglio l’origine del 2019-nCoV e come si relaziona ai virus trovati nei pipistrelli e in altre specie. Il parente più vicino noto del 2019-nCoV sembra essere un coronavirus identificato da campioni derivati ​​da pipistrelli raccolti in Cina “. La lettera faceva riferimento a due studi condotti da EcoHealth Alliance e Wuhan Institute of Virology. Entrambi ipotizzano un’origine naturale per SARS-CoV-2.

Poche settimane dopo, la lettera dei presidenti della NASEM è apparsa come fonte autorevole per una dichiarazione di scienziati influenti pubblicata su The Lancet che trasmetteva molte più certezze sulle origini della SARS-CoV-2. L’USRTK aveva precedentemente riferito che il presidente dell’Alleanza EcoHealth Peter Daszak aveva redatto quella dichiarazione, in cui si affermava che “scienziati di più paesi … concludono in modo schiacciante che questo coronavirus abbia avuto origine nella fauna selvatica”. Questa posizione, osserva la dichiarazione, è “ulteriormente supportata da una lettera dei presidenti delle Accademie nazionali di scienza, ingegneria e medicina degli Stati Uniti “.

Le successive nomine di Peter Daszak e altri alleati dell’Alleanza EcoHealth alla Commissione COVID19 di The Lancet e Daszak alle indagini dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulle origini della SARS-CoV-2 significano che la credibilità di questi sforzi è minata da conflitti di interesse che hanno già pre-giudicato la questione in esame.


“Problemi che dovremmo probabilmente evitare”

Le e-mail di Baric mostrano anche un rappresentante del NAS che suggerisce agli scienziati statunitensi che dovrebbero “probabilmente evitare” domande sull’origine di SARS-CoV-2 negli incontri bilaterali che stavano pianificando con esperti cinesi di COVID-19. Le e-mail di maggio e giugno 2020 hanno discusso i piani per gli incontri. Gli scienziati americani partecipanti, molti dei quali sono membri del NAS Standing Committee sulle malattie infettive emergenti e le minacce per la salute del 21 ° secolo, includevano Ralph Baric, Peter Daszak, David Franz, James Le Duc, Stanley Perlman, David Relman, Linda Saif e Peiyong Shi.

Gli scienziati cinesi partecipanti includevano George Gao, Zhengli Shi e Zhiming Yuan. George Gao è il direttore del China CDC. Zhengli Shi guida la ricerca sul coronavirus presso il Wuhan Institute of Virology e Zhiming Yuan è direttore del WIV.

In un’e-mail ai partecipanti americani su una sessione di pianificazione, il funzionario senior del programma NAS Benjamin Rusek ha descritto lo scopo dell’incontro: “per fornirti informazioni sul background della discussione, discutere gli argomenti / domande (elenco nella lettera di invito e allegato) e dei problemi che probabilmente dovremmo evitare (domande sull’origine, politica) … “

Fonte

download-2020-12-15t060728.793

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Perche` l’OMS ha nascosto questo pericoloso rapporto sulla risposta dell’Italia al Covid?

Secondo quanto riferito, un funzionario dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha rimosso un importante studio sulla risposta precoce dell’Italia alla pandemia di coronavirus. Ranieri Guerra, il funzionario italiano dell’OMS che ha rimosso lo studio, in precedenza è stato direttore generale per la salute preventiva presso il ministero della salute italiano dal 2014-17.

Il rapporto – estremamente critico nei confronti della risposta casuale e precoce dell’Italia alla pandemia – avrebbe dovuto essere un modello per i governi non ancora colpiti dal coronavirus. Il Kuwait ha finanziato il rapporto, scritto dallo scienziato dell’OMS Francesco Zambon e 10 colleghi in tutta Europa. The Guardian:

Chiamato “Una sfida senza precedenti: La prima risposta dell’Italia a Covid-19, il documento è stato pubblicato sul sito web dell’OMS il 13 maggio prima di essere rimosso il giorno successivo, come riportato per la prima volta dal Guardian ad agosto.

Il rapporto di 102 pagine afferma che il piano pandemico italiano non veniva aggiornato dal 2006 e che, a causa della mancanza di preparazione, la risposta iniziale degli ospedali è stata “improvvisata, caotica e creativa”.

Ci è voluto tempo prima che una guida formale diventasse disponibile, aggiungeva il rapporto.

Guerra era direttamente responsabile dell’aggiornamento del piano pandemico italiano del 2006, il che potrebbe spiegare perché non voleva uno studio che mettesse in evidenza quel fatto pubblicamente.

Il piano obsoleto è un elemento cruciale nelle indagini preliminari svolte dalla Procura di Bergamo – la provincia lombarda più colpita durante la prima ondata di pandemia – per possibile negligenza penale da parte delle autorità. Domenica i decessi correlati a Covid in Italia hanno superato i 60.000, il bilancio più alto dell’Europa continentale.

Quel numero è sicuramente molto più alto poiché l’Italia ha finito i letti d’ospedale all’inizio della pandemia e le persone morivano a migliaia nelle loro case.

L’Oms si rifiuta di permettere a Zambon di testimoniare alle udienze di Bergamo. Apparentemente, l’organizzazione preferirebbe seppellire la notizia.

Zambon, che ha il suo ufficio dell’OMS a Venezia, è stato convocato tre volte per parlare con i pubblici ministeri ma gli è stato impedito di farlo dall’OMS, la quale ha insistito che lui e gli altri 10 ricercatori coinvolti nella produzione del rapporto dovrebbero avere l’immunità e quindi non essere costretti a testimoniare. Solo Guerra è stato ascoltato dai pubblici ministeri all’inizio di novembre ma i contenuti dell’udienza non sono stati divulgati.

Dopo la prima convocazione di Zambon e degli altri ricercatori, l’OMS ha affermato che i procuratori regionali dovevano seguire i canali diplomatici facendo la loro richiesta tramite il ministero degli Esteri italiano.

E Joe Biden vorrebbe ricongiungersi a questa banda di burocrati criminali?

I rapporti tra Zambon, autore del rapporto, e Guerra, i cui fallimenti potrebbero aver ucciso migliaia di persone, si sono fatti pesanti. Guerra apparentemente minacciò di licenziare Zambon a meno che non avesse alterato il rapporto per rimuovere le critiche al piano obsoleto, la critica che fa sembrare Guerra criminalmente negligente. Zambon riferì diligentemente le minacce ai suoi superiori ma l’OMS non aprì un’indagine interna.

L’OMS si rifiuta di spiegare perché il rapporto è stato rimosso, affermando solo che “conteneva imprecisioni e incongruenze”.

Sì, ci scommetto!

Guerra è colpevole di negligenza?

“Il rapporto non ha criticato il governo italiano ma ha evidenziato le criticità affrontate nella gestione della pandemia, a partire dalla premessa del vecchio piano pandemico, che è stato solo ‘riconfermato’ e non aggiornato nel 2017”, ha detto Zambon. “Il team ha controllato a fondo questo aspetto e ha scoperto che tutti i piani successivi al 2006 erano stati semplicemente copiati e incollati, senza che una parola o una virgola fosse cambiata nel testo.”

E ci viene chiesto di riporre la nostra fiducia nei burocrati della sanità pubblica? Io passo.


Il rapporto completo può essere letto qui …

https://it.scribd.com/document/487915953/Italy-Responds-To-COVID-19#from_embed

Fonte

2020-12-12_11-34-45

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Quello che nessuno dice sui lockdown

Se stai sostenendo le politiche di lockdown, sei complice nel fare a pezzi le famiglie. Sei complice nell’infliggere indicibili sofferenze a milioni di persone in tutto il mondo. Sei complice nel gettare i più poveri e vulnerabili delle nostre società in una povertà ancora più stridente. Sei complice di un omicidio.

Nel 2006, una studentessa quindicenne di Albuquerque, New Mexico, ha vinto il terzo posto alla fiera della scienza e dell’ingegneria per il suo progetto sul rallentamento della diffusione di un agente patogeno infettivo durante un’emergenza pandemica. Utilizzando una simulazione al computer che ha sviluppato con l’aiuto di suo padre, ha sostenuto che per rallentare la diffusione della malattia, i governi dovrebbero implementare la chiusura delle scuole, tenere i bambini a casa e imporre il distanziamento sociale.

Incredibilmente, quel terzo progetto della fiera della scienza delle scuole superiori può essere collegato direttamente alle politiche di lockdown attualmente implementate dai governi di tutto il mondo. Vedi, quel padre con cui ha sviluppato la sua simulazione al computer non era un papà mediocre, ma un ricercatore senior presso i Sandia National Laboratories che a quel tempo stava lavorando a piani di risposta alle emergenze pandemiche per il Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti. La sua proposta di attuare la chiusura delle scuole e, se necessario, la chiusura dei luoghi di lavoro in caso di emergenza pandemica è stata sviluppata almeno in parte in risposta al progetto del liceo di sua figlia.

Ora quelli che sostengono i lockdown hanno visto la distruzione e la morte che quelle politiche hanno portato quest’anno. Non solo le persone vengono private dei loro mezzi di sussistenza e costrette a una povertà estrema come risultato diretto di questi lockdown, la verità innegabile, tuttavia, è che se stai sostenendo i lockdown, stai sostenendo la morte di una parte della popolazione .

Questo non è più discutibile. È persino ammesso apertamente, anche se con mesi di ritardo dall’Organizzazione mondiale della sanità.

DAVID NABARRO: Voglio ripeterlo: noi dell’Organizzazione mondiale della sanità non sosteniamo i lockdown come mezzo principale di controllo di questo virus. [. . .] Potremmo raddoppiare la povertà mondiale all’inizio del prossimo anno. Potremmo avere almeno un raddoppio della malnutrizione infantile perché i bambini non ricevono i pasti a scuola e i loro genitori e le famiglie povere non possono permetterselo.

Questa è una terribile, orribile catastrofe globale, in realtà. E quindi ci appelliamo davvero a tutti i leader mondiali: smettetela di utilizzare i lockdown come metodo di controllo principale. Sviluppate sistemi migliori per farlo. Lavorate insieme e imparate gli uni dagli altri. Ma ricordate, i lockdown hanno solo una conseguenza che non dovete mai, mai sminuire, e cioè rendono i poveri molto più poveri.-The Week in 60 Minutes #6

Questo è il punto in cui, senza dubbio, dovrò produrre i dati per sostenere l’osservazione non controversa che i lockdown uccidono, anche se quei dati non faranno proprio nulla per penetrare nella coscienza di coloro che hanno scelto di sostenere il fatto di rinchiudere miliardi di persone nelle proprie case. Ma persevererò e lo farò.

Indico, ad esempio, la lettera firmata da centinaia di medici che definiscono i lockodown un “incidente di massa” ed esortano i politici a porre fine a tali chiusure.

Indicherò la ricerca che mostra che migliaia di persone moriranno a causa dei ritardi nei trattamenti chirurgici contro il cancro a causa delle interruzioni mediche.

Indicherò la ricerca del Well-Being Trust la quale prevede che 75.000 americani moriranno di depressione, abuso di alcool e droghe, solo quest’anno, a causa dei lockdown.

Indicherò la ricerca di The Lancet che mostra che 265 milioni di persone avranno da affrontare una grave mancanza dal punto di vista alimentare a causa di questi lockdown.

Indicherò anche la ricerca che mostra che 125.000 bambini moriranno di malnutrizione a causa di questi blocchi.

Ma, come ho detto, nessuna di queste morti avrà importanza per coloro che hanno già deciso di essere giusti e virtuosi sostenendo che vaste fasce della popolazione umana, se ne stiano rinchiuse a casa, morendo di fame nell’idea di rallentare la diffusione di un malattia che anche gli epidemiologi che quest’anno si sono sbagliati su tutto ciò che ci hanno detto, ucciderà meno dell’uno per cento dei contagiati.

Sì, si tratta di rallentare la diffusione, non fermarla. Non si e` mai trattato di fermare una pandemia. Anche i sostenitori del lockdown non l’hanno mai affermato. Ma in qualche modo questo è stato dimenticato e i “15 giorni per appiattire la curva” si sono trasformati in carta bianca per attuare misure draconiane su persone inermi. Non solo hanno rinchiuso le persone all’interno delle proprie case, ma le sorvegliano costantemente attraverso le app di localizzazione e monitoraggio dei contatti che vengono sempre più implementate in tutto il mondo.

Questo non è accettabile.

Non possiamo permettere che tutto cio` continui.

Se ce ne freghiamo di questo diritto basilare, ovvero il diritto di mettere piede fuori dalle nostre case, ce ne freghiamo della nostra stessa umanita`. Una parte importante di ciò che ci rende umani ci viene strappata nel nome di fermare la diffusione di COVID-19.

Ma ci sono buone notizie per coloro che sono riusciti a mantenere la loro sanità mentale nel tempo della follia. Non abbiamo bisogno di un piano complicato per sovvertire questa agenda. Non abbiamo bisogno di deleghe speciali o di chiedere il permesso al governo. Non abbiamo bisogno di aderire a nessun particolare partito politico o a un particolare movimento di protesta.

Tutto quello che dobbiamo fare è disobbedire a questi “ordini” illegali.

CASSIE ZERVOS: I persistenti manifestanti anti-lockdown hanno detto che non dimenticheranno le rigide misure di Melbourne per i 112 giorni mentre si avvicinavano al Parlamento. Portavano cartelli che dicevano “Non fidarti del governo” e gridavano alla polizia di unirsi a loro nella manifestazione.

FONTE:  Melbourne anti-COVID lockdown protest turns ugly outside Parliament House

IMPRENDITORE: Ho perso amici che si sono suicidati. Ho visto i clienti morire perché hanno perso il loro sostentamento.

ISPETTORE SANITARIO: Mi dispiace sentirlo.

IMPRENDITORE: So che lo sei — Ti sto chiedendo di avere solo un po ‘ di compassione.

FONTE: Buffalo, New York Business Owners Stand Up to Cuomo Lockdown Orders

ASHLEY DRIEMEYER: Potete arrestarci tutti? Perché, da quello che sto sentendo, in quest’area stiamo tutti insieme e stiamo andando contro il nostro governatore.

FONTE: Illinois restaurant owner will defy new state restrictions

[LA FOLLA SBATTE PENTOLE DURANTE LA PROTESTA]

FONTE: Protests in Denmark – Epidemic law and mandatory vaccines – EPIDEMILOV

IMPRENDITORE: Fuori! Esci! Esci! Esci! Esci!

FONTE: Buffalo, New York Business Owners Stand Up to Cuomo Lockdown Orders

Se sei riuscito a mantenere la tua sanità mentale durante questo periodo di follia diffusa, ti applaudo e desidero assicurarti che non sei solo. Molte, molte persone in tutto il mondo stanno sfidando l’autorita`. Stanno protestando contro questi lockdown.

Ma ovviamente la stampa controllata non vuole che tu sappia che la disobbedienza è un’opzione sul tavolo e non riferirà su questo.

Apri la tua attività. Lascia la tua casa. Non chiedere il permesso. Disobbedisci.

A coloro che stanno ancora sostenendo i lockdown, ti incoraggio a farlo di fronte a quei genitori che hanno perso i loro figli adolescenti a causa del suicidio come conseguenza diretta delle chiusure. Oppure fallo di fronte alle decine di migliaia di altre persone che hanno già perso i propri cari come risultato diretto di queste interruzioni o alle centinaia di migliaia di altre persone che moriranno fintanto che queste serrate dureranno.

Se stai sostenendo i lockdown, sei complice nel fare a pezzi le famiglie. Sei complice nell’infliggere indicibili sofferenze a milioni di persone in tutto il mondo. Sei complice nel gettare i più poveri e vulnerabili delle nostre società in una povertà ancora più stridente. Sei complice di un omicidio.

In questo momento sei di fronte ad una decisione. Da che parte della storia stai? Prendi la tua decisione ora e prendila con saggezza, perché le tue azioni durante questi periodi non saranno dimenticate.

Sei stato avvertito.

Fonte

gettyimages-1229362669-1320x880-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €