Archivi Blog

Il laboratorio biologico di Wuhan ha fatto una ricerca sul guadagno di funzione per potenziare il virus del Vaiolo delle scimmie

Ci risiamo…

Secondo un rapporto che cita la rivista peer review Virologica Sinica, il biolaboratorio di Wuhan, che è stato al centro della controversia sulla ricerca sul guadagno di funzione nei coronavirus, ha condotto lo stesso tipo di ricerca utilizzando il vaiolo delle scimmie, per renderlo più letale per l’uomo. pubblicando i risultati a febbraio.

Il National Pulse riporta:

Il Wuhan Institute of Virology ha assemblato un genoma del virus del vaiolo delle scimmie, consentendo di identificare il virus attraverso test PCR, utilizzando un metodo segnalato dai ricercatori per la potenziale creazione di un “agente patogeno contagioso”.

Il rapporto continua:

Lo studio è stato pubblicato per la prima volta nel febbraio 2022, pochi mesi prima dell’ultimo focolaio internazionale di casi di vaiolo delle scimmie che sembra aver raggiunto gli Stati Uniti.

I ricercatori sono riusciti ad identificare una porzione del genoma del virus del vaiolo delle scimmie, consentendo ai test PCR di identificare il virus, nel documento: “L’assemblaggio efficiente di un grande frammento del genoma del virus del vaiolo delle scimmie come modello qPCR che utilizza la ricombinazione associata alla trasformazione basata sulla doppia selezione”.

Il documento riconosceva che questa ricombinazione associata alla trasformazione (TAR) “applicata nella ricerca virologica potrebbe anche sollevare potenziali problemi di sicurezza, soprattutto quando il prodotto assemblato contiene una serie completa di materiale genetico che può essere recuperato in un patogeno contagioso”.

Il documento completo può essere letto di seguito:

Le rivelazioni fanno seguito ai suggerimenti di una fonte all’interno dei Centri europei per il controllo delle malattie secondo cui l’attuale ceppo di vaiolo delle scimmie che si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo sembra essere “un terzo ceppo di laboratorio con caratteristiche sconosciute collegato in qualche modo correlato alle accuse mosse da Mosca contro le attività biologiche statunitensi in Ucraina”.

Queste informazioni, insieme a molti altri rapporti che indicano che le esercitazioni e gli scenari di “gioco di guerra” dell’OMS e della Gates Foundation che coinvolgono il vaiolo delle scimmie serviranno ancora una volta ad alimentare i timori che l’epidemia possa aver avuto origine da un laboratorio biologico.

Proprio quando è emersa la notizia del primo caso di vaiolo delle scimmie riscontrato negli Stati Uniti, l’amministrazione Biden ha ordinato 13 milioni di dosi di un vaccino che protegge sia dal vaiolo delle scimmie che dal vaiolo.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte che i festival estivi e i raduni di massa potrebbero accelerare la diffusione del vaiolo delle scimmie nella prima indicazione che i tecnocrati sanitari potrebbero ancora una volta tentare di imporre restrizioni in nome dell’arresto della diffusione di un virus.

“Mentre entriamo nella stagione estiva nella regione europea, con raduni di massa, feste e celebrazioni, temo che la trasmissione possa accelerare, poiché i casi attualmente rilevati sono tra quelli che praticano attività sessuale e i sintomi non sono familiari a molti, ” ha affermato il dott. Hans Kluge, direttore regionale dell’OMS per l’Europa.

Questo fine settimana, il Belgio è diventato il primo paese a iniziare a imporre misure di quarantena per il virus, poiché Joe Biden ha anche affermato che gli sviluppi erano “preoccupanti”.

Sky News ha riferito che “Esattamente ciò che sta guidando il più grande focolaio del Regno Unito è un mistero”, soprattutto perché gli esperti di salute hanno affermato in precedenza che il vaiolo delle scimmie non era molto trasmissibile tra gli esseri umani, con alcuni che ipotizzano che sia mutato.

Il virus si sta diffondendo anche mentre l’OMS si prepara a votare un trattato internazionale sulla pandemia e gli emendamenti al Regolamento Sanitario Internazionale (2005).

Secondo i critici, il trattato “darebbe all’OMS non eletta un maggiore controllo sulle decisioni sanitarie di emergenza nazionali e nuovi poteri per spingere i passaporti vaccinali, la sorveglianza globale e “azioni coordinate globali” che affrontano la “disinformazione” ogni volta che dichiara una “emergenza sanitaria.”

Fonte

gettyimages-1210149334-768x432-1-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il Trattato Internazionale dell’OMS

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la cui costituzione definisce la salute come “uno stato di benessere fisico, mentale e sociale, non semplicemente l’assenza di malattie o infermità”, ha recentemente orchestrato notevoli capovolgimenti in materia di diritti umani, riduzione della povertà, istruzione, e indici di salute fisica, mentale e sociale in nome della risposta alla pandemia di Covid-19.
L’OMS propone di espandere i meccanismi che hanno consentito questa risposta, dirottando risorse senza precedenti per affrontare quelli che in termini di storia e malattia sono eventi rari e di impatto relativamente basso. Ciò avvantaggerà notevolmente coloro che hanno ottenuto buoni risultati dall’epidemia di Covid-19, ma ha implicazioni diverse per il resto di noi. Per affrontarlo con calma e razionalmente, dobbiamo capirlo.

COSTRUIRE UNA NUOVA INDUSTRIA PANDEMICA
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e i suoi Stati membri, in concerto con altre istituzioni internazionali, stanno proponendo e attualmente negoziando due strumenti per affrontare le pandemie e gestire ampiamente gli aspetti della salute pubblica globale. Entrambi amplieranno in modo significativo la burocrazia internazionale che è cresciuta negli ultimi dieci anni per prepararsi a rispondere alle pandemie, con particolare enfasi sullo sviluppo e sull’uso dei vaccini.

Questa burocrazia risponderebbe all’OMS, un’organizzazione che a sua volta funziona sempre più, attraverso finanziamenti e influenza politica, da privati, corporazioni e grandi Stati autoritari.

Queste regole e strutture proposte, se adottate, cambierebbero radicalmente la salute pubblica internazionale, spostando il baricentro dalle comuni malattie endemiche a focolai relativamente rari di nuovi agenti patogeni e costruendo attorno ad essa un’industria che potenzialmente si autoperpetuerà.

Nel processo, aumenterà il coinvolgimento esterno nelle aree del processo decisionale che nella maggior parte delle democrazie costituzionali sono di competenza dei governi eletti responsabili nei confronti della loro popolazione.

L’OMS non definisce chiaramente i termini “pandemia” ed “emergenza sanitaria pubblica” che questi nuovi accordi, destinati ad avere potere ai sensi del diritto internazionale, cercano di affrontare. L’attuazione dipenderà dall’opinione delle persone: il Direttore Generale (DG) dell’OMS, i direttori regionali e un comitato consultivo che possono scegliere di seguire o ignorare.

Poiché una “pandemia” nel gergo dell’OMS non include un requisito di gravità ma semplicemente un’ampia diffusione – una proprietà comune ai virus respiratori – questo lascia molto spazio al DG per proclamare le emergenze e mettere in moto “soluzioni” simili alle risposte pandemiche che abbiamo visto sperimentate negli ultimi 2 anni.

Risposte che non hanno precedenti nella rimozione dei diritti umani fondamentali in tempo di pace e che l’OMS, l’Unicef ​​e altre agenzie delle Nazioni Unite (ONU) hanno riconosciuto causare danni diffusi.

Questo, potenzialmente, avvantaggerà Big Pharma e i suoi investitori che hanno guadagnato cosi’ bene negli ultimi due anni, concentrando la ricchezza privata aumentando l’indebitamento nazionale e invertendo i precedenti progressi sulla riduzione della povertà.

PROPOSTE DI EMENDAMENTI AL REGOLAMENTO SANITARIO INTERNAZIONALE (RSI).
Gli emendamenti all’RSI, proposti dagli Stati Uniti, si basano sull’esistente RSI introdotto nel 2005 e sono vincolanti ai sensi del diritto internazionale. Sebbene molti non siano a conoscenza della loro esistenza, l’IHR consente già al DG dell’OMS di dichiarare le emergenze di salute pubblica di interesse internazionale, e quindi raccomandare misure per isolare i paesi e limitare la circolazione delle persone. I progetti di modifica includono proposte per:

Istituire un “comitato di emergenza” per valutare le minacce per la salute e le epidemie e raccomandare risposte.
Istituire un “meccanismo di revisione nazionale” per valutare la conformità dei paesi alle varie raccomandazioni/requisiti dell’OMS in merito alla preparazione alla pandemia, comprese le misure di sorveglianza e segnalazione. Questo sembra essere modellato sul meccanismo di revisione del paese delle Nazioni Unite sui diritti umani. Ai paesi verrebbero quindi imposti requisiti da soddisfare per renderli conformi laddove i loro programmi interni siano considerati inadeguati, su richiesta di un altro Stato.
Espandere il potere della DG dell’OMS di dichiarare pandemie ed emergenze sanitarie, e quindi raccomandare la chiusura delle frontiere, l’interruzione e la rimozione dei diritti di viaggio, “lockdown” e inviare squadre di personale dell’OMS nei paesi per indagare sui focolai, indipendentemente dai risultati del comitato di emergenza e senza il consenso del paese in cui l’istanza è registrata.
Ridurre il consueto periodo di revisione dei paesi per discutere internamente e rinunciare a tali meccanismi a soli 6 mesi (anziché 18 mesi secondo l’IHR originale), quindi implementarli dopo un periodo di preavviso di 6 mesi.
Dare maggiore poteri ai Direttori Regionali, 6 in totale, per dichiarare “emergenze sanitarie pubbliche” regionali, indipendentemente dalle decisioni del DG.

Questi emendamenti saranno discussi e votati all’Assemblea mondiale della sanità dal 22 al 28 maggio 2022. Per diventare legge richiedono la semplice maggioranza dei paesi presenti, coerentemente con l’articolo 60 della costituzione dell’OMS. Per chiarezza, questo significa che paesi come Niue, con 1.300 persone, hanno lo stesso peso in sala elettorale dell’India, con 1,3 miliardi di persone. I paesi dovranno quindi segnalare l’intenzione di rinunciare ai nuovi emendamenti entro 6 mesi.

Una volta approvate dall’OMS, queste misure diventeranno legalmente vincolanti. Ci saranno forti pressioni sui governi affinché rispettino i dettami del DG dell’OMS e dei burocrati non eletti che compongono l’organizzazione, nonchè queli degli attori esterni che sono influenti nei processi decisionali dell’OMS.

TRATTATO PROPOSTO DALL’OMS
L’OMS propone un nuovo “strumento” per consentirle di gestire le pandemie, in forza di una convenzione di diritto internazionale. Questo è stato formalmente discusso all’interno dell’OMS dall’inizio del 2021 e una sessione speciale dell’OMS nel novembre 2021 ha raccomandato di avviare un processo di revisione, con una bozza da presentare alla riunione dell’Assemblea mondiale della sanità nel secondo trimestre del 2023.

Questo trattato proposto darebbe all’OMS i poteri di:

Indagare sulle epidemie all’interno dei paesi,
Raccomandare o addirittura richiedere la chiusura delle frontiere,
Potenzialmente raccomandare restrizioni di viaggio per le persone,
Imporre misure raccomandate dall’OMS che, sulla base dell’esperienza di Covid-19, possono includere “lockdown”, lavoro da casa o chisura dei posti di lavoro, regole sulla normale vita familiare e viaggi interni, mascherine e vaccinazioni obbligatorie,
Coinvolgere attori non statali (ad esempio, società private) nella raccolta di dati e nella modellazione predittiva per influenzare e guidare le risposte alla pandemia;
Imporre la censura attraverso il controllo o le restrizioni sulle informazioni che l’OMS considera “disinformazione” o “misinformazione”, che possono includere critiche alle misure imposte dall’OMS.

In particolare, prevede la creazione di una grande entità all’interno dell’OMS per supportare il personale permanente il cui scopo è intraprendere e far rispettare le misure di cui sopra. Sembra molto simile all’entità “GERM” proposta di recente da Bill Gates, un ricco sviluppatore di software statunitense con importanti investimenti farmaceutici, che è il secondo più grande finanziatore dell’OMS e uno dei tanti “miliardari” che hanno notevolmente aumentato la loro ricchezza durante la risposta al Covid-19.

Il trattato proposto darebbe la priorità alle strutture verticali e agli approcci farmaceutici alle pandemie, riflettendo gli approcci di Gavi e CEPI, due organizzazioni create nell’ultimo decennio in parallelo con l’OMS. Creerebbe un’altra struttura burocratica sulle pandemie, che non risponderebbe direttamente ai cittadini, ma che imporrebbe ulteriori requisiti di supporto, rendicontazione e conformità.

PROCESSO, ACCETTAZIONE E ATTUAZIONE
Questi due meccanismi per aumentare il controllo diretto dell’OMS sulle pandemie hanno un forte sostegno da parte dei finanziatori dell’OMS del settore privato e da molti governi nazionali, a cominciare dai governi occidentali che hanno adottato misure draconiane contro il Covid. Per entrare in pratica devono essere adottati dall’OMS e poi approvati, o ratificati, dai governi nazionali.

Gli emendamenti proposti in materia di RSI modificano un meccanismo esistente. Anche una maggioranza semplice degli Stati presenti all’OMS che vota contro di loro nella riunione di maggio 2022 potrebbe bloccarli, ma ciò sembra improbabile. Per impedirne l’applicazione, un numero sufficiente di singoli paesi dovrà segnalare la non accettazione o riserve dopo il prossimo avviso di adozione dell’OMS e del DG dell’OMS, prima della fine di novembre 2022.

Per quanto riguarda il trattato proposto, per la sua adozione sarà necessaria una maggioranza di due terzi all’OMS nel 2023, dopodiché sarà soggetto a ratifica nazionale con processi che variano a seconda delle norme e delle costituzioni nazionali.

Sarà necessario un finanziamento per il grande aumento della burocrazia proposto per sostenere entrambi i meccanismi, che potrebbe essere parzialmente distolto da altre aree patologiche, ma quasi certamente richiederà nuovi finanziamenti regolari. Parallelamente sono già in discussione altri meccanismi, con la Banca mondiale proposta come sede per la gestione e la preparazione delle pandemie e il G20 che sta valutando il proprio meccanismo.

Non è chiaro se questi sarebbero legati al trattato proposto dall’OMS e ai meccanismi IHR o presentati come un approccio “rivale”. La task force del G20 della Banca Mondiale e dell’OMS suggerisce che è necessario un budget annuale aggiuntivo di 10,5 miliardi di dollari per la preparazione alle pandemie. Con tale potenziale finanziamento offerto e la promessa di costruire potenti istituzioni attorno a questo programma di preparazione alla pandemia, ci sarà molto entusiasmo e slancio, non ultimo da parte del personale istituzionale e della comunità sanitaria globale in generale, che percepirà un impiego redditizio e concederà opportunità.

Anche se i Paesi si rifiutassero di finanzialo, probabilmente non sarebbe sufficiente a bloccarlo, poiché vi è un notevole interesse privato e aziendale nel trattato e nelle relative proposte.

Sebbene le pandemie siano storicamente rare, l’esistenza di una vasta burocrazia che decide quali piani attuare, unita ai chiari vantaggi realizzati da influenti finanziatori dell’OMS, renderà la dichiarazione di emergenze e l’imposizione di restrizioni sui diritti umani molto più facile di prima.

Gli Stati indipendenti non sono tuttavia direttamente soggetti all’OMS e l’adozione di questi emendamenti e trattati non consentirà automaticamente all’OMS di inviare squadre oltre confine. I trattati devono essere ratificati secondo i processi e le costituzioni nazionali. Se accettata dall’OMS, sarà tuttavia difficile per i singoli Stati evitare di conformarsi a meno che non siano particolarmente influenti sull’OMS stessa.

Anche le agenzie finanziarie internazionali, come il FMI e la Banca mondiale, possono esercitare una notevole pressione sugli Stati inadempienti, legando potenzialmente i prestiti all’attuazione e all’acquisto di materie prime, come ha fatto la Banca mondiale per la risposta al COVID-19.

Gli emendamenti all’RSI consentono inoltre di adottare misure come l’interruzione dei viaggi internazionali che possono essere economicamente molto dannosi per i piccoli Stati, indipendentemente dallo Stato che fornisce il permesso. Gli Stati potenti che hanno una forte influenza sull’elezione del DG possono anche in pratica essere soggetti a diversi livelli di interventi rispetto a quelli più piccoli.

Sembrano esserci almeno due scenari per impedire l’adozione dei due nuovi meccanismi.

In primo luogo, le popolazioni negli Stati donatori democratici, che hanno più da perdere in termini di autonomia, sovranità e diritti umani e le cui tasse finanzieranno prevalentemente queste istituzioni, possono stimolare un dibattito aperto che porti alla decisione dei governi nazionali di respingere il trattato presso l’OMS, e/o rifiutarsi in altro modo di ratificare.

In secondo luogo, grandi blocchi di paesi potrebbero rifiutarsi di ratificare o successivamente conformarsi, rendendo impraticabile il trattato e gli emendamenti all’RSI. Quest’ultimo è ipotizzabile se, ad esempio, le nazioni africane percepiscono tutto questo come una forma di neocolonialismo da combattere in nome dell’indipendenza.

ALCUNI CENNI SUL RISCHIO PANDEMICO E L’OMS.
Qual è il rischio di pandemie?

L’OMS ha registrato 5 pandemie negli ultimi 120 anni:

L’influenza spagnola (1918-1919), uccise 20-509 milioni di persone. La maggior parte è morta a causa di un’infezione batterica secondaria, poiché ciò avveniva prima della disponibilità di qualsiasi antibiotico moderno.
Le epidemie di influenza del 1957-58 che uccisero circa 1,1 milioni di persone ciascuna
L’epidemia di influenza del 1968-69 che uccise anche circa 1,1 milioni
L’influenza suina nel 2009-10 ha ucciso da 120.000 a 230.000 persone circa.
Infine, l’OMS registra che COVID-19 (2020-22) ha contribuito alla morte di diversi milioni, ma la maggior parte in età avanzata con altre gravi comorbidità, quindi le cifre effettive sono difficili da valutare.

Le pandemie sono state quindi rare, una per generazione. Per il contesto, il cancro uccide molte più persone ogni anno nei paesi occidentali rispetto al Covid-19 al suo apice, la tubercolosi uccide 1,6 milioni di persone ogni anno e la malaria uccide oltre mezzo milione di bambini all’anno.

Tuttavia, poiché le pandemie sono definite in modo molto vago dall’OMS, non è irragionevole presumere che una vasta burocrazia dipendente dalle pandemie per giustificare la propria esistenza e fortemente investita nella sorveglianza di nuovi ceppi di virus, troverà motivo di dichiarare molte più pandemie in il futuro.

RISPOSTA PANDEMICA
COVID-19 è la prima pandemia in cui i lockdown di massa, la chiusura delle frontiere, la chiusura dei luoghi di lavoro e la chiusura prolungata delle scuole, sono stati utilizzati su larga scala. Vale la pena ricordare che il 1969 è ricordato per il festival musicale di Woodstock più che per l'”influenza di Hong Kong”, una pandemia che ha colpito i giovani più del Covid-19. I diritti umani e la salute economica non hanno subito cali in nessuno di questi eventi precedenti.

Questi nuovi approcci utilizzati nella risposta al Covid-19 hanno provocato un’ampia interruzione delle linee di approvvigionamento e dell’accesso all’assistenza sanitaria, aumento dei matrimoni precoci/schiavitù delle donne, perdita di massa dell’istruzione dei bambini e aumento dell’attuale disuguaglianza finanziaria e educativa (quindi futura) disuguaglianza. Molti paesi a basso reddito hanno aumentato il debito e hanno subito una recessione, il che ridurrà l’aspettativa di vita futura, mentre sono aumentate le morti infantili, comprese quelle dovute a malattie come la malaria.

COS’E’ L’OMS E CHI LO POSSIEDE O LO GESTISCE?
L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) è stata istituita alla fine degli anni ’40 per coordinare gli standard sanitari e la condivisione dei dati a livello internazionale, compreso il supporto per la risposta alle pandemie. È la principale agenzia sanitaria dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU). Fornisce un certo supporto per le persone a basso reddito e ai sistemi sanitari nazionali dove mancano le competenze tecniche locali.

Ha uffici nazionali nella maggior parte dei paesi, 6 uffici regionali e un ufficio globale a Ginevra. È un’organizzazione gerarchica, con a capo il Direttore Generale (DG). Ha poche migliaia di dipendenti (a seconda della definizione) e un budget di circa 3,5 miliardi di dollari all’anno.

L’OMS è controllata in teoria dai paesi membri (la maggior parte dei membri delle Nazioni Unite e un paio di altri), in base al voto, attraverso l’Assemblea mondiale della sanità, che di solito si riunisce ogni anno. Ad esempio, l’India, con 1,3 miliardi di persone, ha lo stesso potere in sala elettorale di Nuie, con 1.300 persone. L’OMS elegge il DG attraverso un voto quadriennale che è spesso pesantemente accompagnato da pressioni da parte dei principali paesi.

I finanziamenti dell’OMS erano originariamente quasi tutti derivati ​​dai paesi membri, che hanno contribuito al budget “core”. L’OMS deciderà quindi le priorità di spesa. Negli ultimi 2 decenni, c’è stato un cambiamento significativo nei finanziamenti:

Un rapido aumento dei finanziamenti da privati e aziende. Alcuni sono diretti, altri indiretti attraverso organizzazioni sanitarie internazionali parallele (Gavi, Cepi) che sono fortemente finanziate da privati. Il secondo maggior contributore al bilancio dell’OMS è ora una coppia privata negli Stati Uniti fortemente investita nel settore farmaceutico internazionale e nei servizi di software/digitalizzazione.
Il budget è passato da un finanziamento principalmente di base a un finanziamento principalmente “diretto”, in cui il finanziatore specifica l’area in cui il finanziamento può essere utilizzato e, talvolta, le attività effettive da intraprendere. L’OMS diventa quindi un canale per i loro fondi per intraprendere le attività previste. Entrambi i finanziatori privati ​​del paese utilizzano ampiamente questo approccio diretto.
L’OMS mantiene quindi il controllo globale di un’assemblea di paesi, ma le priorità quotidiane sono sempre più orientate dai singoli paesi e dagli interessi privati. Le precedenti regole forti sul conflitto di interessi per quanto riguarda il coinvolgimento del settore privato sono ora meno evidenti all’esterno, con l’OMS che lavora a stretto contatto con entità del settore privato e aziendale.

DOCUMENTI DI RIFERIMENTO:

Fonte

shutterstock_1445623637-800x469-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Su quali basi Pfizer ha rivendicato una efficacia del 95%?

Sepolto nel documento informativo della FDA per la riunione del Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC) del 10 dicembre 2020, per il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, ci sono dati allarmanti e una questione preoccupante che dovrebbe essere affrontata.

In primo luogo, vale la pena sottolineare che Pfizer ha utilizzato un “laboratorio centrale” (vedi pagina 13 del documento) di sua scelta, per confermare i casi di COVID-19 utilizzando un test PCR. ‘Se, in qualsiasi momento, un partecipante sviluppava una malattia respiratoria acuta, sarebbe stato visitato. Le valutazioni per queste visite includono un tampone nasale (turbinato intermedio), che viene testato in un laboratorio centrale utilizzando un test di reazione a catena della polimerasi della trascrizione inversa (RT-PCR).’

In precedenza ho scritto un rapporto investigativo approfondito sul test PCR. Il valore della soglia del ciclo (CT) utilizzato influisce notevolmente sull’esito di un test.

Secondo uno studio di Jaafar et al., gli autori hanno scoperto che quando si eseguono test PCR con 35 cicli o più, l’accuratezza scende al 3%, il che significa che fino al 97% dei risultati positivi potrebbe essere falso positivo.

Non ci sono informazioni sul valore CT utilizzato in questo “laboratorio centrale”.

Dato ciò che sappiamo, lo studio clinico cardine di Pfizer è stato di fatto, non in cieco: le loro linee guida sono chiaramente indicate all’interno del proprio protocollo di studio e per potenziali casi di COVID-19, il personale del sito di sperimentazione è stato immediatamente non era assolutamente in cieco. Ciò significa che il personale dello studio sapeva se un particolare partecipante sintomatico aveva il placebo o il vaccino.

Il tasso di efficacia del vaccino ampiamente pubblicizzato da Pfizer del 95% è emerso dai risultati dei test PCR generati da questo laboratorio centrale. Il fatto che l’esperimento non sia stato condotto in cieco degli studi clinici porta a un forte bias e a una grave perdita di integrità dei dati, quindi potenzialmente i valori CT avrebbero potuto essere aumentati per i partecipanti non vaccinati (placebo) che si sospettava avessero COVID-19, portando a risultati positivi Covid quasi garantiti. Per coloro che avevano il vaccino, il valore CT utilizzato avrebbe potuto essere molto inferiore, rendendo più probabile un risultato negativo.

A pagina 24 del documento, i risultati che mostrano il 95% di VE (efficacia del vaccino) per il vaccino sono riportati di seguito.

Il 95% VE (efficacia del vaccino) deriva dagli 8 casi confermati di Covid del gruppo vaccinato (da almeno 7 giorni dopo la Dose 2) rispetto ai 162 del gruppo placebo. Questi due dati sono essenzialmente ciò su cui la Pfizer si è basata per dimostrare che il loro vaccino è stato un successo.

Questi sono i dati su cui la FDA e altri organismi di regolamentazione in tutto il mondo hanno fatto affidamento per concedere l’EUA (Emergency Use Authorisation) per il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 e per la produzione di miliardi di dosi da spedire in tutto il mondo con alcuni paesi come l’Italia che hanno applicato controverse e draconiche manovre per far vaccinare la popolazione.

Una sezione chiave sepolta all’interno di questo documento, che allude forse al vero VE (efficacia del vaccino) in quel momento, sono i seguenti dati (trovati a pagina 42)

Queste erano persone che mostravano sintomi reali. Se calcoli il VE (efficacia del vaccino) da questi numeri, è un bassissimo 12%. L’efficacia del vaccino è calcolata dividendo la differenza tra il numero di casi nel gruppo placebo e in quello dei vaccinati, per il numero di casi nel gruppo placebo x 100 = VE (Efficacia del vaccino) 12 %

Questa è una notevolissima differenza rispetto al 95% di VE generato da test PCR facilmente manipolabili, condotti in un laboratorio centrale scelto da Pfizer. La cosa ancora più allarmante è che questi dati erano conosciuti quasi un anno e mezzo fa dalla stessa FDA.

Fonte

shutterstock_1891905688-800x469-2

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il Daily Mail rilascia le e-mail di Hunter Biden che lo collegano al laboratorio biologico, Metabiota, in Ucraina

Le e-mail dal famigerato laptop di Hunter Biden rivelano che il figlio del presidente degli Stati Uniti ha contribuito a garantire milioni di dollari ad un appaltatore del Dipartimento della Difesa, Metabiota, specializzato nella ricerca di malattie che causano pandemie che potrebbero essere utilizzate come armi biologiche, secondo il Daily Mail.

L’affermazione di Mosca secondo cui Hunter Biden ha contribuito a finanziare un programma di ricerca militare statunitense sulle “armi biologiche” in Ucraina è almeno in parte vera, secondo le nuove e-mail ottenute esclusivamente da DailyMail.com.

Il comandante delle forze di protezione nucleare, biologica e chimica russo, ha affermato che esisteva uno “schema di interazione tra le agenzie governative statunitensi e i laboratori biologici ucraini” e ha sottolineato il “finanziamento di tali attività da parte di strutture vicine all’attuale leadership statunitense, in particolare il fondo di investimento Rosemont Seneca, guidato da Hunter Biden.’ -Daily Mail

Hunter sembra anche aver presentato Metabiota a Burisma per un “progetto scientifico”, che apparentemente coinvolge laboratori di biosicurezza in Ucraina.

A prima vista, Metabiota sembra essere una semplice società di dati medici – tuttavia un’e-mail del 2014 dal suo vicepresidente a Hunter descriveva come potevano “affermare l’indipendenza culturale ed economica dell’Ucraina dalla Russia” – uno strano obiettivo per un’azienda biotecnologica all’epoca in cui il padre di Hunter è stato l’uomo di punta degli Stati Uniti per la “ricostruzione” dell’Ucraina che ha coinvolto l’amministrazione Obama.

Le e-mail e i dati sui contratti di difesa esaminati da DailyMail.com suggeriscono che Hunter ha avuto un ruolo di primo piano nell’assicurarsi che Metabiota fosse in grado di condurre la sua ricerca sui patogeni a poche centinaia di miglia dal confine con la Russia.

Il progetto si è trasformato in una responsabilità di sicurezza nazionale per l’Ucraina quando le forze russe hanno invaso il paese il mese scorso. -Daily Mail

Scavando più a fondo, scopriamo che Metabiota stava lavorando sotto Black & Veatch, un appaltatore della difesa statunitense legato all’intelligence statunitense, che ha costruito i laboratori ucraini che analizzavano armi biologiche e malattie mortali.

All’inizio di questo mese funzionari statunitensi hanno avvertito il Congresso che “le forze russe potrebbero cercare di ottenere il controllo” di queste “strutture di ricerca biologica”, suscitando timori che agenti patogeni mortali e persino ingegnerizzati possano cadere nelle mani dei russi.

Hunter e i suoi colleghi della sua società di investimento Rosemont Seneca Technology Partners (RSTP) raccoglievano regolarmente milioni di dollari per le aziende tecnologiche, sperando che le aziende decollassero e creassero fortune.

Metabiota era una di quelle aziende. Le e-mail tra Hunter e i suoi colleghi discutono con entusiasmo di come il monitoraggio dei dati medici da parte dell’azienda potrebbe diventare uno strumento essenziale per i governi e le aziende che cercano di individuare focolai di malattie infettive. -Daily Mail

Hunter e i suoi amici hanno investito $ 500.000 in Metabiota tramite Rosemont Seneca Technology Partners e hanno raccolto diversi milioni attraverso varie società di investimento, tra cui Goldman Sachs.

In Ucraina, il giovane Biden è stato più intimamente coinvolto nelle operazioni di Metabiota, di cui si è vantato con gli investitori. Hunter e il suo partner Eric Schwerin hanno persino discusso di ospitare Metabiota nel loro ufficio, rivelano le e-mail di aprile 2014.

Nello stesso mese, Mary Guttieri, vicepresidente di Metabiota, scrisse a Hunter su come l’azienda potesse “affermare l’indipendenza culturale ed economica dell’Ucraina dalla Russia”.

Leggi il resto qui

Fonte

1648292748962

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I dati ufficiali della sanità pubblica in Inghilterra affermano che i tassi di infezione da COVID sono più alti tra i Vaccinati rispetto che tra i Non Vaccinati

Demolito ogni motivo per adottare il Green Pass.

The Spectator ha pubblicato un articolo citando i dati ufficiali di Public Health England, in cui si afferma che per gli over 30 “i tassi di infezione da Covid per 100.000 persone sono ora più alti tra i vaccinati rispetto ai non vaccinati”.

Bene, questo è imbarazzante.

L’articolo, scritto da Lionel Shriver, è intitolato “Il teatro assurdo dei passaporti vaccinali”.

Sottolinea che, secondo i dati ufficiali, i vaccini offrono solo circa il 17% di protezione per gli ultracinquantenni.

“Come ho osservato allora, ciò significherebbe che i soggetti vaccinati e non vaccinati rappresenterebbero un pericolo l’uno per l’altro”, scrive Shriver. “Tutti gli schemi di apartheid Covid sono quindi inutili”.

Quindi spiega chiaramente come i dati ufficiali minaccino l’intera argomentazione dietro il Green Pass, che vieta ai non vaccinati di entrare in innumerevoli luoghi.

“Informazioni più recenti hanno rafforzato questa conclusione dell’estate. In ogni fascia di età sopra i 30 anni nel Regno Unito, i tassi di infezione da Covid per 100.000 persone sono ora più alti tra i vaccinati rispetto che tra i non vaccinati. Infatti, nei gruppi di età compresa tra 40 e 79 anni, i tassi di infezione tra i vaccinati sono più del doppio rispetto ai non vaccinati. L’ente, chiarisce freneticamente che i dati “non dovrebbero essere usati per stimare l’efficacia del vaccino”, un avvertimento che includo per motivi di accuratezza. Ma le differenze nei tassi di infezione sono abbastanza drastiche da permetterti di trarre le tue conclusioni”.

Shriver riassume quindi come quei dati demoliscano la ragione per l’implementazione del Green Pass.

“Il sistema promuove l’impressione sbagliata – statisticamente, parla attraverso menzogne – ovvero che la marmaglia non vaccinata esiliata rappresenti una minaccia di contagio molto più grave dei commensali nel vicino banchetto che, come te, si sono giustamente fatti il vaccino. In verità, il passeggero dell’aereo seduto sul posto 24A, il quale si e’ fatto la doppia vaccinazione, può essere un compagno di posto altrettanto rischioso quanto quelli banditi poiche’ non hanno il Green Pass.

Nel frattempo, il Times riporta i risultati di un altro studio che “ha scoperto che i vaccinati hanno la stessa probabilità di trasmettere Covid-19 come le persone non vaccinate”.

Dopo che Public Health England ha pubblicato i dati, i burocrati del governo hanno iniziato a farsi prendere dal panico in quanto le persone gli avrebbero usati per suggerire che i vaccini non sono così efficaci.

Il direttore dell’Office for Statistics Regulation Ed Humpherson ha convocato un incontro urgente con l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito durante il quale si è preoccupato che i dati abbiano “il potenziale per fuorviare”.

“Abbiamo notato che questi dati sono stati utilizzati per sostenere che i vaccini sono inefficaci”, ha scritto successivamente Humpherson.

Non è strano come il governo e gli organismi di regolamentazione associati sembrino aver paura dei dati grezzi?

Se i vaccini sono efficaci come ci dicono, perché dovrebbero preoccuparsi?

Fonte

191121vaccine1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Un concerto solo per vaccinati diventa un focolaio COVID

I non vaccinati con test negativo non potevano entrare.

Un concerto in Germania alla quale era consentita la partecipazione solo alle persone completamente vaccinate o guarite, e’ all’origine di un focolaio di COVID-19 nella quale sono state infettate 24 persone.

Il concerto, che si è svolto a Freigericht (Main-Kinzig), si e’ basato sulla regola 2G, il che significava che solo le persone completamente vaccinate e quelle che possono dimostrare di essere guarite dal COVID potevano partecipare.

Ciò significava che le persone che potevano letteralmente dimostrare di non avere COVID-19 all’entrata mostrando un test negativo non potevano entrare.

L’agenzia di stampa tedesca Hessenschau riporta: “Sono state infettate più persone di quanto precedentemente noto: come annunciato dal distretto martedì pomeriggio, almeno 24 persone sono risultate positive. In precedenza, si presumeva che 18 partecipanti e ospiti fossero stati infettati, ma non era stato escluso che più persone fossero state infettate».

“L’evento si è svolto secondo le regole 2G. Ciò significa che sono stati ammessi solo coloro che erano stati vaccinati e quelli che erano guariti”, aggiunge il rapporto.

In altre parole, l’epidemia si è verificata durante un evento in cui la stragrande maggioranza dei partecipanti era completamente vaccinata.

Oltre a questo e nonostante la Germania attualmente stia avendo un numero di casi record di COVID, “scienziati, medici e politici” chiedono che vengano imposte le stesse regole 2G a livello nazionale, piuttosto che quelle 3G che consentono un test negativo.

Ciò significa che le persone vaccinate che possono ancora diffondere il virus saranno libere di continuare la propria vita, mentre le persone non vaccinate che possono dimostrare di non avere il COVID e quindi non possono diffonderlo saranno bandite dalla società.

Ha perfettamente senso!

Fonte

101121concert1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’Istituto Superiore di Sanità riduce drasticamente il numero ufficiale di morti per COVID

L’Istituto Superiore di Sanità italiano ha drasticamente ridotto il numero ufficiale delle vittime di COVID del paese di oltre il 97 percento, contando quelli che sono morti DI Covid.

Il quotidiano italiano Il Tempo riporta che l’Istituto ha rivisto al ribasso il numero di persone decedute da COVID portandole da 130.000 a meno di 4.000.

“Sì, avete letto bene. Risulta che il 97,1% dei decessi finora attribuiti al Covid non era dovuto direttamente al Covid”, scrive Toby Young.

Dei 130.468 decessi registrati come decessi ufficiali per COVID dall’inizio della pandemia, solo 3.783 sono direttamente attribuibili al solo virus.

“Tutti gli altri italiani che hanno perso la vita avevano da una a cinque malattie preesistenti. Di quelli di età superiore ai 67 anni che sono morti, il 7% aveva più di tre comorbilità e il 18% almeno due”, scrive Young.

“Secondo l’Istituto, il 65,8% degli italiani deceduti dopo essere stato contagiato dal Covid era malato di ipertensione arteriosa (pressione alta), il 23,5% aveva demenza, il 29,3% aveva diabete e il 24,8% fibrillazione atriale. Aggiungete a ciò, il 17,4% aveva avuto problemi ai polmoni, il 16,3% ha avuto il cancro negli ultimi cinque anni e il 15,7% ha sofferto precedentemente di insufficienza cardiaca”.

La nuova definizione dell’Istituto di morte per COVID significa che COVID ha ucciso meno persone in Italia rispetto alla media dell’influenza stagionale.

Se un cambiamento simile fosse apportato da altri governi nazionali, il bilancio ufficiale delle vittime di COVID sarebbe ridotto di un margine superiore al 90%.

Non aspettarti che molti altri seguano l’esempio, dato che i governi hanno investito così tanto della loro autorità nel pubblicizzare la minaccia rappresentata dal virus.

Ad esempio, gli psicologi comportamentali nel Regno Unito hanno lavorato con lo stato per “esagerare” deliberatamente la minaccia di COVID tramite metodi di propaganda “non etici” e “totalitari” al fine di terrorizzare il pubblico e costringerlo a conformarsi di massa.

E ha funzionato.

Un sondaggio condotto dopo il primo lockdown ha rilevato che il britannico medio pensava che 100 volte più persone fossero morte di COVID rispetto al bilancio ufficiale delle vittime.

Ora arriviamo a capire che la cifra ufficiale dei morti “da COVID” e non “con COVID” è inferiore a un decimo di quello che viene ufficialmente riportato come numero totale di morti COVID.

Nonostante il cambiamento, l’Italia potrebbe ancora prendere la decisione di rendere obbligatorio il vaccino contro il COVID-19, anche se non è stato specificato come verrà imposto tale schema.

Fonte

041121italy1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Antidepressivo economico riduce i ricoveri per COVID-19 di oltre il 30%

Secondo uno studio pubblicato su The Lancet Global Health, è stato scoperto che un farmaco antidepressivo poco costoso riduce di oltre il 30% il rischio di ospedalizzazione negli adulti ad alto rischio recentemente diagnosticati con COVID-19.

Lo studio, intitolato “Effect of early treatment with fluvoxamine on risk of emergency care and hospitalisation among patients with COVID-19: the TOGETHER randomised, platform clinical trial”, è stato pubblicato il 27 ottobre.

La fluvoxamina è un farmaco approvato dalla FDA che appartiene a un gruppo di farmaci noti come inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI).

Funziona aumentando l’attività della serotonina, un ormone chiave che stabilizza l’umore e le sensazioni di benessere di un individuo, nel cervello ed è tipicamente usato per trattare il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e la depressione, secondo il National Institutes of Health (NIH).

Si pensa anche che il farmaco abbia la capacità di ridurre l’infiammazione, sebbene siano necessari ulteriori studi per determinarlo.

I ricercatori brasiliani hanno analizzato 1.497 adulti brasiliani sintomatici ad alto rischio confermati positivi per SARS-CoV-2, inclusi pazienti di 11 centri clinici in tutto il paese con un noto fattore di rischio per la progressione verso la malattia grave.

Dei quasi 1.500 pazienti, a 741 pazienti sono stati prescritti 100 mg di fluvoxamina due volte al giorno per 10 giorni e a 756 è stato somministrato un placebo.

Di quei partecipanti a cui è stato somministrato il farmaco, 79 (11 percento) hanno dovuto essere ricoverati in ospedale per cure mediche rispetto a 119 (16 percento) nel gruppo placebo.

I ricercatori hanno affermato che la loro analisi ha mostrato che il farmaco riduce complessivamente il rischio di ospedalizzazione del 32%. Solo un paziente è morto durante l’assunzione di fluvoxamina, rispetto ai 12 che sono morti durante il placebo.

Un corso di 10 giorni di fluvoxamina costa circa $ 4, hanno detto i ricercatori.

“Il trattamento con fluvoxamina (100 mg due volte al giorno per 10 giorni) tra i pazienti ambulatoriali ad alto rischio con diagnosi precoce di COVID-19 ha ridotto la necessità di ricovero in ospedale definito come permanenza in un contesto di emergenza COVID-19 o trasferimento in un ospedale terziario”, hanno scritto i ricercatori.

Lo studio ha rilevato che 84 partecipanti hanno interrotto l’assunzione di fluvoxamina e 64 partecipanti hanno interrotto l’assunzione del placebo a causa di problemi di tollerabilità. La fluvoxamina può avere effetti collaterali che includono nausea, diarrea, indigestione, insonnia e sonnolenza.

“Data la sicurezza, la tollerabilità, la facilità d’uso, il basso costo e la disponibilità diffusa della fluvoxamina, questi risultati potrebbero influenzare le linee guida nazionali e internazionali sulla gestione clinica di COVID-19”, hanno scritto i ricercatori.

“La fluvoxamina è ampiamente disponibile ma non è nell’elenco dei medicinali essenziali dell’OMS, mentre un SSRI strettamente correlato, la fluoxetina, è nell’elenco. Ora è fondamentale stabilire se esiste un effetto di classe e se questi farmaci possono essere usati in modo intercambiabile per COVID-19”, hanno aggiunto i ricercatori.

I ricercatori hanno anche notato che lo studio si è concentrato principalmente su pazienti non vaccinati e che sono necessari ulteriori studi per stabilire gli effetti del farmaco tra le popolazioni vaccinate.

I ricercatori hanno condiviso i loro risultati con NIH, che pubblica linee guida per il trattamento, e sperano in una raccomandazione dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), secondo quanto riportato da US News & World Report.

Fonte

gettyimages-3123228-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

NIH/EcoHealth: Una enorme operazione di cover-up sulla ricerca del guadagno di funzione

La domanda sul fatto che il NIH abbia finanziato la rischiosa ricerca sul guadagno di funzione a Wuhan, in Cina, ha ricevuto ufficialmente una “risposta” la scorsa settimana, dopo che l’agenzia ha affermato che uno dei suoi partner, l’EcoHealth Alliance, non ha riferito di aver creato “accidentalmente” un coronavirus chimerico che è stato in grado di infettare topi umanizzati.

In una lettera di mercoledì indirizzata al rappresentante James Comer (R-KY), il vicedirettore principale del NIH Lawrence A. Tabak ammette di aver finanziato un “esperimento limitato” per determinare se “le proteine ​​spike dei coronavirus di pipistrello presenti in natura che circolano in Cina fossero in grado di legarsi al recettore ACE2 umano utilizzando i topi”. Secondo la lettera, i topi umanizzati infettati dal virus modificato “si ammalarono piu` gravemente” di quelli esposti a una versione non modificata dello stesso coronavirus.

La lettera afferma che il CEO di EcoHealth Peter Daszak non ha riportato questa scoperta e ha dato a Daszak cinque giorni per presentare “tutti i dati non pubblicati dagli esperimenti e dal lavoro condotto nell’ambito della sovvenzione NIH.”

Se fosse vero, significherebbe che il dottor Anthony Fauci, che gestisce l’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive del NIH, non ha mentito quando ha detto al senatore Rand Paul a luglio quando ha negato che l’agenzia stesse conducendo ricerche sul guadagno di funzione.

Secondo Vanity Fair, tuttavia, EcoHealth ha riportato i loro risultati in modo tempestivo.

“Questi dati sono stati riportati non appena ne siamo stati informati, nel nostro rapporto quadriennale nell’aprile 2018”, ha affermato EcoHealth, con sede a New York, in una nota.

Se è così, Fauci o è incompetente, o mente.

E così – Vanity Fair una rivista di sinistra, ha ammesso che Rand Paul “potrebbe aver scoperto qualcosa di importante” quando ha accusato Fauci di aver mentito sulla ricerca del guadagno di funzione.

Inoltre, VF collega puntini che i principali media fanno finta di non vedere, vale a dire una proposta di sovvenzione leakkata che rivela che Daszak ha tentato di ottenere finanziamenti DARPA per “il tipo di ricerca che potrebbe aver accidentalmente portato alla pandemia”.

Mentre gli scienziati rimangono in una situazione di stallo sulle origini della pandemia, un’altra divulgazione il mese scorso ha chiarito che EcoHealth Alliance, in collaborazione con l’Istituto di virologia di Wuhan, mirava a fare il tipo di ricerca che avrebbe potuto accidentalmente portare alla pandemia. Il 20 settembre, un gruppo di investigatori di Internet che si fa chiamare DRASTIC (abbreviazione di Decentralized Radical Autonomous Search Team Investigating COVID-19) ha pubblicato una proposta di sovvenzione di 14 milioni di dollari trapelata che EcoHealth Alliance aveva presentato nel 2018 alla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA).

Ha proposto di collaborare con l’Istituto di virologia di Wuhan e di costruire coronavirus di pipistrello legati alla SARS in cui inserire “siti di scissione specifici per l’uomo” come un modo per “valutare il potenziale di crescita” dei patogeni. Forse non sorprende che la DARPA abbia respinto la proposta, ritenendo che non fosse in grado di affrontare completamente i rischi della ricerca sul guadagno di funzione. -Vanity Fair

Secondo l’articolo, i documenti trapelati “hanno attirato l’attenzione di un certo numero di scienziati e ricercatori per una ragione” – vale a dire che un segmento distintivo del codice genetico di SARS-CoV-2 è un “sito di scissione della furina” che rende il virus più infettivo per la sua capacità di entrare nelle cellule umane – esattamente la caratteristica che EcoHealth ha proposto di modificare nella proposta trapelata.

“Se avessi chiesto un finanziamento per dipingere Central Park di viola e mi fosse stato negato, ma un anno dopo, un bel giorno, mi fossi svegliato con Central Park dipinto di viola, sarei il primo sospettato”, ha detto Jamie Metzl, ex vicepresidente esecutivo del Asia Society, che fa parte del comitato consultivo dell’Organizzazione mondiale della sanità sull’editing del genoma umano e ha chiesto un’indagine trasparente sulle origini di COVID-19 (tramite Vanity Fair).

Come membro della coalizione DRASTIC, il data scientist neozelandese Gilles Demaneuf ha dichiarato a Vanity Fair: “Non posso essere sicuro che [COVID-19 abbia avuto origine da] un incidente. Ma sono sicuro al 100% che ci sia è stato un enorme operazione di cover up”.

Domenica, Fauci è apparso su ABC News con il fidato lanciatore di softball George Stephanopoulos, dove si è nascosto dietro la semantica, sostenendo che il contratto del NIH con Daszak aderisce a un “quadro” che non costituisce la ricerca sul guadagno di funzione.

Naturalmente, sappiamo anche che il NIH ha protetto una delle sovvenzioni di Daszak dalla revisione in base a tale quadro.

Nel frattempo, ci piacerebbe ancora sapere cosa è stato detto in quella chiamata tra Fauci e il direttore del NIH Francis Collins subito dopo che ZeroHedge ha riferito che i ricercatori indiani hanno trovato “inserzioni simili all’HIV” nel sito di scissione della furina di SARS-CoV-2 in uno studio che ora e` stato ritirato.

Fonte

fauci-hand1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Video bizzarro mostra bambini vestiti con “tute COVID” per incontrare i nonni

Bambini costretti a indossare mascherina, poncho e occhiali

Un bizzarro video pubblicato su TikTok mostra dei bambini che vengono costretti a vestirsi con “tute COVID” prima di poter incontrare i loro nonni.

I bambini vengono mostrati mentre indossano maschere facciali all’interno della propria casa, oltre a una sorta di poncho, guanti e occhialini da nuoto.

“In arrivo!” grida una donna che presumibilmente è la loro madre.

Quando i bambini escono di casa e vedono i nonni, la madre dice loro “copritevi il naso!”

“Abbiamo perso ogni cognizione”, ha commentato Elijah Schaffer.

Negli ultimi 20 mesi abbiamo assistito a un sacco di paranoia demente intorno al COVID, ma i genitori continuano a infliggere la loro isteria ai bambini, con conseguenze inevitabili a lungo termine.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, uno studio ha rilevato che i punteggi medi del QI dei bambini piccoli nati durante la pandemia sono crollati di ben 22 punti, mentre le prestazioni verbali, motorie e cognitive hanno tutte risentito del lockdown e dell’obbligo di indossare la maschera.

Dopo che un esperto di educazione ha affermato in un articolo che costringere gli scolari a indossare maschere per il viso stava causando un trauma psicologico, Forbes ha cancellato il pezzo poco dopo che ha iniziato a diventare virale.

I bambini sono anche costretti a cantare canzoni raccapriccianti a favore delle maschere a scuola da insegnanti maniaci del controllo.

Fonte

211021suit1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €