Archivi Blog

24 leader mondiali chiedono ancora piu` globalismo sulla scia della pandemia

La crisi sanitaria utilizzata per promuovere una “comunità globale” al posto del “nazionalismo”

Ventiquattro leader mondiali hanno firmato una lettera che chiede più globalismo per combattere le future pandemie, citando l’epidemia di coronavirus come un’opportunità per sbarazzarsi per sempre del nazionalismo.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron sono le figure di spicco dietro la promessa, con altri 21 capi di stato che hanno firmato la lettera.

Afferma che “nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro” e che una “comunità globale” deve essere ulteriormente implementata per combattere le “inevitabili” pandemie future.

“In un momento in cui Covid-19 ha sfruttato le nostre debolezze e divisioni, dobbiamo cogliere questa opportunità e unirci come una comunità globale per una cooperazione pacifica che va oltre questa crisi”, afferma la lettera.

“Sviluppare le nostre capacità e i nostri sistemi per farlo richiederà tempo e richiederà un impegno politico, finanziario e sociale sostenuto per molti anni”, aggiunge.

La lettera paragona la situazione al post seconda guerra mondiale e sollecita la fine dell'”isolazionismo e del nazionalismo”.

La promessa richiede un rafforzamento delle infrastrutture dell’Organizzazione mondiale della sanità, nonostante i fallimenti documentati dell’ente sanitario globale per quanto riguarda la pandemia, e le continue accuse di aver facilitato le bugie e gli inganni del governo comunista cinese.

Anche il direttore generale dell’OMS, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha firmato la lettera, dopo aver ripetutamente criticato nazioni, tra cui Gran Bretagna e Stati Uniti, per aver messo al primo posto le proprie popolazioni quando si tratta di ripresa.

La lettera chiede specificamente la firma di un trattato globale sulle pandemie per stabilire “regole e norme” internazionali per la produzione e la distribuzione di vaccini, nonché il coordinamento su “sistemi di allarme, condivisione dei dati e ricerca”.

Presumibilmente qualsiasi trattato globale affronterebbe anche le restrizioni da mettere in atto in caso di future pandemie, sebbene ciò non sia chiarito nella lettera.

I ministri della sanità delle nazioni si incontreranno a maggio all’Assemblea mondiale della sanità, dove potrebbero discutere un trattato globale.

Di seguito la Lettera completa firmata da 24 leader mondiali:

“La pandemia di Covid-19 è la più grande sfida per la comunità globale dagli anni ’40. A quel tempo, in seguito alla devastazione di due guerre mondiali, i leader politici si unirono per forgiare il sistema multilaterale. Gli obiettivi erano chiari: riunire i paesi, dissipare le tentazioni dell’isolazionismo e del nazionalismo e affrontare le sfide che potevano essere raggiunte solo insieme in uno spirito di solidarietà e cooperazione: vale a dire, pace, prosperità, salute e sicurezza.

‘Oggi, nutriamo la stessa speranza che mentre combattiamo per superare insieme la pandemia di Covid-19, possiamo costruire un’architettura sanitaria internazionale più solida che proteggerà le generazioni future. Ci saranno altre pandemie e altre importanti emergenze sanitarie. Nessun governo o agenzia multilaterale può affrontare da solo questa minaccia. La domanda non è se, ma quando. Insieme, dobbiamo essere meglio preparati per prevedere, prevenire, rilevare, valutare e rispondere efficacemente alle pandemie in modo altamente coordinato. La pandemia di Covid-19 è stata un duro e doloroso promemoria che nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro.

“Siamo, quindi, impegnati a garantire un accesso universale ed equo a vaccini, medicinali e strumenti diagnostici sicuri, efficaci ed economici per questa e le future pandemie. L’immunizzazione è un bene pubblico globale e dovremo essere in grado di sviluppare, produrre e distribuire vaccini il più rapidamente possibile. Questo è il motivo per cui è stato istituito l’Acceleratore degli strumenti per il Covid-19 (ACT-A) al fine di promuovere la parità di accesso a test, trattamenti e vaccini e supportare i sistemi sanitari in tutto il mondo. ACT-A ha prodotto molti aspetti, ma deve ancora essere raggiunto un accesso equo. Possiamo fare di più per promuovere l’accesso globale.

‘A tal fine, crediamo che le nazioni dovrebbero lavorare insieme per un nuovo trattato internazionale per la preparazione e la risposta alle pandemie. Un impegno collettivo così rinnovato rappresenterebbe una pietra miliare nell’intensificare la preparazione alla pandemia al più alto livello politico. Sarebbe radicato nella costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, attingendo ad altre organizzazioni rilevanti chiave per questo sforzo, a sostegno del principio della salute per tutti. Gli strumenti sanitari globali esistenti, in particolare il Regolamento sanitario internazionale, sosterrebbero un tale trattato, garantendo una base solida e collaudata su cui possiamo costruire e migliorare.

“L’obiettivo principale di questo trattato sarebbe promuovere un approccio per tutto il governo e per tutta la società, rafforzando le capacità nazionali, regionali e globali e la resilienza a future pandemie. Ciò include il potenziamento della cooperazione internazionale per migliorare, ad esempio, i sistemi di allarme, la condivisione dei dati, la ricerca e la produzione e distribuzione locale, regionale e globale di contromisure mediche e di salute pubblica, come vaccini, medicinali, diagnostica e dispositivi di protezione individuale.

‘Includerebbe anche il riconoscimento di un approccio “One Health” che collega la salute degli esseri umani, degli animali e del nostro pianeta. E un simile trattato dovrebbe portare a una maggiore responsabilità reciproca e responsabilità condivisa, trasparenza e cooperazione all’interno del sistema internazionale e con le sue regole e norme.

‘Per raggiungere questo obiettivo, lavoreremo con i capi di stato e di governo a livello globale e tutte le parti interessate, compresa la società civile e il settore privato. Siamo convinti che sia nostra responsabilità, come leader di nazioni e istituzioni internazionali, garantire che il mondo apprenda le lezioni della pandemia Covid-19.

‘In un momento in cui Covid-19 ha sfruttato le nostre debolezze e divisioni, dobbiamo cogliere questa opportunità e unirci come una comunità globale per una cooperazione pacifica che vada oltre questa crisi. Sviluppare le nostre capacità e i nostri sistemi per farlo richiederà tempo e richiederà un impegno politico, finanziario e sociale sostenuto per molti anni.

‘La nostra solidarietà nel garantire che il mondo sia meglio preparato sarà la nostra eredità che protegge i nostri figli e nipoti e riduce al minimo l’impatto delle future pandemie sulle nostre economie e sulle nostre società. La preparazione alla pandemia richiede una leadership globale per un sistema sanitario globale adatto a questo millennio. Per rendere questo impegno una realtà, dobbiamo essere guidati da solidarietà, correttezza, trasparenza, inclusività ed equità. “

Boris Johnson, Primo Ministro del Regno Unito; Emmanuel Macron, presidente della Francia; Angela Merkel, cancelliera della Germania; Dr Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità e altri 21 leader mondiali.

Fonte

gettyimages-108309926-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’Oms finalmente ammette che i test PCR producono falsi positivi

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un promemoria il 14 dicembre, avvertendo che il numero elevato di cicli nei test PCR portera` inevitabilmente alla produzione di falsi positivi.

Queste informazioni sono accurate e disponibili da mesi, dobbiamo quindi chiederci: perché lo stanno segnalando ora? È per far sembrare che il vaccino funzioni?

I test Sars-Cov-2 si basano sulla reazione a catena della polimerasi (PCR). La PCR funziona prendendo i nucleotidi – minuscoli frammenti di DNA o RNA – replicandoli finché non diventano qualcosa di abbastanza grande da poter essere identificato. La replicazione viene eseguita in cicli, con ogni ciclo che raddoppia la quantità di materiale genetico. Il numero di cicli necessari per produrre qualcosa di identificabile è noto come “soglia del ciclo” o “valore CT”. Più alto è il valore CT, meno è probabile che tu rilevi qualcosa di significativo.

Questo nuovo promemoria dell’OMS afferma che l’utilizzo di un valore CT elevato per testare la presenza di Sars-Cov-2 comporterà risultati falsi positivi.

Per citare le loro stesse parole:

Chi utilizza il test PCR deve leggere attentamente le istruzioni per l’uso per determinare se è necessaria una regolazione manuale della soglia di positività del test per tenere conto di qualsiasi “interferenza” che possa portare a un campione con un risultato del valore di soglia del ciclo alto (Ct) interpretato come positivo.

Continuano a spiegare:

Il principio su cui e` progettato il test PCR significa che per i pazienti con alti livelli di virus circolante (carica virale), saranno necessari relativamente pochi cicli per rilevare il virus e quindi il valore Ct sarà basso. Al contrario, quando i campioni restituiscono un valore Ct elevato, significa che sono stati necessari molti cicli per rilevare il virus. In alcune circostanze, la distinzione tra interferenza e presenza effettiva del virus bersaglio è difficile da accertare.

Naturalmente, niente di tutto ciò è una novità per chi ha prestato attenzione. Il fatto che i test PCR fossero facilmente manipolabili e potenzialmente altamente inaccurati è stata una delle grida di battaglia spesso ripetuta da quelli di noi che si oppongono alla narrativa “pandemica” e alle politiche che vengono utilizzate per vendercela.

Molti articoli sono stati scritti su questo argomento, da molti esperti del settore, giornalisti medici e altri ricercatori. È ormai noto da mesi che qualsiasi test che utilizzi un valore CT superiore a 35 è potenzialmente privo di significato.

Il dottor Kary Mullis, che ha vinto il Premio Nobel per aver inventato il processo PCR, è stata chiara sul fatto che non era inteso come strumento diagnostico, dicendo:

con il test PCR puoi trovare quasi tutto in chiunque. “

E, commentando le soglie del ciclo, una volta ha detto:

Se devi eseguire più di 40 cicli per amplificare un gene a copia singola, c’è qualcosa di seriamente sbagliato nel tuo test PCR “.

Le linee guida MIQE per l’uso del PCR affermano:

Valori di Cq superiori a 40 sono sospetti a causa della bassa efficienza implicita e generalmente non dovrebbero essere segnalati “,

Tutto questo è stato di dominio pubblico dall’inizio dei lockdown. Lo stesso sito web del governo australiano ha ammesso che i test erano imperfetti e un tribunale portoghese ha stabilito che non erano adatti allo scopo.

Anche il dottor Anthony Fauci ha ammesso pubblicamente che una soglia del ciclo superiore a 35 rileverà “nucleotidi morti”, non un virus vivente.

Nonostante tutto, è noto che molti laboratori in tutto il mondo hanno utilizzato test PCR con valori CT superiori a 35, anche fino a 40.

Allora perché l’OMS ha finalmente deciso di dire che è sbagliato? Che motivo avrebbero potuto avere per scegliere finalmente di riconoscere questa semplice realtà?

La risposta a questa domanda è potenzialmente sorprendentemente cinica: ora abbiamo un vaccino. Non abbiamo più bisogno di falsi positivi.

A livello teorico, il sistema ha prodotto la sua cura miracolosa.

Quindi, dopo che tutti sono stati vaccinati, tutti i test PCR verranno eseguiti “secondo le nuove linee guida dell’OMS”, e verranno eseguiti solo 25-30 cicli invece di 35+.

Ed ecco, il numero di “casi positivi” precipiterà e avremo la conferma che il nostro vaccino miracoloso funziona.

Dopo mesi passati a inondare il pool di dati con falsi positivi, a contare le morti “per caso”, aggiungendo “morte correlata a Covid19” a ogni altro certificato di morte … possono smetterla. La macchina utilizzata per creare la pandemia puo` essere spenta.

… fintanto che facciamo tutti quello che ci viene detto. Qualsiasi segno di dissenso – ad esempio masse di persone che rifiutano il vaccino – e il valore CT ricominciera` a salire.

Fonte

dfnbkpyz6d6wowjenbcysn-1-2000x900-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Un concorrente di “Project Runway” del 2019 chiamato Kovid presenta un vestito con una mascherina come accessorio

Un episodio di “Project Runway”, andato in onda nel marzo 2019, ha visto la partecipazione di un concorrente di nome Kovid che ha presentato un vestito con una maschera facciale abbinata, simile a quello che stiamo vedendo ora a causa della pandemia. È ancora un altro caso di programmazione predittiva?

Project Runway è un reality show televisivo sul fashion design in cui i concorrenti competono per creare i migliori outfit. I finalisti dello spettacolo preparano collezioni di moda complete per la settimana della moda di New York e, alla fine, i giudici scelgono un vincitore. Se questa descrizione ti ha fatto sbadigliare, lo capisco perfettamente.

Tuttavia, un episodio della 17a stagione di quello spettacolo che è andato in onda il 28 marzo 2019 è (nel contesto di oggi) completamente sbalorditivo.

In un segmento, un concorrente di nome Kovid Kapoor ha presentato con orgoglio un vestito che presentava una maschera facciale abbinata. Ecco il video:

In questo video, il giudice dice: “Adoro l’aspetto di Kovid”. È quasi come se stesse parlando dell’aspetto della maschera facciale della pandemia COVID.

Quindi chiede al modello di rimettersi la maschera. Quando un giudice chiede “Cosa ne pensi di questa maschera?”, Un altro giudice risponde “È malato”. Mi rendo conto che è un’espressione, ma la scelta delle parole rimane stupefacente. Lo stesso giudice dice anche “Riesci a respirare?”.

Un anno dopo, un virus chiamato COVID indusse i governi di tutto il mondo a costringere le persone a indossare maschere facciali. Inoltre, in una questione subdola, diversi “funzionari” non eletti hanno accennato al fatto che la mandatorieta` della mascherina potrebbe rimanere in effetto dopo la pandemia. Da allora, innumerevoli stilisti hanno creato abiti con maschere abbinate.

COINCIDENZA?
È tutta una folle, coincidenza? O è l’ennesimo caso di programmazione predittiva? Negli ultimi mesi, ho evidenziato diversi prodotti della cultura pop che predicevano COVID-19 con dettagli bizzarramente accurati come il libro The Eyes of Darkness, il film Contagion, la clip dei Simpson su una “influenza felina” e la serie Utopia. Questo episodio di Project Runway è ancora un altro esempio dell’élite che prepara astutamente il pubblico ai suoi piani, forse a livello inconscio?

Per lo meno, sembra che ci sia una certa sincronicità in gioco qui.

Coniata da Carl Jung, la sincronicità è definita come “il verificarsi simultaneo di eventi che sembrano significativamente correlati ma non hanno una connessione causale distinguibile”. Jung ha descritto questi eventi come “coincidenze significative”. Credeva anche che accadessero per un motivo. Forse l’universo sta, in qualche modo, cercando di dirci qualcosa. Come, forse, che ci sono forze oscure in gioco attorno a questa crisi COVID?

Fonte

leadrunway

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Justin Trudeau si lascia andare: La pandemia e` una occasione per il “Grande Reset”

Quella che una volta era considerata una teoria del complotto è ora stata confermata da Trudeau. Il presidente canadese ci dice chiaramente che le élite stanno usando questa crisi come scusa per centralizzare il potere e rimodellare le nostre vite a loro immagine.

Justin Trudeau lo ha ammesso.

La crisi pandemica viene sfruttata dai nostri “leader” per avviare un “Great Reset” e rimodellare il mondo intero in modo totale.

L’ha detto in video.

Ecco qui:

Tutto questo è estremamente inquietante.

Trudeau ammette apertamente che questa pandemia mortale – che ha causato migliaia di vittime in Canada e nel mondo – è stata usata come scusa per il “Grande Reset” e raggiungere gli obiettivi delle Nazioni Unite.

Naturalmente, i canadesi – e le persone in tutto il mondo – non l’hanno mai chiesto.

Vogliamo che le nostre vite tornino alla normalità.

Vogliamo che i vulnerabili siano protetti.

Vogliamo che le aziende prosperino e crescano.

Ma niente di tutto questo ci viene offerto da chi e` al potere.

Invece offrono solo più paura, più controllo, più centralizzazione e un rimodellamento delle nostre vite e della nostra economia senza nemmeno chiedercelo.

Questa non è leadership, è dominio, ed è l’opposto di ciò che dovremmo aspettarci da coloro che eleggiamo.

Justin Trudeau mostra ancora una volta che non ha alcun interesse a servire il popolo canadese, ma sta invece promuovendo un’agenda che il paese non ha chiesto e la gente non vuole.

justin-trud-main

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il “thriller pandemico” “Songbird” e` un calderone di programmazione predittiva

Il film “Songbird”, ambientato nel 2024, parla di un COVID-23 mutato, enormi campi di quarantena e uno stato di polizia ad alta tecnologia che utilizza gli smartphone per controllare le persone. Possiamo ancora chiamare tutto cio` “intrattenimento”?

Al momento della stesura di queste righe, il mondo sta entrando nel suo nono mese di “pandemia”, caratterizzato da vari gradi di lockdown, limitazioni nelle interazioni sociali, mascherine obbligatorie, sorveglianza high-tech e l’istituzione di una tirannia senza volto basata su statistiche e numeri.

Mentre le persone sono alla ricerca di modi per svegliarsi da questo scenario da incubo, Hollywood ha avuto una grande idea: facciamo un film su tutto ciò che sta accadendo in questo momento, ma peggio.

Il film in uscita Songbird è definito come un “thriller pandemico” (c’è qualcosa di “elettrizzante” in una pandemia?) Che si svolgerà nel 2024. Diretto da Michael Bay (Transformers, The Purge, A Quiet Place), il film parla di COVID-23 (una mutazione di COVID-19) che trasforma l’America in un incubo distopico, completo di campi di quarantena. Wikipedia descrive la premessa del film come segue:

Nel 2024, il virus SARS-CoV-2 è mutato e il mondo è al suo quarto anno di pandemia. Gli americani infetti vengono portati via dalle loro case e costretti in campi di quarantena chiamati Q-Zones, dove alcuni combattono contro le brutali restrizioni. Un corriere in moto, Nico, che ha una rara immunità, ha una relazione con Sara, una giovane artista che pero` non riesce a incontrare a causa del lockdown. Quando, apparentemente, Sara viene contagiata, Nico corre per le strade deserte di Los Angeles nel tentativo di salvarla.

Songbird è stato creato, girato e pubblicato a tempo di record. La produzione principale è iniziata l’8 luglio e si è conclusa il 3 agosto. È stato il primo film girato a Los Angeles durante il blocco di COVID-19. Le riprese sono state inizialmente interrotte da SAG-AFTRA (Screen Actors Guild), ma il giorno dopo è stato concesso il permesso di girare. Immagino che abbiano capito che questa narrazione doveva essere resa pubblica al più presto.
Parlando di narrazioni, il film è stato creato in collaborazione con uno studio di contenuti digitali giustamente chiamato Invisible Narratives. Fondata da Adam Goodman, l’ex presidente di Paramount Pictures e Dreamworks SKG, la società si descrive come “narrativamente dirompente che alimenta la cultura in collaborazione con persone influenti”. In altre parole: propaganda elitaria.

Anche lo slogan dell’azienda è estremamente appropriato in quanto si applica all’élite occulta nel suo insieme: Nascosto in bella vista.

Risultato di una ricerca Google per Invisible Narratives e il suo inquietante slogan.

Basta guardare il trailer ufficiale di Songbird per capire di cosa si tratta veramente: Programmazione Predittiva. Ecco uno sguardo a questa presunta opera di “intrattenimento”.

TRAILER
Il trailer di Songbird inizia con un uso molto ironico della canzone di Bob Marley Three Little Birds in cui ripete “ogni piccola cosa andrà bene”. Sono abbastanza sicuro che Marley non avrebbe approvato l’uso della sua canzone nel contesto follemente opprimente del film. Tuttavia, Hollywood ama avvelenare i contenuti sani e ottimisti con il suo programma di paura e oscurità che schiaccia l’anima, quindi ha pagato per i diritti della canzone.

Una cosa è certa, ogni piccola cosa non va bene in Songbird. Mentre la canzone si interrompe momentaneamente, sentiamo un annuncio che dice:

“Il coprifuoco è ora in vigore. Tutti i cittadini non autorizzati devono rimanere in casa “.

Mentre ascoltiamo queste parole, gli spettatori osservano una serie di paesaggi sconvolgenti.

Intere autostrade sono chiuse perché alle persone è vietato viaggiare.

Un parco divertimenti abbandonato con la parola “doomed” scritte su un muro. Il divertimento è finito

Un cartellone mostra oltre 8 milioni di morti nel 2024, mentre ordina alle persone di rimanere a casa. Questa merdata orwelliana esiste già in questo momento.

Poi, si sente un giornalista parlando della “213 ° settimana di lockdown”, che significa che il lockdown del 2020 non è mai finito.

Nel 2024, le persone sono ancora bombardate dalle stesse notizie sulla pandemia che vanno in onda oggi.

In questo triste contesto, milioni di americani infetti sono detenuti nei campi di quarantena. Lo stesso concetto di campi di quarantena è stato rappresentato anche in Utopia (una serie stranamente profetica) e Contagion (un altro pezzo di programmazione predittiva del 2012).

Le parole “Fateci uscire!!!” e “Aiuto” implicano fortemente che le persone vengono trattenute contro la loro volontà in condizioni terribili.

Masse di persone infette sono ammucchiate in campi decrepiti monitorati da elicotteri.

Le persone che non sono infette vivono in un lockdown senza fine e pesantemente controllato. La tecnologia utilizzata per controllare le persone è ben lungi dall’essere “fantascienza”.

Il protagonista del film mostra un braccialetto dimostrando di essere immune ai soldati mascherati che pattugliano le strade.

Il concetto di braccialetto immunitario è stato già introdotto alle masse nel già citato film Contagion.

Uno screenshot dal film Contagion. Le persone che hanno ricevuto il vaccino hanno braccialetti con codici a barre per entrare negli spazi pubblici.

L’idea di “passaporti immunità” o “braccialetti di immunità” è già in circolazione nella vita reale e film come Contagion e Songbird aiutano a normalizzarla al pubblico.

I telefoni vengono utilizzati per scansionare volti e rilevare malattie

Nello screenshot qui sopra, il telefono rileva un’anomalia. Una voce simile a Siri dice quindi:

“Le guardie armate arriveranno tra quattro o sei ore. Non devi tentare di lasciare la tua casa o apriraranno il fuoco a vista ”.

Immagino sia ora di disinstallare questa app e di darle una recensione negativa.

Le autorità irrompono in una casa per trascinare con la forza un cittadino in un campo di quarantena.

INTRATTENIMENTO?
Considerando il fatto che questo film si svolge in un futuro molto prossimo, usa il nome di un vero virus che sta attualmente distruggendo il mondo intero, e` girato in luoghi reali e coinvolge vere organizzazioni governative, possiamo ancora chiamarlo “intrattenimento”? Ecco la definizione ufficiale della parola:

1- l’atto di intrattenere; piacevole occupazione per la mente; diversione; divertimento
2- qualcosa che offra piacere, diversione o divertimento, specialmente un’esibizione di qualche tipo.

Non riesco a immaginare nessuno che provi “piacere o divertimento” guardando una versione ancora peggiore dell’attuale pandemia. Se COVID-19 (e l’isteria che lo circonda) era una ferita da coltello nello stomaco di qualcuno, Songbird è l’equivalente di un idiota di Hollywood che infierisce con il suo dito grasso e tozzo.

Non ci vuole un “teorico della cospirazione” per vedere che c’è qualcosa di strano in questa narrazione nel contesto di oggi. Ecco un estratto da un articolo di Movie Blend su Songbird:

In un altro contesto, Songbird sembra divertente, ma non sembra aprire una conversazione preziosa. Sembra che esista solo per aggiungere estremi e valore shock a un’esperienza collettiva già traumatizzante che stiamo ancora elaborando quotidianamente. Per qualcuno saltare due anni nel futuro usando gli eventi reali che accadono ora come punto di riferimento non è creativo o interessante. È spietato e freddo. Se fossimo nel bel mezzo della seconda guerra mondiale, pensi che vorremmo vedere uno scenario alternativo in cui e` peggiorata? No, è per questo che i musical e i cartoni animati hanno iniziato a diventare molto popolari allora.

La verità è che Songbird non è stato creato per il nostro intrattenimento. Si tratta di piantare idee e concetti nell’inconscio collettivo. Si tratta di normalizzare nuovi livelli di tirannia e isteria presentandoli come un’evoluzione logica del contesto attuale. In breve, si tratta di programmazione predittiva.
Allan Watts originariamente definiva la “programmazione predittiva” come segue:

“La programmazione predittiva è una forma sottile di condizionamento psicologico fornito dai media per far conoscere al pubblico i cambiamenti sociali pianificati che devono essere implementati dai nostri leader. Se e quando questi cambiamenti saranno attuati, il pubblico ne avrà già familiarizzato e li accetterà come progressioni naturali, riducendo così la possibile resistenza e agitazione pubblica “.

Ecco perché esistono film del genere. Anche se la vita reale non raggiunge i livelli di follia di Songbird, questi film creano dei precedenti nel nostro inconscio collettivo. Se vengono introdotte nuove restrizioni al pubblico, la gente dirà “almeno non è così male come in Songbird”.

In breve, nessuno di noi ha bisogno di guardare questa sessione di lavaggio del cervello camuffata da film. E tutti noi dobbiamo assicurarci che nulla della sua follia penetri nella vita reale.

Fonte

leadsongbird

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Una pandemia, un vaccino e il controllo mentale, i messaggi profetici della serie “Utopia”

Nella serie di Amazon “Utopia” viene descritta una pandemia mortale, un vaccino sospetto, schiavi controllati mentalmente e una cospirazione gigantesca. Ed è stato tutto girato prima del COVID-19. “Utopia” è forse una sorta di avvertimento?

Guardare Utopia nel mezzo di una pandemia è un’esperienza surreale. Questo perché la serie è stata girata nel 2019, prima dell’emergere del COVID-19. Nonostante questo, Utopia ha una tempistica perfetta nel 2020 poiché la sua storia ruota attorno a una pandemia, una corsa per un vaccino e ad una massiccia cospirazione da parte di una grande azienda farmaceutica.

I piani nefasti dei cattivi sono tuttavia sventati da un gruppo disordinato di nerd che ha scoperto una graphic novel la quale prevede l’emergere di diversi virus attraverso simboli enigmatici. La cosa sbalorditiva di questa storia è che la serie stessa sembra aver predetto la pandemia di COVID-19. Inoltre, Utopia raffigura un sistema di schiavi del controllo mentale che eseguono omicidi ed eventi false flag per far avanzare l’agenda dei cattivi, combinato con un sacco di manipolazioni e insabbiamenti dei mass media.

La serie è così vicina alla nostra realtà nel 2020 che non si può fare a meno di pensare: Utopia è una sorta di avvertimento?

La serie è così stranamente vicina alla realtà del 2020 che ogni episodio è preceduto da un avviso.

Utopia di Amazon è basata su una serie britannica del 2013 con lo stesso nome. Tuttavia, la sua nuova iterazione è stata “aggiornata” con un sacco di contenuti riguardanti l’elite occulta. Una cosa è certa, la maggior parte dei critici dei mass media non ha apprezzato questa serie in cui i “teorici della cospirazione” sono gli eroi. Alcuni hanno persino definito la serie “irresponsabile”. Ecco alcuni titoli delle recensioni di Utopia

Una recensione piuttosto negativa da Polygon

Un’altra recensione critica da Slate

La rivista Time non vuole nemmeno che tu guardi la serie.

Di cosa si tratta? Ecco uno sguardo alla serie.

VIRUS PREDETTI DA SIMBOLI

Uno scienziato costretto a creare un virus mortale … mentre fa il segno dell’occhio che tutto vede. Pura follia d’élite occulta.

La serie è incentrata su enigmatici romanzi grafici intitolati Dystopia and Utopia che consistono in immagini altamente simboliche che descrivono virus e un enorme sistema MKULTRA che lo circonda. Mentre alcuni credono che sia tutta una finzione, alcuni “teorici della cospirazione” credono che il libro stia effettivamente predicendo eventi del mondo reale. Un protagonista dice:

“La distopia è apparsa nel 2014 e, se sei intelligente, se sei davvero molto intelligente, puoi studiarla e decifrare tutte le epidemie della vita reale che prevedeva”.

Aggiunge:
“Perché continuiamo a sentirci come se fosse la fine del fottuto mondo? Perché qualcuno sta mettendo fine al fottuto mondo! “

Dopo aver analizzato i libri, un protagonista dice:

“Qualcuno sta prendendo malattie, le sta armando e le sta diffondendo tra la popolazione!”

Sembra qualcosa che farebbe l’élite occulta. In modo abbastanza appropriato, il simbolismo che si trova in Distopia è pieno di elementi occulti dell’élite.

Sulla copertina c’è un coniglio bianco che tiene in mano una bambola (una schiava MK di nome Jessica Hyde) con un occhio coperto. Il segno di un occhio solo conferma che questa è tutta follia dell’élite occulta.

Nella serie, Mr. Rabbit è il monicker usato per descrivere il cattivo principale (che risulta essere il CEO di una grande azienda farmaceutica). Costringe uno scienziato (che è il padre della protagonista principale di nome Jessica Hyde) a creare virus per raggiungere il suo obiettivo finale: il massiccio spopolamento del pianeta.

Una pagina in Dystopia implica che il virus Zika è stato prodotto in un laboratorio e armato. Notare gli occhiali dello scienziato: segno di un occhio che tutto vede.

Uno dei nerd che decifrano utopia si chiama Wilson Wilson. Suo padre è un teorico della cospirazione stereotipato e l’argomento della sua ricerca è piuttosto interessante.

Apparentemente, tutti i teorici della cospirazione devono attaccare febbrilmente un mucchio di cose su un muro e collegarle con delle corde. Alcuni articoli su quel muro riguardano la Cina e un Nuovo Ordine Mondiale. La Cina è menzionata più volte nella serie, cosa piuttosto… profetica.

Se guardi attentamente l’immagine sopra, probabilmente riconosci alcuni elementi trattati da questo sito come l’Aeroporto Internazionale di Denver. Ci sono persino immagini degli inquietanti murales dell’aeroporto che sembrano aver assunto un nuovo significato nel 2020.

Il padre di Wilson ha messo una foto di questo murale DIA che raffigura una figura militare con una maschera a gas accanto a una fila di madri in lacrime che tengono in braccio bambini morti. Questo murale prefigura in qualche modo gli eventi della serie.

Mr. Rabbit insegue e uccide in modo aggressivo chiunque sia a conoscenza dei suoi piani nefasti. Wilson Wilson viene rintracciato e torturato per aver divulgato informazioni su Utopia…strappandogli un occhio con un cucchiaio.

Dopo che gli hanno tolto l’occhio, Wilson indossa una benda sull’occhio, rendendolo un simbolo dell’occhio che tutto vede costantemente presente in tutta la serie.

Nel frattempo, una pandemia colpisce gli Stati Uniti. I malati sono costretti ad essere messi in quarantena in strutture gestite dal governo, provocando proteste.

Persone che protestavano contro la quarantena obbligatoria, incluso uno scienziato di nome Michael Stearns (interpretato da Rainn Wilson). Questo virologo è stato accuratamente manipolato da Mr. Rabbit per diventare il volto affidabile del suo vaccino. Gli scienziati della vita reale vengono usati dall’élite per dare un volto “scientifico” ai loro piani nefasti?

I sintomi del virus Stearns sono piuttosto simili a quelli del COVID-19.

Mentre la banda di nerd cerca indizi, finisce per incontrare un dipendente della Homeland Security. Dice loro la verità sui bizzarri virus che sono emersi negli ultimi anni:

“Sai quanti soldi c’è da guadagnare nella guerra biologica? Un’arma che può colpire le persone senza tracciabilita? Un'arma che puo` avere come target una particolare razza o etnia? Metti un virus su un’ostia: colpisci la religione. Metti un virus negli assorbenti interni: colpisci un determinato sesso. Questo è ciò che stavano perfezionando e vale miliardi e miliardi per il miglior offerente “.

Poi aggiunge:

“Mr. Rabbit ha stretto un accordo con un gruppo in Cina per un ceppo particolarmente vizioso di influenza suina (SARS) ”.

Il fatto che la serie metta la Cina al centro di questa cospirazione – prima dell’apparizione del COVID-19 in Cina – è piuttosto… profetico.

Nel bel mezzo di questa spaventosa pandemia, un’azienda farmaceutica emerge trionfante con un vaccino che cura la malattia: la Christie Labs.

UNA AZIENDA FARMACEUTICA CHE E` UN FRONTE PER UNA OPERAZIONE MKULTRA

L’ingresso di Christie Labs con il suo leader che accoglie le persone con le parole “Protecting Your Future”.

Avviso spoiler: Lui e` Mr. Rabbit. Altro avviso spoiler: quando dicono “Proteggere il tuo futuro”, intendono spopolamento. Questo è l’obiettivo finale di questa organizzazione. E sono disposti a compiere qualsiasi atto spregevole per raggiungere i loro obiettivi, incluso lo sfruttamento e l’uccisione di bambini.

In effetti, Mr. Rabbit esegue un’operazione MKULTRA completa che utilizza gli schiavi per operazioni false flag, materiale per esperimenti o per manipolare i media. Sebbene le parole “controllo mentale” o “MKULTRA” non siano mai pronunciate durante la serie, l’intenso simbolismo e le tattiche sadiche del controllo mentale Monarch sono in piena esposizione in Utopia.

Mr. Rabbit compra bambini dai paesi poveri che vengono consegnati in casse.

Una pagina della graphic novel descrive come Arby – un killer spietato usato da Mr. Rabbit – è stato “addestrato” durante l’infanzia. Nella terminologia MKULTRA, la programmazione Delta viene utilizzata per addestrare gli assassini.

Questa immagine di Jessica Hyde allude agli abusi da parte di conigli malvagi (gestori MK)

Le farfalle su quell’immagine di Jessica Hyde sono riferimenti alla programmazione Monarch.

Le gemelle raffigurate sopra sono state usate da Mr. Rabbit per portare avanti il suo programma pandemico. Una di loro è stata infettata dal virus e gli è stato somministrato un vaccino che non funziona. È stata poi sostituita da sua sorella che era sana, portando tutti a credere che il vaccino fosse la cura miracolosa che tutti stavano aspettando.

Una volta che ha smesso di essere utile, Mr. Rabbit ha dato alla ragazza malata un’ostia avvelenata con un codice QR per porre fine rapidamente alla sua vita (corruzione satanica della Santa Comunione). Era felice di prendere l’ostia perché le è stato fatto il lavaggio del cervello nel pensare che essere un martire fosse il suo “scopo”.

L’associazione tra utopia e controllo mentale è enfatizzata dai continui riferimenti della serie ad Alice nel Paese delle Meraviglie, che sembra essere lo script di programmazione più importante nel mondo dell’MKULTRA. Ovviamente, Mr. Rabbit stesso è un riferimento al Bianconiglio in Alice nel Paese delle Meraviglie che conduce Alice attraverso lo specchio fino al Paese delle Meraviglie (che è il codice per la dissociazione).

In modo abbastanza appropriato, uno dei protagonisti della serie si chiama Alice.

Alice indossa quasi sempre un abito simile alle classiche raffigurazioni di Alice nel paese delle meraviglie.

Se si è abbastanza attenti, si possono individuare conigli bianchi dappertutto durante la serie – un raccapricciante promemoria che le azioni di Mr. Rabbit – un rappresentante dell’élite occulta – colpiscono tutti.

Conigli bianchi sul muro della casa di Alice

n breve, attraverso il simbolismo, la serie allude al controllo mentale diretto degli schiavi attraverso la programmazione MK e al controllo mentale delle masse attraverso la manipolazione dei media.

In tutta la serie, Christie Labs inventa storie false interpretate da persone false (schiavi MK che interpretano ruoli) per spingere una narrazione e far avanzare la sua agenda.

L’organizzazione utilizza allevamenti di troll per inondare i social media con narrazioni specifiche. Faresti meglio a credere che questo stia accadendo nella vita reale. Ogni singolo giorno.

L’OBIETTIVO FINALE
Nell’episodio finale, la banda si ritrova faccia a faccia con Mr. Rabbit. E confessa il suo vero piano: spopolamento massiccio incorporando un virus nel vaccino che rende le persone sterili.

Dopo essere stato rapito e consegnato alla banda dal suo stesso schiavo MK scontento, Mr. Rabbit espone il suo piano.

E trovano un simbolo cinese sul suo corpo, a dimostrazione che era Mr. Rabbit. Altre profezie su COVID-19-Cina.

Ecco alcuni dei dialoghi:

“- Hai creato il panico e ora tutti chiedono il vaccino.

  • Sì, e ora abbiamo esattamente quello che vogliamo. Centinaia di milioni di americani si mettono in fila, allungando il braccio e permettendoci di dar loro la nostra creazione. (…) Intendiamo fermare la riproduzione umana per tre generazioni. La frenetica, infinita catena di montaggio globale dei bambini si fermerà “.

Quindi, Mr. Rabbit si impegna in un appassionato discorso sullo spopolamento.

“Cento anni fa, la popolazione mondiale era di 1,7 miliardi. Nel 2011 ha raggiunto i 7 miliardi. Le persone vivono troppo a lungo, muoiono meno spesso, scopano troppo e cagano bambini.

Riscaldamento globale, scarsità di cibo e acqua. Tutti questi problemi possono essere riassunti in una cosa: la sovrappopolazione.

A 1,7 miliardi, possiamo essere decadenti, autoindulgenti e schifosi come vogliamo. A dieci miliardi dobbiamo vivere strategicamente. Dobbiamo vivere modestamente. Dobbiamo vivere altruisticamente. E, come sai, non siamo così bravi. “

L’uomo parla per diversi minuti dello spopolamento e sembra convincere Wilson Wilson, il segno dell’occhio che tutto vede ambulante.

Il discorso di Christie’s sembra essere in linea con le famigerate Georgia Guidestones. I suoi primi due comandamenti sono:

  1. Mantenere l’umanità sotto i 500.000.000 in perpetuo equilibrio con la natura.
  2. Guida la riproduzione con saggezza, migliorando la forma fisica e la diversità.

Durante la serie, Mr. Rabbit chiede a coloro che gli sono intorno una domanda enigmatica:

“Cosa hai fatto oggi per guadagnare il tuo posto in questo mondo affollato?”

Mentre, all’inizio, questa domanda sembra riguardare il fare qualcosa di utile nella nostra vita, alla fine capiamo che c’è un’intera filosofia dietro questa domanda. Mr. Rabbit crede che le persone dovrebbero GUADAGNARSI il loro posto nel mondo realizzando il loro “scopo”. I suoi schiavi MK sono programmati per vivere solo per questo scopo. Coloro che non hanno scopo sono sacrificabili. E vuole che questa visione venga applicata alla società nel suo insieme.

Tuttavia, il gruppo di nerd ha fermato questo piano. Si sono infiltrati nei Christie Labs e hanno distrutto la sua intera scorta di vaccini che era pronta per essere spedita in tutta l’America.

Vaccino distrutto. Ecco perché i critici non hanno approvato la serie.

Ma non è finita. Mr. Rabbit è scappato e sembra aver convertito Wilson (devono mantenere un po ‘ di suspense per la seconda stagione). Tuttavia, dalla mia esperienza, questo tipo di serie dice quello che ha da dire nella prima stagione. Le stagioni successive sono semplicemente inutili aggiunte.

CONCLUDENDO
Girato prima di COVID-19, Utopia profetizzava stranamente una pandemia e la corsa per un vaccino che sarebbe avvenuta solo pochi mesi dopo. Ciò che è ancora più sbalorditivo è che la serie parla di una graphic novel che ha predetto una pandemia … allo stesso modo in cui la serie ha previsto una pandemia.

Quindi ci si potrebbe chiedere: utopia è un atto di ribellione contro l’élite? Beh, è ​​difficile da dire. Sebbene sembri mettere in guardia sui piani nefasti dell’élite, anche Utopia vi si concede pienamente. Ad esempio, durante la serie, le persone continuano a essere uccise in tutti i modi raccapriccianti e queste morti sono trattate con una fredda indifferenza che trasmette il messaggio che la vita umana non ha valore. Ci sono scene insopportabili di tortura. Altre scene raffigurano bambini morti. Uno viene persino colpito alla testa. Nell’ultimo episodio, il piano di Christie per fermare la riproduzione umana per tre generazioni è presentato in modo convincente, senza che nessuno confuti le sue teorie.

In breve, questa serie è un riflesso della completa follia della nostra era. L’élite crede di dover divulgare i suoi piani nefasti al pubblico prima che si realizzino, al fine di evitare l’ira delle leggi karmiche. E forse utopia fa parte di tale sforzo. In altre parole, la tana del coniglio e molto piu` profonda di quello che pensi.

Fonte

leadutopia

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €


 


 

La Cina aveva malati con patologie simili al Covid-19 mesi prima la “tempistica ufficiale”

I documenti interni del PCC mostrano che i pazienti a Wuhan avevano sintomi già nel settembre 2019, ma le autorità non hanno rivelato nulla al mondo …

Una serie di documenti trapelati mostra che i pazienti in Cina con sintomi simili a COVID-19 sono stati ricoverati mesi prima della tempistica ufficiale del regime, mettendo in dubbio quando esattamente il virus del PCC ha iniziato a diffondersi a Wuhan, il ground zero dell’epidemia cinese.

Almeno un paziente ha iniziato a manifestare sintomi simili a COVID-19 nel settembre 2019, secondo i dati ospedalieri ottenuti da The Epoch Times da una fonte attendibile che ha accesso a documenti governativi. Altre dozzine sono state ricoverate in ospedale nel mese successivo.

Gli ospedali di Wuhan hanno anche riportato diversi decessi nell’ottobre 2019 a causa di polmonite grave, infezioni polmonari e altri sintomi simili ai pazienti COVID-19.

La commissione sanitaria della città ha annunciato pubblicamente lo scoppio di una nuova forma di polmonite solo il 31 dicembre 2019, dopo che i post sui social media dei medici informatori erano diventati virali.

In una lettera del 19 febbraio ottenuta da The Epoch Times, una squadra investigativa nazionale istituita dal governo centrale ha dichiarato di voler rintracciare i primi casi della malattia. Ha chiesto alle autorità locali i dati di tutte le istituzioni mediche di Wuhan nel periodo tra il 1 ° ottobre e il 10 dicembre 2019, comprese le informazioni sui pazienti che hanno visitato le cliniche per la febbre nelle vicinanze del mercato del pesce di Huanan, un mercato umido che i funzionari hanno inizialmente identificato. come origine del focolaio; dettagli dei primi 10 casi sospetti presso ciascuna agenzia medica di livello due o superiore (tre è il più alto); e morti per polmonite con sintomi simili a COVID-19.

La lettera affermava che nove ospedali, che hanno ricevuto il maggior numero di pazienti COVID-19 della città, erano la chiave dell’indagine.

The Epoch Times ha avuto accesso a parte dei documenti in risposta all’inchiesta, quelli di 11 ospedali.

Nonostante i dati raccolti, il 26 febbraio la task force per il controllo delle epidemie di Wuhan ha detto ai media che il primo paziente documentato era una persona di nome Chen che si è ammalata l’8 dicembre 2019.

Non è chiaro se le autorità abbiano condotto indagini su casi precedenti a febbraio.

Ad alcuni critici, l’indagine è apparsa piuttosto ristretta ed è arrivata troppo tardi.

“Perché una malattia respiratoria così massiccia si sia manifestata nell’area, come mai non hanno rintracciato tutti gli altri ospedali?” Sean Lin, ex direttore del laboratorio del ramo malattie virali presso il Walter Reed Army Institute of Research, ha detto a The Epoch Times.

“Avrebbe dovuto essere fatto molto tempo fa”, ha detto, definendo l’indagine “ridicola”.


Uno screenshot di un documento trapelato che mostra i dettagli sui pazienti che sono morti per sintomi simili a COVID presso l’ospedale di medicina tradizionale cinese di Wuhan, provincia di Hubei, Cina, il 21 febbraio 2020. Parte delle informazioni è stata redatta da The Epoch Times per proteggere la privacy dei pazienti. (Fornito da The Epoch Times)

I registri ottenuti hanno mostrato nove decessi dovuti a condizioni simili a COVID-19 in tre ospedali.

Cinque erano pazienti con polmonite grave deceduti tra novembre e dicembre 2019 presso l’ospedale n. 6 di Wuhan, uno degli ospedali citati nella letteraa. L’ospedale di medicina tradizionale cinese di Wuhan, un ospedale terziario, ha avuto tre morti a ottobre. L’ospedale n. 8 di Wuhan ha registrato una morte.

Screenshot di un documento trapelato che mostra i dettagli dei pazienti con sintomi simili a COVID presso l’ospedale Wuhan Puren Jiangan, il 21 febbraio 2020. Parte delle informazioni è stata redatta da The Epoch Times per proteggere la privacy dei pazienti. (Fornito a The Epoch Times)

I pazienti sono morti entro un periodo compreso tra diversi giorni e circa quattro settimane dopo la comparsa dei primi sintomi.

Xu Zhenqian, ad esempio, è stato ricoverato all’ospedale n. 6 di Wuhan. Secondo la descrizione clinica dell’ospedale, l’82enne ha iniziato a manifestare sintomi il 1 ° ottobre 2019, tra cui attacchi di tosse senza una causa apparente e tosse con catarro bianco, un segno di infezione respiratoria. Il paziente è stato trasferito da un’altra struttura poco prima della sua morte, avvenuta il 3 novembre.

Anche altri tre pazienti nello stesso ospedale avevano difficoltà a respirare prima di morire. Le loro scansioni TC hanno mostrato segni sfocati nei polmoni, modelli che corrispondono alle lesioni riscontrate in alcuni pazienti COVID-19.

I file hanno anche identificato almeno altri 40 sospetti pazienti COVID-19 in otto ospedali, il primo dei quali è stato il 67enne Xiao Niangui, che ha iniziato a manifestare sintomi il 25 settembre 2019 ed è stato ricoverato in ospedale presso il Wuhan Puren Jiang’an.

Schermata di un documento trapelato che mostra i dettagli di un paziente con sintomi simili a COVID presso l’ospedale n. 6 di Wuhan, il 21 febbraio 2020. Parte delle informazioni e` stata redatta da The Epoch Times per proteggere la privacy dei pazienti. (Fornito a The Epoch Times)

Wuhan ha 205 strutture sanitarie a livello di comunità e municipalità e 66 ospedali designati per il trattamento dei pazienti COVID-19, hanno detto i funzionari della città a marzo.

La mancanza di trasparenza della Cina è stata pesantemente criticata dai funzionari del governo. Ha costantemente rifiutato di consentire agli esperti degli Stati Uniti e dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) di studiare l’epidemia nel paese. Il 12 febbraio, un funzionario dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ha affermato che l’agenzia non era ancora in grado di accedere ai “dati diretti” sull’epidemia e “continua a sperare di farlo”.

In un’intervista ai media rilasciata il 1 ° maggio, un rappresentante dell’OMS in Cina ha anche affermato che la Cina ha escluso gli esperti dell’organizzazione dall’indagine sui virus del paese.

Fonte

covid-patient-e1602624986306-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €


 
 

Il New York Times ammette che la decisione dell’OMS di non chiudere i confini ad inizio pandemia era basata sulla politica non sulla scienza

Il New York Times ha pubblicato un articolo in cui ammette ciò che vi dicevo 8 mesi fa: la direttiva dell’Organizzazione mondiale della sanità all’inizio della pandemia di coronavirus secondo cui i paesi non dovevano chiudere i loro confini era una decisione basata sulla “politica”, non sulla scienza.

“L’Organizzazione mondiale della sanità ha a lungo incoraggiato il turismo di massa e ha affermato che la chiusura dei confini non avrebbe fermato la diffusione del Covid-19. Un’indagine del New York Times ha scoperto che questa politica non è mai stata basata sulla scienza, ma invece sulla politica e l’economia “, ha twittato il NY Times con un collegamento a un articolo che descriveva in dettaglio la questione.

Come abbiamo riportato il 31 gennaio, l’OMS ha ripetutamente esortato i paesi a non imporre controlli alle frontiere, in parte per evitare la “stigmatizzazione” del popolo cinese.

In altre parole, non essere visti come razzisti e impedire che i sentimenti delle persone venissero feriti era più importante che fermare la diffusione della pandemia.

Poi, ad aprile, abbiamo documentato come l’OMS ha impedito ai medici di esortare i paesi a imporre controlli alle frontiere per fermare la diffusione del coronavirus.

“Quindi i verbali delle riunioni ufficiali dicono che c’era una divergenza di opinioni, ma in realtà non sono entrati nei dettagli. Ma c’erano medici che volevano emettere divieti di viaggio e l’Organizzazione Mondiale della Sanità gli hanno bloccati “, ha riferito Sky News Australia.

Il mese successivo, gli scienziati in Brasile hanno anche confermato che i paesi più colpiti dalla diffusione del coronavirus erano quelli che hanno continuato a consentire viaggi senza restrizioni attraverso i loro confini.

Uno studio di Monte Sinai ha rilevato che i casi record di coronavirus e le morti a New York City erano “prevalentemente” dovuti ai viaggi dall’Europa, il che significa che molte più vite avrebbero potuto essere salvate se i confini fossero stati chiusi prima.

Paesi come la Russia che sono stati proattivi nella chiusura anticipata dei loro confini hanno registrato un numero significativamente inferiore di casi di COVID-19 e decessi rispetto ad altri paesi con dimensioni di popolazione simili.

Nonostante i suoi 144 milioni di abitanti, la Russia ha registrato meno di 21.000 morti per coronavirus, rispetto al Regno Unito, che ha una popolazione di 65 milioni ma ha registrato più del doppio di quel numero di morti per COVID.

Fonte


 

011020who-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Il rapporto del Congresso conclude che la Cina avrebbe potuto facilmente prevenire la pandemia

Un nuovo rapporto dei membri del GOP della commissione per gli affari esteri della Camera ha concluso che la Cina ha coperto la pandemia del coronavirus e non è riuscita a seguire le linee guida sanitarie internazionali che avrebbero probabilmente prevenuto la pandemia globale.

Il rapporto, pubblicato lunedì, conclude che “è molto probabile che la pandemia in corso avrebbe potuto essere prevenuta” se la Cina fosse stata trasparente dopo l’inizio dell’epidemia a Wuhan.

“Non c’è dubbio che il [Partito Comunista Cinese] si sia attivamente impegnato in un insabbiamento progettato per offuscare i dati, nascondere le informazioni rilevanti sulla salute pubblica e sopprimere medici e giornalisti che hanno tentato di mettere in guardia il mondo”, osserva il rapporto.

“La ricerca mostra che il PCC avrebbe potuto ridurre il numero di casi in Cina fino al 95% se avesse adempiuto ai propri obblighi ai sensi del diritto internazionale e avesse risposto all’epidemia in modo coerente con le migliori pratiche”. aggiunge.

La cifra del 95% deriva dalla ricerca dell’Università di Southampton nel Regno Unito, che ha scoperto “che se gli interventi in [Cina] fossero stati condotti una settimana, due settimane o tre settimane prima, i casi avrebbero potuto essere ridotti del 66% , 86% e 95% rispettivamente, limitando in modo significativo la diffusione geografica della malattia “.

Il nuovo rapporto del Congresso evidenzia anche che “già a metà dicembre [2019], e non oltre il 27 dicembre, il PCC aveva informazioni sufficienti per valutare che fosse legalmente obbligato a informare l’OMS che l’epidemia di Wuhan era un evento che poteva costituire un’emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale. “”

Il rapporto conclude inoltre che anche l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è stata complice dato che ha “ripetuto” la propaganda cinese.

“L’OMS è stata complice della diffusione e della normalizzazione della propaganda e della disinformazione del PCC”, afferma il rapporto, aggiungendo “Ha ripetuto fuorivianti informazioni come fossero verita`, l’OMS ha avuto un impatto negativo sulla risposta globale”.

“Sin dalle prime fasi dell’epidemia, l’OMS, sotto la guida del Direttore Generale Tedros [Adhanom Ghebreyesus], ha ripetuto a pappagallo e sostenuto come verità inviolabile, le dichiarazioni del PCC”, osserva il rapporto, aggiungendo “Un esame delle loro dichiarazioni pubbliche, compresi gli elogi accumulati sulla gestione della pandemia da parte del PCC, rivelano un’inquietante volontà di ignorare la scienza e fonti alternative credibili “.

Come abbiamo più volte evidenziato, il 14 gennaio, l’OMS ha amplificato la propaganda del governo cinese secondo cui non c’era stata alcuna “trasmissione da uomo a uomo” di COVID-19, nonostante ciò fosse effettivamente accaduto a novembre.

In effetti, non solo l’OMS ha aiutato la Cina a coprire la gravità dell’epidemia, ma ha anche messo a tacere gli esperti medici che hanno cercato di dire ai paesi di imporre i controlli alle frontiere a gennaio.

Ad aprile, abbiamo riferito che più fonti indicavano che il coronavirus era trapelato da un laboratorio a Wuhan e che l’Organizzazione mondiale della sanità era “complice” nell’aiutare la Cina a nascondere la verità dietro l’epidemia.

L’ultimo rapporto del GOP conclude anche che quando è diventato chiaro che il virus si stava diffondendo rapidamente, la Cina ha nazionalizzato la produzione di apparecchiature mediche pertinenti, assicurando il controllo sulle forniture globali.

“Secondo il Congressional Research Service (CRS), [il] controllo nazionalizzato della catena di approvvigionamento medico includeva” requisire la produzione e la logistica medica fino al livello di fabbrica “”, afferma il rapporto.

“È altamente probabile che la nazionalizzazione della capacità produttiva da parte della Cina di società straniere, comprese 3M e General Motors, abbia avuto un impatto diretto sulla capacità degli Stati Uniti e di altri paesi di procurarsi [dispositivi di protezione individuale] sul mercato globale”, aggiunge il rapporto.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00


 

L’Oms ha condotto “lunghe interviste” con gli scienziati cinesi per provare che il virus non ha avuto origine da un laboratorio

L’Organizzazione mondiale della sanità – che ha elogiato i primi sforzi della Cina nel “contenere” il COVID-19, ha diffuso la propaganda del PCC sulla trasmissibilità del virus e ha rifiutato di dichiarare una pandemia fino all’11 marzo (presumibilmente su richiesta del presidente cinese Xi Jinping) – ha condotto “ampie discussioni “con gli scienziati di Wuhan per scoprire le origini “naturali” della pandemia, secondo Reuters.

La “missione di accertamento dei fatti” comprendeva discorsi sulla ricerca sulla salute degli animali, secondo un portavoce dell’OMS.

“Il team ha avuto ampie discussioni con le controparti cinesi e ha ricevuto aggiornamenti su studi epidemiologici, analisi biologiche e genetiche e ricerca sulla salute degli animali”, ha affermato Christian Lindmeir dell’OMS, che ha aggiunto che le indagini includevano discussioni video con virologi e scienziati di Wuhan.

La missione anticipata di tre settimane composta da due specialisti in salute e epidemiologia degli animali è stata incaricata di gettare le basi per un team più ampio di esperti cinesi e internazionali che cercheranno di scoprire come il virus che causa COVID-19 ha superato la barriera saltando dagli animali agli umani . -Reuters

La posizione ufficiale dell’OMS è che COVID-19 è passato dai pipistrelli agli umani attraverso un animale intermedio sconosciuto – ed ha escluso la possibilità che il virus fosse fuoriuscito dall’Istituto di Virologia di Wuhan, la cui principale scienziata, Shi Zhengli ha scatenato un dibattito etico internazionale nel 2015 sulla modificazione genetica dei coronavirus proveniente dai pipistrelli per la trasmissibilità umana.

A metà aprile, il Washington Post ha riferito che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha ricevuto due cables dai funzionari dell’ambasciata degli Stati Uniti nel 2018 per avvertire di inadeguata sicurezza presso il Wuhan Institute of Virology, che stava conducendo “studi rischiosi” sui coronavirus dei pipistrelli, secondo il rapporto – che ha osservato che i cables “hanno alimentato le discussioni all’interno del governo degli Stati Uniti sul fatto che questo o un altro laboratorio di Wuhan fosse la fonte del virus”.

E così, la “missione” di tre settimane dell’OMS guidata da due specialisti in salute animale ed epidemiologia, è stata “incaricata di gettare le basi per un team più ampio di esperti cinesi e internazionali che cercheranno di scoprire come il virus che provoca COVID-19 ha superato la barriera delle specie dagli animali agli umani “, secondo il rapporto.

Stranamente, gli esperti statunitensi sono stati esclusi dalla missione dell’OMS, mentre il capo delle emergenze dell’organizzazione, Mike Ryan, ha offerto un indizio sulla direzione in cui sta andando questa caccia alle “origini naturali”, affermando in una nota “Il fatto che Wuhan sia stata la campanella d’allarme sul virus non significa necessariamente che è lì che la malattia è passata dagli animali all’uomo “.

Ci chiediamo se l’OMS abbia chiesto a Pechino perche` abbia ordinato ai laboratori di tutta la Cina di distruggere i campioni di coronavirus all’inizio di gennaio?

Fonte