Archivi Blog

La pandemia del panico (Fear is the Mind-Killer)

Il timore di giornalisti, scienziati e politici ha creato piu’ danni del virus…

Il mondo occidentale ha subito due ondate letali di contagi nell’ultimo anno e mezzo. La prima è stata una pandemia virale che ha ucciso circa un americano su 500, in genere una persona sopra i 75 anni che soffriva di altre gravi condizioni. La seconda, e molto più catastrofica, è stata un panico morale che ha travolto le istituzioni guida delle nazioni.

Invece di mantenere la calma e andare avanti, l’élite americana ha violato le norme del governo, del giornalismo, della libertà accademica e, peggio ancora, della scienza. Hanno fuorviato il pubblico sulle origini del virus e sul vero rischio che rappresentava. Ignorando i propri piani accuratamente preparati per una pandemia, hanno rivendicato poteri senza precedenti per imporre strategie non testate, con terribili danni collaterali. Man mano che aumentavano le prove dei loro errori, soffocarono il dibattito diffamando i dissidenti, censurando le critiche e sopprimendo la ricerca scientifica.

Se, come sembra sempre più plausibile, il coronavirus che causa il Covid-19 è fuoriuscito da un laboratorio di Wuhan, si tratta dell’errore più costoso mai commesso dagli scienziati. Qualunque sia l’origine della pandemia, la risposta ad essa è il peggior errore nella storia della professione sanitaria. Non abbiamo ancora prove convincenti che i lockdown abbiano salvato vite, ce ne abbiamo tuttavia parecchie che provano che sono già costati vite e si dimostreranno più mortali a lungo termine del virus stesso.

Secondo un sondaggio Gallup, una persona su tre in tutto il mondo ha perso un lavoro o un’impresa durante i lockdown e la metà ha visto diminuire i propri guadagni. I bambini, che sono quasi immuni dal virus, in molti luoghi hanno sostanzialmente perso un anno di scuola. Le conseguenze economiche e sanitarie si sono sentite in modo più acuto tra i meno abbienti in America e nel resto del mondo, dove la Banca Mondiale stima che più di 100 milioni siano stati spinti nella povertà estrema.

I leader responsabili di questi disastri continuano a fingere che le loro politiche abbiano funzionato e presumono di poter continuare a ingannare il pubblico. Hanno promesso di implementare di nuovo queste strategie in futuro e potrebbero anche riuscirci, a meno che non iniziamo a capire cosa è andato storto.

Il panico è iniziato, come al solito, dai giornalisti. Quando il virus si è diffuso all’inizio dello scorso anno, hanno evidenziato le statistiche più allarmanti e le immagini più spaventose: le stime di un tasso di mortalità da dieci a 50 volte superiore a quello dell’influenza, le scene caotiche negli ospedali in Italia e a New York City, prevedendo che i sistemi sanitari sarebbero crollati a breve.

Il panico su vasta scala è stato scatenato dal rilascio nel marzo 2020 di un modello computerizzato presso l’Imperial College di Londra, che prevedeva che, a meno che non fossero state prese misure drastiche, le unità di terapia intensiva avrebbero avuto 30 pazienti Covid per ogni letto disponibile e che L’America avrebbe contato 2,2 milioni di morti entro la fine dell’estate. I ricercatori britannici hanno annunciato che “l’unica strategia praticabile” era imporre restrizioni draconiane a imprese, scuole e incontri sociali fino all’arrivo di un vaccino.

Questo straordinario progetto è diventato rapidamente diventato il “consenso” tra funzionari della sanità pubblica, politici, giornalisti e accademici. Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, lo ha approvato ed è diventato l’autorità inattaccabile per coloro che pretendono di “seguire la scienza”. Quello che originariamente era stato concepito per essere un breve lockdown – “15 giorni per rallentare la diffusione” – è diventato una politica a lungo termine in gran parte degli Stati Uniti e del mondo. Alcuni scienziati ed esperti di salute pubblica si sono opposti, osservando che un lockdown prolungato era una nuova strategia la cui efficacia era sconosciuta e che era stata respinta nei precedenti piani per una pandemia. È stato un esperimento pericoloso condotto senza conoscere la risposta alla domanda più elementare: quanto è letale questo virus?

Il primo critico più importante fu John Ioannidis, un epidemiologo di Stanford, che pubblicò un saggio per STAT intitolato “A Fiasco in the Making? Mentre la pandemia di coronavirus prende piede, stiamo prendendo decisioni senza dati affidabili”. Mentre un lockdown a breve termine aveva senso, ha affermato, un lockdown prolungato potrebbe rivelarsi peggiore della malattia e gli scienziati avevano bisogno di eseguire test più intensivi per determinare il rischio. L’articolo offriva consigli di buon senso da una delle autorità più citate al mondo sulla credibilità della ricerca medica, ma ha provocato una furiosa reazione su Twitter da parte di scienziati e giornalisti.

La furia si è intensificata nell’aprile 2020, quando Ioannidis ha seguito il suo stesso consiglio unendosi a Jay Bhattacharya e ad altri colleghi di Stanford per valutare la diffusione del Covid nell’area circostante, la contea di Santa Clara. Dopo aver testato gli anticorpi Covid nel sangue di diverse migliaia di volontari, hanno stimato che il tasso di mortalità tra i contagiati nella contea fosse di circa lo 0,2 per cento, il doppio di quello dell’influenza ma notevolmente inferiore alle ipotesi di funzionari della sanità pubblica e informatici modellisti. I ricercatori hanno riconosciuto che il tasso di mortalità potrebbe essere sostanzialmente più alto in altri luoghi in cui il virus si era diffuso ampiamente come nelle case di cura (cosa che non si era ancora verificata nella zona di Santa Clara). Semplicemente riportando dati che non si adattavano alla narrativa ufficiale del panico, sono diventati bersagli.

Altri scienziati hanno criticato aspramente i ricercatori e hanno affermato che le debolezze metodologiche nello studio hanno reso i risultati privi di significato. Uno statistico della Columbia ha scritto che i ricercatori “devono a tutti noi delle scuse”. Un biologo dell’Università della Carolina del Nord ha affermato che lo studio era “scienza orribile”. Un chimico della Rutgers definì Ioannidis una “mediocrità” che “non può nemmeno formulare un simulacro di un’argomentazione coerente e razionale”. Un anno dopo, Ioannidis si meraviglia ancora degli attacchi allo studio (che alla fine è stato pubblicato su un’importante rivista di epidemiologia). “Gli scienziati che rispetto hanno iniziato a comportarsi come guerrieri che dovevano sovvertire il nemico”, dice. “Ogni articolo che ho scritto contiene errori – sono uno scienziato, non il papa – ma le conclusioni principali di questo erano corrette e hanno resistito alle critiche”.

I giornalisti mainstream si sono aggiunti al carrozzone con pezzi che accusavano i ricercatori di mettere in pericolo vite umane criticando i lockdown. The Nation ha definito la ricerca un “segno nero” per Stanford. I colpi bassi piu’ ridicoli sono arrivati ​​da BuzzFeed, che ha dedicato migliaia di parole a una serie di banali obiezioni e accuse infondate. L’articolo che ha attirato più attenzione è stata la rivelazione di BuzzFeed che un dirigente di una compagnia aerea contrario ai lockdown aveva contribuito con $ 5.000 – sì, cinquemila dollari! – A un fondo anonimo a Stanford che aveva aiutato a finanziare il lavoro sul campo di Santa Clara.

L’idea che un gruppo di eminenti accademici, non pagati per il loro lavoro nello studio, avrebbe rischiato la propria reputazione distorcendo i risultati per una donazione di $ 5.000 era a prima vista assurda, e ancora più ridicola, dato che Ioannidis, Bhattacharya , e il ricercatore capo, Eran Bendavid, ha affermato di non essere nemmeno a conoscenza della donazione durante lo studio. Ma la Stanford University è stata così intimidita dal clamore online che ha sottoposto i ricercatori a un’indagine di due mesi da parte di uno studio legale esterno. L’inchiesta non ha trovato prove di conflitto di interessi, ma la campagna diffamatoria è riuscita a inviare un messaggio chiaro agli scienziati di tutto il mondo: non mettere in discussione la narrativa dei lockdown.

In un breve interludio di competenza giornalistica, due veterani della scienza, Jeanne Lenzer e Shannon Brownlee, hanno pubblicato un articolo su Scientific American che denuncia la politicizzazione della ricerca sul Covid. Hanno difeso l’integrità e la metodologia dei ricercatori di Stanford, osservando che alcuni studi successivi avevano riscontrato tassi di mortalità simili tra gli infetti. (Nella sua ultima revisione della letteratura, Ioannidis ora stima che il tasso medio di mortalità in Europa e nelle Americhe sia compreso tra lo 0,3 e lo 0,4 percento) Lenzer e Brownlee si sono lamentati del fatto che le critiche ingiuste e ad hominem avevano soppresso un dibattito legittimo intimidendo la comunità scientifica. I loro redattori hanno quindi proceduto a dimostrare il loro punto. Rispondendo alla rabbia online, Scientific American si è pentito pubblicando una nota del redattore che sostanzialmente ripudiava il proprio articolo.

Anche gli editori delle riviste di ricerca si sono adeguati. Quando a Thomas Benfield, uno dei ricercatori in Danimarca che ha condotto il primo grande studio randomizzato controllato sull’efficacia delle maschere contro il Covid, è stato chiesto perché ci mettesse così tanto tempo a pubblicare i risultati tanto attesi, disse loro “sarà pubblicato non appena un giornale scientifico avra’ il coraggio di farlo”. Dopo essere stato respinto da The Lancet, The New England Journal of Medicine e JAMA, lo studio è finalmente apparso sugli Annals of Internal Medicine e il motivo della riluttanza dei redattori è diventato chiaro: lo studio ha dimostrato che una maschera non proteggeva chi la indossava, cosa che contraddiceva le affermazioni dei Centers for Disease Control e di altre autorità sanitarie.

Stefan Baral, un epidemiologo della Johns Hopkins con 350 pubblicazioni a suo nome, ha presentato una critica ai lockdown a più di dieci riviste e alla fine ha rinunciato: “e` la prima volta nella mia carriera che non riesco a pubblicare un pezzo da nessuna parte” . Martin Kulldorff, un epidemiologo di Harvard, ha avuto un’esperienza simile con il suo articolo, all’inizio della pandemia, sostenendo che le risorse dovrebbero essere concentrate sulla protezione degli anziani. “Proprio come in guerra”, scriveva Kulldorff, “dobbiamo sfruttare le caratteristiche del nemico per sconfiggerlo con il minor numero di vittime. Poiché il Covid-19 opera in modo altamente specifico per l’età, anche le contromisure obbligatorie devono essere specifiche per l’età. In caso contrario, vite saranno inutilmente perse.” Si e’ trattato di una profezia tragicamente accurata di uno dei massimi esperti di malattie infettive, ma Kulldorff non riusciva a trovare una rivista scientifica o un mezzo di comunicazione che accettasse l’articolo, quindi ha finito per pubblicarlo sulla sua pagina LinkedIn. “C’è sempre una certa quantità di pensiero di gregge nella scienza”, dice Kulldorff, “ma non l’ho mai visto raggiungere questo livello. La maggior parte degli epidemiologi e degli altri scienziati con cui ho parlato in privato sono contrari ai lockdown, ma hanno paura di parlare».

Per rompere il silenzio, Kulldorff si è unito a Bhattacharya di Stanford e Sunetra Gupta di Oxford per lanciare un appello per una “protezione mirata”, chiamata Great Barrington Declaration. Hanno esortato i funzionari a deviare più risorse per proteggere gli anziani, come fare più test del personale nelle case di cura e negli ospedali, mentre riaprivano le attività e le scuole per i più giovani, andando a proteggere i più vulnerabili man mano che l’immunità di gregge cresceva tra la popolazione a basso rischio.

Sono riusciti ad attirare l’attenzione, ma non il tipo che speravano. Sebbene decine di migliaia di altri scienziati e medici abbiano continuato a firmare la dichiarazione, la stampa l’ha dipinta come una pericolosissima strategia e un “incubo etico” da “negazionisti del Covid” e “agenti di disinformazione”. Google inizialmente ha usato lo shadow banning in modo che cercando “Grande Dichiarazione di Barrington” i primi risultati fossero solo critiche (come un articolo che lo chiamava “il lavoro di una rete di negazionisti del clima”) ma non la dichiarazione stessa. Facebook ha chiuso la pagina degli scienziati per una settimana per violazione di “standard comunitari” non specificati.

L’eretico che e’ stato massacrato di piu’ e’ stato Scott Atlas, medico e analista di politiche sanitarie presso la Hoover Institution di Stanford. Anche lui sosteneva che una protezione mirata delle case di cura fosse la strada da intraprendere e ha calcolato che le interruzioni mediche, sociali ed economiche dei lockdown sarebbero costate un prezzo incalcolabile. Quando è entrato a far parte della task force sul coronavirus della Casa Bianca, Bill Gates lo ha deriso definendolo “quello sconosciuto da Stanford” che promuoveva “teorie strampalate”. Quasi 100 membri della facoltà di Stanford hanno firmato una lettera denunciando le sue “falsità e manipolazioni scientifiche” e un editoriale dello Stanford Daily ha esortato l’università a recidere i suoi legami con Hoover.

Il senato della facoltà di Stanford ha votato a stragrande maggioranza per condannare le azioni di Atlas come “un anatema per la nostra comunità, i nostri valori e la nostra convinzione che dovremmo usare la conoscenza per il bene”. Diversi professori della facoltà di medicina di Stanford hanno chiesto ulteriori punizioni in un articolo di JAMA, “Quando i medici si impegnano in pratiche che minacciano la salute della nazione”. L’articolo, che ha travisato le opinioni di Atlas e le prove sull’efficacia dei lockdown, ha esortato le società mediche professionali e le commissioni per le licenze mediche ad agire contro Atlas sulla base del fatto che era “eticamente inappropriato per i medici raccomandare pubblicamente comportamenti o interventi che non sono scientificamente fondati”.

Ma se non fosse etico raccomandare “interventi che non sono scientificamente fondati”, come si potrebbero tollerare i lockdown? “E’ stato assolutamente immorale condurre questo intervento a livello di società senza le prove per giustificarlo”, afferma Bhattacharya. “I risultati immediati sono stati disastrosi, soprattutto per i poveri, e l’effetto a lungo termine sarà quello di minare fondamentalmente la fiducia nella salute pubblica e nella scienza”. La strategia tradizionale per affrontare le pandemie era quella di isolare gli infetti e proteggere i più vulnerabili, proprio come raccomandavano Atlas e gli scienziati di Great Barrington. Gli scenari di pianificazione pre-pandemia del CDC non raccomandavano la chiusura prolungata delle scuole o la chiusura delle attività commerciali anche durante un’epidemia mortale come l’influenza spagnola del 1918. Eppure Fauci ha liquidato la strategia di protezione mirata come “totale assurdità” per “chiunque abbia esperienza in epidemiologia e malattie infettive” e il suo verdetto è diventato “la scienza” per i leader in America e altrove.

Fortunatamente, alcuni leader hanno seguito la scienza in modo diverso. Invece di fidarsi ciecamente di Fauci, hanno ascoltato i suoi critici e hanno adottato la strategia di protezione mirata, in particolare in Florida. Il suo governatore, Ron DeSantis, ha iniziato a dubitare dell’istituzione della sanità pubblica all’inizio della pandemia, quando i modelli informatici hanno proiettato che i pazienti Covid avrebbero superato di gran lunga i letti d’ospedale in molti stati. I governatori di New York, New Jersey, Pennsylvania e Michigan erano così allarmati e così determinati a liberare i letti d’ospedale che hanno ordinato alle case di cura e ad altre strutture di ammettere o riammettere i pazienti Covid, con risultati mortali.

Ma DeSantis era scettico sulle proiezioni ospedaliere – per una buona ragione, poiché nessuno stato ha effettivamente esaurito i letti – e più preoccupato per il rischio che il Covid si diffondesse nelle case di cura. Ha proibito ai centri di assistenza a lungo termine di ammettere chiunque fosse infetto da Covid e ha ordinato frequenti test del personale nei centri di assistenza per anziani. Dopo aver chiuso la scorsa primavera, ha riaperto in anticipo aziende, scuole e ristoranti, ha respinto l’obbligo di indossare la mascherina e ha ignorato le proteste della stampa e dei leader democratici dello stato. Fauci ha avvertito che la Florida stava “cercando guai”, ma DeSantis ha continuato a cercare e ascoltare i consigli di Atlas e degli scienziati di Great Barrington, che erano stupiti di parlare con un politico che già conosceva quasi tutti gli studi che gli hanno menzionato.

“DeSantis era un’eccezione incredibile”, afferma Atlas. “Ha raccolto i dati e letto gli articoli scientifici e li ha analizzati tutti da solo. Ha sempre creduto che i lockdown avrebbero portato piu’ danni che benefici ed era d’accordo con la necessità di concentrare i test e altre risorse sugli anziani. E si è dimostrato corretto”.

Se la Florida non avesse fatto peggio del resto del paese durante la pandemia, sarebbe stato sufficiente per screditare la strategia del lockdown. Lo stato fungeva effettivamente da gruppo di controllo in un esperimento naturale e nessun trattamento medico con effetti collaterali pericolosi sarebbe stato approvato se il gruppo di controllo avrebbe ottenuto gli stessi risultati del gruppo sotto restrizioni. Ma l’esito di questo esperimento fu ancora più schiacciante.

Il tasso di mortalità per Covid della Florida è inferiore alla media nazionale tra gli over 65 e anche tra i giovani, quindi il tasso di mortalità per Covid aggiustato per età dello stato è inferiore a quello di tutti gli altri stati tranne dieci. E per la misura più importante, il tasso complessivo di “mortalità in eccesso” (il numero di morti sopra la norma), anche in questo caso la Florida ha fatto meglio della media nazionale. Il suo tasso di mortalità in eccesso è significativamente inferiore a quello dello stato più restrittivo, la California, in particolare tra i giovani adulti, molti dei quali non sono morti per Covid ma per cause legate ai lockdown: gli screening e le cure per il cancro sono stati ritardati e ci sono stati forti aumenti nei decessi per overdose di farmaci e per infarti non trattati tempestivamente.

Se il gruppo di trattamento in uno studio clinico si estinguesse più velocemente del gruppo di controllo, un ricercatore etico fermerebbe l’esperimento. Ma i sostenitori del lockdown non sono stati scoraggiati dai numeri in Florida, o da risultati simili altrove, incluso un esperimento naturale comparabile che coinvolge i paesi europei con le politiche meno restrittive. Svezia, Finlandia e Norvegia hanno rifiutato i mandati di mascherine e i lockdown registrando una mortalita’ in eccesso significativamente inferiore rispetto alla maggior parte degli altri paesi europei durante la pandemia.

Un’analisi a livello nazionale in Svezia ha mostrato che mantenere le scuole aperte durante la pandemia, senza mascherine o distanziamento sociale, ha avuto scarso effetto sulla diffusione di Covid, ma le chiusure delle scuole e l’obbligo di mascherine per gli studenti sono continuate altrove. Un altro ricercatore svedese, Jonas Ludvigsson, ha riferito che non un solo scolaro nel paese è morto di Covid in Svezia e che il rischio di malattie gravi per i loro insegnanti era inferiore rispetto al resto della forza lavoro, ma questi risultati hanno provocato così tanti attacchi e minacce online che Ludvigsson ha deciso di smettere di fare ricerche o discutere di Covid.

Le piattaforme di social media hanno continuato a censurare scienziati e giornalisti che hanno messo in dubbio i blocchi e i mandati delle maschere. YouTube ha rimosso una discussione video tra DeSantis e gli scienziati di Great Barrington, sulla base del fatto che “contraddice il consenso” sull’efficacia delle maschere, e ha anche eliminato l’intervista della Hoover Institution con Atlas. Twitter ha bloccato Atlas e Kulldorff. Uno studio tedesco sottoposto a revisione paritaria che riportava danni ai bambini causati dall’uso di maschere è stato soppresso su Facebook e anche su ResearchGate, uno dei siti Web più utilizzati dagli scienziati per pubblicare i loro documenti. ResearchGate ha rifiutato di spiegare la censura agli scienziati tedeschi, dicendo loro solo che il documento è stato rimosso dal sito Web in risposta a “rapporti della comunità sull’argomento”.

I censori dei social media e l’establishment scientifico, aiutati dal governo cinese, sono riusciti per un anno a sopprimere la teoria della fuoriuscita dal laboratorio, privando gli sviluppatori di vaccini di informazioni potenzialmente preziose sull’evoluzione del virus. È comprensibile, anche se deplorevole, che i ricercatori e i funzionari coinvolti nel sostenere la ricerca del laboratorio di Wuhan nascondano la possibilità di aver scatenato un Frankenstein nel mondo. Ciò che è più difficile da spiegare è perché i giornalisti e il resto della comunità scientifica hanno creduto cosi’ ciecamente a quella storia, insieme al resto della narrativa sul Covid.

Perché l’elite si impanica? Perché così tanti hanno sbagliato per così tanto tempo? Quando i giornalisti e gli scienziati hanno finalmente affrontato il loro errore nell’escludere la teoria della fuoriuscita di laboratorio, hanno incolpato il loro cattivo preferito: Donald Trump. Aveva sposato la teoria, quindi presumevano che fosse sbagliata. E poiché a volte non era d’accordo con Fauci sul pericolo del virus e sulla necessità dei lockdown, allora Fauci doveva avere ragione, e questa era una piaga così mortale che le norme del giornalismo e della scienza dovevano essere sospese. Milioni di persone sarebbero morte a meno di rispettare i diktat di Fauci e i dissidenti fossero messi a tacere.

Sì, il virus era mortale e le dichiarazioni erratiche di Trump hanno contribuito alla confusione e alla faziosità, ma il panico era dovuto a due patologie preesistenti che affliggevano anche altri paesi. La prima è quella che ho chiamato Crisis Crisis, l’incessante stato di allarme fomentato da giornalisti e politici. È un problema di vecchia data – l’umanità era presumibilmente condannata nel secolo scorso dalla “crisi demografica” e dalla “crisi energetica”. Per mantenere il pubblico spaventato 24 ore su 24, i giornalisti cercano Cassandre varie.

A differenza di molte crisi dichiarate, un’epidemia è una minaccia reale, ma l’industria della crisi non può resistere all’esagerazione del pericolo e il giudizio apocalittico è raramente penalizzato. All’inizio dell’epidemia di AIDS degli anni ’80, il New York Times riportò la terrificante possibilità che il virus potesse diffondersi ai bambini attraverso il “contatto ravvicinato di routine”, citando uno studio di Anthony Fauci. La rivista Life ha esagerato selvaggiamente il numero di infezioni in una storia di copertina, intitolata “Ora nessuno è al sicuro dall’AIDS”. Ha citato uno studio di Robert Redfield, il futuro leader del CDC durante la pandemia di Covid, che prevedeva che l’AIDS si sarebbe presto diffusa tra gli eterosessuali come tra gli omosessuali. Entrambi gli scienziati avevano assolutamente torto, ovviamente, ma i falsi allarmi non hanno danneggiato le loro carriere o la loro credibilità.

Giornalisti e politici estendono cortesia professionale agli altri trafficanti di crisi ignorando i loro errori, come le precedenti previsioni di Neil Ferguson. Il suo team all’Imperial College ha previsto fino a 65.000 morti nel Regno Unito per influenza suina e 200 milioni di morti in tutto il mondo per influenza aviaria. Il bilancio delle vittime ogni volta era nell’ordine delle centinaia, ma non importa: quando il team di Ferguson ha proiettato milioni di morti americane per Covid, questo è stato considerato un motivo sufficiente per seguire la sua raccomandazione per lunghi lockdown. E quando l’ipotesi dei modellisti sul tasso di mortalità si è rivelata troppo alta, anche quell’errore è stato ignorato.

I giornalisti hanno continuato a sottolineare gli avvertimenti più allarmanti, presentandoli senza contesto. Avevano bisogno di spaventare il loro pubblico e ci sono riusciti. Per gli americani sotto i 70 anni, la probabilità di sopravvivere a un’infezione da Covid era di circa il 99,9 per cento, ma la paura del virus era più alta tra i giovani che tra gli anziani e i sondaggi hanno mostrato che le persone di tutte le età hanno ampiamente sopravvalutato il rischio di essere ricoverati o morire.

La seconda patologia alla base del panico da Covid è la politicizzazione della ricerca, quella che ho definito la guerra della sinistra alla scienza, un altro problema di vecchia data che è molto peggiorato. Proprio come i progressisti un secolo fa desideravano una nazione guidata da “esperti ingegneri sociali” – sommi sacerdoti scientifici non vincolati da elettori e opinione pubblica – i progressisti di oggi vogliono ampi poteri nuovi per politici e burocrati che “credono nella scienza”, nel senso che usano la versione della scienza della sinistra per giustificare i loro editti. Ora che così tante istituzioni d’élite sono monoculture politiche, i progressisti hanno più potere che mai di imporre il pensiero di gruppo e sopprimere il dibattito. Ben prima della pandemia, avevano padroneggiato le tattiche per demonizzare e mettere a tacere gli scienziati le cui scoperte sfidavano l’ortodossia progressiva su questioni come il QI, le differenze di sesso, la razza, la struttura familiare, il transgenderismo e il cambiamento climatico.

E poi è arrivato il Covid, “il dono di Dio alla sinistra”, nelle parole di Jane Fonda. Esagerare il pericolo e deviare la colpa dalla Cina a Trump ha offerto non solo benefici politici a breve termine, danneggiando le sue prospettive di rielezione, ma anche una straordinaria opportunità per potenziare gli ingegneri sociali a Washington e nelle capitali dello stato. All’inizio della pandemia, Fauci ha espresso dubbi sul fatto che fosse politicamente possibile mettere sotto lockdown le città americane, ma ha sottovalutato l’efficacia dell’allarmismo. Gli americani erano così spaventati che hanno rinunciato alla loro libertà, come lavorare, studiare, pregare, cenare, giocare, socializzare o persino lasciare le loro case. I progressisti hanno celebrato questo “cambiamento di paradigma”, definendolo un “progetto” per affrontare il cambiamento climatico.

Questa esperienza dovrebbe essere una lezione su cosa non fare e di chi non fidarsi. Non dare per scontato che la versione mediatica di una crisi assomigli alla realtà. Non contare sui giornalisti tradizionali e sui loro profeti di sventura preferiti per mettere i rischi in prospettiva. Non aspettarti che coloro che seguono “la scienza” sappiano di cosa stanno parlando. La scienza è un processo di scoperta e dibattito, non una fede da professare o un dogma da vivere. Fornisce una descrizione del mondo, non una prescrizione per la politica pubblica, e gli specialisti in una disciplina non hanno la conoscenza o la prospettiva per guidare la società. Sono prevenuti dalla loro stessa focalizzazione ristretta e interesse personale. Fauci e Deborah Birx, il medico che si è alleato con lui contro Atlas nella task force della Casa Bianca, hanno dovuto rispondere del bilancio giornaliero delle vittime di Covid – quel chyron sempre presente in fondo allo schermo televisivo – quindi si sono concentrati sulla malattia rispetto che sui danni collaterali delle loro politiche guidate dal panico.

“I lockdown di Fauci-Birx sono stati un errore peccaminoso, irragionevole e atroce, e non ammetteranno mai di essersi sbagliati”, afferma Atlas. Né lo faranno i giornalisti e i politici che si sono fatti prendere dal panico insieme a loro. Stanno ancora dipingendo i lockdown non solo come un successo ma anche come un precedente, una prova che gli americani possono sacrificarsi per il bene comune quando diretti da saggi scienziati e benevoli autocrati. Ma il sacrificio ha fatto molto più male che bene, e il fardello non e’ stato diviso equamente. Il peso maggiore è stato sopportato dai più vulnerabili in America e nei paesi più poveri del mondo. Gli studenti provenienti da famiglie svantaggiate hanno sofferto maggiormente della chiusura delle scuole e i bambini di tutto il mondo hanno trascorso un anno indossando maschere esclusivamente per placare le paure nevrotiche degli adulti. I meno istruiti hanno perso il lavoro in modo che i professionisti a rischio minimo potessero sentirsi più sicuri mentre continuavano a lavorare a casa sui loro laptop. La Silicon Valley (e i suoi censori) ha prosperato grazie ai lockdown che hanno mandato in bancarotta le imprese locali.

Luminari uniti su Zoom e YouTube assicuravano al pubblico che “eravamo tutti sulla stessa barca”. Ma non e’ vero. Quando il panico ha contagiato l’élite della nazione, la moderna nobiltà che professa una tale preoccupazione per gli oppressi, si e’ rivelata simile all’aristocrazia del passato. Hanno fatto solo i loro sporchi interessi.

Fonte

5e6d22a03694a.image_

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Michael J. Burry (Il protagonista del film “The Big Short”): “Interrompere il Lockdown”

Michael J. Burry è noto soprattutto per aver anticipato la crisi dei mutui del 2007 e per aver ispirato il film “The Big Short”. Nel mezzo del panico del COVID-19, questo genio finanziario (che di solito apprezza la sua privacy) ha creato un account Twitter per comunicare un singolo messaggio: porre fine al lockdown.

Il film The Big Short è stato ispirato dalla vera storia di Michael J. Burry, lo strano e leggermente autistico gestore di hedge fund che ha previsto il crollo del mercato delle obbligazioni ipotecarie nel 2007 (il suo ruolo è stato interpretato da Christian Bale). In effetti, dopo aver elaborato migliaia di pagine di dati nel suo potente cervello simile a un computer, Burry ha predetto l’incidente ipotecario mesi prima che accadesse. Ha anche guadagnato un sacco di soldi dalla situazione scommettendo contro il mercato immobiliare – una mossa mai vista prima. Il risultato netto: ha guadagnato $ 100 milioni per se stesso e $ 700 milioni per i suoi investitori.

Da allora, Burry si è concentrato sugli investimenti privati ​​(principalmente acqua, che considera la merce del futuro) ed è rimasto costantemente lontano dai riflettori. Tuttavia, l’enorme panico e il blocco causato dal COVID-19 sembrano aver innescato un messaggio di errore nel suo potente cervello. E quel messaggio di errore e` stato così persistente che lo ha costretto a fare l’impensabile: ha creato un account Twitter. Il suo obiettivo: affrontare la risposta del governo senza precedenti a questa pandemia.

Burry non sta dicendo che le persone dovrebbero immediatamente tornare al bar e a leccarsi a vicenda. Chiede un approccio misurato, che permetta alle persone sane di vivere normalmente e di andare al lavoro proteggendo coloro che sono a rischio. In breve, ritiene che l’attuale rimedio potrebbe essere peggiore della malattia. In un’intervista a BNN Bloomberg, Burry ha dichiarato:

“Sono diventato attivo su Twitter nell’ultima settimana per la prima volta in assoluto. Avevo molto da dire e mi sono tolto un peso. Mi sono iscritto a Twitter perché ero profondamente rattristato da una chiusura nazionale che sta devastando il sostentamento degli americani in molti modi. Ho visto che la narrativa principale ignora completamente le masse che non sono a rischio letale da COVID-19.
Le politiche di lockdown non devono essere universali. COVID-19 è una malattia in qualche modo letale per gli obesi, i molto vecchi, i già malati. Le politiche pubbliche non hanno sfumature perché vogliono massimizzare la paura e far rispettare la conformità. Tuttavia questo lockdown devasta le piccole e medie imprese e indirettamente aumenta i casi in cui donne e bambini vengono picchiati, uccisi, crea tossicodipendenti, provoca suicidi e in generale genera un’enorme sofferenza e angoscia mentale. Questi effetti secondari e terziari non vengono per nulla considerati.

Le politiche di lockdown sono valide solo quando c’e` carenza di attrezzature e medicine in corrispondenza o quasi del picco della malattia. Ma ciò potrebbe essere realizzato coinvolgendo un gruppo di persone molto più mirato.

Nel frattempo, rimanere a casa riduce e rallenta lo sviluppo dell’immunità di gregge nei confronti del COVID. L’immunità di gregge è un passo fondamentale per lasciarci alle spalle questo brutto periodo.

Tengo molto alla mia privacy, ma quello che sta succedendo in questo paese e nel mondo e` diventato di primaria importanza. Alla fine, Twitter è un’attività senza rischi. Sono stato su Twitter solo per una settimana circa, ma immagino che cercherò solo di concentrarmi e di non muovere troppo le acque. “

Per molti aspetti, Michael Burry è l’anti-Bill Gates. Mentre Gates ha recentemente chiesto un incredibile blocco nazionale di 10 settimane (e microchippare coloro che ricevono il vaccino), Burry chiede una rapida conclusione del blocco e l’introduzione di un approccio più mirato. Sebbene sia Burry che Gates siano molto ricchi, c’è una grande differenza tra loro: Burry è un vero medico con un dottorato in medicina presso la Vanderbilt University School of Medicine mentre Bill Gates ha abbandonato l’universita` senza ottenere nessuna qualifica in medicina. Tuttavia, è Bill Gates la “figura autorevole” in questo momento.

TWITTERSTORM DI BURRY

Da quando si è iscritto a Twitter il 23 marzo, Burry ha pubblicato diverse volte al giorno focalizzandosi sul COVID-19. Mentre, all’inizio, i suoi tweet hanno attirato poca attenzione, le cose hanno cominciato a diventare virali quando le persone hanno capito chi fosse. Ecco alcuni dei suoi tweet in ordine cronologico.

Nel seguente tweet, Burry si rivolge a un articolo scritto da Henry Kissinger intitolato The Pandonic Coronavirus Will Forever Alter the World Order.

Qui, Burry prende di mira la sua arc-nemesi COVID-19, Bill Gates

Burry non ha finito con il suo twitterstorm. Ha continuato a twittare mentre stavo scrivendo questo articolo.

CONCLUDENDO

Nell’attuale clima di paura e panico generato dai media, Michael Burry porta il suo marchio di pensiero analitico basato sui fatti. Mentre la maggior parte degli esperti dei media (ad esempio Bill Gates) è supportato da potenti organizzazioni con programmi nascosti, Burry è fondamentalmente un singolo che sembra essere sinceramente preoccupato per il benessere dei suoi concittadini. Come dice Burry, ora è il momento dei fatti, non della paura.

Anche se uno potrebbe non essere d’accordo con le sue opinioni, la sua voce deve essere ascoltata. Dobbiamo avere un dibattito razionale sulla risposta corretta a questa situazione. Perché se i governi continuano a mettere miliardi di persone agli arresti domiciliari ogni volta che c’è un nuovo virus, avremo seri problemi.

Fonte