Archivi Blog

La Cina sta cercando di cambiare la narrativa sulle origini del Coronavirus

Il governo comunista cinese sta intensificando la sua campagna di pubbliche relazioni per cercare di convincere il mondo che il coronavirus non ha avuto origine nella città cinese di Wuhan un anno fa, ma è stato portato in Cina da altrove.

I loro sforzi sono stati per lo meno creativi.

La loro ultima mossa è promuovere la storia secondo cui il coronavirus è arrivato in Cina tramite importazioni di cibo congelato, un’impresa quasi impossibile. I propagandisti comunisti hanno puntato il dito contro l’Italia, l’India e “tanti altri continenti” per l’inizio della pandemia. Vedono la Cina come una doppia vittima; pazienti inconsapevoli che si sono ammalati a causa di un virus arrivato da altrove e poi ingiustamente accusati di averlo rilasciato.

Probabilmente funziona con le masse cinesi, ma con poche altre.

Guardian:

“Wuhan era il luogo in cui il coronavirus è stato rilevato per la prima volta, ma non era dove ha avuto origine”, ha affermato Zeng Guang, ex capo epidemiologo del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie. Un portavoce del ministero degli Esteri, interrogato sui resoconti dei media statali secondo cui il virus ha avuto origine al di fuori della Cina, ha detto solo che era importante distinguere tra dove il Covid-19 è stato rilevato per la prima volta e dove ha attraversato la barriera delle specie per infettare gli esseri umani.

“Sebbene la Cina sia stata la prima a segnalare casi, non significa necessariamente che il virus abbia avuto origine in Cina”, ha detto Zhao Lijian in un briefing. “Il tracciamento dell’origine è un processo continuo che può coinvolgere più paesi e regioni.”

Questo non è necessariamente falso, ma la Cina sta resistendo a questo tipo di indagini da mesi. Ora tutto ad un tratto vogliono collaborare con il resto del mondo?

Si tratta solo di pubbliche relazioni perché se gli investigatori si avvicinassero mai alla verità, la Cina troverebbe un modo per estinguerla rapidamente.

Le affermazioni che il virus abbia avuto origine al di fuori della Cina sono poco credute dagli scienziati occidentali. Michael Ryan, direttore del programma per le emergenze sanitarie presso l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), ha detto la scorsa settimana che sarebbe “altamente speculativo” sostenere che la malattia non è emersa in Cina. “È chiaro dal punto di vista della salute pubblica che inizi le indagini dal punto in cui sono emersi i primi casi umani”, ha detto in una conferenza stampa a Ginevra.

L’OMS ha recentemente annunciato un’indagine in piena regola sulle origini del coronavirus con un pannello di esperti a capo del progetto.

South China Morning Post:

Il team di 10 persone comprende esperti di salute pubblica, specialisti di salute animale e cacciatori di virus provenienti da Giappone, Qatar, Germania, Vietnam, Russia, Australia, Danimarca, Paesi Bassi, Gran Bretagna e Stati Uniti.

Lavoreranno insieme agli scienziati cinesi su una serie di indagini su come il virus che causa il Covid-19 è emerso e si è diffuso negli esseri umani, innescando una pandemia che ha ora causato oltre 1,4 milioni di vite.

Ancora più importante, il team internazionale includerà scienziati che studiano l’emergere di malattie mentre si trasferiscono dagli animali all’uomo.

Comprende diversi ricercatori che si sono concentrati sui ruoli animali e ambientali dell’emergenza della malattia: Ken Maeda del National Institute of Infectious Diseases del Giappone, lo scienziato vietnamita Hung Nguyen, co-leader del programma Animal and Human Health presso l’International Livestock Research Institute, e il cacciatore di virus Fabian Leendertz del Robert Koch Institut tedesco. Tra questi c’è anche l’ecologo delle malattie Peter Daszak, noto per le sue ricerche sui coronavirus di pipistrello simili alla Sars nel sud-est della Cina e presidente del gruppo statunitense EcoHealth Alliance. Daszak è anche a capo di una task force separata che esamina le origini del virus sotto la Commissione Covid-19 della rivista scientifica The Lancet.

Questa sarà la chiave che svelerà il mistero delle origini del coronavirus. La domanda è: la Cina permetterà loro di arrivare così lontano? Dopo aver combattuto per un anno per trasferire la colpa delle origini del virus a tutti tranne che a se stessi, trovo difficile credere che i comunisti cinesi svilupperanno improvvisamente un interesse per andare a fondo nelle origini del coronavirus. Hanno investito troppo nel mentire sulle sue origini per arrendersi ora.

Aspettatevi che questo team di esperti alla fine si arrenda con disgusto per l’ostruzionismo cinese.

Fonte


 

47ff2b84-73bf-4c9c-9569-938c6d335153-730x487-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €