Archivi Blog

Pedogate: I modelli ricorrenti della cabala

Sono sempre stato bravo a trovare modelli ricorrenti e piu’ approfondisco questo argomento, piu’ divento ricettivo ad un nuovo tipo di linguaggio. Uno che parla alle parti piu’ oscure della mia anima.

“Quale sarebbe il tuo ultimo pasto?” “Una pizza col bordo alto….mi piace ogni tipo di pizza”

E` in questo momento che la sensazione di illudermi si fa strada nelle mie convinzioni. Probabilmente il video sopra dove la Clinton esprime la sua passione per la pizza e’ “sincero” e senza doppi sensi. Sarei disonesto tuttavia se non ammettessi che spesso, gran parte di me stesso, crede che l’ex segretario di Stato si stia rivolgendo a noi, noi che abbiamo capito a fondo l’argomento del pizzagate/pedogate.

Circa 2:30: “Nomina la cosa piu’ biricchina che Chelsea ha fatto alla casa bianca quando era adolescente” “Ordinare una pizza”. Circa 7:50: “Chelsea, tua madre ti era molto vicina, cosa e’ quella cosa che piu’ odiavi di lei?” “Pizza a pranzo e cena tutti i giorni”

Penso che le persone ricchissime e la classe dirigente siano fissate con il simbolismo

E dopo aver investigato in questo mondo, vedo la realta’ con occhi nuovi. Nel bene e nel male ora posso rendermi conto dei loro modelli ricorrenti

Pentacolo alla Casa Bianca

E’ possibile che la loro simbologia sia rivolta piu’ a noi che a LORO?

Un modo per guidarci nel cambiamento o meglio nel “reset” dei paradigma? Quello che voglio dire e’ che una volta non facevo caso a certe cose e a volte ho difficolta’ a capire come possa essere un “miglioramento”. Ero in grado di vedere un film della Disney senza accorgermi delle migliaia di riferimenti ad emblemi massonici.

O delle palesi metafore, come nel caso di Pinocchio in cui i bambini vengono condotti nel Paese dei Balocchi (Pleasure Island in inglese “Isola del Piacere”) il quale ricorda l’isola di Epstein

A volte mi piacerebbe chiudere le porte della percezione, ma so di non poterlo fare. Questi sono i modelli ricorrenti della cabala:

L’OCCHIO

Il primo modello non e’ direttamente collegato al traffico di minori ma rimane tuttavia importante tra l’elite. E’ l’occhio che tutto vede

Si tratta di un nuovo linguaggio simbolico che l’elite utilizza per trasmettere un messaggio oppure e’ solo una coincidenza? Il fatto che non riesca a dare una risposta definitiva forse, e’ la cosa piu’ spaventosa.

BIEBER 666:

Prendiamo ora in analisi il video di “Where are u now” di Justin Bieber:

Anche se il video musicale trasmette il fatto che le immagini siano state create dai fan, il produttore del video Alex Brewer afferma che solo un parte di esse lo e’.

BIG HUGS MUG

Nella parte introduttiva di questi articoli ho spiegato come il codice “BH kids” funzionasse come una chiave per dei contenuti pedofili sul normale web

Per coloro che non hanno letto gli articoli precedenti, il focus qui e’ sul sito lisca.com che e’ una compagnia slovena che vende biancheria intima e compariva nelle ricerche digitando BHKIDS

Ancor piu’ inquietante la ricerca mostrava immagini di bambine nude, probabilmente di 6 anni

La stranezza e’ che quando si visitava normalmente il sito lisca.com non erano presenti immagini di bambini, tuttavia utilizzando la chiave BHKIDS si attivavano nuovi link, prima occultati.

Ho scoperto la funzionalita’ di BHKIDS digitando queste 3 parole in vietnamita che significano (NON FUMARE) da questa immagine di Obama e dello chef Bourdain

La ragione per cui ho rievocato questo punto e’ perche’ sembra che la chiave BHKIDS non funzioni solo per le aziendi di biancheria intima…

La Brookview House a Boston in Massachusetts e’ una organizzazione no-profit che fornisce alloggi e case per bambini orfani.

Ora, se BH fosse presente nel sito, non sarebbe un problema in quanto e’ l’acronimo di Brookview House, pensarla diversamente sarebbe da paranoici. Tuttavia non e’ presente, non ci sono link, pagine o citazioni, nulla, nada de nada.

Ma nello stesso esatto modo di lisca.com, scivendo BHKids su Google ecco cosa succede

(Potete provarlo voi stessi, i link sono ancora attivi alla scrittura di questo articolo)

La buona notizia e’ che non c’e’ niente di “indecente”. La cattiva notizia e’ che il sito nasconde le ricerche associate ai termini BHKIDS. Potrebbe certo essere una coincidenza, tuttavia il presidente e AD di Brookview e’ Deborah Hughes

La prima stagione di True Detective e’ stata uno dei migliori show televisivi dei miei tempi. Il telefilm ruota attorno a due investigatori che indagano su un culto satanico nel quale sono coinvolti anche membri di alto livello della polizia, complici nell’aver coperto abusi sessuali di minori e traffico di esseri umani. I creatori hanno deciso di utilizzare questo simbolo per identicare il culto satanico:

Si tratta di un ovvio riferimento al simbolo utilizzato dai pedofili:

Simbolo che e’ presente nell’episodio 6 della terza stagione

La prima stagione di True Detective ebbe cosi tanto successo perche' analizzo’ nel dettaglio la natura del suo soggetto. Dal mio punto di vista, solamente qualcuno con conoscenze sugli schemi simbolici e comportamentali dell’elite pedofila, avrebbe potuto realizzare uno show che riesce sempre a ritrarre con esatezza questo mondo spaventoso.

Questo simbolo pedofilo

viene spesso scambiato per un “cerchio” quando in realta’ e’ un derivato dell’originale “Spirangle”

La forma del primo rimane “triangolare” nonostante sia quasi sublimata in un cerchio. Riferendosi al simbolo in True Detective questa attenzione al dettaglio per i simboli che fanno riferimento ai gruppi di pedofili, potrebbe potenzialmente derivare da una comprensione piu’ profonda dell’argomento rispetto alla maggior parte di noi.

Una comprensione di cosa questi culti vogliono trasmetterci. Questa e’ la scena di apertura della prima stagione di True Detective, vediamo se qualcosa risuona:

Potete skippare direttamente a 1:56: “NO SMOKING”
BH M(inors)?

Lo show e’ prodotto dalla BlumHouse Productions:

BHad BHabie

Funziona cosi’ in questi “Ranch” (In America ci sono show tv dove ragazzi irrequieti vengono mandati in ranch isolati per essere rieducati n.d.r.) non hai cellulare, internet, non hai prove per dimostrare quello che succede e lo staff copre tutto.
Abusata a 17 da membri dello staff
I bambini venivano legati, strangolati e spinti contro il muro e abusati sessualmente a Provo. Non potevo riportare questi abusi alla mia famiglia perche’ tutte le comunicazioni erano monitorate e censurate

CONCLUDENDO

Non sono del tutto sicuro della natura di BH o dell’enigmatico simbolo a spirale dei pedofili o della possibilita’ che un culto elitario pedofilo che sacrifica bambini esista ai nostri giorni. Ma qualche volta, quando sono dell’umore giusto sospetto che le mie convinzioni sulla natura del male di questo mondo sono vere, ma subito dopo questa nozione tende a dissolversi e ho dei dubbi. Dubbi che a volte mi fanno vacillare data l’estensione di questo male. Rimango tuttavia che la “malattia dell’elite” esista e sia radicata da millenni.

Fonte

crop-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il documentario su Paris Hilton rivela che e` stata sottoposta a torture stile Mkultra

Il documentario “This is Paris” rivela che Paris Hilton è stata rapita e costretta a frequentare una scuola che praticava torture in stile MKULTRA. Forse a malincuore, il documentario mostra anche come Paris sia ancora sotto il controllo di potenti gestori.

Se uno ricorda i primi anni 2000, potrebbe ricordare degli stronzi che indossavano cappelli da camionista di Ed Hardy e tutti erano ossessionati da Paris Hilton. Il reality show The Simple Life ha cristallizzato il suo personaggio di “bionda stupida viziata” mentre l’intera serie ruotava attorno al suo essere ignorante.

Ebbene, secondo il nuovo documentario This Is Paris, era tutto falso. Inoltre, afferma che Paris è in realtà una brillante imprenditrice che ha creato un marchio estremamente redditizio utilizzando appieno il potere dei social media. Il documentario ripete più volte che Paris è l’influencer originale … il che probabilmente è vero.

Anche se This is Paris trascorre molto tempo a documentare una vita affascinante piena di viaggi stravaganti e abiti fantasiosi, rivela anche alcuni capitoli più oscuri della vita di Paris. Ad esempio: i suoi genitori hanno pagato per farla “rapire” e per mandarla in un collegio dove gli studenti venivano abusati, drogati e torturati quotidianamente.

Perché l ‘”ereditiera dell’impero Hilton” sarebbe stata mandata volentieri in un posto così orribile dai suoi genitori? Il ragionamento è piuttosto strano. In effetti, l’intero documentario è girato in modo strano e manipolatore. In effetti, mentre This is Paris contiene elementi che si trovano in documentari standard come interviste e filmati d’archivio, la maggior parte di essi è girato stile reality (ovvero come Keeping Up With The Kardashians).

Volenti o nolenti, il documentario rivela in realtà che Paris è ancora sotto il controllo di potenti gestori dell’industria. Ecco uno sguardo a This is Paris.

ABUSO IN STILE MKULTRA
Il documentario inizia con Paris che viaggia in luoghi esotici mentre dice “Yaass!” alle cose che le piacciono. Quindi, le cose prendono una piega più oscura. Paris afferma:

“Nella mia infanzia è successo qualcosa di cui non ho mai parlato con nessuno. L’ho sperimentato e, fino ad oggi, sono ancora traumatizzata “.
Secondo il documentario, l’adolescente Parigi amava sgattaiolare fuori di casa e fare festa. Nel tentativo di correggere questo difetto, i suoi genitori l’hanno mandata a un programma in mezzo alla natura selvaggia per “ragazzi e ragazze che avevano bisogno di un cambiamento di atteggiamento e direzione”. Non è andata molto bene per lei.

Dopo un tentativo fallito di scappare dal campo, Paris è stata presa a schiaffi in faccia di fronte a tutti gli altri per dare l’esempio.

All’età di 17 anni, i suoi genitori hanno fatto in modo che due persone la “rapissero” e la portassero in un collegio

La ricreazione del documentario di questo disgustoso momento familiare.

Paris è stata inviata alla Provo Canyon School nello Utah, un istituto con una lunga storia di accuse di abusi. La scuola esiste ancora oggi e il suo sito web ufficiale mostra un disclaimer riguardo la pubblicita` negativa ricevuta dai media.

Un avviso sul sito ufficiale della Provo Canyon School.

La descrizione di Paris Hilton della sua esperienza in questa scuola indica che venivano utilizzati abusi e torture in stile MKULTRA:

Sei seduto su una sedia a fissare il muro tutto il giorno e vieni sgridato o colpito”.

“Mi sentivo come se molte delle persone che lavoravano lì si dilettavano a torturare i bambini e a vederli nudi”.

“Avrebbero prescritto a tutti queste pillole. Non sapevo cosa mi stavano dando. Mi sentivo così stanca e insensibile. Alcune persone in quel posto non c’erano piu` a livello mentale. Tipo, erano li fisicamente ma non mentalmente “.

“L’isolamento era come qualcosa uscito da Qualcuno volò sul nido del cuculo. Avrebbero costretto le persone a spogliarsi e ad entrare lì, tipo, per 20 ore. Qualcuno era nell’altra stanza con una camicia di forza che gridava. Stavo gelando, stavo morendo di fame, ero sola e avevo paura ”.

Come spiegato nell’articolo Origini e tecniche del controllo mentale Monarch, tutti i “trattamenti” sopra descritti sono i prodotti base dell’MKULTRA. L’abuso, le droghe e la tortura hanno lo scopo di “spezzare” la vittima e provocare la dissociazione.

Provo Canyon School è un vero sito di programmazione MK? O ne usa una versione “leggera” per “riprogrammare” i suoi studenti in difficoltà? Non e` chiaro.

Ad un certo punto Paris dice:

“Ha fatto si che non mi fidassi piu` di nessuno, nemmeno della mia famiglia”.

Nonostante ciò, il documentario mostra che la sua famiglia e alcune potenti persone esterne stanno ancora controllando la sua vita.

AMBIENTE CONTROLLATO
Mentre il documentario presenta Paris come una sopravvissuta che ha raggiunto la libertà attraverso il successo, mostra anche che è circondata da persone che sembrano essere estremamente controllanti.

La prima è sua madre Kathy Hilton. Era un’attrice bambina cresciuta nel mondo dello spettacolo. A un certo punto, Paris dice: “Mia madre mi tratta come se avessi 12 anni”. il che la dice lunga sul suo rapporto con la sua famiglia.
Sebbene Kathy abbia organizzato il rapimento di Paris e l’invio alla scuola di Provo Canyon, apparentemente ha appreso degli abusi che stavano accadendo lì solo durante le riprese del documentario.

La reazione di Kathy Hilton dopo che le è stato detto che Paris era stata abusata in quella scuola.

Come può una famiglia ricca e ben collegata come gli Hilton non sapere delle cose che stavano accadendo in quella scuola prima di mandare una delle loro figlie?

Ho detto UNA delle loro figlie perché l’altra non è andata lì: si tratta di Nicky Hilton Rothschild.

Nicky Hilton Rothschild spiega quanto sia dura con Paris perché tutti si comportano da yesman.

Contrariamente a Paris che si lamenta di ritrovarsi costantemente con fidanzati intimiditi dalla sua ricchezza, Nicky ha trovato un modo per essere la “povera ragazza” nel suo matrimonio. Infatti, mentre la fortuna della famiglia degli Hilton è stimata attorno ai $ 900 milioni, la ricchezza della famiglia di suo marito è stimata attorno a … fai un respiro profondo … $ 700 trilioni.

Questo perché è sposata con James Rothschild, l’unico figlio di Amschel Mayor James Rothschild, il presidente esecutivo di Rothschild Asset Management della famiglia di banchieri Rothschild d’Inghilterra. In altre parole, è sposata nell’élite.

In tutto il documentario, Nicky sembra essere piuttosto dura e critica nei confronti di sua sorella. Quando Paris chiede a Nicky perché non è stata mandata in collegio, lei risponde: “Sei stata molto cattiva” con poca o nessuna compassione. Insomma, è quasi come se Nicky fosse sempre “protetta” dai suoi genitori mentre Paris era la “prescelta” per diventare una pedina dell’industria.

Oltre alla sua famiglia, ci sono alcune persone potenti dell’industria che girano attorno a Paris. Ad esempio, il “media strategist” Sheeraz Hasan è stato visto mentre gestiva gli eventi di Parigi durante il documentario.

Sheeraz Hasan parla di come ha costruito un’intera attività di paparazzi “sulle spalle di Paris Hilton”.

Secondo l’articolo di Medium  Meet Sheeraz Hasan the man who controls Hollywood,… L’articolo afferma:

“Nel 2010, Sheeraz ha fondato la sua società di social media e di marketing Sheeraz Inc. Ha supervisionato campagne per alcune delle celebrità più famose al mondo, tra cui Kim Kardashian, Jennifer Lopez. Justin Bieber, Selena Gomez, Zendaya, Priyanka Chopra, Paris Hilton e la famiglia Jackson, oltre a marchi riconosciuti a livello internazionale tra cui Procter & Gamble, Unilever, AB InBev, Johnson & Johnson, Pantene e Gillette, generando oltre $ 2 miliardi. Ha lavorato con agenzie governative e imprenditori in Europa, Medio Oriente, India e Asia. “

Hasan sembra essere specializzato in schiavi del settore come Kim Kardashian, Kylie Jenner, Justin Beiber, Selena Gomez, Lindsay Lohan e, ovviamente, Paris Hilton. Durante il documentario, vediamo Hasan che filma Paris con il suo telefono mentre la chiama “boss b*tch”. Tuttavia, poco dopo, lo vediamo dire a Paris di andare a letto in modo prepotente e autorevole.

Hasan simbolicamente torreggia su Parigi mentre le dice di andare a letto. Ripete: “Hair and glam at 8. Ready at 8”.. Poi se ne va con uno sguardo infastidito.

Chi è davvero il “boss bitch” in questo scenario?

Poi, c’è quest’altro boss che gira con Paris da lungo tempo.

Parigi con Kris Jenner, capo della congrega Kardashian.

Ci sono diversi collegamenti tra Paris Hilton e i Kardashian. In primo luogo, entrambi usano i servizi di Sheeraz Hasan. In secondo luogo, Kim Kardashian ha iniziato la sua carriera come assistente di Paris.

Paris con la sua assistente Kim Kardashian nei primi anni 2000.

Terzo, sia Paris che Kim hanno raggiunto nuovi livelli di fama (e infamia) con i sex tape “trapelati”. Come spiegato nell’articolo Kanye West espone le verità oscure sui Kardashian, si dice che Kris Jenner abbia organizzato l’intero leak della pellicola con Kim Kardashian. Le stesse forze sono state coinvolte nel video porno di Paris? Nel documentario, Paris dice:

“È stato un momento privato di un’adolescente che non stava molto bene. E tutti lo guardavano e ridevano. Era come essere violentata elettronicamente”.

Questa umiliazione forzata faceva parte della sua “iniziazione” nell’industria?

CONCLUDENDO
Anche se This is Paris rivela alcuni fatti interessanti su Paris Hilton, non ci vuole molto prima di rendersi conto che c’è qualcosa di strano in questo documentario. La sua intera atmosfera da reality TV sceneggiato indica che la sua narrazione è stata accuratamente modellata per servire scopi specifici. Una mente cinica direbbe che il “documentario” era in realtà un tentativo di ribrandizzare Paris, per aggiungere profondità al suo personaggio e, forse, renderla di nuovo in qualche modo rilevante. Una mente ancora più cinica sosterrebbe che i gestori di Paris hanno focalizzato la narrazione del documentario per rivelare gli abusi nel suo passato mentre ripulivano da ogni colpa i suoi gestori.

Mentre il documentario presenta Paris come una donna di successo che si è liberata dal suo passato, i personaggi loschi che ancora ruotano intorno a lei indicano che probabilmente è più controllata che mai.

Fonte

leadthisisparis

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €