Archivi Blog

Il New England Journal of Medicine: i pazienti COVID non vaccinati sono contagiosi per MENO tempo rispetto a quelli sottoposti a vaccinazione o richiami.

Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ha mostrato che le persone vaccinate contro COVID-19 sono rimaste contagiose con il virus per un periodo di tempo più lungo rispetto alle loro controparti non vaccinate.

La disparità di contagiosità è stata particolarmente pronunciata tra i non vaccinati e gli individui che non hanno ricevuto un’iniezione di richiamo.

I risultati sono stati pubblicati in una lettera all’editore firmata da dozzine di medici di vari ospedali di Boston, Massachusetts, nel prestigioso New England Journal of Medicine a giugno. Da luglio 2021 a gennaio 2022, i ricercatori hanno studiato 66 partecipanti che hanno contratto il COVID-19, comprese 32 persone con la variante Delta e 34 con la variante Omicron.

I ricercatori hanno compilato una serie di grafici che tracciano per quanto tempo le persone sono rimaste contagiose con il virus, utilizzando sia i test PCR che le colture virali come indicatori.

Quando i dati sono stati separati nelle categorie “non vaccinati”, “vaccinati” e “con richiamo”, le persone che non hanno ricevuto un vaccino COVID-19 sono state contagiose per un periodo di tempo più breve.

Per quanto riguarda i test PCR positivi, entro i primi 10 giorni dalla contrazione del virus il 68,75% dei soggetti non vaccinati non era più contagioso. Al contrario, solo il 29,72% delle persone vaccinate e il 38,46% delle persone con il richiamo non erano più contagiose.

A quindici giorni dall’inizio dello studio, rispettivamente il 93,75% e il 92,31% delle persone non vaccinate e con il richiamo non erano più contagiose; tuttavia, solo il 78,38% delle persone vaccinate non era contagioso.

Lo studio segue una serie di rapporti e analisi simili condotti da ricercatori che hanno dedotto conclusioni simili che minano l’efficacia dei vaccini COVID-19.

L’immunità naturale ha anche dimostrato di essere superiore nella lotta contro l’infezione iniziale di COVID-19.

Nonostante questi dati, che sono stati regolarmente censurati dai “fact checkers” dei social media, la Casa Bianca e i media mainstream hanno continuato a promuovere acriticamente i vaccini COVID-19.

L’adozione dei vaccini COVID-19 da parte di aziende tra cui Pfizer e Moderna segue massicce campagne di lobbying e sforzi di spesa da parte dei giganti farmaceutici.

Fonte

say-no-to-vaccines

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

5,00 €

Lo scandalo (taciuto) dei test PCR e le “false pandemie” del passato

Come vengono rilevati i virus
Prima dell’invenzione della PCR, il gold standard per rilevare i virus era farli crescere in una coltura di cellule viventi e contare le cellule danneggiate usando un microscopio.

Lo svantaggio delle colture cellulari è che necessitano di tecnici altamente qualificati e possono richiedere settimane per essere completate. Il vantaggio è che contano solo i virus viventi che si moltiplicano e danneggiano le cellule. I frammenti di virus morti che non fanno né l’uno né l’altro vengono automaticamente scontati.

L’invenzione della PCR nel 1983 è stata un punto di svolta. Invece di aspettare che i virus crescano naturalmente, la PCR moltiplica rapidamente piccole quantità di DNA virale in modo esponenziale in una serie di cicli di riscaldamento e raffreddamento che possono essere automatizzati e completati in meno di un’ora.

La PCR ha rivoluzionato la biologia molecolare, ma la sua applicazione più notevole è stata nel rilevamento delle impronte genetiche, dove la sua capacità di ingrandire anche le più piccole tracce di DNA è diventata un’arma importante nella lotta contro il crimine.

Ma, come una potente lente d’ingrandimento o un obiettivo zoom, se è abbastanza potente da trovare un ago in un pagliaio, è abbastanza potente da creare montagne da piccoli mucchietti di terra.

Persino l’inventore della PCR, Kary Mullis, che vinse il Premio Nobel per la Chimica nel 1993, si oppose con veemenza all’uso della PCR per diagnosticare le malattie: “La PCR è un processo che viene utilizzato per ricavare molto da qualcosa. Ti permette di prendere una piccolissima quantità di qualsiasi cosa e renderla misurabile e poi parlarne come se fosse importante.“

La PCR ha sicuramente permesso alle autorità sanitarie pubbliche e ai media di tutto il mondo di parlare di una nuova variante del Coronavirus come se fosse importante, ma quanto è davvero importante?

La dose fa il veleno
Tutto può essere mortale in dosi sufficientemente elevate, anche ossigeno e acqua. Sin dai tempi di Paracelso nel XVI secolo, la scienza sa che non esistono cose come i veleni, ma solo concentrazioni velenose:

“Tutte le cose sono veleno, e niente è senza veleno; il dosaggio da solo fa il veleno.” (Paracelso, dritte defensio, 1538.)

Questo principio di base è espresso nell’adagio “dosis sola facit venenum” – la dose da sola fa il veleno – ed è la base per tutti gli standard di sanità pubblica che specificano le dosi massime consentite (MPD) per tutti i rischi noti per la salute, dalle sostanze chimiche e radiazioni a batteri, virus e persino rumore.

Standard, scienza e diritto della sanità pubblica
Tossicologia e Giurisprudenza sono entrambe materie altamente specializzate con un proprio linguaggio altamente specializzato. A seconda della giurisdizione, le dosi massime consentite (MPD) sono anche note come limiti di esposizione basati sulla salute (HBEL), livelli di esposizione massima (MEL) e limiti di esposizione consentiti (PEL). Ma, non importa quanto complicato e confuso sia il linguaggio, i principi di base sono semplici.

Se la dose da sola fa il veleno, allora è la dose che è la più grande preoccupazione, non il veleno. E se gli standard di salute pubblica in una democrazia liberale sono regolati dallo stato di diritto, allora la legge deve essere abbastanza semplice da essere compresa da una giuria di laici ragionevolmente intelligenti.

Sebbene il danno causato da qualsiasi tossina aumenti con la dose, il livello di danno dipende non solo dalla tossina, ma anche dalla suscettibilità dell’individuo e dal modo in cui la tossina viene erogata. Le dosi massime consentite devono trovare un equilibrio tra il vantaggio di aumentare la sicurezza e il costo di farlo. Ci sono molti fattori politici, economici e sociali da considerare oltre alla tecnologia (PEST).

Prendiamo ad esempio il caso del rumore. Il più piccolo sussurro può essere irritante e dannoso per alcune persone, mentre la musica più forte può essere nutriente e salutare per altri. Se la dose massima consentita fosse fissata a un livello tale da proteggere i più sensibili da qualsiasi rischio di danno, la vita sarebbe impossibile per tutti gli altri.

Le dosi massime consentite devono bilanciare i costi ei benefici della limitazione dell’esposizione al livello di nessun effetto osservabile (NOEL) a un’estremità della scala e al livello che ucciderebbe il 50% della popolazione all’altra (LD50).

Batteri e virus sono diversi dalle altre tossine, ma il principio è lo stesso. Poiché si moltiplicano e aumentano la loro dose con il tempo, le dosi massime consentite devono essere basate sulla dose minima che potrebbe avviare un’infezione nota come dose infettiva minima (MID).

Prendiamo ad esempio il caso della listeria monocytogenes. Sono i batteri che causano la listeriosi, una malattia grave che può provocare meningite, sepsi ed encefalite. Il tasso di mortalità è di circa il 20%, il che lo rende dieci volte più mortale del Covid-19.

Eppure la listeria è molto diffusa nell’ambiente e può essere rilevata nella carne e nelle verdure crude, nonché in molti cibi pronti, tra cui carne e pesce cotti, latticini, panini e insalate precotti.

La dose minima negli alimenti che può causare un’epidemia di listeriosi è di circa 1.000 batteri vivi per grammo. Consentendo un adeguato margine di sicurezza, gli standard alimentari dell’UE e degli Stati Uniti fissano la dose massima consentita di listeria nei prodotti pronti al consumo al 10% della dose infettiva minima, o 100 batteri vivi per grammo.

Se le dosi massime consentite si basavano esclusivamente sull’individuazione di un batterio o di un virus piuttosto che sulla dose, l’industria alimentare cesserebbe di esistere.

Protezione dei vulnerabili
La regola generale per impostare le dosi massime consentite era il 10% della MID per batteri e virus e il 10% della LD50 per altre tossine, ma negli ultimi anni questa è stata oggetto di crescenti critiche: prima con le radiazioni, poi con il Fumo di tabacco (ETS), poi con il fumo in generale, e poi con i virus.

L’idea che non ci sia una dose sicura di alcune tossine iniziò a emergere negli anni ’50, quando le ricadute radioattive dei test sulla bomba atomica e le radiazioni dei raggi X mediche furono collegate al drammatico aumento postbellico di tumori e difetti alla nascita.

Sebbene questo sia stato respinto dalla scienza all’epoca, non era del tutto infondato. Ci sono molte ragioni per cui le radiazioni possono essere diverse da altri inquinanti. Le sostanze chimiche come il carbonio, l’ossigeno, l’idrogeno e l’azoto vengono riciclate naturalmente dall’ambiente, ma non esiste un ciclo delle radiazioni. La radioattività scompare solo gradualmente con il tempo, non importa quante volte viene riciclata. Alcune sostanze radioattive rimangono pericolose per periodi più lunghi della storia umana.

Tutte le forme di vita sono alimentate da processi chimici, nessuna dall’energia nucleare. L’ultimo reattore nucleare naturale sulla terra è bruciato più di 1,5 miliardi di anni fa. Il più vicino ora è isolato dalla vita sulla terra da 93 milioni di miglia di vuoto.

Poiché le prove aumentavano per dimostrare che non esisteva una dose sicura di radiazioni, le dosi massime consentite furono ridotte drasticamente, ma erano ancora consentite dosi limitate. Se gli standard di salute pubblica si basassero esclusivamente sulla rilevazione delle radiazioni piuttosto che sulla dose, l’industria nucleare cesserebbe di esistere.

La suscettibilità di qualsiasi individuo a qualsiasi rischio per la salute dipende da molti fattori. La maggior parte delle persone può mangiare semi di sesamo e sopravvivere alle punture di api senza chiamare un’ambulanza, per altri possono essere fatali. Negli Stati Uniti api e vespe uccidono in media più di 60 persone ogni anno e le allergie alimentari causano in media 30.000 ricoveri e 150 decessi.

Se gli standard di salute pubblica si basassero esclusivamente sul rilevamento di una tossina piuttosto che sulla dose, tutte le api verrebbero sterminate e tutta la produzione alimentare sarebbe chiusa.

Le allergie alimentari costituiscono il precedente legale. Laddove minuscole tracce di qualcosa potrebbero essere dannose per alcune persone, la legge richiede che i prodotti portino un chiaro avvertimento per consentire alle persone vulnerabili di proteggere la propria salute. Non richiede che tutti gli altri paghino il prezzo, non importa quale sia il costo, abbassando le dosi massime consentite fino al punto di nessun effetto osservabile.

Le dosi minime infettive (MID) sono già state stabilite per molti dei principali virus respiratori ed enterici, inclusi i ceppi di coronavirus. Anche se SARS-CoV-2 è una nuova variante del coronavirus, il MID è già stato stimato in circa 100 particelle. Sebbene sia necessario ulteriore lavoro, tuttavia potrebbe fungere da standard di lavoro per misurare le infezioni da Covid-19.

I numeri della PCR sono scientifici?
Come ha osservato il filosofo della scienza Karl Popper: “i singoli eventi non riproducibili non hanno alcun significato per la scienza”.

Per essere riproducibili, i risultati di un test devono essere confrontati con un piccolo margine di errore con i risultati di altri test. Per rendere questo possibile tutti gli strumenti di misura sono calibrati secondo gli standard internazionali. Se non lo sono, le loro misurazioni possono sembrare significative, ma non hanno alcun significato nella scienza.

I test PCR ingrandiscono il numero di particelle di DNA bersaglio in un tampone in modo esponenziale fino a quando non diventano visibili. Come un potente obiettivo zoom, maggiore è l’ingrandimento necessario per vedere qualcosa, più piccolo è effettivamente.

L’ingrandimento in PCR è misurato dal numero di cicli necessari per rendere visibile il DNA. Conosciuto come numero di soglia del ciclo (Ct) o ciclo di quantificazione (Cq), maggiore è il numero di cicli minore è la quantità di DNA nel campione.

Per convertire i numeri Cq in dosi devono essere calibrati rispetto ai numeri Cq delle dosi standard. In caso contrario, possono essere facilmente gonfiati a dismisura e apparire più significativi di quanto non siano in realtà.

Prendi ad esempio la pubblicità di un’auto. Con la luce giusta, la giusta angolazione e il giusto ingrandimento, un modello in scala può sembrare reale. Possiamo misurare la vera dimensione delle cose solo se abbiamo qualcosa con cui misurarle.

Proprio come una moneta accanto a una macchinina dimostra che non è vera, e una scarpa accanto a un cumulo di talpe mostra che non è una montagna, il Cq di una dose standard accanto al Cq di un campione mostra quanto è grande la dose .

Quindi è allarmante scoprire che non esistono standard internazionali per i test PCR e ancora più allarmante scoprire che i risultati possono variare fino a un milione di volte, non solo da paese a paese, ma da test a test.

Anche se questo è ben documentato nella letteratura scientifica, sembra che i media, le autorità sanitarie pubbliche e i regolamenti governativi non se ne sono accorti o non se ne preoccupano:

“Va notato che attualmente non esiste una misura standard della carica virale nei campioni clinici”.

“Una valutazione di otto bersagli virali clinicamente rilevanti in 23 diversi laboratori ha portato a intervalli di Cq superiori a 20, indicativi di una differenza apparentemente di milioni di volte nella carica virale nello stesso campione”.

L’evidente mancanza di standard certificati o addirittura di controlli convalidati per consentire una correlazione tra i dati RT-qPCR e il significato clinico richiede un’attenzione urgente da parte degli standard nazionali e delle organizzazioni di metrologia, preferibilmente come sforzo coordinato a livello mondiale”.

“Certamente l’etichetta “standard di riferimento” è sconsigliata, in quanto non solo sono in uso numerosi dosaggi, protocolli, reagenti, strumenti e metodi di analisi, ma attualmente non esistono standard di quantificazione certificati, controlli di estrazione e inibizione dell’RNA, o procedure di segnalazione standardizzate”.

Anche il CDC stesso ammette che i risultati dei test PCR non sono riproducibili:

“Poiché il bersaglio dell’acido nucleico (l’agente patogeno di interesse), la piattaforma e il formato differiscono, i valori Ct di diversi test RT-PCR non possono essere confrontati“.

Per questo motivo i test PCR sono autorizzati in base alle normative di emergenza per la rilevazione del tipo o della “qualità” di un virus, non per la dose o la “quantità” di esso.

“A partire dal 5 agosto 2021, tutti i test diagnostici RT-PCR che avevano ricevuto un’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) della Food and Drug Administration (FDA) statunitense per i test SARS-CoV-2 erano test qualitativi“.

“Il valore Ct viene interpretato come positivo o negativo, ma non può essere utilizzato per determinare la quantità di virus presente in un singolo campione del paziente”.

Solo perché possiamo rilevare l'”impronta genetica” di un virus non prova che sia la causa di una malattia:

“Il rilevamento dell’RNA virale potrebbe non indicare la presenza di virus infettivo o che il 2019-nCoV sia l’agente eziologico dei sintomi clinici”.

Quindi, mentre non c’è dubbio che l’uso della PCR per identificare l’impronta genetica di un virus Covid-19 sia il gold standard nella scienza molecolare, c’e` altrettanta sicurezza che usarlo come gold standard per quantificare i “casi” e le “morti” di Covid-19 ‘ è “sconsiderato”.

L’idea che la PCR possa essere stata utilizzata per creare una montagna da un mucchietto di terra facendo esplodere a dismisura un’epidemia di malattia relativamente ordinaria è così scioccante che è letteralmente impensabile. Ma non sarebbe la prima volta che accade.

L’epidemia che non c’è stata
Nella primavera del 2006 il personale del Dartmouth-Hitchcock Medical Center nel New Hampshire ha iniziato a mostrare sintomi di infezione respiratoria con febbre alta e tosse ininterrotta che li ha lasciati senza fiato e sono durati per settimane.

Utilizzando le più recenti tecniche di PCR, i laboratori di Dartmouth-Hitchcock hanno trovato 142 casi di pertosse, che causano polmonite negli adulti vulnerabili e possono essere mortali per i bambini.

Le procedure mediche sono state cancellate, i letti d’ospedale sono stati resi non disponibili. Quasi 1.000 operatori sanitari sono stati licenziati, 1.445 sono stati trattati con antibiotici e 4.524 sono stati vaccinati contro la pertosse.

Otto mesi dopo, quando il dipartimento sanitario statale aveva completato i test colturali standard, non fu possibile confermare un solo caso di pertosse. Sembra che Dartmouth-Hitchcock abbia avuto un’epidemia di malattie respiratorie ordinarie non più gravi del comune raffreddore!

Il gennaio successivo il New York Times pubblicò la storia sotto il titolo “Faith in Quick Test Leads to Epidemic That Wasn’t.”. “Le pseudo-epidemie si verificano continuamente”, ha affermato la dott.ssa Trish Perl, ex presidente della Society of Epidemiologists of America. “È un problema; sappiamo che è un problema. La mia ipotesi è che quello che è successo a Dartmouth diventerà più comune”.

“I test PCR sono rapidi ed estremamente sensibili, ma la loro stessa sensibilità rende probabili falsi positivi” ha riportato il New York Times, “e quando centinaia o migliaia di persone vengono testate, come è successo a Dartmouth, i falsi positivi possono far sembrare che ci sia un epidemia.”

La dottoressa Cathy A. Petti, specialista in malattie infettive presso l’Università dello Utah, ha affermato che la storia ha avuto una chiara lezione. “Il grande messaggio è che ogni laboratorio è vulnerabile ad avere falsi positivi. Nessun singolo risultato del test è assoluto e questo è ancora più importante con un risultato del test basato sulla PCR.

Il panico dell’influenza suina del 2009
Nella primavera del 2009 un bambino di 5 anni che viveva vicino a un allevamento intensivo di suini in Messico si è ammalato di una malattia sconosciuta che ha causato febbre alta, mal di gola e dolori a tutto il corpo. Diverse settimane dopo, un laboratorio in Canada ha testato un tampone nasale del ragazzo e ha scoperto una variante del virus dell’influenza simile al virus dell’influenza aviaria H1N1 che hanno etichettato come H1N1/09, presto noto come “Influenza suina“.

Il 28 aprile 2009 una societa` del Colorado ha annunciato di aver sviluppato MChip, una versione del FluChip, che ha consentito ai test PCR di distinguere il virus dell’influenza suina H1N1/09 ​​da altri tipi di influenza.

“Dal momento che il test FluChip può essere condotto in un solo giorno”, ha affermato il principale sviluppatore e CEO di InDevR, la prof.ssa Kathy Rowlen, “potrebbe essere impiegato nei laboratori statali di sanità pubblica per migliorare notevolmente la sorveglianza dell’influenza e la nostra capacità di tracciare il virus”.

Fino a quel momento la parte superiore della homepage della preparazione alla pandemia dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) aveva riportato la dichiarazione:

“Una pandemia di influenza si verifica quando appare un nuovo virus influenzale contro il quale la popolazione umana non ha immunità, provocando diverse epidemie simultanee in tutto il mondo con un numero enorme di morti e malattie”.

Meno di una settimana dopo l’annuncio di MChip, l’OMS ha rimosso la frase “numero enorme di decessi e malattie”, per richiedere solo che “apparisse un nuovo virus dell’influenza contro il quale la popolazione umana non ha immunità” prima che un focolaio di influenza fosse chiamato un ‘pandemia.’

Non appena i laboratori hanno iniziato i test PCR con MChip, hanno riscontrato H1N1/09 ​​ovunque. All’inizio di giugno quasi tre quarti di tutti i casi di influenza sono risultati positivi all’influenza suina.

Le notizie mainstream hanno riportato l’aumento dei casi su base giornaliera, confrontandolo con la pandemia di influenza aviaria H1N1 nel 1918 che ha ucciso più di 50 milioni di persone. Ciò che hanno trascurato di menzionare è che, sebbene abbiano nomi simili, l’influenza aviaria H1N1 è molto diversa e molto più letale dell’influenza suina H1N1/09.

Anche se fino a quel momento c’erano stati meno di 500 decessi rispetto a più di 20.000 morti in una grave epidemia di influenza, le persone si sono riversate nei centri sanitari chiedendo di essere testati, producendo “casi” ancora più positivi.

A metà maggio, i rappresentanti di alto livello di tutte le principali aziende farmaceutiche si sono incontrati con il direttore generale dell’OMS, Margaret Chan, e il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki Moon, per discutere della consegna dei vaccini contro l’influenza suina. Molti contratti erano già stati firmati. La Germania aveva un contratto con GlaxoSmithKline (GSK) per l’acquisto di 50 milioni di dosi al costo di mezzo miliardo di euro che è entrato in vigore automaticamente nel momento in cui è stata dichiarata la pandemia. Il Regno Unito ha acquistato 132 milioni di dosi, due per ogni abitante del paese.

L’11 giugno 2009 il direttore generale dell’OMS Margaret Chan ha annunciato:

“Sulla base delle valutazioni degli esperti delle prove, i criteri scientifici per una pandemia influenzale sono stati soddisfatti. Il mondo è ora all’inizio della pandemia influenzale del 2009”.

Il 16 luglio il Guardian ha riferito che l’influenza suina si stava diffondendo rapidamente in gran parte del Regno Unito con 55.000 nuovi casi la settimana precedente solo in Inghilterra. Il Chief Medical Officer del Regno Unito, il professor Sir Liam Donaldson, ha avvertito che nel peggiore dei casi il 30% della popolazione potrebbe essere infettata e 65.000 uccisi.

Il 20 luglio uno studio su The Lancet, coautore dell’OMS e del consigliere del governo britannico, Neil Ferguson, ha raccomandato di chiudere scuole e chiese per rallentare l’epidemia, limitare lo stress sul servizio sanitario nazionale e “dare più tempo alla produzione di vaccini”.

Lo stesso giorno il direttore generale dell’OMS, Margaret Chan, ha annunciato che “i produttori di vaccini potrebbero produrre 4,9 miliardi di vaccini antinfluenzali pandemici all’anno nel migliore dei casi”. Quattro giorni dopo, un portavoce ufficiale dell’amministrazione Obama ha avvertito che “ben diverse centinaia di migliaia di persone potrebbero morire se una campagna di vaccini e altre misure non hanno successo”.

Gli avvertimenti ebbero l’effetto desiderato. Quella settimana i tassi di consultazione nel Regno Unito per malattie simil-influenzali (ILI) erano ai massimi dall’ultima grave epidemia di influenza nel 1999/2000, anche se i tassi di mortalità erano ai minimi da 15 anni.

Il 29 settembre 2009 il vaccino Pandemrix di GlaxoSmithKline (GSK) è stato sottoposto ad approvazione dell’Agenzia europea per i medicinali, seguito rapidamente dal Celvapan di Baxter la settimana successiva. Il 19 novembre l’OMS ha annunciato che nel mondo erano state somministrate 65 milioni di dosi di vaccino.

Mentre l’anno volgeva al termine, divenne sempre più evidente che l’influenza suina non era tutto ciò che si pensava fosse. L’inverno precedente (2008/2009) l’Office for National Statistics (ONS) aveva riportato 36.700 morti in eccesso in Inghilterra e Galles, il più alto dall’ultima grave epidemia di influenza del 1999/2000. Anche se l’inverno del 2009 è stato il più freddo degli ultimi 30 anni, i decessi in eccesso sono stati inferiori del 30% rispetto all’inverno precedente. Qualunque cosa fosse l’influenza suina, non era mortale come le altre varianti influenzali.

Il 26 gennaio dell’anno successivo, Wolfgang Wodarg, medico tedesco e membro del parlamento, disse al Consiglio europeo di Strasburgo che le principali società farmaceutiche mondiali avevano organizzato una “campagna di panico” per vendere vaccini, facendo pressione sull’OMS per dichiarare cosa ha definito una “falsa pandemia” in “uno dei più grandi scandali della medicina del secolo”.

“Milioni di persone in tutto il mondo sono state vaccinate senza una buona ragione”, ha affermato Wodarg, aumentando i profitti dell’azienda farmaceutica di oltre 18 miliardi di dollari. Le vendite annuali del solo Tamiflu sono aumentate del 435%, raggiungendo i 2,2 miliardi di euro.

Da aprile 2010, era evidente che la maggior parte dei vaccini non era necessaria. Il governo degli Stati Uniti aveva acquistato 229 milioni di dosi di cui solo 91 milioni utilizzate. Delle eccedenze, una parte è stata immagazzinata alla rinfusa, una parte è stata inviata ai paesi in via di sviluppo e 71 milioni di dosi sono state distrutte.

Il 12 marzo 2010 SPIEGEL International ha pubblicato quella che ha chiamato “Ricostruzione di un’isteria di massa” che si è conclusa con una domanda:

“Queste organizzazioni hanno perso la fiducia del pubblico. Quando arriverà la prossima pandemia, chi crederà alle loro valutazioni?”

Ma non ci volle molto per trovare una risposta. A dicembre l’Independent ha pubblicato una storia dal titolo “Influenza suina, il virus killer che ha effettivamente salvato vite”.

L’ultimo rapporto dell’ONS sui decessi invernali in eccesso aveva mostrato che invece dei 65.000 decessi extra per influenza suina previsti dal Chief Medical Officer del Regno Unito, il professor Sir Liam Donaldson, i decessi nell’inverno del 2009 erano in realtà inferiori del 30% rispetto all’anno precedente.

Invece del basso tasso di mortalità che dimostrava che l’influenza suina era stata una finta pandemia, la fiducia nelle organizzazioni che avevano “giocato con la fiducia del pubblico” è stata rapidamente ripristinata ritraendo l’influenza suina come qualcosa che “ha effettivamente salvato vite” scacciando l’influenza comune.

PCR e legge
Ritrarre qualcosa come qualcosa che non è è un inganno. Farlo per profitto è una frode. Farlo guadagnando la fiducia delle vittime è una truffa.

In Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord la frode è disciplinata dal Fraud Act 2006 ed è suddivisa in tre classi: “frode mediante falsa rappresentazione”, “frode per mancata divulgazione di informazioni” e “frode mediante abuso di posizione”.

Una rappresentazione è falsa se la persona che la fa sa che può essere falsa o fuorviante. Se lo fanno per divertimento, è un trucco o una bufala. Se lo fanno per ottenere un guadagno o esporre gli altri a un rischio di perdita, si tratta di “frode mediante falsa rappresentazione”.

Se qualcuno ha il dovere di divulgare informazioni e non lo fa, potrebbe trattarsi di negligenza o semplice incompetenza. Se lo fanno per ottenere un guadagno o esporre gli altri a un rischio di perdita, è “frode non rivelando informazioni”.

Se occupano una posizione in cui ci si aspetta che non agiscano contro gli interessi degli altri e lo fanno per ottenere un guadagno o esporre gli altri a un rischio di perdita, si tratta di “frode da abuso di posizione”.

Nel caso di Dartmouth Hitchcock non c’è dubbio che l’uso della PCR per identificare una comune infezione respiratoria come pertosse fosse una “falsa rappresentazione”, ma è stato un errore onesto, fatto con le migliori intenzioni. Se si intendeva un guadagno, era per proteggere gli altri dal rischio di perdita, non per esporli ad esso. Non c’è stata mancanza di divulgazione delle informazioni e nessuno ha abusato della propria posizione.

Nel caso dell’influenza suina le cose non sono così chiare. Nel 2009 c’erano già molti avvertimenti da Dartmouth Hitchcock e molti altri incidenti simili che l’uso della PCR per rilevare l’impronta genetica di un batterio o di un virus potrebbe essere fuorviante. Peggio ancora, il potenziale della PCR di ingrandire le cose a dismisura crea opportunità per tutti coloro che guadagnerebbero facendo montagne da cumuli di sabbia e pandemie globali da epidemie stagionali relativamente ordinarie.

Il giornalista medio, avvocato, membro del parlamento o membro del pubblico può essere perdonato per non conoscere i pericoli della PCR, ma gli esperti di salute pubblica non avevano scuse.

Si può sostenere che il loro compito sia quello di proteggere il pubblico peccando per eccesso di cautela. Si può ugualmente sostenere che le enormi quantità di denaro spese dalle multinazionali farmaceutiche in marketing, pubbliche relazioni e lobbying creano enormi conflitti di interesse, aumentando il potenziale di soppressione delle informazioni e abuso di posizione in tutte le professioni, dalla politica e il giornalismo all’istruzione e salute pubblica.

La difesa è la completa divulgazione di tutte le informazioni, in particolare sul potenziale della PCR per identificare il colpevole sbagliato in un’infezione e farla esplodere a dismisura. Il fatto che questo non sia mai stato fatto è sospetto.

Se ci sono state azioni penali per frode, non sono state ampiamente pubblicizzate e se sono state sollevate domande o lezioni da apprendere sul ruolo della PCR nel creare il panico dell’influenza suina del 2009 sono state rapidamente dimenticate.

Il primo tentativo grossolano di rappresentare le cose nel mondo esterno è il giornalismo. Ma nessuna rappresentazione può essere vera al 100%. La “rappresentazione” è letteralmente una ri-rappresentazione di qualcosa che simboleggia o “sta per” qualcos’altro. Niente può catturare completamente ogni aspetto di una cosa tranne la cosa stessa. Quindi giudicare se una rappresentazione è vera o falsa dipende dal tuo punto di vista. È una questione di opinione, aperta al dibattito in altre parole.

In una democrazia libera e funzionante la prima linea di difesa contro la falsa rappresentazione è una stampa libera e indipendente. Laddove un’organizzazione giornalistica può rappresentare qualcosa come una cosa, un’organizzazione concorrente può rappresentarla come qualcosa di completamente diverso. Le rappresentazioni vengono quindi giudicate dal tribunale dell’opinione pubblica e si evolvono attraverso un processo di sopravvivenza del più adatto.

Anche se questo può essere vero in teoria, in pratica non lo è. La pubblicità dimostra che le persone scelgono le rappresentazioni più attraenti, non le più vere. Le testate giornalistiche sono finanziate da finanziatori che mettono al primo posto i propri interessi, non quelli del pubblico. Sia che l’intenzione sia quella di frodare deliberatamente il pubblico o semplicemente di vendere giornali creando polemiche, il potenziale per false rappresentazioni è enorme.

Processo mediatico
Nonostante la stessa ammissione del CDC che i test PCR “potrebbero non indicare la presenza di virus infettivo”, il suo uso per fare esattamente questo nel caso di Covid è stato accettato senza dubbio. Peggio ancora, le misure prese contro la messa in discussione della PCR sono diventate progressivamente più draconiane e subdole sin dall’inizio.

Lo stampo è stato fissato con l’annuncio della prima morte nel Regno Unito sabato 29 febbraio 2020. Tutti i giornali in Gran Bretagna riportavano la stessa storia in prima pagina:

“Leggi emergenziali per affrontare il coronavirus sono state introdotte con urgenza dopo che l’epidemia ha rivendicato la sua prima vita britannica ieri”, ha urlato il Daily Mail.

La prima vittima britannica ha contratto il virus sulla nave da crociera Diamond Princess in Giappone, non in Gran Bretagna, ma non importava. Con meno di 20 casi nel Regno Unito e una morte “britannica” in Giappone, i media avevano già deciso che fosse giustificato affrettarsi con le leggi di emergenza. Come facevano a sapere quanto fosse pericoloso? Come potevano prevedere il futuro? Avevano dimenticato le lezioni del panico dell’influenza suina del 2009?

Dopo quasi 2 settimane di allarmismo su giornali, TV e radio, il primo ministro Boris Johnson lo ha reso ufficiale durante la conferenza stampa di Downing Street giovedì 12 marzo 2020 quando ha dichiarato:

“Dobbiamo essere chiari. Questa è la peggiore crisi sanitaria da una generazione. Alcune persone lo paragonano all’influenza stagionale, purtroppo non è cosi`. A causa della mancanza di immunità, questa malattia è più pericolosa e si diffonderà ulteriormente”.

Nessuna di queste affermazioni ha resistito all’esame accurato, ma nessuno dei giornalisti scelti personalmente nella stanza aveva le giuste conoscenze per porre le domande giuste.

Dopo 20 minuti che hanno accecato la stampa e il pubblico con la scienza, Johnson ha concesso tempo alle domande. La prima domanda, da parte di Laura Kuenssberg della BBC, ha impostato lo stampo accettando senza dubbio la dichiarazione del Primo Ministro:

“Questa è, come dici lei, la peggiore crisi di salute pubblica da una generazione”.

Qualsiasi giornalista che ricordasse il panico dell’influenza suina del 2009, avrebbe potuto chiedere come il Primo Ministro sapeva, dopo appena 10 morti, che era la peggiore crisi di salute pubblica in una generazione?

Aveva una sfera di cristallo? O stava seguendo lo stesso modello dell’Imperial College che aveva previsto 136.000 morti per malattia della mucca pazza nel 2002, 200 milioni di morti per influenza aviaria nel 2005 e 65.000 morti per influenza suina nel 2009, tutte cose che si erano rivelate completamente sbagliate?

Poiché il principale corrispondente politico della BBC, Kuenssberg non dovrebbe saperne più di scienza, medicina o PCR di qualsiasi altro membro del pubblico in generale. Allora perché la BBC ha inviato il loro principale corrispondente politico a una conferenza stampa sulla salute pubblica e non il loro principale corrispondente scientifico o sanitario? E perché il PM ha scelto lei per fare la prima domanda?

Ma la BBC non era sola. Altri sei corrispondenti di importanti testate giornalistiche hanno posto domande quel giorno; tutti erano principali corrispondenti politici, nessuno era corrispondente di scienza o salute. Quindi nessuno dei giornalisti autorizzati a porre domande aveva le conoscenze necessarie per sottoporre il Primo Ministro e i suoi direttori scientifici e medici a un vero e proprio controllo.

Con l’aumento del numero di “casi” e “decessi” di coronavirus riportati quotidianamente e il solenne avvertimento del Primo Ministro che “molte famiglie perderanno i propri cari prima del tempo” che riempiono i titoli la mattina seguente, interrogarsi su cosa significassero effettivamente i numeri diventava sempre più impossibile.

Se la stampa e il pubblico avevano dimenticato il panico dell’influenza suina del 2009 e coloro che hanno contribuito a calmarlo hanno abbassato la guardia, coloro che avevano intenzione di guadagnare hanno imparato la lezione.

Sottoponi la crisi del coronavirus del 2020 a un attento esame e inizia a sembrare più una campagna pubblicitaria attentamente orchestrata per i produttori di vaccini che una vera pandemia. Ma quel controllo è stato reso impossibile per tutti i tipi di ragioni.

“Follow the money” era una volta l’epitome del giornalismo investigativo, reso popolare nel film sullo scandalo Watergate, “All The President’s Men”. Ora seguire i soldi si chiama “Teoria della cospirazione”.

L’idea che potrebbero esserci vere cospirazioni con l’intenzione di ottenere un guadagno o esporre gli altri a un rischio di perdita è stata ora spinta così oltre il limite che è letteralmente impensabile.

Se la PCR è stata processata dai media nel tribunale dell’opinione pubblica, il caso dell’accusa è stato demonizzato e archiviato all’inizio e subito dopo vietato dalla legislazione di emergenza.

L’ultima speranza
L’ultima linea di difesa contro la falsa rappresentazione sia nella scienza che nei media è la legge. Non è un caso che Scienza e Diritto utilizzino metodi e linguaggi simili. Le basi del Metodo Scientifico sono state poste dal Capo della Magistratura, il Lord Cancelliere d’Inghilterra Sir Francis Bacon, nel Novum Organum, pubblicato esattamente 400 anni fa lo scorso anno.

Entrambi si basano su “leggi”, entrambi si basano su prove fisiche concrete o “fatti”, entrambi spiegano i fatti in termini di “teorie”, entrambi testano fatti e teorie contrastanti in “processi” ed entrambi raggiungono verdetti attraverso giurie di pari. In ambito scientifico i peer sono selezionati dai comitati editoriali delle pubblicazioni scientifiche. In legge sono selezionati dai giudici.

Sia nel diritto che nella scienza i processi ruotano attorno a prove “empiriche” o “fatti” – prove fisiche concrete che possono essere verificate attraverso l’atto di sperimentare con i nostri cinque sensi di vista, udito, tatto, olfatto e gusto.

Ma i fatti da soli non bastano. Hanno “senso” solo quando vengono selezionati e organizzati in una sorta di teoria, narrativa o storia attraverso la quale possono essere interpretati e spiegati.

Ma c’è più di un modo per scuoiare un gatto, più di un modo di interpretare i fatti e più di un lato di ogni storia. Per giungere a un verdetto il piu` vero possibile, le teorie devono essere soppesate razionalmente l’una contro l’altra per giudicare i rapporti di quanto strettamente ciascuna interpretazione si adatti ai fatti.

La capacità della PCR di rilevare l’impronta genetica di un virus è provata oltre ogni ragionevole dubbio, ma non la sua capacità di fornire una rappresentazione fedele della causa, della gravità o della prevalenza di una malattia.

Testare le particelle di coronavirus in un tampone non è diverso dal testare le mele in un sacchetto. Un sacchetto di palle da biliardo sciacquate nel succo di mela risulterebbe positivo al test del DNA della mela. Trovare il DNA della mela in un sacchetto non prova che contenga mele vere. Se la dose fa il veleno, allora è la quantità che dobbiamo testare, non solo la sua impronta genetica.

I fruttivendoli testano la quantità di mele nei sacchetti pesandole su bilance calibrate rispetto a pesi standard. Se le bilance sono calibrate correttamente, la borsa dovrebbe pesare allo stesso modo su qualsiasi altro set di bilance.

Se la bilancia fallisce il test, al fruttivendolo può essere vietato il commercio. Se si scopre che il droghiere ha deliberatamente lasciato la bilancia non calibrata per ottenere un guadagno, può essere perseguito per “falsa rappresentazione” ai sensi della sezione 2 del Fraud Act 2006.

Testare la quantità di DNA virale in un tampone, non la quantità di virus vivi, è come contare le palle da biliardo sciacquate nel succo di mela come mele vere. Peggio ancora, in assenza di standard per calibrare i test PCR rispetto ai risultati, i test possono mostrare una “differenza di milioni di volte nella carica virale nello stesso campione”.

Se la bilancia di un fruttivendolo mostrasse una differenza di un milione di volte nel carico di mele nella stessa borsa, verrebbe chiusa in un istante. Se si potesse dimostrare che il fruttivendolo sapeva che il peso visualizzato sulla bilancia poteva essere falso o fuorviante e lo ha fatto per ottenere un guadagno o esporre i clienti a una perdita, sarebbe un caso risolto in pochi minuti.

Se la legge si applica alla misurazione della quantità di mele nei sacchetti, perché non alla misurazione del coronavirus nei tamponi clinici?

Per stessa ammissione del CDC, nelle sue istruzioni per l’uso dei test PCR:

Il rilevamento dell’RNA virale potrebbe non indicare la presenza di virus infettivo o che 2019-nCoV sia l’agente eziologico dei sintomi clinici.

Solo da questa affermazione è chiaro che i test PCR possono fornire una falsa rappresentazione che è falsa o fuorviante. Se coloro che utilizzano i test PCR per rappresentare il numero di casi e decessi di Covid sanno che potrebbe essere fuorviante e lo fanno per “guadagnare”, per avanzare la propria carriera, è frode con falsa rappresentazione.’

Se hanno il dovere di divulgare informazioni e non lo fanno è ‘frode per aver omesso di divulgare determinate informazioni’. E se occupano posizioni in cui è previsto che non agiscano contro gli interessi del pubblico ma lo facciano comunque è’ frode per abuso di posizione».

Se la legge non perseguirà coloro che detengono l’autorità per frode, in quale altro modo possono essere scoraggiati dal farlo?

Come ha detto la dottoressa Trish Perl dopo l’incidente di Dartmouth Hitchcock, “Le pseudo-epidemie si verificano continuamente. È un problema; sappiamo che è un problema. La mia ipotesi è che quello che è successo a Dartmouth diventerà più comune.” Il potenziale della PCR di causare problemi peggiorerà solo fino a quando la sua validità per diagnosticare la causa e misurare la prevalenza di una malattia non sarà testata per legge.

Fonte

shutterstock_1622162284-800x469-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’Oms finalmente ammette che i test PCR producono falsi positivi

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un promemoria il 14 dicembre, avvertendo che il numero elevato di cicli nei test PCR portera` inevitabilmente alla produzione di falsi positivi.

Queste informazioni sono accurate e disponibili da mesi, dobbiamo quindi chiederci: perché lo stanno segnalando ora? È per far sembrare che il vaccino funzioni?

I test Sars-Cov-2 si basano sulla reazione a catena della polimerasi (PCR). La PCR funziona prendendo i nucleotidi – minuscoli frammenti di DNA o RNA – replicandoli finché non diventano qualcosa di abbastanza grande da poter essere identificato. La replicazione viene eseguita in cicli, con ogni ciclo che raddoppia la quantità di materiale genetico. Il numero di cicli necessari per produrre qualcosa di identificabile è noto come “soglia del ciclo” o “valore CT”. Più alto è il valore CT, meno è probabile che tu rilevi qualcosa di significativo.

Questo nuovo promemoria dell’OMS afferma che l’utilizzo di un valore CT elevato per testare la presenza di Sars-Cov-2 comporterà risultati falsi positivi.

Per citare le loro stesse parole:

Chi utilizza il test PCR deve leggere attentamente le istruzioni per l’uso per determinare se è necessaria una regolazione manuale della soglia di positività del test per tenere conto di qualsiasi “interferenza” che possa portare a un campione con un risultato del valore di soglia del ciclo alto (Ct) interpretato come positivo.

Continuano a spiegare:

Il principio su cui e` progettato il test PCR significa che per i pazienti con alti livelli di virus circolante (carica virale), saranno necessari relativamente pochi cicli per rilevare il virus e quindi il valore Ct sarà basso. Al contrario, quando i campioni restituiscono un valore Ct elevato, significa che sono stati necessari molti cicli per rilevare il virus. In alcune circostanze, la distinzione tra interferenza e presenza effettiva del virus bersaglio è difficile da accertare.

Naturalmente, niente di tutto ciò è una novità per chi ha prestato attenzione. Il fatto che i test PCR fossero facilmente manipolabili e potenzialmente altamente inaccurati è stata una delle grida di battaglia spesso ripetuta da quelli di noi che si oppongono alla narrativa “pandemica” e alle politiche che vengono utilizzate per vendercela.

Molti articoli sono stati scritti su questo argomento, da molti esperti del settore, giornalisti medici e altri ricercatori. È ormai noto da mesi che qualsiasi test che utilizzi un valore CT superiore a 35 è potenzialmente privo di significato.

Il dottor Kary Mullis, che ha vinto il Premio Nobel per aver inventato il processo PCR, è stata chiara sul fatto che non era inteso come strumento diagnostico, dicendo:

con il test PCR puoi trovare quasi tutto in chiunque. “

E, commentando le soglie del ciclo, una volta ha detto:

Se devi eseguire più di 40 cicli per amplificare un gene a copia singola, c’è qualcosa di seriamente sbagliato nel tuo test PCR “.

Le linee guida MIQE per l’uso del PCR affermano:

Valori di Cq superiori a 40 sono sospetti a causa della bassa efficienza implicita e generalmente non dovrebbero essere segnalati “,

Tutto questo è stato di dominio pubblico dall’inizio dei lockdown. Lo stesso sito web del governo australiano ha ammesso che i test erano imperfetti e un tribunale portoghese ha stabilito che non erano adatti allo scopo.

Anche il dottor Anthony Fauci ha ammesso pubblicamente che una soglia del ciclo superiore a 35 rileverà “nucleotidi morti”, non un virus vivente.

Nonostante tutto, è noto che molti laboratori in tutto il mondo hanno utilizzato test PCR con valori CT superiori a 35, anche fino a 40.

Allora perché l’OMS ha finalmente deciso di dire che è sbagliato? Che motivo avrebbero potuto avere per scegliere finalmente di riconoscere questa semplice realtà?

La risposta a questa domanda è potenzialmente sorprendentemente cinica: ora abbiamo un vaccino. Non abbiamo più bisogno di falsi positivi.

A livello teorico, il sistema ha prodotto la sua cura miracolosa.

Quindi, dopo che tutti sono stati vaccinati, tutti i test PCR verranno eseguiti “secondo le nuove linee guida dell’OMS”, e verranno eseguiti solo 25-30 cicli invece di 35+.

Ed ecco, il numero di “casi positivi” precipiterà e avremo la conferma che il nostro vaccino miracoloso funziona.

Dopo mesi passati a inondare il pool di dati con falsi positivi, a contare le morti “per caso”, aggiungendo “morte correlata a Covid19” a ogni altro certificato di morte … possono smetterla. La macchina utilizzata per creare la pandemia puo` essere spenta.

… fintanto che facciamo tutti quello che ci viene detto. Qualsiasi segno di dissenso – ad esempio masse di persone che rifiutano il vaccino – e il valore CT ricominciera` a salire.

Fonte

dfnbkpyz6d6wowjenbcysn-1-2000x900-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Coronavirus e “La Scienza”

Quando i politici di tutto il mondo ti dicono che ascoltano “la scienza” imponendo le loro misure anti COVID, mentono. Ciò che ascoltano è un relativo parere scientifico formulato dai loro virologi ed epidemiologi locali, che viene inevitabilmente messo in discussione da altri scienziati.

Se così non fosse, il mondo intero adoterebbe le stesse misure e non ci sarebbe alcuna discussione nella comunità scientifica. Tuttavia, quando le misure vengono imposte in vari paesi, vengono imposte come una sorta di legge. I lockdown sono popolari tra i politici falliti, perché lo vedono come una misura di sicurezza (non c’è niente di più estremo). Tutto questo perché non sono mai andati oltre al setting mentale “COVID è l’unico problema che abbiamo”.

Tuttavia, anche in questo caso, sarebbe saggio riconoscere queste misure come estremamente arbitrarie. Ecco perché differiscono da un luogo all’altro; si inventano la narrativa man mano che procedono, guidati dalla loro limitata comprensione del problema. Ciò che il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Neil Gorsuch ha espresso sul decreto del governatore di New York Andrew Cuomo riguardo la chiusura delle chiese, quando la corte ha annullato il decreto, è un ottimo esempio del motivo per cui sono arbitrarie:

Le cose tendono ad essere meglio definite quando le autorità giudiziarie le pronunciano. Ecco a cosa servono i tribunali. Ecco perché dovremmo prestare attenzione quando un tribunale portoghese afferma che i test PCR sono inaffidabili al 97%. Non prestiamo attenzione, perché i nostri media ignorano quella sentenza. E continuiamo a utilizzare il test PCR su vasta scala, anche se il suo stesso inventore afferma che non dovrebbe essere utilizzato per questo scopo. E` scritto anche sulla scatola.

E per tutti quei paesi che chiudono i loro negozi e scuole, questa notizia dal Canada vi aprira` sicuramente gli occhi:

Se solo l’1,5% dei decessi da COVID avviene al di fuori delle case di cura a lungo termine, ” La scienza” non ci dice di chiudere le scuole e i negozi e di far indossare a tutti una maschera 24 ore al giorno, la scienza dice di pompare enormi quantità di risorse nelle case di cura per fermare la miseria lì. La chiusura dei negozi non aiuta. Ci saranno, inoltre, altri effetti molto negativi, mentre non ti prendi cura delle case di cura.

Questo è di Peter Andrews, genetista e giornalista scientifico: Landmark Legal Ruling Finds That Covid PCR Tests Are Not Fit For Purpose

Quattro vacanzieri tedeschi che sono stati illegalmente messi in quarantena in Portogallo dopo che uno è stato giudicato positivo per Covid-19 hanno vinto la loro causa, in un verdetto che condanna il test PCR ampiamente utilizzato come inaffidabile fino al 97%. All’inizio di questo mese, i giudici portoghesi hanno confermato una decisione di un tribunale di grado inferiore che ha ritenuto illegale la quarantena forzata di quattro vacanzieri. Il caso era incentrato sull’affidabilità (o meno) dei test PCR Covid-19. Il verdetto, pronunciato l’11 novembre, fa seguito ad un ricorso contro un atto di habeas corpus presentato da quattro tedeschi contro l’Autorità sanitaria regionale delle Azzorre. Questo organo aveva presentato ricorso contro una sentenza di un tribunale di grado inferiore che si era pronunciata a favore dei turisti, che sostenevano di essere stati illegalmente confinati in un albergo senza il loro consenso.

Ai turisti è stato ordinato di rimanere in hotel durante dopo che uno di loro è risultato positivo al coronavirus in un test PCR – gli altri tre sono stati etichettati come contatti stretti e quindi messi in quarantena. La deliberazione della Corte d’appello di Lisbona è completa e affascinante. Ha stabilito che l’autorità sanitaria regionale delle Azzorre aveva violato il diritto portoghese e internazionale confinando i tedeschi in hotel. I giudici hanno anche affermato che solo un medico può “diagnosticare” qualcuno con una malattia e sono stati critici sul fatto che a quanto pare non sono mai stati visitati da uno. Hanno anche criticato l’affidabilità del test PCR (reazione a catena della polimerasi), il controllo più comunemente usato per Covid.

La conclusione della loro sentenza di 34 pagine includeva quanto segue: “Alla luce delle attuali prove scientifiche, questo test si dimostra incapace di determinare oltre ogni ragionevole dubbio che tale positività corrisponda, di fatto, all’infezione di una persona da parte del Virus CoV-2. ” Agli occhi di questo tribunale, quindi, un test positivo non corrisponde a un caso Covid. Le due ragioni più importanti per questo, hanno detto i giudici, sono che “l’affidabilità del test dipende dal numero di cicli utilizzati” e che “l’affidabilità del test dipende dalla carica virale presente”. In altre parole, ci sono semplicemente troppe incognite che circondano i test PCR.

Questa non è la prima sfida alla credibilità dei test PCR. Molte persone saranno consapevoli che i loro risultati hanno molto a che fare con il numero di amplificazioni eseguite, o la “soglia del ciclo”. Questo numero nella maggior parte dei laboratori americani ed europei è di 35-40 cicli, ma gli esperti hanno affermato che anche 35 cicli sono troppi e che un protocollo più ragionevole richiederebbe 25-30 cicli. (Ogni ciclo aumenta esponenzialmente la quantità di DNA virale nel campione). [..] I giudici portoghesi hanno citato uno studio condotto da “alcuni dei principali specialisti europei e mondiali”, che è stato pubblicato da Oxford Academic alla fine di settembre. Ha dimostrato che se qualcuno è risultato positivo al Covid a una soglia del ciclo di 35 o superiore, le probabilità che quella persona venga effettivamente infettata sono inferiori al tre percento e che “la probabilità di … ricevere un falso positivo è del 97% o superiore”.

Poi ci sono i vaccini di cui tutti sono così entusiasti. Gilbert Berdine, MD, scrivendo per il Mises Institute, ha alcune domande sui vaccini Pfizer e Moderna mRNA (qualcosa a che fare con il motivo per cui Twitter ha sospeso l’account dell’istituto)?

Che cos’è esattamente un “caso” di COVID? Non può essere un test PCR positivo, non se sono affidabili solo al 3%. “La scienza” quindi si sta sbagliando come quasi tutti i governi del pianeta.

E sì, Pfizer e Moderna hanno gli occhi illuminati dalla quantita` di conio che finira` nelle loro tasche. Ci sono molte domande sul vaccino AstraZeneca / Oxford e non posso fare a meno di pensare che siano collegate al fatto che non ha scopo di lucro. Allo stesso modo, è curioso anche il completo silenzio sul vaccino Sputnik V russo. Vogliamo veramente risolvere il problema SOLO se i nostri scienziati e Big Pharma per cui lavorano ritengono giusto/riescono a farlo?

Ciò che la campagna pubblicitaria del vaccino COVID non vi dice

Entrambi gli studi hanno un gruppo di trattamento che ha ricevuto il vaccino e un gruppo di controllo che non l’ha ricevuto. Tutti i soggetti dello studio erano covid negativi prima dell’inizio dello studio. L’analisi per entrambi gli studi è stata eseguita quando è stato raggiunto un numero target di “casi”. I “casi” sono stati definiti mediante test di reazione a catena della polimerasi (PCR) positiva. Non c’erano informazioni sul numero di cicli per i test PCR. Non c’erano informazioni sul fatto che i “casi” presentassero sintomi o meno. Non c’erano informazioni sui ricoveri o morti. Lo studio Pfizer comprendeva 43.538 partecipanti ed è stato analizzato dopo 164 casi. Quindi, circa 150 dei 21.750 partecipanti (meno dello 0,7%) erano positivi al PCR nel gruppo di controllo e circa un decimo di quel numero nel gruppo vaccino è diventato positivo al PCR.

Il processo Moderna ha avuto 30.000 partecipanti. Ci sono stati 95 “casi” nei 15.000 partecipanti di controllo (circa lo 0,6%) e 5 “casi” nei 15.000 partecipanti al vaccino (circa un ventesimo dello 0,6%). Le cifre di “efficacia” citate in questi annunci sono rapporti di probabilita`. Non ci sono prove, ancora, che il vaccino abbia impedito ricoveri o decessi. L’annuncio di Moderna ha affermato che undici casi nel gruppo di controllo erano malattie “gravi”, ma cosa si intenda per “grave” non è stato definito. Se ci sono stati ricoveri o decessi in entrambi i gruppi, il pubblico non è stato informato.

Quando i rischi di un evento sono piccoli, i rapporti di probabilita` possono essere fuorvianti sul rischio assoluto. Una misura più significativa dell’efficacia sarebbe il numero da vaccinare per prevenire un ricovero o un decesso. Quei numeri non sono disponibili. Una stima del numero da trattare dal processo Moderna per prevenire un singolo “caso” sarebbe di quindicimila vaccinazioni per prevenire novanta “casi” o 167 vaccinazioni per “caso” prevenuto, il che non sembra neanche lontanamente “efficace al 94,5%”.

I pubblicisti che lavorano per le aziende farmaceutiche sono persone molto intelligenti. Se ci fosse una riduzione della mortalità da questi vaccini, tale informazione sarebbe nel primo paragrafo dell’annuncio.

Non ci sono informazioni su quanto a lungo persisterà qualsiasi beneficio protettivo del vaccino. La risposta anticorpale dopo il covid-19 sembra essere di breve durata. In base a ciò che sappiamo, il vaccino covid potrebbe richiedere due iniezioni ogni tre o sei mesi per essere protettivo. Più iniezioni sono necessarie, maggiore è il rischio di effetti collaterali da sensibilizzazione al vaccino. Non ci sono informazioni sulla sicurezza. Nessuna. Le agenzie governative come i Centers for Disease Control (CDC) sembrano avere due standard completamente diversi per l’attribuzione dei decessi a covid-19 e l’attribuzione di effetti collaterali ai vaccini covid.

Se questi vaccini saranno approvati, come probabilmente lo saranno, il primo gruppo a essere vaccinato saranno i beta tester. Lavoro presso un centro medico universitario che è un centro di riferimento per la regione del Texas occidentale. I miei colleghi includono medici residenti e medici di facoltà che lavorano quotidianamente con pazienti covid. Ho chiesto a diversi miei colleghi se saranno i primi in linea per il nuovo vaccino. Non ho ancora sentito nessuno dei miei colleghi rispondere affermativamente.

Le ragioni dell’esitazione sono che le incertezze sulla sicurezza superano ciò che percepiscono come un piccolo vantaggio. In altre parole, i miei colleghi preferirebbero correre il rischio di contrarre il covid piuttosto che fare da beta tester per il vaccino. Molti dei miei colleghi vogliono vedere i dati di sicurezza dopo un anno di utilizzo prima di essere vaccinati; questi colleghi sono preoccupati per i possibili effetti collaterali autoimmuni che potrebbero non comparire per mesi dopo la vaccinazione.

Successivamente, diamo un’occhiata, attraverso l’American Institute for Economic Research, a un rapporto che la Johns Hopkins University ha in qualche modo misteriosamente estratto dal suo sito web:  New Study Highlights Alleged Accounting Error Regarding Covid Deaths

È già noto che il Covid-19 è una malattia più pericolosa per le persone di età superiore ai 65 anni e che presentano condizioni preesistenti. Negli Stati Uniti, è stato osservato un tasso di mortalità del 2,1%, con gli individui anziani che rappresentano oltre la metà di quel numero. Le persone giovani e sane non sono minacciate dal Covid-19. Secondo il CDC, “Le stime delle morti in eccesso possono fornire informazioni sul peso della mortalità potenzialmente correlata alla pandemia COVID-19, comprese le morti che sono direttamente o indirettamente attribuite a COVID-19. Le morti in eccesso sono generalmente definite come la differenza tra il numero di decessi osservato in periodi di tempo specifici e il numero di decessi previsto negli stessi periodi di tempo “.

In sostanza, si registra un numero medio di decessi ogni anno dovuti a una varietà di cause che per la maggior parte sono rimaste costanti negli anni. Ciò include morbilità come le malattie cardiache, che è stata a lungo la principale causa di morte, e il cancro, che ha a lungo afflitto la nostra esistenza. Affinché il Covid-19 sia una grave causa di allarme, sarebbe necessario aumentare in modo significativo il numero di morti medie. Tuttavia, secondo lo studio, “Queste analisi dei dati suggeriscono che, contrariamente alle ipotesi della maggior parte delle persone, il numero di morti per COVID-19 non è allarmante. In effetti, non ha relativamente alcun effetto sui decessi negli Stati Uniti “. Le morti totali negli Stati Uniti non mostrano cambiamenti significativi e rispecchiano persino le tendenze passate delle malattie stagionali.

[..] Ciò che è ancora più interessante, se non più allarmante, è che il picco nelle morti registrate per Covid-19 nel 2020 ha coinciso con una diminuzione proporzionale dei decessi per altre malattie. Yanni Gu scrive: “Questo suggerisce, secondo Briand, che il bilancio delle vittime del COVID-19 è fuorviante. Briand ritiene che le morti dovute a malattie cardiache, malattie respiratorie, influenza e polmonite potrebbero invece essere riclassificate come dovute a COVID-19 “. Le morti sono rimaste relativamente costanti, ma le morti segnalate dovute a condizioni mortali come le malattie cardiache sono diminuite mentre le morti segnalate per Covid sono aumentate. Ciò suggerisce che l’attuale numero di morti Covid è stato in qualche modo ampliato includendo anche altre malattie. Secondo il grafico, le morti segnalate da Covid hanno persino superato le malattie cardiache come causa principale di morte a un certo punto, il che dovrebbe sollevare sospetti.

E quando vedi il rapporto della rivista Clinical Infectious Diseases in cui si afferma che circa 53 milioni di americani potrebbero essere già stati infettati, devi chiederti quale sia l’uso di tutte le misure COVID in questo momento. Se questo è vero negli Stati Uniti, è probabile che sia vero praticamente in qualsiasi altro luogo.

Sembra che ce l’abbiano tutti e solo le persone nelle case di cura muoiono di questa malattia, e per di più molte di quelle persone non sono effettivamente morte per COVID ma per qualche altra afflizione. E per questo stiamo chiudendo le nostre intere società, costringendo enormi quantità di imprese al fallimento, costringendo milioni su milioni alla disoccupazione. Il tutto facendo affidamento su un metodo di prova che è inaffidabile al 97%.

Total COVID19 Cases In US May Be Eight Times Higher Than Reported

Il numero effettivo di infezioni da Covid-19 negli Stati Uniti potrebbe essere circa otto volte superiore al totale dei casi segnalati, ha stimato un modello creato dagli scienziati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Il modello pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Diseases suggerisce che quasi 53 milioni di persone negli Stati Uniti erano state infettate da Covid-19 entro la fine di settembre. La stima è circa otto volte superiore ai 7,1 milioni di casi confermati che erano stati segnalati allora. Il modello cerca di spiegare il fatto che la maggior parte dei casi di Covid-19 sono lievi e quindi non vengono segnalati. Gli scienziati, tuttavia, hanno avvertito che entro la fine di settembre, l’84% della popolazione statunitense non era stata infettata ed era ancora a rischio di contrarre la malattia.

Se la tendenza dei casi non segnalati è ancora valida a partire da giovedì, gli Stati Uniti – che hanno 12,5 milioni di casi confermati – potrebbero avvicinarsi a 100 milioni di infezioni totali in tutto il paese. A ottobre, l’Organizzazione mondiale della sanità aveva affermato che quasi il 10% della popolazione mondiale o quasi 760 milioni di persone potrebbero essere già state infettate dal Covid-19, nonostante a quel tempo fossero stati registrati solo 35 milioni di casi confermati.

“Quando conti qualcosa, non puoi contarlo perfettamente”, aveva detto Mike Ryan, il direttore esecutivo del programma di emergenza sanitaria dell’OMS, aggiungendo: “Ma posso assicurarti che i numeri attuali sono probabilmente una sottostima del vero pedaggio di Covid. ” Gli scienziati hanno anche suggerito che anche i decessi dovuti alla pandemia sono stati gravemente sottostimati, con il CDC che ha affermato che gli Stati Uniti avevano registrato quasi 300.000 morti in eccesso durante la pandemia a partire dal 3 ottobre. Questo numero era di quasi 100.000 morti in più rispetto a quanto era stato ufficialmente registrato dagli stati.

Ciò di cui abbiamo bisogno è la scienza reale. Non “La scienza” o “una scienza”, ma scienza indiscussa. L’E = MC2 di Einstein è scienza, questo è il livello di cui abbiamo bisogno.

E se parli dello 0,01% delle persone, devi chiederti se valga la pena chiudere l’intera società in una sorta di grande ripristino. Allo stesso modo, costringere tutti a indossare maschere facciali all’esterno è qualcosa che deve essere valutato in base ai fattori di rischio. Qual è il rischio di infettare qualcuno semplicemente sorpassandolo per strada? Non è mai zero, ma nessun rischio è mai zero. E se è 0,001%, questo giustifica il trasformare le tue strade in una società zombificata che mette tutti in difficoltà?

“La scienza” ha bisogno di evolversi e non sembra averlo fatto. Torniamo sempre al punto di partenza. Ormai, la scienza, per rimanere credibile, avrebbe dovuto svilupparsi, andare avanti. Non lo ha fatto. La speranza per i vaccini ha assunto livelli disperati e la dipendenza da Big Pharma non aiuta. Né lo fa il rifiuto totale dei vaccini russi, cinesi, cubani. Tutte nazioni con eccellenti risorse mediche, ma ignorate per ragioni politiche. Non è il momento di fare politica. È tempo che la scienza si faccia avanti.

Fonte

download-50_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €