Archivi Blog

Riepilogo di tutti i Twitter Files fino ad oggi, con collegamenti e un glossario

Per coloro che non hanno seguito la vicenda, una raccolta schematica di tutti i Twitter files. Con link e note sulle principali rivelazioni

È il 10 gennaio 2023, il che significa che le storie di Twitter Files stanno uscendo da oltre un mese. Poiché potrebbero essere difficili da seguire se non l’hai fatto fin dall’inizio, ho scritto dei riassunti in pillole di ciascuno dei thread di tutti i giornalisti coinvolti nei Twitter Files e ho aggiunto collegamenti ai thread e agli account di ognuno di essi. Alla fine, in risposta ad alcuni lettori (soprattutto quelli stranieri) che hanno trovato confusi alcuni dei nomi delle agenzie governative, ho incluso anche un breve glossario di termini per aiutare.

In ordine, i thread di Twitter Files:

Twitter Files Parte 1: 2 dicembre 2022, di @mtaibbi

TWITTER E LA STORIA DEL LAPTOP DI BIDEN HUNTER

Ripercorriamo il dramma interno a Twitter che circonda la decisione di bloccare l’accesso a una denuncia del New York Post su Hunter Biden nell’ottobre 2020.

Rivelazioni chiave: Twitter ha bloccato la storia sulla base della sua politica sui “materiali compromessi”, ma i dirigenti sapevano internamente che la decisione era problematica. “Possiamo affermare sinceramente che questo fa parte della policy?” dice il funzionario delle comunicazioni Brandon Borrman. Inoltre: quando un appaltatore di Twitter interroga i membri del Congresso sulla decisione, si capisce che i membri democratici vogliono più censura, non meno, e che “il Primo Emendamento non è assoluto”.

1a. Twitter Files Supplementari, 6 dicembre 2022, di @mtaibbi

L'”USCITA” DEL VICE CONSIGLIERE GENERALE DI TWITTER JIM BAKER

Un secondo round di Twitter Files è stato ritardato, poiché la nuova aggiunta Bari Weiss scopre che l’ex consigliere generale dell’FBI e vice consigliere generale di Twitter Jim Baker stava esaminando i primi lotti di documenti di Twitter Files, la cui consegna ai giornalisti era stata rallentata.

Twitter Files Part 2, di @BariWeiss, 8 dicembre 2022

LE LISTE NERE SEGRETE DI TWITTER

Bari Weiss dà una risposta tanto attesa alla domanda: “Twitter utilizzava lo strumento dello shadow banning?” La risposta è si, solo la società lo chiama “filtro della visibilità”. Twitter aveva anche un consiglio superiore separato chiamato SIP-PES che decideva i casi per account controversi ad alta visibilità.

Rivelazioni chiave: Twitter disponeva di una poderosa strumentazione per controllare la visibilità di qualsiasi utente, inclusa una “Lista nera di ricerca” (per Dan Bongino), una “Lista nera delle tendenze” per il Dr. Jay Bhattacharya di Stanford e un’impostazione “Non amplificare” per l’attivista Charlie Kirk. Weiss cita un dipendente di Twitter: “Pensa al filtro della visibilità come a un modo per noi di sopprimere ciò che le persone vedono a diversi livelli. È uno strumento molto potente”. Con l’aiuto di @abigailshrier, @shellenbergermd, @nelliebowles e @isaacgrafstein.

Twitter Files, parte 3, di @mtaibbi, 9 dicembre 2022

LA RIMOZIONE DI DONALD TRUMP, ottobre 2020 – 6 gennaio 2021

Il primo di una serie in tre parti che esamina come Twitter sia arrivato alla decisione di sospendere Donald Trump. L’idea alla base della serie è mostrare come tutti gli strumenti del “filtro della visibilità” di Twitter sono stati mostrati e implementati dopo il 6 gennaio 2021. Rivelazioni chiave: il capo del trust and safety Yoel Roth non solo si è incontrato regolarmente con l’FBI e il Dipartimento per la sicurezza interna , ma con l’Ufficio del direttore dell’intelligence nazionale (ODNI). Inoltre, Twitter stava applicando in modo aggressivo il “filtro della visibilità” su Trump ben prima delle elezioni.

Twitter Files Part 4, di @ShellenbergerMD, 10 dicembre 2022

LA RIMOZIONE DI DONALD TRUMP, 7 gennaio 2021

Questo thread di Michael Shellenberger esamina il giorno chiave dopo le rivolte del J6 e prima che Trump venisse definitivamente bandito da Twitter l’8 gennaio, mostrando come Twitter abbia riconfigurato internamente le sue regole per bloccare Trump.

Rivelazioni chiave: almeno un dipendente di Twitter era preoccupato per una “deriva pericolosa” in cui “un CEO di una piattaforma online con una presenza globale… può controllare il discorso”. Inoltre, il capo censore Roth vuole bannare il membro del Congresso Matt Gaetz anche se “non aveva violato nessuna policy”.

Twitter Files Part 5, di @BariWeiss, 11 dicembre 2022

LA RIMOZIONE DI DONALD TRUMP, 8 gennaio 2021

Per quanto molti all’interno di Twitter fossero arrabbiati con Donald Trump dopo le rivolte del Campidoglio del 6 gennaio, i membri dello staff hanno faticato a sospendere il suo account, dicendo cose del tipo: “Penso che avremmo difficoltà a dire che si tratta di istigazione”. Come documentato da Weiss, hanno comunque trovato un modo per farlo.

Rivelazioni chiave: c’erano dissidenti nell’azienda (“Forse perché vengo dalla Cina”, ha detto un dipendente, “capisco profondamente come la censura possa distruggere la conversazione pubblica”), ma vengono zittiti da alti dirigenti come Vijaya Gadde e Roth, che ha notato che molti nello staff di Twitter citavano la “banalità del male” e paragonavano coloro che preferivano attenersi a una rigorosa interpretazione legalistica delle regole di Twitter – cioè mantenere Trump nella piattaforma – “ai nazisti che seguono gli ordini”.

Twitter Files Part 6, di @mtaibbi, 16 dicembre 2022

TWITTER, LA FILIALE DELL’FBI

Il contatto di Twitter con l’FBI è stato “costante e pervasivo”, poiché il personale dell’FBI, principalmente a San Francisco, inviava regolarmente elenchi di “rapporti” a Twitter, spesso su americani con un basso numero di follower che facevano tweet scherzosi. I tweeter sia a sinistra che a destra sono stati colpiti.

Rivelazioni chiave: un alto dirigente di Twitter riferisce che “l’FBI era irremovibile, non esistono impedimenti alla condivisione” di informazioni riservate. Twitter ha anche accettato di “rimbalzare” i contenuti sulle raccomandazioni di un’ampia gamma di attori governativi e quasi governativi, dall’FBI all’agenzia per la sicurezza interna CISA al progetto di integrità elettorale di Stanford ai governi statali. L’azienda un giorno ha ricevuto così tante richieste di moderazione dall’FBI, un dirigente si è congratulato con i membri dello staff alla fine per aver completato la “monumentale impresa”.

Twitter Files Part 7, di @ShellenbergerMD, 19 dicembre 2022

L’FBI E IL COMPUTER PORTATILE DI HUNTER BIDEN

La storia dei Twitter Files focalizza la sua attenzione sul rapporto dell’azienda con le forze dell’ordine e l’intelligence federali e mostra un’intensa comunicazione tra l’FBI e Twitter poco prima della pubblicazione della storia di Hunter Biden del Post.

Rivelazioni chiave: l’agente di San Francisco Elvis Chan “invia 10 documenti all’allora capo dell’integrità del sito di Twitter, Yoel Roth, tramite Teleporter, un canale di comunicazione unidirezionale dall’FBI a Twitter”, la sera prima dell’uscita della storia del Post. Inoltre, Baker in una e-mail spiega che Twitter è stato risarcito per “l’elaborazione delle richieste” da parte dell’FBI, dicendo “Sono felice di annunciare che abbiamo raccolto $ 3.415.323 da ottobre 2019!”

Twitter Files Part 8, di @lhfang, 20 dicembre 2022

COME TWITTER HA AIUTATO SILENZIOSAMENTE LA CAMPAGNA PSYOP ONLINE SEGRETA DEL PENTAGONO

Lee Fang fa un’affascinante deviazione, osservando come Twitter per anni ha approvato e sostenuto operazioni segrete sostenute dal Pentagono. Notando che la società ha testimoniato esplicitamente al Congresso di non consentire tale comportamento, la piattaforma è stata comunque un chiaro partner nei programmi sostenuti dallo stato che coinvolgono account falsi.

Rivelazioni chiave: dopo che il comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) ha inviato un elenco di 52 account in lingua araba “che usiamo per amplificare determinati messaggi”. Alla fine il programma sarebbe stato pubblicato sul Washington Post nel 2022 – due anni dopo che Twitter e altre piattaforme avevano smesso di fornire assistenza – ma contrariamente a quanto emerso in quei rapporti, Twitter conosceva e/o assisteva a questi programmi per almeno tre anni, da 2017-2020.

Lee ha scritto un pezzo di accompagnamento per l’Intercept qui:

Twitter Files Part 9, di @mtaibbi, 24 dicembre 2022

TWITTER E “ALTRE AGENZIE GOVERNATIVE”

Il thread della vigilia di Natale (avrei dovuto aspettare qualche giorno per pubblicarlo!) descrive ulteriormente come funzionavano i canali di comunicazione tra il governo federale e Twitter e rivela che Twitter ha ricevuto direttamente o indirettamente elenchi di contenuti segnalati da “Altre agenzie governative”, cioè la CIA.

Rivelazioni chiave: i funzionari della CIA hanno partecipato ad almeno una conferenza con Twitter nell’estate del 2020 e aziende come Twitter e Facebook hanno ricevuto “briefing OGA” durante le loro regolari riunioni di “industria” tenute in collaborazione con l’FBI e il Dipartimento per la sicurezza interna. L’FBI e la “Foreign Influence Task Force” si sono incontrati regolarmente “non solo con Twitter, ma con Yahoo!, Twitch, Cloudfare, LinkedIn e persino Wikimedia”.

Twitter Files Part 10, di @DavidZweig, 28 dicembre 2022

COME TWITTER HA TRUCCATO IL DIBATTITO COVID

David Zweig approfondisce il modo in cui Twitter ha limitato le informazioni su COVID che erano vere ma forse scomode per i funzionari pubblici, “screditando medici e altri esperti che non erano d’accordo”.

Rivelazioni chiave: Zweig ha trovato un promemoria del personale di Twitter che aveva collaborato con i funzionari dell’amministrazione Biden che erano “molto arrabbiati” per il fatto che Twitter non avesse censurato più account. I funzionari della Casa Bianca, ad esempio, volevano attirare l’attenzione sul giornalista Alex Berenson. Zweig ha anche trovato “innumerevoli” casi di Twitter che blocca o etichetta account “fuorvianti” che erano veri o semplicemente controversi. Un medico del Rhode Island di nome Andrew Bostom, ad esempio, è stato sospeso, tra le altre cose, per aver fatto riferimento ai risultati di uno studio peer-reviewed sui vaccini a mRNA.

File di Twitter part 11 e 12, di @mtaibbi, 3 gennaio 2023

COME TWITTER HA FATTO ENTRARE LA COMUNITÀ DI INTELLIGENCE

e

TWITTER E “L’OMBELICO” DELL’FBI

Questi due thread si concentrano rispettivamente sulla seconda metà del 2017 e su un periodo che va all’incirca dall’estate del 2020 fino ad oggi. Il primo descrive come Twitter sia caduto sotto la pressione del Congresso e dei media per produrre “materiale” che mostrasse una cospirazione di account russi sulla loro piattaforma, e il secondo mostra come Twitter ha cercato di resistere alle richieste di moderazione per il Dipartimento di Stato, ma alla fine ha accettato di lasciare il dipartimento e altre agenzie inviare richieste tramite l’FBI, che l’agente Chan chiama “l’ombelico dell’USG”. Rivelazioni: alla fine del 2017, Twitter prende una decisione interna chiave. Esternamente, la società rivendicherebbe l’indipendenza e prometterebbe che i contenuti sarebbero stati rimossi solo a “nostra esclusiva discrezione”. La guida interna afferma, per iscritto, che Twitter rimuoverà gli account “identificati dalla comunità dell’intelligence statunitense” come “identificati dalla comunità dell’intelligence statunitense come un’entità sponsorizzata dallo stato che conduce operazioni informatiche”.

Il secondo thread mostra come Twitter abbia accolto le richieste di tutti – Tesoro, HHS, NSA, FBI, DHS, ecc. – e abbia anche ricevuto richieste personali da politici come il deputato democratico Adam Schiff, che ha chiesto la sospensione del giornalista Paul Sperry.

GLOSSARIO DEI TERMINI “TWITTER FILES”.
Agenzie governative e ONG

CISA: The Cybersecurity and Infrastructure Security Agency, un’agenzia all’interno del Department of Homeland Security (DHS)

CENTCOM: Comando Centrale delle Forze Armate

ODNI: Ufficio del Direttore dell’Intelligence Nazionale

FITF: Foreign Influence Task Force, un’agenzia di regolamentazione informatica composta da membri dell’FBI, DHS e ODNI

“OGA”: Altra agenzia governativa, colloquialmente – CIA

GEC: Global Engagement Center, una divisione analitica del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti

USIC: comunità di intelligence degli Stati Uniti

HSIN: Homeland Security Information Network, un portale attraverso il quale gli stati e altri organismi ufficiali possono inviare account “segnalati”.

EIP: Election Integrity Project, un cyber-laboratorio con sede presso la Stanford University che invia molti report su Twitter

DFR: Digital Forensic Research lab, un outlet che svolge una funzione simile all’EIP, è finanziato solo dal Consiglio Atlantico

IRA: Internet Research Agency, la famigerata “fabbrica dei troll” russa guidata dallo “chef di Putin”, Yevgheny Prigozhin

Twitter o termini specifici del settore

PII: Può avere due significati. “Informazioni di identificazione personale” sono autoesplicative, mentre “Public Interest Interstitial” è un avviso posto sopra un tweet, in modo che non possa essere visto. Il personale di Twitter usa persino “interstitial” come verbo, come in “Can we interstitial that?”

JIRA: il sistema di ticketing interno di Twitter, attraverso il quale vengono proposti e approvati reclami

PV2: il sistema utilizzato su Twitter per visualizzare il profilo di qualsiasi utente, per verificare facilmente se ha flag come “Trends Blacklist”

Politica di integrità del sito SIP-PES: supporto per l’escalation delle politiche. SIP-PES è come la versione di Twitter di una Corte Suprema di moderazione, che si occupa delle sentenze più controverse e di alto profilo

SI: Integrità del sito. Termine chiave che vedrai ripetutamente nel traffico e-mail di Twitter, in particolare con “escalation”, ovvero tweet o contenuti che sono stati segnalati per la revisione

CHA: attività dannosa coordinata

SRT: squadra di risposta strategica

GET: team di escalation globale

VF: Filtraggio visibilità

GUANO: strumento nel sistema interno di Twitter che tiene un registro cronologico di tutte le azioni intraprese su un account

VIT: Tweeter molto importante.

GoV: Glorificazione della violenza

BOT: nel contenuto di moderazione, un’euristica individualizzata collegata a un account che modera automaticamente determinati comportamenti

BME: sfruttamento massivo dei media

EP abuse: Abuso episodico

PCF: parodia, commenti e account dei fan. “PCF” a volte appare come un motivo per cui un account è sfuggito a un processo di moderazione automatizzato, con un’eccezione limitata

FLC: verifica dell’accesso forzato. Chiamata anche “sfida telefonica”, è un modo in cui Twitter tenta di verificare se un account è reale o automatizzato. Le “sfide telefoniche” si sono viste ripetutamente nelle discussioni sulla verifica di sospetti account “collegati alla Russia”.

Fonte

twitter-files-2-1536x864-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

5,00 €

La stanza di hotel piu` costosa al mondo e` stata fatta su misura per i psicopatici dell’elite

Prenditi un secondo e immagina nella tua mente la camera d’albergo più costosa del mondo. Hai immaginato pillole, farfalle e rifiuti sanitari ovunque? Probabilmente no. Perché probabilmente non sei uno psicopatico. Bene, la camera d’albergo più costosa del mondo è in realtà piena di pillole, farfalle e rifiuti medici. E animali morti. Perché questo posto è stato chiaramente creato per gli psicopatici.

L’Empathy Suite del Palms Hotel di Las Vegas combina disegni colorati per bambini con pillole e oppioidi. Non ci vuole molta immaginazione per capire per cosa è stato progettato questo posto. Ecco un commento da un video di YouTube che mostra la Empathy Suite.

Solo guardando le immagini del luogo, si ha una sensazione viscerale di pura sporcizia. E, quando si comprende il simbolismo dell’élite occulta, quel sentimento peggiora. Perché si può solo immaginare cosa accada realmente in quel posto.
Uno dei punti di forza della Empathy Suite è che presenta opere d’arte esclusive di Damien Hirst, che sembra essere uno degli artisti preferiti dell’élite occulta. Pertanto, al fine di comprendere appieno lo “spirito” di questa camera d’albergo, dobbiamo dare una rapida occhiata a Damien Hirst e al suo lavoro.

DAMIEN HIRST

Damien Hirst fa il segno di un occhio che tutto vede usando un teschio su Interview Magazine. Questo riassume tutto ciò che devi sapere su di lui.

Secondo quanto riferito, Damien Hirst è l’artista vivente più ricco del Regno Unito con una ricchezza stimata di £ 215 milioni. Durante la sua carriera, Hirst è stato supportato da persone estremamente ricche e potenti come Charles Saatchi, un uomo d’affari ebreo iracheno-britannico che ha fondato Saatchi & Saatchi, la più grande agenzia pubblicitaria del mondo negli anni ’80.

Fin dall’inizio della sua carriera, le opere di Hirst ruotavano attorno al tema della morte. Una delle sue prime “opere d’arte” è una sua foto mentre sorride accanto a una  testa mozzata. Presto divenne famoso per una serie di opere d’arte in cui gli animali morti (tra cui squali, pecore e mucche) venivano conservati – a volte sezionati – in formaldeide.

Hirst combina spesso i suoi soggetti morbosi con temi cristiani per creare opere d’arte piuttosto blasfeme.

Il pezzo intitolato God Only Knows presenta tre pecore morte che sono “crocifisse” nello stesso modo in cui Gesù fu crocifisso con i due ladri.

Il pezzo intitolato God Knows Why è costituito da una pecora che è stata “crocifissa” su una croce invertita. Pura inversione satanica.

Adam and Eve Under the Table presenta due scheletri umani reali distesi sul pavimento sotto bottiglie vuote e immondizia.

Questo pezzo si chiama Devil Worshiper. Come puoi vedere, è un pentagramma invertito (il simbolo preferito dei satanisti e dell’élite occulta). È interamente fatto di … mosche morte.

Un primo piano di una delle molte opere di Hirst fatte di mosche morte.

È anche noto per la creazione di “vetrine”, che di solito sono costituite da un assortimento di oggetti all’interno di scomparti di vetro. Questo contiene un tavolo operatorio su cui si trova una macchina da cucire. Che tipo di procedura orribile sta avvenendo?

Quindi, i dirigenti al Palms Hotel vedendo queste opere avranno detto: “Abbiamo bisogno che quest’uomo decori i nostri spazi più sontuosi!”.

Per iniziare, hanno acquistato una scultura di 60 piedi realizzata da Hirst intitolata Demon With Bowl.

Gli ospiti del Palms Hotel possono rilassarsi attorno a un demone gigante e senza testa.

Se ti stai chiedendo dov’è la testa, questa è esposta da un’altra parte. Eccola qui.

La testa del demone è un pezzo separato.

Quindi questa è la mentalità dell’artista che ha decorato la Empathy Suite. Come ci si potrebbe aspettare, quella suite è stata creata dall’élite occulta, per l’élite occulta.

LA SUITE EMPATHY

Situata in cima al Palms Hotel di Las Vegas, la Empathy Suite è il “gioiello della corona” del massiccio progetto di ristrutturazione da $ 700 milioni dell’hotel. Estesa su 9000 piedi quadrati e divisa in due piani, la suite costa $ 100.000 a notte – con un minimo di due notti.

Non si può semplicemente andare online e prenotare questa suite. Bisogna fare domanda e l’hotel si accertera` che tu possa permetterti il posto e che tu abbia il profilo giusto.

Non si può semplicemente prenotare questa stanza. Uno deve mandare candidarsi

Cosa rende questa camera d’albergo così speciale ed esclusiva? Che tipo di “profilo” soddisfa? Guarda le foto e diventerà ovvio.

Uno dei tanti salotti della suite Empathy.

Il tema generale della suite è incentrato su pillole e farfalle. Sono ovunque, al punto da essere travolgente. E, per i lettori regolari di questo sito, questa combinazione di simboli indica fortemente una direzione specifica e orribile (che sembra essere una delle ossessioni segrete dell’élite occulta): la programmazione Monarch.

L’obiettivo della programmazione Monarch (una derivazione dell’MKULTRA) è quello di creare schiavi controllati mentalmente attraverso l’uso di traumi e droghe pesanti. Il simbolo principale utilizzato per identificare questa programmazione è la farfalla monarca. La stanza è dedicata a droghe e farfalle. E, come si suol dire, il diavolo è nei dettagli.

Vicino all’ingresso c’è un armadietto di medicinali.

Perché c’è un armadietto di medicinali nel salotto principale? Perché in realtà è un’opera d’arte di Damien Hirst intitolata Vegas.

Anche la sala da pranzo è dedicata a pillole e farfalle.

Il display nella sala da pranzo contiene migliaia di pillole. È un altro pezzo di Hirst intitolato Money.

Di fronte alla sala da pranzo c’è un enorme bar.

Il bar può ospitare oltre una dozzina di persone. Indovina cosa c’è sotto il vetro trasparente.

Rifiuti sanitari.

Il bar contiene tutti i tipi di tubicini, siringhe, involucri per pillole e altri oggetti associati a interventi chirurgici e procedure mediche. È cio` che desideri guardare mentre bevi qualcosa? E se alzassi lo sguardo?

C’è pesce morto sopra il bancone.

Dall’altro lato del bar c’e` un’enorme balconata e una piscina riscaldata. La inquietudine continua.

La balconata che si affaccia su Las Vegas è tutta incentrata su pillole e farfalle.

Non diversamente dal resto della suite, i dischi multicolori sui pilastri conferiscono alla zona un’atmosfera di asilo nido.

La vista è rovinata da adesivi di pillole. Meno male che hai speso solo $ 100.000 a notte per rimanere lì.

Sei pronto per visitare il secondo piano? Sali le scale accompagnato dalle farfalle.

La scala che conduce alle due camere da letto della suite.

Le camere da letto della seguono perfettamente il tema della suite.

Anche la camera da letto principale è dedicata a pillole e farfalle.

Accanto al bagno c’è un lettino da massaggio … e altre farfalle.

Il poster raffigura pillole.

Un altro servizio di fascia alta della Empathy Suite è la “stanza del sale” dove si può prendere parte all’haloterapia. Sicuramente, questo luogo di rilassamento è privo di simbolismo inquietante…… Sbagliato.

Se guardi da vicino il muro, c’è un teschio a sinistra e una farfalla a destra.

Ti senti rilassato?

CONCLUDENDO

Anche senza la conoscenza del contorto simbolismo dell’élite occulta, l’Empathy Suite emana un’atmosfera inquietante. I colori, le farfalle e l’armamentario medico ricordano la sezione pediatrica di un ospedale. Tuttavia, le generose aree salotto e l’arredamento urlano semplicemente “orgia”. La combinazione dei due = isola di Epstein ma a Las Vegas.

Il fatto che questa suite sia chiamata “Empatia” è la ciliegina sulla proverbiale torta. È un nome ironico. È un esempio dell’umorismo malato e contorto dell’élite. Questo posto emette esattamente l’energia opposta. In effetti, sembra fatto su misura per disturbare, traumatizzare e persino terrorizzare le persone a cui sono state somministrate droghe e medicinali, probabilmente contro la loro volontà.

Immagina dei bambini che vengono drogati e che sono costretti ad abitare in quel posto. In quel contesto, la camera d’albergo più costosa del mondo diventera` rapidamente materiale da incubi.

Fonte