Archivi Blog

Pedogate: Satanisti e Pedofili controllano Hollywood (Parte 15)

Rod Serling è stato il primo pioniere e visionario della televisione che ha creato uno dei migliori programmi televisivi della storia: “The Twilight Zone”. Il suo filo creativo a partire dal 1959 fino ai primi anni ’60 ha tenuto le famiglie incollate alla televisione settimanalmente attraverso interessanti riflessioni filosofiche sul nostro misterioso universo. Un episodio in particolare ha mostrato come l’America suburbana possa essere facilmente conquistata piantando semi di paura e sospetto che si trasformano rapidamente in paranoia estrema e violenza omicida da parte di una forza invasiva esterna invisibile che prende di mira l’America: “The Monsters Are Due on Maple Street. “[1] Il tema e il messaggio di fondo vengono comunicati nella mezz’ora dello show e sono riassunti nelle riflessioni, nei saggi dello stesso creatore della serie:

Gli strumenti di conquista non sono necessariamente bombe, esplosioni e guerre. Ci sono armi che sono semplicemente pensieri, atteggiamenti, pregiudizi – che si trovano solo nella mente degli uomini. Per la cronaca, i pregiudizi possono uccidere – e il sospetto può distruggere – e una sconsiderata e spaventosa ricerca di un capro espiatorio ha una ricaduta imprevedibile. E` un peccato che queste cose non possono essere limitate alla Twilight Zone. [2]

Questo incisivo frammento di verità offerto al pubblico quasi sessant’anni fa durante l’età d’oro della televisione può facilmente parlare e applicarsi agli esseri umani che vivono oggi. Ma invece degli invisibili invasori alieni che ci distruggono insidiosamente, depredando le nostre vulnerabilità, paure e vizi, sono i controllori planetari, l’élite dominante decisa a dividerci e conquistarci fino al punto dell’autodistruzione. [3] La manipolazione ingannevole di eventi mondiali, [4] con la collusione attentamente coordinata dalla macchina della propaganda di Hollywood, sta plasmando e determinando attivamente i nostri valori, convinzioni e percezioni della realtà, ora su un scala globale. Ma un’élite oscura e demoniaca adoratrice di Lucifero è il nostro nemico che attualmente vuole distruggerci, e non c’è arma più potente usata contro di noi della raffica di film, televisione, musica e video giochi spazzatura che vengono vomitate dalla capitale mondiale dell’intrattenimento.

E nessuno è stato più determinante nei suoi sforzi persistenti per informare ed educare il pubblico sull’attuale crisi della pedofilia di Hollywood dell’ex star bambino e vittima sopravvissuta Corey Feldman. Sebbene girassero gia voci che i fondatori dell'industria dell'intrattenimento erano satanisti in piena regola, completi del loro "divano di casting" e di una sordida serie di storie che ritraggono potenti predatori che sfruttano sessualmente donne e bambini per più di un secolo, [ 5] Corey Feldman continua a suonare l'allarme da piu` di 10 anni. È rimasto praticamente una voce solitaria nel deserto, annegando in un mare di perversioni segrete, disprezzo compiaciuto e iniquità narcisistiche.

Solo quando le storie di stupro e bullismo perpetrte da Harvey Weinstein, produttore cinematografico, finalmente lo ha raggiunto alla fine di qualche anno fa, [6] l’attenzione del pubblico si e` rivolta a Corey come voce solitaria nel deserto di Sodoma e Gomorra. Proprio come il famigerato pedofilo dell’ultimo capitolo, Jeffrey Epstein, ha evitato il processo e la vera e propria punizione carceraria per le sue centinaia di crimini sessuali eclatanti, fino a non molto tempo fa, anche Weinstein è sfuggito ai suoi innumerevoli crimini sessuali [7] molto spesso pagando le sue molteplici vittime con denaro e accordi di non divulgazione. [8] Allo stesso modo, i crimini sessuali commessi dai membri del Congresso degli Stati Uniti sono stati recentemente messi sotto la luce del sole per la vergognosa pratica di mettere a tacere le vittime con denaro e accordi di non divulgazione. [9]

Nell’ottobre di qualche anno fa lo scrittore vincitore del premio Emmy Jack Cashill ha sottolineato che mentre ci sono voluti più di 13 anni per esporre i crimini di Weinstein a Hollywood, i media stanno guardando da un altra parte da molto più tempo per quanto riguarda i potenti uomini di Holywood. con il silenzio complice di MSM “per paura di offendere la lobby LGBT”. [10] Ma questa è solo la scusa superficiale.

Come un microcosmo incapsulato che rivela le dinamiche perverse del macrocosmo circostante che è ed è sempre stato il pozzo nero di Hollywood, la storia di Corey Feldman rivela la triste e patetica realtà di letteralmente migliaia, forse milioni di giovani vittime innocenti che sono state sfruttate e abusate sessualmente. a Hollywood dai più inquietanti parassiti sulla terra negli ultimi 100 anni. Il fatto che sia rimasto per sempre un “segreto aperto” incontrastato è atroce, ma non diversamente dai peccati della chiesa, del governo e dei reali sono stati nascosti da tempo immemore.

L’attore bambino protagonista di alcuni dei più grandi film per adolescenti degli anni ’80 – “The Goonies”, “Gremlins”, “Stand by Me”, “License to Drive”, “The Lost Boys” – ci ha avvertito per anni del “problema”. Feldman ha detto in un episodio della ABC Nightline del 2011:

Posso dirti che il problema numero uno a Hollywood era ed è e sarà sempre la pedofilia. Questo è il problema più grande per i bambini in questo settore … È il grande segreto. [11]

E lui e il suo migliore amico il defunto Corey Haim dovrebbero saperlo. Si sono conosciuti a 14 anni quando hanno recitato insieme in “The Lost Boys”. Mentre girava il film, “Lucas”, Corey Haim di 13 anni è stato avvicinato sul set da un maschio adulto sostenendo che a Hollywood una regola era quella che i ragazzi più grandi abusavano sessualmente di quelli piu’ giovani. Secondo una serie di fonti interne tra cui l'ex attore Dominick Brascia nel 2017, il '"ragazzo piu` grande” che ha sodomizzato Corey Haim era Charlie Sheen, che ha recitato con il giovane Corey Haim in “Lucas”. [12]

È stato riferito che subito dopo lo stupro nel 1986, Sheen rifiutò freddamente Corey Haim. Anni dopo, prima della sua morte, Corey disse agli amici che quando Haim aveva 20 anni lui e Charlie Sheen avevano fatto sesso consensuale una seconda e ultima volta. Sebbene Corey Feldman non abbia mai confermato pubblicamente che Sheen fosse il pedofilo che per primo violentò il suo migliore amico, ha ammesso che era “una superstar di Hollywood” [13].

Quando Corey Feldman e Corey Haim recitarono in un reality show insieme nel 2006, Feldman chiese al suo migliore amico:

Perché alla fine non dici loro la verità?

Feldman ha detto che la risposta tortuosa del 34enne Corey Haim è stata:

Perché mi ucciderà. Mi ucciderà. [14]

Corey Haim era convinto che il suo stupratore, molto probabilmente il famigerato, Charlie Sheen, avrebbe ingaggiato qualcuno per ucciderlo. Questa dichiarazione molto triste e significativa spiega perché le vittime storicamente non identificano pubblicamente i loro aguzzini.

La pedofilia, tuttavia, a malapena nascosta in bella vista, veniva praticata fin dai primi giorni di Hollywood. Il nome stesso “Hollywood” ha avuto origine con la tradizione druidica dell’albero di agrifoglio come la bacchetta magica lancia i suoi incantesimi occulti cosi` Hollywood tramite i film proiettati sul grande schermo, incanta il pubblico. [15] Molto è stato scritto sugli inizi del XX secolo in cui i magnati degli studi cinematografici di Hollywood erano ebrei cabalisti e satanisti praticanti. [16] Satana, sodomia e pedofilia vanno di pari passo come allude il titolo di questo libro. Un anonimo dirigente di studio ha definito la pedofilia “una tradizione consolidata in questa città”. [17]

Un breve sguardo alla carriera della più famosa star del cinema nella storia del cinema, Shirley Temple, incarna il modo in cui la pedofilia è stata a lungo incorporata come costante trasparente. A partire dall’età di 3 anni nel 1931, il piccolo corpo di Shirley e` stato usato per gli interessi pruriginosi dei pedofili di mezza età che divennero rapidamente i suoi fan più accaniti mentre veniva descritta come una piccola prostituta nella serie di film “Baby Burlesks” dal 1931 al 1933. [18] Un documentario rivelatore di 13 minuti scandaglia la pletora di temi pedofili che permeano le prime produzioni di Shirley Temple. [19] E gli elementi pornografici hanno seguito i suoi film successivi quando è emersa come la più grande star al botteghino di Hollywood per quattro anni consecutivi durante l’era della depressione degli anni ’30. Più tardi il romanzo bestseller n. 1 di Vladimir Nabokov e il famoso film “Lolita”, che descrive una relazione amorosa ossessiva pedofila come trama centrale, hanno rubato direttamente scena dopo scena dalla precedente filmografia carica di sesso della bambina prodigio. Come la Disney Pictures, [20] i prodotti di Shirley Temple trasmettono anche un’agenda sessuale subliminale ma non così segreta, nascosta alla vista, progettata per contaminare e deformare le menti inconsce e impressionabili dei bambini generazione dopo generazione.

Shirley Temple Black ha raccontato nella sua autobiografia un incontro nel 1939 agli MGM Studios con il produttore Arthur Freed quando si spoglio` nudo davanti alla star di 11 anni mentre il capo della MGM Louis B. Mayer stava palpando contemporaneamente la madre di Shirley nel suo ufficio. [21] Apparentemente questi incontri avevano a che fare con il casting di Shirley Temple per il ruolo di Dorothy nel “Il mago di Oz”, che ovviamente è andato a Judy Garland che in seguito ha incolpato Mayer come il pedofilo che l’ha molestata ripetutamente e le ha rovinato la vita. [22] Shirley Temple Black ha ammesso che in più occasioni nella sua giovinezza, ha subito avance pedofile da parte dei più grandi produttori, registi e attori di Hollywood, tra cui David Selznick, Samuel G. Engel e George Jessel. [23] Probabilmente ha nascosto i suoi racconti più oscuri dalla divulgazione pubblica. Quindi, su invito del globalista del NWO Henry Kissinger, Shirley Temple Black ha lavorato nel Dipartimento di Stato degli Stati Uniti in vari ruoli dal 1967 al 1992 mentre era sposata con un ex ufficiale dell’intelligence navale. Shirley è stata oggetto di molte speculazioni come agente degli Illuminati controllato mentalmente e nel 2014 all’età di 85 anni, senza dubbio ha portato innumerevoli segreti della pedocabala nella sua tomba.

Tornando al crociato anti-pedofilo Corey Feldman e alle sue radici familiari (una famiglia ebrea americana altamente disfunzionale). I due genitori narcisisti di Corey hanno dissanguato parassiticamente il loro giovane figlio da quando aveva 7 anni, rubandogli milioni in modo che il giovane emancipato dovesse ricominciare da zero senza soldi all’età di 15 anni. Cominciando in uno spot di McDonald’s all’età di tre anni, per la dozzina di anni successivi Corey Feldman è rapidamente cresciuto fino a diventare la mucca da soldi opportunamente sfruttata dai suoi genitori. La madre di Corey era un’ex modella di Playboy narcisista che soffriva di depressione e tossicodipendenza mentre suo padre era un musicista che si sballava con il suo giovane figlio. [24]

L’ex star bambina Alison Arngrin che interpretava Nellie nell’iconica serie TV di successo degli anni ’80 “Little House on the Prairie” ha dichiarato:

A Hollywood, ci sono genitori che praticamente prostituiscono i loro figli nella speranza di fare soldi. È una trappola orribile quella in cui si trovano i bambini. [25]

Privato di un’infanzia normale e di modelli di ruolo adulti e sani che si prendevano veramente cura di lui, Corey Feldman divenne sempre più suscettibile all’influenza della famiglia esterna. Un attore sulla ventina di nome John Grissom, assunto dal padre di Corey come assistente personale della piccola star ha iniziato a molestare sessualmente Corey all’età di 14 anni, fornendogli regolarmente alcol, marijuana e pasticche. [26] Con l’aumento e la diffusione dell’abuso sessuale, Grissom introdusse presto cocaina ed eroina all’adolescente in difficoltà. Corey Feldman e Corey Haim sono stati trafficati tra tutti i pedofili di Hollywood. Poiché il suo editore di libri richiedeva l’uso di pseudonimi per prevenire potenziali azioni legali e, così facendo, proteggere i colpevoli, Corey si riferì a Jon Grissom nella sua autobiografia come “Ron Crimson”:

Avevo preso delle pillole, un miscuglio che Ron aveva inventato … Ron si avvicinò e si sedette accanto a me, con una rivista porno in mano… Ron iniziò a toccarmi, allungando la mano attraverso la mia coscia fino al cavallo dei miei pantaloni … Quando Mi sono svegliato, era su di me, mi stava toccando, tirando la cerniera dei miei pantaloni. Mi sono reso conto che stava succedendo di nuovo. [27]

Feldman ha affermato che il pedofilo Grissom mostra ancora le foto di due Corey come trofei sessuali sulla sua pagina Facebook, aggiungendo:

Lo ostenta ancora. [28]

I predatori pedofili a Hollywood non scelgono mai le loro prede a caso. Ancora una volta Alison Arngrin specifica che:

In genere sono molto attenti nella scelta. Cercano bambini i cui genitori stanno forse divorziando, sono molto ingenui, soffrono di problemi di dipendenza o sono semplicemente genitori pazzi che guarderanno dall’altra parte. [29]

Da un articolo di Fox News di un decennio fa:

Ci sono anche genitori che non vogliono agitare le acque, anche dopo aver scoperto che il loro bambino ha subito abusi. Una fonte ha detto a FOX411 che un membro di una famosa band ha recentemente scoperto che suo figlio minorenne aveva rapporti sessuali con un’altra figura di successo dell’industria. L’incidente è stato spazzato via sotto il tappeto per paura di rovinare la reputazione dell’autore e dei suoi colleghi. [30]

Durante lo scandalo Weinstein di qualche anno fa, come ospite del Dr. Oz Show, Corey Feldman ha denunciato altri due pedofili come suoi aguzzini sessuali: Marty Weiss, il pedofilo e talent manager dei bambini condannato, che era tra i criminali esposti nell’acclamato documentario del 2014 “An Open Secret.” Il lavoro di Marty Weiss era quello di ricercare giovani talenti sia per Nickelodeon che per Disney e oltre a Feldman, aveva scoperto anche l’undicenne Evan Henzi che ha abusato sessualmente 30-40 volte dall’età di 12-15 anni. [31] Alla fine, dopo anni di traumi, Evan ha coraggiosamente sporto denuncia fino alla condanna di Weiss. Tuttavia, un patteggiamento dopo la condanna (un anno e cinque mesi), permise al pedofilo seriale di essere rilasciato dalla prigione dopo appena 6 mesi. Tale parodia della giustizia ha raddoppiato la sofferenza della vittima la cui reazione è stata:

Sono arrabbiato con il sistema legale. Mi sono auto incolpato e mi sono sentito in colpa. Guardando indietro, ho capito che non dovevo farlo era solo la mia immatura convinzione che tutti fossero bravi nel mondo e la sapessero piu` lunga di me. Ora che sono più grande, so che era una cosa malata. Non fai sesso con un bambino di 11 anni. [32]

L’altro colpevole citato da Feldman nello show di Oz era Alphy Hoffman, figlio di un importante direttore del casting in uno dei migliori studi di Hollywood che gestiva un club informale per adolescenti per attori bambini chiamato Alphy’s Soda Pop Club. [33] Le feste per adolescenti di Hoffman erano in gran parte per adulti senza supervisione e una calamita per i viscidi pedofili del settore che sfruttavano appieno una situazione di “caccia facile”.

Poiché Corey Feldman per tutto il suo coraggio e forza d’animo ha ricevuto molteplici minacce di morte, inclusa una da un A-lister che notoriamente usa le sue minacce come suo biglietto da visita, questo criminale rimane uno degli altri tre individui che secondo Feldman sono i principali pedofili le cui identità non sono ancora state divulgate. [34] Feldman ha chiarito di essere a conoscenza degli abusi dell’A-lister, ma sostiene di non essere mai stato lui stesso una sua vittima. Corey ha scelto di non rivelare il suo nome temendo per la sicurezza sia di sua moglie Courtney Anne Mitchell che di suo figlio di 13 anni Zen Scott Feldman.

A un certo punto Corey Feldman ha contattato Michael Jackson un altro a cui e stata rubata l'infanzia e i due hanno legato rapidamente. Corey insiste sul fatto che Michael non si è mai approfittato di lui e che Michael e` stata la figura maschile più sana che Corey abbia mai avuto durante la crescita. Ma quando Jackson sono giunte false voci riguardo al fatto che Feldman stava progettando di rilasciare un ritratto negativo della superstar nell’imminente autobiografia di Corey, perseguitato dalle accuse di abusi sessuali, il paranoico Michael Jackson ha interrotto improvvisamente e prematuramente la loro amicizia un tempo molto stretta. [35]

Poiché dall’età di 16-18 anni Feldman è stato arrestato con l’accusa di droga mentre lottava contro la dipendenza e l’abuso sessuale, i suoi ruoli da adulto hanno iniziato rapidamente a diminuire. Una volta che Corey Feldman si è ripulito, reinventandosi per formare la sua rock band, alla fine ha iniziato a parlare di pedofilia a Hollywood. Ma nessuno lo prese sul serio. Ripetutamente sulla televisione nazionale anche negli ultimi anni i principali media mainstream come Barbara Walters nel 2013 hanno accusato Corey di denigrare l’industria [36] e qualche anno fa Matt Lauer lo ha tormentato per non aver mai rilasciato i nomi dei suoi pedofili. [37] Ovviamente, come il compagno predatore sessuale Charlie Rose, Lauer stesso è stato presto denunciato e licenziato dalla NBC per quelli che si rivelano essere anni di molestie sessuali contro le donne.

Corey Feldman voleva fare dei nomi nel suo libro di memorie del 2013 Coreyography, ma il suo editore ha rifiutato. Matt Lauer ha anche continuato a rimproverare Feldman per non essere andato alla polizia quando in realtà Cory ha ripetutamente denunciato tutti i crimini e le identità dei criminali alla polizia, già nel 1993 quando è stato intervistato dalla polizia di Santa Barbara in merito alle indagini sulla caccia alle streghe di Michael Jackson. Corey ha dichiarato di aver dato il nome di ogni pedofilo alle forze dell’ordine, ma senza alcun risultato dato che quasi tutti i suoi criminali sono ancora in giro come uomini liberi impiegati in un’industria che non si preoccupa di abusare dei bambini fintanto che è permesso di continuare a operare nella completa impunità .

Per anni Corey Feldman ha rivelato che esiste un club non così segreto di pedofili che è rimasto intatto e continua a lavorare regolarmente come produttori, registi, attori, pubblicisti, manager, direttori di casting, fotografi, assistenti e praticamente in tutte le capacità commerciali all’interno del Industria di Hollywood, sempre predatrice di bambini e adolescenti. Sostiene che un circolo sessuale infantile è fiorito a lungo in segretezza proteggendo i pedofili da tutte le conseguenze, esattamente allo stesso modo in cui tanti politici, preti e reali pedofili sono riusciti a farla franca con i loro crimini eclatanti.

Dopo che il compagno di Feldman Corey Haim è stato sodomizzato a 13 anni, Haim non si è mai completamente ripreso, assumendo alcol e droghe mentre era molto giovane per intorpidirsi dal dolore, dalla vergogna e dal trauma in corso, morendo tragicamente all’età prematura di 38 anni a causa di complicazionicationi da polmonite, ma senza dubbio ancora di più a causa dei suoi anni di abusi sessuali. [38] Decenni dopo, nel 2006, mentre erano quasi senza soldi e già considerati finiti, “I due Corey” sono stati nuovamente riuniti e presentati in una serie di reality show A&E che si è trasformata in uno spettacolo pubblico simile a uno zoo. In un episodio memorabile, ognuno accusa pateticamente l’altro di non averlo mai sostenuto o di non essere mai venuto in suo aiuto quando entrambi sono stati maltrattati in modo orribile. [39] Anche se purtroppo le affermazioni di ciascuno di loro non sono mai state prese sul serio e il loro giro di pedofilia di noti sodomizzatori è stato lasciato libero di continuare ad abusare delle prossime generazioni di ragazzi di Hollywood, nonostante la loro angosciata situazione pubblica, pochi all’interno del settore hanno osato sostenere le inquietanti contese dei Corey. Come accennato in precedenza, un’ex attrice bambina che lo ha fatto coraggiosamente è stata Alison Arngrim, affermando su Fox News nel 2011:

Questo va avanti da molto tempo, erano i pettegolezzi negli anni ’80. La gente diceva: “Oh sì, i Corey, ci sono andati tutti”. La gente ne parlava come se non fosse un grosso problema. Dicevano che venivano imbottiti di droghe e usati per fare sesso. Era orribile: questi erano ragazzini, non avevano ancora 18 anni. Questi due avevano subito abusi sessuali e sono stati totalmente corrotti in ogni modo possibile. [40]

Eppure la brutta verità in bella vista fu ignorata. Mentre l’epidemia di pedofilia perpetrata da preti cattolici è stata mostrata nel film vincitore dell’Oscar 2015 “Spotlight”, [41] che descrive come i titoli sensazionali del Boston Globe abbiano inizialmente esposto l’orrendo scandalo degli abusi sessuali all’interno della Chiesa cattolica nel 2002, [42] gli stessi crimini vergognosi commessi a Hollywood sono stati sempre accolti con una risposta debolissima nell’industria dell’intrattenimento, sessualmente promiscua, del “tutto va bene”. Ma per le vittime reali, non è mai stato un pettegolezzo scomodo, ma una tortura impressa in modo indelebile, per tutta la vita, che le ha afflitte fino alla fine. Dipendente da anni sia dai farmaci da prescrizione che dalle droghe illegali, Corey Haim si e fatto promottere dall'altro Corey che se fosse morto per primo avrebbe smascherato il flagello che affligge così tanti giovani attori e intrattenitori vulnerabili a Hollywood. [43] E dalla morte del suo migliore amico nel marzo 2010, Corey Feldman si e` impegnato anima e corpo nel rivelare pubblicamente questa vergognosa epidemia che da tempo attanaglia la capitale mondiale del divertimento. Ma sfortunatamente i suoi avvertimenti non sono mai stati adeguatamente ascoltati, né è stata data loro la dovuta attenzione per sradicare questa spregevole piaga.

La morte di Corey Haim in così tenera età rappresenta il destino sfortunato di così tante ex star di Hollywood. Il mito secondo cui non riescono ad adattarsi e prosperare oltre la loro giovinezza perché in qualche modo non riescono a passare all’età adulta è ciò che i potenti pedofili di Hollywood che li hanno usati e abusati da bambini preferirebbero far credere al pubblico. L’abuso di droghe e alcol diventa invariabilmente un sintomo di coloro che soffrono di abusi sessuali su minori. L’idea che le star bambine nel loro periodo di massimo splendore siano piene di talento e potere, ma che quando crescono improvvisamente perdono tutte le loro capacità di recitazione e talento creativo per continuare a guadagnarsi da vivere è ridicola. La pedo-macchina di Hollywood per la sua natura molto brutale sfrutta i bambini, dopo averli usati e maltrattati, semplicemente li mastica e li sputa fuori. La co-fondatrice Anne Henry della Fondazione BizParentz che assiste e protegge i bambini nel l’industria dell’intrattenimento stima che almeno il 75% di quei bambini attori che vanno “fuori strada” ha subito abusi sessuali. [44] E la lista si allunga sempre con ex piccole star che tragicamente muoiono troppo giovani. [45]

In questa epoca dove i pedofili stanno per essere esposti, con 15 accusatori, Kevin Spacey è stato tra le prime grandi star della pedofilia a cadere, [46] già macchiato dallo scandalo di Epstein. Mentre partecipava al tour Lolita Express African AIDS con i suoi compagni pedo Bill Clinton e Jeffrey Epstein nel 2002, Kevin Spacey si è successivamente vantato nei suoi circoli sociali di come ha pagato i genitori dei ragazzi africani che ha contaminato, persino scrivendolo sulle detrazioni fiscali.

Sulla scia dell’esposizione di Harvey Weinstein, la vittima di abusi sessuali Corey Feldman ha guadagnato 30.000 follower su Twitter in poco tempo, che lo hanno implorato di identificare i suoi autori e incoraggiandolo a perseguire la sua crociatacontro i pedofili a Hollywood. [47] Al culmine della controversia su Weinberg qualche anno fa, Corey Feldman ha presentato ancora una volta il suo rapporto di abuso basato su osservazioni dirette ed esperienze personali al LAPD riguardo un circolo di pedofili che opera all’interno della comunità dell’intrattenimento. Le parole di Corey su Nightline del 2011:

Sono stato circondato da loro [dai pedofili] quando avevo 14 anni. Circondato. Letteralmente. Non lo sapevo nemmeno. Non è stato fino a quando non fui abbastanza grande da capire cosa fossero, cosa volessero e di cosa si trattasse. … Oh mio Dio, erano dappertutto, come avvoltoi. [48]

Dopo aver ricevuto il rapporto di Corey, la polizia di Los Angeles ha avviato la sua prima inchiesta sulle accuse di Feldman, tuttavia, appena un giorno dopo ha dichiarato che stava chiudendo la sua finta indagine a causa dello statuto delle limitazioni in scadenza sulle affermazioni di Feldman, vale a dire, come al solito si e` finto che la pedofilia ad Hollywood non esistesse. E ancora una volta, i potenti predatori in cima alla catena alimentare vengono protetti a spese dei bambini. Corey ha pubblicamente lamentato in precedenti interviste come, a differenza di altri stati come New York, le pedo-elite assicurino che la legge vigente della California sullo statuto delle limitazioni applicato all’epicentro mondiale dei pedofili dell’intrattenimento protegga convenientemente i criminali quando le vittime della pedofilia invecchiano oltre i 40 anni. [49 ] Nonostante abbia compiuto 47 anni nel luglio 2018, Corey Feldman è attualmente a capo di una petizione per eliminare le leggi sulla prescrizione in tutta l’America per i crimini di pedofilia. Ovviamente ciò rappresenterebbe un enorme passo avanti contro la pedocabala.

Una settimana dopo Newsweek ha intervistato Corey con il titolo dell’articolo sensazionalizzato che sembra intenzionalmente minare la sua crescente credibilità: “Corey Feldman: Forze ‘demoniache’ lo hanno motivato a esporre i presunti pedofili di Hollywood.” [50] Eppure la sua spiegazione del perché deve fare quello che sta facendo è molto radicata in una realtà fin troppo credibile:

Credo che la pedofilia a Hollywood sia il sintomo di un’enorme network di forze oscure. Le persone nascondono storie come questa per il potere, per l’avidità, e scelgono di ignorare le vittime perché non vogliono dover pensare a ciò che hanno fatto. [51]

Corey ha anche lanciato una campagna di finanziamento per raccogliere 10 milioni di dollari al fine di produrre un lungometraggio che racconta la sua storia esponendo i malati di Hollywood come mai prima d’ora. Feldman non voleva fare un documentario in parte perché un ritratto eccellente ed emotivamente sincero della pedofilia a Hollywood è già stato coperto dalla candidata all’Oscar Emily Berg nel suo documentario del 2014 “An Open Secret”. [52] Il film descrive cinque ex bambini vittime di violenza. Attori documentano i danni indicibili subiti dalle vittime sofferenti, immergendo il pubblico in uno scorcio agonizzante nelle vite permanentemente segnate dagli abusi sessuali sui minori. Ovviamente quelli al potere a Hollywood guidati dai colpevoli hanno tentato in ogni modo di sabotare il successo del film in modo che non uscisse e venisse distribuito nei cinema, nei festival cinematografici, nelle reti via cavo e in Internet. Mentre Emily Berg aveva ottenuto una nomination all’Oscar per il suo documentario del 2006 “Liberaci dal male”, che esponeva la pedofilia all’interno della Chiesa cattolica, quando ha osato denunciare la pedofilia ad Hollywood, e` stata apertamente censurata e non è riuscita nemmeno a trovare un distributore. [53] Il co-produttore Matthew Valentinas ha affermato:

Gli animali hanno più protezioni e diritti sul set di un film rispetto ai bambini. [54]

Sebbene i minori vittime non abbiano diritti, gli stupratori di minori rimangono protetti. Allo stesso modo, chi dice la verità dovra` affrontare azioni legali intentate dai colpevoli. Emily Berg è stata minacciata di azioni legali dal sindacato SAG-AFTRA perché il film dimostra come i pedofili condannati nell’industria di Hollywood siano regolarmente autorizzati a continuare a lavorare con i bambini. [55] Alla luce dello scandalo di Harvey Weinstein, i produttori del film di “An Open Secret” lo hanno reso disponibile gratuitamente su Internet, ma ancora una volta hanno incontrato un’aperta resistenza da parte dell’elite di hollywood (ovvero i pedofili che possiedono e gestiscono l’industria dell’intrattenimento ). Un altro dei produttori del film, Gabe Hoffman, ha spiegato che con un punteggio di approvazione del 94% dal sito web dei critici cinematografici rottentomatos.com [56], il film è stato accolto apertamente dai festival di Cannes, LA, Toronto e Londra. Ma dopo che i dirigenti del festival di medio livello hanno dato il via libera, due settimane dopo i vertici hanno bloccato gli inviti a ogni festival, perché la macchina pedofila di Hollywood ha fatto pressioni sui funzionari perché rifiutassero di mostrare “An Open Secret”. [57]

Attraverso interviste con vittime di abusi, il film di Berg espone la rete di pedofili omosessuali che lavorano nell’industria cinematografica mentre sfruttano e depredano attori minorenni, concentrandosi sulla criminalità perpetrata dai tre fondatori del Digital Entertainment Network (DEN). L’azienda era guidata dall’imprenditore tecnologico Marc Collins-Rector, da Chad Shackley e dalla star della Disney (The Mighty Ducks, First Kid) Brock Pierce, che come uno dei VP di DEN a 17 anni, guadagnava un quarto di milione di dollari all’anno. [58] In un tempo notevolmente breve hanno raccolto $ 65 milioni per iniziare a fornire contenuti online in streaming con le imprese immaginarie di un adolescente sessualmente confuso che si trasferisce con suo fratello maggiore e il suo ragazzo nella loro villa sulle colline che nella vita reale era la residenza Encino del trio DEN. .

In “An Open Secret” le ex star spiegano con dettagli forti che per tutta la fine degli anni ’90 e l’inizio del 2000 Rector e i suoi amici di Hollywood ben collegati stavano guadagnando la reputazione di organizzare enormi feste in piscina frequentate prevalentemente da pedofili omosessuali del settore e maschi minorenni presi di mira. attori. Come per procedura operativa standard, i criminali adulti drogano pesantemente i ragazzi adolescenti prima di commettere violenza sessuale.

Il nome più importante associato a queste orge pedofile è stato il regista di acclamati blockbuster come “The Usual Suspects” (con protagonista il pedofilo predatore Kevin Spacey) e la serie “X-Men” – Bryan Singer. [59] Ma fintanto che questo pezzo grosso continua a sfornare successi multimilionari al botteghino come i primi due X-Men che hanno incassato oltre $ 700 milioni, avra` sempre abbastanza spazio di manovra per sottrarsi alle cause legali di più vittime che presumibilmente ha drogato e violentato, il che dimostra ancora una volta che se hai soldi e potere, rimani irraggiungibile. Il caso più pubblicizzato di Bryan Singer è stato indagato dall’ex attore e modello bambino Michael Egan, presente in “An Open Secret”.

Ma nel dicembre 2017 è stata intentata un’altra causa contro il famoso regista per aver costretto un ragazzo di 17 anni a fare sesso orale su di lui prima di stuprare il minore a bordo di uno yacht party nel 2003. [60] Vennero fatte le solite minacce da repertorio per impedire alla vittima di farsi avanti. Una volta annunciato il contenzioso, il volatile regista è stato prontamente licenziato dal suo attuale progetto “Bohemian Rhapsody”, un film biografico su Freddie Mercury. Ciò è avvenuto dopo che Singer, secondo quanto riferito, ha lanciato un oggetto contro l’attore principale mentre un altro attore si è licenziato per conflitti contro il predatore pedofilo. Come Spacey, il successo gli è andato alla testa e ha pensato di essere intoccabile. Come Kevin, si sbagliava.

Nonostante il regista Bryan Singer, una volta un grande regista, sia un personaggio regolare nel vergognoso circuito delle feste in piscina, [61] ospitato da personaggi come il pedofilo condannato Marc Collins-Rector, le cause che si accumulano contro di lui hanno a malapena influenzato la sua carriera. Tuttavia, è stato dimostrato in un tribunale delle Hawaii che il suo amico Rector ha distrutto il retto appartenente a Michael Egan tra gli altri ragazzi. Insieme a molte altre vittime, Egan fece causa a Rector sostenendo che Rector lo aveva costretto a fare sesso sotto la minaccia di una pistola minacciando di sparargli alla testa se avesse continuato a resistere. Rector è stato un fuggitivo per un po ‘prima di essere catturato in Inghilterra ed estradato negli Stati Uniti per affrontare il processo e la condanna.

Anche se due colleghi investitori del DEN e pedofili sono stati entrambi nominati nella causa legale di Egan con una reputazione ampiamente nota nel settore per abusi sessuali su minori, alla fine né Bryan Singer né il produttore Gary Goddard sono stati perseguiti. Invece, piuttosto che Singer andasse in prigione, è stato Egan ad andarci, marchiato con una condanna a 2 anni di prigione per un’accusa di frode non correlata. [63] Punizione per aver osato tentare di ritenere responsabili i potenti pedofili? Sii tu A giudicare. Nel frattempo, il noto attore Anthony Edwards ha coraggiosamente scritto un pezzo emozionante su medium.com lo scorso novembre delineando come Gary Goddard, fingendosi il suo mentore, insegnante e “amico”, lo abbia sodomizzato all’età di 14 anni. [64]

Forse ti starai chiedendo se la pedofilia a Hollywood sta peggiorando. Anne Henry, della Fondazione BizParentz, afferma che il problema a cui alludeva Feldman è solo diventato più allarmante negli ultimi anni:

Pedofili e predatori a Hollywood sono altrettanto dilaganti oggi, se non di più. L’industria dell’intrattenimento è molto più grande di quanto non fosse ai tempi [di Feldman e Haim]. Pensa a quanti canali via cavo ci sono. Ai tempi di Corey, c’erano i canali 2-13. Oggi abbiamo anche Internet, che consente ai predatori di perseguitare e contattare virtualmente i bambini attori in modo più personale. [65]

L’attuale valutazione di Corey Feldman concorda, la pedofilia sta diventando sempre più dilagante a Hollywood:

È più ora che mai perché al giorno d’oggi puoi usare Internet per creare profili falsi e account falsi. Raggiungono i bambini piccoli su Twitter, raggiungono i bambini su Facebook e dicono: “Sono un grande produttore e posso aiutarti”. È un problema in crescita, non in contrazione. [66]

Come un altro esempio di come l’industria guarda notoriamente e cronicamente dall’altra parte, ecco lo scrittore-regista pedofilo condannato Victor Salva, che nel 1988 tre decenni fa, è stato riconosciuto colpevole di cinque capi di copulazione orale con un bambino sotto i 14 anni. [67] Un cortometraggio di Salva del 1986 aveva così impressionato il famoso regista Francis Ford Coppola che nello stesso anno produsse il primo lungometraggio del pedofilo: “Clownhouse”. Fu allora che Victor Salva iniziò ad abusare sessualmente di Nicholas Winters, il ragazzo di 12 anni protagonista del film di Salva. Il regista ha proibito alla madre del ragazzo di entrare sul set, sostenendo che Nicholas non poteva lavorare con sua madre che lo guardava. La madre si insospettì e si confrontò con suo figlio, che ammise:

Ho un segreto e non posso dirlo a nessuno. [68]

La polizia ha fatto irruzione nella casa del pedofilo e ha trovato materiale pornografico che includeva un video fatto in casa di Salva che fa sesso orale con la sua piccola star. Nonostante la precedente condanna, Salva ha scontato solo altri 15 mesi di una condanna a tre anni prima di essere rilasciato nel 1989 e tornare subito in affari con un’industria che lo ha accolto di nuovo a braccia aperte. La famiglia Winters ha citato in giudizio la società di produzione di Coppola per 5 miliardi di dollari e si è conclusa con soli 100.000 dollari. Dalla prigione, Salva aveva scritto una sceneggiatura che in seguito ha ricevuto il via libera per dirigere: il film del 1995 “Powder” distribuito dalla Disney’s Hollywood Pictures. [69] Nonostante la Disney sapesse che questo regista era un pedofilo condannato per ben due volte, Salva non è mai stato in alcun modo ostacolato, uscendo regolarmente con bambini minorenni assunti come comparse, permettendo loro di sedersi sulla sua sedia da regista e spesso andando a pranzo con loro [e probabilmente su di loro]. Così, per tre decenni consecutivi a Hollywood, la carriera di questo stupratore di minori è rimasta intatta, dirigendo il suo ultimo film “Jeepers Creepers 3” pubblicato nell’ottobre 2017. [70] In conclusione, se i criminali fanno soldi per gli studi di Hollywood, rimangono impiegati indipendentemente dal numero di vite di bambini che vengono distrutte nel processo.

Un’altra storia vergognosa è il direttore del casting di Hollywood James Murphy, responsabile dello scouting e dell’assunzione di bambini in alcuni dei film di maggior successo degli ultimi 15 anni, tra cui “School of Rock” e “Super 8”. Prima della sua carriera a Hollywood, mentre viveva a Seattle, un ossessionato Murphy si “innamorò” di un bambino in una scuola elementare vicina, rapendolo travestito da donna nel 1996 e portandolo a New York City dove fu notato da un impiegato dell’hotel che lo ha riconosciuto da “America’s Most Wanted”. [71] Murphy è stato arrestato con l’accusa di rapimento e molestie. Ma solo cinque anni dopo il rapimento di Seattle, ci è tornato, questa volta lavorando come direttore di casting di Hollywood scegliendo attori bambini per grandi film. Alla fine il suo sordido passato lo raggiunse, ancora una volta l’industria dell’intrattenimento ha fatto finta di niente guardando dall’altra parte per consentire a un altro predatore seriale di accedere a lavorare con centinaia di bambini vulnerabili.

Bob Villard è diventato il manager di Leonardo DiCaprio e Toby Maguire insieme a decine di altri attori bambini nel corso degli anni. Eppure, prima ancora che quei due iniziassero la loro carriera, nel 1987 Villard fu arrestato per pornografia infantile, ma l’accusa fece saltare il caso e il pedofilo fu liberato. [72] Per i successivi 14 anni Villard ha continuato a lavorare a Hollywood fino a quando il suo passatempo criminale, collezionare foto di ragazzi minorenni, lo ha finalmente messo dietro le sbarre nel 2001. Ma un tempo incredibilmente breve dopo, nel 2005, il molestatore è stato catturato ancora una volta mentre aggrediva sessualmente un potenziale clienti di 13 anni. Hollywood ha vergognosamente permesso a questo pedofilo di recitare sessualmente e farsi beccare tre volte dopo aver danneggiato innumerevoli vittime prima di proibirgli finalmente di lavorare di nuovo sul campo.

Un ultimo caso in questo breve campionario di pedofili che lavorano a Hollywood che cadono nel fascicolo “cattura e rilascia”, e` Jason Michael Handy. Nel suo diario privato si è identificato come un “pedofilo, in piena regola”. Usando un teleobiettivo, questo pedofilo ha scattato oltre un migliaio di foto di bambine che si divertivano in una scuola elementare dall’altra parte della strada rispetto a casa sua. [73] Come volontario della chiesa di Malibu, ha lavorato regolarmente con bambini di 6 anni. Ma come assistente di produzione presso Nickelodeon, uno dei più grandi produttori di programmi televisivi per bambini, gli è stato concesso l’accesso illimitato ai bambini sia sul set che fuori. Presentandosi come un grande produttore di Nickelodeon per ragazze minorenni sia online che offline, Handy ha promesso a due ragazze la celebrità con una carriera in televisione, che presto molestò, mandando in frantumi per sempre le loro speranze e sogni se non le loro stesse vite. Nel 2004 il predatore è stato condannato per due reati, un atto osceno nei confronti di un bambino e la distribuzione di pornografia infantile, nonché un reato per sfruttamento sessuale di minori. Dopo il periodo in prigione, nel 2009 Jason Michael Handy si è trasferito a est, nella Carolina del Nord, dove è stato costretto a registrarsi come condannato per reati sessuali. [74] Ma un decennio dopo la sua prima condanna, il pedofilo seriale è stato nuovamente accusato di altri tre capi d’accusa su un bambino e due violazioni per molestie sessuali. Devi chiederti quante vite ha rovinato questo pervertito di vittime che non hanno mai denunciato i suoi crimini.

Roman Polanski e Woody Allen devono ancora pagare legalmente per i loro presunti crimini sessuali. Roman Polanski per sua stessa “indiscrezione”, ha ammesso di aver drogato e violentato una ragazza americana di 13 anni che da allora lo ha fatto vivere come un latitante in fuga dalla legge degli Stati Uniti. [75]

Ovviamente la comunità di Hollywood potrebbe anche aver mostrato simpatia per il regista il quale 8 anni prima, aveva perso la moglie, attrice, incinta di 8 mesi, Sharon Tate, nel tragico sanguinoso omicidio di Laurel Canyon del 1969 per mano satanica del clan di Charles Manson legato alla CIA. [76 ] Mentre Sharon e il suo bambino non ancora nato e altri venivano brutalmente pugnalati a morte, il pedofilo A-lister stava ancora filmando quello che sarebbe diventato un classico dell’orrore sul diavolo che cresceva dentro Mia Farrow dopo che il fondatore della Chiesa di Satana Anton LaVey, che interpretava Satana stesso, aveva messo incinta Rosemary in “Rosemary’s Baby”. [77] Il giornalista veterano Randy “Rocket” Cody afferma con enfasi che Roman Polanski era un membro della stessa congrega satanica di Hollywood per cui afferma che Warren Beatty e Jack Nicholson erano coloro che avevano pugnalato la moglie e il nascituro di Polanski. morti in un sacrificio satanico di sangue. [78]

Subito dopo essersi dichiarato colpevole nel 1977 per aver violentato Samantha Geimer (ex Gailey) a casa di Jack Nicholson (che all’epoca era assente), il famigerato regista Polanski fuggì dall’America prima che gli venisse emessa una lunga condanna a 50 anni di prigione, dopo che il giudice aveva cambiato idea rinnegando un patteggiamento estremamente leggero. [79] Essendo doppio cittadino franco-polacco, nei successivi quattro decenni il pedofilo ha eluso con successo la legge e gli è stato permesso di lavorare liberamente, viaggiare, accettare riconoscimenti da un’industria pedo-friendly, pedo-saturata e vivere senza ostacoli nel lusso in varie case in Europa. Ma la cosa peggiore è che il pedofilo seriale era libero di violentare più minori.

Poi, proprio quando sembrava che anche lui fosse completamente immune dalla legge, dopo l’arrivo di Polanski a Zurigo, in Svizzera, nel settembre 2009, per ricevere un illustre premio internazionale per l’eccezionale carriera nell’industria cinematografica, sotto la pressione degli Stati Uniti la polizia svizzera lo ha improvvisamente arrestato. [ 80] In attesa di una decisione delle autorità svizzere sulla sua estradizione negli Stati Uniti, Polanski è stato brevemente incarcerato, anche se presto gli sono stati concessi gli arresti domiciliari nel suo chalet svizzero, mentre il governo di Berna ha deciso se soddisfare o meno la richiesta di estradizione degli Stati Uniti. Infine, nel luglio 2010, il ministro della giustizia svizzero ha annunciato che Polanski non sarebbe stato estradato in America. [81] Così il bambino stupratore schivo` un altro proiettile.

Proprio mentre i titoli su Weinstein stavano emergendo, Polanski ha detto compiaciuto a The Hollywood Reporter lo scorso ottobre che il suo caso di stupro del 1977 era “finito”, sostenendo di aver pagato per il suo crimine scontando brevemente del tempo nel 1977 e di nuovo nel 2009. [82] Ma la verità è che Roman Polanski non solo ha evitato illegalmente anni dietro le sbarre per il suo ammesso crimine pedofilo negli Stati Uniti, ma è anche fuggito come fuggitivo internazionale e non ha mai affrontato altre accuse o procedimenti giudiziari successivi come pedofilo seriale. È emerso che avrebbe violentato un certo numero di altre vittime minorenni. Nel frattempo, senza dubbio conscio di ciò, nell’agosto 2017 il giudice che presiede a Los Angeles sta mantenendo il caso Geimer del 1977 ancora aperto nonostante la richiesta della vittima di archiviarlo. [83]

Subito dopo la sua breve detenzione a Zurigo nel 2009, oltre 100 notabili dell’industria cinematografica tra cui il presunto collega pedofilo Woody Allen, Martin Scorsese, David Lynch, Alejandro Gonzalez Inarritu, Wong Kar Wai, Harmony Korine, Stephen Frears, Alexander Payne, Michael Mann, Wim Wenders , Tilda Swinton, Julian Schnabel e Pedro Almodovar hanno firmato tutti una petizione chiedendo il rilascio di Polanski dalla custodia. [84] Nel frattempo, nonostante altre cinque donne si siano fatte avanti negli ultimi anni per accusare Roman Polanski di essere state violentate anche loro come ragazze minorenni, Roman Polanski nega di aver molestato altre vittime. [85] L’attrice britannica Charlotte Lewis che ha girato un film con Polanski nel 1986 ha affermato nel 2010 che nel 1982 (mezzo decennio dopo aver ammesso di aver violentato la tredicenne) all’età di 16 anni, di aver subito violenze dal regista. [86]

L’anno scorso un’ex attrice tedesca ha accusato Polanski nel 1972 (prima del suo caso in California) di aver riportato l’allora quindicenne nel suo chalet fuori Berna con la promessa di un ruolo di attrice nel suo prossimo film prima di procedere a violentarla. [87] Dopo essersi scusato per il suo crimine, l’ha scelta in un piccolo ruolo nel film “Che?” ma poi presumibilmente l’ha violentata una seconda volta in una casa a Roma. Nel novembre 2017 le speranze della vittima sono state vanificate, ancora una volta a causa delle leggi sulla prescrizione, questa volta in Europa. Quindi, ancora una volta a causa della storia ininterrotta di un sistema legale rotto che protegge globalmente potenti pedofili, tutte le indagini sui crimini sessuali seriali di questo regista sono state abbandonate e Polanski rimane un uomo libero.

Per quanto riguarda l’altro caso di alto profilo che coinvolge un famoso regista ottantenne, la confessione della lettera aperta del 2014 della presunta figlia vittima di Woody Allen, Dylan Farrow sul New York Times [88] e una recente intervista della CBS [89] non ebbe grande rilevanza e fu presto dimenticato. Dylan ha rivelato graficamente l’abuso sessuale di suo padre perpetrato quando aveva 7 anni nella sua casa nel Connecticut:

Sono stata portata da mio padre in un piccolo sottotetto nella casa di campagna di mia madre nel Connecticut. Mi ha detto di sdraiarmi sulla pancia e giocare con il trenino di mio fratello. E si è seduto dietro di me sulla soglia e mentre giocavo con il trenino sono stata aggredita sessualmente. A 7 anni ha toccato le mie parti intime. [90]

Per schivare questo proiettile legale più di un quarto di secolo fa, Woody Allen ha usato opportunisticamente il suo potere di celebrità e la sequenza di eventi per respingere categoricamente le accuse di molestie originali della sua partner di lunga data Mia Farrow. Allen ha etichettato Mia come la moglie disprezzata che reagisce in modo vendicativo alla scoperta delle foto Polaroid nude di un’altra figlia della Farrow – l’allora 21enne Soon-Yi con le gambe divaricate seduta su un divano. [91] E l’epica battaglia per la custodia dei loro tre figli condivisi è stata lanciata. Il giudice non solo ha dato la piena custodia dei loro tre figli a Mia, ma ha proibito il contatto tra tutti loro tranne la visita monitorata con suo figlio Ronan (allora chiamato Satchel).

È anche degno di nota aggiungere che nel 1993 il procuratore capo dell’ufficio del procuratore dello stato del Connecticut riteneva che Allen avesse abusato sessualmente di Dylan come “probabile causa” da perseguire. Ma Mia Farrow e lui non volevano imporre ulteriori traumi al bambino di 7 anni con un processo, dando tristemente ad Allen un pass gratuito con la decisione di non procedere. [92] Fino ad oggi Dylan Farrow vive ancora con il trauma degli abusi sessuali e si lamenta e si rammarica che anche a lei sia stata negata la sua giornata in tribunale. Nel frattempo, il regista di 82 anni continua a girare film con il pieno sostegno dell’élite di Hollywood, del pubblico al botteghino e degli adoranti fan fedeli. Ma dal punto di vista di Dylan, assistere a decenni di continue menzogne ​​e dinieghi di suo padre l’ha ferita nel profondo. Con i suoi figli piccoli, oggi Dylan Farrow sta lavorando instancabilmente per aiutare a prevenire gli abusi sui minori.

Il fratello Ronan Farrow è venuto in difesa di sua sorella, credendo che suo padre Woody Allen la abbia aggredita sessualmente. [93] In qualità di giornalista strumentale nel portare sotto i riflettori la storia di Harvey Weinstein, [94] Ronan ha esperienza personale in come la macchina di PR di suo padre e` stata usata storicamente da potenti predatori maschi come arma contro giovani vittime coraggiose che osano dire la verità. Ha vissuto questo in prima persona con sua madre e sua sorella quando sono stati etichettati come “pazzi e vendicativi”. [95]

Come giornalista negli ultimi anni, mentre copriva la storia di Bill Cosby, Ronan ha incontrato la complicità e la collusione dei media mainstream che proteggono i pedofili e i molestatori sessuali famosi. [96] L’accesso alle star dipende dalla collaborazione simbiotica tra la star machine e la stampa. Quindi approfondire un terreno troppo personale o controverso è considerato tabù e off limits. Un tipico esempio è la storia di sua sorella. Il New York Times ha limitato la sua “confessione” a 936 parole all’interno dell’articolo del giornalista vincitore del Premio Pulitzer Nicholas Kristof.

Il giornalista Ronan Farrow inizialmente si oppose a sua sorella che rendeva pubblica la sua storia, facendo rivivere vecchi ricordi dolorosi, qualcosa di cui in seguito si sarebbe pentito. In un articolo di Hollywood Reporter del maggio 2016, ha scritto:

Credo a mia sorella. Lo ho sempre fatto anche a 5 anni, in cui era turbata dallo strano comportamento di nostro padre: si arrampicava nel suo letto nel cuore della notte, costringendola a succhiargli il pollice – comportamento che lo ha spinto a intraprendere una terapia incentrata sulla sua condotta inappropriata con i bambini prima delle accuse … Ho affrontato il caso come avvocato e giornalista e ho trovato le sue accuse credibili. I fatti sono convincenti e ben documentati … L’unica disposizione legale finale è una sentenza di custodia che ha ritenuto il comportamento di Woody Allen “gravemente inappropriato” e ha sottolineato che “devono essere prese misure per proteggere [Dylan]”. [97]

Con tutto il trambusto suscitato dal movimento #Me Too di Weinstein, le vecchie tendenze pedofile di Woody tornarono a morderlo ancora una volta nel suo culetto magro. Le star dei film passati di Woody Allen, tra cui Colin Firth, Greta Gerwig e Mira Sorvino, si sono messe in fila per scusarsi pubblicamente e prendere le distanze, esprimendo rammarico per aver mai lavorato con il famigerato regista. [98] Nel frattempo Timothée Chalamet, la star dell’attuale film di Allen “A Rainy Day in New York”, ha annunciato che tutti i suoi guadagni dal film andranno a gruppi di difesa delle donne. Ma i più stretti alleati e amici di Allen come Diane Keaton si sono recentemente precipitati in sua difesa. In un tweet di fine gennaio 2018, Keaton dice che crede ancora ad Allen e spinge a guardare una vecchia intervista di 60 minuti del 1992 in cui Allen si difende pubblicamente. [99] Un altro tweet del controverso attore Alec Baldwin paragona crudelmente la vittima di incesto di Woody, Dylan, al personaggio di To Kill a Mockingbird, che inventò la menzogna di essere stata violentata da un uomo innocente. [100]

Ancora un altro ricco e famoso intrattenitore che è fuggito pagando per i suoi crimini di pedofilia a lungo sepolti è la leggenda del rock n ‘roll e front man degli Eagles, Don Henley. Quando si faceva di droghe pesanti, in mezzo alle tante sostanze che alterano la mente, Henley ha preso l’abitudine di violentare ripetutamente ragazze adolescenti. In una notte di novembre appena prima del Ringraziamento del 1980, Don chiamò la sua signora procacciatrice per radunare un po ‘di carne giovane per la sua dipendenza carnale illegale. [101] Con una scorta illimitata di cocaina, quaaludes, marijuana e alcol, il rocker ha drogato e violentato una 15enne fuggitiva e una sedicenne in stato comatoso che poco dopo fu affetta da violente convulsioni. Henley ha continuato a scattare Polaroid per tutta la notte nonostante l’arrivo della parata di paramedici, seguaci dell’ordine assegnati in giacca e cravatta e detective di follow-up. Solo un’altra orgia infestata di droga andata a male … tutto ben ripulito dai suoi complici ben pagati – gestori di intrattenimento e aggiustatori legali, che spendono un sacco di soldi colludendo con funzionari delle forze dell’ordine corrotti per coprire efficacemente il crimine disordinato di un altro rockettaro folle.

Dopo che la vittima convulsa di 16 anni è stata dimessa dall’ospedale e disintossicata dai farmaci, un anno dopo è stata trovata morta vicino all’autostrada 101. I suoi amici e il personale del rifugio affermano che la sua scomparsa non è stata causata da un suicidio accidentale come le autorità hanno rapidamente stabilito. Il famoso batterista ha anche avuto il coraggio di scrivere in seguito una canzone contro la “bionda con la testa a palloncino”, alias Christine Lund, conduttrice del canale 7 di LA KABC, per aver ficcato il naso nella sua attività in cui i giornalisti che cercano la brutta verità non venivano ammessi, rendendosi incredibilmente più ricco come autoproclamata “vittima”. “[102]

Nel frattempo, la quindicenne fuggiasca finì per fare le pulizie e nel nord della California andò al college, si laureò, alla fine si sposò e ora ha figli. Suo marito, un politico statale emergente, sta sostenendo l’ex fuggitiva contro Henley, il suo ex manager Irving Azoff e l’ex magnate dell’etichetta discografica David Geffen in tribunale nel 2018, assegnando tutti i futuri proventi della transazione giudiziaria per assistere gli abusi sessuali minorili [103] Don Henley ovviamente si unisce a centinaia di musicisti, attori e politici egocentrici, impazziti dalla droga e dal sesso, il cui stile di vita regale gli ha preso alla testa, pienamente immuni nel distruggere innumerevoli giovani vite senza nome.

Un’altra oscura, lurida storia nascosta nel profondo del caveau del crimine di Lucifero, anch’essa di oltre un quarto di secolo fa, arriva nientemeno che dall’ex governatore [104] e pedo-presidente Bill Clinton [105]. Si scopre che il compianto grande comico dalla metà degli anni ’80 all’inizio degli anni ’90, il famigerato Sam Kinison è stato assassinato, non la vittima casuale di un incidente stradale del 1992 sulla strada per Las Vegas come i media vorrebbero farci credere. No, Sam e sua moglie stavano diventando terribilmente nervosi e agitati sapendo che il vizietto (droga) di Bill e Sam era responsabile della morte per overdose di un’altra vittima di stupro minorenne dopo che Sam aveva festeggiato con il governatore dell’Arkansas appena prima della corsa a POTUS di Bill. [106] A disagio per la responsabilità di Kinison, i malfattori demoniaci hanno escogitato la loro soluzione, hanno convinto il ragazzo adolescente della ragazza morta a credere che Sam avesse fornito le droghe che l’avevano uccisa prima di violentarla, e poi hanno chiamato l’ex vendicativo con il cervello fuso per vendicare Sam Kinison. E proprio così, liberi da un’altra situazione potenzialmente scomoda, nel novembre dello stesso anno Bill e Hillary se ne andarono allegramente alla Casa Bianca e il resto è la loro storia criminale. E la sventurata vedova di Sam ancora viva e terrorizzata che è sopravvissuta allo schianto ha tenuto la bocca chiusa da allora.

Su una nota positiva, negli ultimi tempi in gran parte grazie allo scandalo Weinstein, Corey Feldman è stato affiancato da un piccolo ma crescente coro di colleghi attori che dicono la verità che parlano apertamente delle proprie osservazioni e incontri con la pedofilia. Forse il più noto ex attore bambino diventato attore adulto ora 37enne che ha contribuito a denunciare la pedofilia a Hollywood è Elijah Wood. Nel maggio 2016 in un’intervista al Sunday Times ha fatto notizia sui principali titoli internazionali. Fresco di arrivo dall’Iowa e protagonista nel suo primo ruolo all’età di 8 anni, il protagonista della “Trilogia del Signore degli Anelli” la cui carriera di attore abbraccia ormai quasi tre decenni, riflettendosi sul suo ambiente di lavoro come attore bambino negli anni ’90:

Chiaramente qualcosa di importante stava succedendo a Hollywood. Era tutto organizzato. Ci sono molte vipere in questo settore, persone che hanno in mente solo i propri interessi. C’è oscurità nel ventre … Dalla mia lettura e ricerca, sono stato condotto lungo sentieri oscuri per rendermi conto che queste cose probabilmente stanno ancora accadendo. Se sei innocente, hai pochissima conoscenza del mondo e vuoi avere successo, le persone con interessi parassitari ti vedranno come la loro preda. Ciò che mi preoccupa di queste situazioni è che le vittime non possono parlare ad alta voce. Questa è la tragedia di tentare di rivelare ciò che sta accadendo a persone innocenti: possono essere schiacciate, ma le loro vite sono state irrimediabilmente danneggiate. [107]

Wood ha spiegato come ha evitato l’oscuro destino di Hollywood grazie a sua madre che si è concentrata maggiormente sul suo essere cresciuto “un buon umano” piuttosto che renderlo a tutti i costi una baby-star:

Non sono mai andato a feste in cui succedeva quel genere di cose. Questa bizzarra industria presenta così tanti percorsi di tentazione. Se non hai un qualche tipo di fondamento, tipicamente di famiglia, sarà difficile affrontarlo. [108]

Dopo essere stato attaccato per essere stato così bruscamente audace da suggerire che lo scandalo di Jimmy Savile del Regno Unito è paragonabile allo scandalo sessuale infantile di Hollywood, Elijah Wood è stato costretto a ritrattare alcuni dei suoi precedenti commenti, ammettendo di non aver mai avuto direttamente esperienza nella sua carriera con la pedofilia ma stava semplicemente rispondendo al documentario emotivamente avvincente che aveva visto di recente, [109] “An Open Secret”. Lo scrittore Jack Cashill ha ipotizzato che Wood possa aver cambiato bruscamente tono per salvare la propria carriera. [110]

L’attore bambino Todd Bridges che ha recitato nella serie di sitcom degli anni ’80 “Diff’rent Strokes” è diventato pubblico nel 2010 rivelando che il suo manager, che era anche un amico di famiglia, ha abusato sessualmente di lui all’età di 11 anni in quattro occasioni. [111] Todd è riuscito a resistere al quinto tentativo e in seguito ha attaccato fisicamente il suo molestatore quando si è presentato a casa della sua famiglia, raggiunto da sua madre, vittima di abusi sui minori lei stessa, che è corsa in cucina a prendere un coltello dopo aver sentito suo figlio urlare: “Mi ha toccato!” Bridges è stato abusato mentre la sua sitcom era molto popolare, ma come è così comune, non l’ha mai detto a nessuno. Nel 1983 un controverso episodio in due parti di “Diff’rent Strokes” affrontò l’argomento pedofilia che suscitò intensi sentimenti di rabbia vergogna e dolore in Todd.

Nel 2012 sia Bridges che Feldman hanno collaborato per sostenere con successo una campagna per la legislazione della California che richiede controlli dei precedenti con impronte digitali per tutti i talent manager, fotografi e pubblicisti che hanno regolarmente accesso senza supervisione ai bambini nel settore dell’intrattenimento. [112].

L’attore James Van Der Beek, una giovane star della serie “Dawson Creek” degli anni ’90, ha postato un paio di tweet rivelatori lo scorso ottobre che descrivevano i suoi incontri con predatori di Hollywood più anziani:

Uomini anziani e potenti mi hanno afferrato il culo, mi hanno coinvolto in conversazioni sessuali inappropriate quando ero molto più giovane. Comprendo la vergogna ingiustificata, l’impotenza e l’incapacità di parlarne. C’è una dinamica di potere che sembra impossibile da superare. [113]

In risposta a Weinstein, il rispettato regista e sceneggiatore vincitore di due Oscar Paul Haggis ha suggerito che Hollywood ha davvero un grave problema di pedofilia, credendo che gli addetti ai lavori coprano i pedofili. [114] E lo scorso ottobre un’altra vincitrice dell’Oscar Reese Witherspoon ha rivelato di essere stata violentata sessualmente da minorenne, ma alludeva al fatto che fosse solo l’inizio di altri incontri predatori a venire:

[Sento] vero disgusto per il regista che mi ha aggredito quando avevo 16 anni e rabbia verso gli agenti e i produttori che mi hanno fatto sentire che il silenzio era una condizione del mio impiego. E vorrei poterti dire che è stato un incidente isolato nella mia carriera, ma purtroppo non lo è stato. Ho avuto molteplici esperienze di molestie e aggressioni sessuali e non ne parlo molto spesso. [115]

Negli ultimi due anni Jon Robberson è emerso dalla fossa dei serpenti di Hollywood come un insider informatore che ha lavorato intimamente in tutti gli aspetti dell’industria dell’intrattenimento che include lungometraggi, programmi televisivi e commerciali in tutti i principali studi e reti per 16 anni. [ 116] Come gli attori Feldman e Wood, ha dichiarato pubblicamente che un circolo pedofilo satanico controlla Hollywood. Conclude che la pedofilia “dilaga a Hollywood”, a cui si riferisce come un “culto satanico della morte”, osservando che:

I vertici più alti di Hollywood, i vicepresidenti esecutivi dello sviluppo, i produttori, gli agenti e i banchieri internazionali finanziano tutta questa roba. [117]

Robberson ha affermato che la pedo-cabala di Hollywood aggancia attori bambini e adolescenti con la droga e poi li coinvolge in feste con telecamere dove si impegnano in attività decadenti come “orge omosessuali multi-partner, salasso e smembramento di animali” a scopo di ricatto (non diversamente dall’operazione Epstein dell’ultimo capitolo):

Una volta che hanno ricevuto la merce in video, ti possiedono. [118]

Jon Robberson sostiene che i pedofili di Hollywood al potere usano la loro influenza per costringere attori compromessi, ricattabili e affamati a essere posseduti e controllati dai loro padroni luciferini. Sebbene l’omosessualità e la pedofilia siano state a lungo radicate a Hollywood, durante il suo periodo di lavoro a Tinsel-Town negli ultimi 16 anni durante questo 21 ° secolo, Robberson ha assistito a un’acquisizione pedofila omosessuale da parte di un pederasta dell’intera industria dell’intrattenimento. [119]

Per arrivare dove sono oggi, praticamente tutte le star maschili del mondo dello spettacolo devono obbedientemente sottomettersi a prenderlo letteralmente nel culo dai diavoli di Hollywood al potere. [120] Il “casting couch” obbligatorio oggi si estende praticamente a ogni uomo, donna e bambino come unica via verso la vetta. Questo sistema corrotto e vile spiega anche perché il talento creativo negli ultimi anni ha sofferto ed è caduto a un nuovo minimo perché coloro che vendono la propria anima per fama e fortuna non hanno piu la necessita` di essere talentuosi. Devono semplicemente svolgere i loro ruoli di sottomissione come strumenti satanici malleabili, totalmente manipolati e controllati che trasmettono le perversioni e la dissolutezza prevalenti della loro industria ai fan adoranti e altamente influenzati in tutto il mondo.

Il prezzo della superstar di Hollywood è vendere la tua anima ai diavoli che gestiscono Tinsel-Town, invocando forze demoniache interdimensionali mentre partecipi al rituale satanico sodomizzando, facendo a pezzi e mangiando i cuori di innocenti bambini sacrificati. Per renderlo davvero grande, praticamente tutte le star più famose dell’industria cinematografica, televisiva e musicale devono sottoporsi ai più disgustosi e degradanti atti di perversione e squallore immaginabili. E se uno osa dire la verità per smascherare questo sistema controllato dal demonio, viene immediatamente gettato in pasto ai lupi. All’improvviso le loro carriere e la loro reputazione sono rovinate da una cattiva pubblicità. Chiedete ai comici Kat Williams [121] e Dave Chappelle, [122] o Will Smith e la moglie Jada Pinkett [123]… “sgarra e sei finito.” [124]

Bob Dylan, Katy Perry, Rihanna, Beyoncé, [125] Jay-Z, [126] Lady Gaga [127] e altri famosi luminari sono in un modo o nell’altro pronti a concludere il loro accordo non sacro, firmando il loro contratto luciferino. Jon Robberson articola l’opzione dei due accordi per gli intrattenitori che più di ogni altra cosa desiderano fama e fortuna illimitate, l’accordo decennale più comune al pubblico delle rock star e il popolare piano ventennale tipicamente scelto dalle star del cinema. Senza Robberson che affermava che i musicisti di alto profilo nella lista del club 27 [128] (tra cui Amy Winehouse, Kurt Cobain, Jimi Hendrix, Jim Morrison, Janis Joplin) hanno fatto tutti patti con il diavolo, né le molte celebrità famose che sono morte a meno di un anno dal loro 37 ° compleanno (Principessa Diana, Marilyn Monroe, Bob Marley, Vincent Van Gough, Corey Haim, Sam Kinison, John Kennedy Jr.), [129] questi fatti non dovrebbero essere considerati come leggende metropolitane.

L’audace insider di Hollywood Robberson affronta anche l’inquietante argomento degli allevatori di bambini che danno alla luce bambini al solo scopo di essere assassinati in un sacrificio rituale satanico. Jon afferma che i genitori di famiglie multigenerazionali degli Illuminati stipulano un’alleanza con un prete lucifero che mette incinta la loro figlia di 12 anni che poi viene tranquillamente trasferita e supportata da un’ostetrica wiccan che la aiuta a far nascere il bambino senza lasciare tracce cartacee o certificato di nascita. [130] Quando il bambino ha solo pochi giorni o un paio di mesi, i neonati sacrificabili vengono poi gettati su un altare di pietra riscaldato di Moloch solo per sfrigolare a morte in rituali satanici proprio come ai tempi dell’antica Babilonia. Robberson ha rivelato di essere a conoscenza di questi luoghi sacrificali.

Correlato è il nesso Illuminati-CIA-militari che presumibilmente possiedono anche una miriade di strutture sotterranee e tunnel sotto una serie di centri chiave per il controllo mentale del traffico sessuale come il Getty Museum di LA West Side, [131] vicino a Disneyland e Disney World della Florida [132] così come decine di DUMB come nell’area 51 nel deserto del Nevada. [133] In questi luoghi top secret l’élite al potere avvia operazioni nere per sviluppare ulteriormente tecnologie super avanzate (alcune attraverso il back-engineering di veicoli spaziali alieni) [134] e condurre sperimentazioni diaboliche che a volte portano risultati disastrosi, il tutto ovviamente nascosto al pubblico.

Attualmente un cattolico convertito, ex “Alto Mago” della Chiesa Mondiale di Satana per 26 anni, Zachary King ha recentemente parlato a un pubblico affollato a una conferenza di Toronto sulla guerra spirituale. [135] Il veterano di molti rituali satanici eseguiti per l’élite di Hollywood dice di aver “perso il conto” del numero, ma sottolinea la pura ipocrisia quando:

Vedi queste celebrità e questi dirigenti di aziende cinematografiche ringraziare Gesù agli Oscar, ma sono tutte bugie. Quello che non vedi è che bevono il sangue di un bambino che hanno appena violentato e sacrificato mentre imploravano Lucifero di “benedirli” con più fama e ricchezza. [136]

Zachary King sostiene che la stragrande maggioranza delle superstar di Hollywood sono in realtà “pedofili che uccidono bambini che adorano Satana”, spiegando che la maggior parte ha “ucciso o violentato bambini” durante un “sacrificio satanico”. [137] Essendo stato lui stesso abusato sessualmente a all’età di 11 anni, spingendolo all’età di 13 anni a unirsi a una congrega satanica e vendere la sua anima al diavolo, King è ora motivato a smascherare completamente l’epidemia di pedofilia che dilaga nell’industria dell’intrattenimento. Ha detto che la guerra contro la pedofilia può essere combattuta solo con la guerra spirituale e non può essere sconfitta solo con mezzi fisici, specificando che:

Se le persone lavorano insieme, possono porre fine alla miseria che stanno attraversando tanti bambini. Forse alcuni potrebbero essere del tutto risparmiati dalla vita che io stesso, e così tanti altri, abbiamo dovuto sopportare per mano di oligarchi satanici che controllano il nostro mondo. [138]

I Luciferiani che gestiscono l’industria dell’intrattenimento non solo sono li per microgestire e controllare i loro attori e musicisti di fama mondiale per eseguire le loro sanguinose offerte demoniache come burattini proprio come i loro politici di proprietà, ma sono anche li per controllare le masse globali che consumano la loro produzione di massa. Hollywood sforna un prodotto che è un veicolo di controllo mentale per il lavaggio del cervello integrale per manipolare, influenzare e plasmare sempre più i valori, i costumi, le credenze, i comportamenti e la percezione della realtà delle masse globali. Attraverso un processo in gran parte inconscio di osmosi, il pubblico mondiale assorbe in modo subliminale i messaggi sottostanti costanti sottilmente o indubbiamente incorporati in lezioni tematiche amorali e immorali elaborate e progettate da Hollywood.

Più che in qualsiasi altro momento della storia umana, i controllori planetari hanno sfruttato malevolentemente gli effetti negativi dei mass media in questa epoca elettronica, multimodale, come mezzo efficace per esercitare un’influenza in continua espansione, un potere centralizzato e un controllo crescente sulla popolazione globale dipendente dal digitale.

Per numerosi decenni la comunità della salute mentale ha definitivamente dimostrato oltre ogni dubbio che:

I video musicali [TV, film, videogiochi] socializzano i giovani comunicando idee sul comportamento previsto, sulle relazioni e sui ruoli maschili e femminili. [139]

Glorificare la violenza per renderla volontariamente non solo una norma accettabile, ma anche una forma desiderabile di espressione maschile come misura tangibile dell’abilità maschile e della forza bruta è stata usata come costante dell’industria dei mass media per condizionare e invogliare con successo giovani uomini multigenerazionali fuorviati(e ora le donne) per iscriversi, combattere e morire in infinite guerre elitarie perpetrate dai banchieri di Wall Street e dal complesso industriale militare da quando Hollywood ha creato film. [140] Simile al controllo Mockingbird della CIA su MSM [141] relegandolo al suo attuale ruolo di ministero nazionale di propaganda per le “fake news” [142], una brigata di agenti della CIA, NSA, FBI e MI viene schierata a Hollywood per controllare la produzione dello studio. linea che garantisce che la verità che espone le bugie, la corruzione e il male sia effettivamente censurata e non riesca a raggiungere le persone mentre solo la disinformazione approvata dal Deep State e le false narrazioni vengono diffuse. [143]

Sul tema del controllo della CIA su Hollywood, la sempre brutalmente onesta comica Roseanne Barr disse a RT nel 2013 che la CIA governa Hollywood:

Hollywood mantiene tutta questa struttura di potere. Perpetuano la cultura del razzismo, sessismo, classismo, genderismo. Continuano a nutrirlo e guadagnano un sacco di soldi facendolo. Lo fanno per volere dei loro padroni, che gestiscono tutto. È una grande cultura del controllo mentale, MK Ultra governa a Hollywood. [144]

Quindi, il governo di proprietà di YouTube, Facebook, Twitter e Google ricorre a una crescente censura [145] per vietare i canali di notizie online più onesti e accurati [146]. La macchina della propaganda di Hollywood propaga una strategia divide et impera basata su razzismo, sessismo e fanatismo, paura e inganno. [147] Il totalitarismo si ottiene solo dopo che a una popolazione controllata di cittadini viene completamente negato l’accesso alla verità. Benvenuti nel mondo orwelliano dove “in un tempo di inganno universale, dire la verità diventa un atto rivoluzionario” [148] e chi dice la verità è nemico dello stato.

Come un esempio molto rivelatore di questa crisi globale in corso che prende di mira chi dice la verità, i giornalisti di tutto il mondo che espongono ciò che sta realmente accadendo oggi non sono mai stati più a rischio di incarcerazione e assassinio di adesso. [149] Internet come l’unico luogo rimasto in cui esiste ancora una stampa aperta e libera per le persone, sta rapidamente cadendo sotto quello che l’ex spia Robert David Steele chiama il controllo della Gestapo di Google mentre Deep State si muove disperatamente per la sua distruzione, sopprimendo le voci dissidenti. [ 150] Ma per fortuna sono attualmente in corso soluzioni alternative e l’accesso alla verità non sarà mai precluso. [151]

L’attenzione eccessiva e ossessiva di Hollywood che descrive temi così negativi e oscuri delle forze del male soprannaturali, occulte e demoniache non è casuale. È in base al design NWO calcolato non solo per generare grandi guadagni al botteghino, il genere horror abbassa anche il senso della moralità e dell’etica delle masse. [152] Secondo la teoria catartica, il fascino dei film spaventosi deriva dall’offrire indirettamente lo scarico emotivo della paura repressa che a un livello inconscio e più profondo rappresenterebbe un’ansia troppo minacciosa e opprimente da sopportare coscientemente per qualsiasi individuo medio. Il senso di sollievo dello spettatore è l’appiglio. [153]

Una dieta costante 24 ore su 24, 7 giorni su 7, di melma dissolutamente sporca e saturata di sangue, ha lo scopo di desensibilizzare e intorpidire gli esseri umani a livelli estremi di violenza, perversione e dolore degli altri. La struttura del potere malvagio, a lungo nascosta in bella vista, che normalizza costantemente il sesso gratuito, la morte e il massacro di vite innocenti, è progettata per fare il lavaggio del cervello e condizionare le masse globali all’accettazione, alla sottomissione e alla paura all’ingrosso come ulteriori mezzi per prendere il controllo assoluto sull’intera popolazione umana.

Inoltre, i crescenti messaggi e immagini apertamente demoniaci trasmessi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 dalle industrie del cinema, della TV, della musica e dei videogiochi di Hollywood guidate dalle superstar mentalmente controllati risalgono alla dea bionda Marilyn Monroe [155] e alla satanista Jane Mansfield. [156] Ma con la sfilata odierna di anime perse stanche esemplificate da artisti del calibro di Madonna cabalista, schiave del sesso Britney Spears, Lady Gaga, Katy Perry, Miley Cyrus, Rihanna e Beyoncé e così tante celebrità collegate al Pizzagate, [157 ] l’agenda delle élite è cristallina. [158] Queste beta kitten commercializzano direttamente le loro canzoni e i loro video direttamente ai bambini, trasudando con sfumature luciferiane sessuali e immagini grafiche [porno]. [159] Un esempio esagerato è il video dell’ex star Disney Miley Cyrus per la sua canzone “BB Talk”, con le gambe divaricate mentre indossava un pannolino e cantava “fuck me”. [160 ]

Una presentazione che esponga la propensione di Hollywood per la pedofilia e la perversione non sarebbe completa senza riconoscere storicamente gli enormi contributi diabolici di luminari degli Illuminati come Walt Disney e Hugh Hefner. Disney era un altro fanatico pedofilo massonico-Illuminato con una personalità divisa tra pubblico e privato Dr. Jekyll e Hyde. A partire dagli anni ’20, quando il fumettista fondò per la prima volta la sua compagnia, Disney lavorò instancabilmente per modellare un’immagine esteriore positiva per il mondo che si evolse nel benevolo “Zio Walt” che “amava” i bambini attraverso la sua leggendaria magistrale narrazione, fornendo un “sicuro, luogo sano per l’immaginazione creativa dei bambini di tutto il mondo con i suoi famosi classici dell’animazione e il divertimento per famiglie nei parchi a tema Disneyland e Disney World. Ma sotto questa personalita` esteriore, risiedeva un’anima tormentata, conflittuale e indurita immersa nell’energia oscura della perversione subliminale e dell’elitarismo fascista del Nuovo Ordine Mondiale. [161] Poiché aveva così tanto da nascondere, anche quelli che lo conoscevano bene affermavano di conoscerlo a malapena.

Nato figlio bastardo di una lavandaia in un villaggio spagnolo del 1901 che chiamava la madre non sposata “La Bitcha” messa incinta da un medico sposato che morì poco dopo la nascita di Walt, o più precisamente, di Jose. [162] La madre ha portato il figlio illegittimo a Chicago per vivere con suo fratello, dove un prete ha prontamente organizzato un’adozione ombra. Quindi fin dall’inizio della sua vita, Disney era incline a nascondere gli scheletri nell’armadio della sua famiglia. All’età di un anno, Walt è stato adottato da una severa coppia del Midwest, Elias Disney, un padre particolarmente crudele, fisicamente ed emotivamente violento e una madre fredda e distante, Flora. Di conseguenza, il giovane Walt è cresciuto amando gli animali e i treni più delle persone. Come via d’uscita dalla sua dolorosa infanzia, Walt Disney si immerse negli antichi insegnamenti segreti della Gnosi Rosacroce, [163] da adolescente entrando a far parte dell’Ordine di DeMolay, un’organizzazione fraterna sponsorizzata dai Massoni. Ricordiamo dal capitolo 4 che Jacques DeMolay fu l’ultimo gran maestro della società segreta cattolica dei Cavalieri Templari prima del suo arresto nel 1307 e fu bruciato sul rogo nel 1314.

L’annunciato pioniere dell’animazione era profondamente immerso e istruito nell’occultismo babilonese ed egiziano, nella tradizione della stregoneria druidica, nella dottrina massonica così come nell’arte dell’inganno, nel potere della propaganda e nel controllo mentale di Edward Bernays. [165] Hai mai notato la preponderanza ossessiva di pozioni e miscele di streghe, maledizioni e incantesimi e la riverente deferenza verso i rituali occulti come tema ricorrente in tanti dei suoi film Disney? Molto è stato scritto sull’altro suo marchio di fabbrica, che promuove il sesso mascherando immagini e messaggi pedofili sessualizzati incorporati in modo subliminale nei suoi film. Ad esempio, ne “La sirenetta” i castelli sono chiaramente dei falli e in un cartone animato la fidanzata di Topolino, Minnie, viene vista sniffare cocaina. [166] Gli osservatori analitici hanno evidenziato letteralmente centinaia di altri di questi esempi non così nascosti di contenuti inquietanti inappropriati assorbiti dai bambini.

A partire dagli anni ’30 tutti i dipendenti maschi della Disney dovevano indossare cravatte, essere ben rasati senza peli sul viso ed era severamente vietato usare parolacce o sarebbero stati licenziati sul posto. Mentre la Disney imponeva la morale legalistica, la pulizia e la sobrietà per la sua forza lavoro, il capo portava sempre i suoi tipici baffi, beveva alcol ogni giorno in ufficio e si lavava compulsivamente le mani molte volte al giorno su base oraria (psicologicamente dal senso di colpa per essere impuro). [ 167] Le forze oscure prevalenti degli Illuminati e le inclinazioni massoniche della Disney che risuonavano dentro di lui si fusero per formare un patto luciferino reciprocamente egoista. In qualità di capo ambizioso del suo fiorente impero, Disney ha coltivato un piacevole rapporto di lavoro come informatore pagato dall’FBI con il principale boss delle forze dell’ordine americane e collega pedofilo J Edgar Hoover, aiutando i nomi di Hoover, l’avvocato Roy Cohn e la lista nera dei comunisti del senatore Joe McCarthy. [ 168] La Disney era anche molto amica del pedofilo Ronald Reagan e del buffone degli Illuminati Bob Hope, proprietario della schiava sessuale presidenziale Bryce Taylor.

Il regista e autore Kenneth Anger ha definito Disney un “vecchio sporco”, [169] scrivendo nel suo libro Hollywood Babylon II:

Alcuni animatori hanno affermato che il capo [Walt Disney] sembrava essersi innamorato del ragazzo. [170]

“Il ragazzo” era l’attore bambino Bobby Driscoll. “Uncle Walt” si e dilettato in un particolare desiderio pedo-fetish con la sua giovane star di "Treasure Island", mantenendo un comodo appartamento locale per incontri segreti per sodomizzare regolarmente il giovane adolescente. [171] Secondo quanto riferito, il giocattolo del ragazzo di proprietà della Disney è stato usato e maltrattato, quindi scartato, facendo precipitare Driscoll lungo il percorso verso l'oblio di ex star bambino pieno di senzatetto tossicodipendenti e all'età di 31 anni e` morto. Lo stesso Driscoll ha osservato:

… Gettato come spazzatura quando non ero più un ragazzino carino e non piacevo piu` a [Walt]. [172]

Sia la Disney che l’establishment degli Illuminati hanno fatto di tutto per creare e mantenere il mito dell’uomo leggendario che in realtà era basato sulle bugie. Ma guai a chi dice la verità su Disney. Il biografo di Walt Leonard Mosley ha scritto:

Gli scagnozzi di Disney erano in grado di esercitare una forte pressione su editori e proprietari o, attraverso le pagine pubblicitarie, contro chiunque deducesse che Walt Disney non fosse l’epitome di una perfezione benestante e benevola. [173]

Inoltre, la programmazione per il controllo mentale della CIA MK Ultra ha trovato una base solida nella Disney che rimane viva e vegeta fino ad oggi, sia attraverso i tunnel sotterranei costruiti sotto tutti i suoi parchi a tema fino ai bambini sfortunati che scompaiono ogni anno. [174] Durante il movimento contro la guerra degli anni ’60, le basi militari statunitensi furono oggetto di un controllo crescente e fu presa la decisione di utilizzare Disneyland come una delle principali basi delle operazioni di controllo mentale degli Illuminati per tutte le sue sordide attività criminali clandestine. L’autore di 13 Bloodlines of Illuminati Fritz Springmeier ha scritto:

Con il pretesto di intrattenere il mondo, hanno svolto attività di riciclaggio di denaro, riciclaggio di schiavitù infantile e controllo mentale. [175]

Il nesso Disney-Deep State che lo zio Walt ha stabilito con J Edgar Hoover ha portato la CIA a sfruttare i parchi per la programmazione MK Ultra, dove gli appaltatori della CIA hanno costruito un vasto mondo sotterraneo di tunnel, camere di tortura e centri di programmazione del controllo mentale al di sotto di Disneyland e altri parchi, ma soprattutto sotto il più grande Disney World della Florida. [176]

Inoltre i film Disney si sono dimostrati un perfetto controllo mentale della CIA. Ancora Springmeier nel suo libro Illuminati Formula to Create a Mind Control Slave:

… I film Disney e gli altri programmi sono così importanti per i programmatori. Sono lo strumento ipnotico perfetto per indurre la mente del bambino a dissociarsi nella giusta direzione … La maggior parte dei film Disney sono usati per scopi di programmazione. Alcuni di loro sono progettati specificamente per il controllo mentale. [177]

Dopo che l’uomo che aveva ricevuto il maggior numero di Oscar nella storia del cinema (22) morì all’età di 65 anni nel 1966 il professore di giornalismo Ralph S. Izard ha affermato che i valori rappresentati nei film Disney sono “considerati preziosi nella società cristiana americana”, che includono “individualismo, decenza … amore per i nostri simili, fair play e tolleranza”. [178] Questa è ovviamente l’immagine pubblica comune dell’eredità del lavoro della Disney. Ma confrontalo con la realtà fondamentale di Walt. Springmeier dedica un capitolo alla Disney nelle sue 13 Bloodlines of the Illuminati:

Dietro la buona facciata della Disney c’è il porno duro, i film snuff, la schiavitù dei bianchi, il controllo mentale degli Illuminati e la seduzione di diverse generazioni nella stregoneria. [179]

Inutile dire che il conglomerato ha continuato ad espandere il proprio livello di operazioni nefaste nei media dell’establishment, acquistando la rete televisiva ABC e il canale sportivo ESPN e creando il proprio Disney Channel. Le entrate dell’attuale impero dei media della Disney sono quasi uguali al profitto dei suoi parchi a tema, resort e studi cinematografici messi insieme. [180] Disney ha anche acquisito una serie di società di produzione cinematografica nel suo crescente elenco di filiali che includono Touchtone, Miramax di Weinstein e Hollywood Pictures. [181] Con Disney Company indiscutibilmente il più grande conglomerato di intrattenimento multimediale del mondo ora, con Forbes Fortune 500 del 2017 al numero 52, [182] l’ultima acquisizione proposta è Twentieth Century Fox per $ 52,4 miliardi. [183] Quindi il potere della Disney di influenzare, plasmare e controllare le menti di milioni se non miliardi su questo pianeta è indiscutibile.

Ma anche la pedofilia e l’agenda nascosta degli Illuminati sono diventati sempre più evidenti, a partire dal numero eccessivo di pedofili costantemente impiegati che la Disney assume che continuano a essere arrestati in numero record. 35 lavoratori Disney sono stati arrestati nella sola Florida per vari crimini di pedofilia. [184] Un importante dirigente della Disney e direttore di lunga data dell’editoria musicale Disney, il 58enne Jon Heely, è stato arrestato nel dicembre 2017 per tre capi di abuso su minori. [185] Una delle vittime abusate per quattro anni è stata molestata per la prima volta all’età di 11 anni, un’altra all’età di 15 anni. E proprio come suo zio Walt, il pedofilo vive la menzogna, affermando sulla sua biografia su Twitter che si occupa di “concerti Disney e vivere per glorificare Dio in tutte le cose “. Un altro fatto che apre gli occhi e smentisce l’immagine falsa e salutare è che una delle sussidiarie della Disney Company è il più grande produttore americano di film porno per adulti. [186]

Non è nemmeno un caso che dalla sua fabbrica Mouseketeer The Mickey Mouse Club (a partire dagli anni ’50 Annette Funicello), [187] Disney abbia sfornato una parata infinita di superstar della CIA controllate mentalmente, in particolare dagli anni ’90 come i cantanti Justin Timberlake, Britney Spears e Christina Aguilera, e su scala minore l’attore rubacuori Ryan Gosling e l’attrice Keri Russell. [188] Nel frattempo, da Disney Channel arriva una prolifica scuderia che ha generato personaggi come la brava ragazza Hannah Montana trasformata in cattiva ragazza Miley Cyrus [189] seguita da Selena Gomez e Demi Lovato. Altri illustri alunni delle star della Disney sono diventati pazzi, drogati come Lindsay Lohan [190] e Shia LaBeouf. [191]

Nel Nuovo Ordine Mondiale sono ammessi solo robot disumanizzati e controllabili; gli esseri umani che pensano ancora in modo critico saranno i primi ad essere epurati. [192]

E dall’estremità opposta dello spettro degli Illuminati arriva il re del soft porn, un altro mago occulto del lato oscuro e pifferaio magico designato dall’NWO – L’imprenditore di Playboy Hugh Hefner . [193] Dalla sua Playboy Mansion macchiata di orge, annidata sulle colline a due passi da Hollywood, per oltre mezzo secolo Hugh Hefner è stato un’icona del sesso che ha intrattenuto celebrità, magnati pedofili di Hollywood, politici e titani della finanza, vendendo nel suo impero mediatico promiscuità ed edonismo.

Un breve sguardo al passato pedofilo di Hefner getterà ulteriore luce. Hugh Hefner negli anni ’70 pubblicò una rivista meno conosciuta chiamata Sugar and Spice. Nel 1975, quando Brooke Shields aveva solo 10 anni, Hefner pubblicò foto di lei nuda nella sua rivista. [194] Hef era anche presente personalmente per una sessione di foto di nudo con l’attrice francese di 11 anni Eva Ionesco. La sessualizzazione delle ragazze in età prepuberale nelle foto e la distribuzione di pornografia infantile sono crimini. Eppure nessuna conseguenza legale ha mai avuto luogo.

Un cameriere che ha lavorato per l’imprenditore di Playboy per un paio d’anni nel 1978-79 ha dichiarato che Hefner aveva sempre installato telecamere nella sua villa per potenziali scopi di ricatto. [196] E con tutte le orge che erano così comuni nel corso degli anni Hefner ha ottenuto la merce sporca su innumerevoli individui di alto profilo. A questo proposito, la sua Hollywood Playboy Mansion divenne una versione della West Coast per la CIA come “Orgy Island” di Jeffrey Epstein lo era per il Mossad.

Da quando la CIA ha aiutato Hefner a fondare la Playboy Enterprises, gli schiavi del sesso MK Ultra facevano parte dell’agenda e anche dell’operazione di ricatto. In qualità di gestore di schiavi MK, il pedofilo perverso è stato coinvolto in molte attività atroci. Durante le ricerche su Hef e sulla storia della sua villa, il personale editoriale di Playboy si è imbattuto in alcuni progetti e archivi fotografici. Si scopre che “The Rape Mansion”, come venne chiamata, ha un intero sistema di tunnel sotterranei costruito negli anni ’70 che corre sotto la proprietà delle case di altri attori famosi come Jack Nicholson, Warren Beatty, James Caan e Kirk Douglas tra altri. [197] Un membro dello staff ha dichiarato che Hefner ha sigillato i tunnel nel 1985 dopo aver sposato la Playmate Kimberly Conrad. Si presume che la CIA, Hefner e i suoi famosi amici di Hollywood come Nicholson e Beatty abbiano trafficato giovani donne e ragazze minorenni, molte delle quali nel corso degli anni sono scomparse, probabilmente vendute come schiave o soppresse nei film snuff. [198] Altri prodotti Hefner di alto profilo come Playmates Dorothy Stratton e Paige Young e la modella di Playboy Anna Nicole Smith erano schiave del sesso MK che furono assassinate o suicidate per essere diventate minacce indisciplinate. [199] Ma ancora una volta con la rete degli da tempo presente a Hollywood, che possiede e controlla tutti i livelli delle forze dell’ordine sia locali che nazionali, la polizia serve a fornire la copertura necessaria per le loro operazioni omicide.

L’ex agente e informatore della CIA Laurel Aston ha dichiarato che Hefner era molto legato alla CIA:

Hefner è un programmatore della CIA, un gestore di schiavi sessuali della CIA e magnaccia. Hefner faceva anche parte della gestione dei super assassini e delle operazioni di MK Ultra. [200]

Anche un certo numero di donne di Hef ha ammesso che era omosessuale e faceva regolarmente sesso con uomini e raramente con donne. [201] Hefner poteva relazionarsi alle donne solo come oggetti sessuali sfruttati che rafforzavano la sua immagine di playboy ma era più vicino agli uomini. Spesso il playboy sessualmente liberato più famoso del mondo guardava gli altri fare sesso.

Implicando ulteriormente il principe delle tenebre edoniste, come la genealogia tracciabile della maggior parte dei presidenti degli Stati Uniti, la famiglia di Hugh Hefner si ricollega anche a una delle 13 linee di sangue degli Illuminati. Si scopre che Hefner fa risalire direttamente la sua discendenza all’antico Culto Dionisiaco dalla linea di sangue Ariano-Anglo-Sassone dei Draghi Illuminati. [202] Inoltre, i murales di Playboy Mansion hanno mostrato apertamente la sua stretta associazione con il suo culto dionisiaco. La più grande festa annuale della Playboy Mansion celebra “Sogno di una notte di mezza estate” (collegata alla festività pagana del solstizio estivo satanico) che si è evoluta direttamente dal Royal Luciferian Circle dell’élite che include la linea di sangue dell’Arcidruido Drago di Hefner. Come lo zio Walt, anche Hefner partecipò alla dottrina segreta dei Rosacroce modellandosi come il moderno Puck, una figura mitologica demoniaca medievale. Il culto dei Rosacroce ha un’antica tradizione di forte coinvolgimento nel controllo mentale e nell’incentivazione alla trance simile alla metodologia di controllo mentale CIA MK Ultra. Dal 1953 Hefner ha segretamente usato il suo Playboy Empire come base operativa della CIA per il controllo mentale.

Che Hefner sia morto qualche anno fa all’età di 91 anni proprio mentre le forze dell’ordine stavano presumibilmente chiudendo il caso per arrestarlo mentre cercava freneticamente l’immunità in cambio di fare i nomi ha sollevato la speculazione che potrebbe essere stato ucciso. [203] È stato anche riferito da una serie di fonti che una querelante di nome Sheri Denise Allred nel 2009 ha intentato una causa accusando Hefner di averla molestata sessualmente quando aveva solo 5 anni. [204] Sheri ha affermato che Hugh Hefner era immerso in un anello sessuale pedofilo di Hollywood. È stato recentemente riferito che nell’agosto 2017 (il mese prima della morte di Hefner) il caso è stato riaperto a causa di altre denunce contro il defunto playboy. Il reclamo confuso di Sheri della Corte Superiore di Los Angeles per danni è mal redatto e contiene riferimenti apparentemente fuori dal comune, a volte incomprensibili. [205]

Sheri Allred menziona ripetutamente un cappello che le copre la testa “dove tutti nel mondo possono sentire i suoi pensieri e trasferire i pensieri al suo cappello da dio”. MK Ultra utilizza EEG che di fatto rileva le proprie onde cerebrali. Considerando che molto probabilmente è una vittima schiava sessuale controllata mentalmente sottoposta a potenti droghe come LSD, tortura sistematica e abuso sessuale, con conseguente disturbo dissociativo, lei identifica accuratamente Hefner come il leader del Culto Dionisiaco e il fatto che faccia riferimento a se stessa come alla Venere di Milo, non sembra così inverosimile. [206] Inoltre, dato il contesto in cui è stata indottrinata con i temi standard di Walt Disney e il dogma occulto di MK, subendo il recupero dei ricordi repressi con le tipiche lacune amnesiche, tutti indicatori del marchio di programmazione Illuminati MK, il suo bizzarro racconto scritto potrebbe non essere così bizzarro. Ricordiamo inoltre che i torturatori-molestatori di MK contano di proposito sul fatto che le affermazioni apparentemente stravaganti di un bambino o di una vittima adulta siano interpretate erroneamente come fantasia puramente fabbricata o psicosi delirante. E con la False Memory Foundation e l’etichetta “Satanic Panic” ben in vigore dagli anni ’90, la macchina del diniego criminale Deep State ha facilmente deviato e liquidato le divagazioni di resoconti apparentemente non credibili come pura immaginazione (vedi capitolo 2).

Il fatto che Hugh Hefner sia deceduto dalla fine di settembre 2017 ha senza dubbio fornito una ragione sufficiente per sospendere un’apparente indagine di polizia, in particolare in considerazione del fatto che l’élite pedo-elite di Hollywood possiede e controlla storicamente tutte le forze dell’ordine della California meridionale e federali. Piuttosto che indagare su una vicenda omicida ultra-disordinata che implica la loro stessa complicità e l’autore della cabala del crimine internazionale ancora una volta nell’interesse di proteggere l’élite, prevedibilmente sembra che le autorità abbiano scelto di lasciare che la storia cada nel dimenticatoio.

Per inciso, secondo il giornalista rock Randy “Rocket” Cody tra gli altri, i rocker suicidi – Chris Cornell e Chester Pennington – sono stati entrambi assassinati come sacrifici rituali di celebrità dalla cabala satanica per aver osato smascherare il traffico di pedofilia della cabala con sede a Washington e Hollywood. [207] [208]

Anche il regista di fama mondiale Steven Spielberg ha mostrato segni indicativi che anche lui potrebbe far parte di questa sinistra cabala pedofila di Hollywood. La sceneggiatura originale di Spielberg “Il predatore dell’arca perduta” vedeva il suo personaggio di Indiana Jones che violentava una ragazza di 11 anni con il taglio finale del film che modificava la loro differenza di età a 24 anni e la sua vittima di stupro 15enne. [209] L’attore Crispin Glover ha direttamente accusato Spielberg di essere un pedofilo con un debole per i ragazzini, vincendo anche una causa contro il regista. La famigerata organizzazione di pedofili North American Man Boy Love Association NAMBLA ha pubblicato numerosi link a Spielberg, in particolare in relazione alla versione di Peter Pan del famoso regista chiamata “Hook”. All’età di 21 anni a Spielberg furono concesse le finanze per scrivere e dirigere il suo primo film, un cortometraggio di 27 minuti senza dialoghi a tema pedofilo omosessuale chiamato “Ambin ‘” stesso nome che diede alla sua prima societa. Gli fu concesso un contratto televisivo di 7 anni rendendolo il piu` giovane regista con un contratto hollywoodiano a lungo termine. Dal momento che Tinsel-Town è stata rilevata dai pedofili omosessuali luciferini, [210] potrebbe spiegare la sua rapida ascesa in quella tenera età.

L’ovvio programma dell’élite al potere è quello di mantenere le masse cittadine uniformi e ignoranti mentre la sua macchina mediatica di Hollywood continua a inquinare, deformare e contaminare le menti delle giovani generazioni al fine di oscurare completamente il bene dal male, abbracciare e diffondere le perversioni come ingegneria sociale diabolicamente fabbricata, inesorabilmente spingendol’agenda LGBT[211] promuovendo la confusione di genere e un enorme caos sull’identità sessuale tra i nostri bambini fin dai primi anni. [212] Allo stesso tempo, gli sforzi concertati dei controllori planetari attraverso i loro burattini politici e mediatici che lavorano per abbassare l’età legale dei bambini per il consenso sessuale è un altro palese stratagemma per rendere la pedofilia una scelta di vita legalizzata e una norma sociale (vedi capitolo 2). E allo stesso modo, l’élite pedo-educativa attraverso i film, la TV, la musica e la propaganda di disinformazione sessuale obbligatoria stanno duramente faticando per sessualizzare satanicamente e pervertire la nostra giovinezza. [213] Se Hillary Clinton fosse stata eletta presidente, prove documentate nel dipartimento di giustizia del procuratore generale Lynch di Obama confermerebbero che la pedofilia e la bestialità sarebbero state rese legali [214] [215]

Nel frattempo, anche per disegno degli Illuminati, l’élite luciferina ha insidiosamente minato e incessantemente attaccato, con l’obiettivo finale di distruggere, la famiglia nucleare insieme ai diritti dei genitori, il cristianesimo come religione dominante dell’America, le libertà garantite dalla nostra Costituzione non più sostenuta e dalla nostra sovranità come nazione forte e indipendente, sostituendoli con un governo fascista mondiale e una religione luciferina mondiale come loro agenda di lunga data. [216] Per realizzare questa terribile fine e in corso una operazione di false flag per far scattare la terza guerra mondiale [217] (come il recente attacco missilistico fallito alle Hawaii [218]) e il collasso dell’economia globale. [219] In modo burbero, gli Illuminati contano quindi sull’epidemia di pedofilia che necessariamente passa in secondo piano quando l’umanità è costretta in una modalità di sopravvivenza in crisi di guerra 24 ore su 24, 7 giorni su 7, consentendo così alla cabala internazionale pedofila di mantenere il proprio potere e controllo.

Attraverso la sua vasta ricerca e la meticolosa preparazione per il suo film finale “Eyes Wide Shut” [220], il defunto grande regista di Hollywood Stanley Kubrick colse la vera essenza del programma distruttivo dei signori planetari, [221] e rivelo` i loro segreti come mai prima d’ora. era stato pubblicamente mostrato. [222] Solo quattro giorni dopo il montaggio finale dello sceneggiatore-regista, un 70enne Kubrick, in salute, è improvvisamente morto misteriosamente per un presunto attacco di cuore. [223] L’audace attrice premio Oscar Nicole Kidman ha recentemente parlato del famoso regista, rivelando nelle sue parole che mentre lavorava al film del 1999, Stanley Kubrick le ha insegnato:

… Come funziona il mondo e chi ha davvero il controllo dietro le quinte. Stanley mi ha detto che il mondo è gestito da pedofili. Ha studiato società segrete per tutta la vita, ne è rimasto affascinato e ha detto che le élite, le società top secret, sono piene di uomini con una certa predilezione. Sono legati insieme dalla pedofilia. Conoscono tutti gli oscuri segreti l’uno dell’altro. Non c’è via d’uscita per nessuno di loro. È un legame a vita. Anche se uno di loro voleva pentirsi, per così dire, non può. I suoi compagni lo avrebbero fatto cadere.[224]

Nicole Kidman ha dato ancora più motivi per credere in un assassinio di Kubrick:

Il prossimo film di Stanley sarebbe stato sui pedofili psicopatici. Ha detto che stava andando più in profondità nella tana del coniglio. [225]

Quindi, quasi due decenni prima del fenomeno PedoGate, il pubblico mondiale imparava a conoscere le élite pedofile attraverso il genio del cinema dei nostri tempi … non diversamente dalla fine improvvisa di un altro genio della commedia George Carlin le cui oscure rivelazioni possono aver inquietanto le elite. [226]

Controllata da potenti boss pedofili come epicentro dell’intrattenimento mondiale per ritrarre e spacciare livelli così estremi di dissolutezza sessuale luciferina, [227] Hollywood è stata a lungo l’arma di propaganda più potente dell’élite al potere per depenalizzare la sodomia contro i bambini piccoli. E per quanto la palude di Washington abbia bisogno di essere prosciugata, così anche lo sporco pozzo nero noto come Hollywood, dovrebbe essere liberato dai vermi parassiti che lo infestano.

Applicando l’epidemia di pedofilia a un altro ramo dell’intrattenimento evasivo – l’industria sportiva multimiliardaria – il prossimo capitolo esamina come l’abuso sessuale sui minori e il traffico sessuale globale permeano il campo dello sport a tutti i livelli e come i legami tra Hollywood, l’industria dello sport, i governi , Le società Fortune 500, le banche e la religione lavorano tutte mano nella mano in una criminalità di prim’ordine.

Fonte

hollywood-619830

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €


 


 

Jeffrey Epstein e i collegamenti al Mossad

Jeffrey Epstein è stato membro del Consiglio per le relazioni estere del CFR e della Commissione trilaterale
https://www.vanityfair.com/news/2003/03/jeffrey-epstein-200303

La casa di Epstein a New York, appena inspezionata dalla polizia, è stata acquistata da un trust gestito dal mecenate di Epstein? – Les Wexner (nato nel 1937), una figura chiave nel “Mega Gruppo” ultra-sionista di miliardari negli anni ’90.

Il fondo fiduciario di Wexner possedeva ancora la casa molto tempo dopo che Epstein ne dichiaro` l’acquisizione … Quando Epstein aveva bisogno di firmare garanzie per alcuni milioni, Wexner firmava per lui.

Nel 1988 Epstein ha depositato un bilancio finanziario dando il suo patrimonio netto a “soli” 20 milioni di dollari … a 30 anni di distanza e` diventato un miliardario? Come? Epstein ha affermato che si e` arricchito grazie al ‘trading di valuta estera’ … cosa che manda in rovina la maggior parte di coloro che intraprendono questa occupazione …

All’età di 20 anni, Jeffrey Epstein, abbandono` l’universita`, fu assunto per insegnare matematica e fisica a ragazze e ragazzi adolescenti, presso l’elitaria Dalton School di Manhattan, durante il 1973-75.

Il preside che ha assunto Epstein era Donald Barr (1921-2004), padre dell’attuale Procuratore generale di Donald Trump, William Barr (nato nel 1950). Il giovane William, nello stesso periodo, 1973-77, lavorava per la CIA. Ora sta perseguitando Epstein?

https://www.globalresearch.ca/ciabushiran-contra-covert-operative-fixer-william-barr-nominated-attorney-general

A Dalton, Jeffrey Epstein ha insegnato al figlio di Alan Greenberg, presidente della ditta di Wall Street Bear Stearns, che ha dato a Epstein un lavoro come commerciante di pavimenti nel 1976. Nel 1980 Epstein era un partner, tuttavia nel 1981 lascio` la sua professione per avviare la “J Epstein & Co” … dopo questo resta un “mistero” come Epstein sia diventato cosi` ricco.

Epstein era collegato a Steven Hoffenberg, che è stato condannato e incarcerato per uno schema di Ponzi da $ 460 milioni. Successivamente strette amicizia con uno dei più importanti milionari sionisti della sua generazione, Leslie H. Les Wexner, il quale era padrone di negozi come Victoria’s Secret & The Limited.

Nel 1998 il Wall Street Journal identificò Wexner come una figura di spicco del “Mega Gruppo” di circa 20 miliardari ebrei, che si sarebbero incontrati per discutere di “filantropia”, cioè modi per aiutare Israele. Un documento trapelato, “Wexner Analysis: Israeli Communication Priorities 2003”, ha mostrato l’ossessione di Les Wexner nel sostenere Israele e schiacciare gli oppositori di Israele

https://freepress.org/article/wexner-war

Presumibilmente, Wexner ha ingaggiato l’intelligente Epstein per gestire i soldi. Epstein si trasferì nell’enorme residenza di Wexner a New York quando Wexner si trasferì con una giovane sposa nel Midwest degli Stati Uniti. “Quelli attorno a Wexner erano disorientati dall’affinità di Wexner per Epstein …Robert Morosky, ex vice presidente di The Limited disse:” Ho fatto delle ricerche e ho scoperto che era un insegnante di matematica in un liceo privato e quello e` stato tutto ciò che sono riuscito a scoprire.

https://www.nytimes.com/2019/07/10/business/jeffrey-epstein-net-worth.html

Les Wexner e il suo “Mega Gruppo” di milionari sionisti hanno finanziato la figura del “miliardario Jeffrey Epstein con tanto di jet privato” … per creare un grande ricatto firmato Mossad nel quale i politici abusavano di ragazze minorenni, e per mantenere il segreto sui loro perversi divertimenti dovevano sostenere Israele? “Salvare e proteggere le vite degli ebrei”?

Il segretario del lavoro di Trump, Alex Acosta, “procuratore” di Epstein nel 2007-08, è stato citato in giudizio per aver ordinato che Epstein venisse trattato con i guanti, perché Epstein era parte dell’ “intelligence”, cioè CIA-Mossad:

https://www.thedailybeast.com/jeffrey-epsteins-sick-story-played-out-for-years-in-plain-sight

Il che porta a un’altra domanda: Jeffrey Epstein è ancora nel Mossad? L ‘”incursione nella casa di Epstein” a New York – acquistata da Les Wexner nel 1989 – è stata piuttosto ridicola. La polizia ha affermato che dovettero ‘abbattere la porta’ per entrare. La villa di New York sulla E 71st St vicino alla 5th Ave è di circa 21.000 piedi quadrati / 3.000 metri quadrati. Diversi membri dello staff vivono lì; qualcuno è sempre presente 24 ore al giorno. Il personale avrebbe risposto immediatamente alla porta e avrebbe lasciato entrare la polizia; le porte su una casa da 77 milioni di dollari non potevano essere aperte con strumenti grezzi come questo, che avrebbero immediatamente scatenato enormi allarmi. È uno scherzo.

Qui sopra vediamo la polizia rimuovere le prove dopo il raid a casa di Jeffrey Epstein’ Guarda queste persone che trasportano borse della spazzatura… assomigliano ad ‘agenti di polizia professionisti’ che raccolgono prove in uno dei piu` importanti crimini nella storia degli Stati Uniti? … O solo alcuni tuttofare paagati dai poteri forti, senza nemmeno avere la cura di cambiarsi la t shirt trasandata?

Una cosa che mi preoccupa in questi giorni non sono solo i “crimini” e gli “arresti”, ma anche quanto della sua pena Epstein scontera. Il mio pensiero è che forse presto, Jeffrey Epstein berra un drink sulla bellissima spiaggia di Haifa, in Israele, con i suoi compagni “miliardari” e il “condannato a 150 anni” Bernie Madoff.

Fonte