Archivi Blog

Una epidemia di test covid positivi

All’inizio della crisi COVID-19, quasi tutti i paesi del mondo hanno chiuso i propri confini, messo sotto lockdown i loro cittadini e costretto a chiudere le attività commerciali. Oggi, la maggior parte dei governi limita ancora i viaggi, l’attività economica e gli incontri sociali.

La giustificazione per queste misure senza precedenti è stata un numero crescente di casi di COVID-19. Ciò ha scatenato un’epidemia di test COVID, con PCR e test rapidi dell’antigene come mezzo per identificare i casi COVID positivi. Il Dr. John Hunt esamina la scienza alla base dei test COVID, se i paradigmi di test sono efficaci e la razionalità alla base della risposta del governo al virus.

A COSA SERVONO E A COSA NON SERVONO I TEST COVID
I test RT-PCR possono essere progettati per essere altamente sensibili alla presenza dell’RNA virale originale in un campione clinico. Ma un test altamente sensibile rischia di essere scarsamente specifico per quanto riguarda una malattia infettiva.

I test rapidi dell’antigene sono diversi. Misurano la proteina virale. Lo fanno facendo reagire un campione clinico con uno o due anticorpi creati in laboratorio che sono etichettati con un marker misurabile. Questi test antigeni sono spesso scarsamente specifici, il che significa che possono risultare positivi in ​​assenza di una qualsiasi proteina virale effettiva o di qualsiasi malattia COVID.

PER UN TEST DI LABORATORIO, COSA SI INTENDE PER SENSIBILITA`? COSA SI INTENDE PER SPECIFICITA`?
Userò il COVID per spiegare questi termini. Per farlo correttamente, dobbiamo evitare di usare il linguaggio dei media e del governo perché quelle istituzioni tendono a fuorviarci attraverso la manipolazione del linguaggio. Ad esempio, ci hanno insegnato erroneamente che un test positivo per COVID è sinonimo di malattia COVID. Non lo è, come vedrai presto.

Quindi, per questo articolo, userò il termine “Malattia COVID infettiva rilevante” per indicare una condizione, causata da COVID-19, in cui un paziente è ammalato dal virus o ha (nelle vie aeree) virus replicante vivente in grado di essere trasmesso agli altri. Questa sembra una definizione corretta di ciò di cui dovremmo preoccuparci in questa malattia. Se il paziente non è malato e non è in grado di trasmettere la malattia, qualsiasi RNA COVID o proteina che può apparire in un test non è rilevante, né contagiosa, e quindi di poca o nessuna importanza.

Puoi pensare alla sensibilità di un test in questo modo: in un gruppo di 100 persone che hanno assolutamente una malattia COVID infettiva rilevante, quante persone il test riporta effettivamente come “positive?” Per un test che è sensibile al 95%, 95 di questi 100 pazienti con la vera malattia saranno segnalati dal test come COVID positivi e 5 non lo saranno.

Specificità: in un gruppo di 100 persone che non sono assolutamente affette da Malattia Infettiva COVID Rilevante, quante saranno segnalate dal test come “negative?” Per un test che è specifico al 95%, 95 di queste persone sane saranno segnalate come COVID-negative e 5 saranno erroneamente segnalate come COVID-positive

La sensibilità e la specificità sono caratteristiche intrinseche di un test, non di un paziente, non di una malattia e non di una popolazione. Questi termini sono molto diversi dal valore predittivo positivo (PPV) e dal valore predittivo negativo (NPV). PPV e NPV sono influenzati non solo dalla sensibilità e specificità del test, ma anche dalle caratteristiche delle persone scelte per essere testate e, in particolare, dalla probabilità sottostante dei pazienti di avere effettivamente una vera malattia COVID infettiva rilevante. Il valore predittivo positivo, ovvero la possibilità che un test positivo indichi effettivamente una vera malattia, è notevolmente migliorato se si sottopongono a test persone che hanno probabilità di avere COVID e, soprattutto, si evita di testare persone che hanno poche probabilità di avere COVID.

Se esegui un test COVID con una sensibilità del 95% e una specificità del 95% in 1.000 pazienti che sono febbrili, tossiscono copiosamente e hanno il fiato corto, allora stai usando quel test come test diagnostico in persone che attualmente hanno una ragionevole possibilità anticipata di avere una Malattia Infettiva COVID rilevante. Supponiamo che 500 di loro abbiano effettivamente una malattia COVID infettiva rilevante e gli altri abbiano un raffreddore comune. Questo test sensibile al 95% identificherà correttamente 475 persone che sono veramente malate di COVID come positive tralasciandone 25. Questo stesso test è anche specifico al 95%, il che significa che etichetterà erroneamente 25 dei 500 pazienti non COVID come COVID positivi. Sebbene il test non sia perfetto, ha un valore predittivo positivo del 95% in questo gruppo di persone ed è un test abbastanza buono nel complesso.

Ma cosa succede se si esegue lo stesso test COVID su tutta la popolazione? Supponiamo che la possibilità iniziale di avere un COVID infettivo rilevante negli Stati Uniti in questo momento sia di circa lo 0,5% (suggerendo che 5 persone su 1000 attualmente hanno la malattia trasmissibile effettiva in questo momento, che è una stima alta). Come funziona questo stesso test sensibile al 95% e speficio al 95% in questa impostazione di screening? La buona notizia è che questo test probabilmente identificherà le 5 persone su 1000 con COVID! La cattiva notizia è che, su ogni 1000 persone, etichetterà falsamente anche 50 persone come positive al COVID. Su 55 persone con test positivi in ​​ogni gruppo di 1000 persone, 5 hanno effettivamente la malattia. 50 dei test sono falsi positivi. Con un valore predittivo positivo di solo il 9%, si potrebbe dire che è un test piuttosto scadente.

Nel primo scenario (con sintomi), il test viene utilizzato correttamente per la diagnosi. Nel secondo scenario (nessun sintomo), il test viene utilizzato in modo errato per lo screening.

Un test diagnostico viene utilizzato per diagnosticare un paziente che il medico ritiene abbia una ragionevole possibilità di avere la malattia (avere sintomi come febbre, tosse, naso che cola e fiato corto durante una stagione virale).

Un test di screening viene utilizzato per verificare la presenza di una malattia in una persona senza sintomi e nessun rischio elevato di contrarre la malattia.

Un test di screening può essere appropriato da utilizzare quando ha una specificità molto elevata (99% o più), quando la prevalenza della malattia nella popolazione è piuttosto alta e quando c’è qualcosa che possiamo fare per la malattia se la identifichiamo. Tuttavia, se la prevalenza di una malattia è bassa (come nel caso del COVID infettivo) e il test non è adeguatamente specifico (come nel caso della PCR e dei test rapidi dell’antigene per il virus COVID), utilizzare tale test come misura di screening nelle persone sane costringe il test a essere scadente. Più viene utilizzato in modo errato, maggiore è la disinformazione.

Le nostre autorità sanitarie raccomandano ulteriori test su persone asintomatiche. In altre parole, stanno incoraggiando l’applicazione sbagliata e distorta di questi test. I nostri funzionari sanitari non sono all’altezza di uno studente di medicina al primo anno di univerista`. È un errore abbastanza preoccupante che lascia due probabili conclusioni:

1) che i nostri principali funzionari sanitari governativi sono veramente incompetenti

e / o

2) che noi, come nazione, veniamo intenzionalmente manipolati. Oppure potrebbe essere entrambe le cose.

(Un’altra conclusione che dovresti considerare è che la mia analisi di questi test non è corretta. Sono aperto a una sfida.)

Quindi cosa succede se, come individuo, ottieni un risultato positivo del test PCR (uno che ha una specificità del 95%) senza avere sintomi di COVID-19 o recente esposizione a un vero paziente con malattia infettiva COVID rilevante? Cosa fai? Bene, con quel test positivo, il rischio di contrarre il COVID è appena aumentato da meno di 5 su 1.000 (il rischio della popolazione generale) a circa 5 su 55 (il rischio di una malattia COVID infettiva rilevante nelle persone asintomatiche con un test COVID- 19 positivo). Si tratta di un aumento di 18 volte del rischio, pari a un rischio del 9% di contrarre una malattia COVID infettiva rilevante (o una probabilità del 91% di essere completamente in salute). Questo potrebbe essere un aumento rilevante del rischio nella tua mente, abbastanza da scegliere di evitare di esporre i tuoi amici e la tua famiglia a un rischio più elevato rispetto alla popolazione generale.

Per le 50 persone asintomatiche a basso rischio che risultano falsamente positive da ogni gruppo di 1.000, cosa le rende positive? Il fatto e` che il test non è mai pensato per essere utilizzato come test di screening in persone sane asintomatiche perché non è abbastanza specifico. Per un test PCR, positività significa con sicurezza che c’era COVID RNA in quel campione, certo, ma il tuo naso o la tua bocca molto probabilmente hanno appena filtrato alcuni pezzi morti di detriti virali dalle particelle di polvere nell’aria mentre stavi andando a fare il test. Il test PCR può essere troppo sensibile.

Alcuni filamenti di RNA sono irrilevanti. Anche poche centinaia di particelle virali completamente intatte non possono infettare o causare malattie. Gli umani non sono così deboli. Ma tieni presente che c’è una minima possibilità che il test sia risultato positivo perché stai per ammalarti realmente di COVID-19.

Oltre a questo uso sbagliato dei test diagnostici come test di screening, il governo ha sovvenzionato gli ospedali per la cura dei pazienti positivi al COVID-19. Supponiamo che un ospedale esegua un test COVID 4 volte durante una degenza ospedaliera come test di screening in un paziente che non presenta sintomi di COVID. Se il test risulta positivo una volta e negativo tre volte, l’ospedale segnalerà che il paziente ha il COVID-19, anche se è molto probabile che l’unico risultato positivo sia stato un falso positivo. Perché gli ospedali eseguono così tanto questo test? In parte, perché riceveranno $ 14.000 in più dal governo per ogni paziente che dichiarano avere COVID-19.

Quando vediamo le segnalazioni di numeri di casi in aumento, dovremmo sapere che definiscono “caso” chiunque abbia un test positivo per COVID-19, che, come potresti ora capire, è davvero un numero insensato e poco credibile.

Sommario:

Abbiamo un’epidemia di test COVID positivi che è sostanzialmente più grande dell’epidemia di malattia COVID stessa. Al contrario, le persone con casi reali e lievi di malattia COVID non vengono, nella maggior parte dei casi, sottoposte al test. Quindi i dati, su cui si basano le misure di lockdown sono scadenti.

I dati sui ricoveri e sui decessi COVID negli Stati Uniti sono esagerati da uno schema di sovvenzioni governative che incentiva l’uso improprio dei test in persone senza particolare rischio di malattia.

Evita di fare il test per COVID a meno che tu stesso non sia sintomatico, abbia avuto esposizione a qualcuno che era sia sintomatico che positivo al test per COVID, o hai qualche altra ragione personale che abbia senso.

Sappi che sottoporsi al test prima di viaggiare all’estero ti mette a un modesto rischio di ottenere un risultato falso positivo, il che sicuramente rovinerà il tuo viaggio.

Sì, la malattia COVID può uccidere le persone. Ma un test positivo non ucciderà nessuno. Purtroppo, ogni test positivo al COVID conferisce potere a quei politici e burocrati che hanno una predisposizione naturale a controllare le persone.

Fonte

covidtest

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La vera agenda dell’OMS: Un nuovo ordine mondiale basato sul modello della Cina

L’OMS ha gestito l’epidemia di COVID-19 in una maniera specifica. È passato dal minimizzare il virus e fare pressioni contro i divieti di viaggio dalla Cina alla spinta per un indefinito lockdown a livello mondiale. C’è metodo dietro la follia: l’OMS sta usando la pandemia per avanzare verso un Nuovo Ordine Mondiale che è modellato sul regime oppressivo della Cina.

Da quando il COVID-19 ha superato i confini cinesi, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha assunto un ruolo di primo piano nella gestione della pandemia a livello globale. Il potere indiscusso e l’influenza di questa organizzazione creata dalle Nazioni Unite portarono la maggior parte dei governi di tutto il mondo a modellare le loro politiche e la risposta alla pandemia in base ai dati e alle linee guida dell’OMS. In altre parole, le nazioni hanno consentito a un’entità globale (e non democratica) di dettare decisioni che vengono prese a livello nazionale e locale.

Il risultato di questa condotta diretta tra l’OMS e i governi nazionali è stato profondo e di vasta portata. Alimentati da modelli e proiezioni apocalittici, i governi sono stati esortati a limitare la loro intera popolazione, chiudendo le loro intere economie per diversi mesi. Le conseguenze devastanti di questo blocco globale sono ancora difficili da quantificare. Tuttavia, una previsione fatta nel mio articolo COVID-19/Lockdown: Un esperimento su scala globale si è rapidamente realizzata: miliardi di dollari sono stati incanalati dalla classe lavoratrice verso l’élite.

Un titolo di Fast Company sull’elite finanziaria che trae profitto dalla pandemia.

Allora perché l’OMS sta dando ordini alle nazioni e ai loro governi democraticamente eletti? È dovuto alla sua comprovata esperienza e ai suoi consigli? Chiaramente no. Perché la risposta dell’organizzazione alla pandemia nelle sue fasi iniziali e più critiche e` stata a dir poco disastrosa. Alcuni potrebbero pensare che lo abbiano fatto apposta.

Il 14 gennaio, l’OMS ha affermato che non vi era alcuna trasmissione da uomo a uomo, citando fonti cinesi.

Preliminary investigations conducted by the Chinese authorities have found no clear evidence of human-to-human transmission of the novel #coronavirus (2019-nCoV) identified in #Wuhan#China🇨🇳. pic.twitter.com/Fnl5P877VG

— World Health Organization (WHO) (@WHO) January 14, 2020

Il 4 febbraio, il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha parlato contro le restrizioni ai viaggi in Cina, affermando che tali misure potrebbero causare “paura e stigmatizzazione”. Ha aggiunto che “non c’è motivo di panico e paura”.

Poiché la maggior parte dei governi mondiali ha seguito ciecamente le raccomandazioni dell’OMS, i viaggi aerei dalla Cina sono continuati per settimane e hanno permesso la diffusione del virus in tutto il mondo. E, tuttavia, quando alcuni paesi hanno cercato di fermare i viaggi dalla Cina, l’OMS ha attivamente esercitato pressioni contro di essi.

L’OMS ha fatto pressioni dirette contro il divieto di viaggiare verso paesi, tra cui la Cina.

Una dichiarazione rilasciata il 29 febbraio, ha contestato i divieti di viaggio perché “potrebbero interrompere le attività commerciali e avere effetti sociali ed economici negativi sui paesi colpiti”.

“L’OMS continua a sconsigliare l’applicazione di restrizioni di viaggio o commerciali ai paesi in cui si verificano epidemie di COVID-19”, afferma la dichiarazione.

“In generale, le prove dimostrano che limitare la circolazione di persone e merci durante le emergenze di salute pubblica è inefficace nella maggior parte delle situazioni e può deviare risorse da altri interventi.”

La ricerca accademica dell’Università di Southampton ha rivelato che fino al 95% delle morti non sarebbe accaduto se l’OMS avesse agito prima.
– SKY News, China used WHO in a bid to open Australia’s borders

L’ultima frase è particolarmente dannosa: il 95% dei decessi avrebbe potuto essere evitato se l’OMS non fosse stata contraria ai divieti di viaggio dalla Cina. Considerando il fatto che l’OMS ha lavorato attivamente contro la singola misura più importante per fermare la diffusione del virus, perché sta ancora plasmando le politiche del governo? Perché è collegata all’élite globale.

IL POTERE DELL’OMS

Nonostante la diffusione di informazioni assolutamente false e pericolose, l’OMS rimane indiscutibilmente influente in tutto il mondo. Il 18 aprile, l’organizzazione ha mostrato il suo immenso potere trasmettendo “together at home”, un enorme evento mediatico che ha visto innumerevoli celebrità e potenti elogiare l’OMS e le entità d’élite dietro di essa.

L’OMS è anche fortemente investita nel controllo del flusso di informazioni relative al virus.

Un titolo di The Verdict.

Parlando nel programma “Reliable Sources” della CNN, la CEO di YouTube Susan Wojcicki ha dichiarato che la piattaforma di streaming “rimuoverà le informazioni che sono problematiche” cio` include “tutto ciò che è privo di fondamento medico”. Ha aggiunto:

“Quindi le persone che dicono “prendete la vitamina C; prendete la curcuma, guarirete “, saranno in violazione della nostra politica. Qualunque cosa contraria alle raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità costituira` una violazione della nostra politica “.

Perché YouTube dovrebbe preoccuparsi se le persone parlano di vitamina C nei loro video? Perché, sin dall’inizio dell’epidemia, l’OMS è stata sospettosamente contro qualsiasi tipo di rimedio o soluzione contro COVID-19. Ogni volta che un trattamento mostra risultati promettenti, l’OMS e il sistema mediatico sono pronti a mettere in guardia la popolazione contro di loro e persino ad etichettarli come pericolosi.

Perché? Perché l’OMS punta su un’unica soluzione universale: un vaccino.

UN VACCINO E NIENT’ALTRO

Per comprendere appieno la mentalità alla base dell’OMS, dobbiamo esaminare i finanziamenti dietro all’OMS.

Due dei cinque maggiori finanziatori dell’OMS sono la Bill & Melinda Gates Foundation e la Gavi Alliance. Come visto nell’articolo, Bill Gates vuole un “certificato digitale” per identificare chi ricevera` il vaccino per il Covid-19, queste due organizzazioni stanno sostenendo l’uso di vaccini per creare un sistema di identificazione globale usando una sorta di impianto. COVID-19 è l’occasione perfetta per far sì che ciò accada.

Per assicurarsi che ciò accada, il mondo ha bisogno di vivere nella paura e senza una cura fino al rilascio di quel vaccino.

Uno dei tanti titoli che mettono in guardia contro qualsiasi tipo di cura o trattamento.

L’OMS sta anche combattendo contro il rimedio più “naturale” a un virus: l’immunità di gregge. Infatti, considerando il fatto che COVID-19 non è mortale per le persone sane, consentire alla popolazione di sviluppare naturalmente anticorpi contro il virus vivendo semplicemente con esso è probabilmente il modo più naturale per combatterlo. Alcuni paesi come la Svezia hanno sfidato il dogma dell’OMS, si sono rifiutati di confinare la loro popolazione e ora sostengono che l’immunità di gregge potrebbe essere raggiunta entro giugno. L’OMS, ovviamente, mette in guardia contro questa strategia. Fonti dei media che sono state completamente vendute all’agenda dell’OMS hanno lavorato sodo per evitare questo concetto secolare. Ecco un titolo di The Guardian.

L’articolo può essere riassunto in due frasi:

“Semplicemente l’immunità da gregge, senza un vaccino, non e` un modo adeguato di procedere”.

E l’articolo termina con questa affermazione aberrante.

  “Non posso parlare per tutti, ma personalmente preferirei rimanere dentro ancora per qualche mese e vedere ancora i miei genitori l’anno prossimo.”

Queste dichiarazioni sono al 100% in linea con il vero programma dell’OMS: nessuna libertà senza un vaccino. Al fine di giustificare questa linea di pensiero, l’articolo parla del “sacrificio dei vulnerabili sull’altare dell’economia”. Non diversamente da altri articoli che mettono in guardia contro qualsiasi tipo di soluzione, va al limite affermando che l’immunità del gregge ucciderebbe milioni di persone anziane, senza considerare il fatto che una strategia di quarantena mirata potrebbe essere utilizzata per le persone più vulnerabili, consentendo al contempo alle persone sane di rimanere in liberta`.

Ecco un altro articolo che promuove la stessa agenda.

L’articolo sostiene che l’unica soluzione è uno stato di polizia totale.

“Non avremo l’immunità di gregge nel prossimo futuro. Un farmaco miracoloso non è all’orizzonte. L’unico modo per riavviare l’economia, quindi, è mettere in atto un sistema altamente efficace per testare milioni di persone, rintracciare i loro movimenti e mettere rapidamente in quarantena coloro che potrebbero essere stati infettati. “

Questa citazione ci porta ad un altro motivo per cui l’OMS e il suo sistema d’élite vogliono che l’ansia COVID duri il più a lungo possibile: giustificare il fatto che sorvegliano la popolazione.

UTILIZZARE IL COVID PER ABILITARE IL GRANDE FRATELLO

Ecco alcune copertine e titoli di riviste la scorsa settimana.

Il Grande Fratello ci salvera? – Una rivista francese

Un titolo inquietante dal Times UK

“Il Quebec prepara il suo Grande Fratello per la seconda ondata”. I telefoni cellulari potrebbero essere monitorati,

L’OMS ha detto al mondo che l’unica soluzione praticabile è un vaccino. E dicono che un vaccino potrebbe richiedere mesi o anni per essere disponibile. Quindi cosa succede fino a quando non decidono che un vaccino è pronto? Uno stato di polizia in cui la sorveglianza ad alta tecnologia, la bioparanoia e la quarantena forzata. Il Grande Fratello è ora un “salvatore” poiché il costante monitoraggio degli individui e delle persone con cui entrano in contatto è rappresentato come l’unica soluzione per salvare vite umane.

Fatto indicativo: Theresa Tam, Chief Public Health Officer of Canada, che è attualmente in prima linea nella risposta alla pandemia del paese (pur rispettando pienamente le linee guida dell’OMS) è apparsa nel bizzarro film del 2010 su una pandemia. Il film “OUTBREAK: Anatomy of a Plague” parla dello scenario immaginario della rinascita del vaiolo in Canada. Quello che dice durante il film è sorprendente.

Theresa Tam nel film “Outbreak: Anatomy of a Plague”.

Nel film, la Tam parla delle misure da adottare in caso di focolaio di vaiolo. Dice:

“Se ci sono persone che non sono conformi, ci sono sicuramente leggi e poteri della sanita` pubblica che possono mettere in quarantena le persone in contesti obbligatori.”

Aggiunge:

“È possibile tenere traccia delle persone, mettere bracciali ai polsi, disporre di polizia e altre configurazioni per garantire la quarantena”.

Il narratore del film continua:

“I posti di blocco della polizia sono installati su tutti i ponti e tutti coloro che lasciano la città devono dimostrare di essere vaccinati. Coloro che rifiutano di collaborare vengono portati in centri di detenzione temporanea “.

Dall’inizio dell’epidemia di COVID, l’OMS ha costantemente guidato il mondo verso uno stato di polizia fino al rilascio di un vaccino approvato. In molti modi, l’OMS sta cercando che il mondo intero segua l’esempio dello stato di polizia high-tech più avanzato del mondo: la Cina.

TUTTO IL MONDO E`…CINA

Attraverso il suo sistema di credito sociale orwelliano, i suoi orribili campi di rieducazione, la sua brutale repressione delle voci dissenzienti e la costante sorveglianza della sua popolazione, la Cina è stata un laboratorio per un nuovo ordine mondiale ad alta tecnologia. Inoltre, diverse società collegate alle élite hanno aiutato la Cina a raggiungere i suoi obiettivi. Non sorprende che l’OMS abbia costantemente elogiato questo regime.

Il direttore generale dell’OMS Tedros Ghebreyesus con il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping.

Ecco un account ufficiale estremamente simbolico di Ghebreyesus:

Al centro dell’immagine sopra è la divinità indù Shiva, noto anche come “Il Distruttore”. Attraverso la distruzione, Shiva consente una trasformazione profonda. Questo va di pari passo con il motto preferito dell’élite: Ordine dal Chaos.

Curiosità: Anche al CERN esiste una statua di Shiva.

Uno screenshot tratto dal sito web del CERN sulla presentazione della sua statua di Shiva nel 2004.

CONCLUDENDO

L’OMS ha gestito questa pandemia in un modo molto specifico. Quando il virus era contenuto esclusivamente in Cina, l’OMS ha denunciato i governi che stavano cercando di limitare i viaggi provenienti dalla Cina. Andando totalmente contro il buon senso, l’OMS ha affermato che limitare i viaggi non sarebbe stato efficace contro la diffusione del virus. Una volta che il virus si è diffuso in tutto il mondo, l’OMS ha quindi spinto per la maggior parte delle politiche di confinamento restrittive e distruttive nella storia umana, causando un enorme crollo dell’economia e una completa ristrutturazione della società.

In questo ambiente malsano, l’OMS si è impegnata e ha ottenuto enormi prese di potere. L’organizzazione ora sta spingendo per il prolungamento di queste misure e la creazione di stati di polizia ad alta tecnologia in attesa dell’unica cura che potrà mai approvare: un vaccino universale. Considerando il fatto che Bill Gates è l’attuale principale finanziatore dell’OMS e che fa anche parte di ID2020 – che sta sostenendo l’uso di vaccini per creare un ID digitale usando un tatuaggio o un microchip – possiamo chiaramente vedere qual è la vera agenda dell’OMS: creare una Cina globale.

Fonte

L’Italia Orwelliana

In Italia sta circolando un video che mostra un poliziotto armato che interrompe bruscamente le celebrazioni di una messa in una piccola città del nord della Lombardia, ordinando al sacerdote di interrompere immediatamente la celebrazione e di far uscire i partecipanti.

Il sacerdote rifiuta e prosegue la messa, dicendo al Carabiniere di avere solo 13 partecipanti a messa ben distanziati tra loro e ognuno con una maschera. Il sacerdote verrà successivamente multato per un importo di 680 euro e ciascuno celebrante 280 euro, tutti per violazione delle attuali misure del governo contro gli incontri pubblici a causa del Covid-19.

Non importa se il poliziotto ignorava totalmente il Codice Penale italiano che afferma (art. 405) che chiunque interrompa i riti religiosi all’interno di un’area pubblica o di un edificio pubblico (una chiesa in questo caso) potrebbe subire una pena detentiva fino a 2 anni. Non importa l’art. 19 della costituzione italiana che tutela specificamente la libertà di religione e i riti religiosi. L’attuale governo italiano, probabilmente il peggiore della storia italiana recente e remota, ha abbandonato ogni possibile maschera di decenza e rispetto delle leggi fondamentali come la Costituzione italiana che – teoricamente – dovrebbero essere al di sopra di qualsiasi altra legge del paese.

Questo episodio è solo un’altra scena orwelliana che qualcuno avrebbe considerato impossibile solo poco tempo fa. Gli italiani si stanno rapidamente abituando a scene da incubo che potrebbero benissimo essere la trama di un film horror trash, come un convoglio dell’esercito che trasporta cadaveri dalle aree più colpite per essere cremati altrove e senza un funerale (e soprattutto senza autopsia) ai droni ed elicotteri che volano sopra un pedone solitario lungo una spiaggia o un parco pubblico, fino alle minacce della polizia che vuol fare multe “senza motivo” giustificato.

Ragione, logica, decenza e buon senso sono finiti tutti fuori dalla finestra velocemente e nessuno avrebbe potuto immaginarlo solo pochi mesi fa. La principale autorità morale che avrebbe dovuto mettere in discussione l’attuazione di misure folli si è rapidamente ridotta al silenzio. In effetti, la chiesa cattolica ha rapidamente adottato misure che nella maggior parte dei casi sono andate oltre quanto richiesto dalle autorità pubbliche, chiudendo chiese, messe e funerali, senza fare domande. E, come nel caso del prete che ha insistito per celebrare la messa, lo ha rapidamente liquidato come un reietto ribelle e inopportuno.

Inoltre, l’attuale governo italiano, a.k.a. La Giunta, ci ricorda in effetti una giunta militare sudamericana che ha dirottato il potere con un colpo di stato. Chiama questo colpo di stato come vuoi, Pandemia, Covid-19, il Virus, qualunque cosa. Le libertà civili sono state sospese anche al di là delle semplici necessità mediche e della ragionevolezza, molto peggio di qualsiasi altro paese in Europa. I governi italiani di oggi sembrano una replica di un governo fantoccio istituito da potenze straniere, proprio come nel 1943, dopo che l’Italia fu divisa in due governi, uno a sud nella zona occupata dagli Alleati e uno a nord nella zona occupata dalla Germania. Nessuno ha eletto questo governo, i suoi ministri, il Primo Ministro, i viceministri. Appartengono a una strana coalizione di ex arcinemici che divenne – durante la notte – amica per condividere il potere.

Il M5S (Movimento 5 stelle) e il PD (Partito Democratico) erano nemesi l’uno dell’altro prima che questo nuovo governo si formasse nel 2019 in quella che evidentemente e` stata una tipica commedia all’italiana. Ora vanno molto d’accordo, non solo politicamente, ma anche, che coincidenza, geograficamente. A parte alcuni ministri e vice ministri, la maggior parte dei membri di questo governo proviene dall’Italia meridionale, incluso il Primo Ministro Conte. La stragrande maggioranza di loro non ha precedenti esperienze lavorative di alcun genere se non essere un politico sin dalla loro giovinezza.

Dopo una serie infinita di nuove misure e restrizioni, il più delle volte in contraddizione reciproca, e in aperta violazione delle leggi costituzionali, il governo ha finalmente imposto un blocco nazionale a metà marzo, quando era davvero troppo tardi, mentre migliaia di persone provenienti da tutta Italia hanno avuto il tempo di tornare nelle loro città e villaggi dalla zona più colpita d’Italia, la Lombardia. Il fatto che la pandemia non si sia effettivamente diffusa – a parte pochi casi isolati – nell’Italia meridionale è stata una benedizione, in quanto avrebbe potuto essere un disastro di proporzioni bibliche dato che il sistema di assistenza sanitaria pubblica nel sud è notoriamente inferiore agli standard.

L’attuale ministro italiano della sanità pubblica, Roberto Speranza (nomen omen) è un esempio appropriato di come funziona questo governo. Con una laurea in scienze politiche e nessuna esperienza in campo medico, ha nominato un team di (cosiddetti) esperti guidati da un altro esperto che ha affermato di essere un membro dell’OMS, tra gli altri onori e risultati medici.

Ma solo pochi giorni fa l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) si è sentita in dovere di rilasciare una dichiarazione ufficiale in cui ripudia formalmente il dott. Walter Ricciardi, l’ultra esperto del ministro Speranza, dicendo che non e` mai stato un membro dell’OMS, avvertendo che le sue opinioni “Non dovrebbero essere associate” con quelle dell’OMS. In realtà il ragazzo è un ex attore di serie B in film italiani poco conosciuti, ma una laurea in igiene medica e le giuste connessioni politiche gli hanno valso un posto di alta reputazione come direttore dell’ISS (l’Istituto Nazionale della Salute) fino al 2018, quando si è dimesso dopo un’inchiesta ha rivelato le sue collaborazioni (mentre direttore dell’ISS) con le case farmaceutiche e i suoi sforzi per rendere obbligatorio un vaccino contro il meningococco B che si è rivelato completamente inutile.

Non ci vuole una laurea in scienze politiche per notare che si tratta di un governo fatto di patetici Quislings, le cui uniche preoccupazioni sono di mantenere i loro (redditizi) posti il ​​più a lungo possibile seguendo gli ordini loro imposti su base giornaliera da Bruxelles o Berlino. Quando altri paesi hanno offerto il loro aiuto come la Russia, nonostante le dichiarazioni di calorosa gratitudine da parte della maggior parte delle autorità locali più colpite dal virus, le informazioni e gli aggiornamenti si sono interroti bruscamente. Ciò è accaduto dopo che La Stampa, notoriamente uno dei principali esponenti giornalieri pro UE di Torino, ha espresso dubbi aperti sulle “vere motivazioni” della Russia per essere così generosi con l’Italia.

Tutti concordano sul fatto che le restrizioni imposte agli italiani e alle loro libertà civili non sono solo draconiane: sono insensate anche dal punto di vista medico di base, implementate ufficialmente per diminuire la diffusione del virus, ma in realta` utili solo a distruggere il morale e la volontà delle persone. Perchè è così? Perché il peggio deve ancora venire. La volontà e la risoluzione degli italiani devono essere spezzate al fine di inaugurare tagli e “riforme” in stile greco che porteranno l’Italia in ginocchio, costringendola ad accettare qualsiasi misura imposta dall’UE.

L’acronimo onnipresente in questi giorni in Italia non è Covid. È MES, che sta per Meccanismo europeo di stabilità. Saltando tutti i tecnicismi non necessari, descrivero`  a cosa servira` in termini semplici. Questo governo Quisling, avendo ostinatamente rifiutato di adottare misure economiche che tutti gli altri paesi europei hanno implementato, sta semplicemente esponendo l’economia a un grave rischio di default. Quando ciò diventerà inevitabile, allora il MES interverrà e costringerà l’Italia, al fine di “essere salvata” dal completo collasso, ad accettare una raccapricciante varietà di misure di “recupero” proprio come è accaduto in Grecia negli anni precedenti.

Deja-vu, ancora una volta. Proprio come nel 2011 le improvvise – forzate – dimissioni di Berlusconi alla carica di primo ministro italiano hanno portato il presidente Giorgio Napolitano a formare un nuovo governo non eletto incaricato delle “riforme economiche” guidate dal tecnico europeo Mario Monti, il calvario si ripete nel 2020, per gentile concessione del “nemico invisibile” (aka Covid-19), assieme all’inevitabile arresto improvviso dell’economia italiana, così una “task force” di esperti che sovrintende alle politiche economiche del governo è stata nominata dal presidente italiano Mattarella.

Vi presento Vittorio Colao, il cui CV è praticamente un cliché che non vale la pena menzionare. L’ex CEO di Vodafone, MBA presso Harvard, esperienze in Morgan Stanley, McKinsey, Unilever e l’elenco potrebbe continuare all’infinito. Per non parlare del suo rapporto personale con Bill Gates, George Soros e altri simili.

Subito dopo essere stato nominato, Colao ha chiesto per se stesso e per i suoi “esperti” associati la completa immunità civile e penale. Pensi che una richiesta così particolare – come dire – abbia fatto notizia? Quasi. Dobbiamo a pochi rappresentanti dei partiti di opposizione che in qualche modo la notizia e` filtrata. Silenzio completo dei media mainstream. Cosa dovremmo pensare? Che questo gruppo di esperti stia evidentemente pensando di violare le leggi esistenti, per non dire altro. Sarà interessante vedere cosa accadrà nelle prossime settimane. Nel frattempo, gli italiani sono sempre più stanchi di questo blocco brutale e inutile.

Fonte

 

“Odine dal Chaos”: Come i piani dell’elite vennero predetti nella cultura popolare

La filosofia di base dell’élite occulta e i suoi piani per l’umanità sono nascosti in bella vista. Da luoghi famosi e misteriosi a film di successo, è tutto predisposto per coloro che hanno “occhi da vedere”. Al centro di tutto, un motto: L’ordine dal chaos.

 

Dalla fine del 2008, Neovitruvian ha analizzato la cultura popolare per evidenziare modelli di messaggi e simbolismo. E, sin dai primi articoli pubblicati su questo sito, uno dei temi principali che continuava a riemergere in tutta la cultura popolare era questo: l'”accogliere” una crisi globale che avrebbe provocato caos e morte consentendo di inaugurare una nuova era. In altre parole: Ordine dal chaos.

Questo tema può essere trovato in tutta la cultura popolare, in particolare nei prodotti finanziati e commissionati dall’élite occulta. Perché? Perché, dal XIX secolo, il motto ufficiale dell’élite occulta è Ordo Ab Chao, latino per Ordine dal chaos.

Questa è un’insegna che rappresenta il 33 ° grado in Massoneria (il massimo grado raggiungibile). In cima, il motto ufficiale: Ordo Ab Chao.

Come per tutto in massoneria, il motto Order Out of Chaos ha diversi significati, che vanno dalle nebulose azioni metafisiche all’ingegneria sociale concreta. Su una scala più ampia, questo motto è la ricetta definitiva per un drastico cambiamento nella società: 1) Un evento provoca caos e panico 2) Una soluzione emerge per far avanzare l’agenda dell’élite 3) La società cambia senza resistenza.

Al giorno d’oggi, l’obiettivo finale dell’élite è quello di creare un governo globale che controlli le risorse del mondo mantenendo le masse sottomesse e monitorate attraverso tattiche di stato di polizia. Le “soluzioni” all’attuale crisi del virus rappresentano grandi passi in quella direzione.
Ecco perché accolgono con favore questi momenti di caos. Sono opportunità. Mentre le masse soffrono e si indeboliscono, l’élite guadagna potere e controllo. E poiché i simboli governano il mondo, Order Out of Chaos è celebrato in tutta la cultura popolare attraverso il simbolismo. Ecco alcuni esempi in ordine cronologico.

GEORGIA GUIDESTONES

Dalla loro inaugurazione nel 1980, le enigmatiche Georgia Guidestones hanno sconcertato le persone con i loro messaggi inquietanti. Infatti, incisi su gigantesche lastre di pietra sono “10 comandamenti” per una nuova era. Il primo dice: mantenere l’umanità sotto i 500 milioni. Per soddisfare questo monumento, l’attuale popolazione mondiale deve essere ridotta di almeno il 90%.

Una lastra dei Guidestones.

Come spiegato nel mio articolo Georgia Guidestones – I comandamenti del Nuovo Ordine Mondiale, tutto ciò che riguarda questo monumento è in linea con l’agenda dell’élite occulta. Da un governo mondiale al controllo della popolazione, è tutto qui. Ecco i dieci “comandamenti”:

1. Mantenere l’umanità al di sotto di 500.000.000 in perpetuo equilibrio con la natura.
2. Guida la riproduzione con saggezza, migliorando la forma fisica e la diversità.
3. Unisci l’umanità con una nuova lingua viva.
4. Regola la passione – la fede – la tradizione – e tutte le cose con una ragione moderata.
5. Proteggi le persone e le nazioni con leggi eque e giuste corti.
6. Lascia che tutte le nazioni si governino lasciando le controversie esterne ad un tribunale mondiale.
7. Evitare leggi meschine e funzionari inutili.
8. Equilibrare i diritti personali con i doveri sociali.
9. Premiare la verità – la bellezza – l’amore – cercare l’armonia con l’infinito.
10. Non essere un cancro sulla terra – Lascia spazio alla natura – Lascia spazio alla natura.

L’attuale crisi ci sta spingendo verso questi comandamenti. Ad esempio, un mondo in isolamento è chiaramente un esercizio di “bilanciamento dei diritti personali con i doveri sociali”. Inoltre, stiamo sicuramente “lasciando spazio alla natura”

Un titolo dell’NZ Herald sui “benefici” ambientali di questa crisi.

In breve, le Georgia Guidestones “non vedono l’ora” che accada un grande evento apocalittico per portare cambiamenti specifici nel mondo. E non è l’unico punto di riferimento per comunicare questo messaggio specifico negli Stati Uniti.

MURALI DELL’AEREOPORTO INTERNAZIONALE DI DENVER

Come spiegato nell’articolo sull’Aereoporto Internazionale di Denver, ci sono un sacco di cose strane al DIA. Al centro di tutto c’è un murale a 4 pannelli che mostra la morte e il caos, seguito dalla creazione di un nuovo mondo. Come afferma il mio articolo del 2009:

“Quando analizzi il simbolismo dei murali, ti rendi conto che raccontano una storia terrificante di eventi futuri che stanno per accadere, come se fosse una sorta di profezia. Ci sono riferimenti sociali e politici specifici e altri dettagli occulti che sostanzialmente trasformano quei dipinti in un manifesto del Nuovo Ordine Mondiale. ”

Ecco uno dei murales.

Un’enorme figura militare che indossa una maschera antigas colpisce una colomba sul sedere. Una fila infinita di madri piange mentre tiene in braccio bambini morti. È questo quello che vuoi vedere prima di salire a bordo di un aereo?

Per qualche motivo, ho sempre trovato l’arcobaleno in cima a questo murale estremamente inquietante. Ancora di più nel contesto odierno.

Con il lockdown attivo, è emersa una nuova tendenza globale: colorare arcobaleni su finestre e luoghi pubblici.

Non analizzerò tutti e quattro i murali qui, ma c’è un lieto fine

Dopo la morte e la devastazione: la rinascita di un nuovo mondo che è unito intorno a una sorta di pianta luminosa.

Ancora una volta, un’opera d’arte collocata in uno spazio pubblico racconta la storia di un massiccio caos seguito dalla rinascita di un nuovo mondo che unisce tutte le nazioni.

MURALES DELLA BANCA D’AMERICA

Gli enigmatici muralies esposti nella Bank of America a Charlotte, nella Carolina del Nord, ruotano attorno allo stesso tema generale dei siti descritti sopra.

I tre murales in mostra presso la sede della Bank of America.

Come spiegato dettagliatamente nel mio articolo Analisi del simbolismo occulto presente negli affreschi nella Banca d’America, c’è una ricchezza di simbolismo. Al centro di tutto: Order Out of Chaos.

Il murale sulla destra si chiama “Pianificazione / Conoscenza” ed è pieno di simbolismo occulto e massonico. Fondamentalmente ci dice che coloro che “pianificano” il mondo hanno una “conoscenza” occulta.

Il murale centrale si chiama “Caos / Creatività”. Descrive un periodo di transizione caratterizzato da tumulti e oppressione. Ci sono disordini civili, figure militari per le strade e fili spinati ovunque. C’è anche questo ragazzo:

Nel caos c’è una persona che indossa una tuta hazmat. Non diversamente dal murale del DIA, il periodo del caos sembra essere collegato a una sorta di minaccia biologica.

Tornando alla realta` odierna. Questo è tutto ciò che vediamo nelle notizie:

Le persone con la tuta hazmat sono ovunque nelle news in questo momento.

Infine, il murale a sinistra si chiama “Making / Building”. Descrive principalmente un lavoratore dopo un lavoro ben fatto. Ordine dal caos. Ancora.

Il FILM 2012

I film su disastri attirano il pubblico con grandi effetti visivi … per poi indottrinarli con messaggi. Rilasciato nel 2009, il film 2012 rappresentava la fine del mondo come prevista dai Maya. Oltre alle scene di famosi monumenti distrutti, il film trasmetteva un unico messaggio: solo l’élite sarebbe sopravvissuta a un periodo di caos.

Lo slogan del film: “Siamo stati avvertiti”. L’immagine sul poster: il monumento brasiliano “Cristo Redentore” che cade. Simbolico.

Come spiegato nel mio articolo Il significato occulto del film “2012”, la storia parla meno della fine del mondo e più dell’élite mondiale che sopravvive a una grave crisi. In effetti, nel film, l’elite sapeva che un cataclisma stava arrivando anni prima nascondendolo alle masse. Usarono quel tempo per prepararsi a una nuova era, mentre il resto della popolazione mondiale venne lasciato morire.

Le Olimpiadi furono sospese. Non diversamente dalle Olimpiadi del 2020.

Nel film, l’élite ha incaricato la Cina di costruire enormi navi che avrebbero tenuto al sicuro gli “eletti” mentre il mondo veniva spazzato via. Il prezzo di un biglietto per entrare in queste navi: 1 miliardo di euro a persona ..

La regina d’Inghilterra si imbarca sulla nave in Cina.

Alla fine, gli eletti sopravvissero al cataclisma mentre il resto del mondo moriva. Le loro navi sbarcarono in Africa e l’élite iniziò una nuova civiltà sul posto che chiamarono Cape Hope. Ancora una volta, stiamo vedendo echi di questo oggi.

Mentre 2012 non riguarda un virus mortale, rappresenta simbolicamente la filosofia fondamentale dell’élite: Ordine dal chaos.

IL THE ECONOMIST

Per anni, The Economist ha spaventato la gente con strane ed enigmatiche copertine che sembrano fare cupe previsioni. Mentre alcuni potrebbero dire “chi se ne frega”, c’è una ragione per cui questa rivista dovrebbe essere presa sul serio: l’Economist è direttamente legato all’élite mondiale – coloro che rendono queste previsioni una realtà. Come ho scritto nell’articolo La copertina dell’Economist “World in 2015”: una miscela di simbolismo criptico e terribili predizioni è pieno di simboli criptici e pronostici:

“Normalmente non dedico un intero articolo ad analizzare la copertina di una pubblicazione, ma questa non è una pubblicazione. È il The Economist ed è direttamente correlato all’élite mondiale. È in parte di proprietà della famiglia bancaria inglese Rothschild e il suo caporedattore, John Micklethwait, ha partecipato più volte alla Conferenza Bilderberg – l’incontro segreto in cui discutono le figure più potenti del mondo della politica, delle finanze e dei media. Il risultato di tali incontri è totalmente segreto. È quindi sicuro affermare che le persone del The Economist conoscono cose che la maggior parte delle persone non conosce. “

Detto questo, ecco la copertina del The Economist intitolata “The World in 2019”

La copertina di “The World in 2019” dell’Economist.

Non analizzerò tutto qui (leggi il mio articolo completo al riguardo qui), ma qui ci sono alcuni dettagli che sono rilevanti nel contesto odierno.

I quattro cavalieri dell’Apocalisse. Uno di loro indossa una maschera.

Il Libro dell’Apocalisse descrive i Cavalieri come presagio del Giudizio Universale. Si dice che il Cavallo Bianco simboleggi la Conquista, la Pestilenza e la venuta dell’Anticristo; Il cavallo rosso rappresenta la guerra; il cavallo nero è associato alla carestia e il cavallo pallido porta la morte. Nel contesto odierno, si potrebbe dire che l’attuale crisi ha portato contemporaneamente alcune forme di conquista, pestilenza, carestia e morte.

Ecco un altro strano elemento trovato sulla copertina.

Nella parte inferiore sinistra della copertina c’è un pangolino.

Sebbene ci siano diverse teorie che fluttuano intorno alle origini del virus, ce n’è una che continua a comparire nei mass media: è stata trasmessa all’uomo da un pangolino.

Un titolo del NY Times

Un titolo da The Conversation.

La copertina contiene altri dettagli che ora sono più rilevanti che mai: una cicogna che trasporta un bambino con un codice a barre (Bill Gates “vuole creare un “ID digitale” attraverso la vaccinazione alla nascita); L'”uomo vitruviano” in possesso di un codice QR (la Cina ora richiede alle persone di mostrare un codice QR sui loro telefoni per spostarsi).

Ora, ecco la copertina dell’ultimo numero del The Economist.

La mano dell’élite tiene le masse “al guinzaglio”. Come un cane. Questo è quello che vogliono.

Ordine dal caos.

LA PERFORMANCE DI MADONNA ALL’EUROVISION

Circa un anno fa, ho analizzato il gran finale del concorso Eurovision, che è uno degli eventi non sportivi più seguiti al mondo. Lo spettacolo è culminato con un’esibizione inquietante e profondamente occulta di Madonna che sembrava predire cose che sarebbero accadute in futuro. Dopo aver preso parte a una sorta di rituale occulto, un gruppo di persone che indossavano maschere antigas circondarono Madonna.

Madonna che indossa una CORONA circondata da persone con le maschere antigas.

Mentre Madonna eseguiva la canzone Future, cantava:

Non tutti vengono nel futuro
Non tutti stanno imparando dal passato
Non tutti possono venire nel futuro
Non tutti quelli che sono qui vivranno

Quindi, Madonna “soffia un vento di morte” sulle persone mascherate e tutti muoiono. Inoltre, sullo sfondo, la Statua della Libertà è distrutta. Oggi anche le nostre libertà sono state distrutte.

Tornando ad oggi, Madonna sta dicendo cose strane sul virus. In un recente video pubblicato sul suo account sui social media, Madonna ha detto questo sulla pandemia:

“È il grande equalizzatore e ciò che è terribile è ciò che è fantastico. La cosa terribile è che ci ha resi tutti uguali in molti modi – e ciò che è meraviglioso è che ci ha resi tutti uguali in molti modi “.

Personalmente non userei la parola “meraviglioso” vicino a questo virus. Ma non sono uno psicopatico collegato all’élite. A proposito, Madonna ha anche collaborato con coloro che vogliono trasformare questa crisi in un incubo orwelliano.

CONCLUDENDO

Sebbene questo articolo abbia esaminato elementi molto diversi, hanno alcuni punti in comune. Innanzitutto, sono stati finanziati e commissionati dall’élite. In secondo luogo, fanno tutti parte della cultura popolare, che definisce e “colora” la nostra società. Terzo, raccontano tutti una storia simile: l’accoglienza di una grave crisi per inaugurare un Nuovo Ordine Mondiale.

Ci si potrebbe chiedere: “Perché questi messaggi sono pubblici? Non vorrebbero mantenere segreti i loro piani? “. No. I piani devono essere nascosti in bella vista, per diversi motivi. Innanzitutto, il concetto di programmazione predittiva ci dice che, una volta che le masse sono esposte a un’idea scioccante, saranno meno impaurite e piu` portate ad accettarla quando ciò accade realmente. In secondo luogo, l’élite crede nelle leggi karmiche. Se le masse vengono adeguatamente avvertite e se accettano volentieri ciò che sta accadendo, l’élite viene sollevata dalla “vendetta” karmica. Infine, i simboli governano il mondo. Nel corso della storia, il simbolismo di coloro che erano al potere era presente in tutta la società.

Coloro che governano il mondo in questo momento vogliono un Nuovo Ordine Mondiale. Ma, prima che ciò possa accadere, ci deve essere il caos.

Fonte

Un politico francese afferma che la quarantena non dovrebbe essere imposta sulle zone ad alta concentrazione di migranti per evitare sommosse

“Non è una priorità imporre la chiusura totale in determinati quartieri”.

Un alto funzionario del governo in Francia ha ammesso che le misure di blocco draconiane imposte al resto della popolazione non dovrebbero essere attuate nei ghetti ad alta concentrazione di migranti al fine di prevenire le rivolte.

In una lettera trapelata alla rivista Le Canard Enchaine, il Segretario di Stato francese presso il Ministero degli Interni, Laurent Nunez consiglia: “Non è una priorità imporre la chiusura di alcuni quartieri e fermare le riunioni”.

In una videochiamata separata, Nunez ha detto ad altri funzionari che limitare i movimenti e chiudere negozi nelle famigerate banlieue francesi rischia di innescare violenti disordini sociali.

Un prefetto della zona di difesa regionale che era presente alla chiamata ha convenuto che le imprese che erano state chiuse in altre aree della Francia dovrebbero rimanere aperte nei quartieri più poveri al fine di aiutare con la “mediazione sociale”.

“Questo indebolimento delle leggi che Macron ha dichiarato essenziali, questo evidente disprezzo per la popolazione nel suo insieme, arriva in un momento in cui la polizia, le ambulanze e i vigili del fuoco affrontano livelli record di ostilità quando si avventurano nei sobborghi dove le bande danno fuoco alle auto attaccandole quando arrivano per aiutare ”, scrive Damian Wilson.

Come illustrato nella clip qui sotto, ogni volta che la polizia tenta di imporre misure di quarantena, o qualsiasi altro atto di applicazione della legge, nelle aree a forte presenza di migranti, viene immediatamente circondata e intimidita da bande di migranti. Non è raro che camion dei pompieri e ambulanze vengano attaccati in queste aree “sensibili”

Un’altra clip mostra i migranti che reagiscono ai tentativi della polizia di imporre una quarantena saltando sul loro veicolo.

Come riporta Breitbart, i migranti nelle città europee in tutto il continente semplicemente non rispettano il blocco o gli agenti di polizia che cercano di imporlo.

La polizia nell’area migrante della Senna-Saint-Denis a Parigi afferma di essere sopraffatta dal numero di persone che si rifiutano di rimanere in casa.

“Non ci arrenderemo. Ma sappiamo anche dove vivono queste persone e come vivono. Il contenimento, per loro, è semplicemente impossibile “, ha spiegato un ufficiale.

Fonte

Lockdown/Covid-19: Un esperimento su scala mondiale

Indipendentemente dall’origine del COVID-19, la risposta a questo virus ha portato ad una serie di cambiamenti drastici e senza precedenti a livello globale. Il futuro distopico è adesso. Ecco come questa pandemia ha creato il più grande esperimento nella storia dell’uomo.

La risposta alla pandemia di COVID-19 ha lanciato il più grande esperimento umano nella storia del mondo. Al momento di scrivere queste righe, oltre un terzo della popolazione umana è costretta al confino. Inoltre, l’economia globale ha subito una brusca frenata poiché diversi governi hanno ordinato la chiusura di tutte le attività non essenziali. Mai nella storia del mondo abbiamo visto misure così draconiane e di vasta portata che riguardano ogni individuo a un livello così profondo. Nel giro di poche settimane, la capacità di miliardi di muoversi liberamente e guadagnarsi da vivere è completamente svanita.

Mentre si dice che queste misure siano temporanee, rimane un fatto importante: sono diventate realta`. E questo significa che possono facilmente essere riapplicate in qualsiasi momento in futuro.

Sebbene sia confortante pensare che i nostri governi abbiano a cuore la nostra salute e i nostri migliori interessi, è piuttosto ingenuo credere che le persone più potenti del mondo non vedano questa pandemia come un’opportunità straordinaria. Uno dei detti preferiti dell’élite è “non lasciare che una buona crisi vada sprecata”. E questa crisi sicuramente non sara` sprecata. Questa pandemia ha permesso di “testare” varie misure autoritarie che sono esattamente in linea con i piani a lungo termine dell’élite mondiale. In effetti, è difficile immaginare un piano migliore per terrorizzare, isolare, sottomettere, impoverire e demoralizzare contemporaneamente una società nel suo insieme, creando il contesto perfetto per rimodellarla per adattarsi a interessi specifici.

In breve, il futuro distopico è adesso. Per anni, questo sito ha messo in guardia sui piani per un governo mondiale che si basa su un intenso indottrinamento dei mass media e sulla sorveglianza da stato di polizia iper tecnologico. Stiamo vivendo tutto questo ora – a un livello che molti di noi non immaginavano neanche qualche settimana fa.
Se questo blocco globale durera` alcune settimane, il mondo potrebbe riprendersi e riguadagnare una sorta di normalità (fino alla prossima crisi). Tuttavia, se ciò dovesse protrarsi per mesi (come prevedono alcuni esperti), l’impatto sulla società avrà proporzioni bibliche.

Ecco uno sguardo alle molte sfaccettature di questo blocco e al suo possibile impatto a lungo termine sull’umanità nel suo insieme.

I MASS MEDIA

I mass media preparano le masse ad una lunga crisi.

Il primo “sintomo” di COVID-19 fu la propaganda mediatica a livello globale. Quasi tutte le fonti media, indipendentemente dal pubblico di destinazione o dall’interesse di nicchia, sono passate alla copertura del COVID 24/7. Tutti gli altri argomenti di notizie sono diventati irrilevanti e sono stati scansati dal discorso pubblico. Quasi tutte le forme di intrattenimento – in particolare gli sport professionistici – sono state sospese, costringendo le persone a concentrarsi esclusivamente sulla pandemia.

Sui giornali, i tabelloni segnapunti che mostrano i risultati sportivi sono stati sostituiti da un tabellone segnapunti “morti e casi confermati”, creato su misura per generare paura. Ogni giorno miliardi di umani seguono ansiosamente questi “dati”, sapendo che la loro libertà e mezzi di sostentamento dipendono esclusivamente da questi numeri emessi dal governo. Se i numeri non diminuiscono, il travaglio prosegue.

Mentre il COVID-19 ha preso il controllo dei mass media, la cultura popolare nel suo insieme si è immediatamente trasformata in un deserto arido. Non ci sono nuovi prodotti culturali e artisti che rilasciano materiale che potrebbe alleviare le menti, offrire intrattenimento o, forse, fornire informazioni necessarie. La maggior parte degli artisti si riduce a “influencer” sui social media che ripetono gli ordini orwelliani ascoltati in tutto il mondo: “Resta a casa e lavati le mani”.

In breve, quasi tutte le forme di distrazioni sociali e culturali sono state sostituite con una copertura COVID a 360 gradi. Mentre le persone subiscono un flusso costante di notizie spaventose, i livelli di ansia continuano a salire, creando un contesto ideale per l’introduzione di misure da stato di polizia. E queste misure sono state accolte da quasi tutti con un fragoroso applauso.

STATO DI POLIZIA AD ALTA TECNOLOGIA

I cittadini cinesi devono mostrare un codice QR emesso dal governo sul proprio telefono per utilizzare i mezzi pubblici.

La minaccia di una pandemia mortale è il contesto perfetto per introdurre tattiche aggressive da stato di polizia. Le persone hanno paura e vogliono vedere i governi adattare misure decise. Tuttavia, una volta detto e fatto tutto ciò, la società recupererà il 100% delle sue libertà? O tornerà gradualmente a circa il 50%, celebrando ogni percentuale come una vittoria?

La prima vittima della pandemia sono stati i viaggi in aereo. In poche parole, non si vola piu. Tutti i voli sono stati cancellati e alle persone all'estero e stato detto di tornare a casa il prima possibile. Una volta che tutti sono tornati a casa, a tutti è stato detto di rimanere a casa. Quindi, nel giro di pochi giorni, i governi sono passati dal vietare i “ritrovi di gruppo” al divieto di riunioni di “2 o + persone”.

Queste restrizioni senza precedenti sul contatto umano hanno generato un clima di paura e paranoia quando le persone hanno iniziato ad allertare le autorità su raduni illegali. Mentre questi “spioni” sosterrebbero che “più velocemente viene sradicata l’epidemia, più velocemente torniamo tutti alla normalità”, vengono stabiliti dei precedenti.

La polizia in India picchia con dei bastoni chi viola la quarantena.

La pandemia ha anche giustificato l’uso della sorveglianza ad alta tecnologia a un livello mai visto prima. Ecco alcuni esempi da tutto il mondo:

In Cina, le telecamere a circuito chiuso installate dal governo sorvegliano la porta dell’appartamento di coloro che sono sotto quarantena per assicurarsi che non se ne vadano. I droni dicono alle persone di indossare le maschere. Codici a barre digitali sulle app dei cellulari evidenziano lo stato di salute delle persone.

A Singapore, il governo ha lanciato un’app chiamata TraceTogether. Usa il segnale Bluetooth tra i telefoni cellulari per vedere se i potenziali portatori del coronavirus sono stati in stretto contatto con altre persone.

Ad Hong Kong, alcuni residenti sono stati costretti a indossare un braccialetto collegato a un’app per smartphone, in grado di avvisare le autorità se una persona lascia la propria casa quando e` in quarantena.

In Corea del Sud, il governo ha utilizzato documenti quali transazioni con carta di credito, dati sulla posizione dello smartphone e video CCTV, nonché conversazioni con persone, per creare un sistema in cui venivano rintracciati casi confermati. Il risultato fu una mappa che poteva dire alle persone se si erano avvicinate a qualcuno che aveva il coronavirus.

Giovedì, il governo sudcoreano ha lanciato uno strumento potenziato che può aiutare a rintracciare i pazienti ancora più da vicino in tempo quasi reale, al fine di vedere dove si stava muovendo la malattia.

Nel frattempo, l’agenzia di sicurezza israeliana Shin Bet sta utilizzando i dati sulla posizione del cellulare dei cittadini per rintracciare dove sono stati in modo che possano applicare i controlli di quarantena e monitorare i movimenti di coloro che sono infetti. Controversamente, i dati sono stati raccolti negli ultimi anni e destinati a scopi antiterrorismo, secondo il New York Times. Il giornale ha affermato che questa serie di dati e la loro raccolta non erano stati precedentemente segnalati.

In alcune parti dell’India le persone che arrivavano negli aeroporti venivano accolte da dal personale che diceva loro per quanto tempo dovevano essere messe in quarantena, secondo quanto riferito da Reuters. I dati sulle prenotazioni delle compagnie aeree e dei treni venivano monitorati per assicurarsi che quelle persone non viaggiassero, ha aggiunto il rapporto. Nello stato del Kerala, nell’India meridionale, le autorità hanno utilizzato una combinazione di registri delle chiamate telefoniche, filmati delle telecamere di sorveglianza e dati sulla posizione del telefono per rintracciare le persone che potrebbero essere state in contatto con pazienti affetti da coronavirus.

Negli Stati Uniti, il governo sta parlando con Facebook, Google e altre società tecnologiche della possibilità di utilizzare i dati sulla posizione e sui movimenti degli smartphone americani per combattere il coronavirus.
– CNBC, Use of surveillance to fight coronavirus raises concerns about government power after pandemic ends

Albert Fox Cahn, direttore esecutivo del Surveillance Technology Oversight Project, ritiene che la maggior parte di queste misure sia destinata a rimanere. Ha dichiarato:

“Non abbiamo assolutamente motivo di credere che gli enti governativi desiderosi di espandere il loro potere in risposta al COVID-19 saranno disposti a vedere scadere quelle autorità una volta sradicato il virus”.

Il post-panediamia porterà ad un’altra grande preoccupazione: l’economia.

L’ECONOMIA

Insurance claim per la disoccupazione negli Stati Uniti. Dal 2010 al 2020, un costante declino … fino a un picco improvviso e storico.

Il COVID-19 ha spronato i diversi governi a mettere in atto una misura controversa: la chiusura di tutte le attività non essenziali. Ciò ha portato milioni di lavoratori a perdere immediatamente il posto di lavoro. Ha anche portato ad alcuni mirabolanti rapporti per determinare quali imprese fossero ritenute essenziali o meno.

Mentre la maggior parte delle grandi aziende resisterà alla tempesta e assumerà dipendenti, un gran numero di piccole e medie imprese non sopravviverà alla chiusura.

La situazione crea anche chiari vincitori: importanti catene come Walmart, Costco, Walgreens, McDonald’s e Amazon. In effetti, a causa di un incredibile balzo delle vendite, Amazon ha recentemente annunciato l’assunzione di oltre 100.000 dipendenti per far fronte alla domanda. Tuttavia, non diversamente dalla maggior parte dei lavori disponibili in queste grandi catene, la retribuzione offerta si avvicina al salario minimo.

Se il blocco persiste, possiamo aspettarci un grande cambiamento nell’economia globale: le piccole e medie imprese lotteranno e moriranno mentre entità gigantesche prospereranno mentre si trasformano in “centri di distribuzione” monolitici di beni essenziali.

Per prevenire un crollo completo dell’economia globale, i governi hanno annunciato trilioni di dollari in aiuti finanziari a coloro che sono stati colpiti dalla chiusura. Tuttavia, questi soldi non provengono dal nulla: comporteranno debiti ingenti e, molto probabilmente, tasse più elevate. Nei paesi più poveri, gli aiuti finanziari sono rari o inesistenti, una ricetta per il caos.

Alla fine, tutte le crisi economiche finiscono sempre per favorire l’élite. Il risultato netto del crollo finanziario del 2008 (e dei suoi salvataggi) ha portato all’incanalamento di decine di trilioni di dollari dalle tasche della classe media verso l’élite mondiale. Molto probabilmente questa crisi COVID si concluderà con risultati simili.

CONCLUDENDO

Mentre la valutazione che avete appena letto potrebbe sembrare triste, è un’analisi obiettiva di un pianeta in pausa. Nel giro di poche settimane, il mondo è passato dalla normalità alla paura, al panico, alla paranoia, al confinamento, alla disoccupazione, alla sorveglianza da stato di polizia e all’estremo allontanamento sociale. Milioni di cittadini che prosperavano nella libertà e nella libera impresa sono ora agli “arresti domiciliari” e devono fare affidamento sul governo per sopravvivere.

Sebbene l’assoluta necessità di queste misure sia oggetto di dibattito, non è possibile discutere sulla loro necessità una volta che il virus è scomparso. E dobbiamo assicurarci che l’incubo distopico che stiamo vivendo ora non diventi permanente. Perché, in questo momento, alcune persone affamate di potere stanno salivando e ne vorranno sempre di piu`.

In questi tempi critici, dobbiamo tenere traccia dei molti modi in cui la società viene modificata e dobbiamo assicurarci che, una volta sparito il virus, la libertà sia completamente ripristinata. Perché, come diceva Thomas Jefferson: “Il prezzo della libertà è un’eterna vigilanza”.

Fonte

Chiamare “idiota” chi si oppone alle draconiane misure contro il coronavirus e` il modo con cui i “capo-gregge” vogliono bloccare il dialogo

Le persone che sollevano dubbi sulla costituzione di uno stato di polizia in risposta al Covid-19 vengono additate come idiote irresponsabili. Tuttavia, coloro che vogliono a tutti i costi essere rinchiusi in casa non hanno il monopolio della saggezza, dobbiamo resistere a questa censura del dibattito.

All’inizio non potevo credere a quello che stavo leggendo! Questo era il titolo dell’articolo : “Lock Us Down: Suspend Habeas; Save the nation ” il quale implorava lo stato di mettere in lockdown la nazione. L’autore Michael Dorf, professore della Cornell University, stava esortando il governo degli Stati Uniti a sospendere lo stato di diritto.

Dorf ha riconosciuto che sospendere l’habeas corpus – caratteristica fondamentale di una società libera – era una “misura estrema”, ma riteneva che fosse un piccolo prezzo da pagare per far sentire le persone al sicuro.

Sfortunatamente, questo desiderio di chiudere la società non si limita a un ristretto numero di professori di diritto con mentalità autoritaria. L’intero conglomerato mediatico occidentale e` dell’idea che, a meno che i governi non adottino misure estreme, l’umanità dovrà affrontare l’estinzione. Chiunque ascolti i media o legga la stampa non ha dubbi sul fatto che se il Primo Ministro britannico non avesse imposto il lockdown, sarebbe stato scaricato dai suoi ministri o dalle pressioni popolari.

In tutte le recenti conferenze stampa di Boris Johnson, giorno dopo giorno e` stato invitato a chiudere il Regno Unito. Larisa Brown del Daily Mail e` riuscita a malapena a contenere la sua rabbia, quando ha sbottato: “le persone non agiscono in modo responsabile, quando, allora, farai intervenire la polizia?”

Purtroppo, la richiesta della mandria di rinunciare a libertà duramente combattute, è accompagnata da un intenso livello di ostilità nei confronti di chiunque non sia d’accordo con il desiderio popolare ovvero uno stato di polizia. Quelli di noi che sollevano dubbi sulla chiamata a chiudere la nazione vengono denunciati come idioti irresponsabili, pronti a giocare con la vita delle altre persone. Sono, secondo le parole del “ministro del panico”, Piers Morgan, i covidioti, che devono essere tenuti a distanza dagli altri membri della comunità.

L’emergenza sanitaria pubblica che sta affrontando il mondo ha permesso agli intolleranti di puntare il dito su chiunque metta in dubbio la saggezza di alcune delle misure messe in atto dal governo. Chiunque leggesse il twitterstorm rivolto a giornalisti come Peter Hitchens o Brendan O’Neill potrebbe immaginare che invece di sollevare domande sulla chiusura dei pub, i due stessero chiedendo l’istituzionalizzazione dell’omicidio di minori.

Com’era prevedibile, in un clima di insicurezza causato dal COVID-19 molte persone si spaventano e la loro ansia può essere facilmente sfruttata da gruppi di imprenditori della paura. Negli ultimi giorni, i media hanno fatto di tutto per evidenziare ogni esempio di comportamento antisociale nei supermercati. Hanno puntato il dito contro i genitori che hanno deciso di portare i loro figli ai parchi o al mare in una domenica soleggiata. Le foto di persone che si godono una giornata all’aria aperta sono state ritratte come il comportamento di irresponsabili zombi COVID che minacciano la nostra stessa esistenza.

Nonostante il fatto che in realtà ci sia stato pochissimo comportamento irresponsabile da parte del pubblico, in un’atmosfera febbrile di colpa e recriminazione molte persone sono state influenzate dalla retorica della paura. Nei siti Web e nelle conversazioni della comunità locale c’è troppa gente che punta il dito verso le persone che si comportano in modi non approvati dai cosiddetti opinion maker. In queste circostanze anche le persone che sanno che c’è qualcosa di profondamente sbagliato nella retorica demagogica di persone come Piers Morgan, trovano difficile esprimere il loro dissenso.

Tuttavia, dobbiamo sollevare le nostre preoccupazioni e domande quando sentiamo che la società sta andando nella direzione sbagliata. Invece di spegnere il dissenso, abbiamo bisogno di un atteggiamento maturo e adulto verso coloro con cui non siamo d’accordo. Proprio perché nessuno ha la risposta a tutti i problemi sollevati in questa pandemia, dobbiamo ascoltare tutti i punti di vista. Coloro che vogliono starsene rinchiusi non possiedono il monopolio della saggezza. Dobbiamo resistere alla censura del dibattito e della discussione. Al contrario, è proprio in un’emergenza che dobbiamo aprire tutti i canali di comunicazione, in modo che ogni membro del pubblico senta che la sua voce conta ancora.

Fonte

La Germania chiude i confini agli Europei ma i migranti possono ancora entrare

La Germania ha chiuso le sue frontiere ai visitatori dall’Europa a causa del coronavirus, ma i migranti che chiedono asilo dal Medio Oriente e dall’Africa sono ancora autorizzati ad entrare nel paese.

Oltre alle esenzioni per le persone provenienti da Francia, Lussemburgo e Svizzera che forniscono servizi essenziali, la scorsa settimana le autorità tedesche hanno chiuso il confine del paese a tutti i cittadini stranieri.

Tuttavia, secondo il Ministero degli Interni tedesco, i cosiddetti “richiedenti asilo”, un termine generico che sostanzialmente descrive i migranti economici in fuga dal Medio Oriente e dall’Africa, sono ancora i benvenuti.

“Alle frontiere esterne dell’UE [aeroporti e porti marittimi] della Germania, non vi è stato alcun cambiamento nella procedura di [asilo]”, ha detto un rappresentante del Ministero degli Interni a Junge Freiheit.

Ciò significa che gli europei che in precedenza avevano il diritto di entrare in Germania vengono trattati come cittadini di seconda classe rispetto ai migranti del terzo mondo, che devono semplicemente pronunciare la parola “asilo” per entrare in Germania nel bel mezzo di una mortale pandemia globale.

“In pratica, ciò significa che se un migrante dovesse entrare illegalmente nella zona Schengen dell’Unione europea attraverso l’Italia o la Grecia e raggiungere la Francia o la Svizzera, potrebbe ancora chiedere asilo in Germania, e quindi gli verrebbe permesso di attraversare questi paesi per poterlo richiedere formalmente nel territorio tedesco “, riferisce Voice of Europe.

La situazione è simile in Svezia, dove i richiedenti asilo continueranno a essere ascoltati e potranno rimanere nel paese nonostante una pandemia globale.

Dato che i migranti in Germania hanno gia` mostrato segni di ribellione mostrando bandiere dell’ISIS quando gli è stato detto che il loro campo profughi doveva essere messo in quarantena, ci si chiede se i richiedenti asilo appena arrivati ​​obbediranno alle regole di blocco.

Come evidenzia Breitbart, i tentativi di imporre una quarantena nelle aree fortemente abitate da migranti a Parigi si stanno dimostrando “impossibili” perché i migranti ignorano la legge e si riuniscono in grandi gruppi se affrontati dalla polizia. Le autorità non possono fare multe ai migranti a causa del timore di un violento “contraccolpo”.

Un sondaggio Ipsos pubblicato la scorsa settimana ha mostrato che la maggioranza delle persone in 12 paesi diversi sostiene la chiusura dei confini fino a quando l’epidemia di coronavirus non sara` contenuta.

Fonte

Contagion: Come i temi principali del film sono divenuti realta` con l’epidemia di Coronavirus

Nel mezzo del panico da coronavirus, il film del 2011 “Contagion” è diventato uno dei film più visti online. Ecco i temi principali del film e come stanno diventando realtà nel 2020.

Mentre il coronavirus diffonde paura e panico in tutto il mondo, i servizi di streaming hanno osservato un picco di interesse nel film Contagion del 2011. Con Matt Demon, Gwyneth Paltrow e Lawrence Fishburne, il film segue il diffondersi di un virus mortale chiamato MEV-1 e i suoi impatti disastrosi sulla società. Inutile dire che, nel contesto odierno, Contagion non è molto confortante da guardare. In effetti, se l’intera situazione del Coronavirus ti sta già rendendo ansioso, probabilmente dovresti evitare Contagion. Perché peggiorerà le cose.

In effetti, lo slogan del film è “Niente si diffonde come la paura” – e questo è fondamentalmente l’obiettivo del film. Spaventare ed educare. Oltre otto anni fa, ho scritto l’articolo Contagion o come i film catastrofici educano le masse in cui ho messo in evidenza i principali messaggi di questo film..

Nel 2012, ho trovato importante analizzare questo film perché non è semplicemente un “thriller spaventoso”. In realtà, non c’è nulla di divertente in quel film. È un video educativo. È una rappresentazione “ultra realistica” di un’enorme epidemia di pandemia che si svolge in luoghi reali e che coinvolge organizzazioni reali. Infatti, mentre il film è stato diretto da Steven Soderbergh, la sua trama è stata modellata con il contributo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), del Center for Disease Control (CDC) e di vari specialisti.

Ecco un estratto di un’intervista allo scrittore di Contagion Scott Z. Burns sul coinvolgimento di queste organizzazioni nella realizzazione del film:

CS: Sei riuscito a metterti in contatto con qualcuno dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS)?
Burns: Sì, sono andato al CDC di Atlanta diverse volte. In realtà abbiamo girato parte del film lì, e abbiamo avuto molte conversazioni con l’OMS durante tutto il processo. Larry Brilliant e il Dr. Lipkin ci hanno aiutato molto in termini di contatto con l’OMS. In effetti, abbiamo girato anche una parte del film lì. La scena in cui Marion Cotillard entra (in ufficio) a Ginevra.
– Coming Soon, CS Interview: Contagion Writer Scott Z. Burns

Per mettere le cose nel contesto, il film è uscito un paio d’anni dopo la crisi dell’H1N1 nel 2008. Dopo mesi di panico e una campagna di vaccinazione di massa, alcuni studi hanno dimostrato che l’OMS e il CDC hanno sovrastimato gravemente il numero di casi reali di H1N1 e hanno spinto un vaccino che molti hanno ritenuto superfluo. Un film come Contagion era un buon rimedio per ridare credito all’ente.

Nel 2020, il mondo si trova ad affrontare un’altra grave epidemia e Contagion diventa di nuovo rilevante. Non solo, ma anche i mass media hanno puntato i riflettori su di esso.

Un recente titolo del New York Times su Contagion.

Contagion, quindi, e` realistico? Sì, più che mai. Diamo un’occhiata ai temi principali del film e al modo in cui stanno diventando realtà nel 2020.

CONTAGION

Il film inizia mostrando i vari modi in cui un virus può diffondersi in tutto il mondo nel giro di pochi giorni.

Un uomo che si sente male a Tokyo prende i mezzi pubblici. E tocca tutto al suo interno. E la popolazione di Tokyo è di 36,6 milioni.

Poco dopo, il virus raggiunge gli Stati Uniti e si scatena l’inferno.

Gwyneth Paltrow muore in maniera orribile, facendo spaventare ulteriormente gli spettatori.

In Contagion, il pubblico è raffigurato come una massa di idioti ed incline al panico.

Le persone in preda al panico fanno irruzione in una farmacia.

Nel 2020, l’epidemia di coronavirus ha causato enormi code nei negozi con le persone che fanno scorta di diversi prodotti.

Comprare tonnellate di carta igienica in California: cosa fanno le persone quando hanno paura ma non sanno cosa fare.

In Contagion, mentre il MEV-1 si diffonde negli Stati Uniti, il governo americano fugge in una località sconosciuta e “cerca un modo di lavorare online”. Nella vita reale, lo spavento del coronavirus ha già raggiunto la Casa Bianca poiché diversi rappresentanti (incluso Trump) sarebbero stati in contatto con portatori di malattie. Anche nella realta` ci sono piani per “lavorare online”.

Un recente titolo del Washington Post.

Quindi, in Contagion, il governo americano praticamente si nasconde e subentrano organizzazioni specifiche (che sono le organizzazioni che hanno contribuito alla creazione del film): il CDC (Center for Disease Control), l’OMS (Organizzazione mondiale della sanità delle Nazioni Unite) , FEMA (Federal Emergency Management Agency), la Croce rossa americana e l’esercito americano.

Poco dopo, lo stato del Minnesota viene messo in quarantena.

L’esercito americano controlla il flusso del traffico nel Minnesota e blocca coloro che tentano di lasciare lo stato.

Mentre, nel 2011, il concetto di mettere in quarantena interi stati era uno scenario immaginario (ma plausibile), è diventato realtà nel 2020. Come forse saprai, l’intero paese italiano è attualmente in blocco.

Sta anche iniziando a succedere negli Stati Uniti quando la Guardia Nazionale è stata inviata a New Rochelle per aiutare a contenere un gruppo di infezioni.

In Contagion, le cose vanno ben oltre il “contenimento”. Il governo dichiara la legge marziale e le persone sono dirette ai campi della FEMA.

Ai civili (anche quelli sani) vengono revocati i diritti e sono diretti ai campi della FEMA dove vengono nutriti e alloggiati. In questa scena, la mancanza di “pasti individuali” per nutrire tutta la popolazione del campo provoca una piccola rivolta.

CAMPAGNA DI VACCINAZIONE DI MASSA

Dopo mesi di orrore, panico e morte, arriva finalmente una soluzione: un vaccino.

Non appena viene sviluppato un vaccino per il MEV-1, centri di vaccinazione spuntano in tutto il mondo.

Anche nel 2020, la soluzione definitiva per sradicare il coronavirus probabilmente assumerà la forma di un vaccino.

Un recente titolo del Times of Israel su un possibile vaccino contro il coronavirus.

In Contagion, il vaccino non è solo incoraggiato: è obbligatorio.

Le persone che vengono vaccinate ricevono un braccialetto con un codice a barre.

Coloro che indossano il braccialetto sono autorizzati a recarsi in luoghi pubblici come centri commerciali. Coloro che non vengono vaccinati non possono andare da nessuna parte e alla fine muoiono.

E alcune persone si rifiutano di farsi vaccinare.

IL COMPLOTTISTA

Una parte importante della trama di Contagion coinvolge un teorico della cospirazione (interpretato da Jude Law) che si oppone al vaccino.

Il teorico della cospirazione gestisce un blog chiamato “Truth Serum”, seguito da milioni di lettori.

Il blogger afferma che esiste effettivamente una cura per il virus MEV-1, ma è represso dai poteri che sono per vendere il vaccino. Esorta inoltre i suoi lettori a non assumere il vaccino rilasciato dalle autorità.

In Contagion, il teorico della cospirazione è raffigurato come una persona ombrosa con un’etica di lavoro discutibile. La comunità scientifica lo disprezza quando uno scienziato gli dice: “Bloggare non e` scrivere, è un graffito con punteggiatura”.

Il blogger viene quindi incastrato da un agente sotto copertura e viene arrestato per “frode alla sicurezza, cospirazione e molto probabilmente omicidio colposo”.

Il teorico della cospirazione viene arrestato a causa dei contenuti del suo blog.

Alla fine, si è scoperto che il blogger era una ciarlatano e che ha guadagnato $ 4,5 milioni di dollari da questa falsa cura per il MEV-1. In breve, il film dice agli spettatori che il governo ha fatto la cosa giusta arrestando il blogger.

Nel 2020, la lotta contro le teorie della cospirazione sul coronavirus è sicuramente all’ordine del giorno. Ecco alcuni titoli recenti.

Business Insider

DW

The next web

Washington Post

CONCLUDENDO

Come ho spiegato nel 2012, l’obiettivo di Contagion non era intrattenere ma educare. Stabilisce un modello per il processo che deve aver luogo in caso di epidemia: paura e panico. Distruzione dell’ordine sociale. Controllo e blocchi. Distanziamento sociale. Soluzione obbligatoria e repressione di coloro che si oppongono.

Mentre, nel 2020, le cose potrebbero non arrivare ai livelli di Contagion (speriamo di no), il film prepara mentalmente le persone a ciò che potrebbe accadere. E qui sta il fantastico potere dei mass media di plasmare e modellare la società a livello globale.

Fonte