Archivi Blog

Ex rifugiata diventa la prima donna di colore a vincere Miss Irlanda, si lamenta del razzismo

Celebra come “il mondo stia diventando più diversificato”.

Un’ex rifugiata che è diventata la prima donna di colore a vincere Miss Irlanda ha reagito all’assegnazione del premio lamentandosi del razzismo.

Sì davvero.

L’ex richiedente asilo Pamela Uba ha affermato di aver ricevuto “molti” commenti razzisti su Internet dopo essere diventata la prima donna di colore a vincere il premio nei suoi 74 anni di storia.

“Sareste sorpresi”, ha detto la signora Uba. “Ho ricevuto un sacco di bullismo e razzismo online, e l’ho sperimentato parecchio, soprattutto da quando sono diventata Miss Galway e poi Miss Irlanda. C’è una minoranza lì che sente il bisogno di far uscire la negatività”.

Alcuni dei commenti riportati da Sky News non erano nemmeno razzisti e si limitavano a esprimere preoccupazioni per il declino della popolazione nativa.

“Una donna di colore non rappresenta il prototipo delle donne irlandesi”, ha detto uno mentre un altro ha scritto: “Quindi dovremmo tutti applaudire la globalizzazione altrimenti sarai messo a tacere?”

I commenti meschini su Internet vengono regolarmente riportati dai media britannici come se fossero la cosa peggiore dall’Olocausto, nonostante in molti casi si dimostri che sono stati pubblicati da persone al di fuori della Gran Bretagna.

La controversia di quest’estate sui commenti razzisti inviati ai calciatori dell’Inghilterra dopo la finale di Euro 2020 si è rivelata una bufala completa, poiché la maggior parte dei commenti ha avuto origine nei paesi musulmani.

Quando la BBC ha rintracciato uno dei principali colpevoli all’inizio di questa settimana, sono stati costretti a riconoscere che era “un uomo poco più che ventenne dell’Arabia Saudita”.

Ma non lasciare che i fatti interferiscano con una buona narrativa.

La nuova “diversa” Miss Irlanda ha anche celebrato il culto del multiculturalismo e il fatto che i bianchi siano in declino demografico.

“L’Irlanda sta diventando sempre più multiculturale”, ha detto, “ed è bello vedere sempre più persone rappresentate nei media e in tutta l’Irlanda”.

“Il mondo sta diventando sempre più diversificato perché siamo in grado di viaggiare così liberamente. Dobbiamo essere in grado di abbracciarlo e dobbiamo vedere più persone rappresentate”, ha aggiunto.

In realtà, solo i paesi bianchi occidentali stanno diventando più “diversi”, il fenomeno non sta accadendo nei paesi neri.

Non aspettarti di vedere una donna bianca vincere “Miss Nigeria”.

In effetti, Uba proveniva originariamente dal Sudafrica, dove la popolazione bianca come percentuale della popolazione è diminuita negli ultimi anni, in parte a causa di violenti attacchi razzisti ai contadini bianchi.

Nel frattempo, un confronto di Uba con le altre candidate a Miss Irlanda dimostra sicuramente che hanno dato il premio all’immigrato rifugiato nero woke per ragioni politiche.

Fonte

100921ireland1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

“Dear White People”: L’NHS fa la paternale agli inglesi sul loro “privilegio”

Ordina loro di “essere a disagio” riguardo il fatto di essere “bianchi”.

Il servizio sanitario nazionale ha pubblicato un blog sul suo sito web ufficiale chiamato “Cari bianchi nel Regno Unito” che fa la paternale agli inglesi riguardo il loro “privilegio bianco” e dice che dovrebbero “sentirsi a disagio” per il fatto di essere “bianchi”.

Sì davvero.

L’articolo è stato scritto da Aishnine Benjamin, responsabile per l’uguaglianza, la diversità e l’inclusione presso il Consiglio infermieristico e ostetrico (non è un vero lavoro).

Ordina ai bianchi di leggere numerosi testi di estrema sinistra sull’intersezionalità e sul motivo per cui i bianchi dovrebbero sentirsi in colpa per il colore della loro pelle mentre dice loro di stare zitti e “ascoltare … quello che stanno dicendo i neri e le minoranze etniche”.

“Non dire ‘non mi interessa la politica’ per evitare questa conversazione”, abbaia il testo. “In questo momento, l’ignoranza non è una scusa. Non puoi non ignorare quello che vedi.”

È interessante dato che tutto ciò che si può vedere in questo articolo è un odio razzista verso i bianchi appena velato nella confusa e donchisciottesca retorica della giustizia sociale.

“Siate a disagio”, il blog istruisce i bianchi, prima di affermare come i “sistemi strutturalmente razzisti” possano essere compresi correttamente solo leggendo numerosi libri, video e podcast su quanto siano cattivi i bianchi.

L’articolo sottolinea poi che tutti questi messaggi dovrebbero essere trasmessi anche ai bambini prima di dire alle persone di sostenere l’Operation Black Vote, una ONG di sinistra.

“La diversità non è una opzione, è un must”, conclude l’articolo in modo aggressivo.

Mentre è facile liquidare il blog come un esercizio insignificante di pseudo anti razzismo, la situazione diventa più inquietante quando capisci che il NHS può ora letteralmente negare l’assistenza sanitaria a persone che considera “razziste” o “omofobe”.

Nonostante sia notoriamente terribile, il NHS è così venerato che ha quasi sostituito la chiesa come religione di stato ufficiale del Regno Unito.

Durante il primo lockdown, gli inglesi sono stati spinti a prendere parte a sessioni settimanali di applausi che fanno rabbrividire per mostrare il loro apprezzamento per un servizio sanitario che era apparentemente “sopraffatto”, ma non abbastanza sopraffatto da impedire agli infermieri di eseguire danze per Tik Tok.

Alcune persone che si sono rifiutate di partecipare sono state persino pubblicamente svergognate dalla loro comunità su Facebook.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, un importante gruppo di esperti ha pubblicato un rapporto in cui concludeva che l’adulazione per il SSN non è razionale.

Fonte

060921nhs1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Un corso universitario si concentra su come risolvere il problema dei distributori di sapone “razzisti”

Il principio fondamentale è che i “pregiudizi razziali” sono incorporati nella tecnologia

Un corso dell’Università di Princeton incentrato sulla correzione della tecnologia “razzista” ha visto gli studenti concentrarsi su distributori di sapone che “non riescono a riconoscere le pelli piu’ scure” e fotocamere che non riescono a distinguere i volti neri, secondo un rapporto di Campus Reform.

Il corso è durato 15 settimane e ha visto gli studenti tentare di ribaltare quelli che sono stati descritti come “pregiudizi razziali costruiti nella tecnologia” e sviluppare invece “soluzioni attivamente antirazziste”.

Gli studenti sono stati incaricati di “costruire e testare sistemi che abbraccino l’antirazzismo come valore fondamentale”.

L’idea che i distributori di sapone difettosi siano un significante del razzismo istituzionale è stata spinta da Ruha Benjamin, professoressa di studi afroamericani a Princeton nel suo libro Race After Technology: Abolitionist Tools for the New Jim Code che postula che “le tecnologie emergenti possono rafforzare la supremazia bianca e aumentare le disuguaglianze sociali”.

Benjamin si ferma prima di affermare che la tecnologia è sviluppata per essere volutamente razzista, ma afferma che i prodotti “riflettono la società da cui provengono”.

Il rapporto Campus Reform rileva inoltre che gli studenti hanno “immaginato” uno strumento di realtà aumentata (AR) che consentirebbe alle persone di utilizzare i telefoni per “sostituire” automaticamente i nomi degli edifici che ritengono troppo razzisti.

Esempi di tali strutture erano gli edifici nel campus di Princeton che prendono il nome dal presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson e da Samuel Stanhope Smith, un ex presidente di Princeton.

Entrambi sono stati presi di mira perché gli uomini da cui prendevano il nome erano ritenuti avere “eredità razziste”.

I critici hanno notato che questo tipo di infiltrazione della giustizia sociale nell’istruzione è uno dei motivi per cui il pensiero woke sta diventando così prevalente nella società, con appelli a riscrivere letteralmente la storia, abbattere statue ed eliminare qualsiasi cosa ritenuta razzialmente insensibile, che a quanto pare ora include macchine rudimentali che depositano prodotti per la pulizia.

Fonte

gettyimages-1226819939-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il Medical Journal descrive l’essere “bianchi” come una patologia parassitaria che non ha cura

Ma certamente viviamo in una cultura pregna di “razzismo sistemico”.

Una ricerca pubblicata sul Journal of the American Psychoanalytic Association descrive l’essere “bianchi” come una patologia parassitaria che non ha cura.

Sì davvero.

L’articolo, intitolato “On Have Whiteness”, è stato scritto dal Dr. Donald Moss (che è bianco), un membro della facoltà sia del New York Psychoanalytic Institute che del San Francisco Center for Psychoanalysis.

Moss afferma che i bianchi hanno una “particolare suscettibilità” alla condizione “parassitaria”, che dice “rende gli appetiti dei suoi ospiti voraci, insaziabili e perversi” e li porta a “terrorizzare” i non bianchi.

Il folle accademico quindi inquadra l’essere “bianchi” come una malattia maligna che può essere prevenuta solo attraverso massicci programmi di rieducazione.

“Un trattamento efficace consiste in una combinazione di interventi psichici e storico-sociali. Tali interventi possono ragionevolmente mirare solo a rimodellare gli appetiti delle persone bianche, a ridurne l’intensità, ridistribuire i loro obiettivi e, occasionalmente, rivolgere quegli obiettivi verso il lavoro di riparazione”, scrive.

Nonostante cio’, Moss si lamenta del fatto che “non vi è alcuna garanzia contro la regressione” e “che non c’è ancora una cura permanente”.

Questa retorica così sfrenata viene anche vomitata dai colleghi insegnanti di Moss nelle scuole e nelle università di tutta l’America con il pretesto della Critical Race Theory.

L’articolo sottolinea ancora una volta come l’unica forma consentita di “razzismo sistemico” e discriminazione che esiste in Occidente è contro i bianchi.

Quando letteralmente ogni grande istituzione culturale, entità governativa, industria dell’intrattenimento, università e media amplifica questo tipo di bile, la nozione di “privilegio bianco” è ridicola.

Fonte

090621study1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Follie dal mondo woke: Studenti della UCLA sostengono che gli erogatori automatici di sapone sono razzisti

Nel caso tu stia cercando un’ulteriore prova che il mondo “woke” sia una follia che si diffonde come un cancro, ecco qui una vicenda accaduta all’Università della California, a Los Angeles.

L’editoriale, scritto da Sullivan Israel, sostiene che alcuni studenti dell’UCLA affermano che i distributori automatici di sapone – sì, quelli che si trovano nei bagni che erogano sapone senza dover essere toccati – sono razzisti.

La teoria scaturisce da uno studente che dice che i distributori “non vedono le sue mani” a causa del colore della sua pelle, ha riferito The Blaze.

Un secondo studente ha detto che gli erogatori costringono “le persone di colore” a mostrare i loro palmi – che sono “le uniche aree chiare della pelle”.

L’editoriale di Israel ha abilmente confutato la stupida idea, sostenendo che la teoria secondo cui “il razzismo sistemico e la supremazia bianca sono tutt’intorno a noi, e in tutti e in ogni cosa” e che è una “forza segreta che esiste ovunque, permea tutte le cose, e esercita il potere sulla società non e’ nient’altro che una “teoria del complotto”.

Quindi, Israel ha usato “la scienza” per sfatare ulteriormente il concetto: “Prima di tutto, lasciatemi sfatare la base di questa affermazione: per chiunque non lo sappia, i sensori sui distributori di sapone non vedono le mani umane; non hanno occhi. Funzionano utilizzando un semplice dispositivo chiamato sensore PIR che riconosce la luce infrarossa, che viene emessa da tutte le persone, indipendentemente dal colore (purché non siano morte). “

“Inoltre, non so voi, ma quelle dannate cose non funzionano mai per me. Non ricordo quante volte le ho colpire per cercare di tirare fuori il sapone (eppure non mi è mai venuto in mente di incolpare l’anti -Semitismo) “, ha continuato.

Ha concluso: “Ma sto divagando. Il punto qui non è come funziona un distributore di sapone. È l’idea che gli studenti della UCLA pensassero di essere immersi nel suprematismo bianco. Questa, e altre affermazioni simili, non sono idee sostenute da uno studente solitario, ma piuttosto una visione del mondo che è stata ribadita e sostenuta dagli oltre 80 studenti che hanno partecipato al dibattito su zoom “.

Puoi leggere l’articolo qui.

Fonte

systm

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Una citta’ canadese offre vaccinazioni contro il Covid, tranne se sei bianco

“Un tipico esempio di razzismo”

La città di Hamilton in Canada ha pubblicato un tweet che offre il vaccino COVID-19 a “popolazioni nere e di altre razze” di età superiore ai 18 anni, un atto totalmente discriminatorio.

“Appuntamenti per il vaccino COVID-19 sono ora disponibili per i neri e altre popolazioni razzializzate / persone di colore di età superiore ai 18 anni che vivono nei codici postali L9C, L8W, L8L, L8N e L9K presso la clinica del vaccino COVID-19 al FIRSTONTARIO CENTER, dal venerdì alla domenica la prossima settimana “, dichiara il tweet.

Questo messaggio è stato seguito da un altro tweet che diceva che non sono piu` disponibili appuntamenti, consigliando che: “I neri e altre popolazioni / persone di colore, che hanno più di 18 anni e hanno come codice postale L9C, L8W, L8L, L8N, L9K possono chiamare l’Hotline della sanità pubblica COVID-19 al numero 905-974-9848, opzione 7 per un appuntamento presso altre sedi cliniche a seconda della disponibilità del vaccino. “

Ai sensi del Canadian Human Rights Act, “i motivi di discriminazione vietati sono razza, origine nazionale o etnica, colore, religione, età, sesso, orientamento sessuale, identità o espressione di genere, stato civile, stato familiare, caratteristiche genetiche, disabilità”.

Escludendo i bianchi dalle vaccinazioni, l’iniziativa della città sembra violare questo atto.

Tuttavia, altri hanno suggerito che, in base alla Costituzione canadese, è di fatto consentito discriminare a favore dei non bianchi in nome di una “azione affermativa”.

I commentatori hanno espresso la loro confusione.

“Come puo` essere anche lontanamente considerato equo? Vivo a L9C, ho più di 40 anni e un sistema immunitario compromesso ma non riesco a prendere un appuntamento !!! Ridicolo “, ha commentato Shelly Petrie.

“Immagina questo stesso tweet ma con “bianco” invece di “nero” e l’indignazione che provocherebbe”, ha osservato un altro commentatore.

“Farai affidamento su queste classifiche razziali coloniali spagnole per determinare la priorità?” ha scherzato un altro.

“Mentre un 56enne bianco con una malattia rara che ha causato danni a entrambi i polmoni, un sistema immunitario compromesso, palpitazioni cardiache e ipertensione, è ancora in attesa della prima iniezione. Sento un grave livello di razzismo da parte dei nostri funzionari eletti ”, ha detto un altro.

Fonte

260421canada1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La gravità è razzista? La Sheffield University vuole un disclaimer sulle teorie di Isaac Newton, dice che ha beneficiato dell'”attività coloniale”

Isaac Newton potrebbe aver gettato le basi della fisica moderna, ma i professori dell’Università di Sheffield, secondo quanto riferito, pensano che abbia beneficiato dell ‘”attività dell’era coloniale” e il curriculum di ingegneria dovrebbe essere “decolonizzato” di conseguenza.
Le tre leggi del moto e della gravitazione universale di Isaac Newton costituiscono il nucleo della fisica moderna, che dovrebbe essere un argomento apolitico. Tuttavia, la facoltà di ingegneria dell’Università di Sheffield vuole che gli studenti comprendano le “origini globali e il contesto storico” delle sue teorie e che potrebbe aver beneficiato dell'”attività dell’era coloniale”.

Questo secondo i documenti universitari trapelati visti dal Telegraph la scorsa settimana. I documenti definiscono un piano per “sfidare i pregiudizi consci e inconsci di vecchia data” tra gli studenti e per ripensare gli approcci “eurocentrici” e “bianchi” alla scienza e promuovere il “design inclusivo”.

Non vengono date spiegazioni riguardo al “contesto storico” che dovrebbe essere aggiunto alle lezioni e non è chiaro come Newton possa aver beneficiato dell'”attività dell’era coloniale”.

Eppure Newton non è l’unico pensatore che sta venendo riesaminato dall’università. Scienziati pionieri come Paul Dirac, Pierre-Simon Laplace e Gottfried Wilhelm Leibniz sono tutti in attesa di revisione.

“Decolonizzazione” è un termine caldo tra gli accademici orientati alla giustizia sociale. In parole povere, implica un ripensamento dell’idea che la scienza, la filosofia e la conoscenza occidentali in generale siano superiori alle teorie del mondo non occidentale e contribuiscono all ‘”oppressione” di questo mondo.

È stato applicato alla storia e alla scienza politica e invocato per far cadere statue di personaggi famosi considerati offensivi per i gusti moderni. Tuttavia, è stato applicato anche ad alcuni soggetti improbabili. Gli accademici hanno sostenuto che la musica classica, la matematica e l’ecologia sono soggetti da “decolonizzare”, a causa della provenienza dall’Occidente bianco.

Le scoperte di Newton sono molte. Oltre alle sue tre leggi del movimento e alla legge della gravitazione universale, stabilite nel 1787 nella Philosophiæ Naturalis Principia Mathematica, Newton costruì anche il primo telescopio riflettente, pubblicò teorie sul colore e sulla velocità del suono e contribuì allo sviluppo del calcolo, accanto a Leibniz.

Newton non era molto astuto con i suoi investimenti, e l’unico esempio noto di lui che si dilettava nel lato oscuro dell’era coloniale era un investimento nella Compagnia del Mare del Sud, che commerciava in schiavi. Lungi dal beneficiare, questo investimento gli fece perdere 20.000 sterline, una fortuna all’epoca.

Persino alcuni dei più impegnati specialisti in diversità e inclusione non sono entusiasti dell’idea di “decolonizzare” la fisica.

Fonte

6086c77c20302727804d995e

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante,aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Ambientalista afferma che il formaggio è razzista, i latticini non dovrebbero essere serviti nelle scuole

Perché alcune persone di colore sono intolleranti al lattosio.

Una ambientalista sta chiedendo al suo comune di rimuovere formaggio e altri prodotti lattiero-caseari dal menu della scuola perché sostiene che i prodotti alimentari sono “razzisti”.

Sì davvero.

Il membro di extinction rebellion Alison Plaumer ha detto ai funzionari locali in una riunione del consiglio comunale di Brighton e Hove che i latticini sono razzisti perché i neri hanno maggiori probabilità di essere intolleranti al lattosio.

“Probabilmente, c’è un elemento razzista nel servire troppo prodotti lattiero-caseari perché il 65 per cento della popolazione mondiale è intollerante al lattosio, molti della comunità BAME (nera, asiatica ed etnica minoritaria)”, ha detto Plaumer.

L’attivista chiede che venga introdotto solo cibo a base vegetale in tutte le scuole statali per due giorni alla settimana e che gli eventi del consiglio siano completamente plant-based una volta che la pandemia sarà finita.

Plaumer ha lanciato la campagna nonostante il fatto che i bambini abbiano già un’opzione vegana ogni giorno.

“Se le persone pensano che il cibo sia razzista, allora non sono qualificate per stare vicino a una scuola”, ha detto un commentatore in reazione alla storia.

Il consumo di latte come simbolo della supremazia bianca è un meme inventato da 4chan, creato per trollare la sinistra ossessionata dal razzismo.

Ora ne stanno parlando seriamente in sede comunale.

Fonte

140421moron1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Dottore anti-Trump, incolpa i bianchi dei crimini d’odio commessi dai neri sugli asiatici

Si sta succedendo veramente

Eugene Gu, medico con spunta blu su twitter e anti-Trump, afferma che la recente ondata di crimini d’odio commessi dai neri contro gli asiatici è colpa dei bianchi.

Prima o poi sarebbe successo.

Dopo l’attacco ai saloni di massaggio asiatici ad Atlanta, i media hanno escogitato una narrativa secondo cui la “supremazia bianca” e i bianchi in generale erano alla radice della violenza.

Tuttavia, le statistiche ufficiali sulla criminalità mostrano che i bianchi sono significativamente sottorappresentati quando si tratta di crimini contro gli americani-asiatici.

Come sottolinea il Washington Examiner, citando le statistiche dell’FBI, mentre i bianchi costituiscono il 62% della popolazione, nel 2018 hanno commesso il 24% dei crimini contro gli asiatici.

In confronto, i neri, che costituiscono il 13% della popolazione, hanno commesso il 27,5% di tutti i crimini violenti contro gli asiatici americani nel 2018.

Come spiega Lionel Shriver in un recente articolo di Spectator, “A New York City, delle 20 persone arrestate l’anno scorso per crimini ispirati dall’odio contro gli asiatici, due erano bianchi. Undici erano neri. “

Queste cifre sono state sottolineate anche da eventi recenti, compreso il video di ieri che mostra uno scioccante attacco non provocato a una donna asiatica da parte di Brandon Elliot, che è nero.

Un video dell’incidente mostra anche che il personale nero dell’hotel si è rifiutato di aiutare la vittima dopo che Elliot le ha ripetutamente calpestato la testa urlando: “Vaffanculo, non appartieni a questo posto!”

Ci sono stati numerosi altri incidenti simili nelle ultime settimane.

Tuttavia, Eugene Gu, una delle persone che notoriamente ha citato in giudizio il presidente Trump perché Trump lo ha bloccato su Twitter, pensa di aver trovato il vero colpevole dietro tutti questi crimini neri sui crimini asiatici.

I bianchi!

“I crimini neri contro gli asiatici si verificano solo a causa del nostro sistema di supremazia bianca che spoglia gli afroamericani delle loro opportunità economiche mentre sottrae rispetto e dignità agli asiatici americani. Inoltre, i bianchi al potere sono esperti nel dividere e conquistare per rimanere al potere “, ha twittato Gu.

Esatto: gli uomini di colore stanno buttando a terra le donne asiatiche perché i bianchi hanno negato loro opportunità economiche – o qualcosa del genere.

Presumibilmente, la stessa ragione vale per tutto il personale di colore dell’hotel, che si sono rifiutati di aiutare la vittima che è stata buttata a terra.

Presumibilmente, anche Brandon Elliot, che è stato rilasciato dal carcere nel 2019, ha scelto di pugnalare a morte sua madre per colpa dei bianchi.

Proprio come la sparatoria della scorsa settimana a Boulder, eseguita da un islamista del Medio Oriente, è tutta colpa dei bianchi!

Fonte

310321gu1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

The Root: “La razza bianca e’ una pandemia” – L’unico modo di fermarla e’ isolarla e ucciderla

La “razza bianca” è una “pandemia” e “l’unico modo per fermarla è individuarla, isolarla e ucciderla”, così ha detto Damon Young di The Root.

Young ha scritto questo articolo in risposta a un ragazzo bianco che avrebbe ucciso sei donne asiatiche e due uomini bianchi in delle spa ad Atlanta.

Da The Root, “Whitness is a pandemic”:

La razza bianca è una crisi riguardante la salute pubblica. Accorcia le aspettative di vita, inquina l’aria, sposta gli equilibri, devasta le foreste, scioglie le calotte polari, scatena (e finanzia) guerre, appiattisce i dialetti, infesta le coscienze e uccide le persone …

… Risale a 400 anni fa e ha tentacoli ovunque esista la supremazia bianca qui, in America, ovvero ovunque.

… La supremazia bianca è un virus che, come altri virus, non morirà finché non ci saranno più corpi da infettare. Il che significa che l’unico modo per fermarla è individuarla, isolarla e ucciderla.

Damon Young è il redattore capo di VSB, un opinionista per il New York Times e l’autore di What Doesn’t Kill You Makes You Blacker (Ecco / HarperCollins)

Non stai predicando il vero sermone della giustizia sociale se non stai predicando la necessità di sradicare la razza bianca!

Si tratta di un vera e propria chiamata alla pulizia etnica di massa

Se Young sostituisse “White” con “Black” o “Jewish” non solo perderebbe il lavoro, gli chiuderebbero il conto bancario / PayPal, verrebbe probabilmente inserito in una no-fly list e verrebbe tenuto sotto sorveglianza dell’FBI.

Visto che invece sono i bianchi l’obiettivo, probabilmente si guadagnera’ una promozione.

Fonte

c65dc7a5-cfb7-4625-a8cc-02d3e076da22

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €