Archivi Blog

La Disney ha aggiunto il “bollino razzista” per “Dumbo”, “Peter Pan” e “Fantasia”

Il gigante dell’intrattenimento Disney ha aggiunto ulteriori avvertimenti sui “contenuti razzisti” a molti dei suoi film classici, tra cui Peter Pan, Dumbo, Fantasia e Lilli e il vagabondo, sul suo servizio di streaming Disney Plus.

“Questo sistema include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture”, si legge negli avvertimenti, che appaiono sugli schermi del pubblico per dieci secondi dopo che i film sono stati selezionati per la visione, secondo Variety. “Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso. Piuttosto che rimuovere questo contenuto, vogliamo riconoscerne l’impatto dannoso, imparare da esso e stimolare la conversazione per creare insieme un futuro più inclusivo. Disney si impegna a creare storie con temi ispiratori e aspirazionali che riflettano la ricca diversità dell’esperienza umana in tutto il mondo “.

La nuova dicitura sostituisce i precedenti avvertimenti su film come Dumbo che dicevano semplicemente: “Questo programma è presentato come e` stato originariamente creato. Potrebbe contenere rappresentazioni culturali obsolete. “

Gli avvertimenti contengono anche un collegamento a Disney.com/StoriesMatter, con un breve video che spinge il concetto di “narrazione diversificata”, sostenendo solo che \scrittori, i personaggi e storie “multiculturali/diverse” sono degne di essere rappresentate.

Le ultime schermate di avviso fanno parte del continuo impegno dell’azienda per inserire note di avviso sui suoi contenuti passati. La Disney aveva già etichettato Dumbo, Il libro della giungla, Lilli e il vagabondo e altri come “offensivi”. Gli ultimi avvertimenti sono un’espansione della campagna per marginalizzare i propri lavori passati.

Anche altre reti televisive hanno schiaffato bollini di avvertimento sui film. Su HBO Max, la classica storia d’amore dell’era della Guerra Civile, Via col vento, è stata temporaneamente cancellata dopo che gli attivisti hanno attaccato il film. Il servizio in seguito ha ripristinato il film, inserendo pero` avvertimenti. E a giugno, il gigante della televisione via cavo Comcast ha aggiunto un avvertimento alle versioni Disney di Aladdin del 1992 e del 2019 sostenendo che i film presentavano “atteggiamenti obsoleti” che potrebbero “essere offensivi oggi”.

Fonte

disneypeterpandumbo1-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

La professoressa di “White Lives don’t matter” – “Resisto alla tentazione di gambizzare gli uomini bianchi”

Emergono altri tweet razzisti dall’account di Priyamvada Gopal mentre l’Università di Cambridge continua a sostenerla e a difenderla

Altri tweet razzisti della professoressa dell’Università di Cambridge Priyamvada Gopal sono stati scoperti, incluso uno in cui ha parlato della sua voglia di “gambizzare i bianchi”.

La settimana scorsa la Gopal ha causato polemiche quando ha twittato la frase “White Lives don’t matter”, portando alla creazione di una petizione che chiedeva che venisse licenziata. Tuttavia, l’Università di Cambridge ha risposto promuovendola facendole ottenere una cattedra, nonostante il fatto che il tweet sia stato censurato da Twitter per discorso d’odio.

La reazione dei media è stata quella di ritrarre la Gopal come vittima del bullismo. Quando tuttavia uno stirscione con la scritta “White Lives Matter” ha sorvolato uno stadio durante una partita di calcio a Manchester, la risposta e` stata di totale indignazione e condanna.

Sono stati ora scoperti tweet ancora più odiosi, tra cui una discussione in cui la Gopal afferma: “Resisto alla tentazione di gambizzare uomini bianchi ogni giorno. Quindi, no **IO ** sono l’eroe. ”

“@Cambridge_Uni può riconoscere che questo è completamente inaccettabile e indifendibile? Come dovrebbero sentirsi al sicuro i suoi studenti? ” ha chiesto Emma Webb.

“È razzista. Penso che dobbiamo fermare questa stupidata che le minoranze non possono essere razziste perché assolutamente possono esserlo. È razzista e se la cava perché non è bianca.” ha osservato Dominique Samuels.

Forse questi messaggi porteranno a un’altra petizione che richiedera` la rimozione della Gopal. La prima è stata eliminata da Change.org dopo aver ricevuto oltre 20.000 firme.

La Cambridge University è stata al fianco della Gopal nonostante avesse precedentemente licenziato Noah Carl dopo che 500 accademici avevano firmato una lettera che metteva in discussione la ricerca di Carl su razza e intelligenza.

L’istituzione ha anche annullato una conferenza di Jordan Peterson dopo che il solito gruppetto woke si era lamentato della sua posizione sulla correttezza politica e dopo essere apparso in una fotografia con un uomo che indossava una maglietta che diceva: “Sono un orgoglioso Islamofobo.”

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e`sempre piu` pesante aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Cambridge promuove la professoressa che ha detto “White Lives Don’t Matter”

L’istituzione premia Priyamvada Gopal per aver pubblicato su twitter discorsi di odio razzista

L’Università di Cambridge ha risposto al tweet di una delle sue dipendenti il quale recitava “White Lives Don’t Matter” ignorando le critiche e promuovendola.

Come abbiamo sottolineato ieri, la controversia è iniziata quando la dott.ssa Priyamvada Gopal, accademica inglese, ha twittato “aboliamo la razza bianca” e “lo dirò di nuovo. Le vite dei bianchi non contano. “

Ciò ha indotto il lancio di una petizione per farla licenziare che attualmente ha quasi 15.000 firme.

Tuttavia, sia l’università che i media hanno risposto cercando di inquadrare una narrazione secondo cui Gopal veniva “travolta dall’odio”, perdonandola completamente per i suoi commenti apertamente razzisti.

Nonostante il fatto che Twitter abbia rimosso il tweet originale di Gopal per violare la policy del discorso d’odio, la stessa Università di Cambridge ha premiato l’accademica.

“Grazie a tutti coloro che hanno scritto su @Twitter: il ridicolo divieto è stato revocato. Sono quindi felice di condividere con voi personalmente che ieri sera a Cambridge mi hanno promosso a pieno titolo di professoressa ”, ha twittato la Gopal. “Le mail e le minacce di odio arrivano senza sosta ma @CambridgeCops sta seguendo la vicenda”.

Ha anche affermato che le critiche provenivano da “persone che eleggono personaggi del calibro di Trump e (Boris) Johnson”.

L’Università di Cambridge ha quindi letteralmente premiato la Gopal per aver pubblicato discorsi di odio razzista.

Il loro approccio a un altro accademico, Noah Carl, e` stato in qualche modo diverso dopo che 500 accademici firmarono una lettera che metteva in discussione la ricerca di Carl su razza e intelligenza. Fu rapidamente licenziato.

L’Università di Cambridge aveva anche annullato una conferenza di Jordan Peterson dopo che il solito gruppetto di sinistra “woke” si era lamentato della sua posizione sulla correttezza politica e dopo essere apparso in una fotografia con un uomo che indossava una maglietta che diceva “Sono un orgoglioso islamofobo. ”

Avendo precedentemente goduto della reputazione di una delle istituzioni educative più prestigiose al mondo, l’Università di Cambridge si sta ora proclamando orgogliosamente uno spazio sicuro per vili razzisti – che insegneranno ai tuoi figli!

Fonte

La televisione pubblica australiana: Gli scacchi sono razzisti?

L’emittente pubblica australiana finanziata dai contribuenti, ABC, sta affrontando il ridicolo dopo aver annunciato che avrebbe ospitato un dibattito chiedendo se gli scacchi sono razzisti perché il giocatore con gli scacchi bianchi, tradizionalmente, muove per primo.

Un ex membro dell’Australian Chess Federation ha scoperto che il dibattito avrebbe avuto luogo quando gli è stato chiesto, da un produttore radiofonico, di partecipare.

“L’ABC ritiene che gli scacchi siano RAZZISTI, perche` la squadra con gli scacchi bianchi muove per prima!” ha twittato John Adams, aggiungendo: “Fidatevi dell’emittente nazionale finanziata dai contribuenti per applicare quadri ideologici marxisti a qualsiasi cosa in Australia!”

Gli australiani furiosi si sono rivolti a Twitter per esprimere indignazione per il fatto che la ABC stava sprecando tempo e denaro per una domanda così irrilevante.

“La gente vuole che l’emittente nazionale si concentri su questioni più grandi”, ha affermato uno. “Le persone stanno lottando con l’economia, con la loro salute, con il lockdown. Non vogliono sprecare i loro soldi in cazzate.”

Tuttavia, l’esperto di scacchi australiano Kevin Bonham ha dichiarato che avrebbe preso parte al dibattito, che si e` svolto ieri.

https://twitter.com/TheTodayShow/status/1275584428287418368?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1275584428287418368%7Ctwgr%5E&ref_url=https%3A%2F%2Fsummit.news%2F2020%2F06%2F24%2Faustralias-public-broadcast-asks-is-chess-racist%2F

Si scopre che gli scacchi bianchi non hanno assolutamente nulla a che fare con il “razzismo” e 5 minuti di ricerche affrettate lo avrebbero confermato.

I pezzi erano tinti di bianco o nero perché erano i colori più disponibili al momento dell’invenzione del gioco nel nord-ovest dell’India.

La regola che il bianco muove per primo faceva parte di uno sforzo per standardizzare gli scacchi a scopi di competizione internazionale nel 19 ° secolo e non ha letteralmente nulla a che fare con la razza.

Ma viviamo nel 2020, e tutto è potenzialmente razzista.

Fonte


 

Neovitruvian

La censura dei social media e` insostenibile, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00


 

Chaz/Chop: Create aree di segregazione per le persone di colore

Un video nella zona di “Protesta organizzata” a Seattle mostra dei bianchi che impongono un’area segregata di un parco riservata solo ai neri.

Perché apparentemente, la segregazione è ora di moda tra i progressisti.

La clip mostra un uomo che chiede a una donna bianca a che ora termina il “Black Out”.

“Il fatto è che sono metà italiano e metà colombiano, posso quindi avere un pass per entrare?” lui chiede.

“Bene, questo spazio è riservato alle sole persone di colore”, risponde.

La ragazza continua: “Se sei di colore, se hai sperimentato l’oppressione perché sei nero, allora puoi entrare in questo spazio”.

“I bianchi che impongono uno spazio solo per le persone di colore – lol “anti-razzista “. Queste persone stanno cercando di riportarci agli anni ’50 ”, ha commentato Tim Pool.

“La segregazione è tornata in voga. CHAZ / CHOP stabilisce spazi “solo neri”. È come essere tornati all’epoca di Jim Crow solo che e` woke e le multinazionali ti tirano dietro miliardi di dollari “, ha osservato Ian Miles Cheong.

Nel frattempo, a CHOP è stata segnalata una seconda sparatoria nell’arco di 48 ore.

“Una persona con una ferita da arma da fuoco è arrivata all’Harborview Medical Center in un veicolo privato, secondo la portavoce dell’ospedale Susan Gregg. La persona era in gravi condizioni “, riferisce il Seattle Times.

“La polizia di Seattle ha confermato che una persona è rimasta ferita in una sparatoria. Hanno anche detto di aver sentito notizie di un’ulteriore sparatoria domenica sera, ma stavano ricevendo informazioni contrastanti e non sono stati in grado di verificarlo.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutatemi a sopravvivere con una donazione

€2,00

Le nazioni unite supportano l’organizzazione terroristica Antifa

Un tweet delle nazioni unite che si oppone alla decisione delle autorità statunitensi di descrivere Antifa come un gruppo terroristico domestico ha suscitato molte critiche contro l’ente internazionale e sospetti che lo stesso stia proteggendo il gruppo.


“Esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite esprimono profonda preoccupazione per una recente dichiarazione del procuratore generale degli Stati Uniti che descrive [Antifa] e altri attivisti antifascisti come terroristi domestici, affermando che mina i diritti alla libertà di espressione e di riunione pacifica nel paese”, l’ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra, sede del Consiglio per i diritti umani, ha twittato venerdì, accompagnato da una foto del logo Antifa.

Non sono state fornite ulteriori informazioni su chi potrebbero essere questi esperti o se questa fosse la posizione ufficiale del Consiglio dei diritti umani, un organo che gli Stati Uniti hanno abbandonato nel giugno 2018, citando le sue critiche a Israele.

Il tweet insolito ha rapidamente suscitato polemiche sull’apparente appoggio delle Nazioni Unite ad Antifa, i cui attivisti mascherati si sono scontrati ripetutamente con conservatori e polizia nelle strade degli Stati Uniti negli ultimi anni, anche durante le recenti proteste e rivolte.

“Le Nazioni Unite stanno coprendo un gruppo estremista internazionale che ha condotto violenti attacchi insurrezionalisti in tutto il Nord America e in Europa”, ha twittato il giornalista Jack Posobiec dell’OAN.

Il giornalista Drew Holden ha tirato in ballo le lodi fatte dall’ufficio di Ginevra alla Cina, aggiungendo che, piuttosto che sfidare la polizia, gli Stati Uniti dovrebbero “smette di finanziare le Nazioni Unite”.

Altri non si sono preoccupati delle parole, condividendo invece un meme di un enorme ammasso di letame per mostrare ciò che pensavano dell’opinione dell’ONU.

“Come osate usare le Nazioni Unite per promuovere un’organizzazione così malvagia”, ha detto un gruppo britannico che denunciava la “propaganda della BBC”, osservando che Antifa è “malvagia come il fascismo tedesco del 1930”.

Il tweet delle Nazioni Unite è arrivato dopo che la Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto un rapporto sul “razzismo sistemico” e gli abusi della polizia contro le persone di origine africana, in una risoluzione che non ha osato menzionare gli Stati Uniti per nome.

Questo scontento attivista presso l’American Civil Liberties Union, che ha dichiarato che le Nazioni Unite “hanno bisogno di fare il loro lavoro – non essere vittime del bullismo – e ritenere gli Stati Uniti responsabili”.

“Il paese deve affrontare un controllo globale indipendente per la sua oppressione sui neri”, ha dichiarato Jamil Dakwar, direttore del Programma per i diritti umani dell’ACLU.

Nel frattempo, il Parlamento dell’Unione Europea ha adottato una risoluzione di “Black Lives Matter” che chiede agli Stati Uniti di “prendere provvedimenti decisivi per affrontare il razzismo strutturale e le disuguaglianze nel paese, che si riflette nella brutalità della polizia”.

Fonte

 

Hbo cancella “Via col vento” eliminado anche la prima donna di colore a vincere un Oscar

HBO ha ceduto alle richieste della mafia “woke” e ha rimosso “Via col vento” dalla sua piattaforma, cancellando nel frattempo la prima vincitrice dell’Oscar Hattie McDaniel.

Un’altra enorme vittoria per gli “antirazzisti”.

“HBO Max ha affermato che il film del 1939 era “un prodotto del suo tempo” e che descriveva “pregiudizi etnici e razziali” che “erano sbagliati allora e sono sbagliati oggi “, riferisce BBC News.

La controversia ruota attorno a una rappresentazione di personaggi schiavi che si accontentano di stare con i loro proprietari dopo che la schiavitù è stata abolita (qualcosa che è accaduto e non è storicamente inaccurato).

La rimozione del film assume un ulteriore livello di risonanza quando si considera che, eliminando il film, HBO ha anche cancellato dalla storia la prima donna nera vincitrice di un Oscar.

“Queste persone sono pazze in modo certificabile. La prima donna nera a vincere un Oscar è stata Hattie McDaniel con Via col Vento. Ora il suo lavoro è rimosso in nome dell’essere anti-razzista? ” ha twittato Robby Starbuck.

HBO Max ha detto che era “irresponsabile” trasmettere Via col vento senza “una spiegazione e una denuncia” delle sue “rappresentazioni razziste” e che il film sarebbe probabilmente tornato sulla piattaforma in un secondo momento con una “discussione sul suo contesto storico ”.

Audible non ha ancora commentato se inizierà a “bruciare libri” a livello digitale rimuovendo titoli “controversi”, ma non stupitevi se presto non vedrete piu` alcuni libri.

Fonte

 

Regno Unito: Gli ospedali potranno rifiutarsi di assistere pazienti “razzisti” o “omofobi”

Cosa potra` mai andare storto?

Ai pazienti ritenuti “razzisti” o “omofobi” verrà negata l’assistenza negli ospedali del Servizio Sanitario Nazionale britannico in base alle nuove regole che entreranno in vigore ad aprile.

“Attualmente, il personale può rifiutarsi di trattare i pazienti che sono verbalmente aggressivi o fisicamente violenti nei loro confronti”, riferisce Sky News. “Questo si estendera` a qualsiasi molestia, gesto di bullismo o discriminazione, comprese osservazioni omofobe, sessiste o razziste”.

Alla polizia verranno inoltre assegnati nuovi poteri per perseguire “crimini d’odio” commessi contro il personale del Servizio Sanitario Nazionale.

Quello che sara` ritenuto “razzista” o “omofobo” sara` a discrezione del soggetto: pensate ai molti pazienti anziani che non hanno familiarità con i moderni codici linguistici politicamente corretti.

Come sottolinea Jack Montgomery, “Alla fine del 2017 una paziente del Servizio Sanitario Nazionale che aveva richiesto un’infermiera femminile per eseguire un pap-test si è lamentata quando l’ospedale ha inviato una persona con “un aspetto evidentemente maschile … capelli corti, un aspetto facciale e una voce maschili, un gran numero di tatuaggi e impianti sul viso” che insisteva nel dire: “Il mio genere non è quello maschile. Sono un transessuale. ”

Anche il confine tra cure critiche e non critiche è in discussione. Il rifiuto di trattare un paziente perché ha detto qualcosa che qualcuno ritiene offensivo sara` causa di morti accidentali?

E` anche peggio del punteggio del credito sociale cinese, che non è ancora arrivato al punto di punire le persone sospendendo le cure mediche se commettono un errore.

È importante sottolineare che questi cambiamenti stanno avvenendo sotto un governo apparentemente “conservatore”.

Su twitter hanno preso in giro le nuove regole.

“Sarà divertente quando a un boomer verra` negato il suo doppio bypass perché ha chiamato qualcuno “persona di colore” su Facebook”, ha osservato uno.

Fonte

Donne liberali bianche sborsano 2.500$ per farsi dire quanto razziste sono

Donne bianche liberali in tutta America pagano $ 2.500 per partecipare a cene durante le quali vengono istruite da due donne di colore su quanto siano razziste.

Sì davvero.

The Guardian ha parlato di questo Race to Dinner, uno schema in cui i co-fondatori Regina Jackson, che è nera, e Saira Rao, che si “identifica” come nativa americana, riempiono di sensi di colpa ricche donne bianche.

“Di recente, ho fatto un giro in macchina, ho visto una persona di colore e ho pensato subito che stesse per fare qualcosa di male”, ha detto Alison Gubser. “Subito dopo mi sono detta: questo non va affatto bene! Si tratta di un essere umano, sta solo facendo le sue cose. Perché lo ho pensato? ”

Forse ha letto troppe statistiche sulla criminalità dell’FBI.

Ai partecipanti è stato anche chiesto: “Di una cosa razzista che hai fatto di recente”

Jess Campbell-Swanson ha lottato per prostrarsi adeguatamente, balbettando, “Voglio assumere persone di colore. Non perché voglio essere … una salvatrice bianca. Ho esplorato il mio bisogno di convalida … ci sto lavorando … Sì. Um … sto lottando “, prima di arrendermi.

Successivamente si è impegnata a scrivere un diario per annotare “pensieri che potrebbero essere considerati razzisti”.

Un’altra donna, Morgan Richards, ha ammesso di essere ancora potenzialmente razzista nonostante avesse adottato due bambini neri. Quando qualcuno l’ha etichettata come una “salvatrice bianca” la Richards rispondeva: “Sono una madre, non mi importa che i miei bambini siano neri”.

“Quindi, ammetti che ti sei sentita inferiore adottando un bambino di colore?” ha risposto Rao, a cui la Richards ha risposto accettando che il sottotono della sua affermazione fosse “razzista”.

Gli organizzatori affermano che gli eventi si stanno dimostrando estremamente popolari e che finora si sono tenute 15 cene (costo totale $ 37.500).

“Capisco che i sondaggi mostrano che le donne bianche liberali sono l’unico gruppo razziale del pianeta che vede negativamente il proprio gruppo all’interno del gruppo, ma perdere $ 2.500 a cena solo per crogiolarsi nell’etnomasochismo sembra un po ‘troppo”, ha commentato Chris Menahan.

Un utente su Twitter ha commentato: “Signore, potete invitarmi a casa vostra, pagarmi 2500 dollari americani, farmi mangiare tutto il cibo e insultarvi”.

Questo mondo di pagliacci colpisce ancora.

Fonte

Un cartellone pubblicitario a Londra incoraggia i bianchi a sterilizzarsi

A Londra è apparso un cartellone pubblicitario che incoraggia i bianchi a sterilizzarsi per risolvere il problema della sovrappopolazione.

L’insegna, che è stata affissa ad Holloway Road, dice “Immagina una città meno affollata … fai la tua parte – fatti sterilizzare! Sìì!”

Spotted in London (Holloway Road)…

Funny, this sign doesn’t meet the usual ‘diversity’ requirements of all the others around London. pic.twitter.com/dHmH6E6hgJ

— Charlie (@CharlieIDM) October 24, 2019

La pubblicità tradisce una notevole mancanza di “diversità” in quanto presenta solo caricature di bianchi e nessuna persona di colore.

Un altro utente di Twitter ha risposto all’immagine notando che un cartellone simile era stato eretto nel suo paese d’origine in Portogallo.

Looks like my family will have to pay that one a visit as well… Surely somebody closer by can do it though… pic.twitter.com/ODoA4IY1i5

— Filipe d’Avillez (@Favillez) October 24, 2019

Nel 2017, i londinesi sono stati colpiti da un messaggio diverso dopo che qualcuno ha dipinto “SEX WITH REFUGEES IS JASMINE-SCENTED AND BEAUTIFUL” sul lato di un edificio.

Yes, someone actually painted “SEX WITH REFUGEES IS JASMINE-SCENTED AND BEAUTIFUL” on the side of a building… https://t.co/GMygkwloBY

— VICE UK (@VICEUK) December 18, 2017

La promozione della sterilizzazione sembra avere un impatto in alcuni paesi occidentali in cui i tassi di natalità sono già in calo.

Il numero di uomini svedesi in cerca di vasectomie volontarie è aumentato del 70%, passando da 1.430 uomini nel 2013 a 2.470 nel 2017. In città come Stoccolma, il numero di uomini che si sterilizzano è raddoppiato negli ultimi cinque anni.

Ciò ha contribuito al fatto che gli svedesi hanno un tasso di natalità di 1,78, ben al di sotto del tasso di sostituzione di 2,2 figli per donna. Questo si compara a poco più di 2 bambini per le donne di origine migrante.

Fonte