Archivi Blog

La narrativa va in frantumi: Circa meta’ delle ospedalizzazioni per Covid di quest’anno erano di casi con sintomi leggeri o asintomatici

Un nuovissimo studio mette in discussione quanto sia affidabile e significativo il numero di “pazienti ricoverati in ospedale con Covid-19” negli Stati Uniti.

I ricoveri per Covid – la metrica più utilizzata quando si discute della gravità della pandemia – potrebbero non essere così significativi come molti pensavano una volta. E non sono io a dirlo: Il The Atlantic ha pubblicato un pezzo straordinario martedì citando un nuovo studio il quale suggerisce che “quasi la metà di quelli ricoverati in ospedale con COVID-19 ha casi lievi o asintomatici”.

Il The Atlantic aveva precedentemente definito i ricoveri per Covid “il dato pandemico più affidabile”, lo scorso inverno. Ora, dopo che è stato pubblicato uno studio nazionale sulle ospedalizzazioni, la pubblicazione sta facendo marcia indietro.

I ricercatori della Harvard Medical School, del Tufts Medical Center e del Veterans Affairs Healthcare System si sono assunti il ​​compito di cercare di capire quanto fossero gravi i casi di Covid nei ricoverati e quante persone conteggiate come ricoveri Covid fossero effettivamente in ospedale per Covid, rispetto a coloro che hanno fatto il test Covid dopo essere stati ricoverati per qualcos’altro.

Lo studio “ha analizzato i registri elettronici di quasi 50.000 ricoveri ospedalieri COVID negli oltre 100 ospedali VA in tutto il paese”, ha scritto The Atlantic. Ha “verificato se ogni paziente necessitava di ossigeno supplementare o aveva un livello di ossigeno nel sangue inferiore al 94 percento” al fine di provare a determinare se i casi soddisfacevano la soglia del NIH per definire i casi come gravi.

Lo studio ha rilevato che da marzo 2020 a gennaio 2021, il 36% dei casi di Covid in ospedale era lieve o asintomatico. Da gennaio 2021 a giugno 2021, quando la variante delta si e’ diffusa, quel numero è salito fino al 48%. Per i pazienti ospedalieri vaccinati, il numero è salito a un sorprendente 57%.

Come ha affermato The Atlantic: “Lo studio suggerisce che circa la metà di tutti i pazienti ricoverati per Covid potrebbe essere stata ricoverata per un altro motivo o avere solo sintomi lievi”.

I limiti dello studio includevano ovviamente il fatto che il VA non è rappresentativo della popolazione totale degli Stati Uniti:

Tra i limiti dello studio c’è che i pazienti nel sistema VA non sono rappresentativi della popolazione statunitense nel suo insieme, poiché includono poche donne e nessun bambino. (Tuttavia, le nuove scoperte fanno eco a quelle dei due studi sui ricoveri pediatrici.) Inoltre, come molti centri medici, il VA ha una politica per testare ogni degente per COVID, ma questa non è una pratica universale. Infine, la maggior parte dei dati, anche dei pazienti ricoverati nel 2021, derivano dalla fase della pandemia prima che la Delta si diffondesse, ed è possibile che i rapporti siano cambiati negli ultimi mesi. Tuttavia, lo studio è durato fino al 30 giugno, quando l’ondata delta stava per terminare, e non ha rilevato che la percentuale di pazienti con problemi respiratori da moderati a gravi fosse in aumento alla fine del periodo di osservazione.

Graham Snyder, direttore medico della prevenzione delle infezioni e dell’epidemiologia ospedaliera presso l’Università di Pittsburgh Medical Center, afferma che lo studio seppellisce la narrativa sull’efficacia del vaccino: “Non è stato riportato quanto il vaccino ti renda la vita migliore e quanto in meno rischi di ammalarti. Questa è la gemma in questo studio”.

Daniel Griffin, specialista in malattie infettive della Columbia University, è d’accordo: “La gente mi chiede: ‘Perché mi vaccinano se finisco comunque in ospedale?”

“Dovremmo perfezionare la definizione di ricovero”, ha affermato Shira Doron, medico di malattie infettive ed epidemiologo ospedaliero presso il Tufts Medical Center e coautore dello studio. “Quei pazienti che non sono li per COVID dovrebbero essere eliminati dal conteggio”.

Cosa conclude lo studio nel suo insieme? Ancora, nelle parole di The Atlantic: “… lo studio dimostra anche che i tassi di ospedalizzazione per COVID, come citati da giornalisti e responsabili politici, possono essere fuorvianti, se non considerati con attenzione”.

Fonte

covid_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il primo ministro israeliano Bennett valuta se implementare una terza dose di vaccino mentre i casi raggiungono quota 2000

PIU’ DELLA META’ DEI CASI E DUE TERZI DEI PAZIENTI IN GRAVI CONDIZIONI ERANO COMPLETAMENTE VACCINATI RIFERISCE IL MINISTERO DELLA SALUTE

Le autorità stanno lavorando a pieno ritmo per decidere se gli anziani debbano ricevere una terza dose di vaccino contro il coronavirus, ha detto martedì il primo ministro Naftali Bennett.

Martedì ci sono stati 2.100 nuovi casi di COVID-19 e 145 pazienti in gravi condizioni, ha riferito il ministero della Salute.
“Ci stiamo occupando, credetemi, da un mese ormai”, ha detto Bennett mentre visitava la struttura di residenza assistita Migdal Nofim a Gerusalemme, secondo quanto riportato dai media ebraici. “Ci sono cose che richiedono tempo. Siamo molto vicini. Meno ne parliamo, maggiori sono le possibilità che accada”.

Le case di cura e le strutture di residenza assistita hanno pagato un prezzo pesante durante la pandemia. La prima vittima di COVID-19 in Israele, Aryeh Even, 88 anni, sopravvissuta all’Olocausto, viveva a Migdal Nofim.
Bennett ha visitato la struttura con il ministro per l’uguaglianza sociale e i pensionati Meirav Cohen (Yesh Atid).
Più della metà dei casi attuali e due terzi dei pazienti in gravi condizioni sono stati completamente vaccinati, ha riferito il ministero della Salute.

L’aumento della morbilità grave è stato relativamente limitato rispetto alla morbilità generale. All’inizio di giugno, su meno di 200 casi attivi, circa 20 pazienti erano in gravi condizioni. Oggi, con oltre 13.000 casi attivi, 145 pazienti sono in gravi condizioni.
Funzionari sanitari ed esperti temono che la protezione concessa ai settori più vulnerabili della popolazione che sono stati vaccinati per primi sia diminuita. La maggior parte delle persone vaccinate in gravi condizioni oggi sono anziane.
Israele sta discutendo sul fatto di dare agli anziani il richiamo Pfizer, ha detto lunedì il ministro della Sanità Nitzan Horowitz (Meretz) mentre visitava il reparto coronavirus al Rabin Medical Center-Beilinson Campus a Petah Tikva.

La maggior parte degli esperti che consigliano il Ministero della Salute sostiene la mossa in linea di principio, anche se il dibattito è stato molto acceso, dal momento che la terza dose non ha ottenuto l’autorizzazione della Food and Drug Administration o di altre importanti autorità sanitarie, hanno riferito i media ebraici .
Si dice che Israele stia lavorando con Pfizer per anticipare le prossime spedizioni di vaccini.

Lunedì sono stati registrati circa 2.112 nuovi casi, con circa 95.000 test elaborati in 24 ore, i numeri più alti da marzo, secondo quanto riferito dal ministero della Salute.
Il tasso positivo si è attestato al 2,3%, in aumento rispetto ai giorni precedenti. Domenica sono stati registrati circa 1.400 casi su circa 72.000 test.
Martedì i pazienti in gravi condizioni erano 145, in aumento rispetto ai 124 di lunedì e ai 97 di domenica, più del doppio rispetto a martedì scorso.

Il tasso di riproduzione, o R, che misura il numero di persone infette in media da ciascun portatore di virus, ha continuato a essere superiore a 1, indicando che l’epidemia è ancora in espansione (un R inferiore a 1 indicherebbe che la malattia sta regredendo). Martedì era l’1,33.
Delle persone che sono risultate positive nelle ultime 24 ore, circa 203 sono arrivate all’aeroporto Ben-Gurion negli ultimi 10 giorni.
“Vediamo un tasso di infezione molto elevato a causa della variante Delta”, ha detto Horowitz. “

Se non verranno prese nuove misure, il numero di pazienti in gravi condizioni potrebbe raggiungere da 200 a 400 entro metà agosto, secondo un rapporto di martedì dell’Università Ebraica di Gerusalemme e dell’Hadassah-University Medical Center.
L’efficacia del vaccino è significativamente inferiore a quella che il Paese ha sperimentato a marzo, fino a circa l’80% contro i sintomi gravi e il 90% contro la mortalità, rispetto a oltre il 97% in entrambe le categorie nei mesi precedenti, afferma il rapporto.

Fonte

CORONAVIRUS

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €