Archivi Blog

Twitter ha eliminato decine di profili perche` “indebolivano la fiducia nella NATO”

Twitter ha annunciato di aver recentemente sospeso dozzine di account perche` avevano indebolito la fiducia nella NATO. Secondo Reuters, ha fatto parte di una più ampia purga di quasi 400 account Twitter che avrebbero avuto “legami con Russia, Armenia e Iran” attori statali che si è scoperto hanno “violato le sue politiche di manipolazione della piattaforma”.

Inoltre, secondo Reuters, Twitter ha affermato che “100 account con legami russi sono stati rimossi per aver amplificato narrazioni che indebolivano la fiducia nella NATO e prendevano di mira gli Stati Uniti e l’Unione europea”.

Esatto, tra i numerosi esempi di recenti esagerazioni di Twitter e gli sfacciati tentativi della Silicon Valley di reprimere discorsi ritenuti politicamente scomodi, questo è probabilmente il più bizzarro e sfacciato – si e` ritenuto che gli account incriminati non sostenessero la “fiducia” nell’alleanza militare della NATO. (Ci siamo persi il “giuramento” che avrebbe dovuto essere fatto al momento della creazione di un account? …)

Alcuni account sembrano essere stati sospesi nei mesi precedenti, con Twitter che ora ha rivelato i risultati delle indagini più complete e le motivazioni per agire contro gli account.

Ecco la dichiarazione ufficiale di Twitter secondo il suo contesto completo:

“Oggi stiamo rivelando due reti separate che hanno legami russi. La nostra prima indagine ha trovato e rimosso una rete di 69 account falsi che possono essere collegati in modo affidabile ad attori statali russi. Alcuni di questi account hanno amplificato narrazioni allineate con il governo russo. , mentre un altro sottoinsieme della rete si è concentrato sull’indebolimento della fiducia nell’alleanza NATO e nella sua stabilità. Come parte della nostra seconda indagine in questa regione, abbiamo rimosso 31 account da due reti che mostrano segni di affiliazione con l’Internet Research Agency (IRA) e attori russi legati al governo. Questi resoconti hanno amplificato le narrazioni che erano state precedentemente associate all’IRA e ad altri sforzi di influenza russa rivolti agli Stati Uniti e all’Unione Europea “.

Nel rapporto di follow-up della RT russa che descrive dettagliatamente alcuni dei principali account interessati dal divieto, è stato poi rivelato che “Uno degli account presi di mira apparteneva al Valdai Discussion Club. Un importante think tank russo, che ospita un evento annuale a Sochi , che ha attratto dignitari come l’ex leader afghano Hamid Karzai, l’ex presidente finlandese Tarja Halonen, l’ex presidente sudafricano Thabo Mbeki, l’ex primo ministro italiano Romano Prodi e l’uomo più ricco della Cina, Jack Ma “.

Valdai, tuttavia, gestisce piu` account, e questa non è la prima volta che viene preso di mira da un’epurazione Twitter.

“Inoltre, secondo Twitter, 31 account sono stati cancellati per essere stati presumibilmente associati all’Internet Research Agency, che alcuni in Occidente sostengono essere una fabbrica di hacker collegata allo stato, e ad altre strutture governative russe. La società ha aggiunto che alcuni di questi erano impegnati in critiche nei confronti dell’UE “, ha scritto ulteriormente RT.

L’ultima “epurazione” di Twitter ha attirato l’attenzione del governo russo, con la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova che martedì ha detto che il Cremlino avvierà la propria indagine. La Russia ha recentemente approvato una legislazione che apre le società di social media statunitensi a multe, sanzioni o persino alla possibilità di essere bloccate all’interno della Russia se si scopre che si sono impegnate in attacchi ingiusti contro utenti o entità russi (sebbene rimanga in gran parte simbolica dato che è improbabile che Il Cremlino bandirebbe definitivamente queste app che rimangono estremamente popolari tra la popolazione russa).

Ha fatto riferimento agli ultimi eventi che circondano Navalny per evidenziare l’ipocrisia di Twitter e la misura punitiva eccessivamente ampia: “Milioni di utenti possono rientrare in [questo termine]. Anche Navalny e i suoi associati – influenzano certamente gli Stati Uniti e l’UE”, ha detto. “Valuteremo i motivi del blocco e daremo una risposta esperta”, ha aggiunto Zakharova.

Fonte


natotwitter-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Qanon e le straordinarie somiglianze con la psy-op bolscevica “Operation Trust” del 1920

L ‘”operazione Trust” è stata un’operazione di controspionaggio bolscevica condotta dal 1921 al 1926 volta a neutralizzare l’opposizione creando la falsa impressione che un potente gruppo di leader militari si fosse organizzato per fermare la presa di potere dei comunisti.

Ecco un estratto sull’operazione “Trust” dalle pagine 13-14 del libro del disertore sovietico Anatoliy Golitsyn, “New Lies for Old“:

Le somiglianze con la psy-op “Trust The Plan ™” di Q-Anon sono notevoli

Dall’articolo di Wikipedia su Operation Trust:

L’operazione Trust era un’operazione di controspionaggio della Direzione politica statale (GPU) dell’Unione Sovietica. L’operazione, che è stata organizzata dal predecessore della GPU, Cheka, si è svolta dal 1921 al 1926, ha istituito una falsa organizzazione di resistenza anti-bolscevica, “Unione monarchica della Russia centrale”, al fine di aiutare l’OGPU a identificare i veri monarchici e anti- Bolscevichi.

La società di copertura creata si chiamava Associazione di credito municipale di Mosca. […] L’unico storico occidentale che aveva accesso limitato ai file del Trust, John Costello, riferì che comprendevano trentasette volumi ed erano un tale sconcertante tumulto di doppi agenti, nomi in codice e operazioni di inganno intrecciate con “la complessità di una partitura sinfonica ”, tanti che gli storici russi dei Servizi segreti hanno avuto difficoltà a separare i fatti dalla fantasia. Sembra l’assurdità in stile Confucio diffusa da Q-Anon.

Il generale Flynn è il nostro generale Brusliv?

Q-Anon ha fatto sì che i sostenitori di Trump che avevano ragione ad essere arrabbiati per la natura criminale della nostra classe dirigente si illudessero con fantasie che i “white hat” nell’esercito ci avrebbero salvato mentre il procuratore generale William Barr era impegnato a coprire le magagne di Jeffrey Epstein e l’amministrazione Kushner era impegnata a perdonare i truffatori che hanno donato all’Aleph Institute e a liberare il traditore Jonathan Pollard dalla libertà condizionata.

Allo stesso modo in cui l’opposizione è stata denunciata e arrestata dall’Operation Trust, potenzialmente dozzine di Q-Anoner sono stati denunciati e arrestati a seguito della marcia in Campidoglio.

Molti dei neoconservatori nel nostro governo sono dei trotskisti, quindi non è escluso che abbiano cercato di utilizzare due volte lo stesso trucco. Questa operazione Q-Anon ha avuto qualche contraccolpo – Ashli Babbitt, veterana dell’Air Force e seguace di Qanon, è stata orribilmente giustiziata a sangue freddo da un ufficiale di polizia del Campidoglio e trasformata in un martire – tuttavia moltissimi sostenitori del movimento e supporter di Trump sono stati mandati in prigione ed etichettati come terroristi domestici.

L’amministrazione Biden sta ora minacciando di utilizzare gli eventi del 6 gennaio per giustificare il PATRIOT Act 2.0 che mira a criminalizzare tutto il dissenso come terrorismo interno.

La loro rivoluzione neobolscevica è quasi completa.

Non richiede “leaks di notizie anonime” da “ufficiali segreti dell’intelligence militare” per essere testimoni dell’atteggiamento criminale dei nostri governi!

Fonte

what-is-qanon-heres-what-you-need-to-know-about-t-2-26642-1535140156-4_dblbig

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Rudy Giuliani consegna le foto di ragazzine minorenni trovate nel computer di Hunter Biden alla polizia di Delware

La vicenda del laptop di Biden ha preso una svolta molto oscura.

Mentre crack, clientelismo, corruzione sono stati sufficiente per innescare la più grande repressione dei media nella storia, e nessuna smentita di sorta da parte di Biden, Rudy Giuliani, se cio che dice e ` vero, ha sferrato un colpo micidiale ai Biden (non solo per loro ma anche per le forze dell’ordine che avrebbero avuto questa informazione da prima dell’impeachment di Trump ma non hanno fatto nulla al riguardo).

In un’intervista questa sera con Newsmax TV, l’ex sindaco di New York e attuale avvocato del presidente Donald Trump, Rudy Giuliani annuncia di aver consegnato il disco rigido del laptop di Hunter Biden alla polizia di stato del Delaware a causa di foto di ragazze minorenni e messaggi di testo inappropriati.

Guarda l’intervista completa di seguito (la parte importante inizia intorno a 5:20):

Inoltre, John Solomon di JustTheNews riporta che l’ex commissario del dipartimento di polizia di New York Bernard Kerik si è unito a lui quando ha consegnato fotografie e messaggi di testo al dipartimento di polizia della contea di New Castle.

“Ho detto loro altri dettagli su quella che sembra essere una relazione sessuale inappropriata”, ha detto in un’intervista. “Mi hanno detto che sarebbe stato indagato”.

Funzionari delle forze dell’ordine in Delaware hanno detto a Just the News che le preoccupazioni di Giuliani sono state inoltrate al Dipartimento di giustizia dello stato.

“L’FBI ha questo materiale da molto tempo”, ha detto Giuliani.

“Nessuna indicazione che abbiano fatto qualcosa al riguardo, quindi sono andato dalla polizia locale e ho detto: ‘Cosa avete intenzione di fare al riguardo?'”

Forse la dichiarazione più schiacciante di Giuliani, riguardo alle elezioni, è stata quella in cui l’ex sindaco ha sostenuto che:

“Ti dirò che le prove che ho fornito loro affermano che è stato riferito a Joe Biden. Cosa ha fatto al riguardo?”

Prima che questo sia completamente respinto come ulteriore disinformazione russa o menzogne ​​“ Giuliani ”, ricordiamo ai lettori che in precedenza avevamo riferito che i presunti contenuti del laptop di Hunter Biden includevano una curiosa prova: una fotografia di una citazione dell’FBI che porta la firma del top dell’agenzia investigatore di pornografia infantile, l’agente speciale Joshua Wilson.

L’identità dell’agente dell’FBI Wilson è stata confermata sia dal Western Journal che da Business Insider, quest’ultimo ha confrontato la sua firma con una denuncia penale del 2012 e ha concluso che “corrisponde chiaramente alla firma sulla citazione pubblicata dal New York Post”.

Come osserva BI:

Non è chiaro se l’FBI impieghi più di un agente di nome Joshua Wilson. Ma le prove disponibili sembrano mostrare che ** il Joshua Wilson che ha firmato la citazione per il portatile di Hunter Biden, e il Joshua Wilson che indaga sulla pornografia infantile per l’FBI, sono la stessa persona **. Ciò solleva la possibilità, non esplorata dal Post, che l’FBI abbia emesso il mandato di comparizione per motivi estranei al ruolo di Hunter Biden in Ucraina e Burisma.

Allora perché il miglior avvocato della pornografia infantile dell’FBI è coinvolto nel caso del laptop Hunter Biden? Chanel Rion di OANN dice di aver visto il contenuto del disco rigido, che include “Droghe, foto di minorenni, accordi di potere”, che fanno “sembrare normale la dipendenza da selfie di Anthony Weiner”.

Tutto ciò ora ha un senso, date le presunte scoperte di Giuliani, e solleva una domanda sbalorditiva: se c’è / era incriminante la pornografia infantile sul computer di Hunter, cosa ha fatto l’FBI al riguardo?

Fonte

2020-10-20_17-53-08

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Commissione del Senato: Hunter Biden ha pagato donne legate alla prostituzione o al traffico di esseri umani

Un nuovo rapporto del Comitato del Senato afferma che Hunter Biden ha pagato donne legate alla “prostituzione dell’Europa orientale o [un] giro di traffico di esseri umani”.

Il rapporto, pubblicato mercoledì dalla Commissione del Senato per la sicurezza interna e gli affari governativi e dalla Commissione per le finanze del Senato, afferma che Biden ha effettuato una serie di transazioni finanziarie discutibili, esponendo lui e la sua famiglia all’estorsione e controspionaggio.

Il rapporto dei comitati conferma in una nota a piè pagina che Biden “ha inviato migliaia di dollari” a persone coinvolte in una “possibile tratta di esseri umani”, associate all’industria dell’intrattenimento per adulti o associate alla prostituzione.

Dal report:

I registri indicano che è un fatto documentato che Hunter Biden ha inviato fondi a donne straniere non residenti negli Stati Uniti che sono cittadine di Russia e Ucraina e che hanno successivamente trasferito i fondi ricevuti da Hunter Biden a persone situate in Russia e Ucraina. I registri indicano anche che alcune di queste transazioni sono collegate a quella che “sembra essere una attivita` di prostituzione nell’Europa orientale o ad un’operazione di traffico di esseri umani”.

Sebbene i comitati esprimano preoccupazioni sui pagamenti di Biden, non descrivono in dettaglio le persone coinvolte con il figlio dell’ex vicepresidente Joe Biden.

“I comitati continueranno ad analizzare i documenti in loro possesso”, osserva il rapporto.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Un ex membro del KGB spiega le 4 fasi della sovversione ideologica….ovvero quello che sta accadendo ai giorni nostri

In questo video del 1984, l’ex agente del KGB Yuri Bezmenov descrive come l’URSS si sia infiltrata nelle nazioni attraverso le quattro fasi della sovversione ideologica. Lo stesso processo sta accadendo proprio ora.

Yuri Bezmenov era il figlio di un alto funzionario sovietico e un membro dell’agenzia di stampa Novasti – il braccio di propaganda d’élite del KGB. Uno dei suoi compiti era quello di accompagnare i giornalisti in visita nell’Unione Sovietica per assicurarsi che non scoprissero la verità sulla vita sovietica. Dopo essere rimasto deluso dal sistema, ha disertato e si è trasferito in America.

In questa intervista condotta da G. Edward Griffin, Bezmenov spiega i passi usati dall’URSS per raggiungere la “sovversione ideologica”, un processo a lungo termine per cambiare la percezione della realtà della massa in misura tale che, nonostante l’abbondanza di informazioni, nessuno è in grado di giungere a conclusioni sensate nell’interesse di difendere se stessi, le loro famiglie, la loro comunità e il loro paese.

Oggi, l’élite globalista sta usando una versione più sofisticata del processo descritto da Bezmenov. Tuttavia, i principi di base rimangono identici. Ecco il video.

Se si osserva il drastico e radicale cambiamento del discorso pubblico negli Stati Uniti e in tutto il mondo occidentale negli ultimi 20 anni, si può facilmente rendersi conto che sta avvenendo una forma sofisticata di guerra psicologica.

Demoralizzazione: succede da almeno due decenni ed è a pieno regime negli ultimi dieci anni. Questo sito documenta questa fase dal 2008. L’agenda dell’élite viene trascinata nelle menti dei giovani attraverso l’intrattenimento, l’educazione, le “notizie” e i social media su base giornaliera. Il giovane viene demoralizzato in tutti i modi possibili, dall’essere confuso sul proprio genere fino a portarlo a rivoltarsi contro il paese di origine.

Destabilizzazione: in questa fase, Bezmenov menziona “economia, relazioni con l’estero e sistemi di difesa”. Con gli effetti devastanti dei lockdown COVID sull’economia combinati con i disordini civili delle ultime settimane (alimentati da agenti pagati), si può tranquillamente concludere che gli Stati Uniti sono attualmente destabilizzati.

Crisi e normalizzazione: questo ciclo si ripete continuamente. Una crisi viene introdotta nella società, causando panico e angoscia. Questa crisi può essere risolta solo attraverso una “soluzione” specifica che è stata effettivamente pianificata da sempre. L’élite occulta si riferisce a questo processo come “Ordine dal caos”.
Sebbene la guerra fredda sia finita, una guerra molto più sovversiva sta accadendo in questo momento. Attraverso meme, social media e video di YouTube, la propaganda raggiunge i giovani senza che i loro genitori nemmeno se ne accorgano. I mass media spingono costantemente idee specifiche mentre sopprimono e censurano completamente punti di vista opposti.

Più che mai, dobbiamo rimanere vigili perché le cose stanno diventando sempre piu` torbide. E, se riusciranno nel loro intento, non ci sara` posto dove “disertare”.

Fonte

 

Le Nazioni Unite vogliono il controllo totale su internet

Le Nazioni Unite vogliono garantire il potere di controllare internet a regimi dittatoriali come la Cina, in un nuovo grande tentativo di censurare la liberta` di parola.

L’Assemblea Generale ha approvato una risoluzione sponsorizzata da Cina e Russia per istituire un comitato di “esperti internazionali” il cui ruolo sarebbe quello di fermare “l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione a fini criminali”.

Tuttavia, in molti avvertono che la mossa è semplicemente una backdoor per i regimi autoritari, utile a censurare ulteriormente il dissenso.

“Gruppi per la protezione dei diritti negli Stati Uniti e in Europa temono che tutto questo legittimera` le repressioni sull’espressione, con numerosi paesi che definiscono le critiche al governo come “criminali”, riferisce AFP.

Human Rights Watch ha affermato che l’elenco degli sponsor per la risoluzione è “una galleria di stati canaglia dove possiamo trovare i governi più repressivi della terra” e “offre ai paesi una copertura legale quando si tratta di blocco e censura di Internet, creando al contempo il potenziale per criminalizzare la libertà di parola”.

Governi come la Cina già censurano e disattivano Internet durante i periodi di disordini civili mentre puniscono coloro che criticano lo stato tramite il “credito sociale”.

Il paese comunista sta inoltre sviluppando un piano per costringere i suoi cittadini a superare un test di riconoscimento facciale per utilizzare Internet. Hai criticato le autorità? Niente internet per te.

Fonte

Bilderberg 2019

L’edizione 2019 dell’esclusivo Bilderberg Meeting si svolgerà presso l’Hotel Montreux Palace nella città svizzera di Montreux da giovedì a domenica.

Tra gli invitati, il ministro delle finanze svizzero Ueli Maurer, il ministro dell’economia francese Bruno Le Maire, il capo della Democrazia cristiana tedesca, Annegret Kramp-Karrenbauer e l’amministratore delegato Crédit-Suisse Tidjane Thiam tra gli altri.

Secondo il quotidiano svizzero Tages Anzeiger, anche il segretario di Stato americano Mike Pompeo sarà tra i partecipanti, anche se non è nella lista degli ospiti ufficiali sul sito Web del Bildberg.

Il giornale svizzero riferisce che Pompeo siederà con Ueli Maurer. I due hanno la possibilità di discutere della situazione in Iran.

Tuttavia, il ministero delle finanze svizzero ha dichiarato al The Local che martedì non è stato previsto alcun incontro tra Pompeo e Maurer.

Il talk-fest annuale del Bilderberg, che risale al 1954, presenta una lista di ospiti di circa 130 persone provenienti dall’Europa e dal Nord America, inclusi tutti, dai reali ai magnati del business e accademici.

Un affare altamente segreto senza un programma fisso, il Bilderberg Meeting e` un incontro annuale dove i potenti decidono per le sorti del pianeta a porte chiuse.

Tuttavia, gli organizzatori sostengono che la natura privata dell’evento dà ai partecipanti la possibilità di tenere discussioni informali su questioni importanti.

Gli argomenti di discussione di quest’anno includono i cambiamenti climatici e la sostenibilità, la Brexit, la Cina, la Russia, il futuro del capitalismo e i social media.

Secondo il sito web ufficiale del Bilderberg, le discussioni si svolgono secondo la Chatham House Rule, il che significa che i partecipanti possono utilizzare qualsiasi informazione che ricevono durante la riunione ma non possono rivelarne la fonte.

Quest’anno sarà la seconda volta che si terrà la riunione del Bilderberg in Svizzera. Nel 2011, si è tenuto a St Moritz nel sud-est del paese.

Fonte

LISTA 2019:

BOARD:

Castries, Henri de (FRA), presidente, comitato direttivo; Presidente, Institut Montaigne

Kravis, Marie-Josée (USA), Presidente, American Friends of Bilderberg Inc .; Senior Fellow, Hudson Institute

Halberstadt, Victor (NLD), presidente della Fondazione Bilderberg Meetings; Professore di Economia, Università di Leida

Achleitner, Paul M. (DEU), Treasurer Foundation Bilderberg Meetings; Presidente Supervisory Board, Deutsche Bank AG

PARTECIPANTI

Abrams, Stacey (USA), fondatore e presidente, Fair Fight

Adonis, Andrew (GBR), membro della Camera dei Lord

Albers, Isabel (BEL), direttore editoriale, De Tijd / L’Echo

Altman, Roger C. (USA), fondatore e presidente senior di Evercore

Arbor, Louise (CAN), consulente senior, Borden Ladner Gervais LLP

Arrimadas, Inés (ESP), leader del partito, Ciudadanos

Azoulay, Audrey (INT), direttore generale, UNESCO

Baker, James H. (USA), Direttore, Office of Net Assessment, Office of the Secretary of Defense

Balta, Evren (TUR), professore associato di scienze politiche, Università di Özyegin

Barbizet, Patricia (FRA), presidente e CEO, Temaris & Associés

Barbot, Estela (PRT), membro del Board e Audit Committee, REN (Redes Energéticas Nacionais)

Barroso, José Manuel (PRT), Presidente, Goldman Sachs International; Ex presidente, Commissione europea

Barton, Dominic (CAN), Senior Partner ed ex Global Managing Partner, McKinsey & Company

Beaune, Clément (FRA), Consigliere per l’Europa e G20, Ufficio del Presidente della Repubblica di Francia

Boos, Hans-Christian (DEU), CEO e fondatore, Arago GmbH

Bostrom, Nick (UK), direttore, Future of Humanity Institute, Oxford University

Botín, Ana P. (ESP), presidente esecutivo del gruppo, Banco Santander

Brandtzæg, Svein Richard (NOR), Presidente, Università norvegese di scienza e tecnologia

Brende, Børge (NOR), Presidente, Forum economico mondiale

Buberl, Thomas (FRA), CEO, AXA

Buitenweg, Kathalijne (NLD), deputato, partito verde

Caine, Patrice (FRA), Presidente e CEO di Thales Group

Carney, Mark J. (GBR), Governatore, Bank of England

Casado, Pablo (ESP), Presidente, Partido Popular

Ceviköz, Ahmet Ünal (TUR), deputato, Partito popolare repubblicano (CHP)

Champagne, François Philippe (CAN), ministro delle infrastrutture e delle comunità

Cohen, Jared (USA), fondatore e CEO, Jigsaw, Alphabet Inc.

Croiset van Uchelen, Arnold (NLD), Partner, Allen & Overy LLP

Daniels, Matthew (USA), Nuovi progetti spaziali e tecnologici, Office of the Secretary of Defense

Davignon, Etienne (BEL), Ministro di Stato

Demiralp, Selva (TUR), professore di economia, Università di Koç

Donohoe, Paschal (IRL), ministro delle Finanze, spesa pubblica e riforma

Döpfner, Mathias (DEU), Presidente e CEO, Axel Springer SE

Ellis, James O. (USA), Presidente, Gruppo consultivo degli utenti, Consiglio nazionale dello spazio

Feltri, Stefano (ITA), vicedirettore capo, Il Fatto Quotidiano

Ferguson, Niall (USA), Milbank Family Senior Fellow, Hoover Institution, Stanford University

Findsen, Lars (DNK), direttore del servizio di intelligence della difesa danese

Fleming, Jeremy (GBR), direttore, quartier generale delle comunicazioni del governo britannico

Garton Ash, Timothy (GBR), professore di studi europei, Università di Oxford

Gnodde, Richard J. (IRL), CEO, Goldman Sachs International

Godement, François (FRA), consigliere senior per l’Asia, Institut Montaigne

Grant, Adam M. (USA), Saul P. Steinberg Professore di Management, The Wharton School, University of Pennsylvania

Gruber, Lilli (ITA), Redattore capo e Anchor “Otto e mezzo”, La7 TV

Hanappi-Egger, Edeltraud (AUT), Rettore, Università di Economia e Commercio di Vienna

Hedegaard, Connie (DNK), presidente, Fondazione KR; Ex commissario europeo

Henry, Mary Kay (USA), Presidente internazionale, Unione internazionale dei dipendenti dei servizi

Hirayama, Martina (CHE), Sottosegretario di Stato all’istruzione, alla ricerca e all’innovazione

Hobson, Mellody (USA), Presidente, Ariel Investments LLC

Hoffman, Reid (USA), cofondatore, LinkedIn; Partner, partner di Greylock

Hoffmann, André (CHE), Vicepresidente, Roche Holding Ltd.

Jordan, Jr., Vernon E. (USA), Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC

Jost, Sonja (DEU), CEO, DexLeChem

Kaag, Sigrid (NLD), ministro per il commercio estero e la cooperazione allo sviluppo

Karp, Alex (USA), CEO, Palantir Technologies

Kerameus, Niki K. (GRC), MP; Partner, Kerameus e partner

Kissinger, Henry A. (USA), Presidente, Kissinger Associates Inc.

Koç, Ömer (TUR), presidente, Koç Holding A.S.

Kotkin, Stephen (USA), professore di storia e affari internazionali, Università di Princeton

Kramp-Karrenbauer, Annegret (DEU), Leader, CDU

Krastev, Ivan (BUL), presidente, Centro per le strategie liberali

Kravis, Henry R. (USA), Co-Presidente e Co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.

Kristersson, Ulf (SWE), leader del partito moderato

Kudelski, André (CHE), Presidente e CEO, Gruppo Kudelski

Kushner, Jared (USA), Senior Advisor del Presidente, The White House

Le Maire, Bruno (FRA), ministro delle finanze

Leyen, Ursula von der (DEU), ministro federale della difesa

Leysen, Thomas (BEL), Presidente, KBC Group e Umicore

Liikanen, Erkki (FIN), Presidente, Fidati dell’IFRS; Helsinki Graduate School of Economics

Lund, Helge (GBR) Presidente, BP plc; Presidente, Novo Nordisk AS

Maurer, Ueli (CHE), presidente della Federazione svizzera e consigliere federale delle finanze

Mazur, Sara (SWE), direttore, investitore AB

McArdle, Megan (USA), editorialista, The Washington Post

McCaskill, Claire (USA), ex senatore; Analista, NBC News

Medina, Fernando (PRT), sindaco di Lisbona

Micklethwait, John (USA), redattore capo, Bloomberg LP

Minton Beddoes, Zanny (GBR), redattore capo, The Economist

Monzón, Javier (ESP), presidente, PRISA

Mundie, Craig J. (USA), Presidente, Mundie & Associates

Nadella, Satya (USA), CEO, Microsoft
Il Re dei Paesi Bassi (NLD)

Nora, Dominique (FRA), redattore capo, L’Obs

O’Leary, Michael (IRL), CEO, Ryanair D.A.C.

Pagoulatos, George (GRC), Vicepresidente di ELIAMEP, professore; Università di Economia di Atene

Papalexopoulos, Dimitri (GRC), CEO, TITAN Cement Company S.A.

Petraeus, David H. (USA), Presidente, KKR Global Institute

Pienkowska, Jolanta (POL), Anchor, giornalista

Pottinger, Matthew (USA), Senior Director, National Security Council

Pouyanné, Patrick (FRA), Presidente e CEO, Total S.A.

Ratas, Jüri (EST), Primo Ministro

Renzi, Matteo (ITA), ex primo ministro; Senatore della Repubblica Italiana

Rockström, Johan (SWE), direttore, Potsdam Institute for Climate Impact Research

Rubin, Robert E. (USA), co-presidente emerito, Council on Foreign Relations; Ex segretario al tesoro

Rutte, Mark (NLD), Primo Ministro

Sabia, Michael (CAN), Presidente e CEO, Caisse de dépôt et placement du Québec

Sanger, David E. (USA), corrispondente per la sicurezza nazionale, The New York Times

Sarts, Janis (INT), direttore, Centro di eccellenza NATO StratCom

Sawers, John (GBR), presidente esecutivo, Newbridge Advisory

Schadlow, Nadia (USA), Senior Fellow, Hudson Institute

Schmidt, Eric E. (USA), consulente tecnico, Alphabet Inc.

Scholten, Rudolf (AUT), presidente, Bruno Kreisky Forum per il dialogo internazionale

Seres, Silvija (NOR), Investitore indipendente

Shafik, Minouche (GBR), direttore della London School of Economics and Political Science

Sikorski, Radoslaw (POL), deputato, Parlamento europeo

Singer, Peter Warren (USA), Strategist, New America

Sitti, Metin (TUR), professore, Koç University; Direttore, Max Planck Institute for Intelligent Systems

Snyder, Timothy (USA), Richard C. Levin Professore di Storia, Università di Yale

Solhjell, Bård Vegar (NOR), CEO, WWF – Norvegia

Stoltenberg, Jens (INT), Segretario generale, NATO

Suleyman, Mustafa (GBR), co-fondatore, Deepmind

Supino, Pietro (CHE), editore e presidente, Tamedia Group

Teuteberg, Linda (DEU), Segretario generale, Partito democratico libero

Thiam, Tidjane (CHE), CEO, Credit Suisse Group AG

Thiel, Peter (USA), Presidente, Thiel Capital

Trzaskowski, Rafal (POL), sindaco di Varsavia

Tucker, Mark (GBR), Presidente del gruppo, HSBC Holding plc

Tugendhat, Tom (GBR), deputato, partito conservatore

Turpin, Matthew (USA), direttore per la Cina, Consiglio di sicurezza nazionale

Uhl, Jessica (NLD), direttore finanziario, Royal Dutch Shell plc

Vestergaard Knudsen, Ulrik (DNK), Segretario generale aggiunto, OCSE

Walker, Darren (USA), Presidente, Fondazione Ford

Wallenberg, Marcus (SWE), presidente, Skandinaviska Enskilda Banken AB

Wolf, Martin H. (GBR), Chief Economics Commentator, Financial Times

Zeiler, Gerhard (AUT), Chief Revenue Officer, WarnerMedia

Zetsche, Dieter (DEU), ex presidente della Daimler AG

Fonte

 

Dentro il “Tempio” della propaganda segreta Inglese: “L’Iniziativa Integrita`” e la scandalosa guerra dell’informazione

Grayzone è entrata negli uffici appositamente nascosti di una fabbrica della propaganda, sostenuta dal governo britannico, e che è al centro di uno scandalo internazionale che i media tradizionali si rifiutano di toccare.

Recenti documenti hackerati hanno rivelato una rete internazionale di politici, giornalisti, accademici, ricercatori e ufficiali militari, tutti impegnati in campagne di propaganda segrete altamente ingannevoli finanziati dall’Ufficio britannico degli Affari Esteri e del Commonwealth (FCO), dalla NATO, da Facebook e dalle istituzioni di sicurezza nazionale.

Questa “rete di reti”, come vengono chiamate su un documento, si concentra su un gruppo dal nome ironico chiamato Integrity Initiative (Iniziativa Integrita`). Ed è supervisionato da un think tank inglese precedentemente sconosciuto, registrato in Scozia, l’Institute for Statecraft, che ha operato sotto un velo di segretezza.

L’intera operazione sembra essere gestita da, e in collaborazione con, membri dell’intelligence militare britannica.

Secondo David Miller, professore di sociologia politica nella scuola di studi politici all’Università di Bristol e direttore dell’Organizzazione per gli studi di propaganda, l’Iniziativa per l’integrità “sembra essere una “spinta” diretta proveniente dall’apparato militare”.

“I più importanti membri del governo sono propagandisti professionisti”, ha spiegato Miller.

“Il tutto era diretto da  [Chris Donnelly] che fu anche nominato colonnello dell’intelligence militare all’inizio del progetto – un fatto davvero sorprendente che suggerisce che la vicenda riguarda anche lintelligence militare”.

Un ministro per l’FCO del Regno Unito ha ufficialmente confermato di aver finanziato la rete dell’integrità.

Oltre a dirigere la diplomazia, la FCO supervisiona sia la sede centrale delle comunicazioni governative (GCHQ) che e` l’equivalente britannico della National Security Agency, sia i servizi segreti di intelligence (SIS) comunemente noti come MI6.

FONTE: National Intelligence Machinery, briefing del governo del Regno Unito nel novembre 2010

Il think tank che supervisiona l’Integrity Initiative, l’Institute for Statecraft, ha anche ricevuto finanziamenti dall’esercito britannico e dal ministero della Difesa.

L’intera impresa estremamente losca, come ha spiegato Miller, è un fronte elaborato per l’apparato militare britannico di intelligence. Il suo coordinamento segreto con politici amichevoli e giornalisti mainstream ricorda l’intrigo dell’era della Guerra Fredda noto come Operazione Mockingbird.

Lo scandalo riguardava lo smascheramento di “oltre 400 giornalisti americani che … negli ultimi venticinque anni avevano segretamente svolto incarichi per la Central Intelligence Agency”, come ha rivelato Carl Bernstein in un rapporto del Rolling Stone del 1977.

L’esposizione dell’Integrity Initiative ha appena scalfito la superficie di quella che sembra essere una versione molto più sofisticata, insidiosa ed estremamente online di Operation Mockingbird. Con i nuovi documenti interni che appaiono ogni settimana attraverso l’organizzazione hacker chiamata Anonymous Europe, le rivelazioni stanno dando luogo a uno degli scandali di sicurezza nazionale potenzialmente più esplosivi negli ultimi tempi.

Ma anche se i membri del parlamento britannico sobbalzano con richieste di responsabilità ufficiale, i media mainstream degli Stati Uniti e del Regno Unito si rifiutano ancora stranamente di toccare la storia.

Diffamare figure politiche di sinistra negli stati membri della NATO
L’Iniziativa integrità afferma che il suo compito e` “contrastare la disinformazione e l’influenza maligne della Russia”, e in effetti, i principali attori dietro di essa sembrano intenzionati ad esagerare la minaccia russa per giustificare l’aumento dei bilanci militari e ad una base per una guerra a lungo termine.

Sopra: un memorandum dell’Istituto per Statecraft sottolinea la necessità di “accelerare” la messaggistica anti-russa

Ma l’Integrity Initiative si e` anche focalizzata sui presunti sovversivi all’interno degli stati membri della NATO, incluso il Regno Unito.

Un articolo che attacca gli attivisti di sinistra elencati nella sezione “Messaggi recenti” del sito Web di Integrity Initiative

L’Iniziativa Iintegrità ha condotto una campagna segreta di successo per distruggere la nomina di Pedro Baños a direttore del Dipartimento di sicurezza nazionale della Spagna per il falso motivo di essere “filo-Cremlino”, interferendo così negli affari di un membro dell’Unione europea e della NATO. Ha svolto il suo lavoro attraverso un “cluster” selezionato a mano di politici e operai spagnoli per inondare i social media e gli sbocchi simpatici con messaggi che demonizzavano Baños.

Sopra: un documento dell’iniziativa sull’integrità che spiega in dettaglio in che modo i cluster del gruppo hanno distrutto un responsabile della sicurezza nazionale spagnola.

L’Iniziativa sembra aver utilizzato le stesse tattiche per diffamare giornalisti e personalità politiche di sinistra in tutto l’Occidente, incluso il leader del Partito laburista del Regno Unito, Jeremy Corbyn.

Il membro del Parlamento Chris Williamson, stretto alleato di Corbyn, ora chiede apertamente e indignato “un’inchiesta pubblica sull’iniziativa integrità e simili sforzi di guerra delle informazioni finanziati dal nostro governo”.

Secondo la Miller dell’Organizzazione per gli studi di propaganda, non è necessariamente illegale per l’FCO dirigere la propaganda verso la propria cittadinanza. Tuttavia, ha affermato che “non è legale per i ministri dirigere efficacemente un’associazione benefica. Quindi, se il Ministero della Difesa attraverso l’intelligence militare sta effettivamente gestendo un’associazione benefica, ciò sarebbe contrario alla legge. ”

Un struttura abbandonata in Scozia al posto dell’ufficio attivo nel “Tempio” di Londra

Per nascondere le sue attività potenzialmente illegali, l’Institute for Statecraft ha utilizzato una rete di inganni. Non solo hanno nascosto i loro finanziamenti governativi, ma l’indirizzo disponibile e` sbagliato.

Mohammed Elmaazi, un coautore di questo pezzo, ha scoperto l’elaborata posizione nascosta dell’Istituto per Statecraft all’interno di un labirinto di uffici degli avvocati di Londra. La rapida espulsione di Elmaazi dalle premesse ha confermato la lunghezza a cui questa organizzazione oscura continua ad andare per evitare il controllo pubblico.

L’Institute for Statecraft, è un ente di beneficenza registrato in Scozia, la cui sede legale è elencata come un vecchio mulino in Fife Scotland coinvolto nella “produzione di legno e altri prodotti“. David Scott di Uk Column News notizie, ha visitato la sede legale in Fife solo per trovare un “edificio vuoto, semi-abbandonato, in parte demolito”.

L’indirizzo parzialmente demolito a Gateside Mills. Foto: David Scott

Mentre l’indirizzo di Fife, in Scozia, sembra essere un edificio abbandonato, l’indirizzo di Londra elencato nei documenti compromessi è pienamente operativo.

Ha individuato gli uffici appartenenti a The Institute for Statecraft presso Embankment al Two Temple Place a Londra. Condivide uffici nel seminterrato di una “spettacolare villa neogotica” di proprietà o affittata da The Bulldog Trust, un’organizzazione dedicata a “promuovere la cultura e la filantropia”. Questa zona, conosciuta come “il Tempio”, è piena di camere degli avvocati e serviva come distretto dei Cavalieri Templari.

Una proiezione a tema natalizia illumina le pareti di 2 Temple Place. Foto: Mohamed Elmaazi

Elmaazi ha trovato gli uffici il 6 dicembre, essendosi quasi arreso e convincendosi che non avrebbe scoperto nulla di più di quello trovato nella casa abbandonata di Fife. Quando è arrivato sul posto, erano in corso i preparativi per una sorta di evento a tema natalizio che si terrà nell’edificio principale al piano terra. Ma dopo aver scoperto i segni che indicavano le scale al piano seminterrato, Elmaazi si ritrovò a fissare una porta con un cartello che diceva: “The Institute for Statecraft / The Fore”.

Nessun commento

Elmaazi suonò il campanello dell’Istituto Statecraft e alla fine fu accolto da un anziano signore ben vestito con un soprabito beige. L’uomo sosteneva di non aver lavorato né al The Institute né al The Fore, ma a “un’altra organizzazione”. Poi l’anziano si e` messo a chiamare un certo “Charles”. Dopo essere entrato, Elmaazi poteva vedere alcuni uffici più piccoli di lato, con un ufficio più grande con tavoli e computer dietro l’angolo.

Un uomo che Elmaazi presumeva essere “Charles” arrivò dietro l’angolo e gridò: “Sì?” Sembrava un po ‘confuso dalla presenza del giornalista, comprensibilmente perché era lì senza un appuntamento. Quando “Charles” confermo` di aver lavorato con l’Institute for Statecraft, Elmaazi si è identificato come giornalista e ha chiesto se sarebbe stato disposto a essere intervistato. La richiesta è stata accolta con un brusco rifiuto.

“Charles” quindi ha guidato severamente Elmaazi con la sua mano verso l’ingresso. Quando il giornalista ha ripetuto la sua richiesta, è stato accolto da un silenzio imperturbabile.

Un “Charles Hart” è elencato come il presidente dell’Istituto per Statecraft, ma nessuna foto è disponibile per confermare che Hart fosse lo stesso “Charles” che Elmaazi incontrò.

La connessione neocon

Due edifici piu` in la dall’Istitute for Statecraft, separati solo dalla casa del British American Tobacco, si trovano gli uffici dell’International Institute for Strategic Studies (IISS). Questo think tank è l’organo chiave dell’establishment della politica estera occidentale, spingendo l’interventismo militare e promuovendo l’opposizione siriana sostenuta dall’esercito saudita in esilio.

Tra i finanziatori di IISS c’è la Smith Richardson Foundation.

Questo fondatore è anche un sostenitore dell’Iniziativa Integrità, che gli ha fornito 45.000 sterline (circa 56.600 USD) per attività di propaganda segrete in Europa e negli Stati Uniti.

La Smith Richardson Foundation è stata fondata dall’erede miliardaria della fortuna di Vicks, H. Smith Richardson, nel 1935. Nel 1973, il figlio del fondatore, Randolph Richardson – un fondamentalista del libero mercato e mecenate dell’ideologo neoconservatore Irving Kristol – ereditò l’organizzazione .

Il figlio di Kristol, William Kristol, è un co-fondatore del Progetto per un nuovo secolo americano che ha apertamente chiesto agli Stati Uniti di affermarsi come l’unico egemone globale dopo il crollo dell’Unione Sovietica.

I beneficiari dei finanziamenti della Smith Richardson Foundation includono un who’s who delle istituzioni di destra neoconservatrici e militariste. La fondazione ha finanziato neoconservatori come l’American Enterprise Institute (per un valore di quasi $ 10 milioni dal 1998), l’Hudson Institute, l’Institute for the Study of War, la Freedom House, l’Hoover Institution, la Foundation for Defence of Democracies, insieme a gruppi di riflessione allineati al Partito Democratico come il Centro per la sicurezza americana e il Centro per il progresso americano.

“Dire che la fondazione [Smith Richardson] è stata coinvolta a tutti i livelli nel lobbying e nella produzione della cosiddetta guerra globale al terrorismo dopo l’11 settembre sarebbe un eufemismo”, ha scritto Kelley Vlahos in un profilo di Nadia Schadlow, un ex consigliere della sicurezza nazionale di Trump, che in passato aveva lavorato come direttore senior del programma per Smith Richardson.

Smith Richardson integra un elenco di finanziatori internazionali a sostegno dell’organizzazione madre di Integrity Initiative:

HQ NATO Public Diplomacy, £ 12.000 per ciascun seminario inaugurale = £ 168.000

Istituzioni partner £ 5.000 per ciascun seminario inaugurale = £ 70.000

Quartier generale della NATO per videofilm educativi – fornitura gratuita di telecamere

MOD della Lituania per fornire gratuitamente tutti i costi per il loro team stratcom per un viaggio mensile a supporto di una nuova creazione di hub / cluster e per istruire i leader dei cluster e le persone chiave a Vilnius nelle tecniche infowar = £ 20.000

Dipartimento di Stato americano, per attività di ricerca e divulgazione (escludendo qualsiasi attività negli Stati Uniti) = £ 250.000

Smith Richardson Foundation, £ 45.000 per attività di cluster in Europa e negli Stati Uniti

Facebook, £ 100.000 per attività di ricerca e istruzione

Business community tedesca, £ 25.000 per ricerca e diffusione nei paesi dell’UE

Una risorsa segreta nella campagna di Bernie?

Elmaazi, il co-autore di questo pezzo, non è stato l’unico reporter a ottenere l’accesso momentaneo all’Istituto  al 2 Temple Place. L’11 dicembre, cinque giorni dopo la visita di Elmaazi, Kit Klarenberg della Sputnik Radio entrò negli uffici neo-gotici della propaganda segreta. Non appena si è identificato come giornalista, è stato espulso con rabbia da uno dello staff dell’Istituto per Statecraft, Simon Bracey-Lane.

“Devi andartene adesso!” Urlò Bracey-Lane a Klarenberg. “Non hai preso nessun appuntamento! Vattene! Adesso! Si prego di andartene immediatamente! Scio`!”

Bracey-Lane è un cittadino britannico di 20 anni senza esperienza riconosciuta pubblicamente nel lavoro di intelligence. Ma come ha osservato Klarenberg, ci sono alcuni dettagli insoliti nella biografia del giovane.

Nel 2016, Bracey-Lane è apparso dal nulla per lavorare in Iowa come organizzatore del campo per la campagna di presidente di Bernie Sanders

Simon Bracey-Lane è stato intervistato nell’ufficio del campo Iowa di Bernie Sanders il 27 gennaio 2016

“Ho passato un anno a lavorare, risparmiando tutti i miei soldi, ho pensato che avrei fatto un viaggio di due mesi da Seattle a New York e ho pensato, sai una cosa? Vado a lavorare per la campagna di Bernie Sanders “, ha detto Bracey-Lane a un giornalista dell’AFP il 27 gennaio 2016.

Ha detto che dopo aver deciso di lavorare per Bernie, è andato in Inghilterra per “ottenere un visto legale”, poi è tornato per partecipare alla campagna sul serio.

Bracey-Lane ha anche affermato all’AFP: “Non sono sicuro che ci sia un posto per me nella politica britannica … Non ho voglia di lavorare sul mio sistema politico”.

Tuttavia, il profilo del 1 febbraio 2016 di Bracey-Lane di Jim Waterson di Buzzfeed ha detto che Brit-for-Bernie “è stato ispirato a ricongiungersi al partito Laburista a settembre [2015] quando Corbyn è stato eletto leader. Ma a quel punto, era già negli Stati Uniti in vacanza. ”

E ‘chiaramente strano che Bracey-Lane dica a un giornalista che non si era mai interessato alla politica britannica, mentre con un altro affermare che era desideroso di sostenere Corbyn prima di aderire alla campagna di Bernie. Inoltre, come ha riferito Klarenberg, Bracey-Lane ha continuato a stabilire uno sforzo di voto per vari politici progressisti e partiti nelle elezioni generali del Regno Unito del 2017, ottenendo l’accesso interno a una vasta gamma di campagne.

La contraddizione nel racconto di Bracey-Lane solleva seri interrogativi sul suo reale ruolo nella campagna di Bernie, così come la sua improvvisa transizione dalla politica progressista a una posizione di staff in una fabbrica di propaganda appoggiata dall’esercito che ha intrapreso una guerra di informazione segreta su Corbyn e altre persone di sinistra in tutto l’Occidente.

Un documento dell’Istituto per Statecraft sui “ruoli ed esperienze rilevanti” del “team di esperti” del gruppo osserva che Bracey-Lane ha condotto uno “studio speciale dell’interferenza russa nel processo elettorale statunitense”. Il documento non chiarisce quando è stato condotto lo studio tuttavia, è elencato direttamente accanto alla storia del lavoro dell’autore con la campagna Bernie.

Nei prossimi giorni, Grayzone esaminerà da vicino l’attività dell’Iniziativa integrità negli Stati Uniti e se interferisce con la politica americana come ha fatto in altri Stati membri della NATO.
Fonte

 

 

 

Storia Proibita: La TimeLine del Nuovo Ordine Mondiale (2001-2010)

ESTATE 2001: HOLLYWOOD LANCIA IL SUO NUOVO COLOSSAL ESTIVO – PEARL HARBOR!!!

Sono passati 60 anni da quando l’attacco a sorpresa di Pearl Harbor porto` l’America ad entrare nella seconda guerra mondiale. Improvvisamente, Hollywood decise di produrre un blockbuster da svariati milioni di dollari sull’evento – “Pearl Harbor”. Il film super-pubblicizzato racconta il mito di Pearl Harbor ad una nuova generazione di stupidotti americani. La sua uscita è prevista per l’estate del 2001.

Quando ricordiamo la menzione scritta di Zbig Brzezinksi sull'”effetto shock” di Pearl Harbor, l’avvertimento di Ashton Carter di una nuova “Pearl Harbor” e il suggerimento (desiderio) scritto dal PNAC di “una nuova Pearl Harbour”, l’improvvisa uscita del blockbuster estivo, combinato con un imminente e particolare evento “a sorpresa” , sembra davvero molto, molto sospetto.

Come dimostrato dal caso “Hollywood 10”, Hollywood è stata a lungo uno strumento del Nuovo Ordine Mondiale. La creazione e lo straordinario marketing dietro la release estiva del 2001 di “Pearl Harbor” non sono state un caso

Questo film dell’elite e` servito a preparare la popolazione per la “Nuova Pearl Harbor”

11 SETTEMBRE 2001/ (9/11) UN MASSIVO ATTACCO TERRORISTICO FALSE FLAG UCCIDE 3000 PERSONE/ OSAMA BIN LADEN VIENE FALSAMENTE ACCUSATO

L’evento della ” Nuova Pearl Harbour”, annunciato da Brzezinski, Carter, Zelikow, Kristol, Kagan e Hollywood, si verifico` nella famigerata data dell’11 / 9/2001 (“9/11”). Circa 3000 persone vennero uccise durante gli attacchi alle Twin Towers di New York e al Pentagono a Washington. Prima che la polvere avesse il tempo di depositarti, “l’11 settembre” venne attribuito ad Osama Bin Laden e alla sua rete terroristical “Al Qaeda”.

Il buon senso e le prove forensi dimostreranno che gli esplosivi pre-piantati hanno demolito le Twin Towers, così come il meno conosciuto “Edificio 7” – un grattacielo alto 600 piedi che non è stato nemmeno colpito da un aereo!
Per quanto riguarda l’aereo che presumibilmente ha colpito il Pentagono, non e` stato possibile trovare i detriti di un aereo di linea commerciale nel sito!

Ricercatori indipendenti come David Ray Griffin (The New Pearl Harbor) e il Dr. Albert D. Pastore. (Stranger Than Fiction) stabilirono oltre ogni dubbio che la “storia ufficiale” dell’11 settembre è una mostruosa menzogna. È chiaro che le fazioni che collaborano dietro gli attacchi sono gli israeliani, i sionisti i “Neo-Cons” e i Bilderberg / TC Globalisti. Gli attacchi vennero utilizzati come giustificazione per le invasioni pre-pianificate dell’Afghanistan e dell’Iraq, così come per gli intrighi mirati a destabilizzare altre nazioni nella regione.

L’11 settembre segna l’inizio del doppio “gioco finale” del Nuovo Ordine Mondiale per il dominio globale attraverso l’accerchiamento di Russia e Cina e la spinta di Israele a dominare il Medio Oriente.

Secondo Bush e amici, la polverizzazione istantanea di due enormi torri e` stata causata dal carburante degli aerei!

11 SETTEMBRE 2001: 5 AGENTI DEL MOSSAD VENGONO ARRESTATI PER CONNESSIONI AL 9/11

Il giorno degli attacchi, la polizia nel vicino New Jersey ricevette telefonate da persone che si lamentavano di un gruppo sospetto che celebrava e filmava la distruzione delle Twin Towers. La polizia avviso` le sue pattuglie di tenere d’occhio i furgoni bianchi. Un furgone venne fermato mentre si avvicinava al Lincoln Tunnel che collega il New Jersey a Manhattan, e un altro venne fermato quando si avvicino` al George Washington Bridge. Le unita` cinofile annusarono l’odore dell’esplosivo nel furgone fermato all’interno del tunnel, mentre in quello fermato sul ponte trovarono gli esplosivi.

Il giorno seguente venne rivelato che i 5 sospetti erano israeliani. Vennero detenuti per 40 giorni in una prigione locale e infine rilasciati a dicembre dopo che forze di alto livello nel governo tolsero il caso agli agenti locali. Una rivista ebraica confermo` in seguito che gli uomini erano agenti dell’agenzia di spionaggio israeliana, il Mossad. È un fatto poco noto sull’attentato dell’11 settembre che i primi, e soli, arresti fatti quel giorno furono di israeliani, non di arabi. I dettagli sono riassunti e provengono dal saggio “The Dancing Israelis”, che è stato diffuso in tutto il mondo dal 2003.

Stranger Than Fiction del Dr. Albert D. Pastore ha documentato come 5 agenti israeliani siano stati collegati all’11 settembre, e successivamente rilasciati a causa della pressione israeliana.

OTTOBRE 2001: STATI UNITI E GRAN BRETAGNA INVADONO L’AFGHANISTAN/ OSAMA BIN LADEN CONTINUA A PROCLAMARE LA SUA INNOCENZA

Il piano Brzezinski-Bilderberg per l’Asia centrale viene messo in moto con l’invasione dell’Afghanistan. Il presidente Bush e i media dissero al pubblico che lo scopo dell’invasione era quello di catturare Osama Bin Laden – la “mente” falsamente accusata dell’11 settembre.
Bin Laden nego` qualsiasi coinvolgimento negli attacchi dell’11 settembre:

“Non sono stato coinvolto negli attacchi dell’11 settembre e non ne so nulla. Esiste un governo all’interno di un governo negli Stati Uniti, Un governo segreto a cui deve essere chiesto chi e` il mandante degli attacchi, il sistema americano è totalmente sotto il controllo degli ebrei, la cui priorità è Israele, non gli Stati Uniti “.

Osama Bin Laden proclamò ripetutamente la sua innocenza

AUTUNNO 2001: IL SETTORE IMMOBILIARE INIZIA A GONFIARE UNA ENORME BOLLA SPECULATIVA

Acclamato dai media globalisti come “Il Maestro”, il presidente della Riserva Federale Sionista, Alan Greenspan (CFR), innesco` un “boom” artificiale di 6 anni aumentando l’offerta di moneta con tassi d’interesse artificialmente bassi e standard di prestito facili.

Gli acquirenti domestici con cattivo credito, reddito non verificato e poco o nessun acconto, potevano ora acquistare case.
Un boom inflazionistico degli alloggi fa salire alle stelle i valori delle case. Quelli di Wall Street giocano con il denaro di questi prestiti fino all’inevitabile correzione dei valori artificiali.

Quando scadettero i “tassi promozionali”, i debitori non poterono più permettersi di pagare le rate mensili. Entro il 2008, un’ondata di pignoramenti causerà il crollo dei prezzi delle case e la perdita di denaro da parte dei banchieri. Greenspan ha deliberatamente creato la più grande bolla immobiliare della storia.

I compratori domestici perderanno i loro acconti, tuttavia i banchieri dell’NWO avranno in seguito i loro “investimenti” salvati dai contribuenti.

1- Durante gli anni 2000, Greenspan ha progettato una colossale bolla immobiliare che in seguito sarebbe esplosa. (2008)

2- Alan Greenspan, e i suoi soci sionisti Summers e Rubin, descritti dai media come “maestri” e “geni”.

2002-2005: IL MONDO VIENE TENUTO PARALIZZATO DAL TERRORE/ ATTENTATI TERRORISTICI VENGONO ATTRIBUITI ALL’INESISTENTE AL QAEDA

12 OTTOBRE 2002: Tre enormi esplosioni in una località balneare hanno sollevato e rovesciato macchine uccidendo 202 turisti, tra cui 88 australiani. Ciò porto` l’opinione pubblica australiana in linea con la “Guerra globale al terrorismo”. Come nel caso degli attacchi dell’11 settembre, questo caso è stato risolto all’istante – Al Qaeda venne accusata”. Una registrazione fasulla del già morto Bin Laden (ucciso nel dicembre 2001) viene portata come prova!

11 MARZO 2004: Pochi giorni prima di un’elezione importante, vennero fatte esplodere delle bombe Madrid uccidendo 191 persone. Gli attacchi sono immediatamente attribuiti a “cellule locali di estremisti islamici, ispirati da Internet e collegati ad ” Al Qaeda “.

7 LUGLIO 2005: gli attacchi “7/7” a Londra uccidono 56 persone quando tre treni della metropolitana e un autobus vengono simultaneamente fatti saltare in aria. Come nel caso dell’11 settembre, in qualche modo si è immediatamente scoperto che i quattro attentatori erano “attentatori suicidi” e, ovviamente, “legati ad Al Qaeda”.

23 LUGLIO 2005: 88 persone vennero uccise in una località turistica egiziana. In alcuni “siti web”, un gruppo ombroso che si autodefinisce “Brigate di Abdullah Azzam” si prende rapidamente credito per l’attacco, rivendicando allo stesso tempo “legami con Al Qaeda”

Londra – Bali – Madrid – Tutti erano chiaramente false flags realizzati dall’intelligence occidentale / israeliana

NOVEMBRE 2002: GEORGE BUSH FONDA IL DIPARTIMENTO PER LA SICUREZZA INTERNA

Di nuovo usando il pretesto fittizio di “proteggere l’America da Al Qaeda” – George Bush e co-cospiratori istituiscono il Dipartimento per la sicurezza interna. Il DHS ha un enorme potere spiando e molestando il pubblico americano. Entro il 2015, il budget annuale del DHS raggiungerà $ 40 miliardi con 250.000 dipendenti.

Il DHS concede miliardi di dollari alle comunità locali allo scopo di installare telecamere per monitorare i movimenti delle persone. Nel 2010, una delle sub-agenzie del DHS, la TSA, creo` una tempesta di polemiche quando introdusse i full body scanner negli aereoporti americani. Il pericoloso DHS e il suo ramo TSA sono ora totalmente fuori controllo.

 Abusi agli aeroporti/ Una immagine del Nuovo Ordine Mondiale nel logo dell’Awareness Office’ of Homeland Security

PRIMO DECENNIO DEL 2000: “IL BOMBAROLO DEL MESE”/ L’AMERICA VIENE TENUTA SOTTO SCACCO DAL TERRORE

Nel corso degli anni 2000, il pubblico americano è statu alimentato con una dieta di propaganda basata sulla paura. Venne creata la falsa percezione che c’erano terroristi di “Al Qaeda” ovunque, in attesa di farci saltare in aria! Oltre ai “falsi” attacchi terroristici, i globalisti crearono anche una serie di attacchi false flag.

E` il periodo del “bombarolo del mese”. Come i cattivi di un fumetto abbiamo:

The Shoe Bomber” (2001) – Richard Reid, convertito all’islam “legato ad Al Qaeda ” cerco` di attivare la bomba che aveva all’interno di una scarpa a bordo di un aereo diretto a Miami: dopo questo incidente, gli americani sono costretti a togliersi le scarpe al check-in dell’aeroporto.

“The Dirty Bomber” (2002) – Jose Padilla, xonvertito all’islam “legato ad Al Qaeda “cerco` di fare detonare una bomba sporca”

“The Buffalo Six” (2002) – Sei amici yemeniti-americani, “legati ad Al Qaeda” vennero arrestati, sulla base di una lettera anonima, per aver pianificato la detonazione di “bombe sporche”.

“The Underwear Bomber” (2009) – Umar Farouk Abdulmuttalab, ha detto di avere degli esplosivi nascosti nelle mutande su un aereo di linea diretto a Detroit.

“The Times Square Bomber” (2010) – Faisal Shahzad, un burattino pakistano “legato ad Al Qaeda “i cui esplosivi e bombe al propano vennero innescate in un’automobile a New York.

” The Portland Bomber “(2010) – Mohamed Osman Mohamud, un poliziotto di 19 anni usato dall’FBI per piantare una finta bomba ad una cerimonia dell’illuminazione dell’albero di Natale.

Oltre ai terroristi arrestati, ci sono anche i “presunti terroristi” che non avevano ancora colpito, ma avrebbero potuto farlo in futuro .. … come il “Breast Implant Bomber” e il “Toothpaste Bomber”.

Una dieta costante di ridicola propaganda mantiene il popolo americano ed europeo sotto controllo psicologico.

MARZO 2003: GLI USA INVADONO L’IRAQ

La fazione Neo-Con dei sionisti ottiene finalmente ciò che voleva dalla bufala dell’11 settembre. Dopo mesi passati a spaventare il pubblico con racconti inventati sulle “Armi di distruzione di massa” in Iraq, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna danno il via a una nuova guerra contro l’Iraq.

Il nazionalista Saddam Hussein sarà presto rimosso dal potere e giustiziato. Eliminato questo nemico di Israele, Israele intensifico` la sua brutale oppressione dei palestinesi.
Più di 7000 soldati e appaltatori statunitensi; e almeno 500.000 civili innocenti iracheni alla fine perderanno la vita durante la guerra e il previsto caos interno che ne consegui`.

La guerra e l’occupazione in corso costeranno ai contribuenti statunitensi ben oltre $ 1 trilione di dollari.

COLPISCI E TERRORIZZA! I genitori del ragazzo iracheno sono stati uccisi e le sue braccia sono state spazzate via dai bombardamenti americani

NOVEMBRE 2003: I GLOBALISTI INSCENANO LA RIVOLUZIONE DELLE ROSE IN GEORGIA

La Repubblica della Georgia è un ex stato sovietico. Il governo eletto della Georgia ha buone relazioni con la vicina Russia, guidata dal presidente Vladimir Putin. Nelle elezioni parlamentari, gli alleati politici del presidente georgiano Edward Shevardnadze hanno avuto successo. .

Gli “osservatori” globalisti dall’Europa dichiararono che le elezioni non erano all’altezza degli “standard internazionali”. . Enormi proteste scoppiarono “spontaneamente” nelle principali città della Georgia. Le proteste incredibilmente ben organizzate vennero finanziate dal Globalista George Soros e furono palesemente orchestrate dalla CIA. Ai manifestanti vennero fornite delle rose fresche, spedite dall’esterno. I mega schermi televisivi, i fuochi d’artificio e la musica ad alto volume sembravano uno show hollywoodiano, il tutto mentre i media e i politici occidentali condannavano la “frode elettorale” avvenuta in Georgia.

Alla fine, il governo è costretto a dimettersi quando il burattino globalista Mikhail Saakashvili e la sua folla arrivarono in Parlamento portando rose. Il governo filo-russo fu rovesciato dalla Rivoluzione delle rose e uno stato fantoccio del NWO, guidato dallo psicotico Saakashvili, venne installato sul confine meridionale della Russia.

La “Rivoluzione delle rose”creo` una base globalista ostile ai confini della Russia e vicina all’Iran. Successivamente George Bush visitò la Georgia, dove fu accolto calorosamente dal nuovo presidente fantoccio globalista

NOVEMBRE 2004: LA IMPRESSIONANTE ASCESA DI UN INUTILE RADICALE CHIAMATO, BARACK OBAMA

Figlio di marxisti, Barack Obama è stato cresciuto per compiere grandi cose, probabilmente già dai tempi del liceo. Un “mentore” comunista e bi-sessuale di nome Frank Marshall Davis sembra essere stato il legame di Barry con il Nuovo Ordine Mondiale.

Studente con una media della “B” alla High School, prosegui` i suoi studi all’Occidental College con una media della “C” forse a causa del crack fumato,. Il fatto che Obama sia entrato nell’élitaria Columbia University, e poi abbia studiato legge ad Harvard, sfida ogni logica. Le presunte trascrizioni della Ivy League di Obama e i risultati degli esami della barra rimangono non disponibili fino ad oggi.

Proveniente da una famiglia distrutta e disfunzionale dai mezzi modesti, la questione di chi abbia pagato per queste scuole estremamente costose è un mistero. Durante gli anni ’90, invece di esercitare la legge, Obama lavoro` come “organizzatore di comunità” ad Alinskyite, Chicago.

Venne quindi eletto senza opposizione alla legislatura dell’Illinois nel ’96, dopo che il suo avversario, Alice Palmer, venne esclusa per “irregolarita”.

Obama lancio` la sua campagna elettorale nel salotto del suo amico e scrittore, William Ayers, capo della banda di assassini comunisti Weathermen la quale terrorizzo` Chicago nel 1968.

Nel 2004, il popolare senatore repubblicano degli Stati Uniti, Peter Fitzgerald, inspiegabilmente annuncio` di non voler essere rieletto. Il predecessore democratico di Fitzgerald, Carol Mosely Braun, rinuncio` altrettanto stranamente al suo vecchio posto. Il percorso era ora chiaro e spianato per questo misterioso sconosciuto. Nelle primarie democratiche, Obama sconfisse il ben conosciuto, e molto meglio finanziato, Blair Hull dopo che emersero dettagli imbarazzanti sul precedente matrimonio di Hull.

Nelle elezioni generali, l’avversario repubblicano di Obama, Jack Ryan, si ritiro` dalla competizione, dopo che il tribunale del sionista George Zell, il Chicago Tribune, riusci` a mettere le mani su imbarazzanti documenti riguardo il divorzio di Ryan.

Uno per uno, tutti i grandi nomi sul percorso di Obama (Palmer, Fitzgerald, Mosely-Braun, Hull, Ryan) vennero rimossi da una forza invisibile.

“Barry” fumava crack al college. Come ha fatto uno studente da C ad entrare in una scuola della Ivy League? Perché non vuole rilasciare le trascrizioni del college? Chi ha pagato per queste costose scuole? Perché Obama non ha mai praticato legge dopo essersi laureato in legge ad Harvard? Chi gli ha offerto un lavoro di insegnante a Chicago?

NOVEMBRE 2004-GENNAIO 2005: GLI STATI UNITI INSCENANO LA RIVOLUZIONE ARANCIONE

Esattamente un anno dopo la falsa “rivoluzione delle rose” in Georgia, George Soros e la banda del NWO ripetono lo stesso spettacolo in Ucraina, un’altra ex repubblica sovietica amica della Russia di Vladimir Putin.

Quando il candidato globalista Viktor Yushenko perse all’elezione presidenziale contro Viktor Yanukovich, scoppiarono ancora delle “proteste spontanee”. Ovviamente, i dimostranti di Soros / CIA accusarono il governo appena eletto di “frodi elettorali”. L’accusa infondata venne amplificata dalla stampa occidentale. Putin fu anche accusato di voler avvelenare Yushenko.

Come nel caso della Georgia, al mondo viene mostrato un set hollywoodiano pieno di musica e bandiere arancioni. Sotto un’intensa pressione dall’esterno, unita a una pressione controllata dall’interno, si terrà una seconda elezione nel dicembre 2005. Questa volta, il burattino dei Globalisti vinse.

La Rivoluzione arancione si tradurra` in un altro stato fantoccio ostile che venne istituito al confine con la Russia. Nel 2010, gli ucraini scaricheranno il loro presidente globalista e ristabiliranno legami amichevoli con la loro nazione sorella, la Russia.

Un’altra falsa “rivoluzione colorata” al confine con la Russia.

2006: IL PRESIDENTE RUSSO PUTIN SFIDA APERTAMENTE IL NUOVO ORDINE MONDIALE

Vladimir Putin divenne il successore di Boris Eltsin nel 2000 e riconquisto` il controllo della Russia dai criminali “oligarchi” che avevano violentato le finanze del paese. Putin è un patriota che rispetta la cultura e il patrimonio della Russia, tra cui la religione ortodossa e il passato romano.

Putin non tollererà la curiosa ossessione americana di piazzare missili in Polonia.

Putin chiari` che non sarà controllato dal Nuovo Ordine Mondiale (il “Mondo Uni-Polare” come lo chiama). In un discorso del 2006 dove condanno` il Globalismo:

“Il mondo Uni-Polare fa riferimento ad un mondo in cui c’è un solo padrone, un sovrano, un centro di autorità, un centro di forza, un centro decisionale. Questo è pernicioso”

Putin dice “Nyet” a un nuovo ordine mondiale mentre la guerrafondaia NATO si espande fino ai confini della Russia!

2006: PUTIN METTE ASSIEME I BRIC

I ministri degli esteri di quelli che in seguito saranno conosciuti come i primi quattro Stati BRIC (Brasile, Russia, India e Cina) si incontreranno a New York nel settembre 2006. Inizio` dunque una serie di incontri ad alto livello tra i giganti in via di sviluppo. Un incontro diplomatico su vasta scala si terrà a Ekaterinburg, in Russia, nel maggio 2008.

I BRIC emergeranno come un’organizzazione internazionale indipendente che facilita la cooperazione commerciale, politica e culturale tra i suoi membri. Nel 2010, il Sud Africa entro` a far parte dei BRIC, diventando così BRICS.

La differenza fondamentale tra i BRICS (e anche la SCO – Shangai Cooperation Organization), e gli organismi globalisti come l’UE e il NAFTA, è che SCO & BRICS si confrontano a vicenda come uguali; senza un potere centralizzato che assorbe gradualmente la sovranita` nazionale degli stati membri. I BRICS e gli SCO sono come un gruppo di vicini che collaborano per organizzare un mercatino dell’usato, o una festa; gli enti del Nuovo Ordine Mondiale, invece, sono come un’associazione di condomini prepotente.

Coneel Sebal, ex ministro degli Esteri indiano, riassume molto sinteticamente:

“L’Occidente ha paura dei BRICS perché non ne ha il controllo”.

Lo stesso Putin spiega:

“La capacità di scendere a compromessi non è una cortesia diplomatica nei confronti di un partner, lo e` piuttosto prendere in considerazione e rispettare gli interessi legittimi del tuo partner.”

Non c’e` dunque da stupirsi se il Brasile (così come l’Argentina e il Venezuela) abbia abbandonato i piani statunitensi per stabilire l’FTAA (Area di libero scambio delle Americhe); scegliendo invece di unirsi al club di Putin.

Tenetelo presente la prossima volta che delle proteste “spontanee” scoppieranno in Brasile (come accaduto nel 2013) o in Venezuela (come accaduto nel 2014).

1: la SCO euroasiatica in Russia e Cina sta crescendo rapidamente.

2: Putin fonda i BRIC

3: Putin crea stretti legami con la Cina

11 SETTEMBRE 2006: PUTIN DONA ALL’AMERICA UN MONUMENTO PER COMMEMORARE L’ANNIVERSARIO DEI 5 ANNI DALL’11 SETTEMBRE 2001/ I MEDIA NON RIPORTANO L’EVENTO

Sono passati cinque anni dagli attacchi dell’11 settembre e il governo degli Stati Uniti deve ancora costruire un memoriale alle vittime che ha effettivamente ucciso. Ora, il presidente russo Putin presenta all’America una scultura per commemorare le torri cadute. L’opera d’arte si chiama “The Tear Drop Memorial”. È costituita da una torre alta 100 piedi, con un’enorme fessura aperta nel mezzo.

All’interno della fessura possiamo vedere una “lacrima” enorme progettata effettivamente per “lacrimare”. La base del monumento è circondata da un muro di marmo con i nomi di tutte le 3000 vittime incisi.

Rifiutando di collocare il monumento a Manhattan o sul panoramico lungomare di Jersey City, le autorità scaricano invece il dono di Putin in un luogo sconosciuto e invisibile a Bayonne, nel New Jersey. (dietro ad una discarica!) I media non parlano del memoriale.

Il monumento è a malapena noto, anche tra i residenti locali di Bayonne! Un membro del consiglio di Bonneonne è felice di ospitare il monumento, ma è sconcertato dal rifiuto di Jersey City di farlo.

“Questo è un bellissimo memoriale, non so perché (Jersey City) non lo volesse, non abbiamo nemmeno soldi per mantenere la lacrima operativa, quindi rimane asciutto”.

Jersey City si trova proprio di fronte al fiume, dove si trovavano le Torri Gemelle. Putin fece un bellissimo gesto verso l’America. I globalisti, tuttavia, in previsione dell’eventuale conflitto con le potenze indipendenti alleate di Russia e Cina, volevano ritrarre Putin come il Grande male.

Questo è il motivo per cui il regalo commemorativo dell’11 settembre dalla Russia rimane sconosciuto agli americani

Il memoriale di 100 piedi russo è stato scaricato a Bayonne, nel New Jersey e sepolto dai media

2006: IL FILM DI AL GORE PROMUOVE LE FALSITA` DEL “CAMBIAMENTO CLIMATICO”

“An Inconvenient Truth” è un film di propaganda del 2006 prodotto dell’ex vice presidente degli Stati Uniti Al Gore, per educare i cittadini sul “riscaldamento globale”. A causa dell’intensa campagna mediatica che circondo` il film, fu un successo ai botteghini stimolando di conseguenza il movimento ambientalista.

I globalisti sanno che la loro fiaba sul riscaldamento globale è stata screditata da scienziati onesti, utilizzarono tuttavia l’orribile bufala come tattica per imporre tasse sul biossido di carbonio, riducendo gli standard di vita ed erodendo la sovranità nazionale. Ogni anno, la spazzatura globalista non scientifica di Gore viene mostrata a milioni di giovani impressionabili.

Gore stesso è un membro del CFR; e sua figlia Karenna si sposò con la famiglia marxista-sionista degli Schiff. Gore sta facendo una fortuna promuovendo la beffa, vinse un Oscar, vinse un premio Pulitzer per il suo libro sull’argomento e, ovviamente, vinse un premio Nobel per la pace.

Nel 2010, Gore subi` una disgrazia personale e pubblica dopo che fu accusato di abusi sessuali su una massaggiatrice. Sua moglie divorzio` dal pervertito ambientalista poco dopo.

Il clan Rothschild ha le mani in pasta ovunque! David de Rothschild ha scritto “The Global Warming Survival Handbook”.

NOVEMBRE 2007: LE RIVOLUZIONI CIA NON HANNO SUCCESSO IN RUSSIA

Quando i globalisti scatenarono una “rivoluzione colorata” contro la Russia, Vladimir Putin era pronto. L’uomo scelto dalla banda Rothschild / Soros / Brzezinski / CIA è il leggendario campione di scacchi, Garry Kasparov (nato Garry Weinstein) Kasparov e 3000 membri di “Other Russia” inscenarono una manifestazione anti-Putin a San Pietroburgo. La polizia aggredi` gli attivisti e ne imprigiono` quasi 200, incluso lo stesso Kasparov.

L’arrogante Kasparov era ora considerato come un traditore dalla maggior parte dei russi. La sua popolarità era così bassa, che decise di abbandonare la sua corsa per Presidente della Russia nel 2008.

23 LUGLIO 2008: 200.000 TEDESCHI ESULTANO DAVANTI AL CANDIDATO PRESIDENTE BARACK OBAMA

Più di 60 anni dopo la guerra, i tedeschi continuano ad odiare se stessi grazie alla propaganda globalista, cio` ha danneggiato profondamente un popolo un tempo orgoglioso. Il senso di colpa prodotto dal “nazismo” e il clamore dei media globalisti si combinarono per creare il tragicomico spettacolo dell'”Obama-mania” del 2008.

A Berlino, 200.000 tedeschi imbecilli diedero un delirante benvenuto al candidato alle presidenziali Barack Obama. L’adulazione di massa che negli anni passati fu mostrata per l’anti-globalista tedesco Adolf Hitler, viene ora conferita ad un pagliaccio marxista senza istruzione che non ha mai avuto un vero lavoro e che non è ancora stato eletto! Obama mostra i suoi colori globalisti dichiarando davanti alla folla:

“Stasera, parlo davanti a voi non come un candidato alla presidenza, ma come cittadino – un fiero cittadino degli Stati Uniti, e un concittadino del mondo.”

Poi si e` messo a fare propaganda sul riscaldamento globale:

“Questo è il momento in cui dobbiamo metterci insieme per salvare il pianeta. Cerchiamo di trovare una soluzione: non lasciamo ai nostri figli un mondo in cui gli oceani si alzano, dove le carestie aumentano e terribili tempeste devastano le nostre terre. … Questo è il momento di dare ai nostri figli il loro futuro. …. di agire come uno “.

I tedeschi erano incantanti. I padroni globalisti di Obama si devono essere sicuramente divertiti guardando la stupidita` del popolo tedesco.

8 AGOSTO 2008: LO STATO FANTOCCIO DELLA GEORGIA ATTACCA IL PROTECTORATO RUSSO DELL’OSSETIA DEL SUD!

Il primo ministro russo Vladimir Putin e il presidente degli Stati Uniti George Bush erano seduti l’uno accanto all’altro mentre guardavano le cerimonie di apertura delle Olimpiadi del 2008 a Pechino, in Cina. Quando Putin venne informato che lo stato fantoccio della Georgia aveva invaso l’Ossezia del Sud – un piccolo stato indipendente i cui abitanti sono cittadini russi – punto` il dito contro Bush e si precipito` fuori dallo stadio. I leader russi Putin e Medvedev ordinarono alle truppe russe di mobilitarsi, ma quando arrivarono per liberare l’Ossezia, 2.000 civili furibi uccisi dall’esercito georgiano equipaggiato dagli Stati Uniti / Israele.

I russi sbaragliano rapidamente e in modo impressionante gli invasori georgiani, rincorrendoli nel profondo del territorio georgiano.
In modo simile alle bugie che circondavano il conflitto tedesco-polacco del 1939, i media globalisti riferirono poi che la Russia aveva “invaso” la Georgia. Brzezinski affermo` che Putin era come “Hitler”.

Non si fece menzione del fatto che sia stata la Georgia (finananziata dagli Stati Uniti) a versare il primo sangue con i russi.

Lo stato fantoccio della Georgia attacca la Russia e viene colpito duramente

OTTOBRE 2008: DEMOCRATICI E REPUBBLICANI UNITI PER SALVARE LE BANCHE CON I SOLDI DEI CITTADINI AMERICANI

Le banche e i fondi di investimento di Wall Street beneficiarono molto dalla bolla immobiliare di Greenspan. Ora che la festa era finita, le banche chiedevano (ai contribuenti americani) $ 750 miliardi per coprire le perdite.

Mentre i criminali ben collegati come Goldman Sachs e il segretario al Tesoro Hank Paulson avevano bloccato il Congresso, i media terrorizzarono il pubblico americano con storie horror su cosa succedera` se i banchieri non saranno salvati e non verranno dati nuovi poteri alla Federal Reserve.

Il pubblico non accetto` mai la storia del salvataggio, ma questo non impedi` ai politici di derubarli. Dopo un iniziale fallimento al Congresso, il disegno di legge sul salvataggio diede il via a un secondo tentativo. Fu la più grande rapina nella storia degli Stati Uniti

I globalisti miliardari George Soros e Warren Buffett hanno beneficiato del “salvataggio” richiesto.

OTTOBRE 2008: IL POLITICO AUSTRIACO ANTI GLOBALISTA JORG HAIDER UCCISO IN UNO STRANO INCIDENTE

Jorg Haider, il leader storico del Partito della libertà austriaco, era stato governatore della Carinzia e in seguito presidente dell’Alleanza per il futuro dell’Austria. Haider aveva attirato l’ira dei globalisti e dei gruppi ebraici lodando le politiche economiche di Adolf Hitler e inveendo contro i “banchieri internazionali”. Haider ha anche sostenuto apertamente Muammar Gheddafi della Libia e Saddam Hussein dell’Iraq.

Haider era strettamente sorvegliato dal Mossad di Israele, a causa dei presunti contatti di Haider con i “negazionisti dell’Olocausto”, il 29 settembre 2008 il ministero degli Esteri israeliano dichiaro` di essere fortemente preoccupato per le elezioni austriache del 2008.

Un portavoce del ministero affermo` che i funzionari israeliani:

“… sono molto preoccupati per l’ascesa al potere di persone che promuovono l’odio, la negazione dell’Olocausto e fanno amicizia con i neo-nazisti, lo vediono come uno sviluppo inquietante e stanno seguendo la questione da vicino”

Entro due settimane da quella dichiarazione, Haider mori` in un incidente automobilistico nello stato della Carinzia. Stava andando a celebrare il 90 ° compleanno di sua madre.

Haider incontra Gheddafi – Haider incontra Hussein – Haider incontra il Mossad

OTTOBRE 2008: LA TERRIBILE PROFEZIA DI WEBSTER GRIFFIN TARPLEY

Gli astuti osservatori della geopolitica non sono stati ingannati dall’Obama-Mania. L’autore e storico Dr. Webster Griffin Tarpley identifico` rapidamente l’inganno di Obama e cerco` di avvisare il popolo americano.

Prima che Obama venisse eletto, Tarpley affermo`:

“Il progetto della prossima amministrazione, se si tratta di Obama, è di distruggere sia la Russia che la Cina. Le persone in Europa dovrebbero svegliarsi. Quella sciocca illusione romantica che hanno di Obama svanira` velocemente … La politica estera di Obama sara` quella di avere una resa dei conti globale con la Russia e la Cina. “

Webster Tarpley ha affermato con assoluta certezza che il candidato alla “pace” Obama, se eletto, avrebbe manovrato gli Stati Uniti in guerra con la Russia e la Cina

4 NOVEMBRE 2008: LA MENZOGNA DI OBAMA VIENE PERPETRATA IN TUTTA AMERICA

Barack Obama, l’agitatore di Chicago e organizzatore di brogli elettorali, completa la sua rapida ascesa mediatica alla presidenza. Un attivista marxista con stretti legami con gli ex terroristi William Ayers e Jeff Jones; Obama è l’ultimo burattino del miliardario globalista George Soros e della banda bancaria internazionale. L’ebreo-ungherese Soros (CFR – Consiglio di amministrazione) e la sua folla pagata di attivisti liberali versarono milioni di dollari e innumerevoli ore di lavoro per ottenere l’elezione di Obama.

Dopo aver sconfitto Hillary Clinton (CFR, TC) nelle Primarie democratiche, e successivamente un debole e disinteressato senatore repubblicano John McCain (CFR), Obama si mosse rapidamente nei suoi “primi 100 giorni”, ideoun altro piano di salvataggio per la General Motors e fece dei progressi nella sanita pubblica socialista permettendo a Goldman Sachs di saccheggiare il Tesoro, dando nuovi poteri alla Fed ed espandendo il ruolo militare dell’America in Asia.

Molti criticarono Obama per le spese esorbitanti venendo prontamente denunciati come “razzisti” dai media, mentre cominciarono ad emergere prove credibili riguardo alla sua omosessualita` e ineleggibilità dovuta al fatto che sia nato in un paese straniero.

Obama è una creazione artificiale nata dalla più intensa campagna pubblicitaria mediatica della storia. Installando un uomo di colore come presidente, i globalisti possono far avanzare la loro agenda in modo più radicale che mai. La paura di essere definiti “razzisti”, e la cazzata del “white privilege”, protessero il presidente marxista dalla condanna che si merita.


1- L’inganno di Obama di Alex Jones – un film ben fatto

2- Rothschild’s Choice – una presentazione video di Texe Marrs – spiega chi sono veramente le forze dietro a Obama.

3- Barack Obama è un burattino interamente posseduto da George Soros – che è egli stesso collegato ai Rothschild.

15 COPERTINE SUL TIME SOLO NEL 2008!

DICEMBRE 2008: OPERAZIONE “CAST LEAD”/ ISRAELE UCCIDE 1400 PALESTINESI INNOCENTI

Razzi di origine sconosciuta stanno schiantandosi in aree disabitate di Israele. Gli israeliani accusarono i guerriglieri palestinesi degli attacchi. Usando i razzi come pretesto, Israele lancio` una campagna terroristica di 3 settimane contro i profughi palestinesi intrappolati nella striscia di Gaza. L’operazione militare è denominata in codice: “Cast Lead”. La campagna di bombardamento è seguita da un’invasione di terra. Alla fine, 1400 arabi morirono, soprattutto donne e bambini.

Le vittime israeliane ammontarono a 11. Nonostante le chiare prove che Israele abbia bombardato quartieri densamente popolati con bombe al fosforo bianco che sciolgono la pelle, gli Stati Uniti difesero a spada tratta la campagnia terroristica di Israele.

Le immagini dei bambini palestinesi morti sono oscurate dai media sionisti.

1- “Da Israele con amore”. I bambini delle scuole israeliane scrivono messaggi sulle bombe destinate ai palestinesi.

2- I coloni israeliani provocano una donna palestinese la cui casa è stata occupata.

2009: GEORGE SOROS VUOLE CHE LA CINA FACCIA PARTE DEL NUOVO ORDINE MONDIALE

Il miliardario George Soros. (CFR) chiese un nuovo ordine mondiale e un declino gestito del dollaro USA. Soros è preoccupato che la nuova Cina stia agendo troppo nei propri interessi nazionali. In un’intervista al Financial Times, affermo`:

“Penso che ci sia bisogno di un nuovo ordine mondiale e che la Cina debba farne parte”.

Il piano Globalista di accerchiare la Cina e la Russia è la vera ragione delle avventure militari statunitensi in Asia, così come delle “rivoluzioni colorate” sponsorizzate dalla CIA in Europa, Asia e Nord Africa. Resta da vedere se questa nuova dinamica e nazionalista Cina diventerà pienamente globalista, o si alleera` con la Russia contro il prossimo scontro globalista.

APRILE 2010: LEADER POLITICI E MILITARI POLACCHI UCCISI IN UN INCIDENTE AEREO

 

 

Sebbene sia un membro dell’Unione Europea; il governo polacco ha fortemente contrastato le politiche dell’Unione europea in materia di economia e “riscaldamento globale”. Inoltre, sembra che la Polonia potrebbe essere in procinto di “ricostruire i ponti” con la Russia.

Nel 2010, Putin & Medvedev invitarono le persone più potenti in Polonia per partecipare ad un servizio commemorativo in onore delle vittime polacche del massacro di Stalin nella Katyn Forest del 1940. Tra questi il presidente polacco Lech Kaczynski, il capo dello Stato maggiore polacco e altri alti ufficiali militari polacchi, il presidente della Banca Centrale di Polonia e decine di altri membri del governo e del Parlamento polacco.

Un incidente – vicino alla foresta di Katyn – circondato da anomalie molto insolite, decapito` il governo polacco. Si e` trattato di un incidente molto strano, per non dire altro. Il fatto che la Polonia sia diventata molto più anti-russa e obbediente all’UE aggiunge ulteriore intrigo a questo bizzarro evento.

Nessun sopravvissuto. Le indagini russe, guidate da Putin, accusarono i piloti polacchi. Forse Putin sa qualcosa?

2010: OBAMA E LA FED INONDANO IL MONDO CON SOLDI SENZA VALORE/ IL DOLLARO PERDE POTERE D’ACQUISTO

In un chiaro segnale che i banchieri internazionali globalisti si sono impegnati a distruggere la valuta americana, il presidente della Fed Benjamin Shalom Bernanke (CFR) organizzo` l’acquisto diretto di $ 600 miliardi di debito USA (obbligazioni). L’acquisto fu fatto con denaro che la Fed, di proprietà privata, creo` “dal nulla”.

Come previsto, i prezzi delle materie prime quali cereali, carni, petrolio e metalli aumentarono costantemente nel 2010 e oltre. Mentre gli americani venivano derubati del vero tasso di inflazione di Bernanke, ovvero il 5% + all’anno, la disoccupazione si aggirava intorno al 20%.

I media di Establishment, tuttavia, continuarono a riportare un falso tasso di disoccupazione del 9% e un falso tasso d’inflazione dell’1%!

L’America è nei guai e molte persone stanno iniziando a realizzarlo.

6/7 NOVEMBRE 2010: I BANCHIERI CELEBRANO IL 100ESIMO ANNIVERSARIO  DELL’INCONTRO SEGRETO A JEKYLL ISLAND

In una straordinaria dimostrazione di arroganza, i poteri dietro la Federal Reserve tornarono a Jekyll Island per celebrare il 100 ° anniversario della famigerata riunione cospiratoria che ha dato vita alla Riserva Federale degli Stati Uniti.

Nel 1910, i banchieri dovettero incontrarsi in segreto, ma oggi hanno la possibilita` di incontrarsi apertamente senza dover temere di nascondere il fatto che l’incontro originale di Jekyll Island fu in realtà una cospirazione di Rockefeller-Morgan-Warburg-Schiff-Rothschild!

Il titolo della conferenza è “Un ritorno a Jekyll Island: The Origins, History, and Future of the Federal Reserve”, e si svolse il 5 e il 6 novembre nello stesso edificio in cui si svolse l’incontro originale del 1910.

Greenspan & Bernanke celebrano i 100 anni della cospirazione sionista atta a derubare il popolo americano visitando la stanza in cui Paul Warburg, Nelson Aldrich e J.P. Morgan ordirono la loro trama per controllare l’offerta di moneta americana.

2008-2011: LE FAZIONI DEL NUOVO ORDINE MONDIALE SONO DIVISE SU COME SPODESTARE IL GOVERNO IRANIANO

Il governo pacifico dell’Iran è stato preso di mira dal Nuovo Ordine Mondiale. Tra la fazione globalista pura George Soros-Bilderberger e la fazione radicale sionista del Nuovo Ordine Mondiale, c’è una profonda spaccatura su come rovesciare l’Iran.

I globalisti del Bilderberger ritengono che un’invasione militare dell’Iran sia costosa e rischiosa. Preferiscono sovvertire internamente l’Iran con una “Rivoluzione cromatica” della CIA, mentre i sionisti non hanno pazienza per le manovre a lungo termine e vogliono invadere l’Iran ora!

La disputa intra-rete è così vivace che a un certo punto, il Globalista Zbigniew Brzezinski suggeri` apertamente che gli Stati Uniti avrebbero dovuto abbattere gli aerei israeliani se avessero tentato di bombardare l’Iran! I sionisti risposero usando alcune delle loro radio “conservatrici” per parlare negativamente di George Soros e persino delle conferenze Bilderberg … I Bilderberger / Trilateralisti reagirono facendo emergere gli scandali legati al capo della FOX News e magnate neo-con Rupert Murdoch.

1- Il globalista Brzezinski vide l’aggressione di Israele come una seccatura che complichera` gli sforzi per affrontare la Russia e finalizzare il Nuovo Ordine Mondiale

1- I 17 principali gruppi ebraici pubblicarono un annuncio a tutta pagina sul New York Times descrivendo il presidente iraniano come un pazzo.

 

 

Storia Proibita: La TimeLine del Nuovo Ordine Mondiale (1971-1980)

1971: L’AGITATORE MARXISTA SAUL ALINSKI PUBBLICA “RULES FOR RADICALS”

Saul Alinsky è un marxista di Chicago che odia l’America, nato da immigrati ebrei russi fuggiti dalle rivolte antisemite e antimarxiste della Russia zarista. Alinsky è il fondatore di una “tattica di agitazione” conosciuta come “organizzazione di comunità”. Alinksy crede che l’America sia troppo forte per essere abbattuta dalla rivoluzione violenta. Invece di inefficaci violenze, Alinsky consiglia ai giovani radicali di diventare attivi nelle loro comunità locali e di infiltrarsi nel sistema politico. Gli organizzatori di comunità sono molto abili nella guerra politica, portano agitazione nei quartieri neri e cercano di sabotare le elezioni.

Il suo classico del 1971, Rules for Radicals, è dedicato a Satana, il primo rivoluzionario secondo Alinsky. RFR sarà una sorta di bibbia per gli agitatori, gli organizzatori di brogli elettorali e gli attivisti liberali. Stabilisce strategie intelligenti per infiltrarsi nel sistema con l’intento di sovvertirlo dall’interno.

Tra i noti devoti di Alinsky ci sono la futura First Lady Hillary Clinton, che ha scritto la sua tesi di laurea sulle idee di Alinksy. Un altro futuro studente delle tattiche di Alinsky è il presidente Barack Obama, che lavorerà effettivamente come “organizzatore di comunità” a Chicago negli anni ’90.

Alinsky insegnò ai radicali marxisti degli anni ’60 come infiltrarsi all’interno delle istituzioni americane. Hillary e Obama hanno entrambi studiato i suoi lavori

DICEMBRE 1970: VIENE FONDATA L’AGENZIA PER LA PROTEZIONE DELL’AMBIENTE

L’isteria ambientale guidata dai media culmina con l’istituzione di un nuovo dipartimento del governo. L’Agenzia per la protezione dell’ambiente (EPA) avra` a sua disposizione ampi poteri per “proteggere l’ambiente”.

Con il passare dell’anno, regolamentazioni ambientali non necessarie, eccessive e dittatoriali renderanno molte aziende americane incapaci di competere con le controparti straniere. Insieme a pesanti tassazioni e contenziosi frivoli, i regolamenti EPA, spesso basati su “scienza spazzatura”, hanno costretto gli americani a chiudere le loro attivita` o li hanno costretti a trasferirsi all’estero.

Citando la burla del “Global Warming”, l’EPA oggi sta facendo salire le bollette dell’elettricità, erodendo la sovranità nazionale e distruggendo posti di lavoro.

Sotto pressione, il presunto “conservatore” Nixon ha notevolmente ampliato le dimensioni e il potere distruttivo del governo federale.

AGOSTO 1971: NIXON RECIDE OGNI COLLEGAMENTO TRA ORO E DOLLARO

Il presidente Richard Nixon (CFR) sciocco` i conservatori quando porto` gli Stati Uniti completamente fuori dallo Standard Aureo. Prima di questa mossa, il complesso governativo / federale non poteva prendere in prestito o creare nuova valuta “dal nulla” a meno che non avesse una certa porzione di quella quantità di oro in deposito a Fort Knox. Ora che lo standard aureo e` stato eliminato, gli Stati Uniti possono spendere incautamente per poi prendere in prestito denaro contraffatto dalla Federal Reserve di proprietà sionista. Questa è la vera causa dell ‘”inflazione”.

Negli anni successivi, il valore del dollaro diminui`. Quando i partner commerciali stranieri come le nazioni arabe videro che il dollaro ora valeva 35 centesimi, triplicarono il prezzo del petrolio per compensare. Quando i prezzi del gas triplicano da 0,50 cent a gallone a $ 1,50, “le nazioni OPEC” vennero accusate per la recessione inflazionistica.

FEBBRAIO 1972: NIXON VISITA MAO IN CINA/ IL PRESIDENTE AMERICANO PARLA DI UN NUOVO ORDINE MONDIALE

Mao non è solo uno dei più grandi assassini di massa nella storia del mondo, la sua banda ha anche assassinato i prigionieri di guerra statunitensi durante la guerra di Corea. Questo non significa nulla per i globalisti del CFR e per l'”anti-comunista” Richard Nixon.

Mao servi` gli obiettivi globalisti consolidando la Cina di Chiang Kai Shek sotto il controllo statale centralizzato. Gli oceani di sangue che ha versato, in questo modo, non riguardarono i globalisti. Era giunto il momento di “aprire” la Cina ad una graduale transizione futura nel Nuovo Ordine Mondiale.

A tal fine, Nixon andra` in Cina come aveva fatto l’anno prima il Segretario di Stato Henry Kissinger (CFR). In un discorso davanti a Mao, Nixon esprime il suo desiderio di “costruire un nuovo ordine mondiale” che includa (intrappoli) la Cina di Mao. Questa visita segna l’inizio della crescita economica della Cina e della sua transizione nella “comunità mondiale”.

Ironia della sorte, entro 30 anni, una Cina post-comunista e più orientata al mercato inizierà a dimostrare tendenze nazionaliste indipendenti – un’offesa intollerabile per i globalisti.

Con le mani sporche del sangue di milioni di persone Mao stringe la mano a Nixon

MAGGIO 1972: IL GOVERNATORE DELL’ALABAMA, WALLANCE SFIDA L’ENSTABLISHMENT

Il governatore George Wallace era candidato con i democratici per la presidenza nel ’64, e di nuovo come candidato al partito nel 1968. Era un populista anti-establishment e segui` la tradizione di Huey Long (assassinato nel 1935 mentre era in procinto di sfidare FDR all’interno del suo stesso partito). Wallace era un nazionalista che voleva vincere la guerra del Vietnam velocemente o ritirarsi totalmente. È anticomunista, si oppone agli aiuti stranieri e si oppone al Globalismo.
Facendo eco a Huey Long, Wallace dichiaro`: “Non c’è minima differenza tra repubblicani e democratici”.

Nel gennaio del 1972, Wallace si dichiaro` nuovamente candidato democratico`, entrando in campo contro i liberali George McGovern e Hubert Humphrey. Nelle elezioni primarie della Florida, Wallace ebbe i voti di ogni singola contea! Per i prossimi quattro mesi, la campagna di Wallace fu un successo. Poi, durante una campagna nel Maryland il 15 maggio, venne colpito da 5 colpi di pistola da “un pistolero solitario” Arthur Bremer. Il governatore Wallace rimane paralizzato e la sua campagna termina, anche se continua a vincere altre due primarie.

Come RFK nel 1968, Wallace è stato ucciso prima che potesse vincere la nomination democratica.

GENNAIO 1973: HENRY KISSINGER TRADISCE L’AMERICA IN VIETNAM/ ABBANDONA I PRIGIONIERI DI GUERRA STATUNITENSI AI COMUNISTI

Negli accordi di pace di Parigi del 1973, gli Stati Uniti accettano di porre fine alla guerra del Vietnam. I negoziatori per i colloqui sono l’agente Rockefeller Henry Kissinger (CFR) per gli Stati Uniti e Le Duc Tho per il Vietnam del nord comunista. Per la gioia dei media statunitensi, Kissinger premia il Vietnam del Nord. Non solo il Nord potra` continuare ad occupare il Sud con le sue truppe ma l’assetto politico postbellico è configurato in modo tale da garantire un dominio comunista del Vietnam del Sud dopo la guerra.

Desideroso di concludere la guerra e vincere il premio Nobel per la pace, il sionista Kissinger rinuncia consapevolmente ai prigionieri di guerra americani ancora detenuti dai comunisti. Kissinger e Le Duc riceveranno entrambi premi Nobel per la pace.

Henry the K “e Comunist Le Duc – Henry è tutto sorrisi mentre tradisce sia i prigionieri di guerra del sud che degli Stati Uniti.

22 GENNAIO 1973: L’AMERICA RENDE LEGALE L’ABORTO

Il complesso globalista / comunista non ha mai avuto alcun riguardo per la vita umana, nata o non nata. Il suo ultimo successo pro-morte / anti-moralità è la decisione della Corte Suprema, che ignora i diritti degli stati, e rende l’aborto legale. Questa decisione ha impoverito la cultura moderna, inaugurando un’era (1973-Presente) in cui donne americane disinformate hanno aborti (40 milioni e passa!)

Ironia della sorte, la querelante nel caso, una donna del Texas di nome Norma McCorvey (soprannominata Jane Roe), negli anni successivi, avrebbe rimpianto la sua decisione di abortire diventando un feroce attivista pro-life.

Anche se il dibattito sull’aborto infuria fino ai giorni nostri, i media globalisti non mostrano MAI al pubblico alcuna immagine di ciò che veramente e` un aborto. Le femministe e i media promuovono il mito secondo il quale un bambino non nato è solo “una massa di cellule”. La maggior parte delle persone a favore dell’aborto, appena vedono immagini o video su cosa sia un aborto, iniziano subito a rivedere la propria posizione. Ecco perché le immagini in cui si illustrano le procedure dell’aborto sono nascoste alla vista pubblica.

La cultura della morte! I media globalisti non ti mostreranno mai che aspetto ha un bambino abortito.

LUGLIO 1973: DAIVD ROCKEFELLER E ZBIGNIEW BREZEZSKI FONDANO LA COMMISSIONE TRILATERALE

La Commissione trilaterale (TC) fu istituita per favorire la cooperazione tra Stati Uniti, Europa e Giappone. Il presidente del CFR David Rockefeller aveva proposto la sua creazione alla riunione del Bilderberg nel 1972. Il professor della Columbia Zbigniew.Brzezinski, organizzo` la TC, reclutando 300 persone tra l’élite della finanza, dell’economia, della politica e dei media.

Il tenente Goldwater accuso` la TC di essere un complotto:

“La Commissione Trilaterale rappresenta uno sforzo abile e coordinato per prendere il controllo e consolidare i centri del potere … Ciò che i trilateralisti intendono è la creazione di un potere economico mondiale superiore ai governi politici degli stati nazionali coinvolti. Come gestori del sistema, governeranno il futuro. “

Larry McDonald, leader del Georgia Congressman e della Birch Society, richiese l’avvio di un’indagine.

GLOBO-DEMONI! I fondatori della Commissione Trilaterale: Z-big, Henry the K e King David Rockefeller. Il logo sembra rappresentare un 6-6-6.

SETTEMBRE 1973: AUGUSTO PINOCHET METTE IN SCENA UN COLPO DI STATO ANTI MARXISTA IN CILE

La “sinistra” comunista è in subbuglio per un colpo di stato anti-marxista in Cile. Il generale Augusto Pinochet ne ha abbastanza del governo socialista “democratico” del marxista Salvador Allende. Prendendo il potere, Pinochet scaccio` la feccia marxista che ha devastato l’economia del Cile. Ridimensiono` il governo, taglio` le tasse e privatizzo` le industrie statali.

Sotto la pressione dalla “comunità mondiale”, l’amato generale lascio` il govrno nel 1990. Come risultato delle sue riforme, il Cile è ancora l’economia più prospera del Sud America. I globalisti non amano essere imbarazzati in questo modo. In Gran Bretagna, per un intervento chirurgico alla schiena, nel 1998, l’85enne Pinochet fu arrestato per “violazioni dei diritti umani” commesse contro i comunisti spagnoli.

Ironicamente, il capo comunista cubano Fidel Castro, i cui plotoni hanno ucciso migliaia di prigionieri e le cui carceri sono famose per torturare i prigionieri politici , è stato premiato in Spagna nello stesso momento in cui venne emesso il mandato per Pinochet. Pinochet fu finalmente rilasciato, ma sarà perseguitato dagli “intellettuali” del Cile fino alla sua morte nel 2006.

1- Euro-globalisti arrestarono Pinochet nel 1998. Morì nel 2006
2- Allende con Castro
3- Il Generale Pinochet ha salvato il Cile

1975: GLI AMERICANI SE NE VANNO DAL VIETNAM CON LA CODA TRA LE GAMBE/ I ROSSI UCCIDONO MILIONI DI PERSONE

L’improvvisa partenza degli USA lasciò gli alleati sud vietnamiti destabilizzati indifesi e nelle mani dei comunisti del Nord. Milioni di pro-americani terrorizzati cercano di scappare su barconi mal ridotti per fuggire dai comunisti che, come al solito, iniziarono ad uccidere, torturare e arrestare i loro nemici.

Destabilizzata, anche la vicina nazione della Cambogia cade al comunismo. Lì, il “Khmer Rouge” uccide 2 milioni di persone (1/3 della popolazione!) Il globalista Henry Kissinger (CFR / TC) – e gli “attivisti pacifisti” amanti del marxismo che hanno così ostacolato lo sforzo bellico americano – non versarono alcuna lacrima.

Spinti in mare dagli amici comunisti di Kissinger, moriranno circa in 200.000.

1973-1975: DUE DIMISSIONI E DUE TENTATI OMICIDI FECERO (QUASI) ELEGGERE NELSON ROCKEFELLER A PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI

L’ambizioso governatore repubblicano Nelson Rockefeller (NY) sognava di essere presidente. I conservatori come Barry Goldwater non permetteranno mai a questo Globalista di vincere la nomination. Tuttavia dopo una serie di eventi bizzarri, stranamente simili alla rapida ascesa di Teddy Roosevelt, “Rocky” arriva letteralmente a pochi passi dal realizzare il suo sogno.

10 ottobre 1973: il vicepresidente conservatore Spiro Agnew è costretto a dimettersi per uno scandalo (spinto dai media) che riguardava un caso di “evasione fiscale”.

12 ottobre 1973: i leader del Congresso democratico costringono il presidente Nixon a selezionare Gerald Ford (TC) come vicepresidente.

9 agosto 1974: il presidente Nixon si dimette per il “Scandalo Watergate” (spinto dai media) Il vicepresidente Ford diventera` presidente.

19 dicembre 1974: con la benedizione del Congresso democratico, Ford sceglie Rockefeller come vicepresidente. I conservatori sono arrabbiati.

1974-1975: Rockefeller e Kissinger provocano divisioni all’interno dell’amministrazione Ford.

5 settembre 1975: la radicale Lynette Fromme punta la pistola contro la testa del presidente Ford, ma viene arrestata da un agente dei servizi segreti prima di poter premere il grilletto.

22 settembre 1975: la radicale Sarah Jane Moore spara a Ford, mancando la testa di soli 6 pollici. Viene affrontata da un presente mentre stava per sparare un secondo colpo.

Ford si candido` alle elezioni nel 1976, ma lascio` Rockefeller fuori dai suoi piani dopo che Goldwater e Ronald Reagan minacciarono di negare il loro supporto.

Ford, il quale presto` servizio nella Warren Commission che copri` l’omicidio di JFK, non voleva fare la stessa fine!

Una serie di eventi molto strani e due radicali squilibrati hanno reso l’elezione di Nelson Rockefeller quasi possibile

1971-1979: IL POPOLARE SHOW DELLA CBS “ALL IN THE FAMILY” FA IL LAVAGGIO DEL CERVELLO AGLI AMERICANI CON PROPAGANDA MARXISTA

Nei giorni precedenti alla TV via Cavo / Satellite, c’erano solo 3 reti (CBS, ABC, NBC) e alcuni canali locali tra cui scegliere. Dal 1971 al 1979, lo spettacolo più quotato (di gran lunga!) e` la sitcom “All in the Family”, prodotta dai sionisti-marxisti Norman Lear e Bud Yorkin.

Ambientato nel Queens, New York nel salotto della famiglia Bunker, ogni episodio contiene discussioni politiche tra Archie (vecchio repubblicano conservatore) e alcuni giovani personaggi liberali (Michael, Gloria, Irene, Lionel, Maude)

Gli argomenti di Archie vengono sempre proposti in un tono rabbioso, buffo e bigotto verso neri, ispanici ed ebrei. I liberali nello show, tuttavia sono sempre raffigurati come intelligenti e “tolleranti”.

Settimana dopo settimana, il massiccio pubblico nazionale non può fare a meno di ridere di Archie, cosi` stupido e arrabbiato.
Nel subconscio della mente pubblica, gli ideali conservatori si associano alla stupidità e all’odio, mentre le opinioni liberali sono associate all’educazione e alla tolleranza.

Nell’ultimo anno del lungo decennio di AITF, Archie “matura” in un uomo più liberale e simpatico, che accetta un socio ebreo e addirittura adotta una figlia ebrea.

Il pubblico di AITF (e altri spettacoli) non poterono rilevare la manipolazione psicologica, ma il ritratto poco lusinghiero che AITF ci propone di Archie, insieme alla sua eventuale redenzione, allontanerà gradualmente milioni di spettatori dal pensiero conservatore, verso una visione più marxista del mondo.

Il severo “conservatore” Archie urla sempre e dice cose stupide. Il suo genero “liberale”, Michael, e` quello cool.

1976-1980: IL DISASTRO DI JIMMY CARTER

A seguito dello scandalo del Water Gate e il discusso perdono di Nixon da parte di Gerald Ford per il suo ruolo nel cover-up, l’elezione del 1976 sarà sicuramente un grande anno per i democratici. Dal nulla, lo sconosciuto Governatore della Georgia venne pubblicizzato dai media democratici. Che storia fantastica! Un umile ex “agricoltore di arachidi” sconvolge l’establishment! …………

Non esattamente. A quanto pare, Jimmy Carter è un membro originale della Commissione Trilaterale. L’elezione del 1976, quindi, vede Gerald Ford (TC) contro Jimmy Carter (TC) – una vittoria per il Nuovo Ordine Mondiale. Dopo la vittoria di Carter, Brzezinski viene nominato Consigliere per la sicurezza nazionale. Nei prossimi 4 anni, “Zbig” e il suo finto burattino “coltivatore di arachidi”:

  1. Tradiranno il governo nicaraguense anticomunista. Risultato: L’anticomunista Anastasio Somosa viene esiliato. Il Nicaragua cade nelle mani dei rossi.
  2. Tradiranno il governo anti-comunista della Rhodesia. Risultato: l’anti-comunista Ian Smith viene espulso. La Rhodesia cade nelle mani del comunista razzista nero Robert Mugabe
  3. Tradiranno i ribelli anticomunisti in Angola. Risultato: il regime comunista angolano è rafforzato ed e` protetto contro le forze ribelli anticomuniste di Jonas Savimbi. (UNITA)

MARZO-MAGGIO 1978:IL PRIMO MINISTRO ITALIANO ALDO MORO VIENE RAPITO E ASSASSINATO

Henry Kissinger è molto arrabbiato con il primo ministro italiano, Aldo Moro. Di sua iniziativa e sfidando i globalisti, Moro sta elaborando un accordo con i comunisti d’Italia. Secondo i termini del “Compendio Storico”, i democristiani di Moro formeranno un governo di coalizione che includerà i comunisti. Indubbiamente ciò porterebbe ad una politica estera più neutrale nei confronti dell’Unione Sovietica.

Non è che Kissinger e i suoi amici globalisti siano “anti-comunisti”. Sono anti-russi. Che sia uno zar come Nicola; o un segretario generale comunista come Breznev; o un libero mercato democratico come Putin; l’obiettivo è sempre lo stesso: soggiogare il continente eurasiatico sotto il controllo del Globalismo.

Ogni leader nazionale che si avvicina troppo alla Russia dovrà quindi essere punito in un modo o nell’altro. Ricordiamo il destino del presidente Lincoln (ucciso), il presidente francese Carnot (ucciso), il presidente Taft (messo fuori servizio).

Il 16 marzo 1978, un’unità che si dice appartenente al gruppo militante comunista noto come le Brigate Rosse blocca il convoglio di due auto che trasporta Moro e lo rapisce, uccidendo le sue cinque guardie del corpo. Due mesi dopo, il primo ministro viene ucciso. La conseguente reazione anticomunista scatena “Il Compromesso Storico” e riporta l’Italia nella sfera della globalizzazione anti-sovietica. L’omicidio di Aldo Moro fu un colpo basso per i comunisti, ma una buona notizia per i globalisti – tutto indica che sia stata la Cia a rapire Moro e dare poi la colpa ai comunisti italiani.

La vedova di Moro racconterà in seguito l’incontro di suo marito con Henry Kissinger e un funzionario dell’intelligence americana non identificato. Avvertirono Moro di non perseguire la strategia di portare il Partito Comunista nel suo gabinetto, dicendogli:

“Devi abbandonare il piano di voler riunire tutte le forze politiche nel tuo governo  … o la pagherai cara”.

Moro fu così scosso dal commento che si ammalò e minacciò di lasciare la politica.

Rapito dalle “Brigate rosse” (CIA) – tenuto in ostaggio per quasi due mesi – assassinato a sangue freddo

OTTOBRE 1979: NASCE IL DIPARTIMENTO DELL’EDUCAZIONE AMERICANO

Il presidente Jimmy Carter fonda il Dipartimento dell’educazione. Per 200 anni, gli americani furono persone ben istruite, senza l’aiuto di una burocrazia federale. Per quale motivo l’America ha improvvisamente bisogno di un nuovo Gabinetto? La risposta si rivelerà negli anni a venire, in quanto il Dipartimento per l’educazione degli Stati Uniti, collegato all’ONU, crescera` forte e potente influenzando ogni livello sociale.

Di conseguenza, i bambini americani oggi non imparano quasi nulla sulle dottrine fondanti dell’America o sulla sua vera storia.
Invece di imparare a pensare in modo critico, i giovani studenti sono alimentati con la forza dalla propaganda globalista e socialista, con favole sul riscaldamento globale, con l’odio per gli ideali americani, con una “educazione sessuale” pornografica e basata sulle gioie dell’omosessualita`. Abbiamo dunque ragazzi stupidi che diventeranno facilmente “cittadini globali” facilmente controllabili.

Il DOE globalista ha deliberatamente distrutto i giovani americani, trasformandoli in adulti non pensanti.

1979: LA NASCITA DEI “NEO CONSERVATORI”/ IL SABOTAGGIO DEI VALORI CONSERVATORI DA PARTE DI EX MARXISTI

Il termine “neoconservatore” ebbe origine nei primi anni ’70 e fiorì nel 1979. I fondatori del neoconservatorismo (neo-con) sono “ex-marxisti” autoproclamati i quali hanno capito il loro errore e sono ora desiderosi di abbracciare il conservatorismo americano.

Il primo grande intellettuale a fare “coming out” come neo-con è Irving Kristol (CFR) – “Il Padrino” dei neo-con. Kristol spiega le sue opinioni in un articolo del 1979 “Confessioni di un autoconsapevole” neoconservatore.

I conservatori creduloni accolgono gli infiltrati neocon a braccia aperte nei loro circoli. Non passerà molto tempo prima che questi sionisti “ex-marxisti” violino il vero conservatorismo. I neocon sono i globalisti che si differenziano dagli altri globalisti “liberali” in un settore chiave. Mentre i globalisti del Bilderberger / TC non hanno un amore o una lealtà speciale per Israele, i neocon-globalisti sono fan di Israele, i primi sionisti.

Questa divisione interna, all’interno della più ampia famiglia criminale del Nuovo Ordine Mondiale è un’estensione della tesi “Sionismo contro Bolscevismo” di Churchill di cui scrisse circa 60 anni prima … Il figlio di Kristol, William Kristol, fonderà il controverso progetto per il New American Century che richiederà una nuova “Pearl Harbor” negli anni successivi.

DICEMBRE 1979: BRZEZINSKI TRASCINA I SOVIETICI NELLA SUA TRAPPOLA AFGHANA

I globalisti hanno a lungo aiutato la diffusione del comunismo per i propri scopi. Il comunismo è uno strumento per rovesciare le nazioni tradizionaliste e del libero mercato. Il piano a lungo termine, tuttavia, è quello di unire le nazioni comuniste in un Nuovo Ordine Mondiale che è un mix di corporativismo e comunismo.

I sovietici a Mosca hanno i loro piani di dominio del mondo, o almeno di influenza mondiale. Ma non possono competere con i globalisti che li hanno creati.

Zbigniew Brzezinski sviluppo` un piano per attirare l’Unione Sovietica in una guerra costosa e destabilizzante in Afghanistan. Nello stesso modo in cui la guerra russo-giapponese indebolì la Russia zarista nel 1905, la trappola afgana di Brzezinski avrebbe indebolito lo stato sovietico.

In un’intervista con una rivista francese, Zbig viene a conoscenza della guerra sovietico-afgana:

Domanda: L’ex direttore della CIA, Robert Gates, ha dichiarato nelle sue memorie [“From the Shadows”], che i servizi di intelligence americani hanno iniziato ad aiutare i mujaheddin in Afghanistan 6 mesi prima dell’intervento sovietico. In quel periodo eri il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Carter. Quindi hai avuto un ruolo in questa faccenda. È corretto?”
Brzezinski: “Sì. Secondo la versione ufficiale della storia, gli aiuti della CIA ai mujahedin iniziarono nel 1980, cioè dopo che l’esercito sovietico invase l’Afghanistan, il 24 dicembre 1979. Ma la realtà, segretamente custodita fino ad ora, è completamente diversa In effetti, era il 3 luglio 1979 quando il presidente Carter firmò la prima direttiva per gli aiuti segreti agli oppositori del regime filo-sovietico a Kabul. E proprio quel giorno, scrissi una nota al presidente in cui gli spiegai che a mio parere questo aiuto avrebbe indotto un intervento militare sovietico “.
Domanda: “Quando i sovietici hanno giustificato il loro intervento affermando che intendevano combattere contro un coinvolgimento segreto degli Stati Uniti in Afghanistan, la gente non li ha creduti, tuttavia c’era una base di verità. ? Non rimpiangi nulla riguardo quelle scelte?”

Brzezinski: “Rimpiangere cosa?” Quell’operazione segreta era un’idea eccellente: ha avuto l’effetto di trascinare i russi nella trappola afgana e pensi che sia pentito?
Il giorno in cui i sovietici varcarono ufficialmente il confine, scrissi al presidente Carter. Ora abbiamo l’opportunità di dare all’URSS la sua guerra del Vietnam. In effetti, per quasi 10 anni, Mosca ha dovuto condurre una guerra insostenibile da parte del governo, un conflitto che ha provocato la demoralizzazione e infine la rottura dell’impero sovietico. “

La trappola afghana di Zbig non riguardava “l’anti-comunismo”. È nata in modo tale che un gruppo di criminali (i globalisti) possa trarre vantaggio da un altro gruppo di criminali (sovietici) e intrappolarli nel futuro governo mondiale.

Brzezinski (sopra) e la CIA armarono combattenti afghani contro i sovietici

NOVEMBRE 1980: CONSERVATORI IN FESTA, REGAN VIENE ELETTO PRESIDENTE

L’ex governatore della California, Ronald Reagan, sconfisse l’ex capo della CIA George HW Bush in un’amara lotta repubblicana. I conservatori speravano che Reagan avrebbe distrutto Jimmy Carter.

Reagan era un sostenitore di Goldwater e un informatore anti-rosso durante i suoi giorni come attore di Hollywood. Durante la sua campagna, sostenne di voler adottare una linea dura contro i sovietici e predico` le virtù del governo limitato, di uno standard aureo, meno spese e tasse. Si impegno` persino a far sì che la Commissione Trilaterale non controllasse la sua amministrazione!

L’ambiente politico tuttavia fara` si che Reagan si circondi di manipolatori TC / CFR, compresa la sua scelta come Vice Presidente – George HW Bush. Con inflazione, tasse e disoccupazione alle stelle, il carismatico Reagan sconfigge facilmente Carter.

Reagan era un uomo onesto che perse il controllo della sua presidenza nei confronti dei globalisti e dei sionisti che erano stati messi tutti intorno a lui.