Archivi Blog

Orban critica il “teppismo legalizzato” dell’UE per la procedura di infrazione contro la legge sulla propaganda LGBT

Parlando venerdì alla radio di stato del suo paese, il primo ministro ungherese Viktor Orban ha condannato la procedura di infrazione della Commissione europea contro la legge sulla propaganda LGBT del suo governo definendola “teppismo legalizzato”.
La condanna all’Unione europea arriva dopo che la Commissione ha avviato un’azione legale contro l’Ungheria, sostenendo che una legge di recente introduzione che vieta la promozione dell’omosessualità discrimina le persone LGBT.

Orban ha definito “vergognosa” la posizione della Commissione europea, dichiarando che al procedura di infrazione intrapresa contro il suo governo è “teppismo legalizzato”. Difendendo le azioni della sua amministrazione, il leader ungherese ha ribadito che agli attivisti LGBT sarebbe stato vietato di promuovere la propaganda sessuale nelle scuole.

Se la procedura dell’UE avrà successo, i finanziamenti assegnati per la ripresa post-Covid dell’Ungheria potrebbero essere a rischio. All’inizio di luglio, i deputati della commissione per il controllo del bilancio del parlamento dell’UE hanno chiesto di sospendere i pagamenti all’Ungheria per “gravi violazioni dello stato di diritto”, citando preoccupazioni per la discriminazione anti-Lgbt.

Esprimendo le preoccupazioni dell’UE sulla nuova legislazione in Ungheria, il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha definito le azioni dell’Ungheria una “disgrazia” che “incide sui nostri valori e sulla nostra identità”.

L’UE ha precedentemente utilizzato il suo potere per perseguire azioni di infrazione contro la Polonia per la sua istituzione di zone “LGBT free” da parte delle autorità locali all’interno del paese. Più di 100 località in tutta la Polonia hanno dichiarato di essere “LGBT free” in quella che il blocco europeo ha dichiarato una “violazione dei trattati dell’UE”.

La procedura di infrazione consente alla Commissione di intervenire su eventuali violazioni del diritto dell’UE. Il blocco invierà inizialmente un avviso formale di procedura al paese in questione, con un’escalation fino a una sentenza del tribunale e potenziali sanzioni pecuniarie se la nazione non riesce ad intervenire sulle presunte violazioni.

Fonte

60f155ec85f5405f9f0dc79a

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €