Archivi Blog

L’avvocato di Trump: Abbiamo identificato matematicamente l’esatto algoritmo che hanno utilizzato per rubare le elezioni

Chi trucca le elezioni “può guardare i voti in tempo reale” e “può spostare i voti in tempo reale”, o anche “accedervi da remoto”.

L’avvocato del presidente Trump, Sidney Powell, ha fatto affermazioni clamorose in un’intervista domenicale, sostenendo che la campagna ha scoperto prove concrete di macchine che cambiano voti da Trump a Biden in più stati.

Parlando a Fox News, la Powell ha dichiarato che “Ci stiamo preparando a ribaltare i risultati delle elezioni in più stati”, aggiungendo che “Non faccio commenti senza avere le prove a sostegno”.

Powell, un ex procuratore federale, ha affermato che un informatore è emerso con la prova che il software nelle macchine per il voto è stato “truccato”.

“Abbiamo moltissime prove”, ha dichiarato Powell.

“Possono inserire una pen drive nella macchina [per il voto], possono caricare software su di essa anche da Internet … persino dalla Germania o dal Venezuela”, ha detto, aggiungendo che chi c’è dietro “può guardare i voti in tempo reale” e “Può spostare i voti in tempo reale” o anche “accedervi da remoto”.

La Powell ha dedotto che il software è stato utilizzato per trasferire i voti di Trump a Biden, osservando: “Abbiamo identificato matematicamente l’esatto algoritmo che hanno utilizzato e pianificato di utilizzare fin dall’inizio”.

La Powell ha osservato che le affermazioni non sono nuove e che anche i leader democratici hanno indagato su brogli del Dominion Voting Systems, Election Systems & Software e Hart InterCivic.

“Abbiamo preoccupazioni per la diffusione e l’effetto degli investimenti in private equity in molti settori dell’economia, compreso il settore della tecnologia elettorale, parte integrante del processo democratico della nostra nazione”, hanno scritto i Democratici in lettere ai produttori un anno fa.

“Questi problemi minacciano l’integrità delle nostre elezioni e dimostrano l’importanza di sistemi elettorali forti, durevoli e non vulnerabili agli attacchi”, aggiunsero all’epoca i Democratici.

Dominion ha categoricamente negato che le sue macchine possano essere truccate.

“Dominion Voting Systems nega categoricamente qualsiasi reclamo su qualsiasi cambio di voto o presunti problemi software con i nostri sistemi di voto”, si legge in una dichiarazione.

“I nostri sistemi continuano a contare in modo affidabile e accurato le schede elettorali e le autorità elettorali statali e locali hanno confermato pubblicamente l’integrità del processo”, ha aggiunto la società.

In un’altra intervista di domenica, Rudy Guiliani ha dettagliato le crescenti prove di frode elettorale, arrivando a dire che sono già state identificate sufficienti schede elettorali illegali per riportare gli stati a Trump

Fonte

screen-shot-2020-11-16-at-11.55.45-am-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €