Archivi Blog

Ucraina: Blogger di 8 anni annuncia il fidanzamento con un ragazzino di 13 anni – la madre e’ d’accordo

Uno scandalo è scoppiato in Ucraina dopo che è stato rivelato che una blogger di otto anni con milioni di follower sta uscendo con un ragazzo di 13 anni, con la completa benedizione di sua madre, che controlla tutti i suoi account sui social media.


La giovane Milana Makhanets ha quasi sette milioni di follower sull’app di condivisione video di Singapore Likee, un analogo di TikTok popolare tra i giovani ragazzi russi e ucraini. Milana lavora anche come modella, partecipando spesso a sfilate di moda per bambini.

Su Instagram, in un post ormai cancellato, la bambina di otto anni ha rivelato di essere entrata in una relazione con Pasha Pai, un blogger di 13 anni che apparentemente vive a Mosca. Oltre alla sua vasta base di abbonati su Likee, ha anche 486.000 follower su Instagram

“Pasha e io ora siamo una coppia”, ha scritto.

Tuttavia, nonostante solo di recente abbia guadagnato l’attenzione del mainstream, la relazione sembra andare avanti da un po ‘di tempo. Nelle loro storie di Instagram, i due piccioncini hanno pubblicato foto di se stessi che si baciano e persino dormono nello stesso letto.

Un’altra foto pubblicata da Pasha mostra i due ammanettati insieme mentre Milana si lava i denti in mutande.

Una volta che la storia ha raggiunto le notizie principali, la maggior parte delle foto e dei video provocatori sono stati rimossi. Secondo la descrizione sull’account, il profilo di Milana è gestito da sua madre, Darya, e lei ha subito il peso maggiore del contraccolpo. Scrivendo su Instagram, Darya ha spiegato che non aveva problemi con la relazione, notando “questa è la loro vita, e lo scopriranno da soli”.

Sui social media, la madre ha ricevuto molte critiche, con alcune che chiedevano che Milana le venisse tolta e che fosse perseguita. Su Facebook, un post condiviso di una donna kievana di nome Gerda Weber ha preso di mira Darya.

“La mamma di Mila, Darya, ha problemi mentali”, ha scritto Weber. “Sessualizza sua figlia per soldi. Oltre ai bambini che strillano nei commenti, Darya non si rende conto che la maggior parte delle opinioni proviene dai pedofili”.

“Il problema delle modelle e dei bambini che partecipano a concorsi di bellezza è sempre stato un tumore canceroso nell’industria della falsificazione delle celebrità.

Un altro post, di un avvocato di nome Anna Malyar, ha affermato che la madre di Milana “ha trasformato una bambina di otto anni in una donna seducente per pervertiti”.

Anche il giornalista ucraino ed ex politico Igor Mosiychuk ha commentato lo scandalo, sottolineando che “richiede l’intervento immediato della polizia nazionale”.

“Tutta questa promozione sui social network di Mila e Pasha è molto, molto vicina alla pornografia infantile ed è un terreno fertile che, come il miele, attrae e stimola i pedofili ad agire”, ha scritto sulla sua pagina Facebook.

Fonte

6050c5ca2030272a12497c91

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’inquietante messaggio dietro i video di “Chandelier”, “Elastic Heart” e “Big Girls Cry” di Sia

La trilogia video di Sia, “Chandelier”, “Elastic Heart” e “Big Girls Cry”, presenta la giovane ballerina Maddie Ziegler che esegue elaborate coreografie. Uno sguardo più approfondito al simbolismo in questi video rivela la storia inquietante degli abusi di una giovane ragazza all’interno del sistema di controllo mentale dell’élite.

Anche se ha ottenuto il successo mainstream solo nel 2014, Sia ha lavorato duramente nell’industria musicale per anni. Oltre ai suoi sei album in studio, Sia ha scritto canzoni di successo per le più grandi pop star del mondo tra cui Beyonce, Rihanna, Britney Spears e Rita Ora. Se sei un lettore di Neovitruvian, sai già che TUTTI questi artisti sono stati menzionati su questo sito perché sono stati tutti utilizzati per promuovere l’Agenda dell’élite a un certo punto della loro carriera. Sia, quindi, non è estranea ai vertici dell’industria musicale e ai messaggi che vuole perpetuare.

Le immagini associate al sesto album di Sia 1000 Forms of Fear sono in linea con l’Agenda in corso dell’élite, che include la sessualizzazione dei bambini, la normalizzazione degli abusi rituali e la promozione del controllo mentale. Sebbene queste siano parole forti per descrivere i video di una ragazza che balla mentre indossa una parrucca, la pletora di simboli che circondano la trilogia video punta fortemente in quella direzione.

La copertina dell’album presenta la parrucca bionda indossata da Sia e Maddie Ziegler.

Questa parrucca bionda rappresenta il concetto di alter persona. La creazione di alter personas è l’obiettivo principale del controllo mentale Monarch e, guarda caso, i prodotti della programmazione Beta Kitten indossano spesso parrucche bionde. Nei video, questa parrucca è indossata da Maddie Ziegler, che è una tipica star bambina cresciuta in un’industria contorta.

MADDIE ZIEGLER
Maddie Ziegler ha iniziato a ballare all’età di 2 anni e, all’età di 8, è apparsa in Dance Moms, uno spettacolo di “reality” che non guarderò mai perché probabilmente mi causerebbe una forte nausea e un intenso dolore al petto. Mi sono imbattuto in alcuni screenshot dello spettacolo e … mi hanno dato una forte nausea e un intenso dolore al petto. Lo spettacolo è l’ennesima scusa per vestire le ragazze con abiti succinti e metterle in TV.

Questa è la sorella minore di Maddie Ziegler in Dance Moms. Chiamami vecchio stile, ma le bambine della sua età dovrebbero giocare. Invece, è vestita con gonne e gioielli, si trucca e balla sulla TV nazionale.

Ziegler è apparsa anche in alcuni programmi televisivi Disney (il trampolino di lancio definitivo per le star bambine). Oggi, a 12 anni, le cose stanno sfuggendo di mano.

La Ziegler, 12 anni, sembra un adulto con i tacchi alti, nel numero estivo della rivista Kode.

La Ziegler (12 anni) truccata, gonna corta e tacchi mentre mostra le gambe.

Maddie Ziegler è l’ennesimo esempio di una star bambina che è cresciuta in un’industria governata da malati che depredano l’innocenza dei bambini. I video di Sia descrivono simbolicamente il lato oscuro dell’intero sistema. Diamo un’occhiata ai video.

CHANDELIER
Se si ascolta Chandelier senza guardare il video, sembra che si tratti di una ragazza che fa festa e si ubriaca per tenere a bada la tristezza e la disperazione.

Party girls don’t get hurt
Can’t feel anything, when will I learn
I push it down, push it down

I’m the one “for a good time call”
Phone’s blowin’ up, they’re ringin’ my doorbell
I feel the love, feel the love

1, 2, 3 1, 2, 3 drink
1, 2, 3 1, 2, 3 drink
1, 2, 3 1, 2, 3 drink

Throw ’em back, till I lose count

Alcune parti del testo indicano che il “divertimento” potrebbe effettivamente essere realizzare il piacere degli uomini dell’industria. Fa “feste” (lavora) tutta la notte, ma in realtà si sente infelice. Si ubriaca per nascondere la verita` e diventare insensibile al dolore.

But I’m holding on for dear life, won’t look down won’t open my eyes
Keep my glass full until morning light, ’cause I’m just holding on for tonight
Help me, I’m holding on for dear life, won’t look down won’t open my eyes
Keep my glass full until morning light, ’cause I’m just holding on for tonight
On for tonight

Tuttavia, alla fine della notte, il sole fa luce sull’asprezza della sua realtà.

Sun is up, I’m a mess
Gotta get out now, gotta run from this
Here comes the shame, here comes the shame

Mentre la canzone potrebbe avere implicazioni pesanti che possono essere interpretate in diversi modi, il video aggiunge una dimensione ancora più inquietante presentando una bambina di 12 anni in un abito di spandex color pelle che balla estasiata. Il video immerge la canzone nel mondo oscuro del controllo mentale, dove i bambini abbandonati affrontano traumi, abusi e personalità multiple.

La copertina di Chandelier presenta due ragazze senza vita, simili a manichini, sdraiate a faccia in giù e con la stessa parrucca, il che implica una doppia personalità. Quella in alto indossa un modello dualistico in bianco e nero (usato nella programmazione degli schiavi MK) mentre l’altra indossa il tipo di vestito che indosserebbe una beta kitten.

Il video mostra Maddie Ziegler che balla all’interno di un appartamento sporco e abbandonato con strani disegni (apparentemente disegnati da lei) appesi al muro.

Maddie balla in una stanza sporca con un materasso disgustoso (probabilmente dove dorme). Sopra quel materasso sul muro ci sono il tipo di disegni che uno schiavo MK creerebbe. Uno di questi è un viso con quattro occhi, che rappresenta una doppia personalità.

Mostra l’occhio che tutto vede, indicando che si tratta del sistema MK.

Il video si conclude con una ripresa di Maddie in piedi sulla soglia mentre l’immagine si sfuma, facendo sembrare che non indossi nulla (non pubblicherò lo screenshot). Questo probabilmente avra` estasiato i pedofili che hanno guardato il video. Elastic Heart va ancora oltre.

ELASTIC HEART
Con uno Shia Labeouf quasi nudo che lotta con Maddie Ziegler all’interno di una gabbia, il video di Elastic Heart ha scatenato alcune polemiche sui mass media a causa delle sue sfumature pedofile. Ciò ha persino spinto Sia a scusarsi su Twitter.

È interessante come Sia avesse “anticipato” la controversia sulla pedofilia, ma decise comunque di procedere. Questo non è il tipo di argomento da prendere alla leggera, soprattutto considerando il fatto che innumerevoli persone ne sono state traumatizzate.
È anche interessante che Sia abbia ritenuto che Shia Labeouf fosse l’unico ballerino che potesse interpretare quel ruolo nel suo video. Come ho affermato nel mio articolo Cosa sta succedendo a Shia Labeouf?, Shia è stato coinvolto, in diversi modi, nel mondo inquietante del MK, incluso il fatto che fosse una star bambino della Disney. Recentemente, è stato il protagonista del video Fjögur Píanó, che parlava chiaramente della programmazione Monarch e negli ultimi anni ha mostrato il tipo di comportamento irregolare tipico degli schiavi MK. In un’intervista con Interview Magazine, Shia ha descritto il difficile rapporto con suo padre utilizzando termini che possono essere applicati anche ai gestori del controllo mentale.

È il burattinaio. Mio padre è la chiave della maggior parte delle mie emozioni di base. I miei ricordi più belli e peggiori sono con mio padre, tutti i miei traumi maggiori e le mie grandi celebrazioni sono venute da lui. È un regalo negativo. (…) Ma c’è qualcosa tra noi che è davvero prezioso per me in questo momento, più prezioso per me che avere un padre. E sostengo finanziariamente il suo intero stile di vita. Lo pago per essere il mio burattinaio.

  • Interview Magazine, “Shia LaBeouf”

Quindi, sì, suppongo che Shia sia la persona giusta per interpretare un ruolo in una trilogia che ruota attorno al controllo mentale. Shia interpreta il ruolo di suo padre nel video? È un predatore? I ballerini rappresentano personalita in guerra nella testa di Sia? Forse e` un insieme di tutto questo.

Il video inizia con Shia e Maddie uno di fronte all’altro all’interno di una gabbia gigante. Sono entrambi intrappolati e sono entrambi, simbolicamente, schiavi MK.

Shia diventa stranamente intimo con Maddie. il fatto che non indossi vestiti non aiuta.

Maddie reagisce alle “avance” (in mancanza di una parola migliore) comportandosi come un animale, mordendo la mano di Shia e ruggendo contro di lui, come se sapesse cosa stava arrivando. Tuttavia, Maddie diventa piu` spigliata con Shia e gli si avvicina. A volte i bambini non conoscono il confine tra amore e abuso.

Il video finisce con Maddie che riesce a scappare dalla gabbia mentre Shia è troppo grande per seguirla.

Questo video con due anime perdute in uno strano scenario con sfumature inquietanti finisce tristemente.

Anche se è difficile individuare con esattezza cosa è successo in Elastic Heart, il video di Big Girls Cry è ovvio … per quelli “che sanno”.

BIG GIRLS CRY
Mentre la canzone parla di “ragazze adulte” che hanno il cuore spezzato, il video presenta una bambina per tre minuti e mezzo. Durante quel periodo, la ragazza interpretata di nuovo da Maggie Ziegler, esegue tutti i tipi di espressioni facciali che finiscono per raccontare una storia. E imita davvero l’abuso e il trauma subito da uno schiavo MK. Quando si capisce di cosa si tratta veramente, il video è in realtà abbastanza chiaro, persino sfacciato.

Maddie si succhia il pollice, un gesto che allude all’innocenza e all’impotenza dei bambini.

Poi sembra spalmarsi il rossetto su tutta la bocca e sul viso, che rappresenta la sessualizzazione precoce di questo bambino innocente.

Sulla sua mano c’è scritto “Non pensare”, che è il tipo di motto con cui i gestori di MK eseguono il lavaggio del cervello agli schiavi

Entrambi gli occhi vengono tenuti aperti con la forza, forse per costringerla a guardare qualcosa di traumatizzante – non diversamente da quella scena iconica in Arancia Meccanica.

Il segno dell’occhio che tutto vede/666 conferma che si tratta di controllo mentale degli Illuminati.

Costretta a ingerire qualcosa … Dio sa cosa.

Maddie si tiene le orecchie, urla e trema come se fosse sottoposta a elettroshock, una tortura comune che induce traumi nel MK.

Poi si gira con uno sguardo confuso sul viso. Il trauma dell’elettroshock provoca la dissociazione e la sensazione di girare e fluttuare nell’aria.

Poi le mani di una persona invisibile (l’HANDler, forse?) strangolano Maddie

Le sue espressioni facciali sono controllate dal conduttore.

Forzata al silenzio

Appesa al collo come una forma di tortura.

Il video si conclude con il prodotto finale del processo traumatizzante e disumanizzante del controllo mentale.

Il risultato finale di questo abuso: una bambina distrutta, disorientata e dissociata dalla realtà.

CONCLUDENDO
La trilogia video di Sia racconta una storia oscura e inquietante. Tuttavia, rimarrà un mistero per la maggior parte degli spettatori perché la maggior parte di loro dice “Wow, è così creativa e artistica” senza capire veramente di cosa si tratta. Tutti i video hanno come protagonista Maddie Ziegler, un’artista bambina che purtroppo sta diventando un altro volto dell’ossessione dei mass media per lo sfruttamento dei minori.

Ogni video della trilogia descrive un aspetto diverso del controllo mentale, creando una narrativa inquietante. Chandelier raffigura una bambina visibilmente abbandonata in un luogo disgustoso, circondata da immagini che alludono al suo alter ego; Elastic Heart ritrae una relazione conflittuale con una sorta di figura paterna con un tema di fondo di abusi sui minori e Big Girls Cry riassume il processo di controllo mentale utilizzando gesti delle mani ed espressioni facciali.

Mentre queste immagini vengono assorbite dagli spettatori, una musica potente suona in sottofondo, causando una connessione emotiva con ciò che sta accadendo. Alla fine, i video servono allo scopo ultimo dell’industria dell’intrattenimento d’élite: normalizzare le loro ossessioni malate (abusi sui minori, sfruttamento e controllo mentale) e renderli parte della cultura popolare. Mentre le masse ballano al ritmo di canzoni che non comprendono veramente, le vere vittime del sistema sono ancora ignorate dal pubblico poiché sono bloccate in un sistema potente e soggette a … 1.000 forme di paura.

Fonte

leadsia-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

C’e` qualcosa di terribilmente sbagliato nelle L.O.L dolls

L.O.L Dolls è attualmente una delle linee di bambole più vendute al mondo. E, considerando il fatto che la maggior parte delle bambine in tutto il mondo possiede almeno una bambola (molte possiedono un’intera collezione), ciò significa numeri enormi. MGA, la società madre della linea di bambole, ha incassato oltre 5 miliardi di dollari dalle vendite di L.O.L Dolls dal suo lancio nel 2016. Ha persino superato le vendite di prodotti come Barbie e Pokemon.

Uno dei prodotti più popolari del marchio: L.O.L Surprise! – ha in serbo una “sorpresa” piuttosto sconvolgente quando si immergono le bambole nell’acqua fredda: lingerie, outfit influenzati dal bondage e strani “tatuaggi”. Diversi genitori che sono comprensibilmente preoccupati e inorriditi per queste bambole hanno pubblicato alcuni video online immergendo queste bambole nell’acqua. I risultati sono tanto scioccanti quanto disgustosi. Ecco alcuni esempi.

Quando viene immersa in acqua fredda, questa bambola rivela la lingerie con pizzo e reggicalze. Non c’è modo che questo possa essere scambiato per un costume da bagno.

A differenza delle bambole Barbie, i tratti del viso e le proporzioni del corpo delle bambole L.O.L sono fatti per assomigliare a neonati e bambini piccoli. Quindi, coloro che hanno pensato a questo strano espediente non pubblicizzato sono malati di testa

Questa bambola indossa di default calze a rete che sono già una stranezza di per se. Quando viene immersa in acqua, appaiono indumenti intimi “trasparenti”. Inoltre, un motivo a scacchiera appare sulla parte posteriore della sua testa. Come spiegato negli articoli precedenti, questo è un simbolo importante per l’élite occulta.

Questa bambola indossa un completo a rete con tanto di girocollo e stivali alti (o qualsiasi altra cosa sia).

Quest’altro e` un maschio. Ha già suscitato polemiche perché i produttori si sono presi il tempo per creare i genitali del bambino. Indovina cosa succede quando lo immergi nell’acqua.

Una fetta di pizza gli appare sulla schiena.

È già noto che “pizza al formaggio” è una parola in codice usata dai pedofili per riferirsi al porno infantile. A chi pensa che questa pizza ci sia perché “ai bambini piace la pizza”, guardi bene questa foto successiva .

Questa bambola ha una fetta di pizza proprio sui genitali. Il messaggio qui è chiaro.

Quando viene immersa nell’acqua, sul braccio di questa bambola appaiono forme geometriche (non sono sicuro cosa rappresentino). Inoltre, un motivo a scacchiera appare sulla parte posteriore della sua testa e una fetta di pizza sulla schiena.

Questa bambola ha una coda da diavolo e un paio di ali.

Ce ne sono molte altre ma avete capito. In risposta all’indignazione generata da queste bambole, MGA ha rilasciato una dichiarazione in cui ammetteva che “un piccolo numero di bambole mostrava abiti o segni inappropriati” e ha preso “misure correttive” per i loro progetti “.

Questa affermazione non spiega perché l’azienda abbia impiegato il tempo, lo sforzo e le risorse per aggiungere questa “caratteristica” non pubblicizzata su queste bambole. Una cosa è certa, sapevano esattamente cosa stavano facendo.

DAL CREATORE DELLE BRATZ

Isaac Larian, CEO di MGA Entertainment.

MGA è la più grande azienda di giocattoli di proprietà privata del mondo. È di proprietà di Isaac Larian, un miliardario che ha fatto fortuna introducendo le Bratz nel 2001. Queste bambole hanno anche raccolto molte critiche a causa di … beh … basta guardarle.

Le Bratz

Ci sono anche le Baby Bratz. Ho dovuto ricontrollare per assicurarmi che esistessero davvero.

Negli ultimi anni, professionisti di vari settori hanno emesso gravi ammonimenti su queste bambole.

Le bambole BRATZ hanno sollevato polemiche nel mondo dei consumatori per la loro campagna fondamentale, che pubblicizza bambole dal corpo piccolo con grandi occhi simili a un anime, labbra lucide e giganti e nasi minuscoli vestite con abiti provocanti (alcuni potrebbero persino dire da “troia”) la cui preoccupazione principale nella vita è fare shopping. Le implicazioni della loro immagine eccessivamente sessualizzata e delle aspirazioni apparentemente banali hanno spinto molti critici a chiedersi perché tali caratteristiche venissero adattate alle ragazze giovani, molte delle quali erano più giovani persino dello stadio “pre-pubescente”.
Questo articolo continua a spiegare la differenza fondamentale tra queste bambole e Barbie.

Per prima cosa, Barbie è chiaramente una donna: alta e snella con una vita microscopica e un seno grande. Ma è commercializzata come una donna indipendente; senza marito o famiglia, Barbie svolge molte diverse occupazioni a cui le ragazze dovrebbero aspirare prontamente, come medico, veterinario, atleta o proprietario di un negozio.

Le Bratz, d’altra parte, sono state create deliberatamente (e in modo inquietante) in modo che le ragazze possano immaginarsi COME una bambola Bratz. I loro corpi, che hanno misure molto più piccole e più infantili di barbie, sono stati costruiti in modo intelligente per essere più facilmente riconoscibili per i loro giovani utenti. Come spiega intelligentemente McAllister, “Questo primato dell’apparire sull’avere si riflette in Bratz. Confronta lo slogan di Barbie, “Ci piace Barbie”, con Bratz “,” Ragazze con una passione per la moda “. Questi slogan riflettono la differenza tra possedere una bambola e vivere e sembrare una bambola” (McAllister 250 )

  • Syndey Megan Jow, CHILDREN AND MEDIA: The Consumer Culture of “BRATZ” Dolls

Secondo un rapporto dell’American Psychological Association:

“Un effetto particolarmente pernicioso della costante esposizione a immagini di ragazze sessualizzate è che gli individui e la società possono essere “addestrati” a percepire ed etichettare le ragazze sessualizzate come “seducenti ”.

Le immagini della sessualità precoce nelle ragazze possono servire a normalizzare le pratiche abusive come l’abuso sui minori, la prostituzione minorile e il traffico sessuale dei bambini “.

Anche altre aziende di giocattoli hanno rilasciato alcuni giocattoli estremamente discutibili.

LA TROLL DOLL

Un altro giocattolo ha ottenuto enormi critiche dopo che è stato scoperto un pulsante “segreto” posto sulle parti intime della bambola il quale le faceva emettere vari suoni inquietanti e ridacchianti. Ecco un video Instagram virale su questa bambola

Fatto strano: quel video è stato analizzato da un “fact checker” il quale afferma che si tratta di “informazioni parzialmente false”.

Nonostante questo “fact-check”, Hasbro ha ritirato la Troll Doll dagli scaffali dopo che una petizione firmata da 300.000 persone ha accusato il produttore di giocattoli di promuovere abusi sui minori posizionando un pulsante che la fa ridere e ansimare in mezzo alle gambe.

CONCLUSIONE
Non importa quale scusa diano queste aziende e non importa cosa dicono i “fact-checker”, queste aziende sanno esattamente cosa stanno facendo commercializzando questi giocattoli ai bambini. Lo fanno da anni, sapendo molto bene quali effetti hanno queste cose sui bambini.

Queste bambole fanno parte di un programma più ampio per normalizzare la pedofilia e la sessualizzazione dei minori. Nell’ultimo mese, ho analizzato il video musicale WAP di Cardi B e il film di Netflix Cuties, anch’essi realizzati su misura per raggiungere questi obiettivi. Vogliono introdurre i bambini alla sessualità il piu` presto possibile perché questi pedofili vogliono che le relazioni tra bambini e adulti diventino normali e accettabili.

Su una scala più ampia, vogliono strappare i bambini dalla beata innocenza della giovinezza per costringerli a una versione contorta dell’età adulta incentrata sui valori malati dell’élite occulta. Nel 2020, più che mai, i genitori devono essere vigili sui prodotti e sui media utilizzati dai loro figli. Perché le società d’élite dietro questi prodotti non vogliono il meglio per i tuoi figli. Vogliono l’esatto contrario.

Fonte

leadloldolls

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

“Cuties” di Netflix vuole normalizzare la sessualizzazione infantile

“Cuties” è stato elogiato e difeso da innumerevoli esperti nei mass media. Ecco esattamente quello che stanno lodando.

Quando il poster promozionale di Cuties è stato rilasciato, è stato accolto con shock e orrore. Orgogliosamente promossa da Netflix, l’immagine mostrava quattro bambine di 11 anni in abiti succinti che posavano in tutti i tipi di posizioni sessuali. Il fatto che la parola “Cuties” fosse stampata a caratteri cubitali sotto l’immagine non aiutava.

Netflix ha anche fornito un breve riassunto del film … e suonava come la descrizione di un film softcore porno via cavo.

“Amy, 11 anni, rimane affascinata da un gruppo che balla facendo twerking. Sperando di unirsi a loro, inizia a esplorare la sua femminilità, sfidando le tradizioni della sua famiglia “.

Immediatamente, le richieste per la rimozione di questo film ancora inedito hanno raccolto un grande sostegno. Netflix si è quindi scusata, ha cambiato il poster e ha persino pubblicato una nuova descrizione.
Una volta che il film è stato rilasciato, diverse fonti di mass media hanno immediatamente difeso con veemenza il film affermando che il poster non lo rappresentava correttamente.

Una recensione del film dal The Independent da un tipo a cui piaceva veramente vedere delle bambine fare twerking.

Altri hanno tentato di difendere il film affermando che è stato creato da una regista donna di colore come se questo fatto cambiasse il contenuto effettivo del film. Infine, in un tentativo apparentemente disperato di difendere questo film, alcuni articoli particolarmente tossici hanno trovato un modo per rendere questo film una questione di “liberali” contro “conservatori”. Tuttavia, non lo è.

Ad esempio, Tulsi Gabbard – una democratica – ha pubblicato un aspro tweet denunciando il film, definendolo persino “pedopornografia”.

Coloro che difendono il film dicono che i critici semplicemente non si sono presi il tempo di guardare il film e capirne il messaggio.

Quindi l’ho guardato. Non avrei dovuto. Nessuno dovrebbe. L’ho fatto perché il mio lavoro è analizzare la cultura popolare.

Nel corso degli anni, ho guardato la mia giusta dose di film e video musicali altamente tossici e disgustosi, ma nessuno di loro mi ha fatto rabbrividire fisicamente in preda al panico come e` successo con Cuties. In alcuni punti, mi sono persino trovato a riflettere su pensieri come “l’umanità ha raggiunto un nuovo minimo”, “ci siamo allontanati da Dio” e “cosa c’è di sbagliato in queste persone?”. Il fatto che questa cosa esista, che un gruppo di persone ci abbia effettivamente lavorato, che faccia parte della “cultura popolare” e che sia persino elogiato dai mass media è tanto allarmante quanto sbalorditivo.

Quel primo poster che promuoveva il film lo rappresentava assolutamente. Ecco di cosa parla il film. Le oscene scene di danza sono le “scene d’azione del film”. Il resto della storia è costituito da “messaggi” deboli e inconsistenti intesi a giustificare la degenerazione che vediamo sullo schermo.

Ma questo film non parla solo di bambine che ballano. È un crescendo di scene sempre più esplicite che sembrano essere create appositamente per eccitare i pedofili. Allo stesso tempo, Cuties sarà probabilmente guardato da giovani bambine che potrebbero identificarsi e persino idolatrare le “Cuties”. In altre parole, questo film parla di colmare il divario tra i bambini e gli “amanti dei bambini”.

Detto questo, un’immagine vale più di mille parole. E questo film deve essere sezionato perché la sua vera natura deve essere esposta. Si tratta di normalizzare la sessualizzazione dei bambini (l’ossessione segreta dell’élite) e renderla parte della cultura popolare.

Quindi ecco uno sguardo a Cuties.

TRADIZIONI CATTIVE
Amy è una bambina di 11 anni che vive in Francia con sua madre, un’immigrata senegalese e anche lei musulmana devota. Ad Amy non sembra piacere nulla delle sue origini.

Amy sembra annoiata mentre le donne musulmane intorno a lei parlano di come le ragazze promiscue vadano all’inferno.

A casa, la famiglia di Amy sta per subire un cambiamento significativo poiché suo padre sta per sposare una seconda moglie. E andrà a vivere con loro. Vedendo sua madre soffrire, Amy si rivolta contro suo padre. Si rivolta anche contro la sua cultura nel suo insieme.

La nonna di Amy le dice: “Ti insegnerò a essere una donna”. Apparentemente, questo significa tagliare una montagna di cipolle per il secondo matrimonio di suo padre.

In una scena simbolica, “Tata” ordina ad Amy di portare una grande ciotola sulla sua testa, come è stato fatto per secoli in Senegal. Tuttavia, rifiuta perché probabilmente lo trova imbarazzante.

Nel tentativo di ribellarsi alla sua cultura e alla sua definizione di femminilità, Amy va nella direzione opposta. Usando questa premessa, Cuties si spinge troppo in la.

SPINGERSI TROPPO OLTRE
Ci vogliono solo pochi minuti nel film per passare da “questa è una premessa interessante” a “cosa in nome di Dio sto guardando?”. Dopo la preghiera del mattino Amy, vede una ragazza che balla al ritmo di una musica ad alto volume.

Per una scomoda quantità di secondi, questa ragazza balla e si china indossando pantaloni di pelle.

Poiché gli spettatori la vedono solo da da dietro, è difficile indovinare la sua età.

Poi, la ragazza si gira e ci rendiamo conto che è fondamentalmente una bambina.

Amy poi incontra le amiche della bambina: bambine di 11 anni iperattive, sboccate e precoci che formano anche un gruppo di ballo chiamato Cuties. Presto Amy viene travolta dal flow delle bambine.

Amy viene mandata dai suoi amici a fare una foto alle parti intime di un ragazzo mentre si trova in un orinatoio.
Una ragazza gioca con un preservativo usato. Malato.

Ad un certo punto, Amy vuole dimostrare alle bambine che può unirsi al loro gruppo di ballo. Quindi mostra i suoi passi di danza.

C’è qualcosa di profondamente inquietante nel vedere una bambina con una faccia da bambina che si mette a fare ogni tipo di mossa sessuale.

Più tardi, Amy insegna alle ragazze a ballare. Segue un montaggio musicale (che sembra essere stato creato appositamente per eccitare i pedofili).

Amy insegna alle ragazze come inarcare la schiena e sporgere i glutei.

Insegna loro anche a fare faccie da zoccole mettendogli un dito in bocca. Un’altra ragazza le afferra il seno ancora non sviluppato.

Quel montaggio era completamente inutile per la storia. Era fondamentalmente un video musicale che soddisfa le fantasie di pervertiti che probabilmente lo guarderanno al rallentatore o qualcosa del genere. E il film continua a dare loro quello che vogliono.

Ad un certo punto, le bambine vengono catturate dalle guardie di sicurezza dopo aver fatto irruzione in una sala giochi. Per uscire dai guai, le ragazze iniziano a ballare in modo suggestivo.

Una guardia di sicurezza fissa le bambine con uno sguardo felice sul viso. Le lascia andare e dice loro di tornare presto. Questa dovrebbe essere una scena “divertente”.

Questa scena ha due messaggi: 1) I pedofili che amano guardare i bambini sessualizzati non sono un grosso problema 2) Agire come una spogliarellista è un ottimo modo per le ragazze di ottenere ciò che vogliono e uscire dai guai.

Quella scena con un pedofilo è seguita da un altro montaggio tipo video musicale. E, questa volta, guardano direttamente nella telecamera.

Ancora un’altra sequenza fatta su misura per i pervertiti.

In questa scena, le ragazze indossano abiti “sexy” e la telecamera continua a zoomare sul sedere e sulle espressioni facciali da troia. Ancora una volta, quella scena era totalmente inutile per la “storia”.

Più tardi, Amy litiga con un’altra bambina a scuola che finisce per abbassarsi i pantaloni e rivelare le sue vecchie mutandine usate. Scommetto che i pedofili hanno adorato quella scena. Poi, Amy ruba i soldi a sua madre e compra un sacco di biancheria intima per sé e per i suoi amici. Il film poi si concede ancora un altro montaggio.

Le bambine corrono in giro indossando reggiseni e perizomi sopra i vestiti

Per nessuna ragione apparente, la scena della biancheria intima finisce con i primi piani delle bambine che fanno smorfie da puttane.

Ad un certo punto, Amy ruba il cellulare del cugino maggiore. Quando la prende, Amy lo prega di restituirgli il telefono. Quando lui rifiuta, lei inizia a spogliarsi.

Amy si toglie i pantaloncini davanti a suo cugino.

Quindi, si chiude in bagno, scatta una foto dei suoi genitali nudi e la pubblica sui social media.

Vedendo questa follia accadere, la madre e la nonna di Amy iniziano a credere che sia posseduta da uno spirito malvagio. Quindi fanno in modo che Amy si sottoponga a una sorta di rituale di purificazione (o esorcismo) in cui le gettano dell’acqua. Anche se questa scena dovrebbe essere simbolica a un certo livello, finisce per riguardare un’Amy bagnata impegnata a twerkare.

Amy è in mutande mentre “balla” febbrilmente. Ovviamente la telecamera ingrandisce il suo sedere. Devono dare ai pedofili quello che vogliono.

Dopo tutta questa follia, il film culmina con le Cuties che eseguono una coreografia in un parco per vincere una competizione. Per diversi minuti, le ragazze eseguono una mossa suggestiva dopo l’altra.

Le bambine allargano le gambe più volte, si toccano le parti intime e fanno ogni tipo di smorfia. È davvero un punto basso nella cultura popolare.

A questo punto, Amy ha un’illuminazione, inizia a piangere e corre a casa. Alla fine, la vediamo saltare la corda con alcune ragazze, indicando che vuole essere di nuovo una bambina. Questa scena ha portato le persone a dire “vedi, questo film era contro la sessualizzazione dei bambini”. Tuttavia, questa conclusione di cinque minuti è stata preceduta da un’ora e mezza di sessualizzazione completa.

CONCLUDENDO
Alcuni potrebbero chiedersi perché ho dovuto pubblicare così tanti screenshot e impegnarmi in descrizioni grafiche del genere. Bene, lo ho fatto perche` questo film è su Netflix e di facile accesso per tutti. E milioni lo hanno guardato. Non solo, in realtà è anche lodato dai mass media e ha vinto premi prestigiosi. Lo scopo di questo articolo era di mettere in mostra esattamente il tipo di contenuto che queste persone stanno elogiando e difendendo. Questo è ciò che i mass media stanno sostenendo in questo momento. Stanno combattendo con le unghie e con i denti per mantenere questo film su Netflix (nonostante le massicce petizioni contro di esso) e vogliono che rimanga parte della cultura popolare.

Per anni, questo sito ha documentato il chiaro programma di sessualizzazione dei bambini. Bene, questo è dove siamo arrivati oggi. Cuties rappresenta ancora un altro passo per normalizzare la pedofilia.

Perché esiste questa agenda? In poche parole, l’élite occulta è piena di pedofili. Vogliono che il loro “stile di vita” sia normalizzato. Vogliono vedere i bambini sessualizzati nei mass media. E, per colmare questo divario, incoraggiano anche i bambini a sessualizzarsi. La ricompensa: sembrare cool e attirare l’attenzione.

In breve, Cuties è su Netflix perché soddisfa l’agenda dell’élite. Se così non fosse, non sapresti nemmeno che esiste.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

“Cuties” e` peggio di quello che ci e` stato mostrato nel trailer

Il film “Cuties” che ha suscitato polemiche il mese scorso dopo l’uscita del trailer è stato ora rilasciato ed è anche peggio di quello che ci si aspettava, con numerose scene che mostrano la vile sessualizzazione dei bambini.

Come abbiamo sottolineato in precedenza, la produzione francese è incentrata su quattro bambine pre-adolescenti provenienti da un quartiere “diversificato” che cercano di vincere una competizione di danza. Il trailer mostra le ragazze che twerkano e adottano altre pose sessualizzate.

Anche dopo le enormi critiche, Netflix ha rifiutato di cancellare la messa in onda del film, riconoscendo semplicemente che il poster promozionale del film non era adatto e che sarebbe stato cambiato.

Dopo la sua uscita la scorsa notte, l’utente di Twitter Ghost Jim ha guardato il film e ha pubblicato diversi clip che illustrano come il film sia fondamentalmente un soft porno per pedofili.

“Netflix ha appena rilasciato il controverso “Cuties” ed è peggio di quanto si possa immaginare. Non pensare sia una coincidenza: Netflix è in prima linea nella sessualizzazione dei bambini e nella normalizzazione della pedofilia! ” ha twittato.

La prima clip mostra le ragazze che scuotono aggressivamente il fondoschiena mentre si mettono le dita in bocca.

La clip successiva mostra le ragazze, che indossano abiti succinti, ballare sul palco di fronte ai giudici mentre un pubblico guarda

Si noti che lo stile di danza eseguita dai personaggi principali è molto simile a quella vista in WAP (Wet-Ass Pussy) – una canzone di Cardi B pubblicata il mese scorso che ha causato polemiche per la sua coreografia apertamente sessuale, qualcosa che da allora è stato copiato dalle ragazzine minorenni in tutta l’America.

La scena successiva mostra la ragazzina di colore nel film che scuote vigorosamente tutto il suo corpo.

La scena successiva è forse la più rivoltante di tutte. Mostra le bambine che accusano una guardia di sicurezza di essere un “pervertito”.

Poi arriva un’altra guardia di sicurezza e la ragazzina di colore inizia a eseguire una danza di fronte a lui mentre la guarda e la telecamera e` fissa sul suo petto.

“Questo è quanto posso mostrare di questa immondizia demoniaca. Senza dubbio il film contiene molti piu` orrori. Netflix lo trasmette direttamente nelle case della gente dove bambine giovani e impressionabili possono guardarlo. E dove gli uomini adulti con attrazione sessuale per i bambini possono divertirsi. Grazie Netflix! ” osserva l’utente Twitter.

Rivela poi i dettagli di altre scene rivoltanti nel film, comprese le bambine che sperimentano il porno in webcam e una bambina che scatta una foto della sua vagina e la pubblica online.

Mentre l’organo di censura dei media turchi ha ordinato la rimozione del film dal portale turco di Netflix, il quotidiano britannico The Independent ha descritto il film come un “contributo importante al cinema”.

Il New Yorker ha detto che c’e` stata una “campagna scurrile contro il film” condotta da esponenti di destra, mentre Rolling Stone ha definito il film “un ritratto sensibile di un dolore crescente che merita di essere visto”.

Nel frattempo, una petizione per fare pressione su Netflix affinché rimuova il film ha raggiunto oltre 123.000 firme.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Il presidente della Polonia dichiara di opporsi agli “esperimenti sociali” creati per distruggere l’unita della famiglia

Il presidente polacco Andrzej Duda ha promesso di opporsi al tipo di “esperimenti sociali” condotti su bambini in alcuni paesi occidentali che hanno portato all’erosione del concetto tradizionale di nucleo familiare.

Parlando durante una manifestazione nella città di Poronin prima delle elezioni del 28 giugno, Duda ha affermato che avrebbe continuato a perseguire politiche a favore della famiglia.

“Queste erano politiche per la dignità dei polacchi e della Polonia – una lotta dignitosa per gli interessi polacchi ovunque,. Non ho mai temuto di farlo “, ha detto.

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso, a cui si oppone la maggioranza della popolazione, è vietato dalla costituzione polacca, e Duda ha sottolineato la sua preoccupazione per il modo in cui il movimento LGBT è cresciuto in altri paesi acquistando sempre piu` potere politico, abbandonando la causa dei diritti civili.

“Stanno cercando di convincerci che LGBT è una categoria di persone, ma è un’ideologia”, ha detto.

Aggiungendo che i benefici sociali per incoraggiare la diffusione di famiglie forti sarebbero stati mantenuti, Duda ha anche promesso di difendere i bambini da “esperimenti sociali”, riferendosi presubimilmente alla sessualizzazione dei bambini in giovane età.

“Fino a quando non avrò più forza, te lo prometto, proteggerò sempre la la nostra famiglia tradizionale secondo il nostro modello polacco. Non permetterò l’introduzione di esperimenti, specialmente se i nostri figli sono le vittime di questi esperimenti. Non lo permetto “, ha detto il presidente.

La Polonia ha resistito in gran parte alle politiche di multiculturalismo e alle politiche di identità seguite da altre nazioni occidentali e ha bloccato le richieste dell’UE di accogliere i migranti dai paesi musulmani.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawieck ha già fatto eco al sentimento di Duda, incoraggiando le persone ad avere più figli mentre affermava: “Non esiste Polonia forte senza famiglie forti”.

Fonte

Neovitruvian

La censura nei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Drag Queen insegna come “twerkare” ai bambini

Per la sinistra non c’e` nulla di sessuale

Un videoclip dal Regno Unito mostra un drag queen che insegna ai più piccoli come fare il twerk.

La clip sembra mostrare la drag queen in una libreria o biblioteca. A giudicare dai suoni dei bambini che non si vedono nella telecamera, è probabile che siano in età prescolare.

Il drag queen inizia a parlare delle danze del videogioco Fortnite, ma poi afferma: “A Michael piace twerkare”.

“Ora qualcuno in questa stanza sa come twerkare?” chiede la drag queen prima di dare una dimostrazione.

“Tutto quello che devi fare è stare con i piedi divaricati alla larghezza delle spalle in questo modo … e ti accovacci in questa posizione in modo che il tuo culo sporga e poi lo muovi su e giù in quel modo e questo è twerkare”, aggiunge mentre da una dimostrazione della danza.

Il dibattito sull’esposizione dei drag queen ai bambini è arrivato a un punto in cui la sinistra sostiene che è perfettamente accettabile esporle ai bambini come parte dell’ingegneria sociale LGBT perché non c’è nulla di sessuale nelle loro prestazioni.

Questo nonostante il fatto che un drag queen sia fondamentalmente una ballerina di burlesque maschile. Ci si chiede se i genitori vorrebbero anche esporre i propri figli alle pornostar per comprendere la difficile situazione delle prostitute.

Fonte

Una scuola a Brooklyn distribuisce adesivi con la scritta “Drag Queen In Training” a bambini di 4 anni

Secondo quanto riferito, una scuola di Brooklyn ha distribuito adesivi ai bambini di 4 anni durante un evento “drag queen story time” che dicevano “drag queen in training”.

Secondo l’utente di Twitter @beyondreasdoubt, gli adesivi sono stati distribuiti dalla scuola privata senza nome durante un “giorno di famiglia” che includeva l’aspetto delle drag queen.

https://twitter.com/beyondreasdoubt/status/1234236882697015298?ref_src=twsrc%5Etfw

Mentre la sinistra continua a negare che il “drag queen story time” è di natura sessuale, nonostante i drag queen siano simili a ballerine di  burlesque, continuano a emergere esempi che dimostrano che è sessuale.

Come abbiamo visto, un videoclip dal Regno Unito mostrava un drag queen che insegnava ai bambini come twerkare, una danza sessuale in cui il partecipante muove ripetutamente il sedere in aria.

Come abbiamo sottolineato la scorsa settimana, molti drag queen si sono impegnati in comportamenti sessualmente espliciti, tra cui “Flowjob” che ha visitato una scuola elementare in Scozia dopo aver pubblicato le sue foto su Twitter mentre usava un dildo e simulava atti sessuali.

Un video che ha causato polemiche la scorsa settimana mostrava un drag queen ballare in modo suggestivo di fronte a una bambina mentre gli adulti nella stanza applaudivano e ridevano.

L’anno scorso, durante un discorso davanti al Board of Control della Biblioteca Lafayette in Louisiana, il drag queen Dylan Pontiff ha ammesso candidamente il vero scopo del drag queen story time.

“Cosi` conquisteremo la prossima generazione”, ha detto.

Un pedofilo dichiarato e un venditore ambulante di porno, condannato, ha anche scritto un articolo in cui descrive “Desmond is Amazing” – il ragazzo dodicenne drag queen – come “hot”.

Reagendo alle preoccupazioni sull’esibizione di Desmond in un night club gay di New York, dove i partecipanti hanno lanciato soldi contro il bambino, sua madre ha difeso la decisione, dicendo a un programma televisivo australiano: “Non capisco quale sia la controversia”.

Desmond era stato precedentemente coinvolto nei “drag queen story time” – in cui le drag queen visitano le scuole e le biblioteche di tutta America per leggere storie ai bambini.

Si e` scoperto che uno dei partecipanti a un drag queen story time a Houston, il 32enne Albert Garza, e` un maniaco sessuale che è stato condannato per aver aggredito un bambino di otto anni nel 2008.

Fonte

Il figlio dodicenne transgender di Dwyane Wade e la sua promozione mediatica

L’ex star della NBA Dyane Wade ha partecipato a diversi spettacoli televisivi per parlare di suo figlio che ora si identifica come una ragazza di nome Zaya. Nel seguente articolo vedremo come  questo “tour mediatico” fa parte della più ampia agenda di sfocatura di genere.

Sebbene Dwyane Wade si sia ritirato dall’NBA nel 2019, e` ancora sotto la luce dei riflettori. Nelle ultime settimane, Dwyane Wade è stato ovunque: interviste multiple sui principali programmi TV, innumerevoli articoli di importanti notiziari, un imminente documentario ESPN e ogni tipo di attenzione sui social media. Recentemente ha anche registrato una canzone con il rapper Rick Ross.

Perché in questo periodo il proverbiale “riflettore” brilla costantemente su di lui? È a causa dei suoi successi con i Miami Heat? Ovviamente no. È perché sta promuovendo un punto dell’agenda.

All’inizio di questo tour mediatico, Wade ha annunciato che suo figlio di 12 anni, Sion, si identificava in una ragazzina di nome Zaya. Sebbene questa informazione personale poteva essere mantenuta privata, questo non e` stato il caso. Al contrario, il cambio di genere di Sion, con tanto di pronomi “she / her”, viene attualmente “promosso” con un massiccio tour mediatico.

Perché un padre dovrebbe andare in una televisione nazionale per discutere della sessualità del suo bambino in eta` pre-puberale? Perché i programmi TV dovrebbero dedicare del tempo anche a discutere della sessualità di un dodicenne? Perché viene promossa un’agenda: l’agenda di sfocatura di genere.
Questa agenda specifica è stata identificata su questo sito diversi anni fa e continua a essere riproposta periodicamente. La parte più insidiosa di tutto: colpisce attivamente e in modo aggressivo i giovani e i loro genitori.

Il tour multimediale di Dwyane Wade è stato attentamente pianificato ed è stato calcolato per raggiungere un pubblico specifico: i neri che sono cresciuti ascoltando il rap (e la sua glorificazione del forte archetipo maschile) e che ora stanno per diventare genitori.

Come previsto, questo tour mediatico è stato accolto con forti reazioni dalla comunità nera e hip-hop.

UN ENORME TOUR MEDIATICO

Dwyane Wade da Ellen.

Il tour mediatico iniziò quando Wade rivelò da Ellen che Sion si identificava come femmina. Ha detto:

“Siamo orgogliosi genitori di un bambino della comunità LGBTQ + e siamo anche orgogliosi alleati. Prendiamo molto sul serio i nostri ruoli e responsabilità come genitori. Quindi, quando un bambino torna a casa con una domanda, quando un bambino torna a casa con un problema, quando un bambino torna a casa con qualsiasi cosa, è nostro compito di genitori ascoltarlo, dare loro le migliori informazioni possibili, il miglior feedback che possiamo. Anche se adesso la sessualita` e` coinvolta questo non cambia. ”
Ha anche spiegato che Zaya è destinato a diventare un leader.

“Una volta Sion tornò a casa e disse: “Chiamami Zaya” e “Sono pronto per affrontare la situazione”, lo guardai e dissi:” Sei un leader. È la nostra opportunità per permetterti di essere una voce, “In questo momento, attraverso di noi, perché ha solo 12 anni, ma alla fine, sara` lei stessa a parlare”.

Apparentemente, ci sono grandi progetti per Zaya.

Il tour mediatico è proseguito in un altro televisivo: Good Morning America

Wade a GMA.

Durante quell’intervista, Wade parlò di Zaya spiegandogli la sua identità.

“Ha detto:” Non credo di essere gay “. lesse l’elenco e disse: “Questa è la mia identità di genere, è così che mi identifico. Mi identifico come una giovane donna. Penso di essere una trans eterosessuale perché mi piacciono i ragazzi “.

Wade ha anche partecipato a spettacoli meno popolari come Watch What Happens Live with Andy Cohen, dove ha sottolineato l’importanza di usare i pronomi corretti.

Wade a Watch What Happens Live with Andy Cohen.

Zaya fece anche un’apparizione sul jumbotron nell’AmericanAirlines arena per la cerimonia di pensionamento di Wade.

L’apparizione di Zaya sul jumbotron e` stata accolta da uno scrosciante applauso.

Anche la moglie di Wade, Gabrielle Union, promuove fortemente Zaya e gli LGBQ + sui social media (ha partecipato alla parata del Pride con Zaya l’anno scorso).

Da questi spettacoli mediatici premeditati e` ovviamente nata una raffica di articoli che hanno plasmato la narrazione. In altre parole, hanno detto alla gente cosa pensare della situazione.

Un titolo di Vox che riassume la ricezione mediatica della notizia

HuffPost ha pubblicato un articolo nella sua sezione “genitorialità” su Zaya e ha incluso un paragrafo sui bambini che conoscono il loro “vero” genere a … tre anni.

I bambini conoscono la loro identità di genere fin da piccoli
Uno studio congiunto britannico e americano pubblicato lo scorso anno ha scoperto che i bambini trans di appena tre anni erano in grado di comprendere la loro identità di genere.

“Uno dei punti più ricorrenti è che ad un certo punto, a volte già dai tre ai cinque anni, si ha la sensazione che l’individuo faccia parte di un altro genere”, ha affermato Charlotte Tate, psicologa alla San Francisco State University e lei stessa una donna trans.

Quando gli viene detto che sono parte del genere assegnato,” diranno “No, non è giusto. Non mi va bene. ‘Hanno una conoscenza di sé che è privata e che stanno cercando di comunicare.
– HuffPost, Zaya Wade, Dwyane Wade And Gabrielle Union’s Daughter, Talks About Her ‘True’ Gender

Come previsto, questo annuncio ha generato alcune risposte forti in tutta la comunità nera. È stata l’occasione perfetta per inquadrare il dibattito e ritenere “transfobico” chiunque esprima preoccupazioni per questa situazione.

CRITICI PUNITIVI

Alcune fonti mediatica non stavano aspettando altro che emergessero opinioni dissenzienti per distruggerle. Difficile. È una lezione per le altre celebrità: non criticare o verrai distrutto.

Il 20 febbraio, il rapper Boosie Badazz ha caricato un post su Instagram per condividere il suo punto di vista su Zaya.

https://www.instagram.com/p/B8twfDpl74O/?utm_source=ig_embed

Il rapper ha detto:

“Devo dire qualcosa su questa merda, fratello. Dwyane Wade, stai facendo tutto troppo in fretta. E` un maschio. Un bambino di 12 anni. A 12 anni non sanno nemmeno quale sarà il loro prossimo pasto. Non hanno ancora capito. Potrebbe incontrare una donna, a 16 anni e innamorarsi di lei. Ma il suo c***o e` sparito – datti una calmata.

“Non tagliarli il c***o, amico. Tipo, davvero, se sarà gay, lascia che sia gay. Ma non tagliargli il cazzo, bruh. Non vestirlo da donna, amico. Ha 12 anni. Non è ancora maturo. Non ha ancora preso le sue decisioni finali. Non tagliarglielo, Dwyane Wade, bruh.”

La reazione e` stata rapida: Boosie viene accusato di essere “transfobico” dai mass media. Viene anche bandito dalla sua palestra per questo motivo.

Un titolo di giornale chiama Boosie transfobico.

Anche Young Thug, un rapper ironicamente noto per travestirsi, ha espresso la sua opinione in merito. Ed e` stato “distrutto”. Pesantemente.

Sebbene il tweet fosse breve e conciso, ha generato pagine di risposte. Certo, è stato bombardato dai mass media e si e` anche parlato di “cancellarlo”.

Un titolo di E! News che accusa Young Thug di transfobia linciandolo per aver usato un pronome maschile mentre si riferiva a Zaya.

Anche l’attrice e cantante Serayah ha espresso la sua opinione sulla situazione.

La star di “Empire” Serayah McNeill.

In una serie di video IG, ha detto:

“Penso che sia tutto un po ‘ troppo prematuro. Non mi importa se sei un ragazzo o una ragazza, per me, ci sono altre cose di cui dobbiamo preoccuparci in questo momento. Ci sono così tante altre cose nella società che spingono i genitori e i bambini ad essere in un certo modo. Riprendiamo le redini, va bene? Ma adesso, fermati un attimo. Aspetta di invecchiare un po ‘, tanto da sapere che questo è esattamente ciò che vuoi essere e fare per il resto della tua vita “.

La risposta è stata immediata:

La parola “transfobico” viene nuovamente utilizzata in questo titolo di Billboard.

Naturalmente, altri sono volati in soccorso di Zaya e sono stati immediatamente elogiati per questo.

Un titolo di NBC News.

In un video di Instagram, Cardi B ha dichiarato:

“Mi sento come se la gente stesse dicendo che questo ragazzo è troppo giovane per la transizione. Ma mi domando, quando si e` troppo giovani per cambiare? Qual è il limite di età per sapere quello che vuoi essere?

Se sei nato così, allora sarai per sempre così. Qual è il punto di transizionare da vecchi e poi rimpiangere il fatto di non averlo fatto prima.

Lascia che le persone trovino la loro felicità, specialmente i bambini, che si sentano a loro agio. “

CONCLUDENDO

Questo tour mediatico sul cambiamento di genere di Zaya non è stato casuale né spontaneo. E` stato un blitz mediatico attentamente pianificato che aveva un paio di obiettivi chiari. In primo luogo, si e` trattato di “educare” i genitori sul modo corretto di affrontare le questioni di genere dei bambini. I media ci dicono che i bambini di tre anni sanno di appartenere ad un genere diverso. Pertanto, i genitori devono approvare il cambio di nome, il cambio di pronome e, infine, gli ormoni e la chirurgia che bloccano il genere biologico. Il secondo obiettivo di questo blitz era di innescare critiche per poi etichettarle immediatamente come “transfobiche”.

Attraverso questo blitz, l’intera narrazione sul genere dei bambini (che non hanno nemmeno raggiunto la pubertà) è correttamente inquadrata. Le risposte “corrette” sono elogiate mentre quelle “errate” sono punite, il che incoraggia altri critici a tacere.

In breve, l’intero episodio è stato l’ennesimo capitolo dell’agenda molto pervasiva di sfocatura di genere. L’obiettivo finale di tutto ciò? Un’intera generazione di giovani confusi riguardo al proprio genere e di genitori che alimentano quella confusione.

Fonte

Drag Queen “mostra il pacco” durante un evento per bambini

Una drag queen ha “accidentalmente” mostrato il pacco durante la “Drag Queen Story Hour” nella Contea di Hennepin, Minnesota.

L’artista, noto come Sasha Sosa, stava leggendo ai bambini della Biblioteca della Contea di Hennepin quando l’incidente è stato catturato dalla telecamera.

La Child Protection League Action ha pubblicato una serie di immagini dell’evento in cui si afferma che rappresentano “dissolutezza e toelettatura sessuale” finanziati dalle tasse dei cittadini.

Secondo il gruppo, Sosa ha 18 o 19 anni e si esibisce regolarmente negli strip club insieme a “Gemini Valentine”, che era anche presente in biblioteca indossando un body rivelatore.

Secondo quanto riferito, la Biblioteca della Contea di Hennepin non è riuscita a effettuare un controllo preliminare sulla coppia prima dell’evento.

L’esposizione dei bambini a temi sessuali in tali eventi ha causato rabbia in molti conservatori.

All’inizio di quest’anno abbiamo riferito di foto che mostravano bambini piccoli sdraiati su una drag queen durante un evento “Drag Queen Story Time” a Portland.

Uno dei partecipanti a un evento Drag Queen Story Time a Houston, il trentaduenne Albert Garza, si è poi rivelato essere un predatore sessuale registrato che è stato condannato per aver aggredito un bambino di 8 anni nel 2008.

Tuttavia, secondo l’editorialista neo-con David French, Drag Queen Story Time è “una delle benedizioni della libertà”.

Fonte