Archivi Blog

Un leak espone l’abuso globale di un’arma di spionaggio informatico che ha preso di mira politici, attivisti e giornalisti

Come ha affermato Ed Snowden nel suo tweet, “questo leak sarà la storia dell’anno”.

Southfront riferisce che lo spyware di un’azienda israeliana è stato utilizzato in 37 tentativi di hacking riusciti di smartphone appartenenti a giornalisti, funzionari governativi e attivisti per i diritti umani in tutto il mondo, secondo un’indagine di 17 organizzazioni dei media, pubblicata il 18 luglio.

Una delle organizzazioni, il Washington Post, ha affermato che lo spyware Pegasus concesso in licenza dal gruppo NSO con sede in Israele è stato utilizzato anche per prendere di mira i telefoni appartenenti a due donne vicine a Jamal Khashoggi, un editorialista del Post assassinato in un consolato saudita in Turchia nel 2018.

Una di loro era la sua fidanzata, e lei e l’altra donna sono state prese di mira sia prima che dopo la sua morte.

Il Guardian, un altro dei media, ha affermato che l’indagine suggeriva “un abuso diffuso e continuo” del software di hacking di NSO, descritto come malware che infetta gli smartphone per consentire l’estrazione di messaggi, foto ed e-mail; registrare le chiamate; e attivare segretamente i microfoni.

L’indagine evidenzia l’abuso diffuso e continuo dello spyware di hacking di NSO chiamato “Pegasus”, che la società conferma è destinato esclusivamente all’uso contro gruppi terroristici, trafficanti di droga e di esseri umani e criminali.

Pegasus è un malware molto avanzato che infetta i dispositivi iOS e Android per consentire agli operatori dello spyware di copiare messaggi, foto, chiamate e altri dati, tra cui attivare segretamente microfoni e fotocamere.

Sulla base dell’indagine, la fuga di notizie contiene un elenco di 50.000 numeri di telefono che sono stati identificati come quelli di persone di interesse dai clienti di NSO dal 2016.

L’elenco include molti stretti familiari del sovrano di un paese, suggerendo che potrebbe aver incaricato le agenzie di intelligence del paese di esplorare la possibilità di rintracciare e spiare i propri parenti.

La società, NSO Group, ha rilasciato una dichiarazione sul suo sito web negando la segnalazione dei 17 partner media guidati dall’organizzazione non profit di giornalismo Forbidden Stories con sede a Parigi.

“Il rapporto di Forbidden Stories è pieno di supposizioni errate e teorie non corroborate che sollevano seri dubbi sull’attendibilità e sugli interessi delle fonti. Sembra che le “fonti non identificate” abbiano fornito informazioni prive di fondamento fattuale e lontane dalla realtà”, ha affermato la società nella nota.

“Dopo aver verificato le loro affermazioni, neghiamo fermamente le false accuse fatte nel loro rapporto”, afferma la dichiarazione. NSO ha affermato che la sua tecnologia non è stata associata in alcun modo all’omicidio di Khashoggi.

In una dichiarazione, il gruppo per i diritti Amnesty International condanna “la totale mancanza di regolamentazione” del software di sorveglianza.

“Fino a quando questa società (NSO) e l’industria nel suo insieme non dimostreranno di essere in grado di rispettare i diritti umani, ci deve essere una moratoria immediata sull’esportazione, vendita, trasferimento e utilizzo della tecnologia di sorveglianza”, ha affermato il gruppo per i diritti in una nota. .

I numeri di telefono presi di mira erano su un elenco fornito da Forbidden Stories e Amnesty International alle 17 organizzazioni dei media. Non è chiaro come i gruppi abbiano ottenuto la lista.

I giornalisti hanno identificato che i numeri appartengono a più di 1.000 persone in più di 50 paesi.

Includevano diversi membri della famiglia reale araba, almeno 65 dirigenti aziendali, 85 attivisti per i diritti umani, 189 giornalisti e più di 600 politici e funzionari di governo, tra cui diversi capi di stato e primi ministri.

“Siamo profondamente turbati nell’apprendere che due giornalisti di AP, insieme a giornalisti di molte organizzazioni giornalistiche, sono tra coloro che potrebbero essere stati presi di mira dallo spyware Pegasus”, ha affermato Lauren Easton, direttore delle relazioni con i media di AP.

“Abbiamo adottato misure per garantire la sicurezza dei dispositivi dei nostri giornalisti e stiamo indagando”, ha aggiunto.

Il portavoce di Reuters, Dave Moran, ha dichiarato: “I giornalisti devono poter riportare le notizie nell’interesse pubblico senza timore di molestie o danni, ovunque si trovino. Siamo a conoscenza della notizia e stiamo esaminando la questione”.

La mappa seguente fornisce informazioni su quanti “clienti” aveva NSO Group

Fonte

2560_2

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il governo italiano e i 60.000 spioni

Domenica il governo italiano ha annunciato le intenzioni di creare un esercito di spie per monitorare il distanziamento sociale, affermando che recluterà 60.000 persone per monitorare le attività dei loro amici e vicini e assicurarsi che aderiscano alle norme segregatorie.

I rapporti indicano che il governo puntera` soprattutto sui disoccupati, in particolare quelli che hanno presentato domanda di indennità di recente.

Vuole che diventino “assistenti civici”, che segnaleranno infrazioni sull’uso di maschere per il viso e altre regole ordinate dallo stato a seguito del blocco del coronavirus.

Gli informatori non riceveranno uniformi o badge e saranno semplicemente incorporati nella popolazione, il che significa che chiunque potrebbe essere una spia del governo.

Non è senza precedenti in Italia, dato che il sindaco di Roma Virginia Raggi ha utilizzato un sito Web in cui gli italiani possono informare i loro vicini se li vedono infrangere le regole di allontanamento sociale.

L’annuncio è stato fatto dal ministro degli Affari regionali e delle autonomie Francesco Boccia e dal sindaco di Bari (Puglia), Antonio Decaro, che ricopre la carica di presidente dell’Associazione nazionale dei comuni italiani.

“Stiamo gradualmente entrando in una nuova normalità in cui vi è una progressiva ripresa delle attività produttive e i cittadini tornano nelle città giorno dopo giorno”, si legge in una nota.

I comuni “saranno in grado di trarre vantaggio dal contributo degli “assistenti civici” per applicare tutte le misure messe in atto per contrastare e contenere la diffusione del virus, a cominciare dal distanziamento sociale”. aggiunge la dichiarazione.

“Ora è il momento di reclutare tutti quei cittadini che vogliono aiutare il Paese, dimostrando un grande senso civico”, conclude la dichiarazione.

Queste spie del distanziamento sociale, che ricordano gli informatori di partito di 1984 di Orwell, sono state impiegate anche in altri paesi.

“La famiglia era diventata in effetti un’estensione della psicopolizia. Era un dispositivo per mezzo del quale tutti potevano essere circondati giorno e notte da informatori che li conoscevano intimamente. ”
– George Orwell, 1984

Fonte