Archivi Blog

Il New York Times dice che il “Grande Reset” e` una teoria del complotto lo stesso giorno in cui il World Economic Forum lo celebra

Vuole che Twitter e Facebook censurino le informazioni sull’agenda delle élite.

Lo stesso giorno in cui il World Economic Forum ha annunciato il “Grande Reset” come un modo positivo per costruire “resilienza futura ai rischi globali”, il New York Times ha dichiarato che l’intera cosa è una “teoria del complotto”.

Sì davvero.

Il NYT e` rimasto apparentemente sconvolto dal fatto che il “Grande Reset” fosse di tendenza su Twitter e ha pubblicato un articolo in cui lo etichettava come “una teoria della cospirazione infondata sul coronavirus”.

In realtà, il WEF, le ONG e i leader mondiali da mesi sostengono la necessità di sfruttare l ‘”opportunità”, nelle parole di Justin Trudeau, fornita dalla pandemia per ottenere un “Grande Reset”.

Il rapporto del NYT menzionava Trudeau, ma nascondeva il fatto che aveva apertamente etichettato COVID-19 una “opportunità” durante una teleconferenza delle Nazioni Unite.

Lo stesso giorno il Times ha affermato che la questione era un sogno febbrile di “commentatori di Internet di estrema destra”, lo stesso Forum economico mondiale ha celebrato il “Grande Reset” come un modo per costruire “resilienza futura ai rischi globali”.

Il rapporto del NYT lo definisce quindi una “voce infondata” secondo la quale le élite stanno usando la pandemia “per imporre il loro controllo economico globale alle masse”, nonostante il fatto che il globalista di Davos Karl Schwab annunci specificamente proprio questo programma nel suo recente libro, COVID-19 : Il grande ripristino.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, Schwab sostiene anche apertamente una dittatura tecnocratica in base alla quale le persone accetteranno microchip impiantabili in grado di leggere i loro pensieri e scansioni cerebrali per poter viaggiare.

Basti dire che il Times ha completamente omesso di menzionare il libro di Schwab.

Il NYT ha quindi evidentemente contattato sia Twitter che Facebook nel tentativo di rimuovere le informazioni sul “Grande Reset”, ma Twitter ha rifiutato di farlo e Facebook non ha risposto.

Quindi, in altre parole, nel suo tentativo di persuadere le persone che l’élite non sta perseguendo un nefasto “Grande Reset”, il giornale elitario ha fatto pressioni perche` le informazioni su questa “cospirazione” (che non esiste) fossero rimosse dal consumo pubblico .

Fonte

191120nyt1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €