Archivi Blog

Chained To The Rhythm di Katy Perry vende al popolo una rivoluzione “elite-friendly”

“Chained to the Rhythm” è la tipica canzone pop di Katy Perry, ma con un tocco leggermente sovversivo. Tuttavia, ci troviamo di fronte ad un esempio di “doppio pensiero”. In effetti, la “ribellione” presentata dal video sta effettivamente accettando l’agenda dell’élite globale che viene promossa da anni.

Dopo l’elezione di Trump nel 2016, Katy Perry ha dichiarato che era giunto il momento di un “pop con un proposito”. Ha avuto un’illuminazione? Non proprio. Quello che è realmente accaduto è che la Capitol Records, il conglomerato che possiede i suoi diritti, ha riorganizzato la sua immagine e il suo messaggio per adattarli all’agenda attuale.

In effetti, per anni, l’appeal della Perry per adolescenti e pre-adolescenti è stato sfruttato per promuovere tutti i tipi di programmi. E questo non è cambiato. E` solo cambiato il contesto.

Il video del 2014 “Dark Horse” è stato un gigantesco tributo all’élite occulta e al suo simbolismo degli Illuminati.

Nel 2017, i servizi di Katy Perry furono nuovamente necessari. E, quando Katy Perry pubblica una canzone “politica”, farai meglio a credere che il messaggio sia stato elaborato con cura per servire gli interessi di coloro che la possiedono. Chained to the Rhythm è esattamente questo: un messaggio “politico” calcolato che presenta l’agenda globalista dell’élite come una “ribellione” contro l’incubo americano che è Trump.

Prima di andare oltre, sento il bisogno di sottolineare che questo articolo non è pro o anti-Trump. È un’analisi oggettiva di un prodotto mediatico che è stato rilasciato durante una specifica era politica. Come ho spesso affermato, la stessa élite occulta è ancora dietro le quinte, non importa chi è al potere e controlla ancora completamente i canali dei media mainstream. Quindi, tieni presente che, a differenza del 99% dei blog e dei siti di notizie là fuori, non mi interessano le affiliazioni politiche e i miei valori non sono modellati in base a un riquadro “liberale” o “conservatore” prefabbricato. Sto semplicemente analizzando l’agenda dietro i mass media. Va bene, torniamo all’articolo.

In Chained to the Rhythm, gli Stati Uniti sono paragonati a un parco a tema chiamato Oblivia, dove persone “ignare” camminano con sorrisi raccapriccianti statici sui loro volti. Le giostre nel parco rappresentano questioni sociali della vita reale che gli americani apparentemente ignorano perché “vivono in una bolla”. Anche Katy Perry fa parte di questo mondo:

California Girl

INCATENATA ALL’ELITE

Il video si svolge in un parco a tema chiamato Oblivia. Il logo è un criceto, un roditore noto per vivere in una gabbia e fare esercizio su una ruota che non porta da nessuna parte. Questo è il modo in cui l’élite percepisce le masse.

Nel parco, le persone sono troppo assorbite dai loro status sui social media per capire cosa sta realmente accadendo intorno a loro.

Il parco è pieno di persone egocentriche che scattano selfie con i loro dispositivi da criceto.

Katy Perry ha ragione. Le persone che si fanno i selfie sono dei cretini egocentrici. MA ASPETTA UN MINUTO.

Aaaargh!

IN OGNI MODO, le persone nel parco sono, praticamente, droni a cui è stato fatto il lavaggio del cervello

Gli ospiti seguono le frecce nello stesso modo in cui le masse seguono i mass media verso ciò che dovrebbero pensare e fare e questo punto e tempo.

Il tempo di attesa per questa corsa è di 1984 ore. Capito? Come nel 1984 di Orwell? Che parlava del Grande Fratello?

Wow, Katy Perry ha un commento tagliente per questa gente, “datevi una svegliata”. È come se fosse dalla nostra parte adesso! Una che ci sta dicendo la verita`! Beh, non proprio. Quello che sta succedendo fondamentalmente è che l’intero punto di vista della “truther” viene cooptato dai mass media per vendere l’agenda dell’élite.

In Oblivia, Katy visita diverse giostre che alludono a problemi che accadono in America e nel mondo. Anche se sembrano divertenti, in realtà stanno danneggiando coloro che le cavalcano.

Una corsa, chiamata “The Great American Dream Drop”, ha un significato di fondo grave.

Le piccole coppie felici entrano nelle casette felici e vengono sollevate in aria.

Una volta in aria, le case ricadono improvvisamente. Si tratta di un riferimento alle banche che portano le famiglie a fare un “giro” prestando loro denaro per acquistare case utilizzando prestiti scadenti? Questa truffa ha portato al massiccio crollo dell’immobiliare del 2008 che ha fatto risucchiare trilioni di dollari dalle tasche degli americani medi verso l’élite finanziaria.

Quando Katy Perry ha eseguito Chained to the Rythm ai Brit Awards e ai Grammy, i set si riferivano simbolicamente all’uccisione del sogno americano.

Ai Grammy Awards, una tipica casa bianca è letteralmente in fiamme. Perry stava prevedendo un periodo di grandi turbolenze per le masse?

Ai Brit Awards, le case sono state sollevate da terra e hanno iniziato a muoversi, come sotto l’incantesimo di scheletri giganti (che probabilmente rappresentavano Donald Trump e Theresa May).

I testi della Perry prendono di mira le persone normali che vivono nelle loro case normali, dicendo loro che sono troppo “a proprio agio”.

Are we crazy?
Living our lives through a lens
Trapped in our white-picket fence
Like ornaments
So comfortable, we live in a bubble, a bubble
So comfortable, we cannot see the trouble, the trouble

Katy ha ragione, dovremmo seguire il suo esempio e non vivere in una “bolla confortevole”. MA ASPETTA UN MINUTO.

Katy ha recentemente acquistato un INTERO CONVENTO in cui vivere.

COMUNQUE, altre corse nel video alludono ad altre questioni sociali.

La corsa sulle montagne russe presenta una “stazione” chiamata Love Me.

Mentre le persone prendono parte alla corsa, ci rendiamo conto che gli uomini siedono da una parte e le donne dall’altra. Perché c’è una separazione? È un riferimento al sessismo nella società? Quando Simon e Rose passano attraverso la “Stazione di convalida” (un commento su come le persone bramano i “mi piace” dei social media per sentirsi convalidate), Simon ottiene quasi tutti i voti. Questo sembra dirci che gli uomini hanno un vantaggio ingiusto sulle donne, soprattutto quando si tratta di social media.

MA ASPETTA UN MINUTO.

IN OGNI MODO, la prossima corsa prende direttamente di mira una specifica politica di Trump.

La corsa “No Place Like Home” è un commento alla politica di Trump di deportare gli immigrati illegali. Questa coppia è entrata illegalmente in Oblivia?

La coppia viene quindi espulsa – un riferimento al muro proposto da Trump.

Altre giostre alludono a questioni che hanno fatto parte della storia americana per decenni.

La corsa “Bombs Away!” consiste di missili che volano in giro.

La corsa allude al popolo americano ignaro delle varie guerre portate avanti dal loro governo in tutto il mondo. Katy ha ragione. La guerra è brutta e dovremmo protestare contro di essa. MA ASPETTA UN MINUTO.

Nel video del 2012 “Part of Me”, Katy si arruola nell’esercito e va in guerra. Perché? Perché il suo ragazzo l’ha tradita. Ha senso.

Part of Me è stato rilasciato cinque anni fa. Perry è stato utilizzato come strumento di reclutamento dall’esercito per raggiungere i giovani. Entrare nell’esercito è stato presentato come una soluzione a una brutta relazione. Ora i temi sono cambiati.

Questo ragazzo sta camminando allegramente con un fungo atomico tra le mani. È ignaro della minaccia nucleare in tutto il mondo.

L’attrazione denominata “Inferno H20” lascia perplessi.

È fondamentalmente una stazione di servizio che eroga “Acqua di fuoco”.

In questa attrazione, Katy riceve un bicchiere d’acqua che prende fuoco. È un commento sulla controversa pratica del water fracking? Si riferisce all’incombente crisi idrica che sta per provocare conflitti in tutto il mondo? Si riferisce forse ai disastri ambientali causati dallo sfruttamento e dal trasporto del petrolio? Il messaggio qui è piuttosto vago, non diversamente da altre scene nel video.

La sera, agli ospiti viene mostrato un film su uno schermo televisivo, nello stesso modo in cui gli americani trascorrono le serate guardando la TV.

Il film si chiama “A Nuclear Family”.

Le masse (incluso il fighetto dietro Katy) indossano i loro occhiali 3D e assorbono con entusiasmo la propaganda.

Se seguiamo la logica di questo video, le persone subiscono il lavaggio del cervello guardando un film su una “famiglia nucleare” definita come:

“Un’unità sociale composta da due genitori e uno o più figli.”

Perché questo è descritto come cattivo? Sì, nella società odierna ci sono tutti i tipi di strutture familiari e sono tutte valide e importanti quanto le altre e bla bla bla. Detto questo, perché la “famiglia nucleare” non è celebrata come altri tipi di famiglie? Perché il video ritrae questa famiglia come qualcosa contro cui ribellarsi? Forse perché l’élite ha lavorato duramente per distruggere i valori tradizionali della famiglia al fine di svilire le masse e renderle più malleabili? Non farmi iniziare.

Poi, Skip Marley esce dallo schermo come se fosse quella ragazza di The Ring.

Skip canta sulle rivolte contro chi è al potere.

“It is my desire
Break down the walls to connect, inspire
Ay, up in your high place, liars
Time is ticking for the empire
The truth they feed is feeble
As so many times before
They greed over the people
They stumbling and fumbling and we’re about to riot
They woke up, they woke up the lions”

C’è qualcosa di ironico in questa scena. Skip emerge letteralmente dallo schermo televisivo che viene utilizzato per il lavaggio del cervello delle persone. In altre parole, è mass media. Il rispetto dell’agenda è mascherato da ribellione. Questo è doppio pensiero da manuale.

Quindi, Katy Perry ha un risveglio.

Dopo il suo risveglio, la Perry si guarda intorno mentre le masse ignare le corrono intorno. È così sveglia ora. Wow. Ora conosce tante verità.

Il video si conclude con Perry che guarda gli spettatori con uno sguardo preoccupato come se dicesse “DOVRESTI VOTARE PER HILLARY”.

CONCLUDENDO
Chained to the Rhythm è ciò che io chiamo “propaganda 2.0”: l’agenda dell’élite presentata come una “rivoluzione”..

Come affermato più volte su questo sito, l’obiettivo finale dell’élite è creare un governo mondiale, completo di una moneta unica e di un’unica élite che lo governa. Creando “problemi” specifici ed enfatizzando soluzioni che risolvono questi problemi, l’élite globale sta creando un sistema mondiale completamente integrato in cui le politiche sociali ed economiche trascendono i confini nazionali per essere decise a livello globale. La crisi dei rifugiati, l’ambiente, l’economia, il terrorismo e innumerevoli altre questioni vengono utilizzati per introdurre politiche favorevoli al Nuovo Mondo a livello globale. Questo programma è stato sostenuto per anni da George Soros e dalla sua organizzazione estremamente potente chiamata Open Society.

Questo è ciò di cui parla veramente Chained to the Rhythm. Katy Perry è stata, per anni, una pedina dell’élite, e questo continua ancora adesso. Ciò significa automaticamente che dovremmo tutti sostenere pienamente tutto ciò che fa Trump? Ovviamente no. L’intero messaggio di questo sito è quello di essere costantemente vigili. Che tu ci creda o no, non è necessario aderire completamente all’intera piattaforma di un partito politico. Puoi effettivamente essere una persona razionale e decidere da solo quali politiche sei d’accordo e in disaccordo.

Tuttavia, una cosa è certa, i mass media sono ancora nelle mani di un’élite con un programma specifico. E, anche quando sembra promuovere la libertà, segretamente vuole che tu sia … incatenato al ritmo.

Fonte

leadchained

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €


Il Time Magazine celebra la “cabala di persone potenti” che ha influenzato le elezioni americane

Una vasta rete di cospiratori ha “salvato” le elezioni del 2020 conducendo una massiccia “campagna ombra” per esercitare la loro influenza sul pubblico, rivela un nuovo articolo di Time Magazine.

Sì davvero.

Secondo l’articolo, quando Donald Trump avvertiva dei pericoli del voto per corrispondenza, si trattava di una minaccia per la democrazia – ma quando un massiccio movimento clandestino influenzava il pubblico, stava semplicemente “rafforzando” l’integrità delle elezioni.

“I [cospiratori] vogliono che la storia segreta delle elezioni del 2020 sia raccontata, anche se suona come un sogno febbrile: una cabala ben finanziata di persone potenti, che spaziano tra le varie industrie e la filantropia, le quali hanno lavorato insieme dietro le quinte per influenzare le percezioni, cambiare regole e leggi, dirigere la copertura dei media e controllare il flusso di informazioni “, scrive Molly Ball. “Non stavano truccando le elezioni; le stavano fortificando. “

“E credono che il pubblico abbia bisogno di comprendere la fragilità del sistema per garantire che la democrazia in America duri”.

Questa “rivoluzione” descritta dal rapporto della Ball è presentata come un ostacolo a un’elezione che favoriva chiaramente Trump, un presidente popolare e in carica.

“Ogni tentativo di interferire con il corretto esito delle elezioni è stato eliminato”, afferma Ian Bassin, co-fondatore di Protect Democracy, un gruppo di difesa dello stato di diritto indipendente. “Ma è estremamente importante per il Paese capire che non è accaduto accidentalmente”.

“Il sistema non ha funzionato magicamente. La democrazia non è autoesecuzione “.

Ma quali sono stati questi “tentativi” di interferire con il “corretto esito” delle elezioni?

È stato il presidente Trump quando avvertiva gli americani dei pericoli del voto per corrispondenza.

“Perché Trump e i suoi alleati stavano conducendo la propria campagna per rovinare le elezioni”, scrive Ball. “Il presidente ha passato mesi a insistere sul fatto che i voti per corrispondenza fossero un complotto democratico e che le elezioni sarebbero state “truccate””.

“… Oltre a combattere la disinformazione, c’era bisogno di spiegare un processo elettorale in rapida evoluzione. Era fondamentale per gli elettori capire che, nonostante quello che diceva Trump, i voti per corrispondenza non erano suscettibili di frode e che sarebbe stato normale se alcuni stati non avessero finito di contare i voti la notte delle elezioni “.

Fonte

donald-trump-joe-biden-election

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I media mainstream vogliono ridefinire il concetto di “liberta` di parola”

Da “appiattire la curva” a “la nuova normalità” a “il grande ripristino”, non è stato difficile individuare la propaganda dall’inizio della “pandemia”.

La frase “terrorismo interno” sta venendo utilizzato molto nell’ultimo periodo che ci prepara a quella che, quasi certamente, sarà una nuova legislazione davvero orrenda una volta che Biden sarà in carica.

Ebbene, la frase in voga dopo che Donald Trump è stato bandito da Internet è “la nuova definizione di libertà di parola” … e variazioni su quel tema.

In primo luogo, i giornali su entrambe le sponde dell’Atlantico vogliono essere molto chiari su questo, il fatto che Donald Trump sia stato bandito simultaneamente da tutti i principali social network non sta in alcun modo inibendo la sua libertà di parola.

In effetti nessuna delle decine di migliaia di persone bandite da Twitter et al. hanno subito violazioni della loro libertà di parola. Come nessuno dei proprietari – o utenti – dell’app Parler che i giganti della tecnologia hanno cancellato ha subito danni alla capacita` di fare informazione.

La libertà di parola è totalmente intatta, non importa quante persone siano bandite o deplatformate, i media sono tutti d’accordo su questo (anche i presunti gruppi di riflessione a favore della libertà di parola).

Sono anche d’accordo che forse … non dovrebbe esserci. Forse la “libertà di parola” è troppo pericolosa nella nostra era moderna e necessita di una “nuova definizione”.

Questo è ciò che Ian Dunt scrivendo su Politics.co.uk pensa, comunque, sostenendo che è ora di avere un “dibattito tra adulti” sulla libertà di parola.

Il Financial Times è d’accordo, interrogandosi sui “limiti della libertà di parola nell’era di Internet”.

Thomas Edsall, sul New York Times, si chiede ad alta voce se le “bugie” di Trump abbiano reso la libertà di parola una “minaccia alla democrazia“.

The Conversation, una rivista con sede nel Regno Unito spesso all’avanguardia con delle idee veramente terrificanti, ha tre diversi articoli sulla ridefinizione o limitazione della libertà di parola, tutti pubblicati entro 4 giorni l’uno dall’altro.

Possiamo leggere che la libertà di parola non è garantita se danneggia gli altri, un pezzo di apologia disonesta che sostiene che Trump non è stato messo a tacere, perché avrebbe comunque continuato a fare discorsi che i media avrebbero coperto nelle news … senza tuttavia menzionare che i media hanno, in massa, letteralmente rifiutato di trasmettere diversi discorsi di Trump negli ultimi due mesi.

La conclusione potrebbe essere stata scritta da un algoritmo che analizza il feed Twitter del The Guardian:

il suggerimento che Trump è stato censurato è semplicemente sbagliato. Induce in errore il pubblico a credere che tutte le affermazioni sulla “libertà di parola” abbiano lo stesso valore. Non lo hanno. Dobbiamo lavorare per garantire che il linguaggio dannoso sia regolamentato al fine di garantire un’ampia partecipazione al discorso pubblico che è essenziale per le nostre vite e per la nostra democrazia.

Poi c’è la libertà di parola in America: l’approccio statunitense è adatto allo scopo nell’era dei social media?, che afferma:

L’attacco al Campidoglio ha rivelato, in termini duri, i pericoli della disinformazione nell’era digitale. Offre un’opportunità per riflettere sulla misura in cui alcuni elementi della tradizione americana della libertà di parola potrebbero non essere più adatti allo scopo.

E infine, il mio preferito , Perché la “libertà di parola” ha bisogno di una nuova definizione nell’era di Internet e i tweet di Trump in cui l’autore Peter Ives mette in guardia dalla “militarizzazione della libertà di parola” e conclude:

La folla inferocita di Trump non è stata solo incitata dal suo unico discorso del 6 gennaio, ma è stata fomentata per molto tempo online. La fede nella ragione di Mill e Kant era basata sulla stampa; la libertà di parola dovrebbe essere riesaminata nel contesto di Internet e dei social media.

Ives pensa chiaramente di essere illuminato, liberale e istruito, dopotutto lascia cadere i riferimenti a Kant E Mills (sono proprio DUE famosi filosofi), ma in realtà non lo è. È solo un elitario che sostiene che le persone della classe lavoratrice sono troppo stupide per poter parlare, o anche per ascoltare idee che potrebbero irritarli tutti e distrarli dal loro lavoro umile.

Per condire queste idee obsolete con una spolverata di pornografia della paura, NBC News riferisce che l’FBI non ha segnalato la loro “preoccupazione” sulla possibile violenza al Campidoglio, perché erano preoccupati per la libertà di parola. (Vedi, se l’FBI non avesse protetto la libertà di parola delle persone, quella rivolta potrebbe non si sarebbe mai verificata!)

E oltre a tutto ciò, c’è l’angolo della manipolazione emotiva, in cui gli autori fingono di essere tristi o esasperati.

Nell’Irish Independent, Emma Kelly afferma che la “libertà di parola” non include “incitamento all’odio” (non è mai esattamente chiaro quale parte di “tornare a casa pacificamente” fosse l’incitamento all’odio).

In The Hill, Joe Ferullo è quasi in lacrime per il fatto che il primo emendamento sia stato rovinato dalla stampa di destra.

Se “tornare a casa pacificamente”, può diventare “incitamento alla violenza”, si può fare in modo che tutto significhi assolutamente qualsiasi cosa.

Più “ridefiniscono” le parole, più ci spostiamo in un mondo orwelliano in cui ogni significato è completamente perso.

E cosa significherebbe veramente la nostra nuova “libertà di parola” in un mondo del genere?

Fonte

1984

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Twitter: Spegnere Internet “viola i diritti umani di base” – in Uganda

Twitter si è pronunciato a favore della libertà di parola e contro la chiusura di Internet – in Uganda. Il dipartimento per le politiche pubbliche di Twitter ha twittato in opposizione agli sforzi per chiudere l’accesso a Internet prima delle elezioni in Uganda di questa settimana, dove il presidente Yoweri Museveni chiede agli elettori un sesto mandato.

È in carica da 35 anni. La scorsa settimana, Twitter ha bandito definitivamente il presidente Donald Trump dalla sua piattaforma. Continua inoltre a sospendere ed espellere decine di migliaia di sostenitori di Trump. Anche il principale concorrente di Twitter, Parler, è stato espulso dai server di Amazon. Questa settimana, tuttavia, Twitter si è battuto per la libertà di parola e l’Internet aperta, sostenendo che “l’accesso alle informazioni e alla libertà di espressione, inclusa la conversazione pubblica su Twitter, e ancora più importante durante i processi democratici, in particolare le elezioni”. Twitter si è inoltre espressamente opposto al blocco di “social media e app di messaggistica”.

Prima delle elezioni di novembre 2020, Twitter ha censurato un articolo del New York Post che esponeva e-mail dal laptop di Hunter Biden, figlio del presidente eletto Joe Biden. Le e-mail suggerivano che l’allora vicepresidente Biden avesse incontrato il socio in affari di suo figlio della corrotta compagnia energetica ucraina, Birmania. Altre email descrivevano anche il tentativo della famiglia Biden di avviare una joint venture con una società cinese, in cui Joe Biden – il “pezzo grosso” – avrebbe ricevuto una quota del 10%. L’ex vicepresidente Biden ha detto ai giornalisti durante la campagna elettorale nel 2019 di non aver mai discusso degli interessi commerciali all’estero della sua famiglia.

Fonte

twitter-protest-getty-640x477-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Sacha Baron Cohen: Facebook e Twitter che bannano Trump e` il momento piu` importante nella storia dei social media

La star di Borat Sacha Baron Cohen – che è il più schietto attivista pro-censura di Hollywood – ha dichiarato che le recenti decisioni di Twitter e Facebook di bannare il presidente Donald Trump dalle loro piattaforme sono “il momento più importante nella storia dei social media”.

L’attore britannico ha anche affermato che “il mondo intero” sta ringraziando i dipendenti dei due giganti della Silicon Valley che “hanno combattuto per questo”.

Venerdì, Twitter ha annunciato di aver bandito permanentemente il presidente dalla sua piattaforma, sostenendo che due dei suoi tweet all’inizio della giornata hanno violato le regole di “Glorificazione della violenza”. In realtà, nessuno dei tweet promuoveva la violenza o ne parlava in alcun modo. Ma Twitter ha affermato che la sua retorica potrebbe portare alla violenza.

Facebook ha bandito il presidente dalle sue piattaforme, incluso Instagram, per un periodo indefinito all’inizio della settimana.

Sacha Baron Cohen ha espresso il suo giubilo in un tweet venerdì. “Questo è il momento più importante nella storia dei social media”, ha scritto. “Le piattaforme più grandi del mondo hanno bandito il più grande fornitore di bugie, cospirazioni e odio al mondo”.

“A tutti i dipendenti, utenti e sostenitori di Facebook e Twitter che si sono battuti per questo – il mondo intero vi ringrazia!”

Solo due mesi fa, Cohen ha chiesto che il CEO di Facebook Mark Zuckerberg fosse rimosso dalla società, sostenendo che il miliardario è stato determinante nel dare voce ai conservatori e al presidente Trump, che ha equiparato ai nazisti.

Cohen ha intensificato il suo attivismo pro-censura nel periodo in cui il suo sequel di Borat è stato pubblicato da Amazon ad ottobre, solo una settimana prima delle elezioni. La star ha pubblicato un editoriale su Time in cui ritraeva gli americani conservatori come adoratori delle armi razzisti e violenti. Si è anche lamentato della popolarità delle fonti di notizie conservatrici, dicendo che Facebook ha consentito ai punti di vista conservatori di trovare un pubblico.

La star britannica ha chiesto a Facebook di cancellare ancora più persone fuori dalla sua piattaforma, affermando nel 2019 che le aziende hanno il “dovere morale” di espellere i clienti le cui opinioni sono ripugnanti.

Fonte

sachabaroncohen2-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’Ad di Parler denuncia un attacco coordinato mentre anche Amazon si prepara a staccare la spina

Amazon si sta preparando a staccare la spina a Parler, sospendendolo dai servizi di web hosting, dopo che Apple e Google hanno bandito l’app dai rispettivi app store in quello che il CEO dell’azienda John Matze ha definito un “attacco coordinato”.
Sebbene l’azienda di social media conservatrice speri di passare presto a un nuovo provider di hosting, ha riconosciuto che le sue opzioni sono “limitate” a causa di uno “sforzo coordinato” progettato e programmato per “infliggere il maggior danno”, secondo Matze.

Questo è stato un attacco coordinato dei giganti della tecnologia per uccidere la concorrenza sul mercato. Abbiamo avuto troppo successo troppo velocemente. Puoi aspettarti che la guerra alla concorrenza e alla libertà di parola continui, ma non escluderci.

La spinta a soffocare Parler arriva sulla scia della protesta del Campidoglio degli Stati Uniti trasformata in rivolta, in un momento in cui Twitter, Facebook e altri giganti dei social media stanno epurando gli account del presidente Donald Trump e dei suoi sostenitori, essenzialmente mettendo a tacere la liberta` di parola.

Amazon Web Services ha affermato che stava vietando Parler a causa del “rischio molto reale per la sicurezza pubblica” che rappresenta, secondo un’e-mail vista da Reuters. Matze ha avvertito che alle 23:59 PST di domenica, Parler potrebbe non essere disponibile per una settimana.

Sabato scorso, Apple ha seguito i passi di Google eliminando Parler dal suo App Store, dopo che non aveva rispettato una scadenza di 24 ore per introdurre misure adeguate per “prevenire la diffusione di post che incitano alla violenza”.

Il colosso tecnologico di proprietà di Alphabet lo ha sospeso dalla sua piattaforma venerdì, subito dopo che Twitter ha bandito bruscamente Donald Trump a tempo indefinito. Da notare che Trump sembrava intenzionato a passare a Parler.

Fonte

5ffa86872030270fdf551264

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Twitter permette all’hashtag “Hang Mike Pence” di diventare virale dopo aver bannato Trump per aver “incitato alla violenza”

L’ipocrisia delle società Big Tech di sinistra è sbalorditiva

Il giorno dopo che Twitter ha bandito il presidente Trump “a causa del rischio di un ulteriore incitamento alla violenza”, la società ha lasciato che l’hashtag “Hang Mike Pence” (Impiccare Mike Pence) diventasse virale sulla sua piattaforma.

Twitter alla fine ha notato il termine e lo ha bloccato assieme alle variazioni.

“Abbiamo bloccato il trend della frase e di altre varianti”, ha detto a Fox News un portavoce di Twitter.

“Vogliamo che le tendenze promuovano discussioni sane su Twitter”.

Discussioni sane, come questo tweet di Kathy Griffin, che mostra il suo famigerato servizio fotografico con l’effigie della testa di Trump mozzata.

Fonte

2021-01-09_11-20-07

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’azienda proprietaria dei sistemi di voto Dominion ha ricevuto 400 milioni di dollari da una banca svizzera connessa con il governo cinese prima delle elezioni

Il 75% dei titoli UBS sono di proprietà del governo cinese, secondo le indagini.

Un’indagine sui documenti della SEC ha rivelato che la società proprietaria di Dominion Voting Systems ha ricevuto 400 milioni di dollari da una banca svizzera con stretti legami con il governo cinese meno di un mese prima delle elezioni.

L’indagine, condotta da Austin Security and Investigation Solutions, si concentra su Staple Street Capital, che ha acquisito Dominion Voting Systems nel 2018.

Dominion Voting Systems gestisce macchine per il voto in 28 stati ed è stata accusata dal presidente Trump e dai suoi sostenitori di essere coinvolta nell’eliminazione di milioni di voti per Trump.

“L’8 ottobre 2020, Staple Street Capital ha presentato offerte di modulo D alla SEC e un importo di vendita di $ 400.000.000 con il destinatario identificato come UBS Securities”, afferma l’indagine, che rileva anche che un altro pagamento di $ 200.000.000 è stato ricevuto nel dicembre 2014.

“UBS Securities è una banca d’investimento svizzera che possiede il 24,99% di UBS Securities Co LTD, una banca cinese per gli investimenti. Il restante 75% di UBS Securities CO LTD è di proprietà del governo cinese ”, afferma il rapporto.

I proprietari complessivi di UBS Securities Co LTD sono;

  • Pechino Guoxiang (33%)
  • UBS (24,99%)
  • Guangdong Comm. Gruppo zh
  • China Guodian (14%)
  • Gruppo COFCO (14%)

A parte UBS, gli altri quattro proprietari di UBS Securities sono tutti gruppi di facciata comunisti cinesi.

Beijing Guoxiang è una risorsa di proprietà statale.

Guangdong Comm. Lo stakeholder del gruppo è il governo provinciale del Guangdong.

China Guodian è un’impresa di proprietà statale amministrata per il SASAC per il Consiglio di Stato

COFCO Group è un’impresa statale sotto la diretta supervisione del SASAC.

SASAC La Commissione statale per la supervisione e l’amministrazione dei beni del Consiglio di Stato (SASAC) è una commissione speciale della Repubblica popolare cinese, direttamente sotto il Consiglio di Stato.

Documenti PDF che confermano i dettagli di cui sopra sono stati forniti da Austin Security and Investigation Solutions.

La rivelazione che Dominion Voting Systems ha legami finanziari con il governo cinese tramite UBS Securities rafforzerà le affermazioni dei sostenitori di Trump secondo cui attori stranieri che lavorano per conto della Cina comunista potrebbero aver cercato di immischiarsi nelle elezioni presidenziali per aiutare Joe Biden.

Nelle ultime settimane sono emersi anche altri collegamenti tra Dominion Voting Systems e il governo cinese, tra cui il Core Infrastructure Manager of Information Technology dell’azienda, Andy Huang, che in precedenza ha lavorato per China Telecom, che è “interamente gestito dal governo cinese”, ha riferito il National Pulse.

Fonte

011220ubs1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Una interessante aggiunta al team di Sidney Powell

Nella sua denuncia in Georgia, Sidney Powell ha incluso la dichiarazione di Navid Keshavarz-Nia, un testimone esperto che ha dichiarato sotto giuramento che c’era stata una massiccia frode informatica nelle elezioni del 2020, il tutto inteso a garantire una vittoria per Joe Biden. Il nome del Dr. Kershavarz-Nia potrebbe non significare molto per te, ma è uno dei nomi più importanti al mondo quando si tratta di scovare i problemi di sicurezza informatica.

Sappiamo quanto sia importante il dottor Kershavarz-Nia perché, solo due mesi e mezzo fa, il New York Times ha pubblicato uno dei suoi articoli su una massiccia frode multimilionaria che un talentuoso truffatore ha eseguito contro l’Intelligence americana e comunità militari:

Navid Keshavarz-Nia, coloro che hanno lavorato con lui hanno detto, “è sempre stato il piu` intelligente”. Nel fare il lavoro di cybersecurity e controspionaggio tecnico per la C.I.A., N.S.A. e F.B.I., aveva passato decenni a “collegare i punti” top-secret. Dopo diversi mesi di lavoro con il signor Courtney, ha iniziato a collegare anche quei punti. Non gli piaceva dove portavano.

Il dottor Kershavarz-Nia non solo ha un’intelligenza innata, ma ha anche straordinarie capacità accademiche e pratiche nel rilevamento e nell’analisi delle frodi informatiche. Il motivo per cui sappiamo delle sue qualifiche è che gli occorrono sette paragrafi per elencarle nella dichiarazione che ha firmato a sostegno della denuncia della Georgia.

Le sue qualifiche includono un B.A., M.A. e Ph.D. in vari settori dell’ingegneria elettrica e informatica. Inoltre, “ho ricevuto una formazione avanzata dalla Defense Intelligence Agency (DIA), Central Intelligence Agency (CIA), National Security Agency (NSA), DHS office of Intelligence & Analysis (I&A) e Massachusetts Institution of Technology (MIT)”.

Professionalmente, il Dr. Kershavarz-Nia ha trascorso la sua carriera come ingegnere della sicurezza informatica.

“La mia esperienza”, afferma, “abbraccia 35 anni eseguendo valutazioni tecniche, modelli matematici, analisi dei modelli di attacchi informatici e intelligence sulla sicurezza [.]”

Non mi dilungherò sul punto. Dai per scontato che il dottor Kershavarz-Nia potrebbe saperne di più sulla sicurezza informatica di chiunque altro in America.

Allora cosa ha da dire il brillante Dr. Kershavarz-Nia? Questo:

  1. Hammer e Scorecard sono reali, non una bufala (come sostengono i Democratici), ed entrambi sono usati per manipolare i risultati delle elezioni.
  2. Dominion, ES&S, Scytl e Smartmatic sono tutti vulnerabili alle frodi e alla manipolazione del voto – i media mainstream hanno riferito di queste vulnerabilità in passato.
  3. Dominion è stato utilizzato in altri paesi per “forgiare i risultati delle elezioni”.
  4. La struttura aziendale di Dominion è deliberatamente confusa per nascondere i rapporti con Venezuela, Cina e Cuba.
  5. Le macchine Dominion sono facilmente hackerabili.
  6. Le schede di memoria Dominion con accesso tramite chiave crittografica ai sistemi sono state rubate nel 2019.

Sebbene non avesse accesso alle macchine, il dottor Kershavarz ha esaminato i dati disponibili sulle elezioni e sui risultati del voto. Sulla base di queste informazioni, ha concluso

  1. I conteggi negli stati contesi (Pennsylvania, Wisconsin, Michigan, Arizona, Nevada e Georgia) mostrano manipolazione elettronica.
  2. La decisione simultanea in Pennsylvania, Wisconsin, Arizona, Nevada e Georgia di fingere di interrompere il conteggio dei voti è stata senza precedenti e ha dimostrato uno sforzo coordinato per colludere verso i risultati desiderati.
  3. Uno o due per cento dei voti sono stati forgiati a favore di Biden.
  4. Gli scanner ottici sono stati impostati per accettare schede elettorali non verificate e non convalidate.
  5. Gli scanner non sono riusciti a tenere registri per gli audit, un risultato che deve essere stato deliberatamente programmato.
  6. La chiave crittografica rubata, applicata a tutti i sistemi di voto, è stata utilizzata per modificare il conteggio dei voti.
  7. I voti favorevoli fuori orario per Biden non possono essere spiegati da una preferenza democratica per le votazioni per posta. Dimostrano un grado di manipolazione. Ad esempio, in Pennsylvania, era fisicamente impossibile inserire 400.000 schede nelle macchine entro 2-3 ore.
  8. Dominion ha usato parti cinesi, e c’è motivo di credere che Cina, Venezuela, Cuba abbiano interferito nelle elezioni.
  9. C’è stato un attacco informatico Hammer e Scorecard che ha alterato i voti negli stati contesi, quindi ha inoltrato i risultati ai server Scytl a Francoforte, in Germania, per evitare il rilevamento.
  10. I sistemi non sono riusciti a produrre alcun risultato verificabile.
     

Sulla base dei risultati sopra, il dottor Keshavarz-Nia ha concluso con “grande fiducia che i dati delle elezioni del 2020 sono stati alterati in tutti gli stati contesi facendo vincere Biden “.

Questa sarà una prova dura da contrastare per i Democratici. Ai tempi in cui gli ingenui Democratici pensavano che Trump sarebbe stato l’unico a commettere frodi, hanno tenuto udienze al Congresso e hanno scritto articoli sulla vulnerabilità delle macchine per il voto. E con il New York Times che sollecita la genialità del dottor Keshavarz-Nia e la sua capacità di fiutare le frodi, faranno fatica a credere che non sia un esperto affidabile.

Le cose cominciano a farsi divertenti.

Fonte

download-49_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €


 

Sidney Powell “rilascia il Kraken” con due cause legali nel Michigan e in Georgia

Sidney Powell ha finalmente rilasciato il Kraken, presentando due cause legali in Michigan e Georgia mercoledì in tarda serata in cui si implicava un piano massiccio per manipolare le elezioni a favore di Joe Biden.

In Georgia, la Powell afferma in una denuncia di 104 pagine presentata alla Corte distrettuale degli Stati Uniti di Atlanta che lo scopo del piano era “manipolare illegalmente e in modo fraudolento il conteggio dei voti per accertare l’elezione di Joe Biden a presidente degli Stati Uniti”.

La truffa e` stata resa virtualmente invisibile da un software per computer creato e gestito da attori nazionali e stranieri proprio a questo scopo”, prosegue la causa, aggiungendo che “Anomalie matematiche e statistiche aumentano al livello di impossibilità , come dimostrano le dichiarazioni giurate di più testimoni, documentazione e testimonianze di esperti in tutto lo stato della Georgia “.

“Questo schema e questo artificio per frodare hanno influenzato decine di migliaia di voti nella sola Georgia”.

Secondo Just the News, le accuse di Powell includono:

Almeno 96.600 voti per corrispondenza sono stati richiesti e contati, ma non sono mai state registrati come restituiti ai consigli elettorali della contea dall’elettore. “Quindi, almeno 96.600 voti devono essere ignorati”, ha detto la causa.
Kemp e Raffensperger “si sono affrettati ad acquistare macchine per il voto e software Dominion nel 2019 per le elezioni presidenziali del 2020” senza preoccuparsi della sicurezza.
“Ci sono prove fisiche incontrovertibili che gli standard di sicurezza fisica delle macchine per il voto e del software siano stati violati e che le macchine siano state connesse a Internet in violazione degli standard professionali e delle leggi statali e federali”.
Gli addetti alle elezioni della contea di Fulton hanno utilizzato la denuncia di una perdita d’acqua per evacuare gli osservatori per diverse ore la notte delle elezioni, anche se “diversi lavoratori sono rimasti senza supervisione lavorando ai computer fino a dopo l’una di notte.
I funzionari statali in un accordo con i partiti democratici hanno apportato modifiche alle procedure elettorali che violavano sia la legge statale che la Costituzione degli Stati Uniti.

La causa chiede oltre una dozzina di interventi, inclusa un’ingiunzione che blocca i risultati certificati dello stato – in cui Biden ha “vinto” per 12.000 voti – dalla trasmissione al Collegio elettorale.

La causa della Powell richiede anche una verifica in cui le firme vengono associate ai votanti, il sequestro di varie macchine elettorali e la videosorveglianza dalle aree di conteggio dei voti.

In Michigan, la Powell ha presentato una denuncia di 75 pagine cercando di annullare i risultati delle elezioni, sostenendo che “centinaia di migliaia di schede illegali, non ammissibili, duplicate o puramente fittizie” rese possibili da “massicce frodi elettorali” hanno facilitato la vittoria di Biden nello stato.

“Lo schema e l’artificio per frodare avevano lo scopo di manipolare illegalmente e fraudolentemente il conteggio dei voti per produrre come risultato l’elezione di Joe Biden a presidente degli Stati Uniti”, sostiene la causa, aggiungendo che lo stratagemma più “preoccupante, insidioso ed eclatante” implicava “l’adattamento sistemico del “broglio elettorale” vecchio stile. “

Come osserva Mimi Ngyuen Ly di The Epoch Times:

La denuncia sostiene “una gamma di condotta particolarmente eclatante” nella contea di Wayne e nella città di Detroit e un comportamento simile in tutto lo stato, attribuito alla direzione dei funzionari elettorali dello stato del Michigan. Ha osservato che “lo stesso modello di frode elettorale in gran parte si è verificato in tutti gli stati indecisi con solo piccole variazioni” in Pennsylvania, Arizona e Wisconsin.

La denuncia citava testimoni oculari e testimonianze di esperti per affermare che erano stati identificati sufficienti voti per ribaltare i risultati delle elezioni. Ha anche affermato che non si può fare affidamento sui risultati delle elezioni perché l’intero processo elettorale è stato “pieno di frodi, illegalità e impossibilità statistica”.

La causa ha affermato che il software e l’hardware elettorale di Dominion Voting Systems utilizzati dai Canvassers del Board of State del Michigan hanno contribuito a facilitare la frode.

“I sistemi Dominion derivano dal software progettato da Smartmatic Corporation, diventato Sequoia negli Stati Uniti”, si legge nella denuncia.

“Smartmatic e Dominion sono stati fondati da oligarchi e dittatori stranieri per garantire brogli elettorali computerizzati e la manipolazione del voto a qualsiasi livello in modo che il dittatore venezuelano Hugo Chavez non perdesse mai un’altra elezione”, ha aggiunto, citando l’affidavit di un informatore che sostiene che il software Smartmatic è stato utilizzato per manipolare le elezioni venezuelane a favore di Chavez.

“Un requisito fondamentale del design del software Smartmatic adottato alla fine da Dominion per le elezioni del Michigan era la capacità del software di nascondere la sua manipolazione dei voti da qualsiasi controllo”, afferma il reclamo.

La denuncia citava un ex analista dell’intelligence del 305 ° battaglione dell’intelligence militare, il quale dichiarava che gli agenti che agivano per conto della Cina e dell’Iran avevano accesso al software Dominion per monitorare e manipolare le elezioni, comprese le elezioni generali statunitensi del 2020.

Un’altra parte della denuncia affermava che un ex esperto dell’intelligence militare statunitense aveva analizzato il sistema software Dominion e concluso che il sistema e il software “erano stati certamente compromessi da attori canaglia, come Iran e Cina”.

“Utilizzando server e dipendenti collegati ad attori disonesti e influenze straniere ostili combinate con numerose credenziali trapelate facilmente individuabili, Dominion ha neglamente consentito agli avversari stranieri di accedere ai dati e ha fornito intenzionalmente l’accesso alla loro infrastruttura al fine di monitorare e manipolare le elezioni, comprese quelle più recenti nel 2020 “.

Fonte

powell-1_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €