Archivi Blog

Epstein e Maxwell dissero ad una vittima che la avrebbero data in pasto agli alligatori e che la avrebbero stuprata davanti a suo figlio di 8 anni

Una giovane donna è stata rapita e ripetutamente violentata dal predatore sessuale Jeffrey Epstein e da Ghislaine Maxwell mentre il figlio della vittima osservava e trafficata ai potenti amici di Epstein sotto terribili minacce.
Secondo una causa intentata la scorsa settimana e resa pubblica martedì dal Miami Herald, l’agente immobiliare turco ha citato in giudizio la proprietà di Epstein per le bizzarre torture che lei sostiene di aver subito durante la sua reclusione.

Nominata solo come Jane Doe nei documenti legali, è stata presentata a Epstein e alla sua presunta compagna di reato, Ghislaine Maxwell, dal suo datore di lavoro, apparentemente un caro amico di Epstein che le ha detto che il finanziere aveva bisogno di una proprietà in affitto – rapidamente, pagando in contanti, senza fare domande. Quando l’accordo fu concluso con successo, l’infame molestatore sessuale suggerì che avrebbe potuto lavorare per lei in modo più permanente, facendole regali costosi e la promessa di un “impiego di alto livello” per lei e il suo allora marito.

Sfortunatamente, il broker ha avuto troppo successo e dopo sei mesi di “sforzi persistenti” da parte della Maxwell, che le aveva rubato il passaporto per motivi di “custodia” e l’aveva nascosto in una cassetta di sicurezza da qualche parte nella sua vasta tenuta di Palm Beach, ha accettato di tornare e lavorare per Epstein, questa volta gli è stato chiesto di tagliargli i capelli.

L’offerta di lavoro era una trappola. Doe è arrivata a casa del predatore per trovare Epstein e Maxwell nudi procedendo ad aggredirla sessualmente, afferma la causa. Brandendo le pistole di Epstein a scopo di intimidazione, la coppia l’ha minacciata di arresto per prostituzione (Maxwell aveva pagato $ 200 per il taglio di capelli, dopotutto). È stata anche minacciata di deportazione e che le avrebbero portato via il figlio.

A completare l’orribile serie di minacce, Doe è stata portata a fare un giro con l’auto di Epstein e della Maxwell. Si sono fermati a casa sua per prendere suo figlio, poi si sono fermati sul ciglio della strada, dove la coppia di predatori ha indicato un gruppo di alligatori nell’acqua. Secondo la causa, Epstein “ha detto a [Doe] che – come era successo ad altre donne in passato – sarebbe stata divorata, se avesse mai rivelato la verita` su Epstein. “

La Doe è stata inoltre sottoposta a diversi giorni di stupro da parte di Epstein e Maxwell di fronte a suo figlio in un hotel a Napoli, afferma la causa, aggiungendo che è stata anche trafficata con altri uomini, tra cui un giudice locale che non è nominato nel procedimento. Afferma di essere stata persino sottoposta a un intervento chirurgico vaginale nel tentativo di presentarla come una “vergine” a un cliente “di alto profilo” – una procedura che, secondo quanto riferito, l’ha lasciata “mutilata e permanentemente danneggiata”.

Oltre alla minaccia di deportazione e di perdere suo figlio, Doe è stata ripetutamente filmata nuda mentre compiva atti sessuali, aggiungendo alla cache del materiale di ricatto che Epstein e Maxwell avevano accumulato. Le fu anche data una scatola chiusa a chiave da tenere per Epstein – da non aprire mai, pena la morte – insieme a telefoni bruciati e altri dispositivi elettronici da tenere allo stesso modo nascosti alle forze dell’ordine e ad altre autorità.

Il duo ha anche suggerito di trovare un lavoro a suo marito con l’FBI, descrivendo in dettaglio “l’influenza di Epstein sull’FBI, il Dipartimento per l’immigrazione e l’applicazione delle dogane dell’Ufficio degli Stati Uniti per la sicurezza interna e le forze dell’ordine locali e statali della Florida”.

Quando Doe riuscì a sfuggire alle grinfie di Epstein e Maxwell, affermò di essere così traumatizzata dalle minacce che la coppia aveva fatto contro di lei e la sua famiglia – insieme alla potenziale vergogna che poteva ricadere su di loro come devoti musulmani – che non cercò aiuto dalle autorità. Epstein aveva anche mantenuto un certo numero di avvocati altamente pagati durante questo periodo, a causa della moltitudine di casi contro di lui.

Piuttosto che affrontare le 53 pagine di accusa che i procuratori federali avevano preparato contro di lui, Epstein ricevette invece una “condanna” di 13 mesi che gli consentiva di andare e venire a suo piacimento dal carcere di West Palm Beach, anche vedendo (e probabilmente facendo sesso) con più ragazze durante la sua “condanna” per “aver sollecitato una prostituta minorenne”.

La scusa di Acosta per il trattamento indulgente, secondo quanto riferito, mentre veniva esaminato per la sua posizione di segretario del lavoro per l’amministrazione Trump, era che Epstein “apparteneva all’intelligence”.

Fonte

60649cb185f540613d53eed3

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €