Archivi Blog

Twitter si rifiuta di cancellare materiale pedopornografico dalla sua piattaforma perche` “non viola le regole”

In una nuova causa si accusa Twitter di aver chiuso un occhio su del materiale pedopornografico nella sua piattaforma, sostenendo di aver respinto le ripetute richieste di una vittima minorenne di rimuovere le immagini esplicite ottenute attraverso il ricatto.
La causa, presentata mercoledì dalla vittima adolescente e da sua madre nel distretto settentrionale della California, sostiene che Twitter si sia rifiutato di cancellare i video sessualmente espliciti sulla base del fatto che non hanno violato le sue politiche, consentendo loro di accumulare oltre 150.000 visualizzazioni.

Il querelante – identificato solo come “John Doe” nei documenti del tribunale – dice che aveva solo 13 anni quando è stato manipolato per condividere immagini nude di se stesso con un utente Snapchat che credeva essere un compagno di classe di 16 anni. Dopo averlo fatto, “la corrispondenza si è trasformata in ricatto”, afferma la causa, aggiungendo che gli autori hanno minacciato di condividere le foto con “i genitori, l’allenatore, il prete e altri nella sua comunità” della vittima se non avesse inviato materiale aggiuntivo. Ha rispettato le richieste dei trafficanti, inviando video sessualmente espliciti di se stesso, alcuni dei quali includevano un altro minore.

Ad un certo punto nel 2019, un “video compilation” con il filmato estorto a John Doe è emerso su Twitter attraverso almeno due account “.

A causa della circolazione di questi video, ha dovuto affrontare prese in giro, molestie, bullismo violento ed ha cominciato a pensare al suicidio.

Immediatamente, la vittima – che a quel punto aveva 16 anni – informò i suoi genitori della situazione, spingendo sua madre, chiamata “Jane Doe” a sporgere una denuncia e a occuparsi della questione con i funzionari della scuola, la polizia locale e con Twitter direttamente. Ciò ha fatto seguito ad almeno una precedente denuncia di un utente Twitter preoccupato alla fine del 2019, che ha segnalato uno degli account che condividevano i filmati della vittima. La società non ha intrapreso alcuna azione e i video sono rimasti sulla piattaforma.

Entro il 21 gennaio, l’imputato ha presentato la sua denuncia a Twitter, dicendo alla piattaforma “Questi video sono il frutto di molestie e minacce. Ora sta diventando virale a scuola e abbiamo bisogno che vengano rimossi perché siamo entrambi minorenni “. Su richiesta di Twitter, ha fornito una foto della sua patente di guida per confermare la sua identità.

Jane Doe ha anche presentato due ulteriori reclami alla società il giorno dopo, a cui Twitter ha risposto con identici messaggi automatizzati promettendo di rivedere il contenuto in questione.

Dopo un’intera settimana senza una risposta da parte dell’azienda, nonostante i ripetuti tentativi della madre della vittima oltre alle sue lamentele iniziali, Twitter ha finalmente risposto il 28 gennaio, affermando di non aver trovato problemi con i video sessualmente espliciti e che non avrebbe fatto nulla per rimuoverli.

“Grazie per averci contattato. Abbiamo esaminato il contenuto e non abbiamo riscontrato una violazione delle nostre norme, quindi al momento non verrà intrapresa alcuna azione “, ha affermato Twitter, pur insistendo senza un pizzico di ironia sul fatto che” la tua sicurezza è la cosa più importante “.

La vittima ha risposto lo stesso giorno, indignata per l’inazione della piattaforma, chiedendo “Cosa intendete con il fatto che non vi sono problemi?”

Siamo entrambi minorenni in questo momento ed eravamo minorenni al momento in cui sono stati girati questi video. Avevamo entrambi 13 anni. Siamo stati adescati, molestati e minacciati nel girare questi video che ora vengono pubblicati senza il nostro permesso. Non abbiamo assolutamente autorizzato questi video e devono essere rimossi.

Sebbene la società abbia ignorato l’ultima richiesta di John Doe, nel giro di pochi giorni la sua famiglia “è stata in grado di mettersi in contatto con un agente del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti” tramite un contatto reciproco, secondo la causa.

“L’agente federale ha anche avviato un contatto con Twitter e, su richiesta del governo federale degli Stati Uniti, il [contenuto esplicito] è stato finalmente rimosso da Twitter intorno al 30 gennaio 2020”, continua la causa, aggiungendo che anche gli account incriminati sono stati bannati.

Twitter è stato criticato in passato per la sua gestione della pornografia infantile, con il Canadian Center for Child Protection che ha scoperto in una recensione dello scorso anno che la piattaforma rende “estremamente difficile” segnalare tali contenuti, costringendo gli utenti a individuare un modulo separato da la sua “funzione di report facilmente accessibile” che si trova su ogni tweet.

A partire da marzo 2019, Twitter afferma di applicare una “politica zero sullo sfruttamento sessuale dei minori” e nelle sue comunicazioni con John Doe e sua madre ha affermato di inoltrare tutte le segnalazioni di tale materiale al National Center Missing and Exploited Children. Tuttavia, nonostante gli sforzi aggressivi della vittima per rimuovere le immagini di se stesso dalla piattaforma, la società lo ha fatto solo dopo essere stata contattata dal governo federale degli Stati Uniti, non riuscendo a trasmettere il caso di John Doe al Centro fino a quel momento.

La posizione apparentemente lassista della società sulla pornografia infantile è in netto contrasto con la sua vigorosa sorveglianza dei contenuti politici che ritiene “odiosi” o che dovrebbero diffondere “disinformazione”, eliminando regolarmente migliaia di post e utenti – tra cui anche l’ex presidente Donald Trump.

Fonte

600a2cae85f54056fd00b65e

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Twitter: Spegnere Internet “viola i diritti umani di base” – in Uganda

Twitter si è pronunciato a favore della libertà di parola e contro la chiusura di Internet – in Uganda. Il dipartimento per le politiche pubbliche di Twitter ha twittato in opposizione agli sforzi per chiudere l’accesso a Internet prima delle elezioni in Uganda di questa settimana, dove il presidente Yoweri Museveni chiede agli elettori un sesto mandato.

È in carica da 35 anni. La scorsa settimana, Twitter ha bandito definitivamente il presidente Donald Trump dalla sua piattaforma. Continua inoltre a sospendere ed espellere decine di migliaia di sostenitori di Trump. Anche il principale concorrente di Twitter, Parler, è stato espulso dai server di Amazon. Questa settimana, tuttavia, Twitter si è battuto per la libertà di parola e l’Internet aperta, sostenendo che “l’accesso alle informazioni e alla libertà di espressione, inclusa la conversazione pubblica su Twitter, e ancora più importante durante i processi democratici, in particolare le elezioni”. Twitter si è inoltre espressamente opposto al blocco di “social media e app di messaggistica”.

Prima delle elezioni di novembre 2020, Twitter ha censurato un articolo del New York Post che esponeva e-mail dal laptop di Hunter Biden, figlio del presidente eletto Joe Biden. Le e-mail suggerivano che l’allora vicepresidente Biden avesse incontrato il socio in affari di suo figlio della corrotta compagnia energetica ucraina, Birmania. Altre email descrivevano anche il tentativo della famiglia Biden di avviare una joint venture con una società cinese, in cui Joe Biden – il “pezzo grosso” – avrebbe ricevuto una quota del 10%. L’ex vicepresidente Biden ha detto ai giornalisti durante la campagna elettorale nel 2019 di non aver mai discusso degli interessi commerciali all’estero della sua famiglia.

Fonte

twitter-protest-getty-640x477-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il Grande Silenziamento dei Social

La scorsa settimana Silicon Valley ha messo a tacere il presidente. All’unisono, i giganti dei social media, con l’assistenza di Amazon e Apple, hanno eliminato il loro concorrente conservatore più popolare e hanno annunciato che le loro politiche di moderazione si sarebbero ora estese ad altre società. Nel frattempo, la CNN ha apertamente chiesto che Fox News fosse bandita dalla televisione via cavo, mentre un’importante rete radiofonica ha emesso nuove regole ai suoi host. Oltre a tutto ciò, il Congresso e l’Unione Europea hanno chiesto una nuova e potente regolamentazione sull’espressione online.

Mentre una manciata di miliardari non eletti dichiara la sovranità sull’espressione nel mondo digitale, se continua cosi dove potremo trovarci nei prossimi mesi? Twitter una volta si autoproclamò "il ministro della libertà di parola del partito per la libertà di parola" opponendosi gli appelli del Congresso affinché vietasse la registrazione sul sito di terroristi, proclamando che "la capacità degli utenti di condividere liberamente le proprie opinioni - comprese le opinioni che molte persone potrebbero non essere d'accordo o trovare ripugnante ”- era la sua missione. In effetti, la maggior parte delle prime piattaforme sociali enfatizzava la libertà di parola sopra ogni altra considerazione. Nel corso degli anni, questo sogno utopico ha lasciato il posto a un'enfasi sulla "sana conversazione". Tuttavia, per la maggior parte della loro esistenza, le piattaforme di social media hanno in gran parte evitato di censurare i funzionari eletti negli Stati Uniti anche se hanno cancellato gli account dei leader stranieri. Tutto è cambiato l'anno scorso quando la Silicon Valley ha iniziato per la prima volta a etichettare i tweet del presidente Trump come "contestati" e "falsi". Man mano che segmenti progressivi del pubblico hanno abbracciato questa nuova censura, le piattaforme sono passate da semplici post di verifica dei fatti all'eliminazione completa e al minacciare entita politiche e legislative.

I tribunali hanno più volte stabilito che l'account Twitter di Trump è uno sbocco ufficiale del governo e quindi gli è vietato bloccare gli utenti con cui non è d'accordo. Come può allora un'azienda privata stabilire regole di "discorso accettabile" per una pubblicazione governativa o metterla a tacere?

Forse più preoccupante è che le regole sull'espressione non sono solo piu legge negli spazi sociali. Uber, Lyft e Airbnb hanno vietato l'utilizzo dei loro servizi da parte di coloro il cui discorso politico online e offline è stato ritenuto inaccettabile. L'anno scorso Facebook ha esteso la sua portata al mondo offline, vietando alcuni tipi di richieste di protesta e consentendone altri.

È stato uno spettacolo straordinario vedere i legislatori democratici e la stampa lamentarsi del fatto che il Congresso non avesse il potere di mettere a tacere le voci con le quali non è d'accordo e invece esortare Silicon Valley a esercitare l'unico potere che possiede: la capacità di mettere a tacere qualsiasi voce dal mondo digitale . E questo appello è venuto dagli stessi legislatori che una volta avevano condannato le piattaforme sociali come pericolosi monopoli.

Inoltre, gli annunci secondo cui le società stavano sospendendo definitivamente il presidente non facevano riferimento a potenziali attività illegali vietate dalla legge, ma piuttosto dal fatto che dargli la possibilita` di comunicare con la nazione rappresentava un rischio troppo grande per la democrazia.

Le stesse società non ebbero altra scelta che rimuovere Trump o affrontare un’ira ancora maggiore dalla nuova maggioranza democratica al Congresso. Anche l’ACLU, nella sua condanna della sospensione di Trump da parte di Twitter, ha riconosciuto le “realtà politiche” dell’amministrazione entrante. I gruppi di attivisti si sono affrettati a rivendicare il merito di aver messo a tacere Trump, facendo riferimento alle discussioni di alto livello che avevano avuto con la leadership di Twitter. Sebbene vi sia stato un ampio sostegno alle azioni della Silicon Valley, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha avvertito dei pericoli nel mettere a tacere un capo di stato democraticamente eletto. Inoltre, mentre i Democratici sono strettamente concentrati sul presente, in un mondo in cui i legislatori e i gruppi di attivisti possono esercitare il potere monopolistico dei social media per silenziare le voci dissenzienti, cosa significa impedire a un futuro Congresso Repubblicano di usare quegli stessi poteri per mettere a tacere i Democratici ? Tale è il pendio scivoloso su cui ci troviamo. E che dire delle alternative alle piattaforme della Silicon Valley? Le società di social media hanno a lungo sostenuto di non essere monopoli in quanto è possibile che i concorrenti li sfidino.

Il clone di Twitter Parler era emerso proprio come un concorrente di questo tipo, raggiungendo il numero uno sull’App Store di Apple questa settimana mentre i conservatori si affollavano sulla sua piattaforma minimamente moderata. Eppure in pochi giorni Apple e Google ne avevano vietato la vendita dai rispettivi app store e bandita dai dispositivi mobili. Il provider di cloud hosting di Parler, Amazon Web Services, lo ha sfrattato, portando il sito offline fino a quando un provider di cloud conservatore non ha accettato di ospitarlo. Eppure, anche se potra` sopravvivere in qualche modo, senza un’app per smartphone ed essendo inserito nella lista nera dalla maggior parte dei fornitori di servizi, Parler sarà solo l’ombra di se stesso. Nel compiere questi passi, la Silicon Valley ha citato la mancanza di una forte moderazione dei contenuti da parte di Parler come motivo per l’eliminazione.

Nelle loro lettere a Parler, le società chiedevano che adottasse politiche di espressione accettabili identiche alle loro. Anche i media offline non sono immuni. I canali televisivi devono stipulare contratti con le compagnie via cavo per trasmetterli nelle case, i programmi radiofonici devono essere ospitati dalle stazioni e persino i giornali indipendenti devono avere siti Web e app mobili. Con la diminuzione delle agenzie di stampa locali, è importante notare che non importa quanto alcuni possano essere indipendenti dal punto di vista editoriale, tutti dipendono ancora dai provider di cloud, dagli app store, dai provider di servizi Internet, ecc. All’indomani degli eventi di mercoledì al Campidoglio, la CNN apertamente ha chiesto alle compagnie via cavo di abbandonare Fox News, mentre Cumulus Media ha emesso nuove regole di espressione accettabile ai suoi conduttori radiofonici conservatori.

Dove ci lascia questo? I fondatori della nazione hanno scelto di non dare al Congresso il potere di mettere a tacere nessuno nello Studio Ovale, se non per rimuoverlo attraverso l’impeachment. Questa settimana ci ha insegnato che una manciata di miliardari in California ha essenzialmente quel potere. La scomparsa quasi totale di Trump dal mondo digitale serve come un duro promemoria di questo. Il sostegno quasi unanime della nuova maggioranza democratica a questo divieto significa che la Silicon Valley è ora incoraggiata a eliminare qualsiasi voce, non importa quanto potente. Crea una pericolosa normalizzazione del silenziare il dissenso. La volontà di Uber, Lyft e Airbnb di bannare alcuni utenti per discorsi politici mostra che mentre i tentacoli delle aziende tecnologiche raggiungono altri settori, sta emergendo una nuova era di esclusione sociale permanente, proprio come il programma di “credito sociale” della Cina.

Per alcuni, la ritrovata enfasi sulla lotta alla “disinformazione”, con società private come curatrici di espressioni ammissibili e definitori di “verità”, potrebbe sembrare uno sviluppo positivo. Dopo tutto, minacce di violenza, razzismo, sessismo, doxing, sedizione, consigli medici dannosi e simili sono dannosi per la società. Eppure i miliardari che possono mettere a tacere i presidenti, un Congresso che può mettere a tacere il dissenso e le società private che decidono cosa è “meglio” per la nazione e cosa costituisce “verità” rappresentano una minaccia esistenziale per la democrazia. Alla fine, il futuro stesso della nostra società condivisa dipende dalla capacità di Silicon Valley di bilanciare la moderazione ponderata con la libertà di parola. Forse la risposta è che le società tecnologiche diventino esse stesse democrazie e lasciano che la società decida cosa è meglio.

Fonte

mrz011221-color-1mb_orig

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Sacha Baron Cohen: Facebook e Twitter che bannano Trump e` il momento piu` importante nella storia dei social media

La star di Borat Sacha Baron Cohen – che è il più schietto attivista pro-censura di Hollywood – ha dichiarato che le recenti decisioni di Twitter e Facebook di bannare il presidente Donald Trump dalle loro piattaforme sono “il momento più importante nella storia dei social media”.

L’attore britannico ha anche affermato che “il mondo intero” sta ringraziando i dipendenti dei due giganti della Silicon Valley che “hanno combattuto per questo”.

Venerdì, Twitter ha annunciato di aver bandito permanentemente il presidente dalla sua piattaforma, sostenendo che due dei suoi tweet all’inizio della giornata hanno violato le regole di “Glorificazione della violenza”. In realtà, nessuno dei tweet promuoveva la violenza o ne parlava in alcun modo. Ma Twitter ha affermato che la sua retorica potrebbe portare alla violenza.

Facebook ha bandito il presidente dalle sue piattaforme, incluso Instagram, per un periodo indefinito all’inizio della settimana.

Sacha Baron Cohen ha espresso il suo giubilo in un tweet venerdì. “Questo è il momento più importante nella storia dei social media”, ha scritto. “Le piattaforme più grandi del mondo hanno bandito il più grande fornitore di bugie, cospirazioni e odio al mondo”.

“A tutti i dipendenti, utenti e sostenitori di Facebook e Twitter che si sono battuti per questo – il mondo intero vi ringrazia!”

Solo due mesi fa, Cohen ha chiesto che il CEO di Facebook Mark Zuckerberg fosse rimosso dalla società, sostenendo che il miliardario è stato determinante nel dare voce ai conservatori e al presidente Trump, che ha equiparato ai nazisti.

Cohen ha intensificato il suo attivismo pro-censura nel periodo in cui il suo sequel di Borat è stato pubblicato da Amazon ad ottobre, solo una settimana prima delle elezioni. La star ha pubblicato un editoriale su Time in cui ritraeva gli americani conservatori come adoratori delle armi razzisti e violenti. Si è anche lamentato della popolarità delle fonti di notizie conservatrici, dicendo che Facebook ha consentito ai punti di vista conservatori di trovare un pubblico.

La star britannica ha chiesto a Facebook di cancellare ancora più persone fuori dalla sua piattaforma, affermando nel 2019 che le aziende hanno il “dovere morale” di espellere i clienti le cui opinioni sono ripugnanti.

Fonte

sachabaroncohen2-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Twitter permette all’hashtag “Hang Mike Pence” di diventare virale dopo aver bannato Trump per aver “incitato alla violenza”

L’ipocrisia delle società Big Tech di sinistra è sbalorditiva

Il giorno dopo che Twitter ha bandito il presidente Trump “a causa del rischio di un ulteriore incitamento alla violenza”, la società ha lasciato che l’hashtag “Hang Mike Pence” (Impiccare Mike Pence) diventasse virale sulla sua piattaforma.

Twitter alla fine ha notato il termine e lo ha bloccato assieme alle variazioni.

“Abbiamo bloccato il trend della frase e di altre varianti”, ha detto a Fox News un portavoce di Twitter.

“Vogliamo che le tendenze promuovano discussioni sane su Twitter”.

Discussioni sane, come questo tweet di Kathy Griffin, che mostra il suo famigerato servizio fotografico con l’effigie della testa di Trump mozzata.

Fonte

2021-01-09_11-20-07

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Twitter eliminera` i post nella quale si sostiene che i vaccini provocano danni alle persone

Nonostante i rapporti diffusi in cui si afferma che gli operatori sanitari hanno reazioni allergiche al vaccino di Pfizer

Twitter ha dichiarato che rimuoverà tutti i post che suggeriscono che ci sono “impatti o effetti negativi nel ricevere il vaccino”, nonostante i recenti rapporti secondo cui gli operatori sanitari si stanno ammalando dopo aver assunto il vaccino di Pfizer.

Twitter ha annunciato che, a partire dalla prossima settimana, cancellerà tutti i post che “invocano una cospirazione deliberata” o “avanzano narrazioni dannose, false o fuorvianti” sui vaccini.

“Utilizzando una combinazione di tecnologia e revisione umana, inizieremo ad applicare questa politica aggiornata il 21 dicembre espandendo le nostre azioni durante le settimane successive”, ha dichiarato la società.

Twitter ha aggiunto che monitorerà i post sulle vaccinazioni “in stretta consultazione con le autorità sanitarie pubbliche locali, nazionali e globali in tutto il mondo”.

L’azienda tecnologica cancellerà anche tutti i messaggi che suggeriscono che i vaccini “sono usati per causare danni intenzionalmente” o per “controllare le popolazioni” o che “non sono necessari”.

La dichiarazione rileva inoltre che i post verranno cancellati se contengono “false affermazioni che sono state ampiamente debunkate sugli impatti o effetti negativi della ricezione di vaccinazioni”.

Non è stato chiarito esattamente cosa significhi “debunkate”. Presumibilmente significa qualsiasi affermazione sui vaccini con cui Twitter non è d’accordo.

Il New York Times e altri hanno riferito mercoledì che gli operatori sanitari in Alaska sono stati ricoverati in ospedale per una grave reazione allergica dopo aver assunto il vaccino Covid-19 della Pfizer.

Lo sviluppo segue i rapporti della scorsa settimana dalla Gran Bretagna in cui alcuni operatori sanitari hanno segnalato gravi reazioni allergiche al vaccino, spingendo il regolatore medico britannico a emettere un avvertimento alle persone con una storia di allergie.

C’è una montagna di prove documentate che alcuni vaccini possono causare danni e avere effetti negativi, e rispetto ai vaccini precedenti, il vaccino del coronavirus è relativamente non testato, anzi sei persone sono addirittura MORTE durante la corsa per svilupparlo.

I regolatori della Food and Drug Administration (FDA) hanno anche rivelato che alcune persone che hanno ricevuto il vaccino di Pfizer contro il coronavirus durante il suo processo hanno sviluppato la paralisi di Bell, una forma di paralisi facciale.

Sia il governo degli Stati Uniti che quello del Regno Unito hanno implementato una tecnologia specifica per monitorare gli effetti negativi del vaccino, perché sanno che ci saranno molti, molti casi.

Tuttavia Twitter sembra decretare che qualsiasi suggerimento che il vaccino possa causare danni sarà accolto con una rigida censura.

Laddove non è possibile dimostrare che qualcosa è stato “debunkato” e rimuovere completamente il post, Twitter afferma che intende allegare etichette di “avvertimento” ai tweet che “avanzano voci infondate, affermazioni contestate, nonché informazioni incomplete o fuori contesto sui vaccini . “

Il mese scorso, Twitter ha dichiarato che invierà avvisi a tutti coloro a cui piace un post che l’azienda ritiene contenere “informazioni fuorvianti”.

Fonte

gettyimages-1216677104-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Utenti di Twitter etichettano un calciatore “omofobo” per aver distrutto la bandierina “LGBT” del calcio d’angolo mentre stava esultando

Alcuni utenti di Twitter hanno reagito negativamente quando il calciatore Jamie Vardy ha infranto una bandiera del calcio d’angolo LGBT dopo aver segnato un gol all’ultimo minuto accusando l’attaccante del Leicester City di essere “omofobo”.

Dopo che Vardy ha segnato, è corso all’angolo e ha demolito la bandiera color arcobaleno, che è attualmente esposta in tutto il Regno Unito come ennesima segnalazione di come tutti siano solidali con gli LGBT sempre e comunque.

Molti utenti di Twitter hanno reagito affermando che l’incidente era un attacco alle persone gay.

Numerosi altri hanno risposto sottolineando che Vardy era particolarmente eccitato perché aveva segnato un gol dell’ultimo minuto contro la squadra che odia di più.

Altri suggerirono che Vardy avrebbe dovuto scusarsi anche se non intendeva screditare le persone LGBT.

Nel frattempo, i giocatori che si sono inginocchiati per onorare Black Lives Matter prima dell’inizio della partita sono stati fischiati da alcuni sostenitori del Millwall.

Entrambi i club si sono immediatamente prostrati e si sono scusati nonostante il fatto ovvio che i fan fischiassero un violento movimento politico di estrema sinistra (BLM) e non fischiassero contro le persone di colore.

Fonte

071220vardy1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Twitter fa scomparire il sex-tape di Hunter Biden dopo aver lasciato che la scena di Borat con Giuliani diventasse virale

Pochi giorni fa, la cabala dei media e i loro alleati politici nel Partito Democratico hanno celebrato il rilascio di una foto “compromettente” che sembrava mostrare l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani con le mani sui genitali. Giuliani ha affermato che si stava semplicemente infilando la camicia dopo aver rimosso alcune apparecchiature di registrazione, l’intera vicenda si e` svolta pubblicamente mentre i giganti dei social media come Twitter e Facebook guardavano dall’altra parte, consentendo alla foto e ai link che riguardavano la controversia (orchestrata dal burlone di “Borat” Sasha Baron Cohen) di circolare ampiamente.

Tuttavia, pochi giorni dopo, una società di media digitali cinese ha pubblicato un filmato che mostra un uomo che sembra identico a Hunter Biden mentre faceva del sesso con una donna non identificabile (insieme a una foto che pretende di mostrare quello che sembra essere lo stesso uomo coinvolto sessualmente con una prostituta ucraina). Ma invece di consentire discussioni e collegamenti al video, Twitter ha cancellato tutti i collegamenti e le foto relativi al video e alla storia e ha sospeso gli account che sembrano tentare di diffondere il video o gli screenshot del filmato.

Alcuni retroscena: nel tardo pomeriggio di sabato, un misterioso collegamento è emerso su Reddit che pretendeva di essere il decantato sex tape di Hunter Biden – o almeno, uno dei sex tape di Hunter Biden.

In esso si può vedere Hunter Biden nudo, che fuma crack e giace con una donna non identificata, forse una prostituta. Il viso della donna è offuscato, rendendo impossibile dire se fosse o meno minorenne.

Il video stesso è stato pubblicato da un sito di notizie che pretende di essere un’operazione di intelligence anti-PCC chiamata G-TV, che è anche legata a Guo Wengui, il miliardario dissidente cinese vicino a Steve Bannon (Bannon sarebbe stato arrestato dopo una visita sullo yacht di Guo nel Connecticut).

Chi e interessato puo` vedere il video qui.

Il filmato dell’atto sessuale è preceduto dal filmato di Guo Wengui che parla dell’acquisizione degli Stati Uniti da parte della Cina.

Durante i minuti di apertura del video, Hunter può essere ascoltato mentre si complimenta con la donna per la sua tecnica. “È così professionale”, esclama Hunter. “Non trovi una cosa del genere qui”.

Pochi minuti dopo, Hunter Biden può essere visto mentre si accende una pipa di crack.

La reazione su Twitter è stata rapida. Gli utenti che hanno provato a condividere il collegamento e le foto sono stati rapidamente bloccati (anche se Twitter consente notoriamente porno e nudità).

Altri si sono concentrati sulla dichiarazione all’inizio del video.

Ovviamente, ora che è stato prodotto il filmato pornografico di Hunter Biden, il mondo si fermerà e si chiederà: cosa altro c’e` di importante in questa vicenda?

Persino alcuni conservatori hanno esortato il pubblico a non condividere il “revenge porn” di Hunter Biden

Altri hanno semplicemente notato la disparità di trattamento tra la storia di Hunter Biden e le rivelazioni di “Borat” su Giuliani, e si sono chiesti ad alta voce come Twitter avrebbe gestito la cosa se quelle foto fossero di Donald Trump Jr., non di Hunter Biden.

Ovviamente Twitter non ha semplicemente ignorato la foto di Giuliani; la notizia è diventata uno dei principali argomenti di tendenza (grazie al fatto che la base di utenti di Twitter e` inclinata verso sinistra).

Un utente di Twitter ha persino affermato che Hunter fosse in realta` “una vittima” di suo padre, Joe Biden.

In ogni caso, il gruppo che ha rilasciato il filmato e lo screenshot sopra menzionato promette di rilasciare materiale più compromettente, mentre MSM e Big Tech si mobilitano per difendere Hunter Biden.

Fonte

methode_times_prod_web_bin_3f65bb32-0f26-11eb-94f0-d7c8706d29dd

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

E` forse questo il motivo per cui le rivelazioni su Biden sono state soppresse cosi` in fretta da Facebook?

Nel momento in cui il New York Post ha riportato informazioni su alcuni dei dettagli squallidi e corrotti contenuti nel disco rigido di Hunter Biden, Twitter e Facebook, hanno fatto di tutto per sopprimere le informazioni e proteggere Joe Biden. Nel caso di Facebook, però, forse uno di quei protettori stava difendendo se stessa.

La persona attualmente responsabile del programma di integrità elettorale di Facebook è Anna Makanju. Quel nome probabilmente non significa molto per te, ma dovrebbe significare qualcosa per Joe Biden.

Prima di finire a lavorare per Facebook, Makanju era un Senior Fellow non residente presso l’Atlantic Council. Il Consiglio Atlantico è un think tank apparentemente apartitico che si occupa di affari internazionali. In realta` si tratta di un’organizzazione decisamente di parte.

Nel 2009, James L. Jones, presidente del Consiglio Atlantico, ha lasciato l’organizzazione per essere il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Obama. Anche Susan Rice, Richard Holbrooke, Eric Shinseki, Anne-Marie Slaughter, Chuck Hagel e Brent Scowcroft erano tutti affiliati al Consiglio Atlantico prima di finire nell’amministrazione Obama.

Il Consiglio Atlantico ha ricevuto enormi quantità di finanziamenti stranieri nel corso degli anni. Eccone uno che dovrebbe interessare tutti: Burisma Holdings ha donato $ 300.000 dollari al Consiglio Atlantico, nel corso di tre anni consecutivi, a partire dal 2016. Le informazioni seguenti potrebbero spiegare perché ha iniziato a pagare quei soldi al Consiglio.

Non solo il Consiglio Atlantico stava inviando persone nell’amministrazione Obama-Biden, ma serviva anche come consigliere esterno. E questo ci riporta ad Anna Makanju, la persona a capo del “programma di integrità elettorale” di Facebook.

Anche Makanju ha lavorato per il Consiglio Atlantico. Quanto segue è la parte rilevante della biografia professionale di Makanju dalla sua pagina del Consiglio Atlantico:

Anna Makanju è una senior fellow non residente della Transatlantic Security Initiative. È un’esperta di politiche pubbliche e legali che lavora per Facebook, dove guida gli sforzi per garantire l’integrità elettorale sulla piattaforma. In precedenza, è stata consigliere politico speciale per l’Europa e l’Eurasia dell’ex vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, consigliere politico senior dell’ambasciatore Samantha Power presso la missione degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, direttore per la Russia presso il Consiglio di sicurezza nazionale e capo della personale per la politica europea e della NATO presso l’Ufficio del Segretario della Difesa. Ha anche insegnato alla Woodrow Wilson School dell’Università di Princeton e ha lavorato come consulente per un’azienda leader focalizzata sulle tecnologie spaziali.

Makanju gioco` un ruolo nel falso impeachment dell’Ucraina. All’inizio di dicembre 2019, quando i democratici si stavano preparando per l’impeachment, Glenn Kessler la menzionò in un articolo assicurando ai lettori del Washington Post che, contrariamente alle affermazioni dell’amministrazione Trump, non c’era nulla di corrotto nei rapporti di Biden con l’Ucraina. Biden non avrebbe fatto pressioni sull’Ucraina per licenziare il procuratore Viktor Shokin per proteggere Burisma; lo ha fatto perché Shokin non stava facendo il suo lavoro quando si trattava di indagare sulla corruzione.

Kessler scrive che, lo stesso giorno del febbraio 2016 in cui l’allora presidente ucraino Poroshenko annunciò che Shokin aveva offerto le sue dimissioni, Biden parlò sia a Poroshenko che al primo ministro Arseniy Yatsenyuk. La versione della Casa Bianca è che Biden parlo` ad entrambi riguardo al fatto di riformare il governo e di lottare contro la corruzione. Ed è qui che entra in gioco Makanju:

Anche Anna Makanju, all’epoca consigliere politico senior di Biden per l’Ucraina, ha ascoltato le chiamate e ha detto che il rilascio delle trascrizioni rafforzerebbe solo la tesi di Biden di aver agito correttamente. Ha aiutato Biden a prepararsi per le conversazioni e ha detto che hanno operato ad alto livello”.

Un riferimento a una società privata come Burisma sarebbe stata una mossa di “basso livello” per una telefonata tra Biden e il presidente di un altro paese, ha detto Makanju a The Fact Checker. Invece, ha detto, la conversazione si è concentrata sulle riforme richieste dal Fondo monetario internazionale, sui metodi per combattere la corruzione e sull’assistenza militare. Un’indagine su “Burisma non era abbastanza significativa” da menzionare, ha detto.

Permettetemi di ricordarvi, nel caso ve lo foste dimenticati, che Burisma ha iniziato a pagare un sacco di soldi al Consiglio Atlantico nel 2016, proprio quando Makanju stava consigliando Biden riguardo a Shokin.

In altre parole, ci sono davvero buone possibilità che Sundance avesse ragione quando scrisse al Conservative Treehouse:

Esatto gente, il dirigente di Facebook che attualmente blocca tutte le prove negative dell’attività corrotta di Hunter e Joe Biden in Ucraina è la stessa persona che coordinava l’attività corrotta tra i guadagni della famiglia Biden e l’Ucraina.

La rete incestuosa tra i Democratici alla Casa Bianca, il Congresso, il Deep State, i media e la Big Tech non finisce mai. Ecco perché il popolo americano voleva e vuole ancora Trump, il vero outsider, a capo del governo. Sanno che i Democratici hanno trasformato la politica americana in una gigantesca farsa.

Fonte

2020-10-18_10-23-56

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €

Twitter blocca l’account della campagna elettorale di Trump, 3 settimane prima delle elezioni

Twitter ha bloccato l’account di @TeamTrump, un account ufficiale della campagna Trump, citando la stessa politica utilizzata per vietare i collegamenti alla notizia bomba del New York Post sui collegamenti fino ad ora non rivelati tra Joe Biden e il gigante del gas ucraino Burisma.

Mike Hahn, un social media manager per il Team Trump, ha rivelato la censura in un tweet oggi.

“Twitter ha sospeso TeamTrump per aver pubblicato una video dove sostiene che Joe Biden e` un bugiardo che ha derubato il nostro paese per anni, come riferito nell’articolo del @nypost”, ha detto Hahn. Ha aggiunto che la sospensione arriva “a 19 giorni dalle elezioni”.

Secondo lo screenshot che Hahn ha twittato, il tweet viola le regole della piattaforma contro la “pubblicazione di informazioni private”.

TeamTrump è l’account ufficiale della campagna Trump. Ha 2,2 milioni di follower e svolge un ruolo fondamentale nella diffusione dei messaggi della campagna su Twitter. Il fatto che non sia in grado di postare è un grande vantaggio concesso da Twitter alla campagna Biden.

Questa è l’ultima di una serie di azioni sfacciate di Twitter e di altre grandi aziende tecnologiche. Ieri Twitter ha anche bloccato l’account personale dell’addetto stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany.

Twitter sta anche etichettando i collegamenti al sito web della Commissione giudiziaria della Camera come “potenzialmente non sicuri”, perché i repubblicani del Comitato hanno postato materiale tratto dalla storia del New York Post.

La censura senza precedenti è stata catalizzata da una corsa per sopprimere la pubblicazione del materiale del New York Post che indicava che Joe Biden, mentre era vicepresidente, aveva incontrato un dirigente a Burisma, il gigante del gas ucraino per cui lavorava suo figlio Hunter Biden.

L’ex vicepresidente ha detto in precedenza: “Non ho mai parlato con mio figlio dei suoi rapporti d’affari all’estero”.

L’incontro è avvenuto nello stesso anno in cui Biden, secondo le sue stesse parole, ha fatto pressione sul governo ucraino per licenziare un pubblico ministero che stava indagando sulla società.

Fonte

jack-dorsey-and-twitter-employees-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €