Archivi Blog

Follie dal mondo woke: Studenti della UCLA sostengono che gli erogatori automatici di sapone sono razzisti

Nel caso tu stia cercando un’ulteriore prova che il mondo “woke” sia una follia che si diffonde come un cancro, ecco qui una vicenda accaduta all’Università della California, a Los Angeles.

L’editoriale, scritto da Sullivan Israel, sostiene che alcuni studenti dell’UCLA affermano che i distributori automatici di sapone – sì, quelli che si trovano nei bagni che erogano sapone senza dover essere toccati – sono razzisti.

La teoria scaturisce da uno studente che dice che i distributori “non vedono le sue mani” a causa del colore della sua pelle, ha riferito The Blaze.

Un secondo studente ha detto che gli erogatori costringono “le persone di colore” a mostrare i loro palmi – che sono “le uniche aree chiare della pelle”.

L’editoriale di Israel ha abilmente confutato la stupida idea, sostenendo che la teoria secondo cui “il razzismo sistemico e la supremazia bianca sono tutt’intorno a noi, e in tutti e in ogni cosa” e che è una “forza segreta che esiste ovunque, permea tutte le cose, e esercita il potere sulla società non e’ nient’altro che una “teoria del complotto”.

Quindi, Israel ha usato “la scienza” per sfatare ulteriormente il concetto: “Prima di tutto, lasciatemi sfatare la base di questa affermazione: per chiunque non lo sappia, i sensori sui distributori di sapone non vedono le mani umane; non hanno occhi. Funzionano utilizzando un semplice dispositivo chiamato sensore PIR che riconosce la luce infrarossa, che viene emessa da tutte le persone, indipendentemente dal colore (purché non siano morte). “

“Inoltre, non so voi, ma quelle dannate cose non funzionano mai per me. Non ricordo quante volte le ho colpire per cercare di tirare fuori il sapone (eppure non mi è mai venuto in mente di incolpare l’anti -Semitismo) “, ha continuato.

Ha concluso: “Ma sto divagando. Il punto qui non è come funziona un distributore di sapone. È l’idea che gli studenti della UCLA pensassero di essere immersi nel suprematismo bianco. Questa, e altre affermazioni simili, non sono idee sostenute da uno studente solitario, ma piuttosto una visione del mondo che è stata ribadita e sostenuta dagli oltre 80 studenti che hanno partecipato al dibattito su zoom “.

Puoi leggere l’articolo qui.

Fonte

systm

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €