Archivi Blog

Dopo che Azov ha eliminato le insegne naziste dall’uniforme, i media pubblicizzano la nuova toppa “Unicorno LGBTQ”.

Distrarre dall’imbarazzo?

Poco dopo che i media hanno pubblicizzato il fatto che il battaglione Azov avesse eliminato le insegne neonaziste dalle loro uniformi, è stato rivelato che i soldati gay in Ucraina stanno ora andando in guerra indossando una toppa “unicorno LGBTQ”.

Sì davvero.

Come ha evidenziato Zero Hedge, dopo mesi in cui hanno minimizzato o negato apertamente i collegamenti diretti di Azov con il neonazismo, i media hanno annunciato il fatto che l’unità aveva eliminato un “simbolo neonazista sfruttato dai propagandisti russi”.

“Ah sì… quando questi combattenti esibiscono con orgoglio i simboli nazisti, il vero problema è che i funzionari e i media russi lo sottolineano: tutto molto scomodo ovviamente”, ha commentato la news outlet.

Forse nel tentativo di distrarre dall’imbarazzo, i media tradizionali stanno ora celebrando una nuova toppa con il disegno di un unicorno indossata dalle truppe ucraine gay, lesbiche, bisessuali e transgender.

“Mentre i combattenti volontari Oleksandr Zhuhan e Antonina Romanova si preparano per il ritorno al servizio attivo, contemplano le insegne unicorno che conferiscono alla loro uniforme una rara distinzione, un simbolo del loro status di coppia LGBTQ”, ha riferito Reuters.

I membri della comunità LGBTQ ucraina che partecipano alla guerra hanno iniziato a cucire l’immagine della mitica bestia nelle loro spalline standard appena sotto la bandiera nazionale”, afferma l’articolo.

“Il pacchetto di aiuti da 40 miliardi di dollari del regime di DC era subordinato al rebranding dell’esercito ucraino guidato dal battaglione Azov in guerrieri LGBTQ?” chiede Chris Menahan.

“Il regime di DC ama alzare la bandiera LGBT su tutte le nazioni che occupa, quindi non mi sorprenderei se fosse così”, ha aggiunto.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, poco dopo l’inizio della guerra, il capo delle spie britanniche dell’MI6 Richard Moore ha affermato che il conflitto riguardava in parte la protezione della santità dei “diritti LGBTQ+”.

“Con la tragedia e la distruzione che si stanno svolgendo in modo così angosciante in Ucraina, dovremmo ricordare i valori e le libertà conquistate a fatica che ci distinguono da Putin, niente di più che i diritti LGBT+.

I critici hanno accusato Moore di impegnarsi in vacui proclami.

Sì, i valori della civiltà occidentale non esistevano fino alla creazione dei diritti LGBTQIA2S+ negli anni ’60. L’unica libertà conquistata duramente che voglio è da ideologi woke come te”, ha scritto uno.

Come abbiamo evidenziato all’epoca, l’MI6 ha anche segnato il giorno in cui Putin ha invaso l’Ucraina twittando della fantastica esperienza al caffè gay mattutino.

Fonte

010622gays1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €