Archivi Blog

Le inquietanti (e profondamente irritanti) agende globaliste nel film di James Bond “No Time to Die”

La storia raccontata in “No Time to Die” ruota attorno a un virus che prende di mira il DNA e che è stranamente simile al vaiolo delle scimmie. Considerando il fatto che il film è stato completato intorno al 2019, la coincidenza è piuttosto inquietante. Il film è un altro caso di programmazione predittiva?

No Time to Die è stato uno dei primi film ad essere distribuito nelle sale dopo i lockdown COVID. E, se gli spettatori si aspettavano una divertente fuga dalla realtà da questo film di successo, beh, non è affatto così. Si sono infatti trovati davanti un James Bond triste, turbato e depresso per circa 3 ore. In effetti, un titolo più appropriato per il film avrebbe dovuto essere A LOT of Time to Die. Perché ci vogliono circa tre ore prima che James Bond si arrenda e muoia. Perché, sì, Bond muore davvero nel film. In un modo strano e codardo.

Quindi, quando il film è (finalmente) finito, la mia faccia era raggrinzita e in totale confusione. Non posso dire di essere un appassionato di James Bond, ma quel film non sembrava affatto James Bond. Non si tratta sostanzialmente di pistole, ragazze e gadget futuristici? Con la faccia ancora accartocciata, ho cercato alcune recensioni di film per assicurarmi di non essere pazzo. Questa è stata la recensione migliore su Amazon.

Una delle tante lunghe recensioni che esprimevano totale odio verso quel film.

Allora cosa è successo a James Bond? Una parola: AGENDA. L’eroe freddo, soave, sicuro di sé, patriottico e donnaiolo del passato non si adatta al clima sociale di oggi. La versione di James Bond di Sean Connery era una versione della propaganda del 20° secolo. Si trattava di promuovere l’MI6 e la Gran Bretagna nel suo insieme attraverso la cultura popolare utilizzando un protagonista carismatico. E ha funzionato.

Tuttavia, siamo nel 21° secolo. Il globalismo ha trasformato l’orgoglio nazionale in vergogna nazionale e la mascolinità in mascolinità tossica. Il James Bond del passato è ora “problematico” e il James Bond moderno deve rispettare l’ortodossia culturale di oggi.

Il risultato è No Time to Die, un prodotto bastardo di questo clima culturale senza gioia. Quasi tutto in questo film è intriso di un’agenda, dall’intera “atmosfera” di Bond alla storia vera e propria basata su virus, che mirano al DNA e la costante paura di essere contaminati da qualcosa. In breve, roba deprimente e poco divertente.

Inoltre, guardare questo film nel 2022 è particolarmente sbalorditivo. Sebbene lo sviluppo di questo film sia iniziato nel 2017, il suo soggetto sembra essere direttamente ispirato dal COVID e dalle epidemie di vaiolo delle scimmie. È quasi come se sapessero che queste cose sarebbero successe.

No Time to Die è un altro esempio di programmazione predittiva? Ecco uno sguardo al film.

INTRODUZIONE SIMBOLICA
Fin dai titoli di testa, gli spettatori vengono sottoposti ad immaginari oscuri e demoralizzanti. Mentre Billie Eilish canta il tema più deprimente di James Bond mai realizzato, le immagini alludono all’orrore a cui stiamo per assistere.

Una figura simile a un soldato con in mano un tridente e uno scudo adornato con l’Union Jack fa la guardia.

In un primo momento, non è del tutto chiaro a chi o a cosa si riferisca questa figura. Tuttavia, mentre guardiamo il film, ci rendiamo conto che rappresenta lo stesso James Bond.

Durante il film, il simbolo che identifica James Bond mentre viene monitorato è Psi, una lettera greca a forma di tridente.

Quindi il soldato con in mano un tridente e uno scudo della Union Jack rappresenta James Bond. Ecco cosa gli succede durante i titoli di coda.

Cade letteralmente. Anche la sua iconica pistola è semi coperta dalla sabbia.

Quindi, vediamo rappresentazioni simboliche della trama principale del film: un virus che prende di mira il DNA che infetta e uccide le persone.

Le pistole a forma di filamenti di DNA rappresentano l’armamento della tecnologia del DNA.

Alcune figure mascherate inquietanti rappresentano le masse. La strana vegetazione che cresce nei loro corpi rappresenta il virus che si sta diffondendo nel loro flusso sanguigno. La testa di una di queste figure esplode, il che significa che il loro DNA è stato preso di mira.

Proprio a questo punto, abbiamo abbastanza informazioni per sapere che questo film sarà triste. Tuttavia, al primo sguardo, nessuno di questi simboli ha senso. La maggior parte degli spettatori è ancora entusiasta di guardare un nuovo film di James Bond pieno di avventura e fantastici gadget.

Quindi, in quale luogo esotico ci trasporterà il film? Un laboratorio a Londra che produce il vaiolo modificato. Stupendo.

LABORATORIO DOVE VENGONO PRODOTTI VIRUS SEGRETI
No Time to Die è stato realizzato alcuni anni prima dell’epidemia di vaiolo delle scimmie del 2022 che ha portato l’OMS a dichiarare un’emergenza sanitaria. Stranamente, il film parla di virus modificati che sfuggono a un laboratorio segreto dell’MI6.

Gli scienziati discutono del “vaiolo armato” che hanno creato.

Uno scienziato dice:

“Sai il vaiolo SLS che stavo usando stamattina? Lo hai visto?”

Poi un altro scienziato scopre che avevano messo un adesivo con la scritta “vaiolo” sul suo pranzo. CHE SIMPATIA!

Arrabbiato per lo scherzo, lo scienziato dice:

“Un giorno metterò l’ebola nel vostro tè. E poi guarderò mentre i vostri volti sanguineranno copiosamente… e riderò”.

L’intera finestra di dialogo sembra essere stata scritta da un tizio che lavora all’OMS o qualcosa del genere.

Quindi i “cattivi” irrompono nel laboratorio e rubano il virus armato. Il suo nome: Eracle.

Eracle è il nome di un eroe divino della mitologia greca. Sebbene sia noto per essere il “protettore dell’umanità”, morì in modo simbolico: attraverso del sangue avvelenato. Nel film, il virus Heracles uccide le persone avvelenando il loro sangue.

Usando un laptop, gli scienziati possono programmare il virus per colpire specifici DNA.

Ad un certo punto, il capo dell’MI6 spiega come funziona:

“Sono nanobot: bio-robot microscopici che possono entrare nel tuo sistema al minimo contatto con la tua pelle. Programmati con DNA per colpire individui specifici. Heracles è stato progettato per essere l’arma più efficiente del nostro arsenale. Passando attraverso le persone in modo innocuo prima di raggiungere l’obiettivo previsto”.

Tuttavia, dal momento che è fuoriuscito dal laboratorio e modificato da scienziati malvagi, il virus ora può colpire famiglie, tratti genetici e intere etnie. La loro conclusione:

“Infetti abbastanza persone… e le persone diventano l’arma.”

Più avanti nel film, alcune persone vengono infettate dal virus. I loro sintomi sono sorprendentemente simili al vaiolo delle scimmie.

I cattivi vogliono usare Eracle per uccidere milioni di persone.

Virus armati, DNA e massiccio spopolamento: queste sono le fantasie finali dell’élite occulta. Abbastanza appropriatamente, No Time to Die è disseminato di riferimenti simbolici all’élite occulta.

ELITE OCCULTA
Il nome del cattivone nel film è Lyutsifer Safin. Il suo nome è una traslitterazione russa del nome Lucifero. La scelta di questo nome serve per assicurarsi che tu capisca che questa è una fantasia d’élite occulta.

Lyutsifer va in giro con una maschera rotta che crea un sottile segno di un occhio che tutto vede.

Come forse saprai, il segno dell’occhio che tutto vede è il simbolo preferito dell’élite occulta. In No Time to Die, il simbolo è ovunque.

In una delle prime scene del film, una giovane Madeleine Swann è “sorvegliata” da un inquietante segno di un occhio.

Ernst Stavro Blofeld, il cattivo principale del franchise di James Bond, mostra l’occhio che tutto vede.

Blofeld “partecipa” alle riunioni d’élite attraverso una telecamera all’interno di un bulbo oculare.

Un altro cattivo ha un occhio bionico. Esplode quando Bond lo uccide.

C’è anche un dialogo sulla perdita di un occhio.

Tutti questi riferimenti a un occhio non sono casuali. Nel corso della storia, coloro che sono al potere hanno intonacato il mondo con i loro simboli. In questo momento, l’élite occulta governa l’intrattenimento, quindi il segno dell’occhio è ovunque.

In effetti, l’intera narrativa di No Time to Die è contaminata dalle ossessioni dell’élite occulta. Una di questi: la distruzione dell’uomo eroe.

LA CADUTA DI JAMES BOND
James Bond era una spia libera, distaccata e avventurosa che viaggiava in luoghi esotici e usciva con bond girls seducenti ma pericolose. E, qualunque cosa gli succedeva, prevaleva.

Il Bond di Daniel Craig è l’esatto opposto di quello che hai appena letto. Se il James Bond della vecchia scuola era imperturbabile, il nuovo James Bond è sempre combattuto. In un paio di occasioni, viene addirittura umiliato.

Mentre è in Giamaica, un nuovo agente di nome Nomi dice a Bond che ora è lei 007. Immagino che James Bond sia solo un doppio zero ora.

Quindi il leggendario 007 non è nemmeno 007 nel suo stesso film. Poi lo vediamo seduto sul sedile del passeggero mentre Nomi lo porta a spasso. È tutto molto simbolico. Si tratta di una sottile evirazione.

Mentre è a Cuba, Bond incontra un agente della CIA di nome Paloma che ha tutte le caratteristiche di una “Bond girl”. Tuttavia, quando Bond si avvicina a lei, lei lo rifiuta con uno sguardo leggermente disgustato sul viso, come per dire “Ew, non toccarmi vecchio pervertito”. Perché questa scena cringe non è stata tagliata in questo film di tre ore? Perché i realizzatori del film pensavano che il suo messaggio fosse molto importante.

Quindi, Bond scopre di avere una figlia con Madeleine Swann. Quest’ultima è la figlia di Mr. White, un cattivo che fa parte della Spectre. Come visto nel mio articolo del 2016 sul film Spectre, questa organizzazione rappresenta l’élite occulta.

In altre parole, Bond si ritrova in una relazione con i cattivi e l’élite occulta in generale. Non è libero né indipendente, è di proprietà e legato a Spectre. Dal momento che Bond rappresenta storicamente la Gran Bretagna, il suo rapporto con Swann rappresenta la Gran Bretagna “sposata” con l’élite globalista.

Quindi, Bond porta tutta la sua famiglia attraverso una serie di situazioni pericolose e appare infelice per tutto il tempo.

Bond è anche infelice a livello fisico.

Q inietta Bond con “Smart Blood”.

I gadget di James Bond erano divertenti e fantastici. Ora sono iniezioni che consentono all’MI6 di tracciare la sua posizione mentre monitora i suoi segni vitali. Questo è l’opposto di divertente e cool. E Bond lo odia.

Durante la sua ultima missione, Bond scopre di essere stato infettato da Eracle. Lyutsifer gli dice che, se si avvicina a Madeleine o a sua figlia, moriranno. Quindi Bond diventa davvero depresso. Ancora.

Questa è la faccia di James Bond quando uccide Lyutsifer, l’ultimo cattivo.

Basta guardare la sua faccia. Pura miseria. Dopo quasi tre ore di film, avevo la stessa identica faccia. E non è nemmeno finita. Le cose riescono ancora a peggiorare.

Con l’approvazione di Bond, l’MI6 ha lanciato missili per distruggere l’isola di Lyutsifer che è stata utilizzata per creare il virus. Tuttavia, invece di fuggire dall’isola prima che i missili esplodano, Bond si arrende e rimane sull’isola. Poi muore, ucciso dai missili sparati dal suo stesso paese.

Qualcuno potrebbe dire: “È così emozionante! Non poteva sopportare di vivere senza la sua famiglia, quindi ha preferito morire. Sono in lacrime.”

Aspetta solo un secondo. Primo, non sapeva nemmeno di avere una figlia due ore prima. E le ha detto circa 7 parole per tutto il film. Forse morire non è l’opzione più razionale, per la bimba, in questo momento.

In secondo luogo, se l’amava veramente, non sarebbe stato comunque preferibile rimanere in vita? Voglio dire, avrebbe potuto comunicare con la sua famiglia usando FaceTime o qualcosa del genere. Non sarebbe una situazione migliore per sua figlia piuttosto che crescere sapendo che suo padre si è praticamente suicidato?

Infine, è JAMES BOND. Ha accesso alle più innovative tecnologie disponibili sulla Terra. Se fosse rimasto in vita per un po’, forse si sarebbe potuta scoprire una cura per Eracle. Allora avrebbe potuto vivere felice e contento con la sua famiglia.

Ma no. Doveva morire. Perché l’eroe forte, impavido e intelligente del passato non appartiene al 21° secolo. Gli eroi moderni sono depressi, iniettati di “sangue intelligente”, infettati da virus creati in laboratorio e uccisi dal loro stesso paese. Ed è esattamente quello che vogliono per te.

CONCLUDENDO
Avrai notato che No Time to Die mi ha un po’ irritato. E credo che questo sia stato fatto apposta. I media controllati dai globalisti si divertono a corrompere i franchise popolari iniettando il loro programma tossico. Sanno che le persone lo odiano, ma lo fanno comunque. Se creassero nuovi franchise contenenti la loro agenda, nessuno li guarderebbe. Quindi cavalcano la popolarità dei franchise esistenti mentre li “infettano” con il loro veleno, allo stesso modo in cui Heracles ha infettato James Bond.

Dall’inizio alla fine, No Time to Die è stato cupo e senza gioia. Perché vogliono che le nostre vite siano desolate e senza gioia. La narrazione ruota attorno a virus, che hanno come obiettivo il DNA, fuoriuscite da laboratori e altri argomenti che inducono ansia. Nel frattempo, James Bond è triste, depresso e gravato dal peso e dalle responsabilità di una famiglia spuntata dal nulla. Poi viene ucciso dal suo stesso paese.

Questo non è intrattenimento, questo è condizionamento sociale. Nemmeno il fottuto James Bond può sfuggire agli strani virus armati dell’élite. Che messaggio invia a noi persone normali?

Insomma, se qualcuno ti chiede:

“Ehi, voglio guardare No Time to Die”.

Diglielo:

“Scusa, non c’è tempo per guardarlo”.

Perché la vita è troppo breve per queste cazzate.

Fonte

lead-notimetodie-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

5,00 €

Il laboratorio biologico di Wuhan ha fatto una ricerca sul guadagno di funzione per potenziare il virus del Vaiolo delle scimmie

Ci risiamo…

Secondo un rapporto che cita la rivista peer review Virologica Sinica, il biolaboratorio di Wuhan, che è stato al centro della controversia sulla ricerca sul guadagno di funzione nei coronavirus, ha condotto lo stesso tipo di ricerca utilizzando il vaiolo delle scimmie, per renderlo più letale per l’uomo. pubblicando i risultati a febbraio.

Il National Pulse riporta:

Il Wuhan Institute of Virology ha assemblato un genoma del virus del vaiolo delle scimmie, consentendo di identificare il virus attraverso test PCR, utilizzando un metodo segnalato dai ricercatori per la potenziale creazione di un “agente patogeno contagioso”.

Il rapporto continua:

Lo studio è stato pubblicato per la prima volta nel febbraio 2022, pochi mesi prima dell’ultimo focolaio internazionale di casi di vaiolo delle scimmie che sembra aver raggiunto gli Stati Uniti.

I ricercatori sono riusciti ad identificare una porzione del genoma del virus del vaiolo delle scimmie, consentendo ai test PCR di identificare il virus, nel documento: “L’assemblaggio efficiente di un grande frammento del genoma del virus del vaiolo delle scimmie come modello qPCR che utilizza la ricombinazione associata alla trasformazione basata sulla doppia selezione”.

Il documento riconosceva che questa ricombinazione associata alla trasformazione (TAR) “applicata nella ricerca virologica potrebbe anche sollevare potenziali problemi di sicurezza, soprattutto quando il prodotto assemblato contiene una serie completa di materiale genetico che può essere recuperato in un patogeno contagioso”.

Il documento completo può essere letto di seguito:

Le rivelazioni fanno seguito ai suggerimenti di una fonte all’interno dei Centri europei per il controllo delle malattie secondo cui l’attuale ceppo di vaiolo delle scimmie che si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo sembra essere “un terzo ceppo di laboratorio con caratteristiche sconosciute collegato in qualche modo correlato alle accuse mosse da Mosca contro le attività biologiche statunitensi in Ucraina”.

Queste informazioni, insieme a molti altri rapporti che indicano che le esercitazioni e gli scenari di “gioco di guerra” dell’OMS e della Gates Foundation che coinvolgono il vaiolo delle scimmie serviranno ancora una volta ad alimentare i timori che l’epidemia possa aver avuto origine da un laboratorio biologico.

Proprio quando è emersa la notizia del primo caso di vaiolo delle scimmie riscontrato negli Stati Uniti, l’amministrazione Biden ha ordinato 13 milioni di dosi di un vaccino che protegge sia dal vaiolo delle scimmie che dal vaiolo.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte che i festival estivi e i raduni di massa potrebbero accelerare la diffusione del vaiolo delle scimmie nella prima indicazione che i tecnocrati sanitari potrebbero ancora una volta tentare di imporre restrizioni in nome dell’arresto della diffusione di un virus.

“Mentre entriamo nella stagione estiva nella regione europea, con raduni di massa, feste e celebrazioni, temo che la trasmissione possa accelerare, poiché i casi attualmente rilevati sono tra quelli che praticano attività sessuale e i sintomi non sono familiari a molti, ” ha affermato il dott. Hans Kluge, direttore regionale dell’OMS per l’Europa.

Questo fine settimana, il Belgio è diventato il primo paese a iniziare a imporre misure di quarantena per il virus, poiché Joe Biden ha anche affermato che gli sviluppi erano “preoccupanti”.

Sky News ha riferito che “Esattamente ciò che sta guidando il più grande focolaio del Regno Unito è un mistero”, soprattutto perché gli esperti di salute hanno affermato in precedenza che il vaiolo delle scimmie non era molto trasmissibile tra gli esseri umani, con alcuni che ipotizzano che sia mutato.

Il virus si sta diffondendo anche mentre l’OMS si prepara a votare un trattato internazionale sulla pandemia e gli emendamenti al Regolamento Sanitario Internazionale (2005).

Secondo i critici, il trattato “darebbe all’OMS non eletta un maggiore controllo sulle decisioni sanitarie di emergenza nazionali e nuovi poteri per spingere i passaporti vaccinali, la sorveglianza globale e “azioni coordinate globali” che affrontano la “disinformazione” ogni volta che dichiara una “emergenza sanitaria.”

Fonte

gettyimages-1210149334-768x432-1-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

“Dark Winter” era un nome in codice per un ipotetico scenario CSIS in cui gli Usa subivano un attacco biologico

Potrebbe essere possibile che la frase “Dark Winter” abbia una sorta di significato più profondo che la maggior parte di noi non intende? Abbiamo sentito quella frase più e più volte nelle ultime settimane e di solito è stata usata nelle discussioni sullo stato attuale della pandemia COVID-19. Ma si scopre anche che “Dark Winter” era un nome in codice per una simulazione di alto livello condotta nel 2001. Quella simulazione prevedeva uno scenario in cui un diffuso attacco di vaiolo veniva scatenato all’interno degli Stati Uniti. Come vedrai di seguito, la simulazione è stata “progettata per andare fuori controllo” e le conseguenze ipotetiche erano assolutamente disastrose.

Il motivo per cui questa è una preoccupazione è perché molte di queste “simulazioni” ed “esercizi” finiscono per rispecchiare eventi della vita reale che accadono in una data successiva.

Ad esempio, la maggior parte di voi probabilmente ha già sentito parlare dell’Evento 201. Il 18 ottobre 2019 un gruppo di personalità di spicco si è riunito a New York City per simulare cosa sarebbe successo durante una pandemia mondiale di coronavirus …

L’evento 201 simula lo scoppio di un nuovo coronavirus zoonotico trasmesso dai pipistrelli ai maiali alle persone che alla fine diventa efficacemente trasmissibile da persona a persona, portando a una grave pandemia. L’agente patogeno e la malattia che provoca sono modellati in gran parte sulla SARS, ma è più trasmissibile nell’ambiente comunitario da persone con sintomi lievi.

Ovviamente COVID-19 ha iniziato a diffondersi in Cina solo poche settimane dopo.

Abbiamo visto lo stesso schema accadere così tante volte, e ora ci viene ripetuto più e più volte che un “inverno oscuro” (Dark Winter) è alle porte.

Ad esempio, Joe Biden ci ha espressamente avvertito di un “inverno buio” durante il dibattito presidenziale finale di ottobre

Joe Biden ha avvertito durante il dibattito presidenziale di giovedì sera che gli Stati Uniti stavano “per entrare in un inverno buio”, facendo eco alle preoccupazioni degli esperti di salute pubblica che mettono in guardia dall’aumento del conteggio giornaliero dei casi di Covid-19 che converge con la stagione influenzale annuale.

“Stiamo per entrare in un inverno buio. Un inverno buio “, ha detto Biden. “E non ha un piano chiaro, e non ci sono prospettive che ci sarà un vaccino disponibile per la maggior parte degli americani prima della metà del prossimo anno”.

È interessante notare che ha ripetuto la frase due volte.

È quasi come se fosse determinato a fare in modo di averlo detto correttamente.

E poi ha iniziato a usare la frase più e più volte durante la campagna elettorale e ha continuato a usarla anche dopo che la votazione era finita.

Ad esempio, ecco un esempio in cui ha usato la frase il lunedì dopo le elezioni

Joe Biden lunedì ha avvertito che un “inverno molto buio” si sta avvicinando mentre il conteggio dei casi di coronavirus negli Stati Uniti si avvicina ai 10 milioni.

“C’è bisogno di un’azione coraggiosa per combattere questa pandemia”, ha detto Biden in Delaware. “Stiamo ancora affrontando un inverno molto buio.”

Non ho mai pensato troppo al suo uso di quella frase, ma è possibile che sia in realtà una sorta di parola in codice o segnale?

Sappiamo che era una parola in codice per un esercizio di alto livello che si tenne nel 2001. Quanto segue proviene da Wikipedia

Operazione Dark Winter era il nome in codice per una simulazione di attacco bioterroristico di alto livello condotta dal 22 al 23 giugno 2001. [1] [2] [3] È stato progettato per simulare una versione fittizia di un attacco di vaiolo negli Stati Uniti. Tara O’Toole e Thomas Inglesby del Johns Hopkins Center for Civilian Biodefense Strategies (CCBS) / Center for Strategic and International Studies (CSIS), e Randy Larsen e Mark DeMier di Analytic Services sono stati i principali progettisti, autori e controllori del Progetto Dark Winter.

E come ho già detto sopra, questo esercizio è stato progettato specificamente “perche` se ne perdesse il controllo” …

Lo scenario simulato da Dark Winter prevedeva un attacco di vaiolo localizzato iniziale a Oklahoma City, con ulteriori casi di attacco di vaiolo in Georgia e Pennsylvania. La simulazione è stata quindi progettata per sfuggire al controllo. Ciò creerebbe una situazione in cui il Consiglio di sicurezza nazionale fatica a determinare l’origine dell’attacco e ad affrontare il contenimento del virus in diffusione. Non riuscendo a tenere il passo con il tasso di diffusione della malattia, emerge una nuova emergenza catastrofica in cui massicce vittime civili potrebbero sopraffare le capacità di risposta degli ospedali.

È possibile che Biden e altri stiano usando la frase “inverno oscuro” per segnalare che qualcosa sta per sfuggire al controllo?

Non lo so. Sto solo facendo la domanda.

Nell’operazione Dark Winter, la diffusione del vaiolo ha anche provocato una “massiccia perdita di vite umane” …

Le disastrose contingenze che avrebbero comportato la massiccia perdita di vite umane sono state utilizzate per sfruttare le debolezze delle infrastrutture sanitarie statunitensi e la sua incapacità di gestire una tale minaccia. Gli imprevisti avevano anche lo scopo di affrontare il panico diffuso che sarebbe emerso e che avrebbe portato al collasso sociale di massa e alla violenza delle masse. Gli exploit includerebbero anche le molte difficoltà che i media dovrebbero affrontare nel fornire ai cittadini americani le informazioni necessarie sulle procedure di sicurezza. Discutendo il risultato di Dark Winter, Bryan Walsh ha osservato: “Il tempismo – solo pochi mesi prima dell’attacco dell’11 settembre – era stranamente preveggente, come se gli organizzatori avessero previsto come la minaccia del terrorismo, incluso il bioterrorismo, sarebbe arrivata a consumare gli Stati Uniti, il governo e il pubblico negli anni a venire “. [4]

Quindi provo a riassumere ciò che abbiamo imparato

L’operazione Dark Winter prevedeva uno scenario in cui una malattia altamente infettiva che causa piaghe sulla pelle sfugge al controllo e provoca una “massiccia perdita di vite umane”.

Improvvisamente Joe Biden e altri elitari hanno iniziato a ripetere questa frase più e più volte mentre ci dirigiamo verso il 2021.

Assicurati di aggiungere questa pagina ai segnalibri in modo da poterla consultare in seguito.

La realtà è spesso più strana della finzione.

Fonte

2020-11-30_11-17-35

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €