Archivi Blog

Il New York Times ridicolizzato per aver minimizzato le violenze e i disordini di BLM come “disinformazione”

Il New York Times è stato criticato online per aver affermato bizzarramente che la violenza attorno alle proteste di Black Lives Matter nel 2020 era semplicemente “disinformazione” paragonandola alle teorie del complotto sul Deep State.

Jennifer Medina di The Grey Lady ha cercato di svelare il mistero dietro al fatto che i latino americani abbiano votato i repubblicani negli Stati Uniti, in un articolo di venerdì intitolato: “Una domanda irritante per i democratici: cosa spinge gli uomini latino americani a diventare repubblicani?”

Medina ha preso in giro le motivazioni dei repubblicani latino-americani attraverso una serie di interviste, prima di tentare di ridicolizzare l’idea che lo “stato profondo” avesse assunto il potere durante l’amministrazione Trump o che le proteste di “Black Lives Matter abbiano causato violenza diffusa”, respingendo entrambe le idee come “disinformazione”.

“Alcune delle frustrazioni espresse dagli uomini repubblicani ispanici sono alimentate dalla disinformazione, comprese le teorie del complotto secondo cui lo ‘stato profondo’ ha preso il sopravvento durante l’amministrazione Trump e la convinzione che le proteste di Black Lives Matter abbiano causato violenza diffusa”.

Inutile dire che l’occhio sempre vigile di Twitter non ha lasciato scivolare questa affermazione sulla violenza diffusa. Un utente di Twitter è stato schietto nella sua analisi: “Il New York Times sta mentendo”.

Altri hanno criticato il New York Times per aver usato giri di parole per sminuire la gravità e la portata della violenza assistita durante le proteste del BLM negli Stati Uniti nel 2020.

Secondo Forbes, tra la morte di George Floyd per mano del dipartimento di polizia di Minneapolis il 25 maggio e l’8 giugno 2020, almeno 19 persone sono morte durante le proteste.

Ci sono stati molti feriti e ricoveri su entrambi i lati delle barricate durante le proteste e le rivolte che hanno avuto luogo negli Stati Uniti nel 2020.

Secondo quanto riferito, sei agenti sono stati gravemente feriti in un periodo di 24 ore dei disordini di Seattle nel 2020. Secondo uno studio, “115 persone sono state colpite al collo o alla testa tra il 26 maggio e il 27 luglio” da proiettili a impatto cinetico sparati dalla polizia ( KIP).

Altri hanno evidenziato la sfilza di aziende che sono state danneggiate o distrutte durante le proteste di BLM.

Altri ancora hanno fatto un confronto tra il NYT e la ormai famigerata copertura dell’evento della MSNBC.

Fonte

6044e37c85f5406eb708ff13

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Black Lives Matter presenta domanda per diventare un partito politico nel Regno Unito

Un gruppo di Black Lives Matter ha formalmente chiesto di diventare un partito politico nel Regno Unito lunedì, confermando i sospetti che il movimento di estrema sinistra abbia effettivamente aspirazioni politiche in Gran Bretagna, nonostante le affermazioni che il movimento sia apartitico.

Il 26 ottobre, è stata presentata domanda alla Commissione elettorale da parte di Black Lives Matter per diventare un partito politico a tutti gli effetti in tutto il Regno Unito.

In risposta alla mossa, il commentatore politico ed ex insegnante Calvin Robinson – che è lui stesso di razza mista e ha subito abusi razzisti in passato per non aver ricoperto posizioni politiche di sinistra – ha detto a Breitbart London: “Sicuramente non può più esserci alcun dubbio , Black Lives Matter è un movimento politico con un’agenda politica. Chiunque protesta ancora sotto quella bandiera deve sottoscrivere i loro principi anti-britannici “.

L’ex eurodeputato del Partito Brexit Martin Daubney ha aggiunto sui social media: “Molti di noi che hanno affermato che questo era il loro obiettivo sono stati additati come estremisti!”

Il movimento Black Lives Matter ha visto una rinascita nel Regno Unito dopo la morte di George Floyd in America, organizzando proteste di massa in tutto il paese, con molte che sono degenerate in scontri violenti con la polizia. Il gruppo era anche dietro una diffusa campagna iconoclasta per abbattere e deturpare statue in onore di personaggi storici britannici.

A giugno, al culmine del furore e del caos, il leader della Brexit Nigel Farage ha descritto Black Lives Matter come “un’organizzazione marxista pericolosa, incline all’anarchia, e dobbiamo svegliarci, avere chiari alcuni fatti nella nostra testa e capire cosa stiamo combattendo. “

Un portavoce dell’affiliata Black Lives Matter in Gran Bretagna (UKBLM) ha negato qualsiasi connessione o conoscenza del gruppo che ha presentato la richiesta di diventare un partito politico, dicendo al Daily Mail: “Non abbiamo assolutamente alcun collegamento, affiliazioni o altro e nessun individuo o gruppo ci ha informati o resi consapevoli delle loro intenzioni di formare un partito politico con il nome di Black Lives Matter. Non siamo noi. “

“Stiamo operando come piattaforma Black Lives Matter apolitica, imparziale e non violenta. Alcuni contenuti pubblicati su questo sito web possono avere elementi politici per la natura di una società e di uno stato governati da un sistema democratico; tuttavia operiamo in una capacità e preoccupazione umanitaria prima di tutto ”, ha aggiunto il portavoce.

Nel Regno Unito, ci sono molti gruppi frammentati Black Lives Matter, e la leadership di UKBLM è rimasta anonima, il che significa che un’altra fazione nel paese potrebbe essere dietro la richiesta del partito senza che il portavoce che ha parlato con il Daily Mail ne sia a conoscenza.

A giugno, un manifestante radicale nero ha affrontato una “cospirazione su Black Lives Matter UK”, dicendo: “Sono reali, sono neri e sono a sostegno di tutta la vita nera”.

Ha affermato: “la nostra organizzazione è stata in contatto con loro”, aggiungendo che BLMUK “sta facilitando le proteste ma non può rivelarsi, perché potremo essere intercettati dalla polizia e dalla destra”.

Una caratteristica comune delle proteste di Black Lives Matter a Londra è stata la costante demonizzazione della Gran Bretagna, degli Stati Uniti e della civiltà occidentale nel suo insieme.

In un esempio significativo di ciò, un oratore di sinistra con indosso una maglietta di Che Guevara a un raduno BLM ad agosto ha chiesto alla folla: “Siete fedeli alla Gran Bretagna?”

Tutti gli attivisti di BLM hanno replicato “No!” in risposta.

“Bene, spero di no, perché la spina dorsale del nostro paese – ciò che lo ha reso un paese imperialista è stato il sangue dei neri. È così che è stata costruita la Gran Bretagna “, ha spiegato, aggiungendo:” Abbiamo solo disprezzo per lo stato, disprezzo per la polizia e disprezzo per l’ideologia che ha formato la Gran Bretagna “.

C’è stata anche una tensione di razzismo anti-bianco alle manifestazioni BLM nella capitale britannica.

In una protesta a luglio, un attivista LGBT di razza mista ha affermato che era necessario vedere le questioni che devono affrontare le persone di colore e quelle LGBT attraverso il prisma di sinistra dell’intersezionalità: “significa riconoscere che esiste un nemico comune: l’uomo bianco. I sistemi che usano sono il capitalismo, il patriarcato e il fascismo “.

“Tutti questi gruppi di persone, i problemi che devono affrontare, provengono tutti dalle stesse persone: uomini bianchi. Quindi dobbiamo sbarazzarcene “, ha detto, aggiungendo:” uccidere i ricchi “.

La mossa del gruppo BLM di registrarsi come partito politico nel Regno Unito probabilmente metterà sotto pressione il partito laburista di sinistra, che ha tentato di spostarsi al centro politico dopo la cacciata del socialista Jeremy Corbyn come leader del partito

Il sostituto di Corbyn come leader, Sir Keir Starmer, inizialmente ha appoggiato le proteste BLM, arrivando addirittura a fotografarsi “mettendosi in ginocchio”.

Starmer in seguito ha fatto marcia indietro, tuttavia, dicendo di aver rifiutato gli obiettivi dell’organizzazione Black Lives Matter, in particolare, la loro chiamata a smantellare la polizia.

A luglio, durante una protesta a Hyde Park, un attivista BLM è stato visto guidare i manifestanti cantando “Fanculo Keir Starmer!”

“I laburisti non hanno fatto niente, gente. A loro non importa davvero di noi. Dobbiamo dare il nostro voto a qualcun altro ”, ha proclamato l’attivista di sinistra

Fonte


 

gettyimages-545831580-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €