Archivi Blog

Il principe William elogia varie emittenti televisive per aver inserito nei loro show “propaganda emozionale” sul cambiamento climatico

Li esorta a continuare a diffondere messaggi “emotivi”.

Durante un segmento BAFTA sul cambiamento climatico in cui è stato affermato che il “pianeta è in fiamme”, il principe William ha elogiato varie emittenti televisive per aver inserito “propaganda” nei loro show.

Il duca ha fatto i commenti come parte di un video speciale in cui loda il “Planet Placement”, in cui i produttori inseriscono messaggi in programmi che non hanno nulla a che fare con le questioni ambientali.

William ha notato i messaggi “innovativi” ed “emotivi” che venivano inseriti nella programmazione per rendere le persone più consapevoli di voler salvare il pianeta.

I critici lo chiamerebbero “lavaggio del cervello”.

“Ora più che mai, i responsabili degli show tv hanno un’opportunità unica per garantire che il cambiamento climatico e la sostenibilità rimangano in prima linea nella nostra coscienza collettiva”, ha affermato il principe William.

“Creando contenuti innovativi, educativi ed emotivi per la televisione, scrittori e produttori svolgono un ruolo unico nel garantire che il futuro del nostro pianeta sia qualcosa di cui tutti vogliamo parlare”.

“Nell’ultimo anno, abbiamo visto alcuni fantastici esempi di questo in un’ampia varietà di programmi e generi”.

“Spero che continuerete tutti a portare avanti il ​​vostro prezioso lavoro, mantenendo le questioni ambientali in cima all’agenda della programmazione negli anni a venire”.

Come abbiamo messo in evidenza il mese scorso, mentre l’orribile propaganda sui cambiamenti climatici non mostra segni di cedimento, secondo l’ultimo rapporto del programma di osservazione della Terra dell’UE, il ghiaccio marino artico è solo del 3% al di sotto della sua media trentennale.

Come abbiamo evidenziato l’anno scorso, uno degli autori del rapporto IPCC delle Nazioni Unite, che si è concentrato sulle conseguenze “estreme” del riscaldamento globale causato dall’uomo, ha elogiato il fatto che “le persone stanno iniziando ad avere paura” del cambiamento climatico e che questo “influirebbe nel modo in cui votano”.

Tuttavia, le profezie sul cambiamento climatico da giorno del giudizio si sono dimostrate più e più volte clamorosamente sbagliate.

Secondo un tanto annunciato rapporto del 2004, il cambiamento climatico causato dall’uomo provocherebbe “milioni” di morti, l’affondamento delle principali città europee, la guerra nucleare e le rivolte ambientali globali… tutto entro il 2020.

Basti dire che non è successo niente di tutto ciò.

I cosiddetti “esperti del clima” hanno sbagliato più e più volte assolutamente su tutto, dalla previsione di Paul Ehrlich di milioni di morti per carestia negli anni ’80, all’assurda affermazione di Al Gore secondo cui l’Artico avrebbe avuto estati “senza ghiaccio” entro il 2013 .

Tuttavia, nulla di tutto ciò ha impedito ai tecnocrati di sfruttare le paure del cambiamento climatico per portare avanti la loro agenda, con richieste di una tassa sulla carne per combattere il riscaldamento globale in Europa, nonostante il continente stia attualmente soffrendo una crisi del costo della vita.

Fonte

090522william1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media è sempre più pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €