Archivi Blog

L’American Medical Association e’ ufficialmente “woke”: Rimuove il sesso biologico dai certificati di nascita

Il consiglio di amministrazione dell’American Medical Association (AMA) che tende ovviamente a sinistra si è impegnato durante l’estate a elaborare una risoluzione a favore della rimozione dei termini “maschio” e “femmina” dai certificati di nascita, sostenendo che la prova della nascita di un individuo è l’unica informazione necessaria.

Il consiglio ha valutato le due forme di documentazione di nascita corrente negli Stati Uniti – il certificato di nascita di un nato vivo utilizzato per la raccolta dei dati e il certificato di nascita – che attualmente contiene i nomi dei genitori, del bambino o dei bambini e il loro sesso biologico.

La risoluzione affermava che nel certificato di nascita di un nato vivo dovrebbe essere annotato il sesso per motivi di statistica, ma che i certificati di nascita non dovrebbero includere il sesso in quanto potrebbe ostacolare gli individui che a un certo punto decidono di vivere come qualcosa di diverso dal loro sesso biologico.

La raccomandazione 15 del BOT di giugno 2021 diceva in parte:

I dati delle statistiche sono una fonte fondamentale di informazioni sulla salute. Negli Stati Uniti, il modulo Standard Certificates of Live Birth è il mezzo principale con cui si ottiene l’uniformità della raccolta e dell’elaborazione dei dati. I certificati di nascita, d’altra parte, sono rilasciati dal governo agli individui come prova della nascita. La designazione del sesso, così come raccolta attraverso il modulo standard e inclusa nel certificato di nascita, si riferisce alla differenza biologica tra maschi e femmine. Oggi, la maggior parte degli stati (48) e il Distretto di Columbia consentono alle persone di modificare la designazione del sesso sul certificato di nascita per riflettere le loro identità di genere individuali, ma solo 10 stati consentono una designazione neutrale rispetto al genere, in genere “X”, su il certificato di nascita.

L’attuale politica AMA riconosce che ogni individuo ha il diritto di determinare la propria identità di genere e la designazione del sesso sui documenti del governo. Per proteggere la privacy individuale e prevenire la discriminazione, le giurisdizioni statunitensi dovrebbero rimuovere la designazione del sesso dal certificato di nascita.

La nostra American Medical Association sosterrà la rimozione del sesso come designazione legale dalla parte pubblica del certificato di nascita, riconoscendo che le informazioni sulla designazione del sesso di un individuo alla nascita saranno comunque presentate tramite il certificato standard statunitense dei nati vivi per uso medico e solo per uso statistico.

La decisione del consiglio fa parte di una campagna più ampia e sempre più intensa degli attivisti LGBT per far sì che l'”identità di genere” sostituisca e cancelli il sesso biologico.

Fonte

mother-and-new-baby-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Consigliera dei laburisti ridicolizzata per essersi vantata di aver indossato una maschera su un treno vuoto

“Che coraggio e sacrificio.”

Una consigliera dei laburisti e’ stata ridicolizzata dopo essersi vantata su Twitter di aver indossato una maschera facciale su un treno vuoto.

Non tutti gli eroi indossano mantelli.

“Continuerò a indossare la mia maschera sui mezzi pubblici. Anche quando sono da sola sulla metropolitana”, ha twittato Alice Perry.

Numerosi commentatori hanno sottolineato che Perry deve essere rimasta delusa dal fatto che nessuno sul treno potesse vedere quanto fosse compiacente e virtuosa, motivo per cui ha deciso di fare un selfie e pubblicarlo su Twitter.

“Questa pandemia ha fornito l’opportunità alle persone normali di sentirsi degli eroi dell’inutilita”, ha commentato una persona.

“Questa è la prova di un irrazionale, trauma psicologico e condizionamento umano. Le persone hanno bisogno di una leadership che interrompa questo ciclo, non che stia la a promuoverlo”, ha affermato l’avvocato Viva Frei.

Il bizzarro tweet di Perry sottolinea ancora una volta come la maschera abbia poco a che fare con la protezione e tutto con la sottomissione al culto del conformismo.

Come precedentemente evidenziato, il dottor Colin Axon, un consigliere di SAGE per il governo, ha liquidato le maschere dicendo che non servono praticamente a nulla, osservando che la particella del virus COVID-19 è fino a 5.000 volte più piccola dei fori nella maschera.

Fonte

260721perry1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Un consiglio comunale nel Regno Unito ha suggerito che la torta locale potrebbe essere razzista perché contiene zucchero

Il consiglio comunale di Leeds è preoccupato per le origini dei prodotti locali come la torta Parkin perché potrebbe aver incluso un tempo lo zucchero importato dai Caraibi ed è quindi da considerarsi razzista.

Sì davvero.

La torta di pan di zenzero è stata segnalata in un documento del consiglio laburista come parte di un programma eseguito specificatamente per saziare i delinquenti di Black Lives Matter e scoprire “esempi di come il razzismo continua a essere prevalente nella vita di tutti i giorni”.

“Storicamente, alcuni degli ingredienti utilizzati per realizzare questi prodotti “locali” sono stati ottenuti attraverso il commercio triangolare degli schiavi (ad esempio lo zucchero)”, afferma il documento.

L’indagine cruciale, che il documento conferma essere stata condotta “in relazione a Black Lives Matter”, lamenta “come prodotti locali come lo Yorkshire Parkin e il tè dello Yorkshire siano, di fatto, dipendenti dal commercio globale”.

Oh no, l’orrore.

La cosa diventa ancora piu’ scandalosa se si pensa che tutte queste informazioni sono state preparate per le scuole in modo che ai bambini in età scolare si possa insegnare quanto dovrebbero odiare se stessi e il proprio paese.

Il documento lamenta il fatto che lo zucchero nella torta Parkin, così come gli ingredienti per lo Yorkshire Tea, “sarebbero stati acquistati da tutto l’impero e avrebbero comportato il lavoro di persone sotto schiavitu’, nonché lo sfruttamento delle risorse e delle comunità in tutto il mondo. “

“È possibile che i leader della città abbiano preso di mira la torta dopo aver determinato che mancavano statue problematiche nella città”, riferisce RT. “A differenza di città come Bristol – dove è stata rovesciata una statua del commerciante di schiavi Edward Colston – Leeds è priva di memoriali che onorano le persone legate alla tratta degli schiavi, conclude il rapporto. Tuttavia, “i temi dell’impero e del colonialismo sono ancora importanti all’interno del patrimonio della città” e si può fare molto per promuovere una maggiore “diversità” nel comune”.

Lascia che ti ricordi che questa totale stupidità è tutta finanziata dai contribuenti.

Fonte

210721parkin1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Sadiq Khan: La nuova statua dell’attivista che ha decapitato i colonizzatori bianchi davanti ai loro figli riflette la “diversità” di Londra

“Teneva sermoni con le teste dei nemici impalate”.

Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha difeso l’imminente collocazione di una statua di John Chilembwe, un attivista anticoloniale che ordinò la decapitazione di William Livingstone davanti ai suoi figli e poi mostrò la sua testa impalata, dicendo che serve a “riflettere i successi e la diversita’ di Londra”

Sì davvero.

Chilembwe era un pastore ed educatore battista che divenne un combattente della resistenza militante che si scagliò contro il trattamento degli africani che lavoravano nell’agricoltura nelle piantagioni di proprietà europea in Malawi all’inizio del 1900.

Chilembwe guidò una violenta rivolta contro le proprietà di Bruce, che culminò con la decapitazione di William Jervis Livingstone e di altri colonizzatori europei per suo ordine.

Nel 1915, Livingstone fu decapitato davanti ai suoi stessi figli e Chilembwe successivamente mostrò la sua testa impalata durante una funzione religiosa.

In riconoscimento della sua lotta, una statua in bronzo di Chilembwe è stata installata nella storica Trafalgar Square di Londra, che un sito web descrive come “un atto di resilienza e rinascita per una società britannica consapevole.”

“La statua di Chilembwe aiuterà gli astanti e i cittadini britannici a riflettere su alcune delle lamentele storiche che hanno avuto luogo in modo che il miglioramento sociale di un paese occidentale non danneggi un’altra comunità o razza di persone”, riporta Travel Noire.

Quando è stato criticato sulla sua decisione, anche, il sindaco di Londra Sadiq Kahn ha affermato che la statua “riflette i risultati e la diversità di Londra”.

Shaun Bailey (che è nero) ha detto a Khan: “questo è un uomo che ha ucciso persone … faceva sermoni con la testa dei suoi avversari impalata”.

Tuttavia, Khan ha risposto che, a differenza del caso dei “colonizzatori” e di altre statue che sta cercando di rovesciare, la statua di Chilembwe è “arte”, quindi dovrebbe essere eretta.

“Penso che l’arte abbia un ruolo importante nello stimolare la conversazione”, ha detto Khan. “Penso anche che dovremmo sfidare prospettive diverse quando si tratta di storia. La storia è complicata e vale sempre la pena avere una prospettiva diversa”.

Mi chiedo dove tutto questo ci sta conducendo….

Fonte

160721khan1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’Economist pubblica una storia bizzarra lamentando la mancanza di “diversità” nella squadra italiana

“Riesci a immaginare qualcuno che si lamenti del fatto che la squadra del Ghana non ha giocatori bianchi?”

L’Economist ha pubblicato un articolo bizzarro in cui lamentava la mancanza di diversità nella squadra di calcio italiana, con alcuni che chiedevano se la stessa denuncia sarebbe stata fatta per la Nigeria o il Ghana.

“L’aspetto più sorprendente dei 26 convocati dell’Italia prima di scendere in campo è stato che, unico tra i principali contendenti, non includeva un solo giocatore considerato di colore”, ha twittato la pubblicazione globalista.

L’articolo prosegue suggerendo che la vittoria della squadra sull’Inghilterra nella finale degli Europei è stata una “vittoria… per la destra italiana”, presumibilmente perché la prima squadra dell’Inghilterra includeva diversi giocatori di colore mentre quella italiana non ne aveva nessuno.

Tuttavia, le statistiche demografiche illustrano come sia perfettamente normale che l’Italia non abbia giocatori di colore.

A differenza di molti altri paesi europei, la popolazione nera in Italia è relativamente bassa: circa l’1,5%, mentre oltre il 92% del paese è etnicamente italiano o bianco.

Ciò significa che dei 26 convocati italiani per gli Europei, statisticamente ti aspetteresti che solo 0,39 giocatori della loro squadra siano neri.

In realtà, l’Italia ha portato un giocatore nero agli Europei – Moise Kean – quindi risulta che i giocatori di colore erano sovrarappresentati nella squadra italiana rispetto ai dati demografici nazionali.

Il motivo per cui Kean non ha giocato è perché non è abbastanza bravo rispetto alla serie di altri talenti d’attacco dell’Italia, non ha nulla a che fare con il suo colore della pelle.

I commentatori dell’articolo hanno chiesto perché solo i paesi bianchi vengono criticati per la loro mancanza di “diversità”, mentre lo stesso trattamento non è riservato ai paesi non bianchi.

“Perché i media si accorgono solo quando le squadre europee mancano di diversità?” chiese Keith Woods. “Riesci a immaginare qualcuno che si lamenti che la squadra del Ghana non ha giocatori bianchi?”

Woods ha poi notato come anche la squadra croata della Coppa del Mondo 2018 sia stata criticata per essere tutta bianca, nonostante il fatto che la popolazione croata sia praticamente interamente bianca.

BBC News ha anche recentemente evidenziato il presunto razzismo del fatto che le aree rurali dell’Inghilterra siano al 98% bianche.

“Razzismo ora significa gli europei che vivono nelle loro terre ancestrali”, ha commentato Woods.

Fonte

140721economist1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Cosa e’ la teoria critica della razza

Discutiamo di cosa sia veramente la Critical Race Theory (Teoria critica della razza, CRT per facilita’).

CHE COSA E’ LA CRT?
Da l’Enciclopedia Britannica:

Teoria critica della razza (CRT), movimento intellettuale e struttura di analisi giuridica vagamente organizzata basata sulla premessa che la razza non è una caratteristica naturale e biologicamente fondata di sottogruppi di esseri umani fisicamente distinti, ma una categoria socialmente costruita (inventata culturalmente) che viene utilizzata per opprimere e sfruttare le persone di colore.

I teorici critici della razza sostengono che la legge e le istituzioni legali negli Stati Uniti sono intrinsecamente razziste nella misura in cui funzionano per creare e mantenere disuguaglianze sociali, economiche e politiche tra bianchi e non bianchi, in particolare gli afroamericani.

Si dovrebbe essere matti per credere che la teoria CRT dovrebbe essere insegnata nella scuola elementare.

Sfortunatamente, sta accadendo nell’America guidata da Biden e con l’approvazione dei media.

Donna Brazile, ex presidente del Comitato nazionale democratico, ha dichiarato in un editoriale del WSJ, Don’t Ban Critical Race Instruction.

“Il patriottismo richiede che affrontiamo il nostro passato, inclusi la schiavitù e il razzismo”.

Pochi non sarebbero d’accordo con l’affrontare la schiavitù. Ma in quale scuola non si insegnerebbe la Guerra Civile e i danni del razzismo?

Possiamo e dobbiamo andare oltre. Ciò che il governo degli Stati Uniti ha fatto ai nativi americani, incluso il Trail of Tears, è assolutamente degno di discussione.

LA CULTURA WOKE SI NASCONDE DIETRO BUGIE
I sostenitori della CRT si nascondono dietro le bugie. La menzogna è che la discussione sulla CRT riguarda la soppressione della storia quando si tratta davvero di indottrinamento.

Il risultato è una Woke Culture War abbracciata dai media di sinistra.

Due dei giornali più importanti del paese, il New York Times e il Washington Post, sono spudoratamente Woke. Il New Yorker e l’Atlantic hanno cessato di essere riviste di interesse generale e ora sono pubblicazioni di interesse specifico: tale interesse è la diffusione di idee woke. Le principali reti televisive si sono presto messe in riga senza combattere.

Le università, nelle loro divisioni umanistiche e scienze sociali, non sono semplicemente dedite alla propagazione di idee woke, ma ne avviano la maggior parte.

CAPITALISMO E RAZZISMO SONO “GEMELLI SIAMESI”
Il teorico della razza critica Ibram X. Kendi afferma che il capitalismo e il razzismo sono “gemelli siamesi”

Donna Brazile vuole che la teoria della razza critica venga insegnata nelle scuole K-12 (“Don’t Ban Critical Race Instruction”, editoriale, 2 luglio). Il suo contributo al miglioramento delle relazioni razziali consiste nel dire ai bambini che il colore della loro pelle determina il loro destino, non il contenuto del loro carattere, come sosteneva Martin Luther King Jr..

Ai bambini bianchi viene detto che godono del “privilegio bianco” e opprimono i loro compagni studenti di colore. Di conseguenza, gli studenti bianchi devono ammettere pubblicamente i vantaggi specifici di cui godono derivanti dalla loro posizione privilegiata. La vergogna li metterà sulla strada per diventare “antirazzisti”.

Qualsiasi disparità nelle azioni disciplinari o nelle iscrizioni è anche ipso facto prova di pregiudizio razziale implicito. Ibram X. Kendi, un popolare esponente della teoria critica della razza, afferma che il capitalismo e il razzismo sono “gemelli siamesi” che devono essere combattuti insieme.

La signora Brazile sta facendo quello che fanno molti sostenitori della teoria critica della razza: cambiare argomento dall’agenda della teoria critica della razza per minare la nostra cultura al nobile suono “guardare onestamente alla storia americana, in gran parte buona, ma in parte immorale e orribile”.

GUERRE CULTURALI
I media mainstream di sinistra sono culo e camicia con i sostenitori della CRT. Entrambi cercano di far passare tutto questo come una sorta di nobile lezione di storia.

Ma se leggi la definizione stessa, la CRT non ha nulla a che fare con la storia.

Si tratta di una teoria che dice “la razza è inventata culturalmente” e “le istituzioni legali negli Stati Uniti sono intrinsecamente razziste”.

Questo è ciò che i sostenitori della CRT vogliono che venga insegnato perché questa è la teoria vera e propria.

I bambini bianchi si sentono inferiori semplicemente perché sono bianchi.

I sostenitori della CRT vogliono che quelle teorie assurde vengano insegnate alle scuole K12 (dall’asilo al 12 ° grado).

Molti se non la maggior parte di coloro che supportano la CRT lo fanno solo perché non capiscono che la base della CRT è una sfacciata bugia.

CONTRACCOLPO POLITICO
Coloro che vedono attraverso le bugie sono infuriati.

Per favore guarda il video anche piu’ di una volta

Ne ho discusso in precedenza in Critical Race Theory Should Be Banned, and a Black Parent Explains Why

“Gli educatori usano la CRT come programma per indottrinare i bambini a odiarsi a vicenda”.

“E chi sei tu per educare i miei figli, o qualcuno dei nostri figli, sui problemi della vita? Questo è il nostro lavoro”.

Fonte

2021-07-11_7-57-41

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Jon Stewart spiazza tutti al Colbert Show con un vivace monologo sulla sospetta origine del coronavirus, la mandria woke di Twitter reagisce indignata

Il comico Jon Stewart ha spiazzato Stephen Colbert e il pubblico del suo show, con un epico sfogo riguardo la teoria della fuoriuscita dal laboratorio del COVID-19.

“Penso che abbiamo un grande debito di gratitudine nei confronti della scienza. La scienza ha, in molti modi, contribuito ad alleviare la sofferenza di questa pandemia, che è stata molto probabilmente causata dalla scienza”, ha detto Stewart dopo che Colbert ha chiesto cosa pensava della risposta della scienza al COVID-19.

“Vuoi dire che forse c’è una possibilità che il virus sia stato creato in un laboratorio?” ha chiesto Colbert, aggiungendo “C’è un’indagine”.

“Una possibilità?” ha ribattuto ironicamente Stewart.

“Oh mio dio, c’è un nuovo coronavirus che si sta diffondendo a Wuhan, in Cina, cosa facciamo? Oh, sai a chi potremmo chiedere? Al laboratorio di Wuhan che studia i coronavirus. La malattia ha lo stesso nome del laboratorio. Non ti sembra un po strano? E poi quelli del laboratorio rispondono: “forse – un pangolino ha baciato una tartaruga…’ e tu dici, ma come il tuo laboratorio si chiama come il virus. Mostrami il tuo biglietto da visita.

‘Forse un pipistrello… è volato nella cloaca di un tacchino e… poi ha starnutito nel mio chili. E ora abbiamo tutti il ​​Coronavirus”.

“Posso dire questo degli scienziati?” Stewart ha detto dopo la pausa. “Li amo e fanno un ottimo lavoro, ma ci uccideranno tutti”.

Come notato dall’esperto Stephen Miller, la mandria woke su twitter non la ha presa affatto bene.

Fonte

stewart-reaction

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

L’OMS propone di utilizzare l’alfabeto greco per etichettare i ceppi di Covid-19 per evitare di “stigmatizzare” i paesi con varianti omonime

Si, per davvero.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha svelato un nuovo modo per identificare le varianti del coronavirus, destinate a sostituire le denominazioni basate sul paese di origine comunemente utilizzate nei media.

Le nuove etichette non sostituirebbero i nomi scientifici delle varianti – tipicamente un’intricata successione di caratteri e numeri – ma piuttosto “aiuterebbero nella discussione pubblica” dei nuovi ceppi Covid-19, Maria Van Kerkhove, capo tecnico del Covid-19 dell’OMS , annunciato lunedì.

Secondo la proposta dell’OMS, la mutazione Covid-19 nota come “la variante del Regno Unito”, o B.1.1.7, dovrebbe essere indicata come “Alpha”, mentre il ceppo diffuso in Sud Africa viene ribattezzato “Beta”. Due varianti brasiliane, note come P.1 e P.2, diventano rispettivamente “Gamma” e “Zeta”, mentre due sottovarianti della cosiddetta “variante indiana”, B.1.617.1 e B.1.617.2, sono elencate come “Kappa” e “Delta”.

Due ulteriori varianti di coronavirus, segnalate per la prima volta dagli Stati Uniti a marzo, sono designate come “Epsilon” e “Iota” dall’OMS.

Il rebranding è apparentemente mirato a rimuovere lo stigma dai paesi in cui si ritiene che alcuni ceppi abbiano avuto origine.

“Nessun paese dovrebbe essere stigmatizzato per il rilevamento e la segnalazione di varianti”, ha detto Van Kerkhove, sottolineando anche che il sistema di numerazione utilizzato dai ricercatori, ma evitato dalle pubblicazioni non scientifiche, “può essere difficile da seguire.

La mossa arriva in mezzo all’indignazione crescente dell’India per la descrizione della mutazione virale B.1.617 come “variante indiana”. Il mese scorso il ministero della Sanità indiano ha affermato che l’etichetta utilizzata sui media è fuorviante, poiché l’OMS non ha designato il ceppo come tale. Secondo quanto riferito, New Delhi ha chiesto alle piattaforme di social media di rimuovere tutti i post che si riferiscono al ceppo come la “variante indiana”, poiché la designazione è dannosa per l’immagine del paese.

L’India non è la sola a provare disgusto per la classificazione Covid-19 basata sul paese. A febbraio, il professor Salim Abdool Karim, allora co-presidente del Comitato consultivo ministeriale del Sud Africa su COVID-19, ha detto alla CNN in un’intervista di smettere di chiamare il ceppo diffuso nel suo paese la “ variante sudafricana ”, riferendosi invece ad esso con il suo nome scientifico, 501Y.V2.

L’idea di avere etichette greche “facili da dire” per evitare la stigmatizzazione ha immediatamente suscitato polemiche online. Mentre alcune persone hanno sostenuto che le etichette greche potrebbero non essere così facili da ricordare, altri hanno detto che l’OMS rischia di rimanere senza lettere a un certo punto, poiché l’alfabeto greco ha solo 24 lettere.

“Zeta-Eta-Theta? Facile a dirsi (?), Facile da confondere. E cosa facciamo quando finiranno le lettere? Mi dispiace, non le userò. PANGO andava bene “, ha twittato Florian Krammer, professore di microbiologia alla Icahn School of Medicine alla Monte Sinai.

Un’altra persona ha notato che esiste già una classificazione dei coronavirus umani, in cui sono suddivisi in sottogruppi alfa, beta, gamma e delta e il rebranding non farà che aumentare la confusione.

Fonte

60b569552030271d632b08ee

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Kellogs mette in vendita i cereali per il Pride che ti incoraggiano a scegliere il pronome dei personaggi

Kelloggs ha lanciato i cereali per il Pride che incoraggia gli acquirenti a scegliere i pronomi di personaggi come Toucan Sam.

Sì davvero.

“Un amico mi ha mandato questo. Penso che Tony la Tigre e il Tucano Sam stiano uscendo insieme ”, ha twittato Dave Rubin.

Le immagini mostrano il risultato di una collaborazione tra Kellogg Company e la lobby LGBT Gay & Lesbian Alliance Against Defamation (GLAAD), con $ 3 di ogni acquisto che vanno nelle tasche dell’organizzazione.

“I cereali Together With Pride segna l’ultimo capitolo di una partnership lunga anni con GLAAD ed è l’evoluzione del tanto amato cereale All Together, che in precedenza era disponibile solo online”, ha affermato Doug VanDeVelde, General Manager di Kellogg U.S. Cereal Category. “La nostra nuova deliziosa ricetta contiene cuori arcobaleno aromatizzati ai frutti di bosco spolverati di glitter commestibili. Non vediamo l’ora che i fan provino la nostra ultima edizione limitata. “

Kelloggs ha aggiunto che la loro operazione di marketing faceva parte del loro “impegno per la diversità, l’equità e l’inclusione”, mentre Sarah Kate Ellis, presidente e CEO di GLAAD, ha affermato che la partnership “creerà opportunità nelle case e nelle famiglie per avere conversazioni sull’importanza dell’accettazione, della compassione e della comprensione , soprattutto quando si tratta di giovani LGBTQ +. “

Qualcuno ha risposto scherzando sul fatto che ormai anche i cereali stanno facendo diventare le rane gay.

Skittles sta anche “rinunciando” ai suoi colori arcobaleno per il mese del pride, producendo delle caramelle prive di colori e donando denaro a GLAAD. Apparentemente, il movimento LGBT ora possiede l’arcobaleno. Forse il loro prossimo obiettivo sarà lo spettro elettromagnetico, che si dice sia ambivalente su Drag Queen Story Time e quindi “problematico”.

Il movimento LGBT è diventato talmente intrecciato con le mega corporazioni che lo sfruttano per mostrarsi virtuose ad ogni mese del pride.

Dato che è supportato da ogni grande azienda, istituzione culturale, media, rete di social media ed entità governativa in occidente, ci si chiede come possano ancora affermare di essere “oppressi” e contro cosa stanno combattendo esattamente ora che stanno praticamente sfondando una porta aperta.

GLAAD è stata “fondata come protesta contro la diffamazione delle persone LGBT” nel 1985.

Nel 2021, le persone che si impegnano in tale “diffamazione” o semplicemente si rifiutano di preparare una torta a tema gay pride vengono pubblicamente svergognate, deplatformate, attaccate, licenziate, citate in giudizio in tribunale o una combinazione di tutti e cinque.

Chi e’ davvero l’oppressore e chi, l’oppresso, a questo punto?

Fonte

250521kelloggs1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu’ pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La Lego annuncia l’uscita del suo set “Everyone is Awesome” per il mese del Pride LGBT

L’azienda di giocattoli LEGO ha annunciato l’uscita del suo set arcobaleno “Everyone is Awesome” per bambini, giusto in tempo per il mese del Pride.

Il set multicolore presenta 11 statuette monocolore, non di genere che insieme formano un arcobaleno con strisce nere e marroni, nonché i “colori della bandiera transgender”, ha riferito LGBTQ Nation giovedì.

“Il set è ispirato all’iconica bandiera arcobaleno che viene utilizzata come simbolo di amore e accettazione dalla comunità LGBTQIA +”, ha detto LEGO sul suo sito Web, “e presenta 11 minifigure monocromatiche ciascuna con la propria acconciatura e il proprio colore arcobaleno. “

“Volevo creare un modello che simboleggiasse l’inclusività e celebrasse tutti, indipendentemente da come si identificano o da chi amano”, ha affermato il designer e vicepresidente della LEGO Matthew Ashton. “Crescendo come un bambino LGBTQ + – sentendomi dire con cosa avrei dovuto giocare, come dovrei camminare, come dovrei parlare, cosa dovrei indossare – il messaggio che ho sempre ricevuto è stato che in qualche modo mi sbagliavo”.

“Cercare di essere qualcuno che non ero era estenuante”, ha aggiunto. “Vorrei, da bambino, aver guardato il mondo e pensato:” Andrà tutto bene, c’è un posto per me. “Vorrei aver visto un’affermazione inclusiva che diceva:” Tutti sono fantastici “. “

Le figure nel set dovrebbero “esprimere l’individualità, pur rimanendo ambigue”, e non vengono fornite con facce o abiti pre-dipinti. Le uniche caratteristiche distintive sono le loro diverse acconciature e colori.

Ashton ha detto che la figura viola, tuttavia, dovrebbe essere “un chiaro cenno a tutte le favolose drag queen là fuori”.

Il set sarà sul mercato il 1 ° giugno per $ 34,99.

Fonte

legopride1-640x480

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

4,00 €