Archivi Blog

Su Facebook c’e’ una elite invisibile che e’ autorizzata a fare quello che vuole

XCheck di Facebook offre a milioni di celebrità, politici e altri utenti di alto profilo un trattamento speciale (ma non a Trump), un privilegio di cui molti hanno abusato…


Uso poco Facebook. Non mi fido e non l’ho mai fatto. Oggi il WSJ ha un articolo su Facebook che non sorprende granche’.

Si prega di notare che Facebook afferma che le sue regole si applicano a tutti. I documenti aziendali rivelano un’élite segreta che ne è esente.

Mark Zuckerberg ha dichiarato pubblicamente che Facebook Inc. consente ai suoi oltre tre miliardi di utenti di parlare su un piano di parità con le élite della politica, della cultura e del giornalismo e che i suoi standard di comportamento si applicano a tutti, indipendentemente dal loro status o fama.

In privato, l’azienda ha costruito un sistema che esenta gli utenti di alto profilo da praticamente tutte le sue regole, secondo i documenti aziendali esaminati dal Wall Street Journal.

Il programma, noto come “controllo incrociato” o “XCheck”, era inizialmente inteso come misura di controllo per le azioni intraprese contro account di alto profilo, tra cui celebrità, politici e giornalisti. Oggi, protegge milioni di utenti VIP dal normale processo in cui si applicano le regole, mostrano i documenti. Alcuni utenti vengono “inseriti nella whitelist”, resi immuni da qualsiasi azione punitiva, mentre altri possono pubblicare materiale che viola le regole in attesa delle revisioni dei dipendenti di Facebook che spesso non arrivano.

Nel 2019, ha permesso alla star del calcio internazionale Neymar di mostrare le foto nude di una donna, che lo aveva accusato di stupro, a decine di milioni di suoi fan prima che il contenuto fosse rimosso da Facebook. Gli account inseriti nella whitelist hanno condiviso affermazioni controverse che gli stessi fact checker di Facebook ritenevano false, incluso il fatto che i vaccini sono mortali, che Hillary Clinton era dietro a “circoli pedofili” e che l’allora presidente Donald Trump aveva chiamato tutti i rifugiati in cerca di asilo “animali”, secondo i documenti .

Bugie sopra Bugie sopra Bugie
I documenti che descrivono XCheck fanno parte di una vasta gamma di comunicazioni interne di Facebook esaminate dal Wall Street Journal. Mostrano che Facebook sa, nei minimi dettagli, che le sue piattaforme sono piene di difetti che causano danni, spesso in modi che solo l’azienda comprende appieno.

I documenti inoltre mostrano come Facebook spesso non ha la volontà o la capacità di affrontarli.

Almeno alcuni dei documenti sono stati consegnati alla Securities and Exchange Commission e al Congresso da una persona in cerca di protezione, secondo persone che hanno familiarità con la questione.

Più volte, i documenti mostrano, negli Stati Uniti e all’estero, come i ricercatori di Facebook abbiano identificato gli effetti negativi della piattaforma, in aree tra cui la salute mentale degli adolescenti, il discorso politico e il traffico di esseri umani. Di volta in volta, nonostante le udienze del Congresso, le proprie promesse e le numerose rivelazioni dei media, l’azienda non le ha risolte.

Problema pervasivo

“Questo problema è pervasivo, toccando quasi ogni area dell’azienda. Le whitelist “pongono numerosi rischi legali, di conformità e di legittimità per l’azienda e danno alla nostra comunità”.

La soluzione?
Il WSJ commenta “Una potenziale soluzione sembra non venire considerata: utilizzare gli stessi standard per tutti gli utenti”.

Bugie e spergiuro
Il trattamento riservato da Facebook a Trump ha suscitato pesanti critiche, ma rientra nei limiti di cio’ che Facebook, come azienda privata, puo’ fare.

Non rientra nei limiti della legge mentire al Congresso.

Si prega di considerare: Le false dichiarazioni al governo possono farti finire in prigione scritte nel 2010.

Con la recente incriminazione del grande Roger Clemens, le accuse di falsa testimonianza federale e false dichiarazioni sono tornate nelle notizie. Sebbene queste accuse tendano a coinvolgere la stampa quando prendono di mira le celebrità, come Martha Stewart e la star del rap Lil’ Kim, sono strumenti potenti e comuni che anche i pubblici ministeri federali usano ogni giorno contro individui comuni. E mentre queste tattiche possono essere comuni, le sanzioni sono gravi: una pena massima di cinque anni di reclusione e una multa di $ 250.000, per entrambe le accuse.

Spergiuro contro falsa dichiarazione

Probabilmente sai già cos’è lo spergiuro: mentire sotto giuramento. Ad esempio, se menti a un gran giurì, alla Securities and Exchange Commission o a qualsiasi altra agenzia federale o statale su un fatto importante mentre fornisci testimonianza sotto giuramento, quello è spergiuro. Se menti a un agente dell’FBI o ad un altro agente governativo che ha bussato alla tua porta, o quando firmi un documento che fa una certificazione che sai essere falsa, non hai commesso spergiuro perché non eri sotto giuramento. Ma potresti aver violato la legge federale che vieta di rilasciare dichiarazioni false e le sanzioni sono altrettanto severe.

Conseguenze di bugie e spergiuro
Dovrebbero esserci conseguenze per le bugie e lo spergiuro.

Se Zuckerberg ha mentito al Congresso, e credo che l’abbia fatto ripetutamente, il modo per fermare le bugie è ritenere gli amministratori delegati responsabili.

Multa Zuckerberg di $ 250.000 (spiccioli) e mandalo in prigione per 5 anni.

Quindi potremo affrontare le regole e come applicarle.

mtgzodqznzgxmdu1odgynjm5

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €